Marangoni attacca la Giunta regionale
“Sul biogas avete fatto leggi ad aziendam”

Il consigliere di Fit sottolinea con forza il ruolo innegabile della politica nella vicenda che vede ora un infinito scarico di responsabilità
- caricamento letture
Enzo Marangoni di FIT

Il consigliere regionale Enzo Marangoni di FIT

 

Il vaso di Pandora del biogas si è ormai aperto, impossibile tornare indietro. Mentre le indagini della Procura di Ancona continuano a far emergere elementi sull’operato di dirigenti della Regione e imprenditori locali e intanto che le centrali vengono tenute sotto stretta sorveglianza, come accaduto a Loro Piceno e Morrovalle, per il rischio inquinamento provocato dallo sversamento di sostanze delle quali non si conosce ancora bene la natura, il consigliere regionale Enzo Marangoni  di FIT è intervenuto in una seduta dell’assise sul tema “Vicende legate alle autorizzazioni del parco eolico e delle centrali a biogas” per sottolineare come la Giunta abbia disatteso, in autonomia, quanto era stato deciso dall’assemblea legislativa.

«Ho particolarmente apprezzato – scrive Marangoni – l’ottimo contributo dell’avvocato Bommarito che ha evidenziato le responsabilità politiche della Giunta regionale Spacca nella vicenda biogas. Il tema è di attualità a seguito sia dell’indagine in corso della magistratura, sia dei danni all’ambiente e alle persone a seguito degli sversamenti a Morrovalle e nel fiume Fiastra.

La Commissione di inchiesta  spiega il consigliere regionale –  è non solo opportuna, ma assolutamente doverosa e necessaria, per vari motivi. Intanto  non riguarda soltanto gli impianti oggetto dell’indagine giudiziaria in corso, ma riguarda tutti gli impianti a biomasse, a biogas ed eolici concessi negli ultimi anni, e a posteriori dico che avremmo fatto bene ad aggiungere anche quelli del fotovoltaico.
Ho già detto anche in quest’Aula che ho sempre sentito e denunciato la puzza dei comitati d’affari in questi settori l’ho sempre sentita, così come l’ho detto nelle assemblee pubbliche dove, qualche volta, sono andato se invitato.
Sentirsi dire dall’assessore Donati che lo stiamo strumentalizzando è inaccettabile. Noi siamo qui per fare politica nell’interesse dei cittadini, non nell’interesse dei comitati d’affari, parliamoci chiaro.
Così come mi fanno sorridere amaramente le dichiarazioni della Regione per bocca del suo valido presidente Spacca quando dice valuteremo se costituirci parte civile, parte lesa.
Qui se qualcuno deve costituirsi parte lesa, Presidente Spacca, è il popolo marchigiano, non la Regione. Qui si dovrebbero costituire parte lesa un milione e mezzo di marchigiani per quello che è stato combinato, fermo restando che io non sono giustizialista, sono garantista, profondamente, ed è per questo che chiedo ed ho sottoscritto una Commissione d’inchiesta, e lei Presidente, visto che è in buona fede dovrebbe essere il primo a sottoscriverla, dovrebbe essere il primo firmatario.
Ora si tenta di scaricare la responsabilità sui dipendenti regionali, sarà la magistratura a decidere se ce l’hanno, ma di questo passo il responsabile sarà quello che ha fatto le fotocopie.
Le responsabilità stanno a monte e sono politiche: il 12 giugno 2012 fu approvata una risoluzione a stretta maggioranza, di poco,  la quale prevedeva esattamente una moratoria, cioè la sospensione di tutti i procedimenti in corso. Quello approvato era l’unico atto dell’organo legislativo, dell’Assemblea legislativa delle Marche, il massimo organo della Regione. Dopo una settimana spunta fuori la nota a verbale della seduta di Giunta del 18 giugno, con la quale l’Assessore Sara Giannini fa una dichiarazione che viene sottoscritta all’unanimità dalla Giunta in cui sostanzialmente si dice: “Lasciate perdere quello che il Consiglio ha deciso, non ce ne frega niente, andiamo avanti e date ordine ai tecnici, ecco la responsabilità politica che c’è ed è questa, di procedere immediatamente”.  Nella prima parte si dice il Consiglio ha deciso quello, ma a noi non ce ne frega niente, tanto è vero che tre giorni dopo, il 21 giugno 2012, eccolo qua, l’allora Segretario scrive tre righe e dice “in attuazione della decisione assunta dalla Giunta regionale nella seduta del 18 giugno scorso” – quella che ho letto prima – “richiamo alla vostra attenzione l’obbligo previsto dalla vigente normativa di dare corso ai procedimenti relativi agli impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili”. Dopo una settimana la Giunta ha stracciato una decisione dell’Assemblea legislativa delle Marche, ha chiesto al Segretario generale  di dare l’ordine e lui l’ha dato e, adesso, mi venite a raccontare che la politica non c’entra niente? Adesso mi raccontate la favola che il tecnico è una cosa ed il politico un’altra? Ma questa è una favola per i bambini, non per noi che siamo già abbastanza cresciuti.
Ho altre cose interessanti da dire, vorrei ricordare il ruolo che sta svolgendo un importante gruppo industriale, molto potente, anni fa potentissimo nel fotovoltaico e adesso potentissimo nel biogas e nelle biomasse, un ruolo che ricorre in tutti gli atti legislativi, in tutti gli atti amministrativi, un ruolo che ricorre persino, perché è sempre quello il gruppo, con le sue varie società da diecimila euro cadauna di capitale sociale, nel disastro ambientale, ben documentato da questo giornale, del fiume Fiastra e poi a seguire del fiume Chienti, a Loro Piceno e dintorni, che ha coinvolto una zona molto bella della mia provincia e della nostra regione.
Un ruolo che inizia ad ottobre 2011, quando una delle tante società  pseudo agricole, ma che di agricolo non hanno niente, trova grosse difficoltà in Provincia di Macerata, fa domanda all’inizio di ottobre 2011 e la Provincia di Macerata, siccome ci sono dei grossi problemi, non concede la VIA. Si capisce l’andazzo e dopo quattro settimane, la maggioranza regionale gli risolve il problema. Come al solito, viene infilato l’articoletto nella legge di assestamento di bilancio, perché tutte le porcate vengono fatte  nella legge di assestamento di bilancio, approvando l’articolo 24 che prevede che  in quel caso specifico, non serve più la VIA. Ovviamente non è citato il caso specifico, ma sono norme di carattere generale applicabili ad aziendam perché voi cattocomunisti le leggi ad personam contro Berlusconi le avete denunciate per anni, invece qui fate le leggi ad aziendam.  Dopo di che sistemate le cose per tutti con la famosa legge n. 3 del 2012.
La politica non c’entra niente? Ma siamo nati ieri? La politica non c’entra niente?
Il presidente non ha ascoltato i comitati, soltanto adesso dà disponibilità, ma è tardi, la frittata è fatta, non ha ascoltato i Comuni, non ha ascoltato i Sindaci, nemmeno quelli del PD, nemmeno quelli della Vallesina, non ha ascoltato nessuno. E’ venuto fuori un parere dell’Avvocatura dello Stato, che non è organo terzo, è organo di parte, perché sono dipendenti regionali, attenzione, per cui bisognava assolutamente votare perché c’era il rischio che ci chiedessero i danni, ma questo è un ricatto. Abbiamo legiferato male, in modo, forse, anche interessato».

 

Gli altri articoli

Quattro donne nel Maceratese per il marzo femminile del 2013


Giancarlo Liuti

Laura Boldrini, Irene Manzi, Sara Giannini e Paola Antolini. Un solo dubbio, che riguarda la terza: “Green economy” o “Brown economy”?

Biogas, scarico di liquami nel terreno Verifiche su una falda acquifera a Morrovalle


biogas morrovalle (2)

L’INCHIESTA – Allarme inquinamento: l’area a ridosso della centrale in località Campomaggio sequestrata in attesa di ulteriori approfondimenti. Donati in Consiglio regionale esclude ogni responsabilità politica e Massi (Pdl) chiede una commissione d’indagine

Loro Piceno, il sindaco blocca la centrale: “Ci costituiremo parte civile”


sversamento loro (11)

Daniele Piatti ha accolto le richieste del comitato No biogas. Il Comune chiederà il risarcimento danni contro tutti coloro che saranno individuati quali responsabili di reati ambientali conseguenti allo sversamento

Inquinamento a Loro Piceno Il Comitato chiede il blocco della centrale


moria pesci (16)

Cresce la preoccupazione dopo lo sversamento di liquami provenienti dal nuovo impianto a biogas nel torrente Fiastrella. “Il sindaco prenda un provvedimento cautelativo per verificare la sicurezza della struttura”

Inchiesta biogas, la Regione nomina Minetti Spacca: “Piena fiducia nella magistratura”


La protesta dei cittadini a Loro Piceno

La Giunta ha affidato al dirigente le competenze in materia di autorizzazioni energetiche. Sarà avviato un tavolo con i comitati per una rilettura delle disposizioni autorizzatorie

Biogas: l’inchiesta della magistratura e l’ipocrisia della classe politica regionale


bommarito

IL CASO – Qualunque sarà l’esito delle indagini, le responsabilità politiche sono già evidenti

Liquido nero dalla centrale biogas Allarme inquinamento a Loro Piceno


sversamento fiastra 0

Un guardiacaccia ha notato la sostanza nerastra in un pozzetto. Moria di pesci lungo il torrente. I risultati delle analisi dell’Arpam disponibili tra qualche giorno. Il comitato: “Accerteremo le responsabilità”

Nomi eccellenti nell’inchiesta sul biogas L’accusa: «Intreccio di interessi»


Una delle proteste davanti alla sede della Regione

Secondo la Procura di Ancona che conduce l’inchiesta i funzionari della Regione possedevano direttamente o indirettamente delle quote nelle società che autorizzavano. Il consigliere del Pdl Francesco Massi ha presentato una mozione per chiedere di accertare l’eventuale coinvolgimento di soggetti politici. Il vice presidente dell’assemblea Paola Giorgi: “Deve essere la politica ad indicare la strada ai tecnici”

Inchiesta su biogas e Parco eolico Spacca: “Investita avvocatura regionale”


Striscioni a Loro Piceno

Le centrali a biogas autorizzate nelle province di Ancona, Macerata e Pesaro Urbino e l’impianto eolico di Camerino finiscono nel mirino della Procura di Ancona, che ha aperto un’inchiesta (leggi l’articolo). Concorso in abuso d’ufficio il reato contestato, anche se l’indagine investe anche l’ipotesi di reati ambientali. “Con riferimento all’indagine in corso nel settore […]

Eolico e biomasse, 12 indagati Perquisizioni alla Regione Marche


La protesta in Regione del  Comitato di Petriolo

La procura di Ancona ha aperto un’inchiesta sulle procedure autorizzative

Autorizzato il biogas in via Marolino Paolucci: “Un colpo di mano inaccettabile”


Il sindaco di Potenza Picena Sergio Paolucci

POTENZA PICENA – Il sindaco attacca la Regione e annuncia un ricorso

Biogas: il Consiglio di Stato respinge i ricorsi di Comune e comitato


Striscioni a Loro Piceno

Loro Piceno

Acquaroli: “Il biogas avvilisce il territorio, urge una reazione politica”


Francesco Acquaroli

Il consigliere regionale del Pdl critica le scelte dell’amministrazione di Potenza Picena

Biogas a Potenza Picena, Morgoni: “Ecco perchè bisogna dire no”


Mario Morgoni

L’intervento

“Il pasticciaccio della Giunta Regionale sulle centrali a biogas”


L'area in cui dovrebbe sorgere la centrale a biogas alluvionata nel 2011

Per il Movimento Cinque Stelle Tolentino “I verbali del consiglio regionale testimoniano i giochi, le tattiche, le acrobazie di una classe dirigente che forse ha dimenticato che sull’etica dovrebbero poggiare le sue fondamenta”

Marangoni sul biogas: “La Regione vuole favorire gli speculatori”


Enzo Marangoni

Il consigliere regionale commenta il rinvio della proposta di legge che si sarebbe dovuta discutere oggi

Biogas tra leggi ad personam e consiglieri regionali che tengono famiglia


Una protesta dei comitati in Regione

Martedì in aula si deciderà la sorte delle centrali già autorizzate

Potenza Picena: un “no” unanime al biogas


gente e pesaresi  SEDUTO IN GIACCA BLU

Tantissime persone hanno partecipato al consiglio comunale aperto che si è svolto lunedì sera. Preoccupazione per una centrale anche a Recanati

Biogas: “Una legge urgente per limitare gli impianti”


consiglio monti azzurri

La Comunità Montana dei Monti Azzurri si pronuncia con un ordine del giorno in difesa delle piccole aziende agricole del territorio. Favia: “Si voti in aula la sospensione”. I grillini organizzano un convegno a Tolentino

La “green economy” è uguale al cemento?


Giancarlo Liuti

Pare di sì, in fatto di speculazioni. Ultimo caso: il biogas. Politica e società civile: la stessa malattia

Biogas a Petriolo: “Una battaglia per l’intera regione”


mancini

Biogas: la Viridis Energia chiede la tutela dei diritti delle aziende produttrici


Una protesta dei comitati in Regione

Le società del gruppo VBIO 1 e VBIO 2 commentano i ricorsi di Loro Piceno e Corridonia respinti dal Tar. Sollazzi fa esaminare alla quarta commissione la proposta di legge dei comitati che promettono ricorsi e una manifestazione davanti alla Rai

Biogas: proposta di legge dei Comitati


Uno striscione di protesta contro il biogas

I rappresentanti dei territori hanno proposto la modifica del testo regionale che regola la Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA). Idv: “Abbiamo firmato il documento per dare priorità ai cittadini”

Biogas, lo scontro finale si combatterà sugli impianti già autorizzati


bommarito giuseppe

La parziale marcia indietro della Regione e le strane posizioni di alcuni nostri consiglieri regionali. La vicenda non è ancora finita

Cavallaro: “Vanno riconsiderate anche le centrali a biogas autorizzate”


L'onorevole Mario Cavallaro

Il parlamentare del Pd chiede alla Giunta regionale un ulteriore passo indietro, critica i manifesti dell’Idv a Civitanova e chiede misure urgenti per il litorale

“La centrale a biogas minaccia il Verdicchio di Matelica”


L'assemblea di ieri sera

Durante la partecipata assemblea contro il biogas l’enologo Potentini ha sottolineato i rischi per il settore agroalimentare. Saranno inviate lettere di diffida alle autorità per la sospensione dell’autorizzazione

La Regione ridefinisce la legge sul biogas Ma il Tar respinge i ricorsi dei Comuni


I cittadini hanno detto "no" al biogas a Loro Piceno durante il Vino Cotto Festival

La Giunta abbassa a 0,25 MW elettrici il limite di assoggettabilità alla Via (Valutazione di Impatto Ambientale). Niente da fare per le centrali già autorizzate a Corridonia e Loro Piceno. L’avvocato Alessandrini: “Valuteremo il ricorso al Consiglio di Stato”

Biogas, Sciapichetti: “Gravi errori dalla Regione. Ecco perchè non ho votato lo stop alle centrali”


consiglio-regionale biogas

Il consigliere del Pd non ha votato la mozione che ha sospeso le autorizzazioni. Con lui anche l’assessore Giannini. Si è astenuto il capogruppo del Pdl Francesco Massi. Assente Comi (Pd). Assemblea pubblica a Matelica

Energia e centrali: copiamo gli americani


Fabio Fraticelli

IL BIOGAS E LE ALTERNATIVE – Il vero cambiamento è l’autosufficienza energetica dei singoli edifici

Biogas: il Consiglio regionale chiede di fermarsi


CONSIGLIO REGIONALE

Votata oggi una mozione per la “sospensione degli atti autorizzativi per la realizzazione degli impianti quale forma di autotutela amministrativa”. Paola Giorgi invita l’assessore Donati a prenderne atto

Tutti a scuola, quasi 45 mila in provincia Ma non ci saranno i petriolesi


maturità 2

Aule aperte dalla primaria alle superiori per l’inizio del nuovo anno scolastico. Corsa contro il tempo per coprire tutti i posti negli istituti maceratesi. Protesta dei genitori contro la centrale a biogas. Messaggi di auguri dai sindaci

Biogas, “scelte tecniche” dice Donati e la Giorgi lo sfiducia


L'assessore Sandro Donati

21 centrali autorizzate nelle Marche, sospese le autorizzazioni riguardanti Monsano e Potenza Picena. L’assessore all’ambiente spiega in una conferenza stampa le ragioni delle decisione energetiche prese. La collega di partito lo invita a tacere. Domani (martedì 11) incontro pubblico a Loro Piceno

Il sì della Regione al biogas a Petriolo scatena le critiche di Giorgi, Marangoni e Acquaroli


La protesta in Regione del  Comitato di Petriolo

I consiglieri regionali disapprovano i contenuti e la modalità della decisione presa in Conferenza dei servizi

La Regione non sente ragioni “Sì alla centrale a biogas”


La protesta di oggi

PETRIOLO SUL PIEDE DI GUERRA – La Conferenza dei servizi riunitasi alle 16 ha approvato il progetto della Imac. Il comitato annuncia ricorsi

Biogas, la Provincia a sostegno dei Comuni Di Pietro porta Petriolo in Parlamento


Proteste in Regione dei comitati contro il biogas

IL CASO – Attesa per le decisioni della Regione in Conferenza dei servizi

Il secco no di Marangoni alla centrale a biogas di Petriolo


Enzo Marangoni

Il consigliere regionale: “Si compromette l’alto valore del tipico territorio di questa bellissima zona”

Centrali a biogas, la Regione non sta dalla parte dei cittadini


Il Comitato di Petriolo ieri mattina in Regione

Le gravissime responsabilità politiche dell’Ente e gli strani silenzi dell’opposizione di centrodestra. Ecco la cronostoria dei provvedimenti regionali

Biogas, un altro rinvio Imbarazzi in Regione


Proteste in Regione dei comitati contro il biogas

La conferenza dei servizi sulla centrale a Petriolo aggiornata a mercoledì. Atteso per domani l’intervento di Di Pietro in parlamento. La decisione potrebbe avere una serie di ripercussioni politiche. Il comitato dei cittadini continua a manifestare il proprio dissenso

I petriolesi riconsegnano le tessere elettorali per protestare contro la centrale a biogas


Una delle proteste in Regione da parte dei Comitati per il no al Biogas

I cittadini prendono le distanze dalle scelte politiche della Regione

Le centrali a biogas dividono l’Idv Donati: “La Regione tutela la salute dei cittadini”


Una delle proteste in Regione da parte dei Comitati per il no al Biogas

L’assessore dipietrista risponde alle accuse dei comitati dei territori interessati che trovano sostegno politico proprio nell’Idv. A Matelica il Comitato per la tutela del territorio promuove un’assemblea pubblica

Il disastro annunciato delle centrali a biogas


La protesta dei cittadini a Loro Piceno

Tra comitati di cittadini, polemiche accese e ricorsi al TAR. Loro Piceno, Petriolo, Corridonia e Matelica in prima linea contro la Regione. La Provincia cosa intende fare?

Biogas a Petriolo Fumata nera ad Ancona


Una delle proteste in Regione da parte dei Comitati per il no al Biogas

Il comitato manifesta in Regione, la Conferenza dei servizi viene aggiornata al 28 agosto. Idv pronta a ricorrere in sede giudiziaria

Il comitato contro il Biogas a Petriolo protesta in Regione


petriolo-1-480x270

Cittadini contro la centrale domani alle 10.30 ad Ancona per la Conferenza dei Servizi

“Vogliamo respirare, no al biogas a Loro Piceno”


Biogas (4)

Il Vino Cotto Festival sta facendo il pieno di gente a Loro Piceno ed è anche l’occasione per sensibilizzare sulle tematiche ambientali. Da giovedì scorso sulla parete dietro il palco principale che ospita concerti ed eventi, ultimo domani sera (domenica 19) con Enzo Avitabile, campeggia la scritta “Vogliamo respirare”. Il riferimento è al progetto […]

Centrale a biogas a Sarrocciano Il Comune di Corridonia ricorre al Tar


centrale corridonia

Il sindaco Calvigioni si oppone all’autorizzazione rilasciata dalla Regione Marche per la realizzazione di un impianto della potenza di 999 kilowatt su una superficie di 3,6 ettari

Matelica: la Regione dice sì alla centrale a biogas


Il progetto è stato presentato nel giugno di un anno fa dalla società cooperativa Terra Bio, per una potenza pari ad un megawatt

Niente biogas a Monte San Giusto Lattanzi: “Abbiamo agito con responsabilità”


Mario Lattanzi, sindaco di Monte San Giusto e coordinatore provinciale del Pdl

L’azienda che aveva presentato il progetto lo ha ritirato, condividendo le perplessità dell’amministrazione

Una centrale Biogas a Matelica? Il No degli ambientalisti


logo-WWF

Il WWF: “Un business a scapito dell’agricoltura di qualità e dell’ambiente”

Il sindaco di Montecosaro contro l’impianto a Biogas: “Bloccata l’autorizzazione”


Il sindaco Stefano Cardinali

Si è tenuto questa mattina l’incontro tra il Sindaco Stefano Cardinali e alcuni cittadini e componenti del comitato contro l’impianto a biogas per il quale il privato ha fatto pervenire in Comune una richiesta di autorizzazione per la realizzazione in contrada Asola. L’incontro ha visto il Sindaco e i componenti del comitato concordi nelle […]



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X