Banchetti “no biogas” a Corridonia e Morrovalle

Sabato 13 settembre e domenica 14 settembre
- caricamento letture

comitato corridoniaUn week end per informare i cittadini sulla situazione degli impianti a biogas in provincia. I banchetti informativi del “Comitato salute e conservazione del territorio di Corridonia” per rispondere alle richieste di chiarimenti e ricevere  proposte saranno allestiti sabato 13 settembre dalle 10 alle 12.30 a Corridonia in piazza Vittoria e domenica 14 settembre dalle 10 alle 12.30 a Trodica di Morrovalle nell’area Pegaso.

Il Comitato torna in strada e attacca Provincia e Regione:

«Lo scorso luglio l’Arpam ha comunicato l’esito delle analisi riguardanti le emissioni in atmosfera della centrale a biogas di Sarrocciano registrando valori di ben 9 volte superiore ai limiti consentiti dalla  legge. Analoghi risultati, sono stati riscontrati per le centrali di Loro Piceno e Matelica, cioè per tutte quelle, le cui emissioni, sappiamo essere state controllate. Domandiamo: cosa intende fare la Regione Marche, che ha autorizzato gli impianti? Da mesi non sta facendo altro che inventare e perseguire (arrancando come non mai), strategie paradossali, al fine di poter addirittura rinnovare le autorizzazioni annullate dal Tar oggetto d’inchiesta della procura. Il presidente Spacca, cerca di autoassolversi, presso il Consiglio Regionale e, addirittura, definisce ‘stralunata’ la posizione assunta dal Pd in Commissione Ambiente in Senato, in merito al decreto che concedeva la possibilità di una Via postuma illegittima che avrebbe permesso il funzionamento degli impianti senza autorizzazione poiché annullata dal Tar Marche. La campagna elettorale è appena iniziata, i problemi restano irrisolti ed altre istituzioni concorrono a peggiorare la situazione, approfittando di un clima destabilizzante.

Alcuni componenti del Comitato di Corridonia

Alcuni componenti del Comitato di Corridonia

La Provincia di Macerata ad esempio ha dato parere positivo alla Valutazione di impatto ambientale per la centrale di Corridonia, approfittando di un comma contenuto nel Decreto Legge (91/2014) che però è stato stralciato nella legge di conversione (116/2014). La stessa Provincia di Macerata non ha minimamente tenuto in considerazione la reale portata delle emissioni concedendo irresponsabilmente parere favorevole alla Via. Riportiamo, con sgomento, inoltre, il parere che l’Arpam ha rilasciato per la suddetta Via:  “In merito alla componente atmosferica – la valutazione – è la seguente: lo studio dell’impatto è adeguato, l’impatto previsto sulla base delle simulazioni elaborate, è poco significativo”. Stesso parere dà l’agenzia in merito allo sforamento dei limiti: “I valori di emissioni di Toc riscontrati agli scarichi in aria […] non comportano nell’intorno circostante, incrementi di concentrazioni nell’aria apprezzabili o significativi, ovvero di incidere negativamente sulla qualità ambientale locale”.

Secondo questi istituzioni, che dovrebbero tutelare l’ambiente e la nostra salute insomma, che l’impianto rispetti i limiti 150 mg/Nm3, oppure li sfori con 1292 mg/Nm3, è la stessa cosa, poco importa! Che il vento possa portare tali sostanze verso i centri abitati o che si coltivino alimenti intorno alla centrale, non ha alcun peso? Perché non viene considerato ancora, il cumulo con le emissioni della centrale di Morrovalle? Anche questa centrale, come quella di Corridonia, è stata approvata senza Via. dal funzionario Calvarese, ora indagato dalla Procura. E’ giunta l’ora che siano controllate le emissioni atmosferiche e i Cot anche per la centrale di Fontemurata di Morrovalle e che ne vengano resi noti i risultati, così come i pareri chiesti in merito all’Asur, ancora latitante. E’ nostro diritto avere delle risposte chiare, sulla salute non si gioca! Considerati gli ultimi sversamenti di liquami nel torrente Trodica a Morrovalle accertati  dall’A.R.P.A.M. torniamo a chiedere ed a pretendere, che sia attuato il piano di bonifica dei terreni, che siano controllate le acque dei pozzi privati vicino agli sversamenti e lungo tutto il Trodica.»

Articoli correlati

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X