Carla Messi: “Piscine e parcheggi,
usiamo bene quello che c’è già”

MACERATA VERSO LE ELEZIONI - La candidata sindaco dei 5 Stelle: "Non facciamo grandi promesse ma le piccole cose che servono. Cresce il consenso della città, siamo partiti con l'obiettivo di fare eleggere due o tre consiglieri, ora invece sentiamo che possiamo arrivare ad amministrare la città. Serve trasparenza per sconfiggere l'individualismo". Attesa per Di Battista domenica in piazza
- caricamento letture
Carla Messi

Carla Messi

di Gabriele Censi

Carla Messi alza l’obiettivo per la corsa elettorale dei 5 Stelle maceratesi. Lo dice presentando un programma di 100 pagine: «Siamo partiti pensando di entrare in Consiglio, pensavo di dovere essere sola, gli ottimisti dicevano “almeno due o tre consiglieri”, ora sento invece che la città ci apprezza e puntiamo ad amministrare direttamente e da subito la città, che ha bisogno di piccole opere e non di promesse che sappiamo tutti non si possono mantenere, visto che non ci sono i soldi». Il programma dettagliato è frutto di una consultazione con i cittadini: «Abbiamo ascoltato singole persone e associazioni dopo avere dato delle linee guida e solo ora,  nello spirito della condivisione è tutto scritto per per poter poi avere la verifica puntuale tra 5 anni. Lo trovate sul web, non lo stampiamo perchè la nostra campagna è autofinanziata e povera, sono pochi (ma belli) anche i manifesti, però siamo diventati ambiziosi».

Carla Messi e Michela Carota

Carla Messi e Michela Carota

La candidata sindaco a 5 Stelle riassume il programma partendo da un concetto generale: «Il superamento dello spirito individualistico che spadroneggia nella politica e non solo. Quello che fa fare scelte per benefici personali o per ristrette cerchie. Esempi sono il caso sulle vicende giudiziarie relative a questioni urbanistiche uscite ieri o quello delle piscine: Carancini poteva e doveva tirarsi indietro e chiedere i danni, ne uscivamo puliti e con qualche soldo in più. Perchè non l’ha fatto? Sul polo natatorio la nostra soluzione è di valorizzare l’esistente facendo accordi di gestione con la piscina privata (chiaro riferimento alla Filarmonica dove sono in corso i lavori, ndr), per non rischiare di nuotare invece in una piscina naturale che sarebbe Fontescodella». Sui parcheggi vale lo stesso approccio: «Facciamo funzionare quelli che ci sono, invece di spendere milioni per acquistare il Park-Si troviamo un accordo per rimodulare le tariffe e tenere aperto l’ascensore anche la domenica. Siamo per la cementificazione zero, abbiamo già 20 mila posti abitativi per nuovi residenti e non credo che li raggiungeremo a breve. Puntiamo sulle ristrutturazioni per far rivivere il centro storico»

Con alcuni candidati

Con alcuni candidati

Altra parola chiave è la trasparenza: «Sceglieremo gli assessori per competenza senza guardare alla loro provenienza partitica. E avranno da fare per  capire bene cosa si nasconde veramente dentro il bilancio, e fare poi gli interventi possibili che spesso costano poco. Collegare i parcheggi al centro con il trasporto pubblico, il mio sogno è il biglietto gratuito. Ma se è vero che il tema della viabilità è tra i più sentiti, dobbiamo però occuparci soprattutto del sociale e degli anziani che hanno bisogno di assistenza. Servono reti di quartiere e associazioni che sviluppino lo scambio: di tempo, di cose e di umanità. Così si risolve anche il problema della sicurezza, il controllo di vicinato è più efficace di 40 poliziotti»

Michela Carota

Michela Carota

Accanto a Carla Messi c’è la candidata maceratese per la Regione Michela Carota che fa un appello ai marchigiani: «Votate la trasparenza, l’onestà e la coerenza, quella che è mancata ad un’importante percentuale di candidati che si è ripresentata, a destra e a sinistra, nonostante siano indagati per l’inchiesta sulle spese dei gruppi consiliari. Un caso ripreso dalla stampa nazionale e significativo: anche spese minute messe in conto ai cittadini nonostante le consistenti indennità percepite». Carota ribadisce che tutti i candidati del Movimento percepiranno 2.500 euro netti, il resto andrà al fondo per le piccole imprese e al sociale, e rinunceranno al vitalizio: «Abbiamo invitato gli altri a fare altrettanto”». Poi la candidata ricorda l’adesione di Giovanni Maggi (portavoce presidente) alla proposta di legge del Forum sul Paesaggio «che raccolse migliaia di firme e non è stata discussa dallo scorso consiglio regionale».

Alessandro Di Battista

Alessandro Di Battista

Gli appuntamenti elettorali M5s a Macerata proseguono con l’incontro di venerdì sera all’hotel Claudiani, interverranno Gabriele Folli, assessore all’ambiente del comune di Parma  e Cinzia Ferri, sindaco di Montelabbate, unico comune nelle Marche a guida 5 Stelle e primo in Italia “equitalia-free”. Domenica mattina alle 10,30 in una piazza ancora da definire c’è invece Alessandro Di Battista e in serata al cinema Italia la proiezione del film di Fulvio Grimaldi “L’Italia al tempo della peste”.

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X