Deborah Pantana

Deborah Pantana


Utente dal
20/10/2009


Totale commenti
253

  • Ci ha lasciato Donatella Donati,
    patrimonio di memoria e conoscenza

    1 - Apr 6, 2021 - 15:26 Vai al commento »
    Condoglianze alla famiglia..mi mancherà molto
  • Arrivano cartelle piene di errori
    su Imu e Tasi di sei anni fa

    2 - Mar 31, 2021 - 10:12 Vai al commento »
    Tale norma citata vale anche per i tributi locali, ovvero i Comuni possono inviare gli avvisi ma la decorrenza delle intimazioni di pagamento di 5 o 30 giorni partono ormai dal 30 aprile se non vi saranno nuove proroghe. Per le prescrizioni dipende da quando sono stati inviati gli avvisi di pagamento precedenti.. resta il fatto che a mio modesto parere in questo momento difficile fare fermi amministrativi o dei conti correnti da parte dei Comuni è fuori luogo, questo l’ho fatto presente al Comune di Macerata che sta nuovamente inviando avvisi a raffica.. e mi fermo qui!
    3 - Mar 30, 2021 - 23:30 Vai al commento »
    Il decreto sostegni all’art.4, la lettera a) del comma 1 modifica il comma 1 dell’art.68 del DL 18/2020 e, tenendo conto del persistere dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 e dei relativi effetti socio-economici, differisce dal 28 febbraio al 30 aprile 2021 la data finale del periodo di sospensione dei termini di versamento, derivanti da cartelle di pagamento, nonché dagli avvisi esecutivi previsti dalla legge, relativi alle entrate tributarie e non.
  • Serromarche Infissi festeggia 40 anni

    4 - Mar 1, 2021 - 17:24 Vai al commento »
    Bravi.. vi abbraccio forte tutti
  • Trovato morto in garage,
    il corpo scoperto dal fratello

    5 - Feb 3, 2021 - 13:41 Vai al commento »
    E' un dolore forte per tutta la nostra comunità, un ragazzo straordinario.. sono senza parole.
  • Chiude storica tabaccheria
    «Il Covid non ci ha dato scampo»

    6 - Feb 3, 2021 - 13:18 Vai al commento »
    se dobbiamo dare delle colpe non possiamo non renderci conto di quanto è successo a Macerata negli ultimi anni, un impoverimento generale del centro storico, a dimostrazione che non bastano gli studenti universitari, ma è necessario il ritorno delle residenze di famiglie, degli uffici, e di alcune scuole. Io da sempre favorevole all'apertura del centro storico, ho visto che questo ormai incide poco sulla ripresa di un economia cittadina che ha bisogno di valorizzare le cose più importanti: Tribunale, Ospedale, Università e scuole di alta formazione. Ma al momento vedo ancora tanta nebbia. Mi dispiace che un'altra attività chiude, è sempre una sconfitta per tutti.
  • Un ciliegio per Pamela come a Roma:
    basta targhe, lapidi e ceri

    7 - Feb 3, 2021 - 13:36 Vai al commento »
    Lavorare le parole è un mestiere per pochi eletti, mi piace leggere da sempre quello che scrivono Lucia e Filippo, per me sono dei rari casi di emozione.. Per quanto riguarda Pamela avrei voluto, lo dico senza polemica, leggere qualche parola vera la sera della fiaccolata appena una settimana dopo l'atroce delitto, invece intorno a me ho trovato il silenzio. Ora la targa o i fiori di plastica di via Spalato, incidono poco a mio modesto parere, nel sentire collettivo di questa vicenda, che ha sconvolto l'Italia intera, infatti non ho partecipato a nessuna delle due manifestazioni: nè quella di Carancini nel 2019 nè in questa di Parcaroli. Sarebbe necessario, lo dico da madre, aiutare i nostri giovani a trovare degli spazi di incontro felici dove poter vivere in pieno le loro giovinezze, come avevamo noi, non nel timore dell'incontro con chi vende la morte. Grazie Lucia e grazie Filippo per quanto sapete donare alla nostra comunità in termini di sensibilità e di crescita, non fermate il vostro istinto e il vostro cuore.
  • E’ morto Maurizio Passarini,
    ex presidente Ambalt

    8 - Dic 2, 2020 - 17:52 Vai al commento »
    Sono addolorata per questa notizia ed esprimo le mie più sentite condoglianze alla famiglia di Maurizio.. ho perso un altro caro amico di Forza Italia. Ricorderò di te la dedizione, la tua grande disponibilità, l'amore per la nostra Macerata e le lunghe serate a discutere di politica nella sede di Forza Italia ..ciao Maurizio
  • Giunta Parcaroli, c’è posto per otto
    Nella Lega sicuri Andrea Marchiori
    e Luciani per la presidenza dell’assise

    9 - Set 25, 2020 - 18:06 Vai al commento »
    Mi sento con questo post di ringraziare davvero di cuore tutti quelli che negli anni si sono impegnati tramite questo giornale nella critica anche feroce nei miei confronti, perche' alla fine anche loro hanno contribuito a farmi ricevere il prossimo 3 ottobre il Premio Adriatico sezione Marche come "Politica vicina alla gente". Un premio che mi onora e mi stimola a continuare a stare vicino alle persone. Tanto per chiarire, anche se so che non serve: quando mi e' stato chiesto in passato perche' serviva, di mostrare il mio peso elettorale personale l'ho fatto ed ho sempre avuto dei numeri importanti come tutti sanno,quindi su questo fronte non ho nulla da dimostrare ancora; invece stavolta l'obiettivo era un altro e piu' importante a mio modesto parere : quello di aiutare a far vincere la coalizione di centro destra a Macerata al primo turno, senza interferenze per Sandro Parcaroli, che e' davvero una brava persona.. Cosi' e' stato e cosi' abbiamo vinto. Ora al centro destra unito e compatto, senza piu' le chiacchiere da bar, aspetta una nuova prova: quella di saper governare.
  • Miliozzi sui cattivi odori del Cosmari:
    «Più controlli e Tari ridotta»

    10 - Set 6, 2020 - 10:16 Vai al commento »
    Il Sistema di gestione dei rifiuti nella provincia di Macerata nei prossimi anni rischia il collasso a causa dell’ingiustificato ritardo nell’ individuazione di una nuova discarica provinciale che dovrà sostituire quella di Cingoli, in fase di esaurimento nell’anno 2021. Ma non è pensabile realizzare la nuova discarica né nelle aree interne martoriate dal sisma (vedi Camerino) né a Recanati, la città di Leopardi: la realizzazione di un impianto di smaltimento dei rifiuti come la discarica avrebbe su quei territori vulnerabili, di alto valore paesaggistico e culturale, un impatto ambientale molto significativo e negativo per l’economia locale e per il turismo che rappresenta un motore di sviluppo fondamentale di queste aree. Il problema dunque si pone in tutta la sua gravità, sia in termini ambientali, sia in termini di sostenibilità economica in una fase in cui i rifiuti invece di diminuire, come previsto dal piano regionale, tendono ad aumentare. Infatti negli ultimi due anni i rifiuti indifferenziati sono aumentati del 4,3%: nel 2018 erano 43.822 tonnellate nel 2019 sono diventati 45.760. Se non verranno adeguatamente affrontate le numerose criticità del sistema di gestione dei rifiuti in ambito provinciale e regionale si rischia il collasso ed una crescita esponenziale della tariffa di smaltimento che i cittadini della provincia di Macerata vedranno peraltro già da quest’anno aumentata del + 6,6%. E' sin troppo evidente che la politica di gestione dei rifiuti sin qui perseguita dal centro sinistra si è rivelata del tutto inadeguata ed inefficiente sotto tutti i profili: non si può continuare a immaginare di risolvere il problema pensando alla discarica come l’ unica soluzione per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati e dei sovvalli delle raccolte differenziate. Nelle Marche su una produzione annuale di oltre 800 mila tonnellate di rifiuti quasi il 40% finisce ancora in discarica, mentre in Lombardia solo il 4% con una tariffa pro capite più bassa del 20% rispetto alle Marche (vedi il rapporto Ispra 2019). Questo dimostra che in Italia ci sono regioni come la Lombardia, e non solo, che adottano da anni soluzioni tecnologiche innovative, sostenibili dal punto di vista ambientale ed economicamente vantaggiose, in grado di affrontare il problema “discariche”, ma finora non si comprende il motivo per cui non sono state ancora adottate nella nostra regione. Questo a causa del piano regionale dei rifiuti approvato nel 2015 dal centro sinistra che ha dimostrato di essere del tutto inadeguato e superato: ad esempio non è stata prevista la possibilità di realizzare un impianto regionale in grado di valorizzare dal punto vista energetico una risorsa energetica, come la “frazione secca” dei rifiuti urbani ed assimilabili, che finisce sotto terra in discarica. Se fosse stato realizzato un impianto del genere nelle Marche oggi non ci troveremmo ad affrontare la questione della localizzazione di una nuova discarica in provincia di Macerata. Non solo, le previsioni quinquennali del piano regionale sulla produzione dei rifiuti risultano sbagliate, per la provincia di Macerata si era stimata per il 2019 una produzione di rifiuti urbani di 146 mila tonnellate invece la produzione effettiva è stata pari a 166 mila tonnellate, ovvero il 13,7% in più. Chi guiderà la regione Marche per i prossimi 5 anni avrà un ruolo fondamentale nel definire una nuova strategia di gestione dei rifiuti, e le loro scelte ricadranno sulla vita di tutti i cittadini. Nelle Marche manca una gestione integrata dei rifiuti ed una base impiantistica matura e solida. Mancano impianti di riciclaggio per la frazione organica e umida (digestori anaerobici, compostaggio di qualità, bioraffinerie), mancano impianti per la gestione dei fanghi di depurazione civili. Mancano impianti per il recupero energetico dei rifiuti combustibili sia urbani che speciali originati a valle della raccolta differenziata o dalla stessa raccolta indifferenziata (infatti continuiamo a smaltirli in discarica). Su questo il centro destra ha le idee chiare: la transizione verso l'economia circolare cambia lo scenario e la natura ed il tipo di impianti da realizzare, ma non c'è "circular e green economy" senza innovativi impianti di recupero, di riciclaggio e di valorizzazione energetica della “frazione secca”.. Senza un’impiantistica adeguata il sistema “Marche” va in crisi, con conseguenze su cittadini e sulle imprese. Una politica industriale dei rifiuti deve porsi l'obiettivo di aumentare la raccolta differenziata ed allo stesso tempo quello di allineare i costi dei trattamenti a quelli degli altri paesi europei, conferendo alla filiera quell'efficienza, senza la quale si generano costi aggiuntivi che rendono il sistema non competitivo. La nostra è una proposta che vuole raggiungere gli obiettivi ambientali (riciclaggio, recupero, anche energetico, e meno discariche) ma anche generare valore aggiunto, investimenti pubblici e privati, ricchezza e posti di lavoro stabili e qualificati, ed innovazione per un settore centrale nelle politiche green. Una scelta urgente già negli anni scorsi, ma che diventa indispensabile dopo la crisi Covid19.
  • Discarica, Recanati e Montefano
    si chiamano fuori:
    «Non abbiamo siti idonei»

    11 - Set 6, 2020 - 10:16 Vai al commento »
    Il Sistema di gestione dei rifiuti nella provincia di Macerata nei prossimi anni rischia il collasso a causa dell’ingiustificato ritardo nell’ individuazione di una nuova discarica provinciale che dovrà sostituire quella di Cingoli, in fase di esaurimento nell’anno 2021. Ma non è pensabile realizzare la nuova discarica né nelle aree interne martoriate dal sisma (vedi Camerino) né a Recanati, la città di Leopardi: la realizzazione di un impianto di smaltimento dei rifiuti come la discarica avrebbe su quei territori vulnerabili, di alto valore paesaggistico e culturale, un impatto ambientale molto significativo e negativo per l’economia locale e per il turismo che rappresenta un motore di sviluppo fondamentale di queste aree. Il problema dunque si pone in tutta la sua gravità, sia in termini ambientali, sia in termini di sostenibilità economica in una fase in cui i rifiuti invece di diminuire, come previsto dal piano regionale, tendono ad aumentare. Infatti negli ultimi due anni i rifiuti indifferenziati sono aumentati del 4,3%: nel 2018 erano 43.822 tonnellate nel 2019 sono diventati 45.760. Se non verranno adeguatamente affrontate le numerose criticità del sistema di gestione dei rifiuti in ambito provinciale e regionale si rischia il collasso ed una crescita esponenziale della tariffa di smaltimento che i cittadini della provincia di Macerata vedranno peraltro già da quest’anno aumentata del + 6,6%. E' sin troppo evidente che la politica di gestione dei rifiuti sin qui perseguita dal centro sinistra si è rivelata del tutto inadeguata ed inefficiente sotto tutti i profili: non si può continuare a immaginare di risolvere il problema pensando alla discarica come l’ unica soluzione per lo smaltimento dei rifiuti indifferenziati e dei sovvalli delle raccolte differenziate. Nelle Marche su una produzione annuale di oltre 800 mila tonnellate di rifiuti quasi il 40% finisce ancora in discarica, mentre in Lombardia solo il 4% con una tariffa pro capite più bassa del 20% rispetto alle Marche (vedi il rapporto Ispra 2019). Questo dimostra che in Italia ci sono regioni come la Lombardia, e non solo, che adottano da anni soluzioni tecnologiche innovative, sostenibili dal punto di vista ambientale ed economicamente vantaggiose, in grado di affrontare il problema “discariche”, ma finora non si comprende il motivo per cui non sono state ancora adottate nella nostra regione. Questo a causa del piano regionale dei rifiuti approvato nel 2015 dal centro sinistra che ha dimostrato di essere del tutto inadeguato e superato: ad esempio non è stata prevista la possibilità di realizzare un impianto regionale in grado di valorizzare dal punto vista energetico una risorsa energetica, come la “frazione secca” dei rifiuti urbani ed assimilabili, che finisce sotto terra in discarica. Se fosse stato realizzato un impianto del genere nelle Marche oggi non ci troveremmo ad affrontare la questione della localizzazione di una nuova discarica in provincia di Macerata. Non solo, le previsioni quinquennali del piano regionale sulla produzione dei rifiuti risultano sbagliate, per la provincia di Macerata si era stimata per il 2019 una produzione di rifiuti urbani di 146 mila tonnellate invece la produzione effettiva è stata pari a 166 mila tonnellate, ovvero il 13,7% in più. Chi guiderà la regione Marche per i prossimi 5 anni avrà un ruolo fondamentale nel definire una nuova strategia di gestione dei rifiuti, e le loro scelte ricadranno sulla vita di tutti i cittadini. Nelle Marche manca una gestione integrata dei rifiuti ed una base impiantistica matura e solida. Mancano impianti di riciclaggio per la frazione organica e umida (digestori anaerobici, compostaggio di qualità, bioraffinerie), mancano impianti per la gestione dei fanghi di depurazione civili. Mancano impianti per il recupero energetico dei rifiuti combustibili sia urbani che speciali originati a valle della raccolta differenziata o dalla stessa raccolta indifferenziata (infatti continuiamo a smaltirli in discarica). Su questo il centro destra ha le idee chiare: la transizione verso l'economia circolare cambia lo scenario e la natura ed il tipo di impianti da realizzare, ma non c'è "circular e green economy" senza innovativi impianti di recupero, di riciclaggio e di valorizzazione energetica della “frazione secca”.. Senza un’impiantistica adeguata il sistema “Marche” va in crisi, con conseguenze su cittadini e sulle imprese. Una politica industriale dei rifiuti deve porsi l'obiettivo di aumentare la raccolta differenziata ed allo stesso tempo quello di allineare i costi dei trattamenti a quelli degli altri paesi europei, conferendo alla filiera quell'efficienza, senza la quale si generano costi aggiuntivi che rendono il sistema non competitivo. La nostra è una proposta che vuole raggiungere gli obiettivi ambientali (riciclaggio, recupero, anche energetico, e meno discariche) ma anche generare valore aggiunto, investimenti pubblici e privati, ricchezza e posti di lavoro stabili e qualificati, ed innovazione per un settore centrale nelle politiche green. Una scelta urgente già negli anni scorsi, ma che diventa indispensabile dopo la crisi Covid19.
  • I “moderati” per Parcaroli:
    Pantana e Popolo della Famiglia
    «Obiettivo vincere al primo turno»

    12 - Ago 29, 2020 - 22:32 Vai al commento »
    Bella giornata oggi insieme a tante persone che chiedono di cambiare a Macerata.. preciso che sia Luigi Carelli che Orietta Quarchioni, come tutti sanno, provengono dal centro di sinistra tanto che in passato sono stati candidati in consiglio comunale ma questo non ha inciso per loro nel 2015 a voler sostenere la mia candidatura a Sindaco.. poi com’è andata è ormai storia, tra chi nel 2015 faceva conferenze stampa con Carancini per dire di andare al mare e chi è sparito e non si è fatto trovare .. quanto è successo nel 2015 per me è stato davvero motivo di crescita personale, che mi ha condotto con molta umiltà a ricercare a tutti i costi quell’unità del centro destra che ho tanto perseguito. Oggi siamo riusciti insieme a tanti amici a condividere un progetto vero reale di cambiamento per questa città che parte proprio dai bisogni della famiglia vero ammortizzatore sociale .. io sono una donna di centro destra da sempre, dagli anni dell’università in cui andavo ad attaccare i manifesti per il centro destra e dovevi essere brava a fare la colla per non farli staccare, fino a quando nel 2005 ho deciso di candidarmi la prima volta in consiglio comunale con Forza Italia.. il mio primo intervento fu sulle politiche familiari e tutti quelli del Pd compreso Romano Carancini mi prendevano in giro.. poi il consiglio provinciale e le tante cose fatte per Macerata che amo e che ho sempre difeso in ogni contesto in cui mi sono trovata..continuo ad essere al fianco degli ultimi di chi ha bisogno e mi auguro stavolta di riuscire a sostenere il territorio della provincia di Macerata in consiglio Regionale.. faccio in bocca al lupo a tutti anche a quelli che stavolta hanno deciso di non continuare con me nel mio percorso, con la consapevolezza però di rimanere amica di tutti, perché ognuno porta nella vita dell’altro comunque una dote di crescita personale , così a mio modesto parere si diventa adulti e si progredisce , lontano dalle cattiverie e dalle invidie..il mio sogno è sempre quello di far vincere il centro destra sia a Macerata che in Regione..Preciso: noi siamo si dei Moderati ma arrabbiati per quanto sta succedendo nel nostro Paese, nelle Marche e a Macerata..ci vediamo in giro!
  • Il preside Castiglioni in pensione:
    «Salutando collaboratori e prof ho pianto»

    13 - Ago 29, 2020 - 22:39 Vai al commento »
    Ciao Prof.. oggi un vero amico
  • La nuova Lega riunisce il centrodestra:
    ampia intesa su Parcaroli

    14 - Lug 7, 2020 - 9:24 Vai al commento »
    Infine , vorrei precisare per l’ennesima volta che non ho mai proposto l’avv.Delle Fave che stimo, lo scorso ottobre quando ci facemmo tutti insieme quella vecchia foto con il Sen.Arrigoni proposi Antonio Pettinari a mio parere adatto a candidare a Sindaco di Macerata.. poi il dopo foto è ormai storia!
    15 - Lug 7, 2020 - 6:52 Vai al commento »
    La Pantana che sarei io, tiene a Macerata al territorio che amo e che 5 anni fa ho difeso fino al ballottaggio. Tengo ai cittadini onesti che oggi più di ieri fanno fatica ad arrivare alla fine del mese o non hanno i soldi per fare la spesa, nell’incertezza di un futuro immediato..1/3 delle attività non ha riaperto, un altro terzo chiuderà a breve ed ancora un altro terzo non arriva a pagare tutte le scadenze. Quando uno apre la partita iva ha sogni e speranze di fare cose importanti, oggi i sogni sono spariti, restano delle speranze di riuscire a farcela. Sarà difficile affrontare una campagna elettorale in questa situazione d’incertezza vera, i programmi elettorali non contano, la gente ci chiede come fare ad affrontare questo momento difficile, se ci sono risorse da mettere in campo.. bisogna far ripartire il settore dell’edilizia, noi nella drammatica circostanza del terremoto abbiamo il cantiere più grande d’Europa che bisogna far partire a tutti i costi, questo benedetto 110% del sisma bonus deve funzionare. È necessario che Macerata ritorni a parlare con tutto il territorio che la circonda , l’isolamento che viviamo dato dalla mancanza di strade di rapporti economici deve finire. Macerata non può parlare di turismo senza coinvolgere tutte le proprie bellezze e tutto il settore enogastronomico che la circonda: poi il mare , la montagna i nostri laghi sono risorse che vanno messe a sistema con lo Sferisterio.. c’è tanto lavoro da fare ed è questo il programma che porterò avanti per tutti i cittadini onesti!! Da tempo non mi interessano più le diatribe politiche o le riunioni senza senso, basta perdere tempo prezioso , è il momento di rimboccarsi le maniche, stringere i denti senza rassegnarsi! Insieme c’è la faremo ♥️ Per i nostri figli che hanno diritto ad avere un futuro!
  • Fratelli d’Italia frena sulle primarie:
    «Trovare subito intesa senza attardarci»

    16 - Mar 5, 2020 - 23:19 Vai al commento »
    Stamattina leggiamo il Corriere Adriatico e qualcuno per Fratelli d’Italia afferma di essere favorevole alle primarie, poi stasera invece dichiarano di no..domani è un altro giorno si vedrà!!! Va tutto bene... però almeno noi di centro destra siamo simpatici e teniamo allegro il dibattito..visto il momento difficile di crisi economica che stiamo vivendo..altri sette negozi in centro stanno per chiudere, questo è il nostro dramma!! Mettendo da parte questi giochetti politici che non servono a nulla , io ci sono sempre per Macerata.. prima i Maceratesi ❤️
  • Primarie, la Pantana si unisce al coro:
    «La Lega ha fatto saltare il tavolo
    e ora sono l’unica strada per ricompattarci»

    17 - Mar 5, 2020 - 15:27 Vai al commento »
    La visione esposta dall’Avv..Bommarito è di una vecchia politica che non ci appartiene di chi pensa ancora di poter spostare le pedine a piacimento .. a me interessa Macerata, la mia città♥️
  • Federica Curzi non appoggia Miliozzi:
    «Pensare Macerata è implosa,
    i reduci vedranno cosa fare»

    18 - Gen 22, 2020 - 23:39 Vai al commento »
    Stimo molto Federica come donna sempre coerente, avrei voluto vedere lei alle primarie del centro sinistra.. e le avrebbe vinte..saremmo sempre su fronti diversi ma sicuramente ci unisce il bene che vogliamo alla nostra città.. daje Federica non mollare!!!
  • Un anno senza Eleonora:
    manifesti e un concerto di cori

    19 - Gen 17, 2020 - 15:36 Vai al commento »
    È vero il bene non muore mai.. Eleonora è sempre nei nostri cuori ♥️
  • La “rediviva” Pantana pressa gli alleati:
    «La Lega decida a breve il candidato,
    io al tavolo porto tre liste»

    20 - Gen 15, 2020 - 14:20 Vai al commento »
    Bommarito Lei non può parlare di me pubblicamente come vuole .. e questo lei lo sa, assumendomene viceversa le sue responsabilità!
    21 - Gen 15, 2020 - 10:48 Vai al commento »
    Bommarito la mancanza di stima verso una persona per me è rilevante, in quanto mi impedisce qualsiasi tipo di dialogo; sono anni che noto nei suoi commenti contro di me un pensiero litigioso del quale ne vorrei fare a meno. Quindi Le ripeto per l’ultima volta che deve controllare la sua irresistibile voglia di esprimere pubblicamente i sui giudizi personali su di me. Grazie
    22 - Gen 15, 2020 - 0:41 Vai al commento »
    Allora al ballottaggio nel 2015 ci sono andata da sola.. non male direi..Bommarito come Lei sa non la stimo e so che la cosa è reciproca, quindi si astenga dal parlare di me, come io con Lei.
  • A Macerata esiste
    un’alternativa al centrosinistra?
    Io non la vedo

    23 - Ago 12, 2019 - 22:37 Vai al commento »
    Avv.Bommarito l’odio è un sentimento che non mi è mai appartenuto, mia nonna mi diceva sempre:” ricordati chi lo pensa lo fa!” Quindi ancora una volta la sua terminologia , a mio modesto parere, fa trasparire da parte sua dei sentimenti negativi dai quali preferisco, come ho fatto da diversi anni, tenermi lontana.. buona vita Avv Bommarito, le medaglie mi hanno insegnato che si debbono guadagnare!!
    24 - Ago 12, 2019 - 16:47 Vai al commento »
    Pur condividendo molto di quello che dice “Cittadino Maceratese” visto che sono all’opposizione le chiarisco due fatti: la foto inquisitoria di questo articolo che ritrae me e Carancini è stata scattata nel primo consiglio comunale del 2015 quando mi ha salutata in quanto sua sfidante al ballottaggio alle elezioni amministrative. Secondo la discussione di cui fa cenno nell’articolo non era in estate basta vedere la registrazione e soprattutto se ha pazienza davvero di risentire quello che ho dichiarato. Ribadisco che non stimo l’avv. Bommarito e tutti lo sanno perché in passato lui ha avuto modo di sostenere addirittura la Monteverde, non che ci sia niente di male in questo , ma non sopporto i voltagabbana.. In questi 4 anni sono stata a vedere i disastri di questa amministrazione e ho sofferto nel costatare che se mi avessero permesso di vincere le elezioni nel 2015 oggi Macerata ovviamente sarebbe molto diversa, ma ho avuto tutti contro perché dicevo la verità.. ora che dire? Bisogna stanarli, Lei afferma! Non so cosa c’è da tirare fuori peggio di tutto quello che abbiamo sotto gli occhi!! Infine la informo che non ho un buon rapporto con questo giornale in Line che oltre a non pubblicarmi da diversi anni un mio comunicato stampa quando parla di me dice solo falsità addirittura anche contro la mia famiglia.. Per quanto mi riguarda nel 2020 farò di tutto per portare quell’aria di rinnovamento a Macerata: Si cambia era il mio slogan nel 2015 e lo sarà nel 2020.. Buona fortuna cittadino Maceratese come me!
  • Al via il processo Oseghale,
    manifestanti davanti al tribunale:
    «Giustizia per Pamela» (FOTO/VIDEO)

    25 - Feb 13, 2019 - 19:04 Vai al commento »
    Oggi fuori dal tribunale abbiamo visto un Sindaco che si e' fatto scortare e qualcun'altro che ha avuto paura dei palloncini.. Poi invece il grande coraggio di Alessandra Verni!
  • L’ospedale unico si sposta:
    «Terreno più servito e non inquinato»

    26 - Dic 8, 2018 - 10:59 Vai al commento »
    Non è stata approvata la variante ma un banale atto di indirizzo in cui il Comune si rende disponibile a fare una variante sull’area del privato qualora la Regione Marche sia interessata a costruirci davvero l’ospedale.. le solite delibere elettorali che abbiamo già votato in passato in occasione del nuovo palazzetto a Villapotenza, la nuova strada la Mattei la Pieve, il sottopasso sotto la ferrovia in via Roma, la nuova scuola delle Vergini, le piscine..di tutte queste cose votate non abbiamo visto nulla e nessuno si è preoccupato di renderne conto alla città.
  • Pamela, annunciata una fiaccolata
    Poi il ricordo e lo sfogo della famiglia:
    dalla comunità, a Macerata e il sindaco

    27 - Mar 22, 2018 - 14:29 Vai al commento »
    Le dichiarazioni riportate nell'articolo riprese da un commento su facebook sono piene di sofferenza e di tante verità, noi Maceratesi siamo vicini alla famiglia di Pamela e ci ritroviamo sabato 24 marzo alle ore 15.30 ai Giardini Diaz.. insieme a noi manifesteranno nello stesso momento in altre città, come a Torino e Padova.
  • Se il Pd piange, Forza Italia non ride

    28 - Mar 14, 2018 - 17:00 Vai al commento »
    Intervengo perchè sono anni che in questo giornale non sono una gradita ospite, mentre sono sempre apprezzati commenti o considerazioni volti a denigrare da sempre la mia persona. Per rispondere un pò me lo lasci dire in simpatia a questo articolo, vorrei rimembrare che il dato di Forza Italia Macerata è uno dei più alti della Regione Marche , con l'unico collegio uninominale vinto dal centro destra, con il risultato più basso tra l'altro del movimento cinque stelle. Il fatto che la Lega abbia preso questa volta più voti di Forza Italia sta nella logica di quanto è avvenuto in Italia in questi ultimi anni con il governo Renzi che ha ovviamente esasperato le persone con la sua politica delle menzogne: aumento della povertà ed aumento della presenza di immigrati. I fatti tragici di Macerata hanno oggettivamente dato una spinta a livello Nazionale a chi da anni giustamente ha parlato di un'invasione da parte degli immigrati senza esserci quell'integrazione di cui tanto parlava la Presidente della Camera Laura Boldrini. Che poi, io , venga definita da questo giornale "Giustizialista ed intollerante" direi che ne vado fiera del fatto che sono più di tre anni che denuncio sistematicamente questo degrado che sta subendo Macerata a causa di un'amministrazione che non ha saputo controllare il fenomeno migratorio, dimostrandosi troppo tollerante con le associazioni che si occupano di accoglienza, senza avere il coraggio di dire basta, perchè il Sindaco può decidere di non aderire a questi famosi progetti Sprar del Ministero dell'Interno. E' grave ribadisco che il Sindaco, la Giunta e la Maggioranza non abbiano speso una parola di solidarietà per quanto accaduto alla povera Pamela, come è grave che il Sindaco e la sua maggioranza non abbiano partecipato alla Fiaccolata per Pamela. Ormai Macerata viene definita la città dello spaccio facile e questo se permette caro Giornalista non è giustizialismo o intolleranza, ma a me non sta bene affatto, per questo motivo chiedo le dimissioni del Sindaco Carancini. So che è scomodo quello che dico, ma è la verità che tanta gente condivide. Ora per ritornare sulla questione del Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani, vorrei ricordarLe che è stato il primo, lo scorso marzo appena eletto, oltre che a dedicare la sua nomina ai terremotati della nostra Regione, a portare concretezza per l'arrivo dei soldi dall'Europa per la ricostruzione. Il resto sono chiacchiere da bar che non ci interessano, come non abbiamo badato a chi ha deciso di andarsene perchè non più rassicurato da una poltrona. Buon lavoro.
  • Ahi Forza Italia, di dolore ostello

    29 - Giu 15, 2015 - 23:23 Vai al commento »
    Condivido la prima parte della tua riflessione riguardo la poca legittimita' di un Sindaco al 25 % Dei consensi, per forza Italia nonostante le devastanti elezioni regionale e' stato un gran risultato a Macerata e sicuramente il nostro Gruppo consiliare fara' un'opposizione attenta affinche' le promesse elettorali trovino la fattibilita' come sapra' il partito grazie a Riccardo Sacchi di portare avanti la proposta politica di un folto Gruppo di gente Nuova che non ha niente a che fare con la Vecchia politica e aperta sempre a tutti. Mi e' dispiaciuto che Il tuo pensiero notturno sia sceso nell'insulto personale nei miei confronti..cmq dormi sereno che da parte Mia e Degli altri CI sara' una Vera opposizione come sempre tanto d'aver fatto temere a tutti Una nostra vittoria fino all'ultimo..un abbraccio fraterno.
  • Carancini ricomincia da sè
    Il centrodestra parte da zero
    Macerata vuole la Città di tutti

    30 - Giu 16, 2015 - 14:22 Vai al commento »
    Caro Direttore nella sua analisi ha omesso di dire che invece se qualora al ballottaggio fosse andato Mosca o Menghi noi eravamo pronti a fare l'alleanza perche' per noi e'piu' importante Macerata..tutti gia' lo sapevano di questa nostra decisione..la serieta' e la coerenza CI ha premiati ma purtroppo quello che eravamo disposti a fare noi gli altri non lo hanno fatti, solo per motivi personali, vede Direttore una vera proposta politica non puo' nascere solo da un veto Su una persona CI vuole di piu' .. Ormai e' noto a tutti anche gli innumerevoli attacchi di voi di Cm che da piu'di un anno fate sempre contro di me e la mia persona ma non e' questo che ha minimamente offuscato il mio consenso che anzi e' sempre aumentato visto Il grande risultato ottenuto..io sono qui per continuare tutti Insieme Il nostro progetto di rinnovamento ...questo e' Il nuovo Centro Destra che vogliamo e saremo come sempre al fianco Della gente perbene...buon lavoro Direttore CI sentiamo per un incontro a breve Pubblico molto interessante..
  • Pantana invoca l’unità contro Carancini:
    “Fronte di liberazione
    per mandarlo a casa”

    31 - Giu 4, 2015 - 20:32 Vai al commento »
    Precisazione: " Rimango stupita dall'articolo che leggo, in quanto sono state riportate dichiarazioni non vere. Preciso che la conferenza stampa, è stata un appello all'unità di tutto l'elettorato che ha votato contro Carancini; a tal proposito faccio presente che quando ho detto "tutti" non ho volutamente menzionato alcun candidato. In verità così come riportato dai quotidiani locali in data odierna gli unici contatti avuti sono stati con Maurizio Mosca, Sig.ra Anna Menghi e la Sig.ra Tardella, persone che stimo da tempo.
    32 - Giu 4, 2015 - 20:32 Vai al commento »
    Precisazione: " Rimango stupita dall'articolo che leggo, in quanto sono state riportate dichiarazioni non vere. Preciso che la conferenza stampa, è stata un appello all'unità di tutto l'elettorato che ha votato contro Carancini; a tal proposito faccio presente che quando ho detto "tutti" non ho volutamente menzionato alcun candidato. In verità così come riportato dai quotidiani locali in data odierna gli unici contatti avuti sono stati con Maurizio Mosca, Anna Menghi e la Sig.ra Tardella, persone che stimo da tempo.
  • Scelti i “marchigiani dell’anno”
    C’è anche Maurizio Passarini

    33 - Mag 18, 2015 - 16:42 Vai al commento »
    Complimenti Maurizio
  • Leide Polci è il nuovo presidente del Centro studi gentiliani

    34 - Apr 21, 2015 - 1:07 Vai al commento »
    Complimenti Leide..Te lo meriti!
  • La Lega Nord diffida la Pantana:
    “Tolga il nostro simbolo dai manifesti”
    La risposta: “Vittima di un sabotaggio”

    35 - Apr 18, 2015 - 18:00 Vai al commento »
    Vorrei sapere chi ha autorizzato Paolini a pubblicare un mio manifesto con la mia foto e con dei simboli ancora non pubblicati e non originali, senza chiedere neanche ai possessori dei simboli l'autorizzazione, un mio manifesto tutto acciaccato e con degli scarabocchi sopra. Tra l'altro un manifesto mai autorizzato da me e che non corrisponde al manifesto che ho dato da affiggere cmq la pratica è già dal mio avvocato, quindi siete pregati di toglierlo..
  • Tiroide, l’Amatim: “Tra due anni sarà
    il tumore femminile più diffuso
    dopo quello della mammella”

    36 - Apr 10, 2015 - 22:51 Vai al commento »
    Complimenti per l'iniziativa che condivido pienamente
  • La lunga marcia di Deborah Pantana,
    tra liti e polemiche

    37 - Feb 11, 2015 - 17:00 Vai al commento »
    Caro Peppe il vero incubo e' un altro..e'vedere ancora le foto di certi personaggi in prima fila ieri sera all'ostello ricci..il mio asilo!! Infatti stamane guardandole su cm mi e' venuto il virus intestinale..andiamo avanti! Macerata puo' rinascere!
  • Tifoso ferito allo stadio,
    amputate tre dita
    La Procura ha aperto un’indagine

    38 - Gen 26, 2015 - 23:45 Vai al commento »
    Forza Daniele..siamo con te..
  • Anna Menghi gela Pantana e Forza Italia:
    “Non ci sto,
    non avete rispettato le regole”

    39 - Dic 12, 2014 - 8:56 Vai al commento »
    Cara Anna e'giusto che ognuno di noi faccia le sue scelte e so da tempo che tu avevi già maturato la tua, quello che rimane poco comprensibile e' che il tuo comunicato su questo giornale on line e' alquanto diverso da quello apparso sui quotidiani locali...potrebbe trattarsi di " attacchi informatici"? Ridiamoci su..non sarà certo un articolo ad interrompere la nostra lunga amicizia..
  • Dolore alla Pro Loco di Piediripa
    E’ morto Claudio Carassai

    40 - Dic 9, 2014 - 14:05 Vai al commento »
    era una persona sorridente e sempre disponibile ad aiutare gli altri.. condoglianze alla famiglia.
  • “Giornalisti Marche per Cambiare”
    Aria nuova al Sigim

    41 - Dic 4, 2014 - 13:44 Vai al commento »
    complimenti Rosalba..
  • Sei di Macerata se…
    fai strumentalizzazioni elettorali

    42 - Nov 8, 2014 - 19:55 Vai al commento »
    Vedi Matteo tu oggi sei il direttore di in giornale on line con delle precise responsabilità visto anche il successo che hai ottenuto ed i riconoscimenti che ho letto, di cui cmq Macerata dovrebbe essere onorata, quindi non poi più scrivere degli articoli dove insulti tutti, me per prima come sempre, e poi addirittura ti commenti sotto e pretendi che uno ti risponda sui contenuti...quando ci sarà una tua informazione diversa è ovvio che ci sara' la corsa a risponderti proprio sui contenuti..per natale c'è ancora tempo..buona castagnata! P.s è la prima volta che qualcuno senza conoscermi mi dice che sono antipatica...
    43 - Nov 8, 2014 - 1:27 Vai al commento »
    A parte l'ennesimo articolo di pura fantasia, con i soliti attacchi vari, mi piace moltissimo la foto ritocco di Filippo..Caro Filippo sei un grande!!!!! Dovremmo organizzare un incontro a Natale con te. Un abbraccio a presto e buonanotte amico mio.
  • Aldo e Alfreda, sposi da 45 anni

    44 - Ott 27, 2014 - 9:51 Vai al commento »
    tanti tanti auguri!!!!!!
  • La scuola San Giuseppe vince mille euro al Concorso Michelin

    45 - Set 19, 2014 - 9:39 Vai al commento »
    bravi..
  • Thomas Zettera ospita Alberto Angelici,
    direttamente dalla Mayo Clinic

    46 - Set 16, 2014 - 16:08 Vai al commento »
    complimenti a voi e a Thomas per la sua grande forza di volontà e al suo sorriso..
  • Forza Italia, dal summit segreto
    semaforo rosso alla candidatura Pantana

    47 - Set 3, 2014 - 21:47 Vai al commento »
    vorrei sottolineare bene questo: uomini pazienti! Dicono che il cardinale Siri soleva ripetere:" cinque sono le virtù di un vescovo: prima la pazienza, seconda la pazienza, terza la pazienza, quarta la pazienza e ultima la pazienza con coloro che ci invitano ad avere pazienza". Francesco, discorso alla riunione della Congregazione dei Vescovi, sala Bologna 27 febbraio 2014.
  • Macerata è nel Cuore:
    “La Pantana faccia un passo indietro”

    48 - Ago 31, 2014 - 2:07 Vai al commento »
    La Pantana di passi indietro non ne fa, potrebbe essere uno slogan elettorale. Leggendo l'articolo lo trovo a mio modesto parere un po incongruente con il titolo perché non mi sembra che scrivete di me. Resta il fatto che le difficoltà di Carancini sono nate proprio perché ha vinto per pochi voti significa quindi che il nostro progetto del PdL di 5 anni fa era valido e che va ampliato con nuove e vere liste civiche come le 6 già presentate con candidati veri, non come quelle sbandierate da qualcuno e inesistenti. La lista di Pistarelli Macerata nel cuore era parte del PdL come lo dimostrano i voti quindi se voi due prenderete altre strade ce ne faremo una ragione ma il progetto e soprattutto il programma politico continuerà ad andare avanti. Forza Italia in questi anni ha lavorato in consiglio comunale portando avanti il progetto che nel 2010 gli ha dato un consenso del 49.9% ora nel 2015 riproveremo tutti insieme a vincere e con sincerità ho visto Sacchi Castiglioni Pistarelli Luciani Salvatori molto entusiasti e questo mi fa molto piacere, siamo un gruppo coeso che ha superato tante prove ed ora è pronto all'assalto poi in politica chi tenta di dividere c'è sempre ma non importa..conta il bel clima di affetto che c'è tra noi e che stiamo trasmettendo ad altri. In bocca al lupo e che Dio ci benedica a tutti che ne abbiamo bisogno..
  • Surreale estate pre elettorale: terzultimatum,
    partito dell’amore e segreti di Pulcinella

    49 - Ago 30, 2014 - 14:34 Vai al commento »
    Tamara lascia stare gli insulti...io ci credo che tu saprai fare meglio del mercatino, verrà il tempo che lavoreremo insieme. Ora scusa ma mio fratello domani si sposa.ciao
    50 - Ago 30, 2014 - 11:40 Vai al commento »
    Tamara stai serena come mai tutta questa rabbia? Quando vinceremo il mercatino te lo facciamo fare tranquilla..cmq io non ho fatto nessuna dieta e lo stile dell'insulto personale non mi appartiene..grazie di cuore perché questo tuo commento mi ha dato la risposta che aspettavo: sono sulla strada giusta per mandare a casa gli amici di merende...ciao
    51 - Ago 29, 2014 - 18:34 Vai al commento »
    Caro Andrea l'unità del centro destra è impossibile finchè ci saranno i Ciaffiani infiltrati da noi che pensano solo a dividere. Cmq questa volta non sarà un problema vinciamo ugualmente. ciaoo
    52 - Ago 29, 2014 - 12:51 Vai al commento »
    Cari Giuseppe e Andrea Marchiori vi aspetto il prossimo anno in Comune.. con affetto!
  • La politica ha stancato,
    ora piacciono gli animali

    53 - Ago 24, 2014 - 0:14 Vai al commento »
    Caro dott.Liuti condivido il suo giudizio sulla politica per questo mi piace la storia della nostra pavoncella che secondo me viene salvata e accudita dal cacciatore.. Mentre le reti e le doppiette le lascerei nelle menti di quei vecchi politici che dopo aver distrutto Macerata pensano ancora di condizionarle le scelte..ma ne riparleremo presto..
  • San Giuliano, prima volta in Corso Cairoli
    “Bancarelle solo in una corsia”

    54 - Ago 24, 2014 - 15:49 Vai al commento »
    Era ora.... Bravi ai commercianti delle casette ..
  • Unimc lancia la laurea in inglese che apre al mondo

    55 - Lug 31, 2014 - 23:35 Vai al commento »
    Complimenti al nostro Rettore e grazie perche è questo che qualifica e fa conoscere la nostra città..
  • AAA cercasi candidato sindaco

    56 - Lug 31, 2014 - 22:29 Vai al commento »
    Caro Giuseppe grazie per i complimenti alla mia persona , vorrei rassicuranti sul fatto che il cosiddetto fronte di centro destra non sta vivendo crisi di nervi nè tantomeno in forza Italia ci sono attualmente o ci saranno scontri frontali..presto si vedrà da che parte starà il vero rinnovamento, la verità è che di questi giochetti soliti a dividere siamo tutti stanchi perché Macerata in questi anni così facendo è arretrata su tutto...chi ha il grande merito come te ad esempio di aver saputo portare avanti delle denunce tramite questo giornale oggi dovrebbe a mio modesto parere continuare a distinguersi senza scendere nella banale contrapposizione politica di partito ormai fuori tempo per ogni schieramento..io sono determinata e non sarà il cosiddetto "ciaffismo maceratese" ad impedirmi di togliere le catene alla città... Stai bene.
  • E’ morto Antonio Parisi Presicce,
    fondò la Pinacoteca di Palazzo Ricci

    57 - Lug 28, 2014 - 1:42 Vai al commento »
    Sentite condoglianze a tutta la famiglia, un forte abbraccio a Chiarastella
  • E’ morto Alfredo Antinori,
    storico esponente della Dc

    58 - Lug 22, 2014 - 18:06 Vai al commento »
    condoglianze alla famiglia. Alfredo riposa in pace
  • Lutto per Anna Menghi,
    è morto il padre Luciano

    59 - Lug 17, 2014 - 13:18 Vai al commento »
    condoglianze Anna.. ti sono vicina.
  • Congratulazioni alla neo dottoressa Giorgia Bove

    60 - Lug 18, 2014 - 12:36 Vai al commento »
    Brava.. in bocca al lupo per tutto!!!
  • Incidente in via Pace,
    lievi disagi al traffico

    61 - Lug 9, 2014 - 16:16 Vai al commento »
    infatti il problema è sempre lì..
  • Nuovo Centrodestra Macerata,
    Barbara Arzilli è il coordinatore comunale

    62 - Lug 3, 2014 - 17:32 Vai al commento »
    se si sente una mente libera stia sereno..
    63 - Lug 3, 2014 - 16:38 Vai al commento »
    Complimenti Barbara e buon lavoro a tutti voi..
  • “Capitale della Cultura”, anche solo partecipare sarebbe stato bello

    64 - Giu 21, 2014 - 23:39 Vai al commento »
    Condivido in pieno il tuo intervento
  • Inizia l’era di Gianluca Pasqui
    Conti gli consegna la fascia

    65 - Mag 29, 2014 - 10:04 Vai al commento »
    Caro Gianluca è una vittoria tutta tua e della tua Camerino.. Bravo!!
  • Ncd, Mc nel cuore, Ballesi e Menghi:
    “Stiamo lavorando a una lista unica”

    66 - Apr 14, 2014 - 1:05 Vai al commento »
    Sig.  Paleari non possiamo più lasciare Macerata ai soliti noti perché l'hanno distrutta..basta vedere le strade, in alcune zone ci sono buche così profonde che sembra di vivere nel dopoguerra!!  Un saluto al Sig. Sellone!!!!
    67 - Apr 13, 2014 - 20:09 Vai al commento »
    Sig. Orfeo purtroppo mi ci vorranno ancora tanti anni prima di diventare nonna, mio figlio ha solo sette anni, peccato.. al di là della battuta intanto in qualcosina concordiamo e niente non è.. a presto clob!!
    68 - Apr 13, 2014 - 18:54 Vai al commento »
    Al di là delle facili battute o dei commenti politici di rito che ho letto in riferimento a questo articolo, penso che in un momento così difficile per Macerata vedere cmq la buona volontà di alcuni esponenti civici di opposizione, chi con più esperienza o chi meno, non possa che far piacere a me sicuramente, è ovvio, ma penso anche ai tanti maceratesi che vorrebbero un'alternativa seria per la città.  Ritengo che in questa fase sia importante lavorare su più fronti e in maniera responsabile tutti i consiglieri di opposizione lo stanno facendo, ovviamente con mille difficoltà legate da un lato alla mancanza dei potenti mezzi della macchina amministrativa che oggi sono tutti in mano al centro sinistra, dall'altro perché sono già cominciati i richiami dei "soliti noti".  Vedere Anna e Giorgio insieme a disposizione di un gruppo di giovani, mi fa molto piacere, bene avanti tutta allora!!!!
  • Lottizzazione Simonetti,
    ennesima operazione
    a scapito del pubblico

    69 - Mar 26, 2014 - 16:31 Vai al commento »
    la denuncia politica fatta nel 2012 e portata avanti sia in commissione bilancio che urbanistica ha prodotto solo un minimo pagamento da parte della Simonetti di euro 350.000,00 a fronte poi di una richiesta di sponsorizzazione della stagione lirica del 2012, guarda caso lo stesso anno in cui i nostri amministratori tentarono di far finta di niente.
  • La doppia tragedia di Amandola

    70 - Mar 13, 2014 - 16:17 Vai al commento »
    ogni volta che leggo questi tuoi interventi sento come madre un senso di angoscia profonda mista a paura.. però è un bene perché non possiamo nascondere la testa sotto la sabbia questa è la vera vita che purtroppo ci circonda e che ruota in maniera feroce intorno ai nostri figli.
  • Carelli, il cemento amato, l’orologio di piazza
    e i tempi di risposta del Partito Democratico

    71 - Mar 11, 2014 - 17:15 Vai al commento »
    E' stano Carlo il tuo attacco a forza italia.. come tu sai noi abbiamo chiesto una commissione d'indagine ben due anni fa bocciata da maggioranza e da qualche esponente dell'opposizione poi c'è stata un ulteriore richiesta, cmq ormai non mi stupisco più di nulla: tutto diventa strumentale..  ciao e buon lavoro.
  • Deborah Pantana: “Dove sono i 244mila euro della compravendita Smea – Cosmari?”

    72 - Feb 27, 2014 - 8:44 Vai al commento »
    Sig. Orfeo Lei mi è molto simpatico deve credermi ogni volta che leggo CLOB mi faccio molte risate..   Caro Giuliano è impossibile che la quota del Comune venga riscossa dal privato della SMEA, penso che te ne rendi conto.. ciaoo
  • “Berlusconi ha fatto tanto per la città,
    facciamolo cittadino onorario”

    73 - Feb 25, 2014 - 22:41 Vai al commento »
    Caro Asterio sei proprio una persona generosa e credo che dovremmo fare una petizione affinché la tua proposta abbia buon fine.
  • Soili Herpe, galeotta fu la pallavolo
    “In Francia per amore di Renaud”

    74 - Mar 10, 2014 - 11:17 Vai al commento »
    ciao Soili, in bocca a lupo per tutto!! Quanti ragazzi della Pace se ne sono andati dall'Italia!! Non immaginavo..  
  • “La Tares è aumentata nonostante le promesse del sindaco”

    75 - Feb 13, 2014 - 16:15 Vai al commento »
    Brava..
  • Dopo l’odg contro le coppie omosessuali, arriva la mozione sulle unioni civili

    76 - Feb 10, 2014 - 9:17 Vai al commento »
    riporto articolo del giornale maggio 2013 : Da Nord a Sud della Penisola le richieste non decollano   Immagine pagina   Didascalia immagine     Contenuto Articolo «Si tratta di una decisione di grande valore civile, pur nei limiti delle competenze amministrative. Si riconoscono infatti diritti di persone e legami presenti e diffusi nella nostra società. Ritengo che tali temi debbano essere affrontati anche a livello legislativo», nelle parole di Marco Doria, sindaco di Genova, si rende evidente la coscienza del fatto che il provvedimento approvato non ha effetti giuridici. Con l’approvazione del Registro infatti, Genova prosegue il cammino delle molte copie conformi che continuano a fiorire in svariate città italiane, collezionando però risultati tutt’altro che lusinghieri. Il fenomeno si censisce senza soste dal 1993, anno in cui Empoli, primo comune in Italia, predispose un regolamento comunale sulle unioni civili con due successive delibere. Negli anni, alcune delle principali città italiane si sono dotate di un registro vero e proprio o di una qualche altra forma di riconoscimento per le coppie di fatto, come per esempio la certificazione di famiglia anagrafica. È il caso di Milano, Napoli, Bologna, Firenze, Bari, Palermo, Padova, Ravenna. Ma ci sono anche città di medie dimensioni come Ancona, Ferrara, Pisa, Bolzano, Perugia, Macerata. Scorrendo l’elenco disponibile, si scopre che in vent’anni sono circa 130 i comuni che hanno approvato i registri di coppie di fatto e di famiglie omosessuali. Ma che i registri finiscano per essere meri atti formali, istituiti più per motivi simbolici che di utilità pratica, è testimoniato dal generalizzato fallimento di questi provvedimenti. Gli stessi potenziali utilizzatori infatti, sono perfettamente consapevoli degli scarsi vantaggi disponibili con l’iscrizione, al di là di una mera certificazione. I vari registri introdotti in questo settore infatti, non introducono un nuovo status giuridico, che resta materia di esclusiva competenza dello Stato, ma si limitano a disciplinare i rapporti delle coppie di fatto relativamente all’erogazione di servizi dell’amministrazione locale, come le iscrizioni nelle graduatorie per le case comunali o i servizi cimiteriali. L’ultimo flop registrato è quello di Cagliari, dove in nove mesi di attività e a fronte di un bacino di utenza di quasi 150mila abitanti, le coppie iscritte risultano essere soltanto nove. In Sardegna anche i comuni di Atzara e Porto Torres aspettano ancora, da sei e due anni, l’avvio di domande di iscrizione. Il caso di Gubbio è emblematico: il registro è stato cancellato dopo dieci anni con un voto bipartisan. Dal 2002 infatti, risultava iscritta soltanto una coppia. Si computano scarse adesioni anche in Trentino Alto Adige: a Trento il registro, attivo dal 2006, contava poco più di 20 coppie; a Bolzano (dove le coppie di fatto possono registrarsi all’anagrafe dal 2003) dal Comune fanno sapere che il trend si attesta su una media di "3 o 4 all’anno", ma la cifra è "ottimistica, visto che non se ne parla e nessuno sa che esista". Nel Comune di Arco, dove il registro è attivo dal 2005, pare resista una sola coppia, visto che le altre tre hanno deciso di cancellarsi (due si sono sposate, una si è separata). Ma secondo i dati disponibili, anche le grandi città soffrono la medesima disaffezione. A Firenze si contano 73 coppie in dieci anni, mentre poco più di un centinaio sono quelle iscritte a Torino dal 2010. E forse, è anche sulla scorta di queste considerazioni che, quasi a ridosso della Giunta genovese, il Consiglio comunale di Gorizia ha preferito scegliere la via opposta e ha bocciato l’idea di un Registro analogo.   Emanuela Vinai     Nell'articolo si menziona Macerata perché cmq l'odg è stato approvato anche se nessuno ha mai spiegato che non è stato poi disciplinato.. chissà oggi che ci vogliono far votare!!
  • Odg sulle unioni gay, gli Studenti Medi: “Siamo tornati all’età della pietra”

    77 - Feb 5, 2014 - 18:51 Vai al commento »
    Simpatica vignetta della famiglia flintstones..
  • Odg contro le unioni gay,
    Ines Corti: “Macerata non meritava
    questa offesa”

    78 - Feb 5, 2014 - 23:45 Vai al commento »
    @stefano blanchi Pur condividendo  poco questa volta del tuo intervento resti sempre l'unico esponente locale di sinistra vero che io rispetto molto..ciao
  • Omaggio a Macerata la bellissima

    79 - Feb 9, 2014 - 20:42 Vai al commento »
    Complimenti bravo come sempre..  
  • Centro storico, in bilancio incentivi
    per residenti e attività commerciali

    80 - Gen 31, 2014 - 19:23 Vai al commento »
    La ringrazio sig. Poloni, soprattutto per le parole educate che mi ha rivolto..
  • Così Macerata si perse il Festival del cinema, otto anni prima di Roma

    81 - Gen 28, 2014 - 21:17 Vai al commento »
    Anche a me quei sassi a corso Matteotti non piacciono proprio..grazie Maurizio a presto. Un saluto al grande maestro Ferretti.
  • In 150 per il compleanno del motoclub Pistello
    Patron Torresi: “Un anno di grandi soddisfazioni”

    82 - Gen 28, 2014 - 8:43 Vai al commento »
    Bravi, sempre!
  • Per Obama è secondo solo
    a Cristoforo Colombo
    Riecco Dante: “Dov’è la mia città?”

    83 - Gen 25, 2014 - 20:30 Vai al commento »
    Purtroppo quello che dice il Maestro Dante Ferretti è tutto vero..5000 maceratesi hanno chiesto a questa amm.ne un piano per il centro storico e prontamente  il sindaco ha bocciato la delibera perché ha detto di avere già intrapreso un percorso per il rilancio del centro . Di fatto poi  il sindaco  ha le idee così chiare che  ha sottoscritto un protocollo con  l'università di Camerino per un concorso di idee  proprio per il rilancio del centro storico  addirittura riservato ad architetti  non maceratesi.. non basta  alla fine dichiara sempre ridendo che sarà il Buonaccorsi con le sue 6000 presenze annuali  a rianimare il centro: PRATICAMENTE 6000 PRESENZE DIVISO PER 365 GIORNI FANNO SI E NO 20 PERSONE AL GIORNO, GIUSTO QUELLE CHE SI VEDONO PASSEGGIARE IN CENTRO.  Qualche giorno fa avete pubblicato una bellissima foto di  Alessandro Gassman che passeggiava di giorno per corso della repubblica sempre deserto.. fortuna il wifi!
  • E’ già partita la corsa alle elezioni
    Mariella Tardella pronta a candidarsi

    84 - Gen 23, 2014 - 12:01 Vai al commento »
    La mia posizione, quella di idea Macerata e di forza italia non sono incerte, anzi sono ben chiare da tanto tempo..
  • Innocenzi torna alla Questura di Macerata

    85 - Gen 20, 2014 - 18:44 Vai al commento »
    Sono felice del tuo ritorno .. era ora! Ciaoo  
  • Malore dopo il derby,
    muore storico tifoso

    86 - Gen 20, 2014 - 17:58 Vai al commento »
    È stato il mio compagno di banco alle elementari, è sempre stato un bravo ragazzo, mi dispiace molto. Condoglianze alla famiglia Ciao Marco 
  • La dismissione della centralina “spiona” e la logica dello struzzo sulle Pm10

    87 - Gen 14, 2014 - 17:58 Vai al commento »
    Condivido la richiesta..
  • L’umore nero dei cittadini e il trionfalismo degli amministratori

    88 - Gen 3, 2014 - 19:44 Vai al commento »
    Condivido in pieno la tua riflessione purtroppo il 2013 è stato un anno  terribile  per la crisi profonda che stiamo vivendo, per l'aumento della povertà ed anche per il numero dei suicidi che anche nella nostra città hanno sconvolto l'animo di tutti. In questi giorni che vivo un lutto familiare avvenuto proprio il 31 dicembre mi è tornato alla mente la morte di Roberto Scocco una persona che mai avrei immaginato  fragile eppure .. dobbiamo pensare ai nostri giovani e farli forti perché purtroppo  la nostra società è diventata molto violenta: nel linguaggio , nei gesti; senza certezze per il futuro, quindi i nostri ragazzi possono cadere facilmente nella rete dello sconforto  e delle illusioni facili, come la droga, l'alcool, il gioco ..grazie Donatella una donna sempre attenta alla  realtà della verità
  • Urbanistica: l’excusatio non petita di Giorgio Meschini

    89 - Dic 27, 2013 - 22:48 Vai al commento »
    Devo dire che leggendo oggi l'intervista di Meschini sono due le considerazioni che ho fatto: la prima è come mai non ha menzionato la lettera che lui scrisse nel 2004 agli aderenti alla minitematica, proprio alla vigilia delle elezioni amministrative del 2005, ( così ci riferiscono le cronache)  quella credo fosse firmata solo da lui; la seconda è che Macerata, leggendo proprio le parole di oggi di Meschini, e ferma da quindici  anni. Io sono stata eletta per la prima volta nel 2005 ed ancora parliamo delle stesse cose: piscine, palazzetto, mattei pieve, buonaccorsi, problemi del centro storico, ecc. Quindi al di là di cosa si è votato tutto è fermo, poi possiamo parlare e ricamare su tante cose ma il dato è drammatico, il centro sinistra ancora parla di un idea vecchia di città, superata.. e la commissione di inchiesta che chiedemmo due anni fa ( non solo sull'urbanistica ma anche sugli incarichi negli enti partecipati dal 2000 al 2011, sui conti dello Sferisterio) era un po' per fare il punto della situazione ed attualmente ci appare ancor più necessaria; senza però perdere di vista le vere priorità: uno su tutti il lavoro, un tema che dovremmo affrontare in consiglio. Speriamo che il 2014 sia un anno migliore per tutti.. Auguri
  • Due scuole maceratesi adottano il metodo Montessori

    90 - Dic 18, 2013 - 18:54 Vai al commento »
    Condivido in pieno le due iniziative, Buon lavoro..
  • Guardare all’Europa o piangerci addosso?

    91 - Dic 15, 2013 - 10:11 Vai al commento »
    Complimenti condivido
  • Bufera urbanistica, Carancini:
    “Carelli si deve dimettere”

    92 - Dic 14, 2013 - 20:12 Vai al commento »
    Sig.ra Torresi ho avuto modo di parlare con lei un paio di volte e se posso permettermi ho avuto l'impressione che lei sia una donna in gamba e che approfondisce le questioni e sa dare il giusto equilibrio alle cose quindi ritengo che almeno lei a differenza del sindaco si sia realmente resa conto del mio lavoro in consiglio, le battaglie fatte e la mia presenza quando ho potuto in tutte e 4 le commissioni consiliari per capire un Po' di più l'apparato amministrativo a differenza dei 5 anni passati con Meschini dove ero un Po' una dilettante allo sbaraglio. Ci tenevo a chiarirlo con lei. Lo stesso Luciani ha già dichiarato che le affermazioni nei mie riguardi da parte del Sindaco oltre ad essere non vere sono irrispettoso. Ma lunedì in consiglio avremo modo di parlarne approfonditamente.in fede.
    93 - Dic 14, 2013 - 15:27 Vai al commento »
    Intanto dopo la conferenza stampa di ieri una risposta Sindaco tuo malgrado hai dovuto darcela, chiedendo le dimissioni del tuo presidente di commissione , che vorrei ricordarti milita nel tuo partito, ma non basta, lunedì in consiglio ti chiederemo di più noi di Forza Italia, non puoi più nasconderti dietro un dito. Con rispetto del tuo ruolo di Sindaco mi permetto di consigliarti  di pensare a quello che hai votato tu in giunta in questi anni e non pensare sempre a me.. Scusa ma stai diventando patetico..a proposito quando parleremo degli incarichi dei tuoi amici? Ciao buona domenica, a lunedì.
  • “Uno scandalo l’urbanistica a Macerata”
    Forza Italia chiede risposte a Carancini

    94 - Dic 13, 2013 - 18:28 Vai al commento »
    a dire il vero non ho evitato nulla, anzi, ribadisco la posizione espressa oggi in conferenza stampa:" da un lato c'è un indagine giudiziaria che sta facendo il suo corso e per la quale vogliamo che si faccia chiarezza su tutto e che si vada fino in fondo, è ovvio che a noi ci interessa la parte politica dove abbiamo denunciato pubblicamente i molti errori commessi da questa e dalla passata amministrazione: abbiamo chiesto una commissione di inchiesta per i conti dello Sferisterio, per gli incarichi erogati negli enti partecipati, per l'urbanistica, abbiamo difeso in tutti i contesti istituzionali (consiglio comunale commissione prima e terza) le prerogative del consiglio comunale, ma non c'è stato niente da fare la Giunta con un parere dell'ultimo segretario comunale, nonchè anche dirigente dell'urbanistica, quindi controllore e controllato insieme, ha arrogato a sè ogni competenza, spogliando di fatto i consiglieri di ogni potestà di controllo sugli atti amministrativi. Per di più in questi anni, e adesso in maniera più acuta,  stiamo assistendo ad una guerra strisciante tutta interna al centro sinistra, fatta di veleni, di guerre intestine, dove è la città che sta pagando il prezzo più alto, di un immobilismo disarmante. Il Sindaco si sta mostrando purtroppo ancora una volta inadeguato a svolgere il suo ruolo. La critica del centro destra sulla politica urbanistica della città è una storia vecchia. In questi anni oltre agli errori politici strategici del centro sinistra vi è stata una mancanza di ricambio, sono troppi anni che ci sono sempre le stesse persone a gestire il potere, questo crea delle situazioni di blocco, quindi l'alternanza e il ricambio sono a mio parere una medicina preventiva contro ogni malcostume. Quindi oggi il centro sinistra tutto e il Sindaco non possono scaricarsi delle proprie responsabilità trovando dei capri espiatori per continuare a mantenere le loro poltrone e portare la città allo sfascio. Il centro sinistra ha gestito in questi anni Macerata come se fosse una cosa propria: gli uffici amministrativi sono lasciati soli in balia degli eventi, è stata messa in atto una politica della divisione e del sospetto: o stai con me o contro di me, non è possibile continuare in questo modo.        
  • Si allarga l’inchiesta sull’urbanistica

    95 - Dic 13, 2013 - 20:17 Vai al commento »
    Caro Giuseppe non entro nel merito di un commento anonimo ma del tuo ultimo si: il merito del colloquio erano alcune difficoltà economiche della ditta di Lambertucci con ben sai, visto che ne abbiamo parlato tante volte ed era in discussione da parte dell'amministrazione una delibera per la rateizzazione  degli oneri, poi approvata all'unanimità per impedire che tante ditte fallisse e la gente perdesse il lavoro; mentre si parlava è ovvio che si è anche detto di te ma nessuno come ti ho successivamente spiegato al telefono ha detto che tu non dovessi esprimere i tuoi pensieri. Lambertucci. Il maratoneta di Dio, lo stimo tanto quindi mi sembrava giusto sentire le sue istanze e che lo facesse anche Carelli e quindi l'amministrazione. Su di te privatamente e pubblicamente ho  sempre tifato per le tue inchieste. Ciao
  • Appello al centrodestra di Macerata

    96 - Dic 12, 2013 - 18:36 Vai al commento »
    Innanzitutto grazie dell'intervento come sempre vero appropriato e pieno di spunti positivi che ci aiutano a crescere, forse proprio la nostra inesperienza nel governare visto che siamo sempre stati all'opposizione può diventare il nostro punto di Forza e di Unione, devo dire anche che  questa crisi profonda del cosiddetto sistema Macerata, deve farci superare alcuni steccati e capire che le ideologie non aiutano a governare un comune anzi forse sono proprio un limite alle cose concrete da fare: purtroppo a Macerata dobbiamo ripartire da zero. Far ripartire la macchina comunale innanzitutto oggi i nostri impiegati sono lasciati soli in balia di tutto, va riacquistato fiducia e serenità, basta con le divisioni e il continuo discredito dell'altro, basta con la politica del sospetto continuo. Poi ci sono le scelte importanti da fare all'interno del nostro bilancio, ciò che possiamo fare e ciò che non possiamo più permetterci, poche grandi opere ma una vera piscina si. E poi i rapporti con i comuni con la Regione con i ministeri, vanno curati, poi una vera politica sociale al fianco degli ultimi.. Un nuovo centro storico, forse è un sogno ma questo mi aiuta a vivere meglio questo momento di profonda crisi di Macerata.. Ai miei compagni di partito mi scuso se qualche volta li ho strapazzati ma voglio loro molto bene, lo dico con sincerità e loro lo sanno. Abbiamo commesso errori o mancanze probabilmente si però lo spirito ci aiuterà a far capire a chi è deluso in questo momento che noi ci siamo sempre e comunque è che non abbandoneremo nessuno. In fede 
  • Quei trenta parcheggi
    che paralizzano il centro storico

    97 - Nov 28, 2013 - 8:43 Vai al commento »
    Personalmente non mi sta proprio bene che Macerata sia ridotta in queste condizioni, ogni negozio che chiude è una ferita profonda al cuore di tutti noi.. Per questo continuo, anche se oggi mi bocceranno la delibera la battaglia dei 4500 firmatari non finirà qui.
  • Cult Marche vi aspetta online

    98 - Nov 15, 2013 - 13:23 Vai al commento »
    Siete fantastiche
  • Sosta a pagamento per i disabili
    “Sono sempre i più deboli a pagare”

    99 - Nov 10, 2013 - 21:05 Vai al commento »
    Questione gravissima che portiamo in consiglio comunale martedì sig. Stizza .
  • Abolire l’isola pedonale?
    Proviamo e stiamo a vedere

    100 - Nov 3, 2013 - 0:54 Vai al commento »
    È questo lo spirito della delibera stravagante ma necessaria..
  • Centro storico, Comune bocciato
    “Tre anni per pedonalizzare 50 metri”

    101 - Ott 24, 2013 - 21:10 Vai al commento »
     Questo è il testo della delibera che presenteremo in consiglio e probabilmente andrà in discussionione a metà novembre. Proposta di deliberazione di Consiglio Comunale   A norma dell'art.22 del Regolamento disciplinante l'attività del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari permanenti, che riserva ai consiglieri comunali la facoltà di presentare proposte di deliberazione di competenza del Consiglio ai sensi di Legge e dello Statuto.   Oggetto: indirizzo per un nuovo piano di sviluppo del centro storico.         IlConsigliocomunale     Vista la deliberazione di Giunta Municipale n.51 del 21/2/2007, avente ad oggetto “Aggiornamento delle zone di particolare rilevanza urbanistica nelle quali sussistono esigenze e condizioni particolari di traffico, nonché introduzione delle zone residenziali di cui all’art.135 del regolamento di esecuzione ed attuazione del codice della strada”;   Visto altresì il provvedimento n.52, sempre di Giunta comunale ed approvato nella pari data del 21/2/2007, concernente la “Riarticolazione del sistema della sosta, finalizzato – mediante revisione tariffaria ed abbonamenti a basso costo – al riequilibrio fra parcheggio su strada e parcheggio in struttura”; Preso atto che l’accesso veicolare al Centro storico della città è attualmente sottoposto ad un sistema di rilevamento elettronico ed automatico, con telecamere, delle autovetture in ingresso alla relativa Zona a Traffico Limitato (ZTL) nei rispettivi varchi di accesso alle Via Don Minzoni e Mozzi e la cui regolamentazione attualmente stabilisce che per gli automezzi non espressamente autorizzati, privi cioè del necessario permesso di circolazione (transito e sosta), il divieto di accesso è rispettivamente stabilito: - dalle 7.30 alle 12,30 e dalle 16.30 alle 19.00, per la Via Don Minzoni; - dalle 16 alle 12,30 e nei giorni festivi dalla mezzanotte e per l’intero periodo delle 24 ore, relativamente alla Via Mozzi; Considerato che è comunque attualmente prevista la possibilità di rilascio, presso la postazione gestita dall’APM situata in Rampa Zara ed a fronte del corrispettivo dovuto, di permessi per esigenze occasionali o temporanee di accesso, senza contrassegno, alla ZTL del Centro storico;   Appurato che sulla base della deliberazione di Giunta n.248 dell’01-08-2013 l’Amministrazione comunale ha stabilito l’avvio, da parte dei competenti uffici, dell’elaborazione di un piano di revisione per la mobilità del Centro storico, comportante in particolare l’attuazione, dal 28 agosto scorso, di misure concretizzatesi nell’istituzione di area pedonalizzata lungo l’intero Corso Matteotti   Rilevato in particolare che detta misura vige da largo Amendola e fino all’incrocio con via Armaroli, dalle ore 10,30 alle ore 6,00 del giorno successivo mediante predisposizione di un sistema di chiusura al transito veicolare e si affianca alla disposta estensione delle aree di sosta riservate ai soli residenti autorizzati, alla piazzetta di via Gramsci antistante la palazzina dell’ex comando di Polizia Municipale;   Accertato che tale provvedimento n.248/2013 ha inoltre imposto, entro il 30 settembre 2013, la predisposizione di un apposito piano attuativo che preveda, rispettivamente: - la revisione del sistema di regolamentazione della sosta in Piazza della Libertà, mediante definizione di un’ampia zona di area pedonale e delimitazione delle aree deputate alla sosta; - un complesso di arredo urbano per garantire l’effettiva pedonalizzazione della Piazza XXX Aprile tramite un sistema di chiusura al transito veicolare volto ad assicurarne l’utilizzabilità a fini della sosta a favore dei residenti, nelle sole ore notturne; - la revisione del sistema per la regolamentazione di accesso alla Zona a traffico Limitato, finalizzato alla complessiva razionalizzazione dei transiti e delle soste in centro storico durante gli orari in cui il sistema stesso è attualmente in vigore; l’eliminazione della area di sosta degli autobus in Piazza della Libertà, con individuazione di una sola fermata sulla piazza stessa o su area limitrofa;   Dato atto che le misure su esposte appaiono sostanzialmente incongrue e quindi da rivisitare, per quanto in particolare attiene sia al provvedimento con cui è stata immediatamente disposta la pedonalizzazione del corso Matteotti, che alla revisione del sistema di regolamentazione della sosta in Piazza della Libertà mediante definizione di un’ampia zona di area pedonale e delimitazione delle aree deputate alla sosta;   Considerato che l'aministrazione comunale di Macerta dovrebbe entro il 31 gennaio 2014 approvare un uovo “piano di sviluppo” organico del Centro Storico con la “riarticolazione del sistema della sosta e accesso al Centro Storico”, con la “rimodulazione della gestione degli orari e delle fermate degli autobus o minibus al centro storico”,con la “rimodulazione delle tariffe per i residenti, per i commnerciati e per tutti coloro che abitano in centro storico con regolare contratto di affitto, con un indirizzo per incentivare il ritorno della residenza”; questo nuovo “piano di sviluppo” dovrà essere condiviso con la città attraverso incontri “aperti” con i residenti ed i commercianti che vivono il centro tutti i giorni; appare necessario prevedere da parte dell'amministrazione comunale fino all'approvazione del nuovo “Piano Sviluppo”, quindi fino al 31gennaio 2014, l'apertura totale del centro storico, e venga disposta la sospensione fino a questa data del provvedimento che ha determinato il controllo ai fini sanzionatori dei varchi di accesso al centro storico, per il quale, andrebbe assicurata la sola funzione di controllo ai fini della sicurezza e cioè la conservazione, per il prescritto periodo temporale e con funzioni sia di prevenzione che di accertamento a fronte della commissione di eventuali reati; considerato infine di fondamentale importanza la promozione da parte dell'amministrazione comunale di Macerata della realizzazione, da parte dei privati interessati, di un parcheggio in struttura nell’immediatezza del Centro storico, indicativamente sotto Rampa Zara, che consenta di raggiungere il centro stesso mediante utilizzo di appositi attracchi meccanizzati, nel presupposto comunque della previa definizione di specifiche intese con gli attuali soggetti gestori delle strutture di sosta, rivedendo altresì i rapporto con i gestori dei parcheggi dei giardini Diaz in modo tale che restino sempre aperti. Considerati i minori introiti derivanti dalle multe per lo spegnimento delle telecamere fino al 31 gennaio 2014, di prevedere la corrispondente riduzione della spesa mediante: a) la riduzione del 40% della spesa per consulenze per un importo di circa 28.000,00 euro al titolo 1, funzione 1, servizio 2, intervento 3; b) abbattiemnto della spesa per consumi di energia elettrica attivando ogni accorgimento per il risparmio energetico incidendo sull'intervento 3 del Bilancio.   Tutto ciò premesso e considerato,       DELIBERA     di formulare un indirizzo alla Giunta Comunale affinchè provveda: 1) all'annullamento, rispettivamente:   a) della disposizione recepita nella deliberazione di Giunta comunale n.248 dell’01-08-2013 che ha istituito l’area pedonalizzata in corrispondenza del Corso Matteotti;       2) all'assunzione da parte dell'Amministrazione comunale:   a) entro il 31 gennaio 2014 di un nuovo “piano di sviluppo” organico del Centro Storico con la “riarticolazione del sistema della sosta e accesso al Centro Storico”, con la “rimodulazione della gestione degli orari e delle fermate degli autobus o minibus al centro storico”,con la “rimodulazione delle tariffe per i residenti, per i commnerciati e per tutti coloro che abitano in centro storico con regolare contratto di affitto, con un indirizzo per incentivare il ritorno della residenza”; questo nuovo “piano di sviluppo” dovrà essere condiviso con la città attraverso incontri “aperti” con i residenti ed i commercianti che vivono il centro tutti i giorni;   b) di un provvedimento immediato che preveda fino all'approvazione del nuovo “Piano Sviluppo”, ossia fino al 31 gennaio 2014, l'apertura totale del centro storico, e venga disposta la sospensione fino a questa data del provvedimento che ha determinato il controllo ai fini sanzionatori dei varchi di accesso al centro storico, per il quale, andrebbe assicurata la sola funzione di controllo ai fini della sicurezza e cioè la conservazione, per il prescritto periodo temporale e con funzioni sia di prevenzione che di accertamento a fronte della commissione di eventuali reati; c) della promozione da parte dell'Amministrazione Comunale di Macerata della realizzazione, da parte dei privati interessati, di un parcheggio in struttura nell’immediatezza del Centro storico, indicativamente sotto Rampa Zara, che consenta di raggiungere il centro stesso mediante utilizzo di appositi attracchi meccanizzati, nel presupposto comunque della previa definizione di specifiche intese con gli attuali soggetti gestori delle strutture di sosta, rivedendo altresì i rapporto con i gestori dei parcheggi dei giardini Diaz in modo tale che restino sempre aperti. d) la corrispondente riduzione della spesa mediante: a) la riduzione del 40% della spesa per consulenze per un importo di circa 28.000,00 euro al titolo 1, funzione 1, servizio 2, intervento 3; b) abbattimento della spesa per consumi di energia elettrica attivando ogni accorgimento per il risparmio energetico incidendo sull'intervento 3 del Bilancio.     Macerata, 24 ottobre 2013  
  • Bruno Mandrelli e il tribunale:
    “Ecco la mia proposta per il centro”

    102 - Ott 7, 2013 - 13:18 Vai al commento »
    @Maurizio Failla Sulla questione che l'opposizione è un disastro non sono pienamente d'accordo, cmq siccome ho letto alcuni dei suoi commenti mi piacerebbe incontrarLa quando vuole, io sono a Corso Cairoli 150, dpantana@libero.it Grazie.
    103 - Ott 7, 2013 - 9:57 Vai al commento »
    Ringrazio Bruno per il suo contributo al dibattito circa la questione del centro storico, ma anche lo spirito costruttivo di Giorgio Ballesi. Devo dire che all'interno del nostro consiglio comunale sono i due consiglieri comunali più bravi ed attenti, portatori di idee sane per la città. Non posso che dire di esser a favore della sua proposta anche se credo che in questo momento dovremmo metterci tutti intorno ad un tavolo e  ragionare su quei pochi contenitori che sono rimasti a Macerata, mi spiego meglio: abbiamo oggi l'Agenzia delle Entrate, il Catasto, il Tribunale, e qualche altro ufficio sparso qua e là, i quali necessitano di nuovi spazi, le stesse scuole superiori hanno manifestato nuove esigenze, vedi ad esempio il liceo Scientifico; quindi pensare ad un nuovo progetto per la città che questa volta non venga decentrato ma bensì contribuisca a dare una nuova visione di centro storico allargato, che sappia ricomprendere le poche attività aritigianali e commerciali rimaste, forse ci aiuterebbe a rimettere in moto la nostra economia locale. Quindi propongo di elaborare un documento insieme in cui si individui un piano di allocazione di questi grandi contenitori, senza fermarci a pensare cosa conviene politicamente, ma guardando solo al bene della nostra città.    
  • Via libera ad equilibri
    e debiti fuori bilancio
    “Troppe spese per gli incarichi legali”

    104 - Ott 1, 2013 - 18:42 Vai al commento »
    pur avendo approvato un ordine del giorno per limitare gli incarichi nulla è stato fatto: Sentita l’illustrazione da parte del consigliere Pantana del PdL del seguente ordine del giorno: “”””””””””””” Preso atto che dal 17 giugno 2010 al 30 settembre 2011 sono state deliberate dalla nuova Giunta Carancini ben 23 conferimenti incarichi legali remunerativi per un importo pari a €.155.805,28; Che gli stessi conferimenti legali sono stati erogati così come descritto nelle delibere in base alla valutazione dei curriculum degli incaricati; Visto che alcuni dei medesimi incarichi sono di importi rilevanti come ad esempio una consulenza legale in merito ai presupposti e condizioni legittimanti la revisione contratto di concessione e gestione complesso natatorio di Fontescodella, pari a € 15.000,00 oltre iva e cap; Vista la discussione fatta alcuni mesi fa in commissione seconda circa l’opportunità di stipulare delle convenzioni con gli studi legali o di dotarsi direttamente di un ufficio legale del comune; INVITA L’amministrazione comunale a valutare sia l’ipotesi di stipulare delle convenzioni con gli studi legali per avere un risparmio negli onorari oppure di dotarsi direttamente di un ufficio legale all’interno della struttura comunale. Macerata 10 novembre 2011 Deborah Pantana - PDL (firma all’originale) All. elenco delibere 2010 N. 208 DEL 17.06.10 N. 258 DEL 08.09.10 N. 270 DEL 15.09.10 N. 327 DEL 24.11.10 N. 348 DEL 09.12.10 D.D N. 723 DEL 17.11.10 2011 N. 7 DEL 19.01.11 N. 22 DEL 02.02.11 N. 23 DEL 02.02.11 N. 35 DEL 09.02.11 N. 48 DEL 23.02.11 N. 57 DEL 02.03.11 DELIBERAZIONE N.   193 del 6 DICEMBRE 2011 REP. N. 1485 PAG. 3 D.D. N. 125 DEL 03.03.11 N. 71 DEL 09.03.11 N. 175 DEL 25.05.11 N. 176 DEL 25.05.11 N. 184 DEL 01.06.11 N. 213 DEL 23.06.11 N. 214 DEL 23.06.11 N. 254 DEL 03.08.11 N. 261   Per non parlare poi della questione del Cosmari dove ancora non c'è una soluzione.
  • Pedonalizzazione? Certo, ma vogliamo ancora di più

    105 - Ago 23, 2013 - 20:59 Vai al commento »
    Alberto ti conosco da tanti anni e la stima che ho per te è intatta fin dai tempi dell'università, però questa volta siao su posizioni inconciliabili. Il vostro documento anche se condividibile in alcune parti non è realizzabile in questo momento storico per Macerata che soffre di una crisi ancora più profonda di altri centri storici, in quanto nessuno ha mai investito su di esso. E' paradossale che Meschini nomina assessore un commerciante del centro stoico e invece di pensare ad un serio progetto di rilancio decentra portando avanti il progetto Valleverde.  Qui il buon seso sembra scomparso..
  • Maceratese, in piazza l’affetto della città
    La Tardella: “Vi voglio tutti presidenti”

    106 - Ago 23, 2013 - 20:49 Vai al commento »
    Complimenti alla Maceratese ed alla  sua Presidente, bella festa con tante famiglie a vedere i loro figli, un bel segnale di unione per la città. Questo è lo sport che piace e devo dire che Macerata ha la fortuna di avere tante squadre che lavorano molto bene con i nostri figli, grazie a tutti.. peccato che ci sia stmpre qualche problema con l'amministrazione.
  • La Giunta approva due varianti
    Si riapre il dibattito sulle competenze

    107 - Ago 23, 2013 - 20:40 Vai al commento »
    Devo dire che ormai qesto è un tema che non appassiona più nessuno, ormai abbiamo capito che  Carancni  vuole  continuare sulla scia del suo predecessore  Meschini, continua la poliitca delle lottizzazioni selvagge senza rendersi conto che Macerata sta morendo ogni giorno.. I veri problemi della città purtroppo non vengono risolti.. non è più tollerabile  andar avanti così.
  • Maceratesi a Roma
    per sostenere Berlusconi

    108 - Ago 5, 2013 - 23:49 Vai al commento »
    Cari  amici commentatori la vicenda umana che sta vivendo Berlusconi va al di là di ogni considerazione politica, per questo mi sono sentita in animo di andare a Roma. La giustizia è ovvio che deve fare il suo corso ma è anche vero che si deve trattare di giustizia e non di accanimento. Vorrei vivere in un Paese  dove  ci sia la certezza della pena per chi uccide per esempio, per chi stupra , per chi mette in atto azioni contro dei bambini innocenti e non venga sempre trovato il solito appiglio per non  marcire in prigione. A tutto questo poi si intreccia una situazione difficile data da una crisi economica che ancora non ci dà certezze per il futuro non tanto nostro ma soprattutto per i nostri figli. ANche la nostra città  ormai al collasso, vive da un lato una crisi che è data dai tempi attuali ed un'altra strutturale in quanto chi ci ha governato in questi ultimi 15 anni purtroppo non ha pensato ad una Macerata del futuro ma solamente a garantire i soliti amici degli amici.. Quindi che dire lasciamo che almeno una giornata torrida come quella di ieri sia servita per noi ed anche per chi legge CM a riflettere su un sistema Paese che ancora oggi non riesce ad avviarsi verso un cammino serio di riforme. Ormai mi sono convinta che in Italia ci sono  troppe Lobby di potere, in ogni settore, che ci impediscono di progredire. E' ovvio è sempre colpa di Berlusconi!! Per queste mie convinzioni scusate ma resto di Forza Italia..
  • Sfondano con l’auto la vetrata
    Rapina choc alle Poste
    Sfuma un colpo da 40 mila euro

    109 - Ago 5, 2013 - 23:18 Vai al commento »
    Il problema sicurezza deve essere affrontato in maniera seria anche a Macerata, non si può continuare a far finta di niente sperando che certe cose non accadano. Purtroppo l'ufficio postale di via Marchetti e quello della Pace hanno bisogno di essere messi in sicurezza, almeno con un vigile sempre presente.
  • Lube-Civitanova, accordo a un passo
    Corvatta: “Velocizzeremo i tempi”

    110 - Lug 31, 2013 - 19:52 Vai al commento »
    In questo momento in cui scrivo sono in Consiglio Comunale all'ennesima conta dei consiglieri comunali di maggioranza che non sono presenti alla discussione del bilancio e quindi manca il numero legale. Mentre noi perdiamo tempo c'è chi lo sta utilizzando al meglio per portarsi a casa una risorsa che fino ad oggi è ( voglio ancora usare il presente) un fiore all'occhiello per Macerata. Tutto quello che abbiamo affermato in questi anni della necessità di dotare Il capoluogo di un palazzetto che potesse ospitare la Lube quindi era talmente vero che ancora una volta Civitanova tenta di non farsi sfuggire l'occasione. E' diventato intollerabile leggere ogni giorno dai giornali che c'è qualcuno che vuole andarsene dalla nostra città, il Sindaco al di là di qualche battutta continua inesorabilmente ad andare avanti senza rendersi conto di cosa sta succedendo. L'unica politica che ha fatto Carancini in questi anni è stata  quella di fare finte promesse e di mettere tasse. Si è tanto occupato di portare avanti un progetto irrealizzabile come quello delle piscine che nel frattempo sta perdendo tutto il resto della città. Che vergogna!!!
  • “E’ la notte dei maceratesi”
    La città diventa la Rocca di Castellor

    111 - Lug 31, 2013 - 10:07 Vai al commento »
    Javier grazie, anche le "Fosse", Borgo San Giuliano racchiude una storia bellissima..
    112 - Lug 30, 2013 - 13:04 Vai al commento »
    Matteo hai ragione, tra l'altro nel quartiere Pace si è consumata una famosa battaglia tra Guelfi e Ghibellini riportata in una targa affissa nella casa costruita sulla ex chiesa della Pace.. cmq ormai per il prossimo anno, ci attrezzeremo con la nostra associazione per partecipare  all'evento, ciaoo
  • La filologia del mattone
    in Consiglio comunale

    113 - Lug 26, 2013 - 22:26 Vai al commento »
    Gentilissima Sara Centioni vorrei mettermi in contatto con lei, al più presto. grazie dpantana@libero.it
  • La Giunta itinerante fa tappa all’ospedale

    114 - Lug 11, 2013 - 23:21 Vai al commento »
    Non ho parole: ancora girano per sentire quali sono i problemi. Ma almeno in tre anni ne avessero risolti qualcuno.
  • Lutto nel mondo dell’imprenditoria
    E’ morta Ilenia Santoni

    115 - Lug 11, 2013 - 23:16 Vai al commento »
    Sentite condoglianze alla famiglia, mi dispiace molto.
  • Tares, uffici giudiziari e centro storico
    animano il Consiglio comunale

    116 - Lug 4, 2013 - 11:58 Vai al commento »
        Le ultime vicende che hanno caratterizzato la politica cittadina, rigurdanti ad esempio il caso della Croce Verde di Macerata, il documento approvato dal COSMARI circa la volontà dei sindaci della provincia di Macerata di acquisire la SMEA, la delibera TARES, oltre ad avere un unico denominatore comune, fanno emergere un quesito quasi amletico: ma quale città sta amministrando la giunta Carancini, visto che continua a non prendere decisioni su nulla? Sulla carta abbiamo un vice sindaco che ha proprio la delega alla partecipazione e al decentramento, abbiamo la consulta comunale delle associazioni, allora come mai non si è aperto un serio dibattito sull’applicazione appunto della TARES o sulla situazione smea/cosmari o, ancora, sull’assurda vicenda di un’associazione così importante come la Croce Verde di Macerata? Quali sono le ragioni di questo silenzio dell’amministrazione comunale di Macerata su queste vicende e perché nessuno conosce le vere intenzioni della Giunta Carancini?   Chiederci di votare una delibera in cui si decidono solo le scadenze di pagamento della Tares è l’ennesima presa in giro per i cittadini, adducendo che ci sono seri problemi di liquidità per il Comune. Ma non sarà che proprio perché stiamo pagando il mutuo per le piscine anche per la parte del contributo che dovrebbe erogare l’Università, manca appunto questa liquidità di cassa? Noi cittadini chiediamo all’amministrazione comunale di Macerata più chiarezza e che vanga tutelato l’interesse di tutta la comunità e non gli interessi di pochi. Poichè fino ad oggi il gettito della Tarsu è servito esclusivamente a finanziare il servizio di gestione dei rifiuti urbani, e dato che la nuova Tares andrà a coprire anche i costi di altri servizi come la polizia locale, l’anagrafe, l’illuminazione pubblica, la manutenzione del verde e delle strade, si chiede semplicemente all’amministrazione comunale di Macerata di dire ai suoi cittadini quali sono i costi di gestione di questi servizi e che tipo di prestazione verrà erogata a fronte di questo pagamento.   Inoltre, il Consiglio Comunale dovrà approvare le tariffe del tributo entro il termine fissato per l’approvazione del bilancio di previsione, il prossimo 29 luglio, in conformità al piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani redatto dal soggetto che svolge il servizio stesso e approvato dall’autorità competente. Ma come farà a stabilire le tariffe il Comune di Macerata se non abbiamo ancora una carta dei servizi sottoscritta con il nostro gestore dei rifiuti? In aggiunta, poiché il soggetto attivo del tributo è il Comune, deve essere appunto il consiglio comunale a deliberare riduzioni ed esenzioni, la cui copertura finanziaria dovrà essere assicurata con risorse della fiscalità generale. La giunta Carancini ha predisposto un percorso di democrazia partecipata per realizzare questi fini previsti dalla normativa Tares? Ad oggi no.   La politica del silenzio portata avanti dalla Giunta Carancini, oltre a dimostrare nei fatti di non aver realizzato nulla del programma di mandato, purtroppo si esplicita ancora nei vecchi modi di intendere la politica dove, da un lato si accontenta chi fa finta di protestare nominando un nuovo assessore ai servizi sociali ed un nuovo Vice Sindaco conferendole più risorse economiche, dall’altro permettendo addirittura che vi siano delle commissioni dove alcuni esponenti della maggioranza prendono l’aperitivo come modo per banalizzare l’argomento in discussione. Non è più tollerabile che ancora oggi chi chiede chiarezza su come viene amministrata la cosa pubblica venga etichettato come un portatore solo di problemi e quindi emarginato e magari deriso. Questo è il vero motivo per cui Macerata sta morendo ed i nostri giovani non vedendo più chiarezza ma solo opacità amministrativa se ne stanno andando.                
  • Nasce la “Compagnia dei ciauscolanti”: prima tessera per Francesco Micheli

    117 - Giu 19, 2013 - 10:44 Vai al commento »
    Bravi.. anch'io aderisco.. troppo buono.
  • “Ingiustificabile l’aggressione a Tacconi
    Inaccettabile il silenzio istituzionale”

    118 - Giu 19, 2013 - 12:08 Vai al commento »
    Mi dispiace per entrambi, certe cose non dovrebbero mai succedere, la politica non deve trascendere nel personale, ma è anche vero che stiamo tutti vivendo momenti difficili perchè la crisi si fa sempre più dura da affrontare e le risposte che noi vorremmo dare ai cittadini sono sempre più difficili da dare. Questa vicenda mi ha fatto ripensare purtroppo alla violenza che ho subito in consiglio ed alle bugie sui giornali dei giorni successivi del consigliere udc in questione.. ho atteso invano che il Sindaco prendesse le mie difese, ma la politica dell'appartenenza ha preso il sopravvento sulla vicenda umana in questione.. Personalmente ho preferito il silenzio, però non si può offendere in quel modo la dignità di una donna e di una madre. Tentiamo di farci forza tra noi e di arrivare  alla fine di questa legislatura inconcludente, lasciando da parte le provocazioni, e mi sento cristianamente di dare oggi un abbraccio fraterno sia ad IVANO che a CLAUDIO..
  • Il Rione Pace replica alla Robur:
    “Non tirateci in ballo”

    119 - Giu 4, 2013 - 13:47 Vai al commento »
    @Paolo Spalletti Vorrei dirLe , se non lo sa, che mio marito è un vs. socio e mio figlio è tesserato con voi, proprio perchè abbiamo ritenuto che la Robur e la struttura dei Salesiani e gli stessi allenatori che conosco praticamente  da sempre, ci hanno convinto ad affidarVi  nostro figlio.. i miei ricordi della società Pace sono legati agli stessi allenatori che oggi appunto allenano mio figlio.. Le vs. rivendicazioni sono giuste ma lo sport insegna che bisogna fare cmq squadra, perchè la guerra tra poveri in atto fa si che l'amministrazione comunale complice di questa situazione può benissimo ora tirarsi indietro.. cmq io ci sono ma senza denigrare nessuno.
    120 - Giu 3, 2013 - 19:00 Vai al commento »
    @ Tommaso Martello Il motivo dell'intitolazione a San Giuliano del campo lo conosco bene, come, mi scusi se con un pò di presunzione Le dico,  conosco bene anche la realtà del quartiere Pace, dove mi sono trasferita con la mia famiglia nel  1982, avevo 12 anni. Per chi vive alla Pace il campo sportivo è un vero punto di orgoglio e di riferimento per le tante generazioni che si sono succedute, da figli a padri che hanno giocato ed assitito a migliaia di partite. Quindi per noi resta sempre il campo sportivo della Pace, arricchito oggi da una vera ed importante opera d'arte; per noi restano i bei ricordi.. Poi se debbo essere attaccata così come dice Lei non è un problema, mi creda se Le dico che dal 2005 ad oggi ne ho subite tante di umiliazioni in consiglio comunale.. Per quanto riguarda la Robur credo che la situazione vada affrontata in maniera diversa perchè altrimenti il rischio è che la politica in maniera strumentale possa fomentare una lotta tra poveri, se si arriva al punto che una società inveisce contro un'altra significa che c'è qualcosa che non va. Per approfondire questi discorsi mi piacerebbe avere un contatto con Lei se per favore mi invia la sua email alla mia: dpantana@libero.it. grazie. @Gianfranco Cerasi Caro Gianfranco sono anni che mi dai come candidata a Sindaco di Macerata, di questo ti ringrazio perchè per me sarebbe un onore.. ma puoi credermi se ti dico che non ho questa intenzione, il mio unico obiettivo ora è quello di  terminare il mio mandato di consigliere comunale di opposizione perchè è corretto innanzitutto nei confronti dei quasi 400 elettori che mi hanno espresso la loro fiducia e di tutti quelli che non mi hanno votato ma che ora mi chiedono di andare avanti così, poi per me stessa perchè onestamente io sono una persona che quando si prende un impegno si spende al massimo per arrivare fino alla fine.  Ti dico questo perchè in verità molte volte dentro di me nasce un  profondo desiderio di non andare più in consiglio comunale, perchè è sotto gli occhi di tutti che ci siamo o non ci siamo questa armata brancaleone, che tu conosci perchè sai i meccanismi di questo sistema, continua ad andare avanti e non ti permette di fare nulla: difficoltà a reperire atti, informazioni, tutto viene travalicato non c'è nessun controllo amministrativo della giunta sulle sue dirette partecipate, una situazione di instabilità mista ad un immobilismo spaventoso. Poi il Sindaco che dice di avere sempre ragione su tutto: ormai lui è la verità, gli altri non capiscono niente.. Il consiglio Comunale di Macerata, che aveva un tradizione,   oggi è diventato un luogo irreale, dove si dice tutto e il contrario di tutto, dove l'impegno non conta: quando un assessore ti dice:" lo faremo al più presto, praticamente qui a Macerata significa che quella cosa che hai chiesto o verrà fatta se la chiedi con insistenza ed arrabbiandoti forte dopo due anni, oppure mai.. è pazzesco    Per quanto riguarda il tuo riferimento alle decisioni calate dall'alto penso che ormai tutti sanno come la penso: il popolo è sovrano e le decisoni spettano ai cittadini; ho potuto constatare che tutto quello che viene deciso dai pochi poi viene distrutto dai tanti, quindi i politici che in questi anni per paura di confrontarsi con i cittadini hanno preferito chiudersi nelle segrete stanze perdendo il contatto reale con quello che stava accadendo intorno a loro, hanno di fatto decretato la morte della vera politica  e però anche di loro stessi. Mio figlio di 6 anni mi dice sempre:" Mamma, tu sei del popolo" ed io gli credo. ciao
    121 - Giu 3, 2013 - 11:18 Vai al commento »
    Condivido il comunicato della società sportiva Rione Pace, tra l'altro mi è molto dispiaciuto che il Sindaco di Macerata ha cambiato il nome del campo sportivo del rione Pace, questo perchè in qualche maniera deve far vedere che fa qualcosa, avrei capito di più se il campo sportivo si fosse trovato a Borgo San Giuliano allora avrebbe avuto senso chiamarlo "San Giuliano".. Comunque il dato concreto è che questa amministrazione sta mettendo tutti contro tutti, c'è in atto purtroppo una guerra tra poveri dove l'unico come sempre a galleggiare è il Sindaco e il suo assessore alle piccole cose Canesin.
  • Gli ex studenti si mobilitano
    per salvare i Salesiani

    122 - Mag 22, 2013 - 20:05 Vai al commento »
    Mi sento vicina ai ragazzi con il cuore di mamma..   
  • Solidarietà bipartisan a Cecile Kyenge
    Lettera aperta di Roberto Fiore

    123 - Mag 10, 2013 - 18:33 Vai al commento »
    Leggendo i commenti e le dichiarazioni di questi giorni mi sono chiesta se è più grave dire: "ritorna in Congo" oppure "Non sei una donna"? Credo che la violenza verbale che ho subito sia più grave , ma mi rendo conto che essendo una semplice donna tutto passa sotto traccia, come per le tante  donne e madri ( sia esse italiane che straniere)  che subiscono umiliazioni e violenze in silenzio.. Ho constato che per noi non c'è un Sindaco, un' istituzione o un sindacato che ci difende di fronte all'opinione pubblica, guarda caso prima si vede qui sì il colore politico dell'appartenenza; non è questa forse una grave forma di razzismo? Per me la solidarietà di donna  non ha colore politico, per cui Le sono vicina, resta la critica politica nei confronti di quei provvedimenti che andranno contro La Famiglia, come sono solidale con la sottosegretaria del PDL Biancofiore che è stata spostata da questo ministero perchè appunto contraria ai matrimoni gay, anche qui nessuno l'ha difesa..
  • Piscine sempre al primo posto… nei sogni di Carancini

    124 - Mag 2, 2013 - 10:56 Vai al commento »
    Come giustamente dice Bommarito è inverosimile che per continuare a percorre una strada sbagliata vengano spesi per consulenze varie 70.000,00 euro circa, basta vedere le voci nel dettaglio del consuntivo che la maggioranza ha approvato 15 giorni fa.. Per quanto riguarda la SImonetti, alla fine dopo i ripetuti appelli hanno dovuto chiedere gli oneri e fino al 31.12.2012, sono stati pagati 150.000,00 dei 2 milioni che debbono versare nelle casse comunali.
  • Il male che è dentro di noi

    125 - Apr 27, 2013 - 11:34 Vai al commento »
    Condivido il pensiero di Bommarito espresso nell'articolo in quanto è vero che i figli di genitori separati sembra che debbano dimostrare sempre qualcosa in più degli altri , però succede anche che molti genitori vivono un senso di colpa eterno nei loro confronti tale da divenire per alcuni ragazzi un alibi dietro cui nascondersi. Dopo tanti anni che opero all'interno di un consultorio mi sto rendendo conto che il compito dei genitori di oggi è più difficile rispetto ad esempio a venti anni fa, in quanto le famiglie sono lasciate sole, non c'è più un tessuto sociale di riferimento: la chiesa vive la sua crisi perchè la famiglia cattolica è in crisi, le istituzioni laiche sono inconsistenti perchè la famiglia così come descritta nella Costituzione è attaccata e demotivata.   La crisi economica in atto sta facendo emergere le tante contraddizioni che in passato non sono state risolte: poche politiche familiari, non si è dato valore al welfare familiare: di fatto possiamo dire che la famiglia oggi è la prima impresa, che se non va come possiamo illuderci che riparta il sistema Italia, fatto di un tessuto di piccole medie imprese familiari. Non abbiamo uno Stato che aiuta i genitori a difendere i propri figli dalla violenza quotidiana, dalla droga, dall'abuso dell'alcool, come possiamo farcela da soli, se arrestano un piccolo spacciatore e poi viene rilasciato e non si va alla radice di chi fornisce la droga, se arrestano un omicida poi per mille cavilli esce dal carcere.. tutta questa impotenza dei genitori che alla fine si tramuta in un senso di colpa mortale nell'anima,non può, secondo me, scagionare le Istituzioni che nulla fanno per la famiglia, la coppia, il genitore.. Bravo come sempre Giuseppe..
  • Alessandra Pierini è diventata mamma
    Benvenuto Riccardo!

    126 - Apr 13, 2013 - 17:09 Vai al commento »
    Queste sono belle notizie che fanno bene al cuore ed alla nostra vita..Auguri Alessandra
  • Braccio di ferro tra Giunta e Consiglio,
    non ha vinto nessuno

    127 - Apr 13, 2013 - 17:20 Vai al commento »
      Sono ormai diversi  giorni che il consigliere Ivano Tacconi continua a scrivere sui giornali locali,  sempre con toni e parole offensive nei miei confronti, una  ricostruzione  dei fatti accaduti nell’ultimo consiglio comunale, non veri. Per rispetto della verità, vorrei rifare una breve sintesi di ciò che è accaduto: nel momento in cui si è rivolto a me in quel modo non stavamo parlando del piano casa ma eravamo in dichiarazione di voto circa lo storno dei fondi per la sistemazione della scuola di via Panfilo, e quando il consigliere Pizzichini ha iniziato a dire che “l’UDC ha sempre tenuto la barra diritta”… alcuni consiglieri di maggioranza lo hanno interrotto per sottolineare che pochi minuti prima avevano votato la delibera del piano casa, tra l’altro un consigliere sempre di maggioranza ha adirittura lasciato l’aula per questa sua dichiarazione. Noi  consiglieri di opposizione che siamo rimasti fino alla fine del consiglio, per votare proprio la delibera della scuola di via Panfilo, che è tanto che l’attendevamo, siamo stati solo degli spettatori increduli di tutto quello che stava accadendo. A quel punto il consigliere Ivano Tacconi  è sceso dal banco delle presidenza e si è rivolto a me dicendomi che “c…o ridi” , come se avesse bisogno di trovare qualcuno con cui sfogarsi, ed ha mirato probabilmente me perchè non poteva farlo con i diretti interessati di maggioranza; a quel punto io ho preso la parola per fatto personale ed ho chiesto l’intervento di Mari che non vi è stato, poi quando ho detto che non poteva insultarmi così in quanto sono una donna e mamma, lui ha incominciato ad urlare dicendo che non sono una donna e tante altre frasi spiacevoli, tutte registrate per fortuna, ma a quel punto mi sono sentita indifesa e sola,  e le lacrime hanno iniziato a scendermi in viso, quindi ho preferito uscire dall’aula. Un episodio che ancora oggi mi far star male. Come sia possibile che  un uomo riesca a dire ad una donna, con un tono così forte e violento : “non sei una donna”, personalmente non lo so.  Credo senza ombra di dubbio di poter affermare che sia uno degli insulti più brutti che una donna  possa ricevere, a livello personale. Concludendo, non  gli è bastato tutto quello che mi ha detto in consiglio, sta continuando a perseguitarmi, tramite dichiarazioni false sui giornali, usando nei miei riguardi una violenza verbale che non capisco da cosa e da chi venga  alimentata.  Quindi ribadisco che mi sarei aspettata delle scuse in privato ma visto che non ci sono state, accetto queste sue dichiarazioni come delle scuse pubbliche, vista comunque la sua necessità di doversi spiegare, anche se in maniera non corrispondente alla realtà dei fatti accaduti.
    128 - Apr 12, 2013 - 10:25 Vai al commento »
    Al consigliere Ivano Tacconi chiedo cortesemente di smetterla di continuare a dire tante bugie, riguardando il video si vede proprio che stavo seduta con il cappotto in silenzio ed aspettavo di votare per poi tornarmene a casa. Ad un tratto il sig. Tacconi è sceso dal banco della presidenza urlando nei miei confronti:" Che ca..o ridi Pantana" poi ancora per ben due volte " che ridi Pantana"; tutto questo perchè noi pochi dell'opposizione che eravamo rimasti in aula ci guardavamo tra noi in silenzio gurdando alcuni consiglieri di maggioranza tra i quali uno poi è uscito dall'aula che inveivano contro l'UDC, per la non coerenza. Poi ho preso la parola per fatto personale ed ho chiesto l'intervento da parte del Presidente Mari che non c'è stato, perchè il consigliere comunale Ivano tacconi ha continuato, alla fine ho ribadito che non trovavo corretto essere aggredita in questo modo visto che sono una donna ed una mamma. A quel punto il consigliere Ivano Tacconi ha urlato " ma che donna, mia moglie è una donna", e poi non ce lo fatta più perchè non smetteva mai e mi sono messa a piangere e sono uscita dall'aula.. Oggi mi rendo conto che il sig. Tacconi ha preso di mira me per un suo sfogo, infatti si è rivolto a me dicendomi " che ridi" , invece se io avessi detto qualcosa di scomposto come sostiene Tacconi allora lui mi avrebbe detto: ma cosa dici, invece non è stato così.. No so come fa un uomo a dire ad una donna: " non sei una donna", spero che presto almeno mi chieda scusa.
    129 - Apr 10, 2013 - 10:10 Vai al commento »
    Ringrazio per la solidarietà espressa nei miei confronti da parte di diversi consiglieri comunali, in particolar modo Renis, Salvatori e Garufi.
    130 - Apr 10, 2013 - 10:01 Vai al commento »
    Ieri sera sono uscita dall'aula in lacrime per gli insulti che ho ricevuto dal consigliere Tacconi, il Pres. Mari ha lasciato correre su tutto quello che stava succedendo,mai mi sarei aspettata che il consiglio comunale di Macerata potesse dare uno spettacolo così indegno.
  • Carancini: “Mi hanno fatto un’imboscata”
    L’opposizione: “La crisi è ufficiale”

    131 - Mar 28, 2013 - 20:04 Vai al commento »
    Vorrei precisare che Massimo Pizzichini ha fatto un'affermazione non vera: la sottoscritta non ha votato la delibera in commissione; visto che era presente non so come ha fatto a sbagliarsi. Ormai siamo in piena crisi della Giunta Carancini, la maggioranza che ha vinto le elezioni nel 2010 si è frantumata in questi tre anni nelle tante prove di forza che alla fine non hanno né un vincitore e né un vinto. L’unico problema che si è posto il Sindaco in questi anni è stato quello di dimostrare chi aveva il timone del comando della città mentre non si è curato del governo del suo territorio, che è cosa ben diversa. Macerata è stata lasciata allo sbando totale, i tanti problemi irrisolti della precedente amministrazione si sono cronicizzati, ormai noi cittadini siamo nella speranza che presto cambi qualcosa, ma purtroppo all’orizzonte non c’è ancora una luce. Cosa dovrebbe fare il Sindaco di Macerata? Fare un passo indietro, perché non è più possibile andare avanti così senza che nulla venga fatto, anche se politicamente è riuscito a mettere fuori dai giochi la corrente repubblicana del suo partito, ha fatto eleggere una deputata, ma  tutto questo non serve all’economia reale delle famiglie maceratesi. I linguaggi ed i contenuti del confronto politico scaturito da questo consiglio sono davvero troppo distanti dalla quotidiana guerra contro lo sconforto e la disperazione che combattono imprese, artigiani, famiglie, lavoratori, genitori, insegnanti, operatori dei servizi sociali, Caritas. Oggi i tempi dei cittadini sono ben diversi da quelli della politica. A Macerata purtroppo è da troppo tempo che è rimasto tutto  fermo: i lavori pubblici, il piano casa che non fa rientrare gli introiti già spesi, relativi agli oneri di urbanizzazione; per non parlare poi della situazione incontrollata delle aziende partecipate, della desertificazione del centro storico e dell’aumento delle nuove povertà. Non si può solo pensare a sostituire assessori, a scambiare le poltrone e gli incarichi non è questa la politica che vogliamo per la nostra città. Poi vediamo che oggi il consigliere Ricotta pur di entrare in giunta rinnega di aver votato un emendamento in cui si chiedeva una seria riduzione dei costi della politica individuando proprio nella diminuzione del numero degli assessori, da otto a sei, un’importante segnale che poteva andare nella direzione di risanamento dell’emergenza deficit del nostro bilancio, che non dimentichiamolo si è creata dopo la presentazione del decreto ingiuntivo da parte del Cosmari. Per non parlare poi, dei famosi elenchi degli incarichi erogati in questi anni nelle aziende partecipate del Comune di Macerata, che non vengono mai esaminati dalla seconda commissione presieduta dal consigliere Netti. Su questo, infatti,  la sottoscritta e il consigliere Luciani, chiederemo una specifica commissione d’inchiesta. In conclusione, nel momento in cui il Sindaco martedì ha ritirato gli emendamenti  presentati, per timore che continuasse ad andare sotto nelle votazioni, non si è reso conto di aver perso la sua amministrazione e di conseguenza anche il suo ruolo di primo cittadino.    
  • Maceratesi a Roma con “Silvio per una nuova Italia”

    132 - Mar 26, 2013 - 13:30 Vai al commento »
    A proposito anche oggi pomeriggio c'è consiglio comunale, chi può si sintonizzi, perchè ne vedremo delle belle. Ieri i consiglieri del PD hanno votato tra di loro in modo difforme, sempre..
    133 - Mar 26, 2013 - 13:26 Vai al commento »
    @Filippo Corridoni Non ho mai sentito un'affermazione di questo tipo, ma non discuto se Berlusconi ha detto o meno tali cose, resta il fatto che in Italia l'unica politica che viene perseguita è quella della delegittimazione dell'avversario, senza rendersi conto che dietro ci sono migliaia di cittadini che lo hanno votato.. Un pò è come la questione del nostro Sindaco Carancini che ha passato  questi tre anni di consiliatura a far capire ai suoi che  "comandava Lui", senza rendersi conto che nel frattempo la città è morta perchè nessuno l'ha governata, tutti i problemi sono rimasti irrisolti ed altri sono stati lasciati in balia degli eventi..però in compenso continuano a litigare delegittimandosi l'uno con l'altro..
    134 - Mar 26, 2013 - 13:07 Vai al commento »
    @normajeanbaker Mi dispiace contraddirla ma anche noi rappresentiamo la nostra città, cmq la striscione per tranquillizzarla è inteso ovviamente :" i simpatizzanti del PDL di Macerata", però come lei ben sa non è che si può scrivere tutto questo..
    135 - Mar 26, 2013 - 10:41 Vai al commento »
    @Filippo Corridoni @ Antonio Oro Perdonate le mie lacune grammaticali.. Cmq non capisco la rabbia che traspare tra le righe dei vari commenti, nei confronti di chi la pensa in maniera diversa.
    136 - Mar 25, 2013 - 15:37 Vai al commento »
    Se ha dato 10 euro a pensionato non lo so e francamente se lo ha fatto almeno qualcuno ha arrotondato la giornata, ma non incide sul contesto generale.. Per rispondere a Gianfranco Cerasi: posso solo dirti che dovremmo fondare un nuovo partito dei moderati, può sembrare una parola antica ma ancora esprime un concetto vero, perchè altrimenti 1/3 degli italiani in futuro non saranno rappresentati da nessuno. Adesso vado in consiglio comunale ha sentire tante......del PD! ciao
    137 - Mar 25, 2013 - 11:57 Vai al commento »
    Leggendo i vari commenti trovo strano che si dica che siamo 4 vecchietti, visto che sono partiti da tutt'Italia ben 2500 autobus, e 70 dalle sole Marche. Noi di Macerata abbiamo fatto la nostra parte.. devo dire che abbiamo trascorso insieme una bella giornata e con questo gesto abbiamo voluto difendere il nostro voto, visto che viviamo ancora in una Nazione Democratica. Comprendo la difficoltà di Bersani e di chi lo ha votato che oggi si sta rendendo conto che oltre a non avere vinto le elezioni ormai dovrà lasciare la poltrona a qualcun'altro se non vorrà andare ad elezioni, il dato è che il PDL rappresenta di fatto  1/3 degli Italiani.L'Italia è una grande nazione che non può fermarsi o tornare indietro, dobbiamo pensare agli ultimi come dice Papa Francesco ma per farlo dobbiamo investire nel lavoro e certe posizioni estreme di bersani e ventola sono anacronistiche.. L'impoverimento della classe media sta uccidendo la nostra economia, ora parliamo dei nuovi poveri ma chi sono?  A Macerata ad esempio sono quelli che fino a ieri contavano su di un posto di lavoro come impiegato in un azienda ora purtroppo sono disoccupati e non hanno prospettive di ricollocamento; quindi c'è chi confida in qualche risparmio e chi si appoggia ai genitori in pensione.. Ma fino a quando si potrà andare avanti così, quindi o ci rendiamo conto che la politica deve ritornare ad essere espressione di concretezza reale nei confronti dei bisogni della gente, oppure se si continua la strada della demagogia o del populismo o peggio ancora se si mira alla distruzione di tutto, saremo condannati alla povertà vera come altri paesi vicino a noi..
  • “Basta mimose, vogliamo rispetto”
    Primo convegno contro la violenza sulle donne

    138 - Mar 18, 2013 - 14:03 Vai al commento »
    Siete state veramente brave.. non ho parole di fronte alla grande competenza e al taglio che avete dato al convegno, dovremmo rifare un'altra iniziativa di questo genere, magari scendere in piazza anche noi,  non dobbiamo stancarci di parlarne, perchè il silenzio uccide più di un gesto.. grazie alle amiche del CIf, ad Antonella, a Leide, ad ALessandra e a Brunetta..
  • Smea-Cosmari, stasi su stipendi e dirigenti
    Vesprini: “153 mila euro in più
    per avere due direttori”

    139 - Mar 18, 2013 - 13:50 Vai al commento »
    Il problema è serio, non solo riferito agli stipendi d'oro ma anche dell'uso che ne ha fatto e sta facendo la politica di queste aziende, a scapito delle tante famiglie che oggi si trovano in seria difficoltà.. Il SIndaco di Macerata deve a tutti i costi intanto chiudere  questa trattativa, altrimenti il sistema rifiuti della nostra Provincia sicuramente andrà in caos, poi dovremmo parlare, come dice confindustria, di come queste aziende vengono gestite.
  • Nomine revisore dei conti, Ballesi:
    “Il Comune scrive cose non vere”

    140 - Mar 12, 2013 - 18:18 Vai al commento »
    Condivido in pieno l'intervento di Giorgio Ballesi, questo continuo far credere cose che non sono vere non è un servizio ai cittadini. Resta il rammarico che la situazione dei revisori dei conti a Macerata è rimasta irrisolta..  
  • Ersu, Pantana chiede risposte
    RUN: “I problemi sono altri”

    141 - Feb 21, 2013 - 20:44 Vai al commento »
    Non conosco personalmente Pietro Casalotto, ma lo ringrazio ugualmente del suo intervento molto interessante e condivisibile in alcune parti, però dispiace leggere che proprio un giovane difende dei comportamenti che a me quarantenne destano solo indignazione, cmq sono a disposizione per ogni tipo di confronto; nella speranza che un domani anche i giovani che oggi frequentano la mia Università riescano ad essere liberi di esprimersi, perchè è stato questo il più grande insegnamento che ho ricevuto dai miei professori, ed ancora oggi li ringrazio per questo. dpantana@libero.it
  • Ersu, Micozzi: “Accuse sul presidente infondate e strumentali”

    142 - Feb 21, 2013 - 20:28 Vai al commento »
    Come mai DEMOCRATICAMENTE si rivolge alla sig.ra Gioia Bucceri dicendole:" di pensare alla sua carriera..", cos'è un'avvertimento?
    143 - Feb 21, 2013 - 20:24 Vai al commento »
    Questo è il comunicato stampa di risposta che ho inviato oggi ai giornali:  Il segretario cittadino del PD Paolo Micozzi  nella sua difesa d’ufficio circa la gestione dell’Ersu di Macerata, omette di affrontare la questione, in quanto non ha risposto alle questioni essenziali: 1) come mai viene concesso un appartamento ad uso gratuito al direttore dell’Ersu di Macerata, quando gli altri direttori, vedi ad esempio Camerino, non hanno tali benefici? 2)Come mai sempre Macerata si è dovuta dotare di due alte professionalità, quando gli altri Ersu regionali non lo hanno fatto? 3) E come mai la Regione Marche ha da più di sei mesi in giacenza diverse interrogazioni su questo tema e il Presidente Spacca non risponde?  L’unico modo per risparmiare sarebbe stato quello di affidare l’incarico di direttore ad un interno, questo a beneficio soprattutto degli studenti. Quindi come vuole rimediare il centro sinistra a questa situazione?  Di fatto, nessuno ha messo  in discussione le professionalità ma i metodi usati dal Pd Maceratese circa il modo clientelare di gestire questi Enti, infatti la risposta è arrivata dal segretario del Pd e non magari dal presidente delll’Ersu. Concludo affermando che sono rammaricata di verificare che questo modo di gestire non è ravvisabile solo all’Ersu di Macerata,  ma anche ad esempio nell’attuale gestione dell’acquedotto del Nera,  e di tante altre realtà, in cui il Controllo del Comune è assente ma quello del partito di maggioranza, al contrario, è ben presente.   
  • Pantana: “Farò di tutto per le famiglie
    che trainano l’economia nazionale”

    144 - Feb 15, 2013 - 13:22 Vai al commento »
    @ Rizado Credo che dopo il 26 febbraio, finita la campagna elettorale per le politiche, il centro destra dovrà proporre una proposta alla città che si coauguli intorno ad una Idea di Macerata nel futuro a prescindere dai partiti e dalle vecchie sigle. Con 5 punti chiave e gente pronta a mettersi in gioco. @Luciano Pistolesi AL Bar Venanzetti c'è una bellissima saletta, che molto spesso utilizziamo per le conferenze stampa, dove oggi vi è "Una personale"  di un'artista molto brava.
    145 - Feb 15, 2013 - 12:44 Vai al commento »
    Vedi Gianfranco, Berlusconi come sempre provoca e poi i suoi ragionamenti vengono distorti, il fatto è che gli italiani debbono capire che non viviamo più i tempi della vecchia politica, dove diciamolo pure,  i politici favorivano alcuni a discapito di altri magari più meritevoli , io da giovane studente ho vissuto quegli anni e devo dire che non è ho un bel ricordo,  cmq dobbiamo fare un passo avanti: parlare di meritocrazia per quanto mi riguarda ad esempio significa che la politica deve ricreare le condizioni affinchè chi è bravo, chi si applica viene promosso sul campo senza bisogno che intervenga qualcuno per metterlo in evidenza. Se gli italiani continueranno a pensare che per andare avanti bisogna pagare la mazzetta non andremo da nessuna parte; purtroppo, ancora oggi  ci sono persone che potremmo definire normali , tipo padri di famiglia, che si arrabbiano perchè pretendono che questo sistema continui. NOi che facciamo politica dobbiamo dare un segnale diverso ed io in maniera molto semplice oggi " corro" per dire queste cose, proprio con il PDL. Poi vedremo che succederà. ciao   Ps. grazie ariesmc
    146 - Feb 15, 2013 - 11:13 Vai al commento »
    Mi rendo conto che parlare di famiglia a tutti può non piacere però ritengo che oggi la politica deve ripartire dai valori veri e la famiglia è il primo. Poi le critiche ci sono e ci saranno sempre, anche se ritengo necessario cmq continuare a dare testimonianza, soprattutto in questo momento di crisi, in ciò in cui si crede. Per quanto mi riguarda è dal 2005 che porto avanti il tema della famiglia in ogni contesto istituzionale in cui sono stata eletta: consiglio comunale, consiglio provinciale (per 1anno) consulta regionale per la famiglia, . Risultati: in Comune, adesione al progetto famiglie numerose, famigle affidatarie, equipe affido, sostegno alle famiglie in difficoltà economiche, adesione al progetto " bambini mai nati". Provincia, coordinamento delle politiche familiari. COnsulta Regionale: scuola per genitori, sostegno alle ragazze madri, sostegno agli anziani, sotegno alla vita nascente, contributi per il pagamento delle polizze infortuni alle casalinghe, criteri di riformulazione dell' ISEE. Certo il cambiamento di politiche rivolte non più al singolo individuo, ma alla famiglia nel suo insieme, non è facile soprattutto quando ci troviamo ad operare in un contesto di sinistra dove è difficile far passare il concetto di sussidiarietà e di valorizzazione delle associazioni familiari. Per quanto riguarda il PDL dopo il 26 febbraio penso che come schieramento di centro destra dovremo guardare oltre i partiti, che non riescono più ad attirare i giovani, però vorrei rimarcare che la tutela dei diritti irrinunciabili sono difesi solo dal nostro schieramento. Ora conto le manine rosse.. ciao
    147 - Feb 14, 2013 - 10:29 Vai al commento »
    Grazie all'Avv. Marchiori e a Claudio Sellone..
  • Due Giunte per Macerata
    Sinergie per Sferisterio, infrastrutture e sanità

    148 - Feb 5, 2013 - 10:34 Vai al commento »
    @Noemi Torresi Mi dispiace per Lei, ma sta offendendo la persona sbagliata, anche il tono del suo commento  per favore lo usi con altri, non con me. Per chiudere, Le dico che non mi interessa aprire una polemica con una parente del Sindaco, preferisco il confronto politico con lui. Buona giornata.
    149 - Feb 4, 2013 - 17:32 Vai al commento »
    Non solo Carancini ma ci si mette pure Spacca e la giunta Regionale a fare gli annunci elettorali, cosa credono che basta una visitina a Macerata per farci ingoiare la pillola della dismissione delle nostre eccellenze sanitarie. Il Sindaco ancora una volta omette di dire che il consiglio comunale all'unanimità ha votato una mozione in cui si chiede che :   MOZIONE   A DIFESA DELLA SANITA’ MACERATESE   IL CONSIGLIO COMUNALE DI MACERATA   premesso   che con la Legge Regionale n. 13 del 20 giugno 2003 è stata istituita l’Azienda Sanitaria Unica Regionale ASUR in luogo delle precedenti AUSL, trasformate in Zone territoriali senza personalità giuridica; che, in modifica parziale della l.r. 13 anzidetta, sono state in seguito introdotte nel sistema sanitario n.5 aree vaste, quali ambiti omogenei di collegamento delle zone territoriali ricomprese nella stessa provincia; che, a seguito del c.d. decreto Balduzzi, la Regione Marche ha di recente approvato due delibere di Giunta la n. 1537/2012 e la n. 1590/2012, in cui si lasciano da un lato le aree vaste ma dall’altro lato si indica nelle rete cliniche la base di tutta la programmazione del servizio sanitario ragionale; che anche la stessa ulteriore riduzione di posti letto ( circa 308 su base regionale) vedrebbe la sua applicazione con riferimento alle reti cliniche, indicate per ciò che concerne la nostra realtà territoriale nella integrazione tra Camerino-S.Severino e Fabriano e tra Macerata- Civitanova Marche e Fermo, con applicazione dei parametri del decreto Balduzzi, riferiti al numero degli abitanti; che detta impostazione contrasta con quanto fino ad oggi è stato posto in essere nella programmazione sanitaria, avendo sin qui indicato nelle aree vaste il parametro di declinazione dei servizi; che sarebbero ulteriormente penalizzate le esistenti realtà, anche di medicina convenzionata, oltre che non affrontati e rinviati i nodi attualmente esistenti, come quello della Acom di Montecosaro; che infatti molteplici sono le questioni, come questa ultima, ancora non risolte, e numerosi sono stati i sacrifici già affrontati dal nostro territorio, al fine di rientrare negli standard programmati di area vasta, che hanno visto applicate le linee di Piano sanitario destinando risorse sempre più limitate rispetto alle altre zone della Regione Marche anche per ciò che concerne le strutture e l’innovazione tecnologica; che ancora oggi persistono per di più problemi di carenza di organico tra il personale medico, infermieristico, il personale tecnico radiologico, e di laboratorio analisi; che non è ancora completata la riorganizzazione del 118 per avere un livello ottimale di intervento nell’emergenza, in quanto ci sono alcune zone che hanno dei tempi di percorrenza dell’emergenza che vanno oltre i 20 minuti, con la creazione di un’idonea elisuperficie anche a Macerata, già individuata nelle vicinanze dell’ospedale; che oggi il ridisegno del sistema sanitario sulla base delle reti cliniche mette di certo ulteriormente in discussione quanto sopra descritto, modificando quanto posto nella agenda della programmazione, e non scongiurando peraltro i rischi di ulteriori tagli e penalizzazioni, dovute ad un quadro di prospettiva indicato dagli ultimi decreti ministeriali di certo non confortante, che qui di seguito si sintetizza, a cui deve essere aggiunta la medicina privata convenzionata, non considerata nei prospetti:   Macerata dotazione attuale abitanti necessari pronto soccorso dea 1° livello 150/300.000   osservazione breve intensiva “   medicina urgenza “   rianimazione anestesia “   cardiologia utic “   ortopedia traumatologia “   ostetricia ginecologia “   Pediatria “   Oculistica “   Neurologia “   Psichiatria “   Urologia “   Chirurgia “   medicina interna “   laboratorio h24 “   radilogia tac eco h 24 “   centro trasfusionale h 24 “   letti sub intensiva “   Farmacia “   anatomia patologica 300-600.000   direzione sanitaria “   Macerata altre specialità attuali.   Quale futuro? Servizio chirurgia vascolare 600000 a rischio servizio ematologia 600000 c'è D.H. A civitanova, a rischio neonatologia -ps pediatrico 600000 a rischio Geriatria 400000 a rischio Nefrologia 600000   Dialisi 300-600.000 c'è a tolentino civitanova fermo ? Dermatologia 600000 a rischio Unita' semplice gastr/endoscopia 400000 c'è a fermo unita complessa gastroenterologia medicina nucleare 600/1200.000 a forte rischio Oncologia 300000 c'è a fermo, camerino Radioterapia 600/1200.000 a rischio malattie infettive 600000 a forte rischio chiusura Pneumologia 400000 ? unita semplice diabetologia 300000 ? emodinamica 600/1200.000 ?   Per quanto sopra premesso   IMPEGNA il Sindaco di Macerata, nella qualifica e nel ruolo di rappresentante del nostro territorio nella Conferenza dei Sindaci, a esprimere la netta contrarietà agli indirizzi così come scaturiti dalle delibere di Giunta regionale n. 1537 e 1590 , chiedendone il ritiro, nonché a richiedere alla regione Marche risposte concrete ai problemi descritti in premessa, che realizzino, anche, i seguenti obiettivi: salvaguardare le specificità della zona territoriale 3 di Macerata, nell’ambito di una riaffermata programmazione di area vasta, che si auspica sia al più presto riconosciuta avente personalità giuridica, salvaguardando il nostro ospedale e mantenendo tutti i suoi reparti, compresi quelli di secondo livello; riaprire un tavolo di confronto tra i rappresentanti sindacali del settore sanitario della zona 3 di Macerata e la stessa Regione Marche; inserire nella programmazione delle strutture sanitarie l’ipotesi di realizzazione di un nuovo ospedale baricentrico lungo la vallata del Chienti (Piediripa) più vicino all’asse viario Civitanova Marche/Foligno; affrontare con urgenza la questione relativa alla società Acom , anche attraverso il coinvolgimento della Università politecnica delle Marche, così da essere riferimento con sede distaccata a Macerata per collaborare con la attività di ricerca, produzione e sperimentazione affrontare e scongiurare con precisi interventi i rischi a cui sono sottoposte la medicina convenzionata e le sue strutture che storicamente sono radicate nella nostra città.     Deborah Pantana Fabio Pistarelli   Francesco Luciani Riccardo Sacchi Pierfrancesco Castiglioni Claudio Carbonari Marco Guzzini Francesco Formentini Uliano Salvatori       Macerata 3 Dicembre 2012   Perchè ancora una volta il nostro Sindaco non difende la nostra città e le nostre eccellenze?    
  • Lo Sferisterio chiude il 2012 in attivo
    Carancini: “Risultato straordinario”

    150 - Feb 1, 2013 - 17:56 Vai al commento »
    Questi toni trionfalistici sono fuori luogo, mi ricordo ancora quando il SIndaco difendeva la gestione Pizzi, con dati di bilancio estrapolati qua e là, poi alla fine dai giornali abbiamo appreso che Pizzi dopo mesi di attesa, lo ha liquidato con un  sms..Ora mi auguro che almeno si cerchi di contenere la situazione aspettando tempi migliori, non è il massimo quello che abbiamo attualmente allo Sferisterio, cmq il "carrozzone" continua ad andare avanti.
  • Piscine, Sacchi interroga:
    “E’ vero che bisognerà rifare il bando?”

    151 - Feb 1, 2013 - 17:22 Vai al commento »
    il Sindaco Carancini ha dichiarato che questo è l'anno delle piscine, poi l'anno del progetto delle Casermette, poi l'anno del parcheggio Rampa Zara, ed ancora l'anno della bretella Mattei Pieve.. Intanto sono passati tre anni della sua amministrazione e nulla è stato fatto, e il PD partito di maggioranza fa finta di nulla, perchè in fondo per loro l'unica cosa  che conta è  mantenere ben salda la poltrona. Credo che l'unico merito di Carincini sia quello di essere riuscito da solo a far venire alla luce da un lato il peggio del suo predecessore, e dall'altro il fallimento del centro sinistra maceratese . Le notizie che abbiamo letto in questi giorni ed anche in questi mesi, dimostrano che non c'è società, associazione o ente che non abbia oggi problemi con la gestione della classe dirigente scelta dal PD in questi anni. Macerata deve ricostruire tutto anche una nuova generazione di giovani capaci di occuparsi di dirigere i settori strategici della città, non sarà facile perchè ancora gli anziani manovratori resistono, ma dobbiamo farlo.  
  • Pantana all’attacco: “Basta con i proclami, ci vogliono fatti concreti”

    152 - Gen 28, 2013 - 18:05 Vai al commento »
    @Axel munthe Visto che mi sembra sia interessato a questo concorso per farmacista, credo di aver capito chi è lei e chi è Claudio Sellone.  Tra l'altro usate lo stesso linguaggio che il SIndaco Carancini usa nei miei confronti.. cmq aspettiamo di vedere chi vince il concorso.. Per il resto vi sfido a provarmi la serietà di questa amministrazione.. ciao devo andare da mio figlio (dpantana@libero.it).
    153 - Gen 28, 2013 - 17:35 Vai al commento »
    Attendo di vedere chi vincerà questo concorso, e se poi magari vince un esponente del PD che si fa Axel Munthe e Claudio Sellone? Anche per quanto riguarda la selezione per le mobilità tra breve credo ci saranno delle novità interessanti.. I nostri giovani continuano ad andare a spasso..  
  • “I mesi che ho attraversato”

    154 - Feb 4, 2013 - 17:41 Vai al commento »
    Mario è straordinario..
  • Cannabis ad uso terapeutico
    Il Consiglio regionale dice sì

    155 - Gen 15, 2013 - 15:32 Vai al commento »
    Sono contraria a questo provvedimento, ancora una volta si legifera su quello che non è essenziale a scapito di quanto invece si potrebbe fare per aiutare veramente chi sta male e soffre. Questo cmq è un ulteriore messaggio distorto per i giovani.
  • Tubaldi lascia la presidenza di Radio Erre: “Costretto da Bordoni”

    156 - Gen 8, 2013 - 15:15 Vai al commento »
    Mi dispice molto per quanto accaduto ad Asterio Tubaldi, e lo ringrazio per il suo coraggioso esempio di onestà. Per quanto riguarda i nostri dirigenti maceratesi della sanità non ho più parole visto quello che stanno facendo ad Ancona..
  • Sanità ad alto rischio
    Consiglio ad alta tensione

    157 - Dic 20, 2012 - 19:35 Vai al commento »
    La mozione approvata ora sarà tema di discussione in Regione perchè lo stesso documento è stato presentato anche in consiglio Regionale ed è lì che dovremmo essere tutti noi per sostenerla, non possiamo permettere che veramente si realizzi un nuovo ospedale a Fermo che di fatto impoverirebbe il nostro ospedale, in termini di risorse e quindi di reparti e personale medico e paramedico, questa è la battaglia vera da fare..Non è vero che questo non serve, come qualcuno dice, ognuno di noi deve adoperarsi nel contesto in cui si trova a dover agire, io sono stata eletta in consiglio comunale e quindi è giusto che mi muova nell'ambito di quelle che sono le mie prerogative, quindi: mozioni, ordini del giono ecc.. Se poi ci sono stati consigli comunali aperti che hanno portato all'approvazione di documenti che non sono serviti  a nulla ( come l'ultimo sulla sanità che ha comunque visto l'accorpamento dei reparti) significa che Macerata deve essere più incisiva in Regione e più specificatamente nella commissione quinta di cui Francesco Comi è presidente. Quindi trovo giusta la proposta di Salvatori di presidiare la Regione Marche con atti significativi.. Intanto auguro a tutti voi un sereno Natale e un anno ricco di desideri avverati..
  • Calorosi auguri dal team
    di Cronache Maceratesi

    158 - Dic 20, 2012 - 19:40 Vai al commento »
    Che belle foto? Trasmettono allegria.. Buon Natale e un ricco 2013..ciaooo
  • Indagato per aver usato la Panda comunale
    Carancini: “E’ l’ennesimo attacco personale”

    159 - Dic 15, 2012 - 17:11 Vai al commento »
    @Roberto Bellucci  Sig. Bellucci la storia dell'APM non è una sciocchezza .. e lo sanno tutti. Mi meravigliano cmq certe dichiarazioni..
    160 - Dic 15, 2012 - 14:38 Vai al commento »
      La vicenda relativa all’uso da parte del Sindaco della macchina comunale non può lasciarci indifferenti, soprattutto dopo aver consumato fiumi di parole in consiglio comunale sul fatto che certi comportamenti non devono essere adottati dal primo cittadino. La Procura iustamente sta facendo il suo doere in linea con tutte le altre Procure d'Italia che stanno indagando su fatti analoghi di amministratori locali, inoltre gli  espisodi sono stati diversi e sono state elevate anche delle multe per divieto di sosta. Infatti ci sono diversi cittadini che hanno manifestato il loro sdegno ed hanno presentato denuncia in procura. Chissà cosa pensa la maggioranza di centro sinistra di questo tipo di comportamento del sindaco che hanno eletto? La stessa cosa è successa, quando abbiamo portato in consiglio comunale le parcelle pagate dall’APM al Sindaco per degli incarichi  ricevuti,  alla fine Carancini  ci ha risposto che non era vera l’evidenza e che tutto era normale. Quindi l’unica riflessione che mi sento di fare su questi atteggiamenti è che  parliamo di un Sindaco di centro sinistra, quindi della solita lobby  tutta maceratese che alla fine  lo giustifica sempre, dicendo che non ha fatto nulla di male e se anche leggiamo sui giornali che potrebbe essere condannato per Peculato, poco importa; al contrario se fosse stato un sindaco di centro destra a compiere questi determinati atti,  lo scandalo sarebbe stato centuplicato fino al punto tale da farlo dimettere.  Purtroppo tutto questo, a mio modesto parere, evidenzia una mancanza di sobrietà e di buon senso di  quest’amministrazione, possiamo trovarne tanti di  esempi: c’è chi impartisce l’ordine di non pubblicare le delibere votate in consiglio comunale, c’è chi apre o chiude il centro storico senza un minimo di confronto in consiglio comunale ( se penso a tutte le mozioni bocciate su questo argomento in questi anni), c’è chi non si rende conto che tra un po’ la SMEA fallisce, e con essa anche lo Sferisterio e c’è chi ancora continua a dare incarichi per l’esame del progetto delle famose piscine.. Non mi piace un Sindaco che usa la macchina amministrativa a suo piacimento,  cosa dovrebbe pensare un cittadino che ogni giorno si trova a dover sopravvivere ad una giungla di divieti, tasse e balzelli, invece per la casta è sempre tutto possibile?  Ormai ho smesso di illudermi su un cambiamento di atteggiamento, purtroppo  siamo condannati  a questo immobilismo che deprime la città. 
  • Collegio dei revisori: Cetraro ricorre al Tar contro Comune, Severini e Cirilli

    161 - Dic 6, 2012 - 10:58 Vai al commento »
    Bravo Samuele, l'elezione di Cirilli è stata una forzatura voluta dalla maggioranza e dal Sindaco, ancora una volta ha prevalso la logica di accontentare le solite lobby maceratesi..
  • La Salvadei Brass festeggia Santa Cecilia

    162 - Dic 5, 2012 - 16:46 Vai al commento »
    complimenti siete veramente bravi ed un fiore all'occhiello per la nostra città..
  • Deborah Pantana attacca sulla trattativa Smea – Cosmari

    163 - Nov 28, 2012 - 19:34 Vai al commento »
    Infatti quando abbiamo chiesto al sindaco riguardo al decreto ingiuntivo inviato dal Cosmari al Comune nulla ci ha riferito, solo che dopo qualche giorno guarda caso Blunno dice che c'è un buco di bilancio da sanare.. ora vediamo cosa intende fare il Sindaco su questa questione molto delicata che compromette seriamente la stabilità del nostro Comune.
  • Idea Macerata sul bilancio: “Via due assessori,
    attenzione a partecipate e associazioni”

    164 - Nov 5, 2012 - 10:51 Vai al commento »
    @ Tamara Per quanto riguarda la Simonetti l'accordo era diverso:  gli oneri dovevano essere pagati a rate quando veniva approvata la delibera, quindi ad oggi dovevano essere già versati un milione di euro che dovevano essere accantonati per il "famoso svincolo di San Claudio". Tale operazione avrebbe permesso tra l'altro la posibilità di spendere dei soldini al COmune inquanto diminuiva il limite del patto si stabilità; ora siccome siamo in una situazione emergenziale paradossalmente neanche questo milione risolverebbe il problema del bilancio comunale, darebbe solo un pò di ossigeno per qualche mese. Il bilancio va rivisto dal lato del taglio delle spese, perchè certi privilegi non possono più sussistere e dal lato delle entrate con un nuovo piano di sviluppo per Macerata. E' assurdo che un COmune come Macerata si regga solo sulle multe, tarsu e Imu. @ Rapanelli Grazie, vado avanti perchè credo che Macerata debba essere liberata da questa lobby che ci ha portato alla deriva!!
  • Il preside e l’ingegnere

    165 - Ott 4, 2012 - 15:59 Vai al commento »
    Il colloquio descritto è sì inventato ma vero, purtroppo noi genitori molto spesso nel voler a tutti i costi difendere i nostri figli non ci rendiamo conto che rischiamo di sottovalutare il problema e quindi otteniamo l'effetto  opposto. Ecco perchè oggi le famiglie vanno sostenute, aiutate, nei momenti difficili come questo descritto benissimo dall'Avv. Bommarito.
  • Pantana e Luciani: “Perchè il Comune non ha pagato il Cosmari?”

    166 - Set 24, 2012 - 13:49 Vai al commento »
    @Andrea Melchiori Fin dal suo insediamento il Sindaco sapeva di dover risolvere la questione Smea-Cosmari e quindi intraprendere un'azione legale è stato sbagliato, inoltre la politica del prendere tempo e dell'attesa non funziona più, i ritardi accomulati in questi anni sul piano dei rifiuti, delle infrastrutture e quant'altro hanno penalizzato fortemente lo sviluppo della nostra città; la dimostrazione è il caso provincia dove nessuno si è posto il problema di Macerata ma subito si è pensato ad Ascoli Piceno. Purtroppo i politici, che ci hanno governato in questi vent'anni, oltre a non contare nulla al di fuori delle nostre mura,  non hanno minimamente pensato agli interessi dei cittadini, ma a loro stessi, quindi ormai siamo stati isolati da tutti non solo dal contesto regionale ma anche di quella che ancora oggi chiamiamo provincia.. Quindi non mi sento di dare 7 a nessuno perchè chi ci governa da più di vent'anni ha fatto regredire la nostra città a meno 50. Per quanto riguarda il confronto pubblico, non vedo l'ora di farlo.. ciao
  • Conti e Guzzini: “La maggioranza di centrosinistra è sempre più allo sbando”

    167 - Set 13, 2012 - 17:22 Vai al commento »
    E' chiaro ed evidente ormai a tutti che il centro sinistra ha fallito su ogni fronte, la città attualmente è ferma e non è governata, i soliti gruppi di potere cercano ancora di mantenersi a galla cercando di elargire qualche incarico qua e là sempre alle stesse persone che alla fine riusultano essere ovviamente incompatibili, quindi è arrivato il momento che l'opposizione unita faccia un salto di qualità, cari Marco e Fabio Massimo, se vogliamo dare una speranza alla nostro città. Il consiglio comunale deve essere un luogo di garanzia per tutti, per noi che ci siamo oggi e per chi verrà dopo di noi, non è possibile pensare che un organismo eletto democraticamente dai cittadini venga spogliato di ogni valore e prerogativa, sono contraria e spaventata allo stesso tempo all'idea di un solo uomo al comando. P.S. è piacevole vedervi di nuovo fare le cose insieme, ciao.  
  • Andrea Cirilli eletto revisore dei conti
    La minoranza s’infuria:
    “La solita lobby maceratese”

    168 - Set 13, 2012 - 18:00 Vai al commento »
    Spero che il Dott. Cirilli valuti attentamente le considerazioni che hanno fatto l'avv. Ballesi, l'avv. Carbonari, l'avv. Bommarito, il sig. Enossam ed altri, per l'inopportunità di assumere un incarico   in questo modo.. Ma ci sono tanti giovani professionisti che hanno bisogno di lavorare!!
  • Ballesi: “Non servono nuove elezioni
    per il revisore dei conti”

    169 - Set 10, 2012 - 22:05 Vai al commento »
    Da voci di corridoio sembra che il PD voglia far eleggere il commercialista di Valleverde.. è incredibile! Per non dire altro!
    170 - Set 10, 2012 - 22:03 Vai al commento »
        Appare davvero insostenibile il comportamento tenuto dall’Amministrazione Carancini in merito alla vicenda del rinnovo del collegio dei revisori dei conti del comune, che si configura illeggittima e contraria ad ogni principio di legalità. Difatti, dopo l’elezione dei revisori e l’eccezione sollevata in consiglio dal consigliere Carbonari, si è accertata la situazione di ineleggibilità di uno dei revisori eletti, ovvero del dott. Francesco Launo. Infatti quest’ultimo ha in essere rapporti di natura patrimoniale con il comune di Macerata essendo detentore di quota rilevante (50%) della S.S. Maceratese s.r.l. oltre che amministratore della medesima. L’arroganza con cui l’amministrazione ha proposto all’ordine del giorno del consiglio comunale la sostituzione con votazione di un nuovo revisore dei conti è assurda perchè, essendo il dott. Launo ineleggibile prima ancora che incompatibile, imporrebbe che il primo dei professionisti non eletti entrasse a far parte del collegio. Ma questo potrebbe accadere solo se si adottasse una procedura regolare, trasparente e rispettosa della legge mentre, il comportamento tenuto, fa capire la difficoltà di una maggioranza disposta a tutto pur di conservare potere e poltrone.   Come è possibile che dopo aver eletto a revisore un professionista che già tutti sapevano ineleggibile ed incompatibile, e  dopo essere stati per questo smascherati, ora con sempre più arroganza, pretendano di  avere di nuovo l’opportunità di eleggere un nuovo tesserato di partito. Di fatto la questione dell’incompatibilità negli incarichi dei soliti professionisti di partito è stata già affrontata in consiglio comunale in relazione alle vicende dell’APM, ma la maggioranza ancora una volta ha lasciato che tutto decadesse, perché affrontare tale questione avrebbe certamente smascherato come il centro sinistra gestisce potere, poltrone ed incarichi. Già da tempo in seconda commissione sono stati depositati da noi tre consiglieri i documenti che evidenziano gli incarichi elargiti dall’APM in questi ultimi dieci anni e nessuno ha sollevato la benchè minima questione al riguardo dei nomi presenti in questo elenco. Siamo di fronte ad una casta impenetrabile dove vengono nominate sempre le stesse persone e si lasciano ai margini tanti giovani e bravi professionisti che, non avendo tessere di partito ed amicizie influenti, sono semplicemente ignorati a prescindere dalle loro candidature e qualifiche professionali o che, come nel caso dei revisori dei conti, risulterebbero regolarmente eletti. Il sindaco non è ovviamente estraneo a tutto questo essendo anche lui ingranaggio del “sistema”  e di fatto oggi ci ha presentato una delibera sconcertante dove ci chiede nuovamente di votare, in maniera illegittima, un revisore dei conti che ovviamente dovrà essere di suo gradimento,  con buona pace dell’importanza del collegio dei revisori e della sua indipendenza. Non solo, di fatto oggi il sistema per sostituire i revisori dei conti dovrebbe essere quello imposto dalla nuova normativa, ovvero per sorteggio tra tutti i revisori iscritti nell’apposito albo, e non più per “elezione”.   Questo comportamento apre la porta alla possibilità di ricorsi da parte delle persone lesionate nei loro diritti, con ulteriori possibili spese che graveranno, giocoforza, sul bilancio del comune e quindi dei cittadini maceratesi.   A noi questo modo clientelare di gestire l’amministrazione pubblica non  piace, vorremmo che tutti avessero le stesse opportunità di accesso con un confronto vero, aperto e trasparente.   Claudio Carbonari, Deborah Pantana, Francesco Luciani.
  • “Allo Sferisterio si può dormire”

    171 - Ago 22, 2012 - 22:08 Vai al commento »
    L'assessore Manzi appena arrivata lo scorso anno il primo atto fu prorpio quello di tagliare i fondi ai Pistacoppi proprio per questa manifestazione, ci sono volute due mozioni votate in consiglio all'unanimità per ripristinare in bilancio questi 10 mila euro, questa è la considerazione che ha l'assessore di questo evento che al contrario di lei noi maceratesi lo troviamo straordinario, ecco perchè lo abbiamo difeso in consiglio comunale.. inoltre dire che si è stati autorizzati a dormire allo Sferisterio mi sembra un pò esagerato, cmq se questa è l'idea di accoglienza che ha in mente questa amministrazione facendo anche pagare due euro di dazio per l'ingresso in città stiamo veramente parlando  con gli ufo. Vedendo queste immagini non so come possono  parlare  o addirittura difendere Macerata capoluogo di Provincia..
  • Pantana: “Tanti gli aspetti da valutare prima di autorizzare di nuovo la Orim”

    172 - Ago 10, 2012 - 11:35 Vai al commento »
    grazie a Tamara e all'avv. Bommarito, ho ritenuto che fosse il momento di affrontare questa questione inviando una lettera al Sindaco in cui riporto fedelmente gli atti prodotti in questi anni dalla ditta Orim alla Provincia ed ovviamente al Comune di Macerata, chiedendo la convocazione della commissione ambiente prima della conferenza dei servizi del 24 agosto, perchè se deve essere rilasciata una concessione bisogna farlo nella consapevolezza che chi dovrà svolgere poi il proprio lavoro lo possa fare nella tranquillità e non nel continuo sospetto che forse c'è qualcosa che non va e allo stesso tempo i cittadini non debbono vivere preoccupati per le puzze che li circondano..resta il fatto che l'errore è stato iniziale quando il Comune non ha individuato un area specifica per questo tipo di attività.. Dobbiamo dare fiducia ai nostri cittadini che a Macerata si vive bene e si può anche lavorare con serenità. PS: la commissione è stata convocata il 23 agosto alle ore 18.
  • Mobilitazione generale per il riordino delle Province

    173 - Ago 2, 2012 - 11:31 Vai al commento »
    Caro Mario condivido il tuo pensiero anche se purtroppo il buon senso, come dici tu, non c'è stato da parte di una classe politica che da Ciaffi in poi ha solo penalizzato Macerata. Sono decenni che Macerata non svolge più il suo ruolo di capoluogo, abbiamo perso tutto, nessun politico ha investito sulla nostra città: nessuna opera insfrastrutturale, oggi litighiamo su quale strada fare, ma servono tutte, dallo svincolo di san Claudio alla Mattei - Pieve e Villapotenza, non è stata data nessuna prospettiva di futuro ai nostri giovani, non abbiamo un' area industriale; non c'è lavoro nella nostra città.. Macerata doveva diventare a detta di qualcuno la città dei "centomila abitanti", siamo il capolugo di provincia con meno nascite, ci batte addirittura Corridonia. Purtroppo la classe politica che ci ha governato fino ad oggi ha fallito su tutto, e non è più possibile continuare a salvaguardare le poltrone di chi pensa ancora di giocare con il futuro dei nostri figli. Tutti a casa è meglio, anche chi oggi chiede "una politica alta" dovrebbe ricordarsi che ha fatto l'assessore per 10 anni al Comune oggi è consigliere comunale e assessore in provincia, è troppo .. Da Ivano mi sarei aspettata che invece chiedesse un consiglio comunale sulla vicenda dell'Orim, vista la conferenza dei servizi che guarda caso è stata fissata il 24 agosto quando tutti sono in ferie, cmq presto ne riparleremo. Un saluto cordiale a Mario Lattanzi.
  • Il camino del Cosmari verso la chiusura
    tra proposte e rivendicazioni

    174 - Lug 31, 2012 - 11:15 Vai al commento »
    Caro Marco, leggendo le tue righe ho capito che probabilmente non sei a conoscenza di tutto quello che veramente è successo all'interno dell'assemblea del cosmari, dei documenti che ho inviato e della discussione fatta in commissione seconda lo scorso aprile. Non è un problema di chi ha fatto di più o di meno ma di riconoscere che su alcune problematiche importanti della città o c'è una vera spinta sinergica di tutti o le situazioni non cambieranno mai a Macerata, e tu sai a cosa mi riferisco. Come dici tu "la faccia" chi in un modo o nell'altro ce l'hanno messa tutti, me compresa che ho sempre avuto dal 2005 ( anno della mia prima elezione in consiglio comunale) l'interesse che il Camino del COsmari fosse chiuso, rileggiti gli atti consiliari e le dichairazioni del tuo Sindaco all'epoca capogruppo del PD.. resto del parere  che gli atti restano mentre le parole volano come il vento.. ciao
  • Coppie di fatto, Laura Ruggeri:
    “L’Udc darà battaglia”

    175 - Lug 27, 2012 - 14:03 Vai al commento »
    Il dibattito che si è sviluppato in questi giorni, sul registro delle coppie di fatto, impone una riflessione su questo argomento. Il Comune di Macerata ha affrontato questo tema qualche anno fa chiudendo la questione con un nulla di fatto, in quanto il fronte del no al registro è stato più ampio e  soprattutto non si è voluto dare seguito ad una proposta fatta solo a fini elettoralistici, quindi oggi non stupisce  che la nuova amministrazione di Civitanova Marche, ideologicamente improntata sulla sinistra radicale, voglia introdurre il registro delle coppie di fatto, facendo solo un’operazione d’immagine. Oggi chi parla di istituire un registro delle coppie di fatto, non si rende conto dell’impatto sociale di questa proposta e dell’attacco che  compie nei confronti della famiglia, in un momento in cui invece dovrebbe essere sostenuta, si cerca di aumentare il clima di incertezza, che già i nostri giovani stanno vivendo. Di fatto nei pochi comuni dove è stato istituito questo registro si è accertato che non serve a nulla e che non ha portato nessun vantaggio concreto per le coppie conviventi. Le coppie in Italia che scelgono la convivenza come forma stabile di unione hanno già alcuni diritti. Inoltre, questi sono temi che vanno affrontati dal Parlamento e non da un singolo comune. Le famiglie che hanno sancito la loro unione con un matrimonio, sia civile sia religioso, in Italia sono nell’ordine della decina di milioni contro le 500 mila convivenze, Il sostegno è da indirizzare a chi con il matrimonio, si prende impegni pubblici e stabili verso la società diventandone una risorsa. Un comune non può in maniera troppo laicista voler disciplinare dei rapporti che esulano il contesto politico, in quanto restano nella volontà dei singoli e della loro coscienza. Purtroppo la crisi economico – finanziaria che è in atto e le restrizioni che vengono chieste ai cittadini, sollecitano, a mio modo di vedere, ogni amministratore ad attuare politiche dirette al sostegno della famiglia che saranno efficaci se sapranno riportare la famiglia dalla posizione di "sfondo" delle problematiche dei singoli alla posizione di "centralità", considerandola nodo relazionale primario, senza disarticolarla o scomporla nelle dimensioni relative ai singoli individui. Quindi, la necessità di ripensare la struttura dei servizi sociali comunali in funzione delle nuove esigenze delle famiglie. La famiglia ha bisogno di più servizi, ma il punto di partenza non è quanti servizi in più il comune dà o quanto più spende per il settore dei servizi sociali, ma il punto deve essere quello di lavorare e coprogettare con le famiglie e con le loro associazioni di riferimento. Una vera sussidiarietà. Questo ripensamento culturale  è un ripensamento importante e significativo che deve aiutare le istituzioni non nel decidere quali servizi vanno erogati e a chi, ma nel decidere come riprogettare i servizi in funzione delle esigenze delle famiglie, grazie all’apporto straordinario della rete di associazioni di rappresentanza delle famiglie, che sono i primi portatori delle esperienze vere, reali, concrete delle famiglie stesse. Ecco la necessità di avere in ogni comune un assessorato specifico alle politiche familiari il quale deve promuovere la famiglia in quanto tale, non in quanto somma di individui. Bisogna dare speranza e dei punti di riferimento forti alle nuove generazioni e parlare, invece, di voler istituire un registro delle coppie di fatto è come se l’amministrazione stessa voglia sancire ufficialmente una precarietà anche nei legami sociali: il lavoro non c’è o e precario, la famiglia non c’è o se c’è è momentanea. Invece la politica dovrebbe adoperarsi per dare una nuova cittadinanza alla famiglia, vogliamo un riconoscimento della famiglia come bene comune; quindi politiche familiari che investono in primo luogo sui giovani e sulle donne: lavoro per i giovani e per le donne, conciliazione dei tempi, un vero piano casa che aiuti le giovani coppie e le famiglie monoreddito a trovare un’abitazione a costi sostenibili. Ci vuole coraggio, ci vogliono idee chiare e ci vuole volontà politica, per dare una speranza concreta alla future generazioni, basta con la politica della precarietà!
  • Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo
    aprono il Macerata Opera Festival

    176 - Lug 16, 2012 - 14:54 Vai al commento »
    Credo Placido che il vero riconoscimento di Macerata, al Maestro Ferretti lo abbia dato Anna Menghi quando era sindaco, nomina criticata aspramente dalla sinitra ed oggi si ricuce un rapporto importante per Macerata, mettendo la cosiddetta "pezza", conferendo al Maestro la cittadinanza onoraria. Ricordo ancora l'imbarazzo di Meschini quando lo incaricò nel 2008 per la Carmen..Sono convinta che al Maestro Ferretti faccia piacere invece lavorare, come è abituato a fare con molta umiltà, per la sua città  che lo ha visto nascere e crescere.. per il resto il quesito della Sig.ra Livia è giusto, leggendo anche la delibera che è tata presentata in consiglio, al di là della definizione enciclopedica perchè sarebbe da approfondire questo aspetto che nulla toglie al valore di questi due personaggi che si sono distinti con le loro opere  nel campo della cultura a livello mondiale.. Ps complimenti per la tua associazione "il Glomere" che premia Dante Ferretti.
    177 - Lug 15, 2012 - 19:21 Vai al commento »
    che dire Gianfranco hai proprio ragione, nel 2008 al Maestro Ferretti per la Carmen gli furono dati 55.750,00, al maestro Pizzi per due opere 230.829,00..ora vedremo a fine anno nel 770 quanto verrà dato al prof. Micheli.. anch'io ho avuto la stessa perplessità della Sig.ra Livia..
  • Un chilometro di emozioni
    In 12 mila alzano la coppa

    178 - Lug 15, 2012 - 19:10 Vai al commento »
    Bellissime foto Guido, come sempre, sembra di essere lì alla festa, certo sarebbe un sogno immaginare una festa simile a Macerata.. chissà!
  • Acquaroli: “Il casello della Val Potenza finalmente vede luce”

    179 - Lug 15, 2012 - 19:30 Vai al commento »
    Bravo, so che è da tanto tempo che lavoravi per questa importante opera infrastrutturale, ora anche Macerata in quanto capoluogo dovrebbe svolgere la sua parte, proprio perchè la vallata del Potenza è strategica anche per noi..
  • Chi sarà mai Verdi
    se gli manca la G.?

    180 - Lug 15, 2012 - 18:59 Vai al commento »
    condivido il pensiero espresso dal dott. Liuti e dall'amico Filippo; sono sempre convinta che la stagione lirica allo Sferisterio dovrebbe ritornare ad essere all'insegna della tradizione e dell'eleganza nello stile, caratteristiche perse negli anni; le opere sono moderne quando riescono a trasmettere delle emozioni vere, purtroppo leggendo sulla stampa locale le interviste di qualche regista non mi sembra..
  • IL CASO VALLEVERDE
    Speranze e interrogativi

    181 - Lug 18, 2012 - 17:47 Vai al commento »
    Il Sindaco Carancini dice:" dove abbiamo già due milionni di euro della lottizzazione Simonetti. " Cosa non vera in quanto è dal 2010 che si dovevano chiedere tali oneri alla Simonetti ma ancora non è stato fatto, pare per una dimenticanza degli uffici. Resta il fatto che Macerata ha bisogno di queste tre importanti opere infrastrutturali: lo svincolo di San Claudio, il collegamento Mattei- Pieve ( accordo di programma del 2009/2010 tra Provincia-Comune e Regione come è stato eletto Carancini i fondi sono stati spostati), e il completamente della rete viaria a villapotenza. Se non verranno realizzate queste opere Macerata è votata all'eterno isolamento. Per quanto mi riguarda Valleverde poteva essere una grande opportunità di crescita per la città e soprattutto di lavoro per i giovani, visto che la nostro tessuto sociale sta invecchiando  ed abbiamo l'indice di natalità più basso di tutta la provincia, segno che le famiglie giovani si insediano da altre parti.
  • Scuola di via Panfilo, Francesca D’Alessandro: “Basta con le meschinità politiche”

    182 - Lug 9, 2012 - 0:29 Vai al commento »
    Sig. Giorgio, come ho evidenziato qualche giorno fa in un intervento sulla stampa, insieme ai colleghi dell'associazione IDEA MACERATA, ritengo che l'amministrazione comunale di Macerata, ossia la giunta Carancini , già avrebbe dovuto emanare il bando per l'affidamento dei lavori di ristrutturazione della scuola di via Panfilo, poi accordarsi con l'ircer che oggi a che ne sono ha addirittura chiesto la valutazione dell'UTE per la vendita del padiglione B di sua proprietà, non fidandosi di alcune perizie probabilmente, quindi l'amministrazione invece di aspettare di approvare delle delibere in cui abbligare qualche privato che costruisce a fare qualcosa si sarebbe già dovuta attivare, invece come sempre si prende tempo, passerà ancora minimo un altro anno prima di vedere qualche fatto concreto.. Se vogliamo aggiungere che ad esempio se si fosse già messo in bilancio nella parte investimenti il milione di euro che l'amministrazione doveva incassare dalla lottizzazione SImonetti oggi avremmo potuto già iniziare i lavori perchè sul fronte delle entrate avevamo un milione in più da cui ne avremmo beneficiato anche per i vincoli del patto di stabilità. ( fortunatamente parlandone sempre in terza commissione si è aperto uno spiraglio e la dimenticanza, pare degli uffici, diventerà presto una concreta richiesta di pagamento). Per quanto riguarda l'elenco degli immobili non accatastati e quindi senza il certificato di agibilità ho avuto il materiale qualche giorno fà e lo messo a conocenza di tutti i consiglieri presentando anche una mozione in consiglio sulla quale vedremo quale scusa troverà qualche consigliere di opposizione per non firmarla ed altri  per non votarla, cmq non demordo, nonostante i soliti giochetti per salvare questo Sindaco che non sta facendo nulla per la città. Sig. Giorgio le dico anche che sembra che a diversi consiglieri di maggioranza e di opposizione tornare alle urne per il comune sia una cosa non conveniente in questo momento, io la penso in modo contrario, visto l'immobilismo politico e amministrativo che ha creato. Il SIndaco credo che ormai si sia reso conto che in consiglio si è formato un fronte pro-Sindaco ed un altro contro il Sindaco, ( composto indistintamente da consiglieri di maggioranza e di opposizione) e mi auguro che presto ne tragga le sue valutazioni. Intanto in tutto questo immobilismo ed anche caos generale il PDL piaccia o no fa opposizione, perchè esiste a dispetto di chi pensa che non debba esserci più, ma resta ed è un partito, con tutte le difficoltà del momento ed i nostri limiti in quanto persone  umane, che comunque non si sono mai sottrate al confronto nelle sedi istituzionali competenti. Concludo dicendo che la politica è una cosa seria, che per me deve essere rivolta solo ed esclusivamente nella direzione di guardare al bene della nostra collettività, lasciando da parte i personalismi e le false illussioni di un attimo, l'obiettivo deve essere sempre quello di saper guardare avanti e costruire una vera alternativa per la città che sappia guardare  a tutti e non ai soliti pochi e referenziati.. Grazie Sig. Giorgio per lo spunto che mi ha suggerito. Ps. il prossimo consiglio sarò assente perchè sto con la mia famiglia.
  • Maratona consiliare sul bilancio
    Il sindaco Carancini corre da solo?

    183 - Giu 22, 2012 - 11:45 Vai al commento »
    @Giogio Longarini Ha ragione nel chiedere chiarezza soprattutto riguardo le scuole dove i nostri figli passano gran parte della loro giornata; a tal riguardo ho già chiesto all'amministrazione che mi fornisca un elenco di tutti gli edifici pubbblici che mancano di agibilità e poi chiederò di  intraprendere una seria azione di messa a norma di tutti gli edifici..
  • Comuni ricicloni: la provincia di Macerata
    prima nelle Marche

    184 - Giu 12, 2012 - 17:38 Vai al commento »
    Un mese fa è stata indetta la commissione seconda per analizzare la questione Smea, dalla riunione è emerso solo un imbarazzo generale del Pd locale che ancora oggi  preferisce lanciare solo dei timidi messaggi, vedi il comunicato di qualche giorno fa di Sciapichetti, in cui proprio lui ,uomo di spicco del PD, chiede come mai sull’acquisto da parte del cosmari della smea  non si sa nulla. Durante il dibattito, sempre in seconda commissione, ci è stato riferito che la maggioranza dei sindaci della provincia sono contrari all’acquisto della Smea da parte del Cosmari, perché la dirigenza della nostra azienda (non dimentichiamo che la Smea è una creatura partorita dai nostri politici locali) non piace o quanto meno non raccoglie tante simpatie, per cui ad oggi tutti è fermo. Certo è che se la politica resta ancorata ai personalismi di chi è simpatico o meno, ovviamente non andremo tanto in avanti, ma se comunque è solo questo il problema che impedisce l'acquisto della smea è anche di facile risoluzione.. chi governa oggi deve dare una prospettiva e la concreta soluzione ai problemi, perché non dimentichiamo mai che ci sono diverse famiglie di operai che stanno attendendo una decisone definitiva, con il timore di poter perdere il lavoro. Resta comunque il fatto che qualche mese fa annunciai proprio con un comunicato stampa l’esigenza di affrontare tale questione senza pregiudizi, alla luce soprattutto della normativa nazionale e regionale che in qualche maniera ci costringono, come amministratori locali a rivedere alcune decisioni in quanto così  come prescritto, appunto, dal Consiglio Regionale delle Marche che ha approvato un’importante disposizione amministrativa (delibera n. 45 criteri per la redazione del piano straordinario d’ambito per la gestione integrata dei rifiuti) ,  i rifiuti urbani dovranno essere gestiti a livello provinciale, da un unico soggetto imprenditoriale, anche mediante forme di aggregazione tra imprese che operano nello stesso ambito. Ormai è evidente a molti, che alla fretta della Regione Marche si contrappone una totale inerzia della politica locale la quale non sta facendo nulla se non portare i rifiuti maceratesi nella discarica di Ascoli Piceno con  un forte aggravio di costi per la comunità locale, per i cittadini e per le imprese. Quindi da cittadina maceratese mi chiedo:” Cosa aspettano il Sindaco di Macerata e il Presidente del COSMARI a cogliere l’opportunità offerta dal recente provvedimento regionale e dal decreto Cresci-Italia che permette di posticipare di tre anni la gara di evidenza pubblica, aprendo la porta all’affidamento in house, nel caso in cui la SMEA e il COSMARI si aggreghino per dar vita ad un unico gestore “locale” del servizio a livello di ambito provinciale.  Un’opportunità  che mi risulta abbiano invece colto al “volo” molte realtà italiane tra queste il comune di Firenze, di Prato e di Pistoia (vedi il Sole 24 re del 20 aprile 2012). Perché  di fronte a queste importanti novità regionali e nazionali c’è un silenzio generale e né l’amministrazione comunale di Macerata e né il Cosmari stanno avviando nessun tavolo di lavoro che possa andare nella direzione prevista dal legislatore che tra l’altro impone venga perfezionato questo processo di aggregazione su base provinciale entro il 31 dicembre 2012? La loro inattività è sospetta : stanno forse pensando di consegnare a qualche grosso gruppo industriale, in trepida attesa, la gestione dei servizi pubblici locali dei rifiuti urbani della nostra provincia? Se questa è la strategia e la scelta futura che il centro sinistra intende perseguire nella gestione dei rifiuti urbani su base locale e provinciale lo si dica chiaramente a tutti, compresi i numerosi lavoratori del Cosmari, della Sintegra e della Smea che stanno vivendo un momento di particolare incertezza per il loro futuro. Dismettere un sistema di gestione pubblica dei rifiuti che sta dando buoni risultati in termini di raccolta differenziata, che ha superato l’obiettivo del 65%, è davvero una scelta scellerata ed incomprensibile. Quella dei rifiuti è una sfida che i Comuni non possono permettersi di non cogliere, sia per l’impatto che ha sulle tariffe che pagano i cittadini e le imprese, sia per la valenza economica ed occupazionale che tale settore assume e determina nel nostro territorio provinciale. Le disposizioni legislative e normative regionali e nazionali ci impongono di agire in fretta alla definizione di un piano straordinario d’ambito organizzato su base provinciale, il quale oltre ad essere in grado di garantire l’efficienza e l’economicità  richieste per un servizio pubblico essenziale, deve far diventare la gestione dei rifiuti un vero e proprio settore produttivo in grado di tutelare l’ambiente, l’occupazione e i cittadini. Tale piano non può quindi non prevedere la riconversione del sistema impiantistico del COsmari attraverso l’eliminazione della linea di incenerimento dei rifiuti, che oltre ad essere obsoleta ed antieconomica, sta provocando una forte apprensione e preoccupazione tra i cittadini residenti a Sforzacosta, a Casette Verdini e più in generale nella vallata del Chienti. Oggi ci sono soluzioni tecnologiche molto avanzate di trattamento dei rifiuti differenziati ed indifferenziati in alternativa all’incenerimento, in grado di garantire non solo livelli di sicurezza ambientale ma anche di qualità di materiali recuperati ricavati dai rifiuti con l’obiettivo di accrescere l’utilizzo sostenibile delle risorse riciclabili che aiuterà ad affrontare il problema delle materie prime nel nostro paese, le quali in futuro saranno sempre meno disponibili sul mercato e quindi sempre più costose. I Comuni saranno chiamati a breve a fare una scelta politica per il futuro della gestione dei rifiuti nella nostra provincia: vanno quindi individuate le migliori e le più avanzate tecnologie che abbiamo a disposizione, con l’obiettivo di chiudere il cerchio della filiera del recupero dei rifiuti con la realizzazione di impianti di riciclaggio, in collaborazione anche con imprese private, al fine di reinserire  sul mercato del riciclo le materie prime secondarie recuperate attraverso la raccolta differenziata. Carancini in qualità di sindaco del Comune capofila non può continuare a non decidere in una materia come quella dei rifiuti in cui è invece chiamato, insieme agli altri comuni della provincia, ad assumere importanti scelte politiche che riguardano non solo le modalità gestionali, ma anche le tecnologie che si intendono adottare per il trattamento dei rifiuti urbani le quali devono essere sempre meno “impattanti” e più attente e sensibili alla tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini. La situazione di crisi che stiamo vivendo impone anche per il settore dei rifiuti un evidente cambio di marcia che tenga conto della tempestività degli interventi su politiche per la riduzione dei rifiuti, raccolta differenziata, riciclo e riuso, impianti di recupero energetico della frazione organica e impianti di smaltimento finale. Vanno insomma trovate le migliori soluzioni per evitare che il costo del sistema di raccolta, recupero e smaltimento non vada a gravare sulla tariffa che i cittadini e le imprese vedono crescere di anno in anno.  
  • Mamme e nonni chiedono
    di parcheggiare ai giardini Diaz

    185 - Giu 8, 2012 - 19:59 Vai al commento »
    condivido, speriamo che almeno questa volta in consiglio ci stiano a sentire. Lo scorso anno pur avendo votato un ordine del giorno per estendere il permesso sosta alle famiglie con bambini fino a 5 anni, non vi è stato nessun adempimento nè da parte del COmune e nè tanto meno che dall'apm.
  • Pantana (Pdl): “Più attenzione ai servizi sociali”

    186 - Giu 9, 2012 - 12:20 Vai al commento »
    se vuole avrei piacere di parlarle: dpantana@libero.it
  • L’Ircr rischia il commissariamento

    187 - Giu 8, 2012 - 17:14 Vai al commento »
    @ claudio sellone grazie, terrò a mente il tuo consiglio, anzi lo metterò all'opera! @andrea Marchiori Hai ragione tu, però devo dirti che ieri mi aspettavo un pomeriggio diverso, invece è stato il nulla, quindi ho sentito su di me il rammarico di aver perso un'occasione, primo perchè è da più di un mese che si riuniscono tutti i capigruppo, maggioranza ed opposizione, per formulare un ordine del giorno che avesse dato un indirizzo unitario all'ircer, quindi nessun gruppo aveva preparato un proprio ordine del giorno, poi la richiesta, legittima, da parte di alcuni consiglieri di opposizione di aggiungere qualche modifica, a quello originario, non ha trovato accoglimento da parte di chi era stato incaricato di lavorarci fin dall'inizio. ( Addirittura Mari ha messo a votazione due ordini del giorno, e se fossero stati approvati entrambi, come alla fine votando insieme quasi ci stavamo riuscendo, cosa sarebbe successo? quale dei due avrebbe avuto valore, visto che c'erano parti del documento che si sostituivano? Procedura ovviamente non corretta. Insomma alla fine è successo un gran pasticcio,ecco perchè sono stata tentata di uscire dall'aula). In secondo luogo, perchè abbiamo mancato nella vera partecipazione, perchè il popolo non c'era e quindi nessuno è intervenuto, non siè parlato di rette, di servizi e di come sono erogati agli ospiti, e di tante altre cose, per cui tutto quello che si votava a quel punto non cambiava lo stato delle cose. Insomma Andrea, forse lo fatta troppo lunga, ma ieri sono rimasta male, e non è una questione di dignità o meno dei gruppi di opposizione, siamo tutti uguali in quanto eletti dai cittadini.. ciao  
    188 - Giu 8, 2012 - 12:19 Vai al commento »
    Sono tanto delusa anch'io Sergio ma non solo per l'ircer ma per tante altre questioni.. Riporto l'intervento dell'UGL per intero, che trovo molto appropriato: " non intendo prolungare la discussione sul tema già ampiamente ed efficacemente trattato da chi mi ha preceduto senza trascurare quanto già detto sulla stampa. In proposito come U.G.L. desidero solo augurarmi che tutto venga chiarito presto e con la dovuta trasparenza. Oggi invece desidero parlare del sistema gestionale delle risorse umane dell'IRCR ritenendolo non meno importante della stessa gestione delle risorse economiche; infatti riguarda direttamente l'assistenza dei nostri anziani ricoverati spesso non autosufficienti. Da molteplici indiscrezioni assunte (purtroppo almeno fino ad oggi la nostra organizzazione sindacale non è presente nella struttura) sembrerebbe che esista un sistema gestionale che non voglio minimamente pensare sia di tipo clientelare altrimenti si rivolterebbe lo stomaco di me stesso come quello di tutti coloro che ancora credono nella tanto decantata meritocrazia; posso però intuire che probabilmente trattasi di sistema quanto meno autoritario. In particolare l'organigramma degli operativi risulterebbe carente quanto a unità impiegate rispetto alle esigenze lavorative. Alla luce di quanto sopra chiediamo all'amministrazione comunale di verificare quanto segue: 1)     è vero che esiste circa il 60/70% della forza lavoro assunta con ripetuti contratti a termine (precari)? 2)     È vero che per supplire alle carenze di organico il personale non riesce a fruire della spettanza ferie e dei permessi retribuiti? 3)     È vero che talvolta non viene rispettato il riposo settimanale? Se tutto ciò rispondesse a verità ci chiediamo cosa abbia intenzione di fare l'amministrazione dell'IRCRe del Comune per ovviare a detti inconvenienti. Infatti apparirebbe assai contro tendenza (sia di tipo politico che legale) favorire il precariato (contratti a termine) rispetto ai contratti a tempo indeterminato. Inoltre la carenza di organico che comporta mancate fruizioni di ferie, permessi e riposi potrebbe provocare – per la stanchezza fisiologica del personale operativo- rischi per la salute fisica e per la lucidità mentale dei lavoratori; senza poi trascurare la possibilità di commettere errori nelle loro prestazioni  provocando anche danni al personale assistito (di norma non autosufficienti) che,se gravi, comporterebbero responsabilità soggettive e oggettive di carattere civile e penale. A parziale conferma di quanto su descritto aggiungiamo che risulterebbe inoltrata all'Ispettorato del Lavoro di Macerata da parte di alcuni dipendenti  una segnalazione di inadempienze da parte dell'IRCR nella gestione del personale. Per concludere l'UGL, come peraltro ritengo hanno fatto e faranno i nostri colleghi delle altre organizzazioni sindacali, peraltro da tempo già presenti nell'IRCR, continuerà a monitorare la situazione al fine di ogni possibile miglioramento nella gestione del personale e quindi nell'assistenza agli anziani ricoverati".
    189 - Giu 8, 2012 - 11:53 Vai al commento »
    Purtroppo questo consiglio comunale aperto non è riuscito a far luce su quello che denunciammo nel 2005 all'autorità di vigilanza sui lavori pubblici, pensavo che dopo tanto tam tam mediatico ci fosse tanta gente invece i soliti addetti ai lavori, che tra l'altro non hanno neppure preso la parola. Gli interventi tutti scontati, poi alla fine si vota un ordine del giorno scritto già da un mese, alcune correzioni, che comunque non risolvono le innumerevoli questioni della nuova azienda pubblica di servizi che oltre ad avere problemi perchè il proprio patrimonio è stato da sempre sottovalutato per le potenzialità dell'azienda, la stessa ha molti problemi legati al personale che vi opera in quanto, come sottolineato dai sindacati, ha contratti a tempo determinato che si sono protratti nel tempo, senza una regolarizzazione. Arriviamo al voto: personalmente volevo uscire fin dall'inizio perchè sono contratria a che venga fatta una fondazione per la gestione dei beni immobili dell'ircer perchè a mio modesto parere vengono sottratti alle specificità che dovremmo raggiungere con l'azienda pubblica dei servizi alla persona, se non che Luciani Fancesco mi ha trattenuto proprio perchè erano usciti i due consiglieri dei comunisti italiani e forse avremmo avuto i numeri per far passare un'ordine del giorno dell'opposizione e non della maggioranza, ma comunque resta purtroppo ad oggi tutto com'è. In più la maggioranza è uscita dall'aula soddisfatta affermando:" che oggi c'è stata massima trasparenza su tutto, guardiamo avanti". Sicuramente  chi legge questo commento perchè scritto da me non lo condividerà: però credetemi sono sbalordita di come la verità venga sempre travisata a proprio tornaconto.
  • Pantana: “Maceratesi tartassati dal Comune”

    190 - Giu 5, 2012 - 19:12 Vai al commento »
    @Tommy Gun negli anni sono state tante le cose condivise e non condivise,perchè credo che il governo della città ci chieda di essere sempre vicini alle esigenze dei cittadini, quindi oggi dobbiamo essere uniti affinchè il Comune di Macerata cambi idea sulla sua proposta di un IMU che ci danneggia rendendo tutti più poveri.
  • Pantana rivendica il ruolo dell’opposizione a Macerata

    191 - Mag 30, 2012 - 16:16 Vai al commento »
    grazie Sisetto per la spiegazione dell'enciclopedia treccani, comunque sono molto fiera del cognome di mio Padre. Boezio: 1) più lavoro ( APM, Sferisterio, Palazzo Buonaccorsi, piano turismo e nuovo piano dei servizi sociali) 2) incentivi alle coppie giovani che decidono di vivere a Macerata, soprattutto nel centro storico 3) nuovo sistema tariffario e fiscale locale a misura di famiglia 5) incentivi al commercio 6) recupero dei palazzi antichi del centro storico, come la Banca d'Italia 4) recupero dei progetti per la grande viabilità ( svincolo di San CLaudio e Mattei-Pieve) 5) sviluppo della vallata del Potenza 6) impiantistica sportiva A presto.
  • Silvano Iommi racconta la Macerata che non c’è più

    192 - Mag 11, 2012 - 15:39 Vai al commento »
    Bravo Filippo.. Silvano oltre ad essere un appassionato di storia ha di suo una forte sensibilità nei confronti del bello sopratutto nel settore dell'estetica monumentale pubblica e quindi di tutto il settore attinente a quello che oggi definiamo a livello amministrativo dei lavori pubblici.. sarò con voi da lontano perchè vado a Roma per la marcia della vita, con mio figlio e mio marito.
  • CIAO MAURO

    193 - Apr 30, 2012 - 11:58 Vai al commento »
    E' stato per me un grande amico, ci siamo sentiti appena quindici giorni fà  e la notizia oggi mi sconvolge.. resterà per sempre nei miei ricordi.
  • Scacco matto al Tolentino
    Maceratese a tre metri dalla serie D

    194 - Apr 23, 2012 - 13:33 Vai al commento »
    Ieri è stata una giornata di grande sport per la maceratese, per i tifosi e per le famiglie che si sono recate allo stadio,grazie alla Presidente ed ai suoi ragazzi..  
  • Macerata Opera presenta il bilancio 2011
    “Chiudiamo con un più 351mila euro”

    195 - Apr 19, 2012 - 14:48 Vai al commento »
    non comprendo perchè il Sindaco si espone con certe dichiarazioni così lontane dalla realtà, purtroppo quel dato positivo a cui lui fa riferimento è un dato importante per esempio per un'azienda, ma parziale che indica ben poco, di fatto conta il saldo di gestione, che ancora una volto è negativo, se si facesse lo stesso sistema per il 2010, avremmo lo stesso risultato così come descritto per il 2011.  Credo che in questo momento non servono certe dichiarazioni era meglio vedere un serio impegno che le solite sparate sullo Sferisterio. Comunque ritengo opportuno pubblicare i documenti relativi al bilancio 2010, che sono riuscita ad avere dopo non so quante interrogazioni: " ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 1 Associazione Arena Sferisterio – Teatro di Tradizione ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI Giovedì 12 Maggio 2011 Macerata – Via Santa Maria della Porta, 65 ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 2 ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Teatro di Tradizione SOCI FONDATORI Comune di Macerata Provincia di Macerata CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Romano Carancini Sindaco di Macerata Vice-presidente Tiziana Tombesi Consiglieri Rolando Angeletti Paola Ballesi Ermanno Calzolaio Alfredo Cesarini Walfrido Cicconi Giuseppe Ferrari Daniela Gasparrini Manuel Seri COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Giorgio Piergiacomi Presidente Fabio Pierantoni Carlo Maria Squadroni ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 3 ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Teatro di Tradizione BILANCIO DI ESERCIZIO 2010 Stato patrimoniale e Conto economico Nota integrativa Relazione tecnico – artistica Relazione del Collegio dei Revisori dei conti ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 4 ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 (redatto in forma abbreviata ai sensi dell’art. 2435bis c.c.) (importi espressi in euro) Stato patrimoniale attivo 31/12/2010 31/12/2009 A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti (di cui già richiamati ) B) Immobilizzazioni I. Immateriali   31.781 93.225 - (Ammortamenti) 24.060 78.927 - (Svalutazioni) 7.721 14.298 II. Materiali   5.465.756 5.457.092 - (Ammortamenti) 3.357.550 3.096.414 - (Svalutazioni) 2.108.206 2.360.678 III. Finanziarie   41.241 41.241 - (Svalutazioni) 41.241 41.241 Totale Immobilizzazioni   2.157.168 2.416.217 C) Attivo circolante I. Rimanenze   8.885 9.038 II. Crediti - entro 12 mesi 1.619.765 1.329.195 - oltre 12 mesi 1.557.087 1.716.742 3.176.852 3.045.937 III. Attività finanziarie che non costituiscono Immobilizzazioni 3.500 3.500 IV. Disponibilità liquide   6.268 40.919 Totale attivo circolante   3.195.505 3.099.394 D) Ratei e risconti   33.603 5.265 Totale attivo   5.386.276 5.520.876 Stato patrimoniale passivo 31/12/2010 31/12/2009 A) Patrimonio netto I. Capitale   1.529.123 1.529.123 II. Riserva da sovrapprezzo delle azioni III. Riserva di rivalutazione IV. Riserva legale ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 5 V. Riserve statutarie VI. Riserva per azioni proprie in portafoglio VII. Altre riserve Differenza da arrotondamento all'unità di Euro 1 1 VIII. Utili (perdite) portati a nuovo   (246.583) (207.375) IX. Utile d'esercizio IX. Perdita d'esercizio   (392.343) (39.209) Totale patrimonio netto   890.197 1.282.540 B) Fondi per rischi e oneri 101.618 159.656 C) Trattamento fine rapporto di lavoro subordinato 64.888 80.640 D) Debiti - entro 12 mesi 1.613.370 1.107.648 - oltre 12 mesi 2.703.927 2.872.700 4.317.297 3.980.348 E) Ratei e risconti 12.276 17.692 Totale passivo 5.386.276 5.520.876 Conti d'ordine 31/12/2010 31/12/2009 1) Rischi assunti dall'impresa 2) Impegni assunti dall'impresa 3) Beni di terzi presso l'impresa 4) Altri conti d'ordine Totale conti d'ordine Conto economico 31/12/2010 31/12/2009 A) Valore della produzione 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni   1.368.732 1.645.470 2) Variazione delle rimanenze di prodotti in lavorazione, semilavorati e finiti 3) Variazioni dei lavori in corso su ordinazione 4) Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni 5) Altri ricavi e proventi: - vari 60.013 190.162 - contributi in conto esercizio 2.961.765 2.986.701 - contributi in conto capitale (quote esercizio) 3.021.778 3.176.863 Totale valore della produzione   4.390.510 4.822.333 B) Costi della produzione 6) Per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci   195.406 353.714 7) Per servizi   3.095.660 3.017.975 ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 6 8) Per godimento di beni di terzi   298.011 285.994 9) Per il personale a) Salari e stipendi 561.811 511.059 b) Oneri sociali 172.724 155.016 c) Trattamento di fine rapporto 9.619 8.573 d) Trattamento di quiescenza e simili e) Altri costi 13.679 11.936 757.833 686.584 10) Ammortamenti e svalutazioni a) Ammortamento delle immobilizzazioni immateriali 6.732 6.655 b) Ammortamento delle immobilizzazioni materiali 261.184 249.379 c) Altre svalutazioni delle immobilizzazioni d) Svalutazioni dei crediti compresi nell'attivo circolante e delle disponibilità liquide 267.916 256.034 11) Variazioni delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci 153 12) Accantonamento per rischi 13) Altri accantonamenti 14) Oneri diversi di gestione   20.514 51.120 Totale costi della produzione   4.635.493 4.651.421 Differenza tra valore e costi di produzione (A-B)   (244.983) 170.912 C) Proventi e oneri finanziari 15) Proventi da partecipazioni: - da imprese controllate - da imprese collegate - altri 16) Altri proventi finanziari: a) da crediti iscritti nelle immobilizzazioni b) da titoli iscritti nelle immobilizzazioni c) da titoli iscritti nell'attivo circolante d) proventi diversi dai precedenti: - altri 1.272 476 1.272 476 1.272 476 17) Interessi e altri oneri finanziari: - altri 140.192 170.266 140.192 170.266 17-bis) utili e perdite su cambi Totale proventi e oneri finanziari   (138.920) (169.790) D) Rettifiche di valore di attività finanziarie 18) Rivalutazioni: a) di partecipazioni b) di immobilizzazioni finanziarie c) di titoli iscritti nell'attivo circolante 19) Svalutazioni: a) di partecipazioni ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 7 b) di immobilizzazioni finanziarie c) di titoli iscritti nell'attivo circolante Totale rettifiche di valore di attività finanziarie E) Proventi e oneri straordinari 20) Proventi: - plusvalenze da alienazioni - varie 35.538 12.632 - Differenza da arrotondamento all'unità di Euro 1 35.538 12.633 21) Oneri: - minusvalenze da alienazioni - imposte esercizi precedenti - varie 10.955 8.635 - Differenza da arrotondamento all'unità di Euro 1 10.956 8.635 Totale delle partite straordinarie   24.582 3.998 Risultato prima delle imposte (A-B±C±D±E)   (359.321) 5.120 22) Imposte sul reddito dell'esercizio, correnti, differite e anticipate a) Imposte correnti 33.022 44.329 b) Imposte differite c) Imposte anticipate d) proventi (oneri) da adesione al regime di consolidato fiscale / trasparenza fiscale 33.022 44.329 23) Utile (Perdita) dell'esercizio   (392.343) (39.209) ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 8 ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Sede in VIA SANTA MARIA DELLA PORTA N. 65 - 62100 MACERATA (MC) Nota integrativa al bilancio chiuso il 31/12/2010 Gli importi sono espressi in euro Premessa Gentilissimi Enti Soci, il bilancio che viene sottoposto al Vostro esame ed alla Vostra approvazione chiude con una perdita di € 392.343, dopo aver stanziato ammortamenti per € 267.916 ed accantonamenti per imposte per € 33.022. Attività svolte L’Associazione opera nel settore dello spettacolo. Il tema dello Sferisterio Opera Festival 2010 è stato “A maggior gloria di Dio” per celebrare il quarto centenario della morte di Padre Matteo Ricci. In suo onore il Festival si è aperto il 29 luglio nell’Auditorium San Paolo con il ”Vespro della Beata Vergine” di Claudio Monteverdi, la cui esecuzione è stata affidata a Marco Mencoboni. La stagione è proseguita il 30 luglio fino al 10 agosto con tre titoli d’opera allo Sferisterio, “Faust”, “La forza del destino” e “I Lombardi alla prima crociata” e due al Teatro Lauro Rossi, “Juditha triumphans” e “Attila”. Per tutte le opere si è trattato di nuovi allestimenti. Nel tema della stagione lirica, sono state organizzate diverse iniziative: all’Auditorium San Paolo “A maggior gloria di Dio”, conferenza tenuta da Massimo Cacciari e “Processo a Galileo”, lettura con Umberto Orsini. Per tutte le rappresentazioni ci si è avvalsi della ormai consolidata collaborazione dell’Orchestra Filarmonica Marchigiana, del Coro Lirico Marchigiano “Vincenzo Bellini” e del complesso bandistico “Salvadei”. SOF IN TOUR Anche per quest’anno sono state organizzate manifestazioni collaterali, in collaborazione con Comune e Provincia, allo scopo di interpretare la complessità della richiesta da parte del pubblico (Progetto scuole, Aperitivi Culturali, Guide all’ascolto, ecc.). “Terra Di Teatri festival 2010” è iniziato il 18 aprile e si è svolto nel corso dei mesi seguenti, fino al 7 agosto. Oltre naturalmente alla città di Macerata, il Festival ha coinvolto svariati comuni e teatri, come Corridonia, Camerino, Fiuminata, Recanati, Treia, Caldarola, Penna San Giovanni, Muccia, Appignano, Pollenza, Castelraimondo, Montelupone, Treia, Cingoli, Taverne di Serravalle di Chienti, monumenti storici, come l’Abbazia di Rambona, il castello di Lanciano, l’Abbazia di San Firmano, nonché siti paesaggistici, come l’altopiano di Colfiorito. Essendo per sua natura una manifestazione che propone una tipologia artistica molto eterogenea (dalla musica sacra a quella contemporanea, da rievocazioni storiche antiche e moderne alla danza, dal teatro classico alla musica celtica), ha calamitato l’interesse di svariate tipologie di pubblico; da segnalare, in particolare, che il progetto “Itinerari d’ascolto” ha coinvolto le scuole di musica ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 9 del territorio, con il proposito di valorizzare le risorse artistiche locali e di avvicinare alla musica contemporanea le nuove generazioni. Dal 12 al 15 aprile 2010 si è tenuta la 28^ Rassegna di Nuova Musica, dedicata a importanti compositori dell’Europa dell’est, dal titolo “Vento dell’est”. Dal 23 aprile al 30 maggio si è svolta la 1° edizione della rassegna di recital lirici denominata “Sof in Tour” che ha coinvolto alcuni Comuni della Provincia di Macerata (Treia, San Ginesio, Monte San Giusto, Muccia, Corridonia, Castelraimondo, Serrapetrona, Matelica). L’iniziativa si è svolta con il contributo della Provincia di Macerata e dei Comuni partecipanti e si inserisce in un percorso di maggiore radicamento sul territorio dell’attività dell’Associazione Sferisterio. La Stagione Lirica 2010 ha mantenuto tutti gli elementi artistici e tecnicoorganizzativi richiamati in sede legislativa nazionale dai vigenti regolamenti, sempre tendendo a una più significativa considerazione da parte dello Stato. Al fine di coinvolgere in modo sempre più ampio i soggetti privati, specie quelli operanti sul territorio comunale e provinciale, è stata riproposta anche quest’anno l’iniziativa “Albo d’Onore”, confermando anche l’articolazione impostata gli anni precedenti (Albo d’onore, Albo amici, ecc.); a fronte di un contributo di importo variabile, le aziende partecipanti vedono il proprio nome inserito nell’Albo prescelto relativo alla stagione lirica in corso. Come per gli anni passati, anche quest’anno svariate amministrazioni comunali hanno deciso di aderire alla proposta, continuando così a fruire, come del resto le aziende private, di un importante veicolo promozionale, sia tramite la distribuzione dei materiali cartacei, sia tramite il sito internet dell’Associazione. L’obiettivo “qualità”, che è sempre stato la costante dell’Associazione Sferisterio, resta fondamentale per garantire un futuro certo ad una istituzione che, tra le altre cose, risulta fortemente svantaggiata dal punto di vista logistico e geografico, rispetto alla crescente concorrenza nazionale ed internazionale. L’impegno dichiarato di questa manifestazione, ormai trasformata in Festival, è confermare i risultati acquisiti, cercando di far fronte anche alle difficoltà create dalla disponibilità di risorse economiche sempre più ridotte, che ostacolano la piena realizzazione di programmi e progetti. Fatti di rilievo verificatisi nel corso dell'esercizio Dopo la chiusura dell’esercizio non sono avvenuti fatti di rilievo che meritano di essere evidenziati. Si fa presente che l’Associazione ha adottato le misure minime di sicurezza e che ha provveduto nei termini di legge a redigere il Documento Programmatico sulla Sicurezza ai sensi del D. Lgs 30/06/2003, n. 196. Criteri di formazione Il presente bilancio è stato redatto in forma abbreviata in quanto sussistono i requisiti di cui all'art. 2435 bis, 1° comma del Codice civile; non è stata pertanto redatta la Relazione sulla gestione. A completamento della doverosa informazione si precisa in questa sede che ai sensi dell'art. 2428 punti 3) e 4) C.C. non esistono né azioni proprie né azioni o quote di società controllanti possedute dalla società anche per tramite di società fiduciaria o per interposta persona e che né azioni ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 10 proprie né azioni o quote di società controllanti sono state acquistate e / o alienate dalla società, nel corso dell'esercizio, anche per tramite di società fiduciaria o per interposta persona. Criteri di valutazione I criteri utilizzati nella formazione del bilancio chiuso al 31/12/2010 non si discostano dai medesimi utilizzati per la formazione del bilancio del precedente esercizio, in particolare nelle valutazioni e nella continuità dei medesimi principi. La valutazione delle voci di bilancio è stata fatta ispirandosi a criteri generali di prudenza e competenza nella prospettiva della continuazione dell'attività. L'applicazione del principio di prudenza ha comportato la valutazione individuale degli elementi componenti le singole poste o voci delle attività o passività, per evitare compensi tra perdite che dovevano essere riconosciute e profitti da non riconoscere in quanto non realizzati. In ottemperanza al principio di competenza, l'effetto delle operazioni e degli altri eventi è stato rilevato contabilmente ed attribuito all'esercizio al quale tali operazioni ed eventi si riferiscono, e non a quello in cui si concretizzano i relativi movimenti di numerario (incassi e pagamenti). La continuità di applicazione dei criteri di valutazione nel tempo rappresenta elemento necessario ai fini della comparabilità dei bilanci della società nei vari esercizi. In particolare i criteri di valutazione adottati nella formazione del bilancio sono stati i seguenti. Immobilizzazioni Immateriali Sono iscritte al costo storico di acquisizione e rettificate dai corrispondenti fondi di ammortamento. Il software acquistato negli esercizi precedenti è ammortizzato con una aliquota annua del 20%, mentre quelle acquistate dall’anno 2009 vengono ammortizzate in due anni. I lavori su beni di terzi sono ammortizzati in cinque esercizi. Materiali Sono iscritte al costo di acquisto e rettificate dai corrispondenti fondi di ammortamento. Nel valore di iscrizione in bilancio si è tenuto conto degli oneri accessori e dei costi sostenuti per l'utilizzo dell'immobilizzazione, portando a riduzione del costo gli sconti commerciali e gli sconti cassa di ammontare rilevante. Le quote di ammortamento, imputate a conto economico, sono state calcolate attesi l'utilizzo, la destinazione e la durata economico-tecnica dei cespiti, sulla base del criterio della residua possibilità di utilizzazione, criterio che non è stato modificato rispetto all'esercizio precedente. Materiali ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 11 Si riferiscono a depositi cauzionali e sono inscritte al valore nominale. Crediti Sono esposti al presumibile valore di realizzo, provvedendo direttamente allo stralcio di quei crediti ritenuti inesigibili. Debiti Sono rilevati al loro valore nominale, pari a quello di estinzione. Ratei e risconti Sono stati determinati secondo il criterio dell'effettiva competenza temporale dell'esercizio. Rimanenze magazzino Sono valutate al costo di acquisto. Fondi per rischi e oneri Sono stanziati per coprire perdite o debiti di esistenza certa o probabile, dei quali tuttavia alla chiusura dell'esercizio non erano determinabili l'ammontare o la data di sopravvenienza. Nella valutazione di tali fondi sono stati rispettati i criteri generali di prudenza e competenza e non si è proceduto alla costituzione di fondi rischi generici privi di giustificazione economica. Fondo TFR Rappresenta l'effettivo debito maturato verso i dipendenti in conformità di legge e dei contratti di lavoro vigenti, considerando ogni forma di remunerazione avente carattere continuativo. Il fondo corrisponde al totale delle singole indennità maturate a favore dei dipendenti alla data di chiusura del bilancio, ed è pari a quanto si sarebbe dovuto corrispondere ai dipendenti nell'ipotesi di cessazione del rapporto di lavoro in tale data. Imposte sul reddito Le imposte sono imputate secondo il principio di competenza sulla base della normativa fiscale vigente. Garanzie, impegni, beni di terzi e rischi L’Associazione non ha né concesso né ricevuto garanzie, fatta eccezione per una garanzia ipotecaria concessa alla Banca delle Marche spa sull’immobile di ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO plT~-,;e~àdell', uSG(;Ìazione il cui debito originario era pari ad € 550.000. - -. -. . . OmlSSIS # # .I , - Pagina 12 ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 20 Conto economico Per un’analisi dettagliata del conto economico si rinvia alla relazione tecnico-artistica. CONCLUSIONI Informazioni sugli strumenti finanziari emessi dalla società (Rif. art. 2427, primo comma, n. 19, C.c.) L’Associazione non ha emesso strumenti finanziari. Informazioni relative al fair value degli strumenti finanziari derivati (Rif. art. 2427- bis, primo comma, n. 1, C.c.) L’Associazione non ha strumenti finanziari derivati. Informazioni relative alle operazioni realizzate con parti correlate (Rif. art. 2427, primo comma, n. 22-bis, C.c.) L’Associazione non ha posto in essere operazioni con parti correlate. Informazioni relative agli accordi non risultanti dallo stato patrimoniale (Rif. art. 2427, primo comma, n. 22-ter, C.c.) L’Associazione non ha in essere accordi non risultanti dallo Stato Patrimoniale. Informazioni relative ai compensi spettanti al Collegio Sindacale (Rif. art. 2427, primo comma, n. 16-bis, C.c.) Il compenso per il Collegio Sindacale ammonta a Euro 15.532,29 Ai sensi del punto 14) dell'art. 2427 del Codice civile si evidenziano: Rettifiche di valore operate esclusivamente in applicazione di norme tributarie Non esistono tali tipi di rettifiche. Accantonamenti operati esclusivamente in applicazione di norme tributarie Non esistono tali tipi di accantonamenti. Fiscalità differita ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 21 Non esiste fiscalità differita. Gentilissimi Enti Soci, siete invitati ad approvare il presente bilancio così come sottopostoVi e di rinviare a nuovo la perdita subita di € 392.343. Il presente bilancio, composto da Stato patrimoniale, Conto economico e Nota integrativa, rappresenta in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria nonché il risultato economico dell'esercizio e corrisponde alle risultanze delle scritture contabili. Macerata, li 02/05/2011. ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 22 ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Sede in VIA SANTA MARIA DELLA PORTA N. 65 - 62100 MACERATA (MC) Relazione tecnica al bilancio consuntivo 2010 Gli importi sono espressi in euro La presente relazione viene redatta allo scopo di fornire dettagli e chiarimenti alle voci di bilancio della gestione 2010. Si precisa che, per esigenze funzionali, tali voci sono state riclassificate in base ai centri di costo e quindi, in taluni casi, vi sono scostamenti rispetto alla riclassificazione CEE, utilizzata per la redazione del bilancio che verrà sottoposto all’approvazione dell’Assemblea dei soci. Questo differente criterio di valutazione non incide, però, ovviamente, sull’esattezza dei dati contabili oggetto della relazione. RICAVI PROVENTI DA RACCOLTA FONDI Per quanto riguarda i proventi da raccolta fondi, si ritiene utile fornire le seguenti specifiche. Ministero Beni Culturali L’importo previsto inizialmente in bilancio si basava sulla richiesta fatta al Ministero dei Beni Culturali al momento della presentazione della domanda di contributo per la Stagione 2010; tale importo ha subito una notevole riduzione in sede di effettiva assegnazione del contributo, compensata in parte dal fondo di riserva stanziato in apposita voce di bilancio; complessivamente la somma assegnata è inferiore di € 10.000,00 rispetto all’anno precedente, a causa dei tagli apportati dal Ministero al Fus. Regione Marche Il contributo previsto da questo Ente a sostegno degli spettacoli dal vivo ha subito una diminuzione di € 54.488,00 rispetto alla somma inserita nel preventivo, risultando inferiore di € 36.988,00 PREVISIONE CONSUNTIVO DIFFERENZA ANNO 2010 INIZIALE Proventi da raccolta fondi 3.080.000 2.866.765 -213.235 1.01.01 Ministero Beni Cultural i 1.100.000 920.000 -180.000 1.01.02 Reg ione Marche 400.000 345.512 -54.488 1.01.03 Comune di Macerata 640.000 640.000 0 1.01.04 Provincia di Mac erata 550.000 550.000 0 1.01.05 Fondaz ion e Car ima 250.000 250.000 0 1.01.06 Camera di Commercio 85.000 100.000 15.000 1.01.10 Al tr i Contributi 55.000 61.253 6.253 Proventi da gestione artistica 1.710.000 1.569.901 -140.099 1.02.00 Sponsorizzazioni 435.000 596.832 161.832 1.03.00 Biglietteria 900.000 600.721 -299.279 1.04.00 Proventi diversi 75.000 114.233 39.233 1.05.00 Proventi da altre attività 120.000 232.201 112.201 1.06.00 Albo d'onore 180.000 25.913 -154.087 4.790.000 4.436.665 -353.335 ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 23 rispetto all’assegnazione dell’anno precedente. Comune di Macerata Questa voce di ricavo risulta costituita dal contributo annuale per le spese di gestione nell’importo determinato in sede previsionale; dal 2008 ciascuno degli enti soci ha stabilito di aumentare il proprio contributo di € 100.000,00, pertanto anche per l’anno 2010 questa voce ammonta ad € 640.000,00. Provincia di Macerata Questa voce di ricavo risulta costituita dal contributo annuale per le spese di gestione nell’importo determinato in sede previsionale; dall’anno 2008 questa voce ammonta ad € 550.000,00 in quanto ciascuno degli enti soci ha stabilito di aumentare il proprio contributo di € 100.000,00 rispetto all’anno precedente. Fondazione Carima La Fondazione Carima ha corrisposto un contributo di € 250.000,00, pari all’importo erogato nell’anno precedente. Camera di Commercio La Camera di Commercio ha corrisposto un contributo pari ad € 100.000,00, aumentato di € 15.000,00 rispetto all’anno precedente e, quindi, rispetto alla previsione iniziale che si attestava sul dato storico. Altri contributi Questa voce di bilancio, pari ad € 61.253,00, era stata contabilizzata solo in parte in sede previsionale e, pertanto, determina nel totale una maggiore entrata di € 6.253,00; essa risulta così composta: € 25.000,00 contributi corrisposti dalla Banca delle Marche per la stagione lirica, € 5.000,00 contributi corrisposti dalla Banca delle Marche per gli aperitivi culturali, € 9.246,49 contributi ricevuti dal Dipartimento dello Spettacolo a titolo di rimborso parziale delle spese sostenute nell’anno 2009 per gli obblighi di vigilanza antincendio durante gli spettacoli, € 16.083,33 contributi corrisposti dalla Provincia di Macerata e dai vari Comuni ospitanti a titolo di compartecipazione alle spese di organizzazione degli spettacoli inseriti nell’iniziativa “SOF in tour”, € 3.000,00 contributo corrisposto dal Consiglio Nazionale Forense per lo spettacolo “Processo a Galileo”, € 2.000,00 contributo corrisposto dall’Ordine degli Avvocati di Macerata per gli aperitivi culturali, € 872,80 contributi derivanti dalla devoluzione del 5 per mille relativa all’anno 2008 da parte dell’Agenzia delle Entrate. PROVENTI DA GESTIONE ARTISTICA Per quanto riguarda i proventi da gestione artistica, si ritiene utile fornire le seguenti specifiche. Sponsorizzazioni Questa voce di ricavo, pari ad € 596.832,00, risulta composta dalle sponsorizzazioni principali di Gaz de France per € 170.000,00 e di Banca delle Marche per € 113.333,00; inoltre, sono state coinvolte a titolo di sponsor di vario livello n. 31 ditte del territorio che hanno contribuito per un totale di € 293.094,00; sono comprese in questa voce anche le sponsorizzazioni ottenute per l’iniziativa SOF in tour (€ 6.983,00) e per gli aperitivi culturali (€ 13.422,00). Complessivamente si è realizzata una maggiore entrata di € 161.832,00 rispetto alla previsione di bilancio, in quanto sono confluite in questa voce tutte le somme ricevute da soggetti privati che negli anni precedenti ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 24 venivano in parte introitate all’interno della voce “Albo d’onore”. Biglietteria Questa voce rappresenta il ricavo netto di biglietteria pari ad € 600.721,00, costituito dai ricavi da bordereaux, compresi i diritti di prevendita, e decurtato dalle differenze dei biglietti omaggio/sponsor inserite in apposita voce di spesa del conto economico. Complessivamente si registra una minore entrata di € 299.279,00 rispetto alla previsione, causata anche dall’annullamento della recita del 30 luglio. Proventi diversi All’interno di questa categoria di natura eterogenea che ammonta ad € 114.233,00, si evidenziano gli importi più rilevanti costituiti dalle seguenti voci: - contributi erogati dal Comune di Macerata (€ 35.000,00 come rimborso degli oneri del mutuo contratto nel 2009 per l’acquisto della gru ed € 15.833,00 come contributo per le attività turistiche); - contributo dal Teatro delle Muse per collaborazione quale impresa lirica di riferimento ai sensi dell’art. 27 della Legge 800/1967 € 5.000,00; - vendita dei libretti di sala € 5.809,00; - rimborso delle prestazioni erogate nei confronti di soggetti terzi (Musicultura per lavori € 17.000,00 e utilizzo della biglietteria € 6.456,00); - interessi attivi maturati sui conti correnti bancari € 1.272,00; - sopravvenienze attive derivanti dalla cancellazione di debiti pregressi (ante 2001) e prescritti € 35.538,00. Complessivamente questa voce fa registrare maggiori entrate per € 39.233,00 in quanto nel corso della gestione si sono realizzati proventi inizialmente non prevedibili. Proventi da altre attività I componenti principali di questa voce di ricavo, relativa ad attività diverse dalla stagione lirica, sono i seguenti: - contributo di € 60.000,00 corrisposto dalla Provincia di Macerata per l’organizzazione della manifestazione Terra di Teatri; - contributo di € 20.000,00 corrisposto dal Comune di Macerata per la Rassegna di Nuova Musica; - contributo di € 15.000,00 corrisposto dalla Provincia di Macerata per la Rassegna di Nuova Musica; - contributo di € 18.000,00 corrisposto dall’Università degli Studi di Macerata per l’organizzazione di uno spettacolo ad Hadrianopolis (Albania); - importo di € 70.000,00 ricevuto dal Teatro delle Muse di Ancona per il noleggio ad Ancona ed al Festival Mozart di La Coruna dell’allestimento dell’opera “Don Giovanni” realizzato dal Maestro Pizzi nella stagione 2009; - importo di € 30.000,00 ricevuto dalla Fondazione Pergolesi-Spontini di Jesi per il noleggio dell’allestimento dell’opera “La Traviata” di Josef Svoboda presso il Teatro di Valencia; - importo di € 12.000,00 ricevuto dalla Fondazione Pergolesi-Spontini di Jesi per il noleggio dell’allestimento in formato ridotto per teatri al chiuso dell’opera “La Traviata” di Josef Svoboda e della relativa attrezzeria presso il Teatro di Treviso; - importo di € 3.417,00 ricevuto dal Teatro Korea Opera Group di Seoul per il noleggio dell’allestimento dell’opera “Juditha triumphans” realizzato da Gasparon nella stagione 2010; - importo di € 3.200,00 dal Comune di Macerata per l’organizzazione di un concerto di musica folkloristica cinese presso il Teatro L.Rossi. ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 25 Complessivamente si è conseguito un introito pari ad € 232.201,00 che ha determinato una maggiore entrata di € 112.201,00 in quanto definita soltanto in parte in sede di preventivo. Albo d’onore Diversamente da quanto avvenuto negli anni precedenti, in questa voce di entrata sono state inserite esclusivamente le adesioni dei Comuni del territorio, essendo state ricomprese le somme versate dalle ditte nella voce relativa alle sponsorizzazioni; ciò giustifica il notevole scostamento tra la previsione di bilancio, che teneva conto della suddivisione delle entrate seguita negli anni precedenti, e le somme effettivamente riscosse dagli enti coinvolti (n. 51 Comuni) pari a € 25.913,00, determinando una minore entrata di € 154.087,00. Complessivamente nella parte entrata si registrano minori proventi per un totale di € 353.335,00. COSTI TITOLO I Cast artistico In questa voce di bilancio sono compresi i compensi corrisposti ai cantanti, ai direttori d’orchestra, ai ballerini, mimi e figuranti lirici, ai registi, costumisti, scenografi, coreografi, light designer e ai loro assistenti; rispetto alla previsione iniziale in questa voce si sono realizzate minori spese per € 39.433,00. Collaborazioni artistiche e professionali In questa voce sono compresi i costi sostenuti per i maestri collaboratori e per il personale di palcoscenico in generale; il risultato a consuntivo presenta maggiori spese per € 5.545,00. Orchestra e coro Questa voce è relativa ai compensi erogati ad orchestra, coro, banda di palcoscenico, coro di voci bianche, nonché ai noleggi dei materiali musicali (spartiti, ecc.) e alle spese riferite alle sale di prova. Rispetto alla previsione si registrano minori spese per € 39.559,00. PREVISIONE CONSUNTIVO DIFFERENZA ANNO 2010 INIZIALE TITOLO I 3.800.000 3.773.921 -26.079 1.01 Cast artistico 995.000 1.034.433 39.433 1.02 Collaborazioni artistiche e professionali 85.000 90.545 5.545 1.03 Orchestra e coro 920.000 880.441 -39.559 1.04 Personale ausiliario 490.000 494.639 4.639 1.05 Scene e costumi 440.000 381.871 -58.129 1.06 Oneri previdenz iali 370.000 361.957 -8.043 1.07 Spese generali 500.000 530.035 30.035 TITOLO II -   Amministrazione generale 910.000 877.765 -32.235 TITOLO III - Altre attività 0 177.321 177.321 TITOLO IV - Fondo r iserva e imprevisti 80.000 0 -80.000 4.790.000 4.829.007 39.007 ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 26 Personale ausiliario In questa voce rientrano i costi sostenuti per tutto il personale diurno e serale (parrucchieri, truccatori, sarti, macchinisti, attrezzisti, elettricisti, facchini, custodi e vallette, studenti dell’Accademia di Belle Arti, ecc.). Lo stanziamento è comprensivo dei maggiori oneri rimborsati in corso d’anno da Musicultura (€ 17.000,00) per le attività svolte dai tecnici per loro conto. Rispetto alla previsione iniziale si registra una contenuta maggiore spesa di € 4.639,00. Scene e costumi In questa voce di bilancio sono compresi i costi sostenuti per l’acquisto, il noleggio, il trasporto e la manutenzione delle scene, costumi, attrezzeria, calzature, parrucche, impianti audio, video e di illuminazione. Si registra una consistente minore spesa di € 58.129,00 rispetto alla previsione iniziale. Oneri previdenziali Comprende i contributi Inps, Enpals ed Inail maturati sui compensi inseriti in tutte le voci di bilancio sopra esposte. La spesa effettiva è risultata inferiore di € 8.043,00 rispetto alla previsione. Spese generali Questa voce che presenta un totale di € 530.035,00 risulta di natura eterogenea; al suo interno si possono individuare quattro tipologie di spesa: Siae, biglietteria, stampa e pubblicità e spese generali in senso stretto. Gli oneri relativi alla Siae comprendono i costi sostenuti per i diritti d’autore sulle opere rappresentate e i diritti Siae veri e propri, per un totale di € 21.424,06. Nella voce relativa agli oneri della biglietteria sono compresi i costi di gestione (sia per il personale addetto sia per l’impianto di biglietteria elettronica), le commissioni riconosciute alle agenzie di viaggi per la prevendita dei biglietti e le perdite rilevate per l’emissione di biglietti agli sponsor ed in omaggio, per una spesa totale di € 68.541,02. Per quanto riguarda la stampa e pubblicità, l’importo complessivo di € 313.266,45 comprende i compensi corrisposti ai vari professionisti (ufficio stampa, fotografo, collaboratori), le spese gestite dall’Agenzia Mirus relative all’impostazione, alla stampa, all’affissione, alla distribuzione del materiale pubblicitario e alle inserzioni sugli organi di stampa, le spese sostenute per l’accoglienza dei giornalisti e per le conferenze stampa, le spese correlate alle entrate degli sponsor tecnici per tutte le iniziative organizzate (€ 60.405,00). Nella voce delle spese generali vere e proprie, che ammontano a complessivi € 126.803,47, sono compresi i premi assicurativi pagati per furto, incendio, responsabilità civile e pioggia (€ 29.131,42), le spese di pulizia dell’Arena e degli spazi di prova (€ 17.204,98), il compenso per la Task, il servizio antincendio pagato ai Vigili del Fuoco (€ 6.445,00), il noleggio della seconda gru presente in Arena (€ 16.000,00), l’affitto degli spazi di prova presso l’Ostello Ricci (€ 33.600,00), le spese attinenti alla sicurezza sul lavoro (acquisto di materiali, visite mediche, consulenze specifiche, ecc.), le spese per le riprese e le fotografie di scena ed altre spese minori. Complessivamente si registrano maggiori spese per € 30.035,00 rispetto alla previsione iniziale, riconducibili agli oneri per l’affitto dell’Ostello Ricci come sopra indicati, in precedenza sostenuti direttamente dal Comune di Macerata. TITOLO II In questo capitolo di spesa rientrano tutti i costi relativi ai collaboratori fissi dell’Associazione (direttore artistico, direttore dell’organizzazione tecnica, responsabile amministrativo, consulenti ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 27 fiscali, legali e del lavoro), quelli inerenti il personale dipendente impiegatizio, le spese ordinarie di gestione (utenze di acqua, luce e gas, spese telefoniche e postali, cancelleria e stampati, quota annuale di iscrizione all’Atit), i canoni di affitto del magazzino costumi, le imposte dell’esercizio, le quote di ammortamento dei beni mobili e immobili, gli interessi passivi di vario genere (su mutui e su conti correnti bancari), le sopravvenienze passive riguardanti alcuni crediti stralciati per sopravvenuta impossibilità di riscossione (€ 10.955,28) e le rimanenze per la parificazione dei costi con la contabilità economica. Complessivamente si registrano minori spese per € 26.735,00 rispetto alla previsione, in quanto si sono verificate economie in quasi tutte le singole voci che compongono la categoria, tranne che per le spese per l’ammortamento dei beni mobili ed immobili, aumentate per la quota relativa alla gru posizionata nel retropalco, acquistata nell’anno 2009 e, pertanto, in ammortamento con aliquota ordinaria dal corrente esercizio; si precisa che negli ultimi anni l’importo degli ammortamenti è cresciuto a seguito degli investimenti effettuati dall’Associazione per l’acquisto delle sedie, dell’impianto luci, del magazzino di deposito delle scenografie e della gru. TITOLO III Nella voce rientrano tutti quei costi collegati ad attività diverse dalla Stagione Lirica in senso stretto (Terra di Teatri, Rassegna Nuova Musica, spettacoli vari, noleggio di materiale scenografico in Italia ed all’estero). Come già evidenziato a proposito delle entrate, anche le spese relative a questa voce non erano state inizialmente contabilizzate e pertanto determinano maggiori spese per € 171.821,00; si evidenzia che complessivamente dalla gestione delle attività diverse dalla Stagione Lirica nell’anno 2010 si è determinato un saldo positivo di € 54.880,00. In totale si registrano maggiori costi pari ad € 39.007,88 che, sommati alle minori entrate realizzate pari a € 353.334,62, determinano la perdita di esercizio 2010, contabilizzata nell’importo complessivo di € 392.342,50. Considerazioni finali Come già avvenuto negli ultimi esercizi, anche la gestione 2010, oltre al conseguimento di lusinghieri risultati artistici, è stata caratterizzata da una continua attenzione all’andamento economico. Dal punto di vista delle spese, la preventiva assegnazione di budget ai responsabili dei vari settori dell’attività: Direzione artistica, Promozione, Ufficio Stampa, Amministrazione ha consentito di ottenere una conseguente maggiore responsabilizzazione gestionale ed un rigore nella verifica di sostenibilità dei costi; dal punto di vista delle entrate, oltre al puntuale controllo di congruità delle previsioni indicate in bilancio, si è verificata una pressante attenzione agli incassi con continui solleciti nei confronti dei debitori. Il controllo di gestione è stato realizzato anche attraverso la tenuta di una contabilità industriale, distinta per specifici centri di costo, introdotta dall 2008, che consente un più efficace raccordo tra le voci del conto economico e lo schema di sintesi predisposto per il C.d.a.. Durante l’anno sono stati effettuati costanti controlli anche riguardo all’andamento dei flussi finanziari al fine di monitorare il ricorso all’anticipazione di cassa concessa dalla Banca delle Marche che ha consentito di far fronte agli sfasamenti temporali tra incassi e pagamenti verificatisi nel corso dell’esercizio. Nonostante gli sforzi sopra evidenziati, la gestione 2010 ha conseguito un risultato negativo, come comprovato dalla consistente perdita di esercizio, che risulta in controtendenza rispetto ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 28 all’andamento degli esercizi precedenti e deriva per il 90% da minori entrate e per il 10% da maggiori spese. Si evidenzia, in particolare, che, nonostante le previsioni di bilancio fossero state correttamente calibrate sulla base dell’andamento storico, maggiori spese sono state causate da oneri che in passato erano stati sostenuti dal Comune di Macerata, mentre le minori entrate derivano dalla riduzione del contributo regionale e, soprattutto, dalle risultanze della biglietteria, cioè dalla voce più aleatoria di tutto il bilancio; su questa voce, infatti, incidono fattori non completamente valutabili e prevedibili, primo fra tutti l’andamento atmosferico, fortemente negativo durante l’estate 2010, tanto da comportare l’annullamento della prima recita del “Faust” e di mettere a rischio lo svolgimento di diverse altre serate di spettacolo, condizionando pesantemente l’afflusso di pubblico per gli spettacoli all’aperto. La perdita di gestione 2010 trova copertura nel fondo di dotazione dell’Associazione. ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 29 ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO MACERATA OPERA VIA SANTA MARIA DELLA PORTA N. 65 - 62100 MACERATA (MC) RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI AL BILANCIO CONSUNTIVO ESERCIZIO 2010 Signori Soci, il bilancio dell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2010, corredato dai prospetti e dalla relazione tecnico artistica, evidenzia una perdita d’esercizio di € 392.343 e si riassume nei seguenti dati. STATO PATRIMONIALE Immobilizzazione al netto degli ammortamenti €. 2.157.168 Attivo circolante €. 3.195.505 Ratei e risconti attivi €. 33.603 TOTALE ATTIVO €. 5.386.276 Fondo di dotazione €. 1.529.123 Perdite esercizi precedenti non coperte €. -246.583 Perdita d’esercizio €. -392.343 Patrimonio Netto €. 890.197 Fondi per rischi e oneri € 101.618 Fondo TFR di lavoro subordinato €. 64.888 Debiti scadenti entro 12 mesi €. 1.613.370 Debiti scadenti oltre 12 mesi €. 2.703.927 Ratei e risconti passivi €. 12.276 TOTALE PASSIVO €. 5.386.276 CONTO ECONOMICO Valore della produzione €. 4.390.510 Costi della produzione €. 4.635.493 Proventi e oneri finanziari €. -138.920 ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 30 Proventi e oneri straordinari €. 24.582 Risultato prima delle imposte €. -359.321 Imposte sul reddito d’esercizio €. 33.022 Perdita dell’esercizio €. -392.343 In merito ai criteri di valutazione seguiti il Collegio osserva quanto segue: - gli elementi patrimoniali destinati ad essere utilizzati durevolmente sono stati iscritti fra le immobilizzazioni al costo di acquisizione comprensivo dei costi accessori; - il costo delle immobilizzazioni materiali ed immateriali la cui utilizzazione è limitata nel tempo, è stato ammortizzato nell’esercizio nel pieno rispetto dei limiti di natura fiscale, sulla base di distinti coefficienti per ciascuna categoria di beni; - gli ammortamenti delle immobilizzazioni materiali sono stati calcolati applicando gli stessi criteri dei passati esercizi; - i crediti sono stati iscritti al valore presumibile di realizzazione; - le disponibilità liquide sono state valutate al valore nominale; - le rimanenze sono state valutate al costo; - nei ratei e nei risconti sono compresi costi e proventi comuni a più esercizi, l’entità dei quali varia in ragione del tempo unitamente a voci di costi sospesi; - nella voce “Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato – T.F.R.”, è indicato l’importo delle indennità maturate a favore del personale dipendente calcolato a norma dell’art. 2120 c.c.; - i debiti sono stati valutati al valore nominale. All’esame del conto consuntivo si è provveduto alla ricognizione dei seguenti atti: - risultanze di tutti i conti di competenza dell’esercizio 2010; - bilancio di previsione 2010; - riassunto generale della situazione patrimoniale al 31 dicembre 2010; - registri contabili e sussidiari; - documentazione amministrativa e fiscale. ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 31 Sulla base dei controlli espletati e degli accertamenti eseguiti si rileva, in via preliminare, che detto bilancio, che viene sottoposto alle Vostre deliberazioni, corrisponde alle risultanze della contabilità sociale, e che, per quanto riguarda la forma ed il contenuto, esso è sostanzialmente in linea con le norme del codice civile introdotte a seguito del recepimento della IV Direttiva CEE avvenuto con il decreto legislativo 09/04/1991, n. 127 e con l’applicazione dei criteri esposti nella Nota Integrativa al bilancio. Il Collegio, nell’espletamento delle proprie funzioni istituzionali nel corso dell’esercizio: – ha vigilato sull’osservanza della legge e dell’atto costitutivo e sul rispetto dei principi di corretta amministrazione; – ha partecipato alle riunioni del consiglio d’amministrazione e alle assemblee dei soci, svoltesi nel rispetto delle norme di legge e di statuto che ne disciplinano il funzionamento; – ha effettuato le verifiche periodiche così come risultanti dai verbali trascritti nel libro del Collegio dei Revisori; – ha monitorato l’assetto organizzativo dell’Associazione; – ha valutato l’adeguatezza del sistema amministrativo e contabile e l’affidabilità di quest’ultimo a rappresentare correttamente i fatti di gestione. L’esercizio 2010 si chiude con una pesante perdita, la peggiore degli ultimi cinque anni, che interrompe quel processo di risanamento iniziato cinque anni fa. La perdita è stata generata in particolar modo dal calo degli incassi della biglietteria, voce sulla quale influiscono diversi fattori quali la crisi economica, l’andamento climatico, la soppressione di serate a causa del maltempo ma, anche, la scelta delle opere in cartellone; peraltro è di tutta evidenza che, una volta allestite le opere, non si è più in grado di intervenire sui costi, molti dei quali già contrattualizzati, per cui un calo della biglietteria così marcato come quello verificatosi nel 2010, non può essere ammortizzato da una proporzionale e contestuale discesa dei costi. Il risultato negativo ha avuto inevitabilmente riflessi sul fronte finanziario tant’è che l’indebitamento lordo è cresciuto di oltre 300.000 € e quello netto di oltre 200.000 €. ASSOCIAZIONE ARENA SFERISTERIO Bilancio al 31/12/2010 Pagina 32 E’ necessario, anche alla luce della non facile congiuntura economica ancora in atto, operare con attenzione e prudenza al fine di riprendere al più presto quell’azione di risanamento interrottasi bruscamente; in quest’ottica sarebbe auspicabile che gli Enti soci intervenissero, anche in parte, per coprire la perdita conseguita. Nel corso dell’anno non sono emersi nuovi contenziosi che presentino rischi per l’Associazione, mentre per quelli in essere il c.d.a. ha provveduto, in nota integrativa, ad esporre un elenco analitico circa i potenziali rischi; alla luce di quanto riportato il fondo rischi iscritto in bilancio appare congruo; nel corso dell’anno è stata definita la vertenza apertasi con un collaboratore con imputazione al fondo rischi generico accantonato negli esercizi precedenti. Stante quanto sopra, esprimiamo parere favorevole all'approvazione del Conto Consuntivo dell’esercizio 2010 così come proposto, ribadendo l’invito agli Enti soci di deliberare in ordine alla copertura immediata della perdita conseguita. Letto, approvato e sottoscritto. Macerata, lì 5 maggio 2011 Il Collegio dei Revisori dei Conti Dott. Giorgio Piergiacomi Dott. Fabio Pierantoni Dott. Carlo Maria Squadroni  
  • Gli Stati Generali della Cultura
    prendono forma a Macerata

    196 - Apr 14, 2012 - 17:13 Vai al commento »
    Purtroppo oggi alla conferenza stampa non c'erano i rappresentanti nè dell'università di Macerata, nè della camera di commercio e nè dell'accademia delle belle arti, ancora una volta si vuol far creder ciò che non c'è.. il bilancio poi dello sferisterio ha i conti in rosso come chiarito nell'ultimo intervento in consiglio comunale, un deficit preoccupante,, ha ragione chi dice:" parole soltanto parole". E' apparsa alla conferenza stampa una situazione impressionante di un'amministrazione isolata che parla a se stessa e si auto celebra.
  • La partita falsata dell’Ircr

    197 - Apr 6, 2012 - 19:46 Vai al commento »
    Ringrazio l'Avv. Bommarito perchè mi permette ancora una volta di intervenire su questo argomento e riferire il lavoro svolto dal mio gruppo Forza Italia dal 2005 al 2009, non avendo noi, tra l'altro, nessun consigliere all'interno dell'Ircr. Per essere breve ho ripreso credo che sia sta l'ultima mia interrogazione del 2008 sull'argomento: Premesso che: -          nel giugno 2005 veniva presentata un interrogazione da parte del consigliere comunale Maurizio Fattori, in merito alla procedura messa in atto dall’IRCER per la selezione del soggetto privato  per l’alienazione dell’area edificabile n via V.G. Valenti; in questo caso l’amministrazione comunale risposte che tutto era stato fatto secondo la normativa vigente; -          nel luglio 2005 FI e gruppo misto/PRI chiesero di convocare la  commissione consiliare terza ( urbanistica)e  quarta (servizi sociali), in merito alle problematiche emerse riguardo proprio all’accordo pubblico/privato per l’alienazione dell’area edificabile in via G.Valenti ,  ci venne consegnato un documento da parte dell'ircer nel quale si diceva: " l’offerta che la commissione dell’ircer ha ritenuto più vantaggiosa è stata quella inviata dall’ATI Socab ed altri. L’offerta ammona a €130,00 al metro cubo. Mi si conceda un inciso - continuava il documento -  senza alcuna polemica, ma solo citando atti pubblici, peraltro emessi dal Comune con atto n. 46 del 23.01.97 il prezzo di edilizia libera in via Cardalrelli, zona già abbondantemente urbanizzata e quindi più appetibile e di più facile edificazione è stato stabilito in €123.92 al metro cubo ed è stato aggiudicato con un aumento medio del 6% ad €131,85.  Che con tale associazione temporanea d’impresa è stata stipulata una convenzione.... A novembre del 2002 il Comune provvedeva a stipulare l’accordo pubblico privato tra l’IRCER, l’ITALAPPALTI ex ATI SOCAB ed altri e Comune stesso, nel quale si ribadiscono tutte le precisazioni sopra esposte. A seguito della presentazione del progetto in variante alla Provincia di Macerata venivano decurtati svariati mq che avrebbero fatto perdere all’ircer cira un milione di euro, a questo punto il consiglio di amministrazione delle ircer ha ritenuto di dover raggiungere un accordo con l’Italappalti al  fine di recuperare parte della predetta somma concedendo a fronte di una maggiore entrata di 516.000,00 euro la possibilità di trasformare la fideiussione bancaria in assicurativa consentita peraltro dalle norme vigenti. A questo punto il consiglio di amministrazione ha valutato la possibilità di avvalersi della facoltà di richiedere i lavori di ristrutturazione e completamento di Villa Cozza in luogo del parziale pagamento del costo dell’area. Successivamente ha deciso di avvalersi, costatato la disponibilità della ditta, di tale facoltà, avuto riguardo delle seguenti circostanze: 1) la ditta italappalti era già risultata vincitrice con gara pubblica del consolidamento finanziato dalla legge del terremoto e che la stessa era disponibile ad effetturare i lavori ad un prezzo ribassato del 5.5% (stesso ribasso della gara pubblica) sul prezziario regionale del 2002, come per il precedente lavoro, mentre in caso di gara pubblica, i prezzi dovevano rifarsi  al prezziario 2004. Non ultimo la decisione è stata ritenuta conveniente dall’ENTE in quanto ha potuto appaltare i lavori immediatamente senza attendere il pagamento della vendita dell’area che per convenzione doveva avvenire parzialmente ogni volta che veniva rilasciata una concessione edilizia con un limite di tempo di sei anni. Analoga procedura è stata instaurata per la sistemazione dell’Edificio di Piazza Mazzini. Attualmente i due cantieri sono in attività, con la possibilità dell’ente di avere due edifici, completamente ristrutturati in tempi adeguati per quel tanto auspicato risanamento di bilancio....”.     Ascoltata tale relazione ai presidenti della terza e quarta commissione fu lasciato dal gruppo di FI- gruppo Misto, un resoconto di tutta la  vicenda Ircr, così come ricostruita da noi; -          nel gennaio 2006 veniva votata una mozione presentata dal gruppo misto/PRI e FI nella quale si chiedeva all’amministrazione di riferire sugli esiti della procedura posta in essere dal servizio ispettivo dell’autorità per la vigilanza sui lavori pubblici in ordine ai lavori di ristrutturazione dell’edificio di proprietà ircer di Piazza Mazzini e di villa cozza; -          il 25 settembre 2006 il sindaco Meschini comunica al consiglio comunale che :” l’istruttoria condotta dall’autorità si è quindi conclusa con l’audizione del 22.3.2006 alla quale hanno partecipato sia il Comune che l’ircer riproponendo le proprie ragioni e provvedendo a depositare proprie memorie a sostegno delle tesi rispettivamente addotte. Il Consiglio dell’Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici si è quindi pronunciato con un proprio provvedimento n. 32 del 9 maggio 2006… nel quale ha primariamente rivolto il Presidente dell’Ircer l’invito a recepire le asserite violazioni in merito alla procedura adottata  al riguardo dalle istituzioni e ad assicurare comunque per l’avvenire il rispetto delle disposizioni riconducibili alla normativa sui lavori pubblici, comunicando altresì i provvedimenti assunti o che le Istituzioni stesse riterranno di dover assumere “al fine di ricondurre il procedimento nell’ambito della sfera della regolarità”.  L’ircer  nel rapporto prot. n. 503 del 17.7.2006 approvato con propria delibera ha a sua volta replicato all’autorità per la vigilanza, dichiarando in particolare di aver agito in buona fede” nella convinzione incolpevole di collocarsi al di fuori dell’ambito di applicazione sia oggettivo che soggettivo, della disciplina degli appalti pubblici, avendoperaltro provveduto ad indire “ una procedura ad evidenza pubblica per l’individuazione del partner imprenditoriale dell’area ed attuatore dell’intervento urbanistico. Nella medesima relazione, avendo inoltre ritenuto.”non praticabile l’annullamento in via di autotutela degli atti sin qui adottati..” l’ircer manifesta dunque la volontà di mantenere l’efficacia dei rapporti contrattuali in essere, sempre con il fine ultimo del perseguimento dell’interesse pubblico. Da informazioni assunte, si registra infine l’avanzato stadio  di ultimazione dell’intervento concernente l’immobile di Villa Cozza, nonché l’avvenuta consegna e l’inizio dei lavori riconducibili alla ristrutturazione del palazzo ex legato-filati sito in Piazza Mazzini. Va pertanto osservato che con la sopra citata deliberazione l’autorità per la vigilanza sui lavori pubblici.. si è limitata a trasmettere il provvedimento “ al Comune di Macerata affinché lo stesso sia informato delle irregolarità rilevate” in capo alla stazione appaltante, richiamando quindi l’asserito vizio procedurale derivante dalla sottoscrizione dell’accordo di programma con il soggetto privato attuatore dell’interento individuato dall’ircer, ad avviso dell’autorità stesa, sulla base di procedura estranea alla normativa sui lavori pubblici.. Allo stato attuale non può dunque dirsi definito il procedimento pendente presso l’Autorità di vigilanza, in quanto l’istruttoria del servizio ispettivo attende il rilievo conclusivo che verrà operato anche alla luce della disamina delle documentazione e delle memorie trasmesse dall’Ircr..; -          L’8 ottobre 2007 viene presentata un’altra mozione del gruppo misto/PRI e FI in cui si chiede nuovamente di sapere l’esito del procedimento pendente presso l’autorità di vigilanza sui lavori pubblici e presso la procura della Corte dei Conti, ma in quel contesto la mozione viene bocciata adducendo che:” non è arrivata nuova documentazione né da parte dell’autorità di vigilanza, né da parte della Procura della Corte dei Conti, per cui il Sindaco non ha da comunicare niente..”; Per i fatti sopra esposti si chiede: 1)      Così come raccomandato dall’autorità di vigilanza sui lavori pubblici nel 2006, quale tipo di azione ha intrapreso, poi, l’IRCR per rientrare nella sfera di regolarità nel rispetto delle disposizioni della normativa sui lavori pubblici? Nel caso contrario in cui tale prescrizione non sia stata assunta dall’ircer, l’amministrazione comunale di Macerata si è attivata dopo nel  2007 per chiedere presso l’autorità di vigilanza sui lavori pubblici e la procura della corte dei conti sullo stato di attuazione del procedimento avviato?  Risposta: l'amministrazione comunale di Macerata non ha ricevuto nessuna comunicazione successiva nè da parte dell'autorità di vigilanza e nè dalla Procura della Corte dei Conti. Scusate se mi sono dilungata. Questi sono i nostri fatti. Grazie ancora Avv. Bommarito e Cronache Maceratesi.
  • La pizza di Pasqua

    198 - Mar 29, 2012 - 11:13 Vai al commento »
    Che bel racconto, mi sembra di ritornare bambina ancora ho in mente il profumo di quei dolci di mia nonna.. che bei tempi.
  • Pambianchi: “La Lube si accolli il mutuo”
    La società: “Proprio lui ci aveva rassicurato
    sulla realizzazione del Palas al Centro Fiere”

    199 - Mar 9, 2012 - 13:32 Vai al commento »
    Al di là delle polemiche che hanno sempre il sapore della strumentalizzazione, condivido in pieno l'intervento del Sig. Massimiliano Principi, una nuova struttura polifunzionale è necessaria per la nostra città che non può più permettersi culturalmente di chiamare palasport una palestra.
  • Via Valenti-Piazza Mazzini-Villa Cozza
    I percorsi incrociati dell’urbanistica
    lontani dall’interesse dei cittadini

    200 - Mar 9, 2012 - 16:03 Vai al commento »
    Purtroppo per me non ho conosciuto la vicenda finchè non sono approdata nel 2005 in consiglio comunale, ma detto questo che poco conta nei fatti, rimane che le innumerevoli denunce politiche fatte sui giornali e nei contesti istituzionali più idonei, non sono servite a far sì che il sistema di potere consolidato nel tempo a Macerata avesse qualche battuta di arresto. Personalmente non ho votato nè Meschini e nè Carancini, mentre la maggioranza dei miei concittadini si, ma nonostante ciò continuo a credere che un domani ci potrà essere una svolta anche per Macerata e quindi non mi tiro indietro su nulla, anzi ogni giorno sono sempre in prima linea. C'è la richiesta di un consiglio comunale aperto sull'ircer ferma da due mesi, vi è la richiesta di esaminare le consulenze erogate dall'apm dal 2000 ad oggi ferma in seconda commissione, la risposta di fare la piscina entro 30 giorni ormai è superata ampiamente, ecc. ecc. Comunque ne riparleremo al prossimo consiglio comunale. Un saluto cordiale a tutti voi.
    201 - Mar 9, 2012 - 13:09 Vai al commento »
    Nella ricostruzioni mancano dei passaggi importanti: - il 18 luglio del 2005, la sottoscritta eletta per la prima volta in consiglio comunale ha chiesto la convocazione della quarta commissione per l'audizione del presidente dell'IRCER Foresi Marino, in merito proprio agli affidamenti fatti dall'ircer; - in seguito il gruppo di FI di cui facevo parte ha elaborato un libro bianco sull'intera vicenda e lo ha sottoposto al consiglio comunale, chiedendo l'intervento dell'autorità di vigilanza; - il 5 gennaio 2006 sempre il gruppo di FI insieme al consigliere Meriggi, ha presentato questa mozione: GRUPPO FORZA ITALIA CONSIGLIO COMUNALE DI MACERATA                                           MOZIONE   Oggetto: Servizio Ispettivo Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici – Lavori di ristrutturazione edificio di P.zza Mazzini e di Villa Cozza.   Premesso che:   -          il Servizio Ispettivo dell’ Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici con sua nota del 3/11/05 diretta all’IRCR e al Sindaco del Comune di Macerata, dispone che gli Enti destinatari…”potranno, nel termine di giorni 20 dalla ricezione della presente …(omissis)...far pervenire le proprie osservazioni documentate e/o chiedere di essere sentite in audizione”  in ordine alle procedure seguite dall’IRCR di Macerata per i lavori di ristrutturazione edificio di P.zza Mazzini n. 34 e di Villa Cozza di Macerata. -          Che la predetta comunicazione veniva assunta agli atti del Comune in data 8/11/2005 con il n. 50538 e che, nonostante siano state celebrate due sessioni del Consiglio Comunale di Macerata, rispettivamente il 14 e 15 novembre  ed il 28 e 29 dello stesso mese, la cittadinanza e le forze politiche rappresentate in Consiglio Comunale sono venute a conoscenza dell’esistenza del menzionato intervento della citata Autorità di Vigilanza solo a seguito della sua pubblicazione sul Corriere Adriatico del 30/11/2005. -          Ritenuto censurabile il comportamento del Sindaco e della Giunta che non si sono responsabilmente assunti il dovere di informare la cittadinanza e, in violazione dell’art. 28 del Regolamento delle attività del Consiglio Comunale e Commissioni Consiliari, il Consiglio Comunale dell’intervento di una Autorità di Vigilanza che ha inteso coinvolgere anche il Sindaco  di Macerata“…poiché sembrerebbero sussistere responsabilità a carico del Comune per aver effettuato un Accordo di Programma con privato individuo senza il ricorso alle procedure dell’evidenza pubblica.” -          Ritenuto che la comunicazione dell’evento fosse assolutamente doverosa non solo per l’ampio dibattito che proprio l’operazione IRCR aveva provocato, sia nelle Commissioni Consiliari che nello stesso Consiglio Comunale, con la presentazione da parte dei gruppi consiliari Misto, F.I., e Uniti per Macerata di un “libro bianco” sui fatti dell’intera vicenda, ma anche e soprattutto perché al Comune veniva richiesto di fornire riscontro al  Servizio Ispettivo in ordine ad una deliberazione programmatica del Consiglio Comunale , la n. 8 del 22-23 febbraio 99, riscontro di fatto eseguito, in data 25 novembre 2005 con lettera al n. 53443 di prot., senza che il Sindaco o la Giunta avessero  riferito all’Organo che tale deliberazione aveva prodotto “…sui provvedimenti e le iniziative che la Giunta o il Sindaco hanno assunto o intendono assumere” (cfr.citato art. 28)   Il CONSIGLIO COMUNALE   1.      Impegna il Sindaco e la Giunta a riferire periodicamente e tempestivamente al Consiglio Comunale sugli eventuali, ulteriori eventi nonché sugli esiti della procedura posta in essere dal Servizio Ispettivo dell’Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici in ordine ai lavori di ristrutturazione dell’edificio di proprietà IRCR di P.zza Mazzini, n. 34 e di Villa Cozza e, più in generale, sullo stato d’attuazione della deliberazione programmatica del C.C. n. 8 del 22-23 febbraio 99. 2.      Impegna il C.d.A. dell’IRCR, in persona del suo Presidente, a riferire alla Commissione consiliare competente in ordine all’evolversi della esecuzione dei lavori di ristrutturazione del palazzo ex-Filati di P.zza Mazzini e di consolidamento e ristrutturazione di Villa Cozza con preciso riferimento alle spese sostenute. Macerata 5 gennaio 2006 Gruppo FI. Se qualcuno ha voglia di andare a leggere poi nel sito del comune gli interventi di Blunno e Netti sulla vicenda, allora probabilmente qualche  spunto in più di valutazione si potrà avere.  
  • Congresso provinciale del Pdl
    Lattanzi si impone al fotofinish

    202 - Mar 5, 2012 - 10:52 Vai al commento »
      MOZIONE CONGRESSUALE       NOI SIAMO QUI       Mozione presentata ai sensi del Regolamento Congressuale   dal candidato Coordinatore Francesco Acquaroli e dalla candidata Coordinatrice Vicario Deborah Pantana.       Il presente programma costituisce, a valle di molti incontri sul territorio, assemblee e contributi acquisiti da eletti e militanti, l’elaborazione di una piattaforma programmatica ed organizzativa volta a dare una nuova forma ed una ritrovata sostanza al Popolo della Libertà in Provincia di Macerata per i prossimi anni.   Al momento in cui abbiamo accettato di candidarci non volevamo infatti disegnare un   modello di partito ideale, bello da declamare ma impossibile da realizzare, ma al contrario mettere a sistema le esperienze di molti per costruire insieme un partito più   aperto, dinamico, legato a solidi riferimenti valoriali, che si rifanno al Partito Popolare Europeo ed ai valori cattolici, liberali e riformisti. Un partito pragmatico.   Crediamo che quanto abbiamo raggiunto, in termini di analisi e proposta, possa consentire a tutti di ritrovarsi uniti in un progetto serio, innovativo, attivo e capace di   un vero radicamento territoriale.       PARTE PRIMA   Analisi della situazione politica – identità del PDL, ruolo e prospettive       1) La situazione politica nazionale   La caduta del Governo Berlusconi e la sua sostituzione con il Governo Monti – senza   ricorrere al voto degli italiani – rappresentano un oggettivo passo indietro rispetto al   consolidamento di un sistema bipolare che solo 3 anni e mezzo fa aveva segnato un   radicale cambiamento politico ed istituzionale per il nostro Paese.   Il PDL ed il PD – alle elezioni politiche – raggiunsero complessivamente quasi il 70% dei voti espressi, dimostrando la validità di un assetto nuovo e capace, “sulla carta”, di garantire governabilità e stabilità ad un’Italia da sempre segnata da discontinuità governativa e parlamentare.   Appare chiaro che l’attuale Governo di solidarietà nazionale, nato sotto l’egida del   Presidente Napolitano, non può costituire una risposta strutturale ai molteplici e gravi problemi del Paese; siamo, casomai, di fronte all’ennesima risposta emergenziale a problematiche organiche di un Paese che chiede e necessita di riforme   democraticamente progettate ed attuate.   Peraltro, al massimo nella primavera del 2013 saremo di nuovo chiamati a proporre ai   cittadini una soluzione politica – e non tecnica – alle loro istanze, e per quel momento   il Popolo della Libertà dovrà farsi trovare pronto, maturo e solido; con una classe dirigente che a tutti i livelli sia all’altezza delle necessità e dei bisogni.   Le crisi mettono a dura prova i popoli, i sistemi politici, a volte le stesse fondamenta   culturali su cui si basa uno Stato. In quest’ottica, una forza politica che ambisce a servire il proprio Paese costituendone l’architrave politico non può che ergersi a difesa di quel grande patrimonio di valori e tradizioni che sono gli unici strumenti da cui ripartire e attraverso cui combattere. Riformare infatti non vuol dire rivoluzionare in maniera acritica e caotica, oppure piegarsi alla mera logica del mercato e dei banchieri, ma riflettere su ciò che fino ad oggi si è costruito per apporre quei correttivi e quei miglioramenti che consentano di superarne i limiti.   Il cambiamento fine a sé stesso, senza analisi e senza prospettiva non può che portare   al caos, il principale avversario di una politica matura e votata a garantire l’interesse   collettivo.   Il PDL, forte di tradizioni diverse e ricco di contributi culturali dalla solida storia, non   può più essere un contenitore di diversità, semplicemente da gestire con le quote e le   poltrone; occorre che esso completi la propria evoluzione e divenga esso stesso - oltre   le fondazioni, i circoli, le tante associazioni che vi gravitano dentro e intorno - generatore di sintesi valoriale, progettualità politica e di proposte innovative.   Questo chiede il nostro Paese, questo deve essere l’impegno verso le future generazioni.   La crisi passerà, ne siamo certi perchè fiduciosi che l’Italia abbia gli anticorpi per debellarla, ma se non si gettano oggi le basi per il futuro - basi nuove ma saldamente   ancorate al patrimonio di positività della nostra società e del nostro tessuto produttivo, economico e culturale - rischiamo di perdere un’opportunità importantissima: imparare dagli errori.   Di questo siamo fermamente convinti, soprattutto per ciò che concerne la Politica,   poiché un partito che non riesce a proporre un’autocritica cogente e sincera continuerà a commettere gli stessi sbagli, precludendo ai cittadini, alle famiglie ed alle imprese, quelle risposte ed opportunità che dovrebbe invece garantire e tutelare.       2) Il ruolo del PDL nella società italiana   La grande intuizione del Presidente Berlusconi e la sua ferma volontà di costruire una   grande casa ed un grande partito ci hanno consegnato la responsabilità di essere tutori   degli interessi del nostro Paese e conseguentemente dei nostri territori. Il P.D.L. Si deve quindi presentare non come un partito paternalista e conservatore, ma come un partito riformatore che si basi sulla libertà degli uomini, sulla democrazia, sulla legalità, sulla creatività e sull’innovazione, per farci arrivare a quel cambiamento che ci deve mettere in grado di promuovere il protagonismo e la partecipazione degli uomini, delle donne e delle famiglie; solo così potremo dare il via alla modernizzazione dell’Italia e alla rigenerazione di un tessuto comunitario che faccia emergere i migliori, valorizzandoli attraverso un reale processo meritocratico. Il congresso, in questo senso, offre una grandissima opportunità democratica di costruire la politica dal basso, con il contributo di tutti coloro che vogliono impegnarsi, senza tornaconti, ma con il solo interesse del bene comune.   Abbiamo oggi questa importante possibilità di costruire una nuova fase politica dalla   base, mattone dopo mattone, idea dopo idea. Convinti che una casa solida non possa   prescindere da solide fondamenta, vorremmo che questo progetto – così come pensato dal Presidente Berlusconi – “ri”nascesse con il contributo di idee, proposte, riflessioni, critiche ed esperienze di tutti coloro che in questo progetto credono e ripongono fiducia e speranza.   Il PDL ha cambiato il modo di fare politica nel nostro Paese, spezzando con decisione   vecchi meccanismi e rituali logori e settari; oggi, complice la crisi economica e la fisiologica mancanza di fiducia, un ritorno prepotente di queste vecchie ombre rischia di minare il cambiamento avviato e non ancora concluso.   La responsabilità è di una politica che non vuole rischiare, che non si gioca il tutto per tutto, preferendo arretrare in trincea. Noi in questa politica non crediamo, non ci vogliamo sottrarre alla battaglia e siamo certi che valga la pena di fare ogni sacrificio   che sia necessario per il futuro del Paese - per il nostro futuro. E’ la cultura del dovere, contro la politica affarista dei diritti ipergarantiti.   Con i congressi, con la partecipazione dei nostri iscritti, aprendoci al confronto in modo umile e attento, possiamo riprendere quel cammino momentaneamente interrotto, certi che le nuove sfide richiedono nuove soluzioni, nuove proposte e una rinnovata voglia di sacrificio.       3) La situazione politica regionale e provinciale   In un quadro politico già difficile e complesso come quello nazionale, noi che ci troviamo ad operare a livello regionale nelle Marche, nello specifico, in una Provincia divenuta oggi rossa perchè l'UDC ha deciso di appoggiare il centro sinistra con Pettinari che prima era addirittura il Vice di Franco Capponi, siamo stati penalizzati da un accordo che ha snaturato l'identità moderata della nostra provincia,  siamo ancora più penalizzati; quotidianamente ci troviamo a combattere con una politica clientelare e massificata che, creata ad arte dalla Sinistra, negli anni è riuscita a creare un blocco monolitico di consenso difficile da scalfire; difficile, ma non impossibile.   I prossimi appuntamenti elettorali delle amministrative del 6 maggio ci devono vedere vincenti: a Civitanova Marche, Corridonia, Tolentino, Penna San Giovanni; siamo la vera alternativa credibile al centro sinistra: siamo noi i veri moderati  e di garanzia ai molti cittadini che in noi hanno visto rappresentati quei valori e quella politica che la sinistra da sempre cerca di soffocare.   Dobbiamo, tutti insieme che crediamo nella costruzione di un nuovo PDL nella nostra provincia, dimostrare sempre di più che un certo modo di fare politica, di condizionare famiglie ed economia, di controllare e dirigere tutto, di veicolare decisioni dall’alto, non è l’unico possibile; dobbiamo dimostrare che esiste una politica diversa, che ascolta senza chiedere soltanto, e che opera nell’interesse vero dei cittadini e degli utenti, e non soltanto dei “mandarini” pagati dal sistema.   Pensiamo alla gestione della sanità nelle Marche, ambito in cui si sostanzia un efficace quanto dispendioso meccanismo di potere, di clientela e di consenso, spesso a discapito dell’utenza e del sevizio sociale. La sanità, che dovrebbe essere la massima espressione della solidarietà di uno Stato nei confronti del suo Popolo, nelle Marche, si è negli anni costituita come macchina del consenso, e come briglia con cui soggiogare i cittadini, il volontariato e le imprese. Di fronte a questa realtà, come a tante altre, possiamo e dobbiamo far sentire la nostra voce alternativa, offrire le esperienze maturate da molti dei nostri dirigenti e militanti e mutuare l’approccio che più ci è vicino (quello del volontariato, del servizio per la collettività, dell’imprenditorialità solidale e della sussidiarietà).   Dobbiamo essere promotori di percorsi partecipativi e aggregativi, capaci di restituire ai cittadini la possibilità di influire attivamente sulle scelte che poi ricadono   quotidianamente sulla vita di tutti. Questa è la democrazia attiva e vigile che dobbiamo recuperare nelle Marche,  terra di tradizioni culturali millenarie, una democrazia che non si esaurisce con l’esercizio del voto, che non si chiude su sé stessa, ma che quotidianamente si rinnova, si amplia, si diffonde.   Perché anche nelle Marche un’alternativa è possibile e per quanto ci sembri ardua la battaglia non possiamo scoraggiarci, né tanto meno sottrarci al nostro dovere.   Molte sono le voci che quotidianamente ci chiedono di rappresentare concretamente quell’alternativa di cui la Regione ha bisogno, per ritrovare vitalità, confronto vero; e solo con l’approccio convinto e partecipato dei territori, solo con Coordinamenti Provinciali attrezzati e vitali, i nostri rappresentanti regionali possono trovare la forza   di proporre, alimentare, sostenere una vera alternanza di governo.       4) Il ruolo del PDL in Provincia di Macerata   Se quanto affermato fin qui è vero come è vero, occorre che il Popolo della Libertà, in ogni provincia, sappia ritrovare slancio e capacità progettuale. Mettendo in rete le idee migliori e promuovendo rapporti costanti con la società civile, le professioni, il mondo dell’impresa, elaborando un progetto politico che rilanci tutta la nostra Provincia, riqualificandola come luogo dove vivere ed operare in condizioni di sicurezza e benessere.   Una Provincia dove il turismo verde e montano, le industrie legate alla mobilità ed all’ambiente e la piccola impresa artigiana devono essere rilanciati come settori trainanti per la nostra economia. È sempre più necessario, sempre più urgente, gettare le basi riformatrici per riportare la Provincia di Macerata ad essere protagonista attiva della nostra Regione.   Per arrivare a questo dobbiamo dare vita ad un azione politica concreta ed efficace che deve nascere con entusiasmo dal nostro Partito, combattendo quel sentimento di anti-politica che purtroppo si sta affermando sempre con più vigore fra la gente.   Dobbiamo lavorare tutti insieme, convintamente, ad una selezione a tutto campo per formare una classe politica ed amministrativa capace di portare nuova linfa vitale al nostro Partito e, attraverso un’opera di radicamento territoriale, alle Istituzioni locali; per far conoscere e condividere sempre più la propria azione, per cercare di espandere al massimo la partecipazione e l’impegno collettivo.   In una realtà così complessa come quella maceratese, in cui si coniugano situazioni ed esigenze anche molto diverse tra loro, il ruolo del PDL deve essere quello di promozione della sintesi, di condivisione, di progettualità e di originalità. Senza   arroccamenti, senza preconcetti, il coordinamento provinciale del PDL deve percorrere tutta la provincia di Macerata in lungo e in largo, perché ogni realtà merita attenzione, perché ogni voce ha diritto di essere ascoltata, perché non ci sono Comuni di serie A e Comuni di serie B, non ci sono interessi personali o locali da tutelare, ma solo e soltanto l’interesse dei cittadini della nostra provincia da intercettare, promuovere, valorizzare.   Così si costruisce credibilità e così si gettano le basi del consenso e della partecipazione.       5) Rapporti eletti/territorio, con gli alleati e le altre forze politiche   Questo è un aspetto che dobbiamo migliorare a livello locale e non solo.   Occorre un Partito che costantemente tessa un rete di contatti con gli alleati, per permettere alle eventuali coalizioni di raggiungere sempre la massima condivisione sui programmi, sulle linee guida e sulla scelta dei candidati, sia per le candidature monocratiche sia per le liste (laddove comuni).   I candidati, tasto spesso dolente nei bilanci dell’attività politica dei partiti, devono essere conosciuti dalla base e dalla dirigenza politica locale, a garanzia della piena rappresentatività delle problematiche e delle diverse esigenze dei territori, dando un segnale forte di credibilità nei confronti dell’elettorato.   Risposte credibili ed efficaci nascono da domande altrettanto precise e contingenti; solo chi ha un costante rapporto con il territorio (con le realtà quotidiane, con la coscienza dei problemi concreti e delle priorità) può avere l’occasione di rappresentarlo nelle istituzioni.   L’apporto del singolo alla politica si misura col consenso a cui poi debbono seguire i risultati dell’azione amministrativa. Per questo siamo e saremo contrari a tutte quelle scelte che non rappresentino in modo trasparente un legame con il territorio su cui calano e che non premino l’impegno costantemente profuso e la disponibilità quotidiana all’ascolto.   Allo stesso modo anche il rapporto con gli alleati, quindi, va costruito e coltivato con costanza e pervicacia. La fase preparatoria dell’alternativa alla sinistra non può e non deve vederci solitari e arroccati, ma promotori di aggregazione e di convergenza, di confronto e di reciproco rispetto.   Nel corso delle esperienze amministrative, sia nel caso in cui si sia all’opposizione sia, con ancor maggiore impegno, nelle realtà che ci vedono forza di governo, poi, questa costanza e questo impegno vanno raddoppiati – con il sostegno attento del Partito – per garantire continuità dell’azione politica ed efficienza amministrativa. Con grande attenzione alla preparazione delle liste e con verifica puntuale delle competenze specifiche degli amministratori; solo così possiamo sperare di dar vita ad Amministrazioni durature, che possano incidere positivamente nella vita delle comunità.   È indispensabile creare alleanze forti e solide, che condividano piattaforme politiche chiare e siano capaci di aprirsi al confronto, anche serrato, ma che alla fine porti alla condivisione delle scelte, per poter garantire stabilità alle Amministrazioni e fiducia nei confronti dell’elettorato. Occorre, per ottenere questo, agire in maniera trasparente e chiara, alimentando un percorso continuativo che non si accenda e/o spenga solo in prossimità delle elezioni.       6) Rapporti con la società ed i movimenti civici   Dobbiamo aprirci al confronto non solo con i nostri tesserati e simpatizzanti ma anche con le Associazioni di categoria e di volontariato che, soprattutto in questi gravi momenti di difficoltà, sanno interpretare al meglio le esigenze e le difficoltà dei   cittadini.   È doveroso che un Partito come il nostro sia sempre disponibile a confrontarsi con queste realtà che, specialmente in certe territori, rappresentano punti di incontro molto forti e alternativi alle realtà aggregative tipiche della sinistra.   Trattare con superficialità questo patrimonio di civismo, solidarismo, impegno e voglia di fare è un errore che un grande partito come il nostro non può e non deve permettersi; ogni contributo e ogni opportunità non colta ci indeboliscono e ci rendono più distanti dal nostro mondo di riferimento. Un partito che si sente minacciato da realtà alternative presenti sul proprio territorio è un partito debole; un partito che si fa promotore di integrazione tra queste realtà e le istituzioni in cui opera è un partito forte e solidamente ancorato con il proprio tempo e con il proprio contesto.   Il PDL deve essere attivo e dinamico, non può permettersi di avere periodi di stallo o magari di rendersi visibile solo in periodo di campagna elettorale, deve essere sempre   disponibile ad accogliere stimoli e contributi, ma anche capace di promuovere dialogo, confronto e di offrire continuità di proposte e di stimoli verso l’esterno.   Capacità di coniugare ascolto e proposta sono ciò che il nostro tessuto sociale di riferimento e la nostra gente ci chiedono. Con umiltà noi siamo pronti ad ascoltare contributi e critiche, con energia siamo pronti a offrire idee e prospettive.       7) La situazione economico sociale della Provincia di Macerata   Siamo convinti che una buona politica non possa che nascere dalla profonda conoscenza del territorio, delle sue potenzialità come delle sue debolezze.   Pertanto, senza voler in questa sede esaurire il tema, assai complesso, riteniamo doveroso fare anche un accenno alla situazione economica e sociale della Provincia, per comprendere e riflettere insieme sulle cause dell’attuale declino e sulle soluzioni   per invertire la tendenza.   La profonda crisi economica che attanaglia la nostra Provincia è iniziata prima della crisi globale, e quest'ultima ha quindi accentuato una debolezza strutturale già insista nel nostro territorio facendone scoppiare tutte le contraddizioni.   La dimostrazione di questo assunto sono date da vari elementi, che possiamo sinteticamente richiamare: a) mancanza infrastrutturale; b) il processo di delocalizzazione; c) la perdita di internazionalizzazione delle nostre imprese sia in termini di capacità di export che di innovazione di prodotto per posizionarsi nel mercato in modo competitivo e non ripetitivo; d) la concorrenza interna ed internazionale sul costo di lavoro; e) della disoccupazione e della inoccupazione specialmente giovanile e femminile; g) mancata attrazione di capitali esterni per gli investimenti; i) visione centralistica della promozione turistica.   L'incapacità della sinistra di saper prevedere, prevenire e/o almeno attenuare ed attutire la crisi in termini locali é enorme con le relative responsabilità politiche. Il deficit democratico nella nostra provincia per difetto di alternanza - o, per meglio dire, per un eccesso di omogeneità politica - ha fatto sì che la sinistra si sia “assopita” per troppi anni nella semplice gestione di una rendita politica e si é, così, dimostrata del tutto incapace non solo nel prevedere la crisi, - di cui peraltro erano ben noti e chiari i segnali - ma anche per come ha creduto di affrontarla e di gestirla.   A fronte di questo nuovo centralismo regionale la provincia di Macerata é quindi attanagliata da una crisi locale/globale che sembra essere irreversibile e che muterà il volto del nostro territorio, oggetto di una forte immigrazione (sia legale che irregolare) e anche di una crescita preoccupante dei fenomeni di criminalità e illegalità diffusa, oltre ad un disagio sociale che si manifesta in strati sempre più ampi della popolazione.   Una forza come il PDL può e deve rilanciare invece la cultura della legalità, della sicurezza, dell’inclusione sociale, senza cadere in atteggiamenti di chiusura, ma coltivando una cultura del dovere e della responsabilità, ad ogni livello.   Riteniamo un grave errore “compiacere” il potere politico e pervasivo della sinistra, innanzitutto per gli stessi interessi generali della popolazione e del territorio.       PARTE SECONDA   Organizzazione del Partito       Per realizzare i progetti politici sopra tratteggiati e cercare di raggiungere gli obbiettivi che ci siamo prefissati, occorre un Popolo della Libertà articolato territorialmente, dinamico nelle scelte, organizzato in dipartimenti tematici, coordinato nel rapporto Partito - Eletti e con delle regole condivise da rispettare.   Siamo fortemente convinti che il periodo di traghettamento sia superato e che adesso occorra rilanciare la nostra azione politica con un progetto di rinnovamento – di metodo e di merito - che garantisca credibilità e prospettiva in vista delle sfide elettorali che ci aspettano; vogliamo ribadire che l’obbiettivo principale del P.D.L.   provinciale deve essere quello di confermare le realtà dove stiamo governando in maniera seria e matura e conquistare nuovi Comuni, per cercare di espandere la politica della libertà e della democrazia in quei territori che, ormai da troppo tempo, vengono governati mediante le logiche di potere di “amministratori di carriera” che si   fanno chiamare democratici, ma che in realtà rimangono ancorati saldamente a comportamenti e approcci figli del comunismo storico.   Per dare vita a questo rinnovamento proponiamo una serie di punti che illustrano in   maniera sintetica come vogliamo organizzare il Partito e come lo vogliamo fare funzionare, con il contributo di tutti: sono gli stessi sui quali abbiamo raccolto spunti e riflessioni in tanti incontri sul territorio e sui quali intendiamo organizzare presto la Ia Conferenza Programmatica e Organizzativa Provinciale per raccogliere idee e ulteriori contributi.       1) Nuovi volti per un nuovo partito   Il Popolo della Libertà deve, a livello locale, agire in coerenza con il ruolo che gli hanno attribuito gli elettori. Deve essere un partito aperto, veicolo di idee tra la comunità e le istituzioni, luogo di aggregazione, discussione, progettualità e partecipazione. Per farlo occorre creare una forte sinergia tra le istituzioni e il Partito   sia a livello provinciale che a livello locale creando un circuito stabile di idee, informazioni, progetti che metta in grado le istituzioni di vedere nel Partito quel punto di riferimento essenziale per governare ed amministrare; inoltre creare una sinergia indispensabile tra generazioni, che sappiano coesistere in un partito innovato dal punto di vista organizzativo e comunicativo. Pertanto spazio a internet, ai social network, con approntamento di un sito del PDL Provinciale in cui si possano raccogliere iniziative degli eletti e dei coordinamenti locali; ma anche presenza sulle piazze della Provincia a contatto diretto con i cittadini e le imprese, lo sport ed il mondo del volontariato, premiando chi si impegna ed ha consenso.   Pertanto spazio e fiducia ai giovani agevolando la loro partecipazione, il partito come agorà in cui stimolare responsabilità e partecipazione; in moda tale che possano dimostrare la loro voglia di fare e il loro entusiasmo che deve divenire per il nostro Partito un elemento di forza aggiunto.   E soprattutto creando a livello Provinciale un meccanismo di coinvolgimento delle donne, che con grande forza contribuiscono e contribuiranno in maniera fondamentale al rilancio del Partito ed all’analisi attenta delle problematiche che riguardano il mondo femminile e della famiglia.   Noi siamo a favore dell'applicazione del quoziente familiare,  perchè vicino alle vere esigenze del nucleo familiare e una vera rivoluzione nel campo dei servizi sociali visti non più a favore del singolo ma della famiglia nel suo insieme.       2) Formazione politica   Un Partito ha il compito centrale di formare classe dirigente.   La selezione e la conseguente formazione costituiscono due momenti: il primo interno, per il quale pensiamo ad una scuola di formazione politica ed amministrativa, che si articoli su specifiche tematiche (urbanistica, bilancio, ambiente, welfare e volontariato, ecc), e rafforzi il confronto tra chi governa e chi è all’opposizione, per mutuare le scelte migliori nell’interesse dei cittadini; il secondo esterno, nelle istituzioni, con grande attenzione alle candidature, da individuare - per quelle monocratiche, laddove vi siano più candidati - anche tramite strumenti di democrazia.   Strutturando dipartimenti tematici che dialoghino in modo continuativo e non episodico con le associazioni di categoria, i corpi intermedi della società, il mondo dello sport, riportando al Coordinamento Provinciale notizie, informazioni, esigenze e possibili soluzioni.       3) Partito attivo – manifestazioni   Un partito con la forza e le ambizioni del PDL, secondo partito in regione e provincia, deve saper mobilitare i propri iscritti, dirigenti ed eletti ad ogni livello non solo per momenti ludici ma soprattutto politici; chi vuole partecipare deve avere le occasioni di farlo, confrontandosi sulla nostra storia, sull’Europa delle banche e sui destini dell’Italia, ma anche sulle prospettive politiche ed amministrative del proprio territorio.   Il PDL deve essere strumento per la realizzazione degli interessi veri della comunità.   A tal fine pensiamo di organizzare manifestazioni e incontri tematici (forum) insieme al movimento giovanile cui chiamare a confrontarsi cittadini, associazioni, imprese e sindacati, esperti autonomi e anche esponenti delle altre formazioni politiche. Un partito che dibatte, che è fonte di stimoli culturali e valoriali è un partito che ha già vinto.   Inoltre convocheremo con scadenze fisse gli organi provinciali che dovranno coordinare l’attività politica sui vari territori, in rapporto sinergico con gli eletti e con i coordinamenti comunali, che dovranno strutturarsi, organizzarsi e programmare le loro azioni politiche garantendone la loro regolarità e la loro incisività.       4) Radicamento territoriale e congressi comunali   La strutturazione capillare in ogni territorio diviene quindi obiettivo prioritario, per consentire una effettiva rappresentanza a tutti i nostri elettori ed una coordinata azione politica; a tal fine ci impegniamo a non realizzare alcun “trapianto” di eletti e dirigenti da altri comuni, perché gli eletti e i dirigenti devono avere un rapporto quotidiano e diretto con iscritti ed elettori.   Nei comuni dove non è raggiunto il numero minimo di iscritti per celebrare i congressi comunali non opereremo nessuna indicazione dall’alto ma daremo corso a nomine conseguenti alla consultazione della base.       5) Gestione delle risorse e programmazione   Per portare avanti e sviluppare un azione di rappresentanza e radicamento sul territorio è ovvio che occorrono risorse non solo umane ma anche economiche; quest’ultime dovranno essere gestite con la massima trasparenza con la presentazione di rendiconti annuali che siano in grado di evidenziare a tutto l’Organismo Provinciale l’entità delle risorse a nostra disposizione; questo per poter dare vita ad un azione programmatica che cerchi di dare la possibilità a tutte le realtà di avere a disposizione dei contributi, magari anche piccoli, che però sono intesi anche come segnale di impegno e vicinanza.   La seria e credibile programmazione e gestione delle risorse potrà indicativamente essere fatta in base a requisiti prestabiliti, come ad esempio la dimensioni dei Comuni   e gli appuntamenti elettorali che annualmente i singoli territori si troveranno ad affrontare.   Ovviamente per fare ciò sarà nostra intenzione indicare un tesoriere che si faccia carico di questo compito.       6) Condivisione delle scelte   Infine, il PDL che abbiamo in mente non si dirige in modo estemporaneo; ogni momento di decisione riguardante ciascun territorio dovrà essere condiviso con i diretti interessati, aumentando la partecipazione interna con maggior frequenza di riunioni ad ogni livello ed un confronto più aperto con il movimento giovanile.   Un Partito che si candida alla guida di una Provincia e dei suoi comuni, che vuol contribuire a scalfire il potere nelle Marche può farlo soltanto riuscendo a sintetizzare e comporre al suo interno consapevolezza dei problemi e delle relative soluzioni, maturando nelle istituzioni, nei propri organismi e nel contatto quotidiano con la comunità la competenza necessaria a conseguirle.   Basta nomine dall’alto e “giochini” di potere, largo al confronto, al dibattito e al merito.       Francesco Acquaroli e Deborah Pantana.      
  • Lo Sferisterio cerca talenti
    Audizioni per cantanti lirici

    203 - Feb 2, 2012 - 22:18 Vai al commento »
    Cari Tamara, Filippo e Gianfranco la sensazione che ho avuto martedì mentre i SIndaco parlava durante la mia interrogazione è che lui non sa nulla di cosa accadrà nella prossima stagione lirica, non c'è un progetto serio e lui, ancora peggio, non si rende conto di cosa succederà alla fine di questo colossale Flop annunciato. Di fatto Pettinari con le sue nomine ha commissariato i cda dello Sferisterio e il Sindaco da Presidente che poteva decidere tutto ormai è destinato a subire tutto!! Diamoci da fare noi per far rinascere lo Sferisterio.. ciao a presto.
  • La Destra pensiona Carancini:
    “Il centrosinistra ha chiuso con Macerata”

    204 - Gen 31, 2012 - 17:22 Vai al commento »
    grazie.. mi mancavate!! Siete forti come sempre! 
  • Formentini: “Ora va tolta dal bilancio
    la somma destinata al terreno per la Cittadella”

    205 - Gen 20, 2012 - 22:30 Vai al commento »
    A Livio e Giuseppe: a noi dell'opposizione non sempre è facile reperire atti amministrativi, se pensate che lunedì scorso ho fatto richiesta di accesso agli atti e prima di 20 giorni non saprò se li avrò e molto spesso il Sindaco pur di non fornirceli ci invita a procurarceli da soli negli uffici. In un'ultima interrogazione gli ho chiesto diverse perizie geologiche relative a collevario, prima mi ha detto che avevo chiesto troppe fotocopie, poi che non le trovava negli uffici e dovevo io specificare a quale tipo di lottizzazione facevo riferimento, insomma gioca a prendere tempo e a deviare le nostre indagini ispettive.ì, impedendoci di svolgere in pieno il nostro lavoro di opposizione. Purtroppo questa maggioranza è da troppi anni che governa e sa bene come nascondere le varie cose. Ecco perchè è importante l'alternanza perchè molti centri di potere possono rinnovarsi e lavorare meglio. Per ogni chiarimento scrivetemi alla mia email: dpantana@libero.it
    206 - Gen 19, 2012 - 23:52 Vai al commento »
    Ritengo utile informare i lettori di CM che esistono diversi atti amministrativi che sono stati assunti dall'amministrazione attuale come in quella passata, realtivi al progetto della cittadella dello sport, e sono, partendo dagli ultimi:  1) La comunicazione inoltrata dal Sindaco il 3 agosto scorso, relativamente alla convocazione della Commissione III per il successivo giorno 4 agosto, in cui si afferma la volontà  appunto del Sindaco di inviare le deduzioni del privato relative alla perizia dell'UTE all'UTE stessa; 2)la deliberazione di Giunta comunale n.90 del23/3/2011, con cui veniva stabilito che l’acquisizione dell’area di Fontescodella avesse luogo tramite ricorso allo strumento del leasing, nonché la delibera sempre di Giunta n.63 del2/3/2011 come ivi richiamata;  3) la deliberazione di Consiglio n.57 del 7/4/2011 “Bilancio di previsione 2011” (v. al riguardo emendamento n.8, alle pagg. 27-28 del testo). Nell’ambito dell’approvazione Bilancio pluriennale 2011-2013 di cui al suddetto provvedimento consiliare n.57 del 7/4/2011 è stata  prevista l’iscrizione, nella misura di €.80.000,00, dalla quota per il leasing relativo all’acquisto dell’area in questione, segnatamente al Titolo I - Intervento 4 (sport).  In più c'è una lettera dell'amministrazione inviata al Privato in cui si vuol palesare una disponibilità dell'amministrazione comunale all'acquisto dell'area. Personalmente nella seduta della commissione  del 4 agosto ho chiesto come mai fin dall'inizio non fosse stata richiesta la perizia dell'UTE e che oggi anche 900.000,00 sono troppi. Purtroppo non sempre noi dell'opposizione riusciamo a far uscire sui giornali tutto quello che succede nel palazzo, e la nostra contrarietà a questo modo di governare la città.   La considerazione finale di questa vicenda, come le altre,  è che non esite ad oggi un progetto  annunciato dal centro sinistra in questi anni che  si sia realizzato a Macerata,  tanti spot elettorali, tante parole e nessun fatto concreto; intanto la città è sempre più allo sbando.  
  • Tartabini: “Il caso Cittadella dello Sport
    dimostra che questo non è un Paese normale”

    207 - Gen 20, 2012 - 10:15 Vai al commento »
    Ritengo utile informare i lettori di CM che esistono diversi atti amministrativi che sono stati assunti dall’amministrazione attuale come in quella passata, relativi al progetto della cittadella dello sport, e sono, partendo dagli ultimi:  1) La comunicazione inoltrata dal Sindaco il 3 agosto scorso, relativamente alla convocazione della Commissione III per il successivo giorno 4 agosto, in cui si afferma la volontà  appunto del Sindaco di inviare le deduzioni del privato relative alla perizia dell’UTE all’UTE stessa; 2)la deliberazione di Giunta comunale n.90 del23/3/2011, con cui veniva stabilito che l’acquisizione dell’area di Fontescodella avesse luogo tramite ricorso allo strumento del leasing, nonché la delibera sempre di Giunta n.63 del2/3/2011 come ivi richiamata;  3) la deliberazione di Consiglio n.57 del 7/4/2011 “Bilancio di previsione 2011” (v. al riguardo emendamento n.8, alle pagg. 27-28 del testo). Nell’ambito dell’approvazione Bilancio pluriennale 2011-2013 di cui al suddetto provvedimento consiliare n.57 del 7/4/2011 è stata  prevista l’iscrizione, nella misura di €.80.000,00, dalla quota per il leasing relativo all’acquisto dell’area in questione, segnatamente al Titolo I – Intervento 4 (sport).  In più c’è una lettera dell’amministrazione inviata al Privato in cui si vuol palesare una disponibilità dell’amministrazione comunale all’acquisto dell’area. Personalmente nella seduta della commissione  del 4 agosto ho chiesto come mai fin dall’inizio non fosse stata richiesta la perizia dell’UTE e che oggi anche 900.000,00 sono troppi. Purtroppo non sempre noi dell’opposizione riusciamo a far uscire sui giornali tutto quello che succede nel palazzo, e la nostra contrarietà a questo modo di governare la città.   La considerazione finale di questa vicenda, come le altre,  è che non esite ad oggi un progetto  annunciato dal centro sinistra in questi anni che  si sia realizzato a Macerata,  tanti spot elettorali, tante parole e nessun fatto concreto; intanto la città è sempre più allo sbando.
  • Il saluto del sindaco Carancini a Pizzi su facebook

    208 - Gen 7, 2012 - 15:51 Vai al commento »
    In queste poche righe senza senso logico, traspare proprio il niente a cui lo Sferisterio è proiettato per il futuro, Macerata ha toccato veramente il fondo con questo Sindaco.. noi maceratesi non meritiamo tutto questo, che tristezza!
  • Multata nonostante il permesso
    “Ero a prendere mia figlia dal pediatra”

    209 - Gen 7, 2012 - 15:29 Vai al commento »
    Cara Mara porterò la questione in consiglio, visto che addirittura lo scorso anno in sede di bilancio è stato approvato un mio ordine del giorno in cui il limite di età veniva innalzato a 5 anni, ancora non applicato dal Comune.. è una vergogna!
  • “Venanzetti Cultura”
    con Filippo Davoli

    210 - Nov 25, 2011 - 10:31 Vai al commento »
    complimenti Filippo, finalmente il ritorno della Cultura con la C maiuscola a Macerata.. il luogo che hai scelto si presta benissimo, grazie.
  • Unimc: si fa il punto sulla fine del berlusconismo

    211 - Nov 18, 2011 - 14:40 Vai al commento »
    Interessante momento di approfondimento, sarò presente per portare un contributo alla discussione se potrò.
  • Sferisterio, la protesta sbarca in Provincia

    212 - Nov 17, 2011 - 15:08 Vai al commento »
    Oggi il Sindaco preferisce non incontrare i lavoratori ma continuare la sua politica di semplice rappresentanza, leggete però cosa disse nel 2004 quando era capogruppo dei DS in consiglio comunale, in merito allo Sferisterio:" Allora io dico questo che è sbagliato questo ragionamento, perchè lo Sferisterio si affronta in una maniera diversa, prima cercando di risanare una situazione pregressa, secondo c'è un altro problema irrisolto, che è il vero problema di questo ente, di questo strumento della città che è quello della riforma dello Statuto. Riforma dello Statuto che va fatta immediatamente..in una modernizzazione dello strumento che permetta allo Sferisterio di andare avanti.. amministrare in maniera seria significa risanare il bilancio, come abbiamo fatto, significa attrarre eventualmente attraverso la realizzazione di un nuovo Statuto i capitali o interessi privatistici o di sponsor che ci permettano di avere in dotazione per lo Sferisterio una capacità di risorse superiore a quella attuale.." Poi il capogruppo votò la mozione sullo Sferisterio emendandola e chiedendo nello specifico: " Il COnsiglio Comunale IMPEGNA i rappresentanti del COmune al C.d.A. dell'associazione Sferisterio ad un'attenta gestione della prossima stagione lirica al fine di garantire l'equilibrio di bilancio". Oggi il capogruppo è diventato Sindaco e le sue priorità non sono più lo statuto e l'equilibrio di bilancio, ma altre cose...quali però non è dato saperlo.
  • Nulla di fatto tra Cosmari e Comune di Macerata per l’acquisizione di Smea

    213 - Nov 17, 2011 - 14:16 Vai al commento »
    La situazione è stata ben descritta da Matteo Seccacini, oltre a questo purtroppo c'è stata la non mediazione da parte del SIndaco di Macerata per concludere la trattativa, Carancini con il suo modo di fare praticamente si è isolato da tutti ed alla fine non è stato appoggiato da nessuno. Le conseguenze di questa vicenda sono veramente gravi perchè gli introiti ipotizzati della vendita sono in bilancio e quindi non so come andremo a finire.. certo è che vi è l'alto rischio che la Tarsu aumenti di nuovo..
  • Attimi di paura davanti allo Sferisterio
    Il consigliere Pantana investe un ciclista

    214 - Ott 17, 2011 - 12:41 Vai al commento »
    Mi sono presa un grande spavento e non lo auguro a nessuno, e fortunatamente la cosa più importante è che il ragazzo non abbia riportato lesioni gravi.Comunque ho già fatto il mio dovere di informare la mia assicurazione dicendo che ho avuto questo incidente. Informo che io non bevo, anzi chi mi conosce sa che vado ad acqua. Grazie per l'affetto dimostratomi e ai tanti che mi hanno chiamato per sapere come stavo e grazie anche a voi di CM.
  • Cosmari, viabilità e degrado
    Cittadini di Sforzacosta esasperati

    215 - Ott 6, 2011 - 15:13 Vai al commento »
    Allora Sindaco prima chiedi scusa tu ai cittadini e poi dimettiti, ecco il verbale dell'assemblea dell'apm, punto 3.1 del 15 gennaio 2009: " Il Consiglio, considerato che l'azione di difesa è stata svolta dall'Avv. Romano Carancini con studio a Macerata, all'unanimità delibera di confermare la nomina dell'avv. Carancini Romano anche per la difesa legale di..... e di prevedere per le spese legali la complessiva somma di €6.000,00..."
  • 300 mila euro per i costumi Tirelli
    Confartigianato: “Lavoro ai maceratesi”

    216 - Ott 5, 2011 - 13:40 Vai al commento »
    Condivido in pieno questo intervento ed auspico che le aziende manifatturiere del nostro territorio siano gli attori protagonisti delle prossime stagioni liriche.
  • Vigili urbani: impiegati comunali
    o addetti alla sicurezza?

    217 - Ott 5, 2011 - 13:46 Vai al commento »
    Come abbiamo cercato di organizzare l'osservatorio sulle tossicodipendenze in provincia e poi in comune, ora presenterò la tua proposta in consiglio, mi auguro che si possa aprire un serio e sereno confronto con tutte le forze politiche ponendo l'attenzione su un problema molto serio che va al di là della questione di cosa o non cosa fanno i vigili urbani a Macerata.. ti farò sapere.
  • Topi di fogna e pesci in barile?

    218 - Ott 3, 2011 - 11:13 Vai al commento »
    Per chi avesse ancora dei dubbi vi invito a leggere il seguente articolo, apparso il 24 aprile 2008 sul Resto del Carlino: " —TREIA— ACCUSATO di omicidio colposo, è stato assolto ieri il legale rappresentante dell’Apm, Graziano Ciurlanti. Il processo riguardava la morte di Dalmazio Damiani, pollentino di 68 anni, che nel febbraio 2006 rimase ucciso mentre lavorava al cimitero di Treia. L’uomo, marmista, era salito per sistemare due lapidi, ma perse l’equilibrio e cadde a terra. Di questo infortunio venne accusata l’Azienda Pluriservizi Macerata, che gestisce il cimitero: secondo la procura, Damiani non avrebbe lavorato nel rispetto di tutte le prescrizioni per la sicurezza. Ieri dal Gup del tribunale di Macerata, il PmSiddi ha chiesto la condanna a un anno di reclusione per Ciurlanti. L’avvocato difensore Romano Carancini ha invece messo in luce tutte le misure di sicurezza predisposte dall’Apm. E accogliendo la tesi difensiva, il giudice Ercoli ha assolto l’imputato «per non aver commesso il fatto. Certo dopo aver visto le fatture pagate nel 2011 il quadro ora è completo; sarebbe stato bello assistere all'udienza dove un consigliere comunale nonchè capogruppo di maggioranza difende la partecipata del comune. Tra l'altro se ci fosse stata una condanna come avrebbe fatto l'APM a fare l'azione di rivalsa nei confronti di Ciurlanti? Chissà come si sono sentiti i parenti del defunto nel vedere che prorpio un consigliere comunale era il difensore dell'APM?
  • Gli effetti a catena della vicenda Apm

    219 - Ott 3, 2011 - 11:19 Vai al commento »
    Per chi avesse ancora dei dubbi vi invito a leggere il seguente articolo, apparso il 24 aprile 2008 sul Resto del Carlino: " —TREIA— ACCUSATO di omicidio colposo, è stato assolto ieri il legale rappresentante dell’Apm, Graziano Ciurlanti. Il processo riguardava la morte di Dalmazio Damiani, pollentino di 68 anni, che nel febbraio 2006 rimase ucciso mentre lavorava al cimitero di Treia. L’uomo, marmista, era salito per sistemare due lapidi, ma perse l’equilibrio e cadde a terra. Di questo infortunio venne accusata l’Azienda Pluriservizi Macerata, che gestisce il cimitero: secondo la procura, Damiani non avrebbe lavorato nel rispetto di tutte le prescrizioni per la sicurezza. Ieri dal Gup del tribunale di Macerata, il PmSiddi ha chiesto la condanna a un anno di reclusione per Ciurlanti. L’avvocato difensore Romano Carancini ha invece messo in luce tutte le misure di sicurezza predisposte dall’Apm. E accogliendo la tesi difensiva, il giudice Ercoli ha assolto l’imputato «per non aver commesso il fatto. Certo dopo aver visto le fatture pagate nel 2011 il quadro ora è completo; sarebbe stato bello assistere all'udienza dove un consigliere comunale nonchè capogruppo di maggioranza difende la partecipata del comune. Tra l'altro se ci fosse stata una condanna come avrebbe fatto l'APM a fare l'azione di rivalsa nei confronti di Ciurlanti? Chissà come si sono sentiti i parenti del defunto nel vedere che proprio un consigliere comunale era il difensore dell'APM?
  • Verifica rimandata
    Continua la guerra delle mozioni di censura

    220 - Ott 3, 2011 - 11:22 Vai al commento »
    Vi invito a leggere il seguente articolo, apparso il 24 aprile 2008 sul Resto del Carlino: " —TREIA— ACCUSATO di omicidio colposo, è stato assolto ieri il legale rappresentante dell’Apm, Graziano Ciurlanti. Il processo riguardava la morte di Dalmazio Damiani, pollentino di 68 anni, che nel febbraio 2006 rimase ucciso mentre lavorava al cimitero di Treia. L’uomo, marmista, era salito per sistemare due lapidi, ma perse l’equilibrio e cadde a terra. Di questo infortunio venne accusata l’Azienda Pluriservizi Macerata, che gestisce il cimitero: secondo la procura, Damiani non avrebbe lavorato nel rispetto di tutte le prescrizioni per la sicurezza. Ieri dal Gup del tribunale di Macerata, il PmSiddi ha chiesto la condanna a un anno di reclusione per Ciurlanti. L’avvocato difensore Romano Carancini ha invece messo in luce tutte le misure di sicurezza predisposte dall’Apm. E accogliendo la tesi difensiva, il giudice Ercoli ha assolto l’imputato «per non aver commesso il fatto. Certo dopo aver visto le fatture pagate nel 2011 il quadro ora è completo; sarebbe stato bello assistere all'udienza dove un consigliere comunale nonchè capogruppo di maggioranza difende la partecipata del comune. Tra l'altro se ci fosse stata una condanna come avrebbe fatto l'APM a fare l'azione di rivalsa nei confronti di Ciurlanti? Chissà come si sono sentiti i parenti del defunto nel vedere che proprio un consigliere comunale era il difensore dell'APM?
  • La Tardella interviene sul campo di Collevario: “Noi siamo in regola, gli altri non so…”

    221 - Set 7, 2011 - 19:09 Vai al commento »
    Mi è dispiaciuto leggere la sua replica Presidente, quindi le risponderò semplicemente solo tramite cronache maceratesi: la sua difesa d'ufficio dell'amministrazione comunale di Macerata è fuori luogo per due motivi. Il primo perchè l'interrogazione è rivolta nei confronti dell'azione della giunta comunale che sta assumendo iniziative che ritengo improprie, ma di questo ne parleremo il 26 settembre in consiglio comunale; il secondo motivo è che se oggi il Coni ( e non ieri) ha approvato il progetto esecutivo (al momento c'è n'è solo uno di massima) allora saremo finalmente tutti tranquilli (anch'io che sono all'opposizione), così la ruspa che è ferma da qualche giorno nel campo sportivo potrà ricominciare a lavorare. Ps.sono contenta se presto leggerò i nomi e cognomi che vuole fare, io ho già fatto qualche anno fa,legga gli atti!!
  • Deborah Pantana interroga
    sui lavori in corso al campo di Collevario

    222 - Set 7, 2011 - 19:23 Vai al commento »
    per correttezza scrivo il commento che ho fatto nell'articolo della Presidente Tardella: "Mi è dispiaciuto leggere la sua replica Presidente, quindi le risponderò semplicemente solo tramite cronache maceratesi: la sua difesa d'ufficio dell'amministrazione comunale di Macerata è fuori luogo per due motivi. Il primo perchè l'interrogazione è rivolta nei confronti dell'azione della giunta comunale che sta assumendo iniziative che ritengo improprie, ma di questo ne parleremo il 26 settembre in consiglio comunale; il secondo motivo è che se oggi ( e non ieri) il Coni ha approvato il progetto esecutivo (al momento c'è n'è solo uno di massima) allora saremo finalmente tutti tranquilli (anch'io che sono all'opposizione), così la ruspa che è ferma da qualche giorno nel campo sportivo potrà ricominciare a lavorare. Ps.sono contenta se presto leggerò i nomi e cognomi che vuole fare, io ho già fatto qualche anno fa,legga gli atti!! "
  • Da arbitro a osservatore
    Oberdan Pantana rivuole la serie A

    223 - Set 19, 2011 - 11:51 Vai al commento »
    Bravo Oberdan. Ti voglio bene.
  • “Il bando per rilevatori
    è ingiusto”

    224 - Ago 29, 2011 - 13:58 Vai al commento »
    Il 16 novembre del 2010 ho presentato un'interrogazione proprio su questo argomento vista l'incapacità di definire con certezza l'assunzione dei rilevatori statistici da parte del nostro COmune, infatti sul sito comunale apparve un elenco di nominativi di rilevatori statistici pubblicato in ordine alfabetico e non per titoli o punteggi di selezione. Quindi chiesi in base a quale criterio il Comune di Macerata avrebbe attinto i nominativi da questo elenco per affidare incarichi esterni per le operazioni connesse alle indagini statistiche per il triennio 2010-2012.» Risposta NULLA!!!!
  • Gol e commozione per Andrea Dezi
    L’Ascoli batte di misura la Maceratese

    225 - Ago 10, 2011 - 14:24 Vai al commento »
    Dopo tanto tempo ieri sera sono tornata a vedere la Maceratese, prima di tutto per onorare la memoria di Andrea poi per ritrovare l'emozioni di essere una tifosa della squadra della mia città. Ammetto che al di là di qualche appunto relativo al centro campo direi che la squadra c'è infatti ho sentito molti ragazzi entusiasti, complimenti quindi alla Presidente Tardella, forse tornerò allo stadio.. A presto.
  • Verifica rinviata a settembre
    Scontro Carancini-Pettinari sul SOF

    226 - Ago 10, 2011 - 14:01 Vai al commento »
    A Macerata ci sarà futuro per la lirica solo se oggi si darà un forte segnale di discontinuità e di cambiamento: con la modifica dello statuto dello Sferisterio, il rinnovo del cda e un nuovo direttore artistico che sappia assumersi le sue responsabilità. Attualmente c'è una proposta di modifica dello Statuto dello Sferisterio firmata Mandrelli e approvata dalla commisione comunale che ora dovrà passare all'esame della provincia. Per il resto è la maggioranza che dovrà decidere anche se sono convinta che questo segnale di rinnovamento solo la Provincia ed il neo Presidente Pettinari può darlo vista la difficoltà del nostro Sindaco nel decidere su ogni cosa. Ricordo che quando ero consigliere provinciale e chiedevo anche tramite diversi comunicati stampa una discontinuità nella gestione dello Sferisterio, dando un termine alla direzione Pizzi, l'unico a darmi ragione fu proprio Pettinari. Poi c'è stato il commissariamento della Provincia ma ora il Presidente Pettinari ha tutti gli strumenti per portare a termine questo impegno e dare finalmente ai maceratesi l'opportunità di ritornare allo Sferisterio perchè altrimenti dovremo ancora aspettare un ulteriore anno per ascoltare la lirica allo Sferisterio.
  • Mamme e nonne chiedono un semaforo
    all’uscita dell’asilo della Pace a Macerata

    227 - Giu 28, 2011 - 12:41 Vai al commento »
    ho depositato le firme raccolte e presentato la richiesta/mozione in consiglio..alla fine potremmo anche chiedere di far spostare il semaforo a chiamata che si trova più su, vediamo.
  • “Svincolo di San Claudio, niente passi indietro”

    228 - Giu 16, 2011 - 14:08 Vai al commento »
    Condivido in pieno il ragionamento del coordinatore comunale della Destra Marco Bernabei, ora chiederemo a Pettinari cosa vuol fare con lo svincolo.
  • Macerata piange la scomparsa
    di Maurizio Speranza

    229 - Giu 10, 2011 - 11:00 Vai al commento »
    Ciao Maurizio la tua musica e il tuo sorriso rimarranno sempre nei nostri cuori, ricordo ancora la tua ultima composizione dedicata a Padre Matteo Ricci, semplicemente stupenda.. riposa in pace.
  • Cosa funziona a Macerata?

    230 - Giu 9, 2011 - 21:16 Vai al commento »
    Grazie Filippo, farò come dici..(mia email dpantana@libero.it)
    231 - Giu 9, 2011 - 17:38 Vai al commento »
    Dopo aver letto alcuni interventi vorrei semplicemente fare una considerazione: c'è qualcuno che mi sa dire cosa funziona a Macerata? Sarà una domanda retorica però nessuno ancora mi ha risposto..
  • Drammatico fuoristrada a Caccamo:
    muore una donna di 35 anni

    232 - Giu 7, 2011 - 19:53 Vai al commento »
    sono profondamente addolorata della scomparsa di Francesca, una bravissima ragazza.
  • Le malattie delle elezioni

    233 - Mag 29, 2011 - 23:03 Vai al commento »
    Mi auguro che queste elezioni provinciali segnino il ritorno della giustizia: siamo stati delle vittime prima di una sentenza poi di un'alleanza senza ideali e senza programmi che è unita solo dal desiderio delle poltrone! D'alema e Casini insieme, neanche in Parlamento si parlano ma Macerata riesce a fare questo miracolo, devo dire che la realtà da noi supera di gran lunga ogni tipo di fantasia..
  • Assemblea dei residenti in centro storico
    “A Macerata nessuno ci ascolta”

    234 - Mag 29, 2011 - 23:18 Vai al commento »
    Purtroppo questa amministrazione di centro sinistra non ha nessun progetto per la riqualificazione del nostro centro storico, non ha minimamente idea di cosa significa incentivare politiche che favoriscano la residenza e prestare più sicurezza anche tramite un presidio in cui si alternano le varie forze di polizia, è più importante per loro lo sviluppo delle aree a Piediripa.. e quindi del sistematico trasferimento di tutti gli uffici e lo svuotamento dei palazzi storici, alcuni ancora continuano a dire che questi sono piccoli problemi e che va tutto bene.. io non credo e continuerò in questa mia battaglia!
  • Chiusa la Galleria Fontescodella
    Traffico in tilt a Macerata

    235 - Mag 27, 2011 - 19:17 Vai al commento »
    La chiusura della galleria è l'emblema del fallimento della poliitca del centro sinistra maceratese. Per realizzare questa cattedrale nel deserto hanno speso tre volte tanto il prezzo iniziale per avere alla fine un'opera che a causa delle infiltrazioni d'acqua sarà nel tempo impraticabile.
  • Schermaglie e strizzate d’occhio
    Conto alla rovescia per il ballottaggio

    236 - Mag 25, 2011 - 0:27 Vai al commento »
    La smentita odierna della Sig.ra Giorgi Vice Presidente del Consiglio Regionale delle Marche riguardo la dichiarazione di Franco Capponi di voler costruire una centrale nucleare a Macerata sono il segnale di una povertà di argomenti e di programmi del centro sinistra.. Ora addirittura non vanno bene gli atteggiamenti di Capponi, poi saranno gli sguardi e alla fine?
  • Udc e Sciapichetti: “Perchè Capponi ha tolto i simboli dei partiti?”

    237 - Mag 24, 2011 - 1:37 Vai al commento »
    Se lo scorso anno qualcuno mi avesse detto che mi sarei trovata a dover leggere delle dichiarazioni contro di noi di Maria Berenice avrei risposto che era impossibile, perchè Lei è sempre stata la più grande sostenitrice di Franco Capponi. Poi cosa è cambiato? Che l'UDc se ne è andato a sinistra e oggi noi non andiamo più bene perchè siamo alleati con "LE DESTRE"! Ossia Le destre rappresentate dalle stesse persone che hanno governato in provincia con l'UDC nel 2009. Peccato perchè noi siamo rimasti coerenti con la nostra storia cattolica, liberale e moderata e tu?
  • L’Idv: “Capponi vuole una centrale nucleare a Macerata”

    238 - Mag 24, 2011 - 0:26 Vai al commento »
    Al di là dell'ironia che suscita il comunicato resta il dato oggettivo della gravità delle dichiarazioni diffamatorie rilasciate dalla Sig. ra Giorgi Vice Presidente del Parlamento Regionale delle Marche, ma da chi siamo governati? P.S. Ammiro Guido per la sua generosità di cuore, è un temerario non si fa mai dei problemi anche nel difendere gli indifendibili.. ciao caro Guido a presto
  • Beatificazione di Giovanni Paolo II
    Il vostro ricordo

    239 - Mag 1, 2011 - 22:28 Vai al commento »
    E' ancora vivo il ricordo e l'emozione degli incontri con il Papa Beato Giovanni Paolo II a Macerata, ma soprattutto nell'immensa vallata di Montorso, dove ancora ho bene in mente tutta la notte passata a pregare, poi l'arrivo dell'alba ed il risveglio dolce dato dalla sua voce.. momenti che suscitano ancora in me dei sentimenti forti che non dimenticherò mai. Un grande Papa che ci ha insegnato a non avere paura della fede..
  • Il ruggito di Momo
    “Con Macerata ho chiuso,
    non sono un bancomat”

    240 - Feb 10, 2011 - 11:33 Vai al commento »
    Caro Maurizio che dirti se non che hai pienamente ragione.. però ricordati che io ci sono e con te ed altri amici potremmo fare grandi cose a Macerata!!!!!!!!! Pensaci su!!
  • Nuovo cancelliere
    al Tribunale di Macerata

    241 - Feb 9, 2011 - 11:35 Vai al commento »
    sono proprio felice per te..complimenti
  • E’ cominciata l’epoca
    delle donne con le palle

    242 - Gen 10, 2011 - 16:54 Vai al commento »
    Brava Anna sono d'accordo con le tue riflessioni anche se credo che le donne da sempre hanno avuto i cosiddetti "attributi", è solo che oggi hanno i modi e le possibilità di poter esprimere il loro pensiero a differenza di un passato dove non potevano neppure alzare lo sguardo per incrociare gli occhi del marito. Viviamo un'epoca di un ritrovato femminismo, in cui le donne sono sempre più vere,si sentono libere di mostrare le loro tante virtù e non hanno paura di far vedere i propri limiti che sono comunque dei doni. Probabilmente oggi gli uomini di fronte a questo cambiamento dei modi di fare delle donne non sanno come adeguarsi, un pò per pigrizia e un pò anche per paura di aprirsi perchè magari i loro padri gli hanno insegnato che essere se stessi è un segno di fragilità, allora tendono a sfuggire alle donne, non si prendono impegni, non amano lunghe relazioni con donne che vogliono conoscerli fino in fondo.
  • Cus Macerata, inaugurata
    la palestra “Nicola Bommarito”

    243 - Dic 12, 2010 - 17:42 Vai al commento »
    iniziativa lodevole caro Totò..Per Nicola e per i tanti giovani che possono farcela proprio grazie allo sport.
  • Anna Rombini eletta
    nuovo segretario provinciale
    de La Destra

    244 - Ott 23, 2010 - 19:21 Vai al commento »
    Complimenti di cuore ad Anna..
  • Intervista quasi impossibile
    al sindaco Deborah Pantana

    245 - Set 24, 2010 - 13:32 Vai al commento »
    E' un onore essere stati intervistati da Lei, un giornalista sempre attento alle dinamiche locali.. rimaniamo che la prossima intervista, se ci sarà, dovrà essere quella "possibile" con un vero programma elettorale. Grazie, un saluto cordiale.
  • “Campo di Villa Potenza
    in condizioni disastrose
    E Il Comune ci ignora”

    246 - Lug 29, 2010 - 18:25 Vai al commento »
    Il problema che hai sollevato è serio e non va sottovalutato, soprattutto perchè a Villapotenza è necessario riqualificare non solo il campo ma tutta l'intera zona compreso il parco archeologico.. per non parlare della viabilità.. vi sono vicina! Purtroppo per Macerata quest'amministrazione è troppo ingessata e non è in grado di fare nulla.. ciao
  • Deborah, la vicepresidente:
    “Collaborerò se la Giunta
    non seguirà le orme di Meschini”

    247 - Mag 6, 2010 - 16:57 Vai al commento »
    Cara Aurora credo che ci sia stato un errore di battitura in quanto la frase non è compiuta, ho detto." non è vero che le donne non votano le donne, anzi personalmente sono molto sostenuta da loro....ecc. Per quanto riguarda il Sig. Zecchini avrei piacere di incontrarLo per conoscerci...
  • Due bambini ustionati:
    chiusa la palestra della scuola

    248 - Gen 18, 2010 - 11:53 Vai al commento »
    Pensare di lasciare il proprio figlio ad una scuola dove ci sono dei tubi scoperti è sconcertante, da mamma non ci posso neanche pensare.... se penso che è poi la scuola vicino alla nostra casa e che quindi in futuro mio figlio dovrà frequentarla mi sento male!!!! Il Comune di Macerata è veramente alla sbando completo...
  • Deborah Pantana: “La famiglia al centro
    del confronto elettorale”

    249 - Gen 5, 2010 - 15:43 Vai al commento »
    Caro Filippo, per quanto riguarda il tema delle giovani coppie circa tra anni fa ho presentato una mozione in consiglio comunale in cui chiedevo all'amministrazione di impegnarsi per erogare degli incentivi affinchè i nuclei familiari di nuova costituzione potessero abitare in centro con agevolazioni riguardo alla tarsu, diminuzione delle tarife dell'acqua ed un bonus per l'elettricità, in più un prestito d'onore pari a 15.000,00 euro. Ovviamente la mozione è stata respinta dalla maggioranza di centro sinistra. A parte questo, sono felice che vi sono dei punti in comune con la lista di Giorgio Ballesi, allora a presto.......
    250 - Gen 4, 2010 - 20:11 Vai al commento »
    Caro Alessandro, sai quanto mi stanno a cuore questi temi e sono sincera quando ti dico che tanto è stato fatto ma tanto ancora dobbiamo fare soprattuto c'è bisogno di un cambiamento anche culturale in un settore ormai strategico all'interno di ogni amministrazione locale. Visto il successo della consulta delle associazioni di volontariato nata grazie alla mia mozione presentata in consiglio comunale? In questo caso tutti hanno capito la necessità di fare sinergia tra il terzo settore e l'ente locale. a presto...
  • La Confcommercio Corridonia
    si tinge di rosa: Barbara Trasatti
    è il nuovo presidente

    251 - Nov 18, 2009 - 16:45 Vai al commento »
    complimenti per il tuo nuovo incarico.
  • Volontariato, due giorni
    all’Abbazia di Fiastra
    per “motivare” l’azione

    252 - Ott 22, 2009 - 10:15 Vai al commento »
    Paola è una donna straordinaria, capace di interpretare e quindi essere vicina ai bisogni reali della nostra società. Ci sarò.
  • Una superlista di centro:
    a Macerata sta nascendo
    la grande alleanza

    253 - Ott 20, 2009 - 17:13 Vai al commento »
    Ivano lo conosco da tanti anni e devo dire che ha proprio nel cuore Macerata, quindi ogni sua iniziativa è degna di attenzione. Mi auguro per noi che Lui rimanga nella nostra grande famiglia del centro destra perchè è una risorsa indispensabile. Un abbraccio Deborah.
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy