Biogas: l’inchiesta della magistratura
e l’ipocrisia della classe politica regionale

IL CASO - Qualunque sarà l'esito delle indagini, le responsabilità politiche sono già evidenti
- caricamento letture

 

bommaritodi Giuseppe Bommarito

Per adesso i primi sviluppi giudiziari della brutta storia del biogas marchigiano sono peggio di un film dell’orrore: abuso d’ufficio, truffa, associazione a delinquere tra funzionari pubblici, pseudo-imprenditori della green economy con tanto di pedigree nobiliare, professionisti a dir poco disinvolti, tutti impegnati secondo gli inquirenti a mettere in piedi e ad autorizzare – alla velocità della luce e contro ogni regola di diritto e di buon senso – qualche decina di centrali a biogas in tutte le Marche, anche nei pressi di case, scuole, aree protette, esercizi pubblici, preesistenti attività commerciali e imprenditoriali. Biomostri, tra l’altro, che non sarebbero stati nemmeno realizzati a regola d’arte e che già sarebbero alimentati, anche in assenza di collaudo, con prodotti non a norma e provenienti da chissà dove, alla faccia della cosiddetta “filiera corta”.

Il tutto per spartirsi allegramente milioni e milioni di euro, i tanti soldi pubblici – cioè tirati fuori da tutti noi – delle incentivazioni per l’energia “pulita e rinnovabile”, alle spalle e ai danni di migliaia di cittadini inermi e abbandonati a se stessi, costretti solo, come se fossero dei sudditi privi di qualsiasi diritto, a sorbettarsi a testa bassa inquinamento, rumori continui, puzze, odori nauseabondi e un traffico continuo di camion carichi di liquami, mais e chissà quali altre schifezze, probabilmente anche rifiuti tossici e di varia natura (visto che – come già hanno ben compreso nel sud diverse cosche mafiose – nessuno potrà mai seriamente controllare centinaia e centinaia di camion mensilmente in entrata ed uscita dalle varie centrali a biogas sparse nella nostra regione). Con danni all’agricoltura, costretta a riciclarsi su ettari e ettari monodedicati al mais, sottraendo così tanta terra fertile all’alimentazione; all’ambiente (pensiamo solo ai gas di scarico dei camion) e alle riserve idriche (per ogni ettaro coltivato a mais occorre una quantità spropositata di acqua).

La protesta dei cittadini a Loro Piceno

La protesta dei cittadini a Loro Piceno

Certo, le indagini sono solamente all’inizio, c’è la presunzione di innocenza, non tutti i comportamenti moralmente censurabili costituiscono reato, gli indagati eccellenti in ogni caso negano tutto, le strane partecipazioni societarie e le cointeressenze di qualche funzionario regionale coinvolto nella vicenda apparterrebbero al passato, le loro consulenze ai bio-speculatori sarebbero state occasionali e di natura istituzionale, è stato solo un caso se qualcuno ha partecipato a conferenze dei servizi finalizzate a rilasciare autorizzazioni per centrali riconducibili a mogli e compagne, tutti tengono famiglia, e così via negando, contestando, sminuendo….

Intanto, però, comunque vadano a finire le cose in sede giudiziaria, può dirsi sin d’ora, senza tema di smentite, che abbiamo assistito e stiamo assistendo ad una vicenda allucinante, ad uno schifo di dimensioni colossali, nel quale però non possiamo fingere di ignorare – come qualcuno vorrebbe – la palese copertura e la complicità dei vertici non solo dirigenziali, ma anche istituzionali e politici della Regione Marche, i quali più volte, ma sempre inutilmente, sono stati messi sull’avviso, sono stati diffidati, sono stati sollecitati a bloccare i procedimenti autorizzativi dei biomostri nel corso dei quali si è arrivati ad ignorare le ragioni ed i rilievi non solo dei Comuni interessati, ma anche degli stessi organi tecnici regionali, quali l’Arpam e l’Asur (coinvolti per i profili sanitari e di inquinamento acustico ed ambientale).

La protesta in Regione di ieri del Comitato di Petriolo

La protesta in Regione del Comitato di Petriolo

Sicchè, parlando proprio dei vertici politici marchigiani e per arrabbiarci ancora di più, lasciano di stucco alcune reazioni politico-istituzionali uscite con grande tempismo sui giornali. Mentre infatti i talebani del biogas facenti capo al PD (l’assessore Sara Giannini e l’ex assessore Paolo Petrini, sbarcato di recente a Roma), hanno prudentemente tenuto in questi giorni un silenzio ferreo, l’assessore regionale all’Energia Sandro Donati, ex IDV, ora forse montiano, dopo aver assicurato per mesi e mesi che tutto era in regola, dopo aver contrastato con forza i comitati dei cittadini, dopo aver ignorato le loro ragioni, dopo essersi battuto anche in contrasto con il proprio partito perchè non si sospendessero i procedimenti autorizzativi in corso e ancor più le autorizzazioni già rilasciate (sebbene la “puzza” di un grosso malaffare già circondasse tutti i palazzi regionali, dalla Giunta al Consiglio), ora si è dichiarato, con grande sprezzo del ridicolo, “sbalordito” in merito al procedimento penale in corso e pronto a collaborare con la giustizia per accertare la verità dei fatti (leggi l’articolo).

Insomma, lorsignori, oggi tutti sbalorditi e stupefatti, oggi tutti, come si dice, caduti dal pero, vorrebbero farci credere, con le loro parole o con i loro silenzi, che i funzionari regionali che hanno presieduto le conferenze regionali dei servizi, quelle che scandalosamente hanno autorizzato di tutto e di più, avrebbero agito senza un preciso mandato politico proveniente dalla stessa Giunta Regionale.

Sicuramente, per pudore, Donati avrebbe fatto meglio a tacere, come ora sta facendo la nostra consigliera regionale piddina Sara Giannini, tutta impegnata in questi giorni a tenere un profilo basso, buona conoscente degli imprenditori di Morrovalle Antonio e Alessandro Lazzarini (altri nomi eccellenti, peraltro imparentati con il colosso economico fabrianese, convolti anch’essi nel brutto “affaire” del biogas nostrano), la quale, facendosi più volte quasi diretta portavoce degli interessi bio-pseudoimprenditoriali, è stata sempre per la linea dura e sempre in prima fila contro i cittadini che protestavano ed i comitati che, nel silenzio omertoso e complice delle istituzioni regionali, cercavano di battagliare e di dimostrare la colossale mistificazione delle biotruffe.

Cose gravi, cose dell’altro mondo, dirà qualcuno. Ma siccome al peggio non c’è mai fine, che dire allora delle ultime spericolate dichiarazioni del Presidente Gian Mario Spacca, il quale, qualche giorno fa, è arrivato a sostenere che la Regione Marche in questa vicenda è parte lesa e quindi chiederà i danni ove dovessero emergere precise responsabilità dei funzionari preposti al rilascio delle autorizzazioni (ormai ovviamente diventati figli di nessuno)? Intanto comunque – per evidenziare senza ombra di dubbio la sua forte determinazione – ha fatto sapere che ha già attivato l’Avvocatura Regionale, sì, proprio quella stessa Avvocatura che nei mesi scorsi ha più volte assicurato che nulla c’era da eccepire sulle vicende legislative ed amministrative del biogas nostrano.

Ma, scusate, Gian Mario Spacca non è forse il massimo esponente politico-istituzionale di quella Regione Marche che sino all’altro ieri ha consentito il massacro ecologico ed ambientale del fotovoltaico a terra e che, per quanto concerne le centrali a biogas, negli anni passati ha evitato accuratamente, se non a cose fatte, di individuare i siti non idonei per questi biomostri; di quell’ente regionale che, a tutto vantaggio delle lobbies dei grandi proprietari terrieri, dei potenti gruppi industriali entrati a tutto biogas nella green economy, degli speculatori dell’ultimo minuto che hanno fiutato l’affarone, l’anno scorso ha approvato una propria legge (la n. 26 marzo 2012 n. 3) con la quale si escludeva dalla VIA, la valutazione di impatto ambientale, tra le varie cose – sicuramente una strana coincidenza – anche gli impianti a biogas di potenza inferiore ad un megawatt, cioè quasi tutti quelli per i quali (con una potenza nominale pari a 999 kilowatt) è stata poi avanzata richiesta di autorizzazione, velocemente concessa dalle conferenze dei servizi presiedute dal solerte funzionario regionale Calvarese, a sua volta in attesa di promozione alla qualifica dirigenziale?

E non si tratta sempre del massimo esponente di quella stessa Regione Marche che, prima di ancora di dare vita alla legge regionale n. 3/2012, qualche mese prima ebbe ad approvare in sede consiliare, precisamente il 31 ottobre del 2011, un’altra legge regionale, la n. 20, dal titolo “Assestamento di bilancio 2011”, ove venne infilato all’ultimo minuto e di soppiatto, senza azzeccarci per nulla, un incredibile art. 24 che modificava la normativa vigente in quel momento in materia di VIA e la eliminava per gli impianti a biogas e biomasse di potenza inferiore a 1.000 kilowatt, tipica leggina ad personam per le prime centrali a biogas che allora stavano partendo con le istanze di autorizzazione?

E non stiamo parlando sempre del vertice di quella Regione Marche che recentemente ha cercato di far modificare a livello di istituzioni europee le normative in base alle quali la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha impugnato per anticostituzionalità proprio la legge regionale n. 3 del 2012, con la pronunzia della Corte Costituzionale attesa ormai a breve e che sarebbe devastante come una bomba atomica qualora fosse per l’incostituzionalità?

Insomma, seguiamo attentamente gli eventi, aspettiamo con fiducia gli esiti delle indagini della magistratura (alla quale però va rivolto con forza sin d’ora l’invito a sequestrare quelli che, sulla base delle attuali ipotesi investigative, sono potenziali corpi di reato, cioè le centrali a biogas realizzate e in fase di realizzazione), ma intanto non facciamoci prendere in giro e soprattutto non molliamo di un millimetro nella denuncia quotidiana delle già palesi, gravissime e conclamate responsabilità politiche della Giunta Regionale e della maggioranza di centrosinistra che, in queste storiacce del fotovoltaico e delle centrali a biogas, hanno con tutta evidenza messo la Regione Marche a servizio dei grandi potentati economici regionali, liberi di speculare, per di più con soldi pubblici, ai danni dei cittadini.

E ricordiamo al centrosinistra colluso con i biospeculatori, nonchè al centrodestra protagonista di un’opposizione sul biogas poco convinta, piuttosto tiepidina e molto timidina, che proprio dalle battaglie dei comitati spontanei contro le centrali a biogas non a filiera corta sono sorte in tutte le Marche, in maniera più o meno consapevole, le premesse per l’inaspettata vittoria nelle ultime elezioni politiche del Movimento 5 Stelle, ormai primo partito marchigiano.

***

La questione era stata seguita da vicino con numerosi articoli da Cronache Maceratesi grazie soprattutto agli approfondimenti dell’avvocato Giuseppe Bommarito che aveva parlato di leggi ad personam e interessi personali (leggi l’articolo).

Gli altri articoli

Nomi eccellenti nell’inchiesta sul biogas L’accusa: «Intreccio di interessi»


Una delle proteste davanti alla sede della Regione

Secondo la Procura di Ancona che conduce l’inchiesta i funzionari della Regione possedevano direttamente o indirettamente delle quote nelle società che autorizzavano. Il consigliere del Pdl Francesco Massi ha presentato una mozione per chiedere di accertare l’eventuale coinvolgimento di soggetti politici. Il vice presidente dell’assemblea Paola Giorgi: “Deve essere la politica ad indicare la strada ai tecnici”

Inchiesta su biogas e Parco eolico Spacca: “Investita avvocatura regionale”


Striscioni a Loro Piceno

Le centrali a biogas autorizzate nelle province di Ancona, Macerata e Pesaro Urbino e l’impianto eolico di Camerino finiscono nel mirino della Procura di Ancona, che ha aperto un’inchiesta (leggi l’articolo). Concorso in abuso d’ufficio il reato contestato, anche se l’indagine investe anche l’ipotesi di reati ambientali. “Con riferimento all’indagine in corso nel settore […]

Eolico e biomasse, 12 indagati Perquisizioni alla Regione Marche


La protesta in Regione del  Comitato di Petriolo

La procura di Ancona ha aperto un’inchiesta sulle procedure autorizzative

Autorizzato il biogas in via Marolino Paolucci: “Un colpo di mano inaccettabile”


Il sindaco di Potenza Picena Sergio Paolucci

POTENZA PICENA – Il sindaco attacca la Regione e annuncia un ricorso

Biogas: il Consiglio di Stato respinge i ricorsi di Comune e comitato


Striscioni a Loro Piceno

Loro Piceno

Acquaroli: “Il biogas avvilisce il territorio, urge una reazione politica”


Francesco Acquaroli

Il consigliere regionale del Pdl critica le scelte dell’amministrazione di Potenza Picena

Biogas a Potenza Picena, Morgoni: “Ecco perchè bisogna dire no”


Mario Morgoni

L’intervento

“Il pasticciaccio della Giunta Regionale sulle centrali a biogas”


L'area in cui dovrebbe sorgere la centrale a biogas alluvionata nel 2011

Per il Movimento Cinque Stelle Tolentino “I verbali del consiglio regionale testimoniano i giochi, le tattiche, le acrobazie di una classe dirigente che forse ha dimenticato che sull’etica dovrebbero poggiare le sue fondamenta”

Marangoni sul biogas: “La Regione vuole favorire gli speculatori”


Enzo Marangoni

Il consigliere regionale commenta il rinvio della proposta di legge che si sarebbe dovuta discutere oggi

Biogas tra leggi ad personam e consiglieri regionali che tengono famiglia


Una protesta dei comitati in Regione

Martedì in aula si deciderà la sorte delle centrali già autorizzate

Potenza Picena: un “no” unanime al biogas


gente e pesaresi  SEDUTO IN GIACCA BLU

Tantissime persone hanno partecipato al consiglio comunale aperto che si è svolto lunedì sera. Preoccupazione per una centrale anche a Recanati

Biogas: “Una legge urgente per limitare gli impianti”


consiglio monti azzurri

La Comunità Montana dei Monti Azzurri si pronuncia con un ordine del giorno in difesa delle piccole aziende agricole del territorio. Favia: “Si voti in aula la sospensione”. I grillini organizzano un convegno a Tolentino

La “green economy” è uguale al cemento?


Giancarlo Liuti

Pare di sì, in fatto di speculazioni. Ultimo caso: il biogas. Politica e società civile: la stessa malattia

Biogas a Petriolo: “Una battaglia per l’intera regione”


mancini

Biogas: la Viridis Energia chiede la tutela dei diritti delle aziende produttrici


Una protesta dei comitati in Regione

Le società del gruppo VBIO 1 e VBIO 2 commentano i ricorsi di Loro Piceno e Corridonia respinti dal Tar. Sollazzi fa esaminare alla quarta commissione la proposta di legge dei comitati che promettono ricorsi e una manifestazione davanti alla Rai

Biogas: proposta di legge dei Comitati


Uno striscione di protesta contro il biogas

I rappresentanti dei territori hanno proposto la modifica del testo regionale che regola la Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA). Idv: “Abbiamo firmato il documento per dare priorità ai cittadini”

Biogas, lo scontro finale si combatterà sugli impianti già autorizzati


bommarito giuseppe

La parziale marcia indietro della Regione e le strane posizioni di alcuni nostri consiglieri regionali. La vicenda non è ancora finita

Cavallaro: “Vanno riconsiderate anche le centrali a biogas autorizzate”


L'onorevole Mario Cavallaro

Il parlamentare del Pd chiede alla Giunta regionale un ulteriore passo indietro, critica i manifesti dell’Idv a Civitanova e chiede misure urgenti per il litorale

“La centrale a biogas minaccia il Verdicchio di Matelica”


L'assemblea di ieri sera

Durante la partecipata assemblea contro il biogas l’enologo Potentini ha sottolineato i rischi per il settore agroalimentare. Saranno inviate lettere di diffida alle autorità per la sospensione dell’autorizzazione

La Regione ridefinisce la legge sul biogas Ma il Tar respinge i ricorsi dei Comuni


I cittadini hanno detto "no" al biogas a Loro Piceno durante il Vino Cotto Festival

La Giunta abbassa a 0,25 MW elettrici il limite di assoggettabilità alla Via (Valutazione di Impatto Ambientale). Niente da fare per le centrali già autorizzate a Corridonia e Loro Piceno. L’avvocato Alessandrini: “Valuteremo il ricorso al Consiglio di Stato”

Biogas, Sciapichetti: “Gravi errori dalla Regione. Ecco perchè non ho votato lo stop alle centrali”


consiglio-regionale biogas

Il consigliere del Pd non ha votato la mozione che ha sospeso le autorizzazioni. Con lui anche l’assessore Giannini. Si è astenuto il capogruppo del Pdl Francesco Massi. Assente Comi (Pd). Assemblea pubblica a Matelica

Energia e centrali: copiamo gli americani


Fabio Fraticelli

IL BIOGAS E LE ALTERNATIVE – Il vero cambiamento è l’autosufficienza energetica dei singoli edifici

Biogas: il Consiglio regionale chiede di fermarsi


CONSIGLIO REGIONALE

Votata oggi una mozione per la “sospensione degli atti autorizzativi per la realizzazione degli impianti quale forma di autotutela amministrativa”. Paola Giorgi invita l’assessore Donati a prenderne atto

Tutti a scuola, quasi 45 mila in provincia Ma non ci saranno i petriolesi


maturità 2

Aule aperte dalla primaria alle superiori per l’inizio del nuovo anno scolastico. Corsa contro il tempo per coprire tutti i posti negli istituti maceratesi. Protesta dei genitori contro la centrale a biogas. Messaggi di auguri dai sindaci

Biogas, “scelte tecniche” dice Donati e la Giorgi lo sfiducia


L'assessore Sandro Donati

21 centrali autorizzate nelle Marche, sospese le autorizzazioni riguardanti Monsano e Potenza Picena. L’assessore all’ambiente spiega in una conferenza stampa le ragioni delle decisione energetiche prese. La collega di partito lo invita a tacere. Domani (martedì 11) incontro pubblico a Loro Piceno

Il sì della Regione al biogas a Petriolo scatena le critiche di Giorgi, Marangoni e Acquaroli


La protesta in Regione del  Comitato di Petriolo

I consiglieri regionali disapprovano i contenuti e la modalità della decisione presa in Conferenza dei servizi

La Regione non sente ragioni “Sì alla centrale a biogas”


La protesta di oggi

PETRIOLO SUL PIEDE DI GUERRA – La Conferenza dei servizi riunitasi alle 16 ha approvato il progetto della Imac. Il comitato annuncia ricorsi

Biogas, la Provincia a sostegno dei Comuni Di Pietro porta Petriolo in Parlamento


Proteste in Regione dei comitati contro il biogas

IL CASO – Attesa per le decisioni della Regione in Conferenza dei servizi

Il secco no di Marangoni alla centrale a biogas di Petriolo


Enzo Marangoni

Il consigliere regionale: “Si compromette l’alto valore del tipico territorio di questa bellissima zona”

Centrali a biogas, la Regione non sta dalla parte dei cittadini


Il Comitato di Petriolo ieri mattina in Regione

Le gravissime responsabilità politiche dell’Ente e gli strani silenzi dell’opposizione di centrodestra. Ecco la cronostoria dei provvedimenti regionali

Biogas, un altro rinvio Imbarazzi in Regione


Proteste in Regione dei comitati contro il biogas

La conferenza dei servizi sulla centrale a Petriolo aggiornata a mercoledì. Atteso per domani l’intervento di Di Pietro in parlamento. La decisione potrebbe avere una serie di ripercussioni politiche. Il comitato dei cittadini continua a manifestare il proprio dissenso

I petriolesi riconsegnano le tessere elettorali per protestare contro la centrale a biogas


Una delle proteste in Regione da parte dei Comitati per il no al Biogas

I cittadini prendono le distanze dalle scelte politiche della Regione

Le centrali a biogas dividono l’Idv Donati: “La Regione tutela la salute dei cittadini”


Una delle proteste in Regione da parte dei Comitati per il no al Biogas

L’assessore dipietrista risponde alle accuse dei comitati dei territori interessati che trovano sostegno politico proprio nell’Idv. A Matelica il Comitato per la tutela del territorio promuove un’assemblea pubblica

Il disastro annunciato delle centrali a biogas


La protesta dei cittadini a Loro Piceno

Tra comitati di cittadini, polemiche accese e ricorsi al TAR. Loro Piceno, Petriolo, Corridonia e Matelica in prima linea contro la Regione. La Provincia cosa intende fare?

Biogas a Petriolo Fumata nera ad Ancona


Una delle proteste in Regione da parte dei Comitati per il no al Biogas

Il comitato manifesta in Regione, la Conferenza dei servizi viene aggiornata al 28 agosto. Idv pronta a ricorrere in sede giudiziaria

Il comitato contro il Biogas a Petriolo protesta in Regione


petriolo-1-480x270

Cittadini contro la centrale domani alle 10.30 ad Ancona per la Conferenza dei Servizi

“Vogliamo respirare, no al biogas a Loro Piceno”


Biogas (4)

Il Vino Cotto Festival sta facendo il pieno di gente a Loro Piceno ed è anche l’occasione per sensibilizzare sulle tematiche ambientali. Da giovedì scorso sulla parete dietro il palco principale che ospita concerti ed eventi, ultimo domani sera (domenica 19) con Enzo Avitabile, campeggia la scritta “Vogliamo respirare”. Il riferimento è al progetto […]

Centrale a biogas a Sarrocciano Il Comune di Corridonia ricorre al Tar


centrale corridonia

Il sindaco Calvigioni si oppone all’autorizzazione rilasciata dalla Regione Marche per la realizzazione di un impianto della potenza di 999 kilowatt su una superficie di 3,6 ettari

Matelica: la Regione dice sì alla centrale a biogas


Il progetto è stato presentato nel giugno di un anno fa dalla società cooperativa Terra Bio, per una potenza pari ad un megawatt

Niente biogas a Monte San Giusto Lattanzi: “Abbiamo agito con responsabilità”


Mario Lattanzi, sindaco di Monte San Giusto e coordinatore provinciale del Pdl

L’azienda che aveva presentato il progetto lo ha ritirato, condividendo le perplessità dell’amministrazione

Una centrale Biogas a Matelica? Il No degli ambientalisti


logo-WWF

Il WWF: “Un business a scapito dell’agricoltura di qualità e dell’ambiente”

Il sindaco di Montecosaro contro l’impianto a Biogas: “Bloccata l’autorizzazione”


Il sindaco Stefano Cardinali

Si è tenuto questa mattina l’incontro tra il Sindaco Stefano Cardinali e alcuni cittadini e componenti del comitato contro l’impianto a biogas per il quale il privato ha fatto pervenire in Comune una richiesta di autorizzazione per la realizzazione in contrada Asola. L’incontro ha visto il Sindaco e i componenti del comitato concordi nelle […]



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X