Nuova misura per Oseghale,
ora è in cella per omicidio
«Pamela è stata violentata»

ORRORE A MACERATA - E' stata notificata questa mattina al nigeriano, indagato del delitto. Il gip non l'ha però disposta per lo stupro. Il procuratore ha spiegato che il rapporto sessuale emerge dai riscontri dei Ris. La tesi del giudice: può aver ucciso dopo che la 18enne si è sentita male. Intercettazione choc di Awelima: «Innocent il 30 gennaio mi chiamò dicendo se volevo andare a stuprare una ragazza che dormiva»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
giorgio_foto_ff-1-650x433

Il comandante provinciale dei carabinieri Michele Roberti, il procuratore Giovanni Giorgio e il colonnello Walter Fava

 

di Gianluca Ginella

(Foto di Fabio Falcioni)

«Innocent Oseghale ha costretto Pamela Mastropietro ad avere un rapporto sessuale». A dirlo è il procuratore Giovanni Giorgio in base agli accertamenti svolti dai Ris che non lasciano dubbi sul fatto che il nigeriano 29enne abbia avuto un rapporto completo con la 18enne prima di ucciderla. Oggi al nigeriano è stata notificata in carcere una nuova misura cautelare per omicidio volontario. In precedenza il gip aveva disposto la custodia in cella ma per reati satellite come l’occultamento di cadavere, ritenendo mancassero i gravi indizi per l’omicidio. Ma lo sviluppo delle indagini quei gravi elementi li ha fatti emergere e la procura ha chiesto la misura cautelare che stavolta è stata accolta. In parte però, perché la procura contestava anche la violenza sessuale, ma questa non è stata accolta dal gip Giovanni Manzoni che dà una propria versione nell’ordinanza su ciò che potrebbe essere accaduto.

giorgio_foto_ff-2-650x487LA VIOLENZA SESSUALE – «Avevamo contestato la violenza sessuale sotto un duplice profilo – ha detto il procuratore Giovanni Giorgio –. Oseghale secondo noi ha costretto la Mastropietro ad avere un rapporto sessuale completo e con l’abuso per l’inferiorità psichica della ragazza dovuta al fatto che aveva consumato stupefacenti. Il gip non ha ritenuto di concordare con il nostro punto di vista». A sostegno della violenza sessuale ci sono i risultati dei Ris. «Risulta che Oseghale ha avuto un rapporto sessuale completo con la ragazza» aggiunge il procuratore. Altro elemento il fatto che gli organi sessuali siano stati accuratamente lavati dopo l’uccisione. «Ad un certo punto Oseghale ha voluto avere un rapporto sessuale con la ragazza, e di fronte ad una non disponibilità e sotto effetto di droga ha abusato sessualmente della Mastropietro» ha spiegato il procuratore. La ragazza sarebbe poi stata uccisa per nascondere quanto accaduto.

AWELIMA CHOC – In una intercettazione Lucky Awelima, altro indagato per il delitto, dice che il 30 gennaio, giorno in cui la ragazza è stata uccisa, Oseghale gli aveva chiesto di andare a casa sua «per stuprare una ragazza bianca che si era sentita male. Lui aveva detto di non essere interessato. In seguito in un’altra intercettazione dice di aver saputo che la ragazza era stata stuprata» ha detto il procuratore.

pamela-mastropietro-evidenza

Pamela Mastropietro

LA TESI DEL GIP – Il giudice ritiene quella della violenza una ipotesi seria ma mancano i gravi indizi. Secondo il giudice si può configurare invece un’altra ipotesi. Che Oseghale si sia trovato di fronte Pamela in condizioni fisiche deteriorate. Era in stato di difficoltà psicofisica e di fronte a questo ha deciso di ucciderla per evitare di trovarsi nei guai. Non voleva emergesse che aveva avuto un rapporto sessuale con lei, che per il gip sarebbe stato consenziente, e che spacciava droga. Su questo il giudice fa forza sulle dichiarazioni del quarto nigeriano indagato (l’unico che non si trova in stato di fermo e la cui posizione viene ritenuta marginale). Aveva detto che il 30 gennaio aveva avuto diversi contatti telefonici con Oseghale che diceva di trovarsi con una ragazza bianca che stava a casa sua e non si sentiva bene. Aveva omesso di dire però, ma è emerso in una intercettazione, di aver chiesto a Oseghale se avesse dato alla ragazza tanta droga e l’altro avrebbe detto di avergliene data poca.

pamela-oseghale

Innocent Oseghale

INTERCETTAZIONI E CONTRADDIZIONI – «I quattro indagati rendono dichiarazioni vere solo in parte o smentite – ha spiegato il procuratore –. Awelima e Desmond Lucky (terzo indagato in stato di fermo, ndr) non hanno mai detto la verità. La loro filosofia è dire la verità se conviene e sennò mentire. Sono a conoscenza di dettagli mai riferiti in interrogatorio che però emergono dalle intercettazioni». Poi c’è la questione della terza persona. «Nel loro dialetto usano riferirsi a loro stessi usando la terza persona. In un colloquio Desmond Lucky definisce “cose da bambini” quelle fatte a Pamela e che in Nigeria era stato fatto altre volte. Per l’interprete: “si può pensare parli di se stesso”». Diverse e contradditorie le dichiarazioni di Oseghale che alla convivente nega di aver ucciso la ragazza, che nega di aver avuto un rapporto sessuale con lei (e questo è smentito dai Ris) che una volta dice «di aver tagliato a pezzi la ragazza, cosa che però non confermerà più in seguito», ha detto il procuratore. E in un’altra «dice che dopo aver fumato una sigaretta non aveva capito più nulla.  A riprova di un raptus che l’ha spinto a uccidere» ha spiegato Giorgio.

RICORSO – La procura valuta ora se proporre ricorso per ottenere la custodia anche per la violenza sessuale. Anche perché «del malore di cui parla il gip nella sua ipotesi non c’è prova nei riscontri medico legali» dice il procuratore.  Intanto dovrà essere fissato l’interrogatorio di garanzia per Oseghale, difeso dagli avvocati Simone Matraxia e Umberto Gramenzi.

(Servizio aggiornato alle 13,35)

procuratore_giorgio_foto_ff-1-650x433

procuratore_giorgio_foto_ff-2-650x426



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X