Lo scandalo del biogas e l’intreccio
con fotovoltaico, eolico e idroelettrico

L'APPROFONDIMENTO - Sono sempre gli stessi nomi, con una miriade di società, a gestire l'intero pacchetto della green economy speculativa. Un’unica centrale di potere politico, economico, professionale ed affaristico, molto influente a livello regionale
- caricamento letture

bommarito

di Giuseppe Bommarito

A livello giudiziario ben tre sono i fronti aperti sui quali si sta ormai svolgendo la vicenda del biogas speculativo ed anche (secondo gli inquirenti) truffaldino, a testimonianza ulteriore della enorme rilevanza della questione in tutta la nostra regione.

Dinanzi al TAR Marche pendono diversi ricorsi amministrativi contro le varie autorizzazioni concesse in fretta ed in furia dalle conferenze dei servizi, le quali, come è noto, per guadagnare tempo ed avere meno ostacoli, chiusero di fatto la porta in faccia alle Province ed ai Comuni interessati, nonché ai cittadini ed ai loro comitati, tutti costretti a svolgere il ruolo di spettatori impotenti. Poi c’è il fronte penale, deflagrato con l’inchiesta avviata dalla Procura di Ancona, che vede indagati i funzionari regionali protagonisti delle sin troppo facili autorizzazioni (i quali costituiscono a mio avviso gli elementi più a valle di una filiera che parte molto più in alto), diversi imprenditori (altrimenti detti, almeno in questa vicenda, semplicemente “prenditori”) ed alcuni professionisti, ma caratterizzato anche dai procedimenti avviati da altre Procure per vicende attinenti i singoli impianti sparsi nel territorio regionale (gli sversamenti degli ultimi giorni, ma anche la regolarità dei lavori di edificazione e la loro conformità ai progetti approvati). Infine, nei palazzi romani, è pendente dinanzi alla Corte Costituzionale (la sentenza è attesa ormai a giorni) il giudizio di costituzionalità promosso addirittura dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri contro la legge regionale n. 3/12, approvata dalla nostra benemerita Regione nel marzo del 2012 nell’intenzione di eliminare quasi del tutto, almeno per il tipo di impianti a biogas (sino 999 kilowatt) che interessava a lorsignori, l’obbligo della VIA.

biogasInsomma, giudici e avvocati hanno e avranno un bel daffare, e tutto potrà succedere, nel senso che ogni esito sarà possibile nei vari contenziosi giudiziari, anche perché il comitato politico-affaristico che ha ideato, impostato, preparato, programmato, attuato e gestito l’intera vicenda, è composto tutt’altro che da sprovveduti o da dilettanti allo sbaraglio.

Al contrario, come è emerso anche nei giorni scorsi, ci sono dentro nomi di grandissimo peso riguardanti, oltre alla politica, il mondo delle imprese, delle professioni, delle società di consulenza, che la faccenda l’hanno sicuramente pianificata a tavolino in grande anticipo, con scrupolo ed estrema professionalità, nell’intento di prevenire ogni e qualsiasi complicazione e comunque, nel caso peggiore, di ridurne la portata. Insomma, se – proprio da avvocato – posso azzardare una previsione, prepariamoci a vederne delle belle a livello giudiziario, con un alternarsi di vittorie e di sconfitte sia in un fronte che nell’altro.

Sin d’ora però  è possibile formulare, senza timore di serie smentite, alcune considerazioni riguardanti il complessivo profilo tecnico-politico della vicenda, ormai, almeno a mio avviso, abbastanza chiare nella teste della gente e destinate a non cambiare, a prescindere da ciò che di volta in volta potrà decidere la magistratura.

La prima considerazione da fare è che la vicenda del biogas, ormai esplosa da qualche mese, non è un caso isolato di accaparramento di risorse pubbliche nel nome della green economy marchigiana. In realtà, le energie rinnovabili del biogas, del fotovoltaico, dell’eolico e delle centrali idroelettriche (altro preoccupante filone, quest’ultimo, di sfregio all’ambiente in nome dell’ambiente, che andrebbe quanto prima scoperchiato), costituiscono tutti tasselli di un pacchetto unitario, estremamente remunerativo per l’enorme consistenza dei contributi pubblici e gestito sin dall’inizio da un’unica centrale di potere politico, economico, professionale ed affaristico, molto influente a livello regionale. Nella maggior parte dei casi, infatti, se si va a guardare dentro il sistema a scatole cinesi delle varie società impegnate a tutto campo nei vari filoni dell’affarone della green economy in salsa marchigiana, ricorrono quasi sempre gli stessi nomi: qualche società variamente denominata, ma comunque riconducibile al gruppo Merloni e ai Lazzarini di Morrovalle, l’avvocato d’affari Paolo Tanoni, il dottor Mario Pesaresi della Consulmarche e Marchecapital, gli ingegneri Diego Margione e Lorenzo Binci.

In secondo luogo non si può non sottolineare la grande rilevanza politico-economica dei personaggi coinvolti. Il gruppo Merloni è – come è noto – al vertice delle aziende marchigiane; la famiglia Lazzarini dispone di enormi proprietà terriere e di grandi aziende agricole nella vallata del Chienti; l’avvocato Tanoni è da molto tempo un affermato professionista, ottimo avvocato d’affari e sempre più uomo d’affari; gli ingegneri Margione e Binci hanno quasi monopolizzato a livello professionale con una miriade di società il fotovoltaico nelle Marche e sono benissimo introdotti anche nel filone delle centrali idroelettriche (il Binci, in quest’ultimo settore – sia detto qui per inciso – è stato anche amministratore unico sino al giugno 2010 della Albacina s.r.l., società di cui l’ormai noto Alfio Caccamo detiene il 33%); il dottor Mario Pesaresi è la mente imprenditoriale e strategica di Consulmarche, importante società di consulenza, nonché titolare di quote di altre significative realtà imprenditoriali, gruppo leader a livello marchigiano nelle energie rinnovabili, con grandi entrature a tutti i livelli, legatissimo ai vertici politici regionali (ma con parentele di peso anche nel centrodestra).

Eccoci quindi alla terza, sin troppo ovvia, considerazione: questo comitato d’affari ha avuto nella Regione Marche la disponibilità non solo di qualche funzionario chiamato a presiedere e ad orientare “nel modo giusto” le varie conferenze dei servizi, come hanno ritenuto dapprima i semplici cittadini e poi gli stessi magistrati della Procura di Ancona, ma anche di imprescindibili coperture politiche ai massimi livelli. Senza dubbio, infatti, i funzionari regionali si sono mossi sulla base di un preciso e ineludibile mandato politico: autorizzare le centrali a biogas nel più breve tempo possibile; e solo questa totale copertura politica ed istituzionale rende comprensibile la spregiudicatezza e l’arroganza di cui essi, dinanzi a tanti Sindaci e a tanti cittadini con la bava alla bocca per la rabbia, hanno dato ampia prova nel corso dei vari procedimenti autorizzativi.

Sul livello politico-istituzionale si potrebbe ricamare quanto si vuole, però, a mio avviso e come ho scritto più volte, i principali referenti della sopra descritta corazzata professionale e imprenditoriale sono il Presidente Spacca e gli assessori della ormai tristemente nota triade del biogas: Petrini, Giannini e Donati.

Del presidente della Giunta Regionale d’altra parte sono noti i fortissimi legami con il colosso di Fabriano, e proprio a Fabriano, solo qualche mese fa, nel corso di un incontro pubblico ove si erano inseriti alcuni cittadini imbufaliti per la piega penosa e palesemente speculativa che già aveva preso il biogas, Gian Mario Spacca, lo stesso uomo che oggi afferma che la Regione si costituirà parte civile contro i malfattori del biogas, se ne uscì con la ormai famosissima, quanto infelicissima, frase: “Voi le centrali a biogas ve le dovete tenere”. Spacca comunque risponde non solo per qualche frase sprezzante, ma anche, molto più sostanzialmente, per tutta la normativa regionale in materia di autorizzazioni per il biogas (e per le altre fonti energetiche rinnovabili), sospetta di incostituzionalità e comunque tesa a prevedere la VIA solo per situazioni che non erano quelle di interesse di lorsignori, per la mancata individuazione dei siti non idonei (effettuata solo a giochi fatti), per il ripetuto braccio di ferro con lo stesso Consiglio Regionale che per ben due volte, a giugno e a settembre 2012, ha inutilmente chiesto, peraltro in maniera trasversale, il blocco delle autorizzazioni in corso e la sospensione di quelle già concesse. Senza dimenticare, comunque, il precedente obbrobrio del fotovoltaico a terra, in cui la nostra Giunta si è ben distinta anche a livello nazionale.

 

Sandro Donati

Sandro Donati

L’assessore all’Ambiente Sandro Donati, personaggio dell’IDV entrato proprio per il biogas in forte rotta di collisione con il resto del suo partito e specialmente con Paola Giorgi, è quello che nell’esecutivo regionale porta la diretta responsabilità politica per lo scempio che in questa vicenda è stato fatto, oltre che dei diritti dei cittadini, anche dello stesso ambiente. Il buon Donati ha perennemente minimizzato, ha rifiutato a suo tempo gli incontri richiesti dai vari comitati dei cittadini, ha fatto finta di non vedere il disastro che sin dall’inizio si strava delineando, si è opposto ad ogni ipotesi di sospensione. Un po’ assessore, un po’ Alice nel Paese delle Meraviglie, Donati si meravigliava prima delle (a suo dire) inaccettabili proteste dei cittadini ed oggi naturalmente si è meravigliato per l’inchiesta della magistratura, dicendosi ovviamente, e come sempre, a fianco dei cittadini.

 

Paolo Petrini

Paolo Petrini

Gli assessori Paolo Petrini, oggi in Parlamento, e Sara Giannini, nonché Renzo Rovinelli, il funzionario della Provincia di Pesaro già capo di gabinetto di Palmiro Ucchielli (allorchè l’attuale potente segretario regionale dei piddini marchigiani era il presidente della Provincia pesarese), esprimono invece con solare evidenza il diretto coinvolgimento, con le mani e con i piedi, del PD in questa brutta storiaccia, tutta giocata ai danni di intere popolazioni costrette a subire i collaterali effetti negativi delle speculazioni altrui, per di più fatte con i soldi pubblici.

Rimanendo a livello di Giunta, il Petrini è infatti l’artefice diretto di quella piccola ma significativa norma “ad personam” contenuta, senza azzeccarci minimamente, in un articolo della legge di assestamento di bilancio regionale del 2011, con la quale, prima ancora della incostituzionale (almeno io lo auspico) legge n. 3/12, si spianò la strada in materia di VIA ad una delle tante società targate VBio, cioè Lazzarini, Pesaresi, ecc., quella che aveva iniziato ad operare in località Sarrocciano di Corridonia. L’avesse fatto un berlusconiano, sarebbe stato lapidato nella pubblica piazza, Petrini invece è stato mandato a Roma dal PD a fare il deputato.

 

L'assessore regionale Sara Giannini

Sara Giannini

Quanto alla Sara Giannini, si tratta, come è risaputo, dell’assessore regionale che, dopo la prima decisione datata giugno 2012 del Consiglio Regionale di sospendere le autorizzazioni in corso circa gli impianti a biogas, si levò in prima persona, seriamente preoccupata per le sorti della nostra economia e con tutta la Giunta compatta dietro di lei, a bollare di incostituzionalità tale sospensione rispetto alle indiscutibili prerogative imprenditoriali, che non potevano non avere riferimenti normativi e amministrativi assolutamente “certi”!!! E’ verò, si dimenticò in quell’occasione di altri diritti, ancora più significativi a livello costituzionale, ad esempio quelli dei cittadini alla tutela della salute e dell’ambiente, ma non mancò di sollecitare duramente ed espressamente i competenti uffici regionali  affinchè dessero velocemente corso ai procedimenti in fase di autorizzazione. E così Calvaresi & Company, che già stavano facendo del loro meglio per assecondare i desideri e le esigenze del comitato di affari, pigiarono ancora di più sull’acceleratore, sino a raggiungere una velocità autorizzativa che credo nessun ufficio pubblico nel corso dei secoli abbia mai raggiunto.

Beh, che dire alla fine di questo lungo e noioso sermone? Solo una considerazione, oggi, ad elezioni politiche ormai dietro l’angolo, abbastanza scontata: i cittadini, senza eccezioni da nord a sud, hanno ben compreso il ruolo giocato dal PD marchigiano nella vicenda del biogas e di altre similari speculazioni strumentalmente verniciate di verde. Ed hanno presentato al PD un conto salatissimo, tale da mettere in forse anche i risultati delle prossime elezioni comunali addirittura in città storicamente di sinistra, come Ancona e Pesaro.

Gli altri articoli

Biogas, riparte la centrale di Loro Piceno Il comitato: “Assurdo, non è sicura”


sversamento loro (12)

L’amministrazione dopo i dati Arpam dà il via libera alla produzione. Intanto il sindaco di Potenza Picena chiede la revoca dell’autorizzazione per l’impianto di contrada Marolino e informa la Procura

Biogas, i comitati compatti: “Chiederemo i danni per disastro ambientale”


biogas 000

IL CASO – Partecipato incontro pubblico a Trodica. Ricciatti (Sel) interroga il Ministro. A Morrovalle il Sindaco aspetta le analisi Arpam. Marinelli: “Oscuro il comportamento che Spacca e Giannini hanno tenuto in questi mesi”

Marangoni attacca la Giunta regionale “Sul biogas avete fatto leggi ad aziendam”


Enzo Marangoni di FIT

Il consigliere di Fit sottolinea con forza il ruolo innegabile della politica nella vicenda che vede ora un infinito scarico di responsabilità

Quattro donne nel Maceratese per il marzo femminile del 2013


liuti-giancarlo

Laura Boldrini, Irene Manzi, Sara Giannini e Paola Antolini. Un solo dubbio, che riguarda la terza: “Green economy” o “Brown economy”?

Biogas, scarico di liquami nel terreno Verifiche su una falda acquifera a Morrovalle


biogas morrovalle (2)

L’INCHIESTA – Allarme inquinamento: l’area a ridosso della centrale in località Campomaggio sequestrata in attesa di ulteriori approfondimenti. Donati in Consiglio regionale esclude ogni responsabilità politica e Massi (Pdl) chiede una commissione d’indagine

Loro Piceno, il sindaco blocca la centrale: “Ci costituiremo parte civile”


sversamento loro (11)

Daniele Piatti ha accolto le richieste del comitato No biogas. Il Comune chiederà il risarcimento danni contro tutti coloro che saranno individuati quali responsabili di reati ambientali conseguenti allo sversamento

Inquinamento a Loro Piceno Il Comitato chiede il blocco della centrale


moria pesci (16)

Cresce la preoccupazione dopo lo sversamento di liquami provenienti dal nuovo impianto a biogas nel torrente Fiastrella. “Il sindaco prenda un provvedimento cautelativo per verificare la sicurezza della struttura”

Inchiesta biogas, la Regione nomina Minetti Spacca: “Piena fiducia nella magistratura”


biogas

La Giunta ha affidato al dirigente le competenze in materia di autorizzazioni energetiche. Sarà avviato un tavolo con i comitati per una rilettura delle disposizioni autorizzatorie

Biogas: l’inchiesta della magistratura e l’ipocrisia della classe politica regionale


bommarito

IL CASO – Qualunque sarà l’esito delle indagini, le responsabilità politiche sono già evidenti

Liquido nero dalla centrale biogas Allarme inquinamento a Loro Piceno


sversamento fiastra 0

Un guardiacaccia ha notato la sostanza nerastra in un pozzetto. Moria di pesci lungo il torrente. I risultati delle analisi dell’Arpam disponibili tra qualche giorno. Il comitato: “Accerteremo le responsabilità”

Nomi eccellenti nell’inchiesta sul biogas L’accusa: «Intreccio di interessi»


Una delle proteste davanti alla sede della Regione

Secondo la Procura di Ancona che conduce l’inchiesta i funzionari della Regione possedevano direttamente o indirettamente delle quote nelle società che autorizzavano. Il consigliere del Pdl Francesco Massi ha presentato una mozione per chiedere di accertare l’eventuale coinvolgimento di soggetti politici. Il vice presidente dell’assemblea Paola Giorgi: “Deve essere la politica ad indicare la strada ai tecnici”

Inchiesta su biogas e Parco eolico Spacca: “Investita avvocatura regionale”


Striscioni a Loro Piceno

Le centrali a biogas autorizzate nelle province di Ancona, Macerata e Pesaro Urbino e l’impianto eolico di Camerino finiscono nel mirino della Procura di Ancona, che ha aperto un’inchiesta (leggi l’articolo). Concorso in abuso d’ufficio il reato contestato, anche se l’indagine investe anche l’ipotesi di reati ambientali. “Con riferimento all’indagine in corso nel settore […]

Eolico e biomasse, 12 indagati Perquisizioni alla Regione Marche


La protesta in Regione del Comitato di Petriolo

La procura di Ancona ha aperto un’inchiesta sulle procedure autorizzative

Autorizzato il biogas in via Marolino Paolucci: “Un colpo di mano inaccettabile”


Il sindaco di Potenza Picena Sergio Paolucci

POTENZA PICENA – Il sindaco attacca la Regione e annuncia un ricorso

Biogas: il Consiglio di Stato respinge i ricorsi di Comune e comitato


Striscioni a Loro Piceno

Loro Piceno

Acquaroli: “Il biogas avvilisce il territorio, urge una reazione politica”


Francesco Acquaroli

Il consigliere regionale del Pdl critica le scelte dell’amministrazione di Potenza Picena

Biogas a Potenza Picena, Morgoni: “Ecco perchè bisogna dire no”


Mario Morgoni

L’intervento

“Il pasticciaccio della Giunta Regionale sulle centrali a biogas”


L'area in cui dovrebbe sorgere la centrale a biogas a Potenza Picena

Per il Movimento Cinque Stelle Tolentino “I verbali del consiglio regionale testimoniano i giochi, le tattiche, le acrobazie di una classe dirigente che forse ha dimenticato che sull’etica dovrebbero poggiare le sue fondamenta”

Marangoni sul biogas: “La Regione vuole favorire gli speculatori”


Enzo Marangoni

Il consigliere regionale commenta il rinvio della proposta di legge che si sarebbe dovuta discutere oggi

Biogas tra leggi ad personam e consiglieri regionali che tengono famiglia


Una protesta dei comitati in Regione

Martedì in aula si deciderà la sorte delle centrali già autorizzate

Potenza Picena: un “no” unanime al biogas


gente e pesaresi SEDUTO IN GIACCA BLU

Tantissime persone hanno partecipato al consiglio comunale aperto che si è svolto lunedì sera. Preoccupazione per una centrale anche a Recanati

Biogas: “Una legge urgente per limitare gli impianti”


consiglio monti azzurri

La Comunità Montana dei Monti Azzurri si pronuncia con un ordine del giorno in difesa delle piccole aziende agricole del territorio. Favia: “Si voti in aula la sospensione”. I grillini organizzano un convegno a Tolentino

La “green economy” è uguale al cemento?


liuti-giancarlo

Pare di sì, in fatto di speculazioni. Ultimo caso: il biogas. Politica e società civile: la stessa malattia

Biogas a Petriolo: “Una battaglia per l’intera regione”


mancini

Biogas: la Viridis Energia chiede la tutela dei diritti delle aziende produttrici


Una protesta dei comitati in Regione

Le società del gruppo VBIO 1 e VBIO 2 commentano i ricorsi di Loro Piceno e Corridonia respinti dal Tar. Sollazzi fa esaminare alla quarta commissione la proposta di legge dei comitati che promettono ricorsi e una manifestazione davanti alla Rai

Biogas: proposta di legge dei Comitati


Uno striscione di protesta contro il biogas

I rappresentanti dei territori hanno proposto la modifica del testo regionale che regola la Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA). Idv: “Abbiamo firmato il documento per dare priorità ai cittadini”

Biogas, lo scontro finale si combatterà sugli impianti già autorizzati


bommarito giuseppe

La parziale marcia indietro della Regione e le strane posizioni di alcuni nostri consiglieri regionali. La vicenda non è ancora finita

Cavallaro: “Vanno riconsiderate anche le centrali a biogas autorizzate”


L'onorevole Mario Cavallaro

Il parlamentare del Pd chiede alla Giunta regionale un ulteriore passo indietro, critica i manifesti dell’Idv a Civitanova e chiede misure urgenti per il litorale

“La centrale a biogas minaccia il Verdicchio di Matelica”


L'assemblea di ieri sera

Durante la partecipata assemblea contro il biogas l’enologo Potentini ha sottolineato i rischi per il settore agroalimentare. Saranno inviate lettere di diffida alle autorità per la sospensione dell’autorizzazione

La Regione ridefinisce la legge sul biogas Ma il Tar respinge i ricorsi dei Comuni


I cittadini hanno detto "no" al biogas a Loro Piceno durante il Vino Cotto Festival

La Giunta abbassa a 0,25 MW elettrici il limite di assoggettabilità alla Via (Valutazione di Impatto Ambientale). Niente da fare per le centrali già autorizzate a Corridonia e Loro Piceno. L’avvocato Alessandrini: “Valuteremo il ricorso al Consiglio di Stato”

Biogas, Sciapichetti: “Gravi errori dalla Regione. Ecco perchè non ho votato lo stop alle centrali”


consiglio-regionale biogas

Il consigliere del Pd non ha votato la mozione che ha sospeso le autorizzazioni. Con lui anche l’assessore Giannini. Si è astenuto il capogruppo del Pdl Francesco Massi. Assente Comi (Pd). Assemblea pubblica a Matelica

Energia e centrali: copiamo gli americani


Fabio Fraticelli

IL BIOGAS E LE ALTERNATIVE – Il vero cambiamento è l’autosufficienza energetica dei singoli edifici

Biogas: il Consiglio regionale chiede di fermarsi


CONSIGLIO REGIONALE

Votata oggi una mozione per la “sospensione degli atti autorizzativi per la realizzazione degli impianti quale forma di autotutela amministrativa”. Paola Giorgi invita l’assessore Donati a prenderne atto

Tutti a scuola, quasi 45 mila in provincia Ma non ci saranno i petriolesi


maturità 2

Aule aperte dalla primaria alle superiori per l’inizio del nuovo anno scolastico. Corsa contro il tempo per coprire tutti i posti negli istituti maceratesi. Protesta dei genitori contro la centrale a biogas. Messaggi di auguri dai sindaci

Biogas, “scelte tecniche” dice Donati e la Giorgi lo sfiducia


Sandro Donati

21 centrali autorizzate nelle Marche, sospese le autorizzazioni riguardanti Monsano e Potenza Picena. L’assessore all’ambiente spiega in una conferenza stampa le ragioni delle decisione energetiche prese. La collega di partito lo invita a tacere. Domani (martedì 11) incontro pubblico a Loro Piceno

Il sì della Regione al biogas a Petriolo scatena le critiche di Giorgi, Marangoni e Acquaroli


La protesta in Regione del Comitato di Petriolo

I consiglieri regionali disapprovano i contenuti e la modalità della decisione presa in Conferenza dei servizi

La Regione non sente ragioni “Sì alla centrale a biogas”


La protesta di oggi

PETRIOLO SUL PIEDE DI GUERRA – La Conferenza dei servizi riunitasi alle 16 ha approvato il progetto della Imac. Il comitato annuncia ricorsi

Biogas, la Provincia a sostegno dei Comuni Di Pietro porta Petriolo in Parlamento


Proteste in Regione dei comitati contro il biogas

IL CASO – Attesa per le decisioni della Regione in Conferenza dei servizi

Il secco no di Marangoni alla centrale a biogas di Petriolo


Enzo Marangoni

Il consigliere regionale: “Si compromette l’alto valore del tipico territorio di questa bellissima zona”

Centrali a biogas, la Regione non sta dalla parte dei cittadini


Il Comitato di Petriolo ieri mattina in Regione

Le gravissime responsabilità politiche dell’Ente e gli strani silenzi dell’opposizione di centrodestra. Ecco la cronostoria dei provvedimenti regionali

Biogas, un altro rinvio Imbarazzi in Regione


Proteste in Regione dei comitati contro il biogas

La conferenza dei servizi sulla centrale a Petriolo aggiornata a mercoledì. Atteso per domani l’intervento di Di Pietro in parlamento. La decisione potrebbe avere una serie di ripercussioni politiche. Il comitato dei cittadini continua a manifestare il proprio dissenso

I petriolesi riconsegnano le tessere elettorali per protestare contro la centrale a biogas


Una delle proteste in Regione da parte dei Comitati per il no al Biogas

I cittadini prendono le distanze dalle scelte politiche della Regione

Le centrali a biogas dividono l’Idv Donati: “La Regione tutela la salute dei cittadini”


Una delle proteste in Regione da parte dei Comitati per il no al Biogas

L’assessore dipietrista risponde alle accuse dei comitati dei territori interessati che trovano sostegno politico proprio nell’Idv. A Matelica il Comitato per la tutela del territorio promuove un’assemblea pubblica

Il disastro annunciato delle centrali a biogas


biogas

Tra comitati di cittadini, polemiche accese e ricorsi al TAR. Loro Piceno, Petriolo, Corridonia e Matelica in prima linea contro la Regione. La Provincia cosa intende fare?

Biogas a Petriolo Fumata nera ad Ancona


Una delle proteste in Regione da parte dei Comitati per il no al Biogas

Il comitato manifesta in Regione, la Conferenza dei servizi viene aggiornata al 28 agosto. Idv pronta a ricorrere in sede giudiziaria

Il comitato contro il Biogas a Petriolo protesta in Regione


petriolo-1-480x270

Cittadini contro la centrale domani alle 10.30 ad Ancona per la Conferenza dei Servizi

“Vogliamo respirare, no al biogas a Loro Piceno”


Biogas (4)

Il Vino Cotto Festival sta facendo il pieno di gente a Loro Piceno ed è anche l’occasione per sensibilizzare sulle tematiche ambientali. Da giovedì scorso sulla parete dietro il palco principale che ospita concerti ed eventi, ultimo domani sera (domenica 19) con Enzo Avitabile, campeggia la scritta “Vogliamo respirare”. Il riferimento è al progetto […]

Centrale a biogas a Sarrocciano Il Comune di Corridonia ricorre al Tar


centrale corridonia

Il sindaco Calvigioni si oppone all’autorizzazione rilasciata dalla Regione Marche per la realizzazione di un impianto della potenza di 999 kilowatt su una superficie di 3,6 ettari

Matelica: la Regione dice sì alla centrale a biogas

 

Il progetto è stato presentato nel giugno di un anno fa dalla società cooperativa Terra Bio, per una potenza pari ad un megawatt

IL CASO CACCAMO Dove sono le istituzioni?


Una veduta dall'alto del CooridoMnia Shopping Park durante la fase di ultimazione dei lavori (foto di Guido Picchio)

CORRIDOMNIA SHOPPING PARK – La società civile pretende risposte serie e rapide sulla provenienza dei prestiti personali

Niente biogas a Monte San Giusto Lattanzi: “Abbiamo agito con responsabilità”


Mario Lattanzi, sindaco di Monte San Giusto e coordinatore provinciale del Pdl

L’azienda che aveva presentato il progetto lo ha ritirato, condividendo le perplessità dell’amministrazione

Una centrale Biogas a Matelica? Il No degli ambientalisti


logo-WWF

Il WWF: “Un business a scapito dell’agricoltura di qualità e dell’ambiente”

Il sindaco di Montecosaro contro l’impianto a Biogas: “Bloccata l’autorizzazione”


Il sindaco Stefano Cardinali

Si è tenuto questa mattina l’incontro tra il Sindaco Stefano Cardinali e alcuni cittadini e componenti del comitato contro l’impianto a biogas per il quale il privato ha fatto pervenire in Comune una richiesta di autorizzazione per la realizzazione in contrada Asola. L’incontro ha visto il Sindaco e i componenti del comitato concordi nelle […]



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X