Al via il processo Oseghale,
manifestanti davanti al tribunale:
«Giustizia per Pamela» (FOTO/VIDEO)

MACERATA – Una decina di persone provenienti da Roma hanno esposto striscioni e lanciato palloncini tricolore all'arrivo dei genitori e dello zio. Provvedimento del questore che ha vietato la loro presenza di fronte al palazzo di giustizia, l'organizzatrice Maricetta Tirrito: «Questo è razzismo puro. L'omicidio è avvenuto in città: siamo stupiti che la gente non scenda in piazza»
- caricamento letture

 

oseghale

L’arrivo in tribunale di Innocent Oseghale

 

di Gianluca Ginella (foto di Fabio Falcioni)

Parte il processo per l’omicidio di Pamela Mastropietro, alle 8,30 l’imputato Innocent Oseghale è arrivato a bordo di un furgoncino al tribunale di Macerata.

processo-oseghale-alessandra-verni-1-325x244

Alessandra Verni, madre di Pamela Mastropietro

Nel frattempo alcune persone venute da Roma hanno esposto due striscioni di fronte al palazzo di giustizia e hanno portato palloncini con il tricolore. Il questore di Macerata ha però fatto notificare un provvedimento in cui si vieta la presenza di fronte al palazzo di giustizia. “La manifestazione può disturbare giudici e addetti ai lavori della Corte d’assise” si dice in sintesi. «Non crediamo di arrecare disturbo stando qui davanti, avevamo chiesto uno spazio limitato davanti al tribunale», dice Maricetta Tirrito, organizzatrice della manifestazione. «Siamo venuti in una città dove fino alla settimana scorsa ci sono stati cortei contro chissà quale forma di razzismo.

processo-oseghale

Maricetta Tirrito

Ecco io penso che quello che è successo oggi sia razzismo puro, vietare a dieci persone con i palloncini che inneggiano a Pamela di sostare davanti al tribunale perché arrecano disturbo all’ordine pubblico – sottolinea Tirrito – Ci aspettiamo giustizia, che non venga accettato mai nessun rito abbreviato o che si facciano sconti di pena ma che sia certa e forte perché quanto accaduto a Pamela è veramente indescrivibile. Noi siamo cittadini romani, Pamela è figlia di Roma e quanto successo è avvenuto a Macerata: siamo stupiti che la città non scenda in piazza».

All’arrivo dei genitori e dello zio i manifestanti hanno lanciato i palloncini al cielo e urlato “Giustizia per Pamela”. Il processo è partito alle 9 nel massimo silenzio in aula. Presenti anche il sindaco Romano Carancini (il Comune è parte civile), il questore Antonio Pignataro, i genitori di Pamela Mastropietro e lo zio Marco Valerio Verni. Oseghale, jeans e felpa sportiva blu, non ha mai incrociato lo sguardo con Alessandra Verni, madre di Pamela.

Processo_Oseghale_FF-12-650x434

processo-oseghale-carancini-

Romano Carancini, sindaco di Macerata

processo-oseghale-pignataro

Il questore Antonio Pignataro

processo-oseghale-6-650x433

Marco Valerio Verni, zio di Pamela Mastropietro

processo-oseghale-7-650x433

 

processo-oseghale-5-650x433

Processo_Oseghale_FF-24-650x433

processo-oseghale-2-650x433

processo-oseghale-3-650x433

processo-oseghale-1-650x433

processo-oseghale-4-650x433

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X