I 10 comandamenti di Carancini
“Idee per il futuro senza slogan”

MACERATA VERSO LE PRIMARIE - Il sindaco uscente annuncia i punti del suo programma. "Qualificazione urbana, giovani e impresa, rifiuti, sicurezza, ateneo, cultura, sociale, sport, riduzione delle tasse comunali e opere pubbliche (avanti con la Mattei-Pieve)". Poi si interroga sul modello Mandrelli: "Vorrei capire qual è la differenza rispetto alla mia proposta". Sorteggio per la scheda elettorale con l'ordine dei tre candidati
- caricamento letture
carancini rogante

Romano Carancini presenta le sue dieci idee di futuro affiancato dai giovani Caterina Rogante e Andrea Tonnarelli

di Claudio Ricci

Dieci idee di futuro quelle che immagina il sindaco uscente Romano Carancini per Macerata. Dieci proposte presentate in un incontro con stampa e cittadini nella caffetteria Maga Cacao a distanza di un’ora da un’altra conferenza elettorale, quella dello sfidante alle primarie Giuliano Meschini candidato con la civica “Per Macerata” (leggi l’articolo).  Un programma per la città che Carancini invierà alle famiglie maceratesi in un pieghevole , «A mie spese» ci tiene a specificare. All’incontro con Carancini oltre agli amici e agli alleati politici già ufficializzati anche l’assessore Enzo Valentini, che ha dichiarato: «Anche io sostengo Romano». Al fianco del primo cittadino due giovani: Caterina Rogante, membro del direttivo del Pd e la new entry Andrea Tonnarelli, ex coordinatore del sindacato studentesco “Officina Universitaria”.

«Noto con piacere che il mio sfidante Mandrelli condivide molti dei punti del mio programma – inizia Carancini – a partire dalla tariffa puntuale sulla tassa dei rifiuti che ho anticipato giorni fa. Ci tengo però a chiarire che noi non facciamo “solo slogan” come qualcuno vicino a Mandrelli ha voluto sottolineare parlando delle nostre proposte culturali (il riferimento è all’intervento di ieri di Maurizio Saiu, ndr) Macerata non ha bisogno di slogan. I nostri motti si basano sui contenuti: dagli allestimenti museali alle 5 mostre d’arte predisposte in questi anni; da Musicultura al Macerata Opera Festival che ha raddoppiato le presenze; dalla notte dell’Opera con 40mila visitatori al restauro dell’orologio fino alle visite turistiche aumentate del 112% dal 2012. Chiedo quindi che il confronto si basi sui fatti concreti».

caranciniPoi Carancini illustra i comandamenti per la Macerata che verrà. «Tre li abbiamo già anticipati – dice Carancini – Riqualificazione della città con ripristino di strade e marciapiedi, start up con 100mila auro all’anno per i giovani e aumento della differenziata. L’obiettivo è quello di arrivare alla tariffa puntuale, come già detto». A partire dal quarto punto, Carancini rivela le idee inedite. «Sicurezza – scandisce – Ci adopereremo da questo punto di vista attraverso una serie di strumenti e un’attenzione massima ai luoghi sensibili».

Città ed ateneo: «Propongo un consigliere aggiunto rappresentante degli studenti con relativa modifica dello statuto comunale. Facciamo un percorso inverso rispetto a quello suggerito da Mandrelli con la nomina di un assessore all’Università. La nostra idea è quella di partire dal basso con un approccio più votato alla partecipazione».

Cultura: «Faremo un museo del Risorgimento di livello sovraregionale e alla portata di tutti e cercheremo l’integrazione nella rete museale di palazzo Ricci. Un passo questo che ci consentirà un notevole salto di qualità. Altro capitolo della nuova cultura maceratese sarà l’allungamento di una settimana della stagione lirica a partire dal 2016. Un proroga che farà muovere la città e da cui potranno trarre beneficio tutte le attività commerciali».

conferenza carancini

All’incontro con Carancini anche gli assessori Narciso Ricotta ed Enzo Valentini

La settima idea è per il sociale. «Dare dignità alle persone svantaggiate attraverso il lavoro – afferma Carancini – scambiando i contributi erogati con i servizi che poi saranno resi alla città».

Ottavo, lo sport: «Continueremo con la politica fatta in questi cinque anni – chiarisce – Una palestra per ogni scuola era il nostro motto e oggi ci sono le condizioni per poter investire e completare quel disegno già avviato con le ristrutturazioni della scuola IV Novembre e della palestra del Convitto»

Quindi le opere pubbliche:«Andiamo avanti con la strada via Mattei- La Pieve. Un’opera impensabile nelle condizioni economiche del 2010. Con l’accordo sottoscritto nel 2013 a Roma anche da Provincia e Regione il progetto prende forma concretamente come mi lasciano ben sperare anche telefonate fatte negli ultimi giorni. Questa svolta ci consentirà un radicale cambio di passo nella mobilità urbana. Entro un mese apriremo poi la bretella Montanello-Villa Potenza che permetterà il passaggio verso via Martiri delle Foibe».

Decimo punto: tassa sui rifiuti. «Con il raggiungimento del 77%  di differenziata già dal 2015 possiamo ridurre del 7% la Tari, pari a 25 euro in meno per ogni famiglia nell’imminente futuro – un dettaglio quest’ultimo che lascia pensare ad una possibile riduzione dell’imposta, già prima della fine del mandato –  Quest’ obiettivo lo abbiamo raggiunto grazie al sacrificio e al senso civico dei maceratesi che adesso vorrei invitare ad una sfida più grande: arrivare in due mesi alla soglia del 80%, un traguardo che ci proietterebbe ai vertici delle classifiche nazionali».

Infine una considerazione politica sulle proposte dell’avversario e collega di partito. «Quale sarebbe il modello diverso proposto da Bruno ? –  chiede il primo cittadino – mi piacerebbe capire quali sono le istanze alternative rispetto a questo nostro programma. Noi continuiamo a parlare di contenuti e andremo avanti con queste idee di futuro per completare la svolta della città iniziata cinque anni fa». Poco margine per le domande alla fine dell’incontro. Carancini era infatti atteso nella sede del Pd di via Spalato dagli altri due concorrenti alle primarie per l’estrazione della scheda che verrà utilizzata il primo marzo all’appuntamento elettorale del Pd. Il sorteggio avvenuto in maniera informale alla presenza del segretario cittadino, Paolo Micozzi, ha decretato la disposizione dei nomi dei candidati sulla scheda. Nell’ordine: Bruno Mandrelli, Giuliano Meschini, Romano Carancini.

(foto di Guido Picchio)

carancini 2

carancini rogante tonnarelli

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X