Omicidio di Pamela, niente abbreviato:
processo in Corte d’assise per Oseghale
«Le scuse? Non le accettiamo» (VIDEO)

DELITTO – Il nigeriano rinviato a giudizio dal giudice Claudio Bonifazi, niente rito abbreviato. Alessandra Verni sulle dichiarazioni del 29enne: «Una presa in giro. Ha abbassato lo sguardo in aula incrociando i miei occhi». Lo zio della ragazza: «Ha assunto droga nei due mesi prima della morte, quando già era in comunità. Una perizia di Roberta Bruzzone parla di minorata difesa già prima che assumesse l’eroina. Una nostra consulente dice che non sono state comparate delle impronte trovate su entrambi i trolley». I difensori: «Necessario sentire i nostri periti per ricostruire l’accaduto». Il procuratore Giorgio: «Dovremo sentire almeno 50 testimoni»
- caricamento letture

 

oseghale-processo-1-650x430-1-650x430

Innocent Oseghale

 

di Gianluca Ginella (foto di Federico De Marco e Fabio Falcioni)

Omicidio di Pamela Mastropietro, niente rito abbreviato per Innocent Oseghale: il processo si svolgerà davanti alla Corte d’assise del tribunale di Macerata. Il giudice Claudio Bonifazi ha respinto la richiesta della difesa (che condizionava il rito all’ascolto di tre testimoni) al quale l’accusa, sostenuta dal procuratore Giovanni Giorgio, aveva risposto chiedendo che fossero sentiti anche tre suoi testimoni. Il processo in Corte d’assise è stato fissato il 13 febbraio. I famigliari: «Va bene così. Ma non accettiamo le scuse di Oseghale».

 

Oseghale_Processo_FF-16-650x434

Alcuni degli striscioni davanti al tribunale

 

Oseghale_Processo_FF-20-325x217

Il sindaco Carancini contestato all’uscita dal tribunale

L’udienza è durata 5 ore e si è conclusa verso le 14,30 di oggi. Decine le persone che si sono trovate di fronte al tribunale e hanno esposto striscioni e cantato cori per Pamela «Pamela chiede giustizia, noi siamo la sua voce», ma ha anche accolto l’arrivo di Oseghale in tribunale con grida «Mostro, assassino». Contestato anche il sindaco di Macerata, Romano Carancini, qualcuno lo ha chiamato «comunista», mentre uno dei manifestanti, che si è presentato brandendo un crocefisso, gli ha urlato «pentiti». «Non abbiamo bisogno di ultrà» ha commentato Carancini. Insulti ma anche sputi verso gli avvocati di Oseghale, i legali Simone Matraxia e Umberto Gramenzi (che hanno poi lasciato il tribunale passando per una uscita secondaria). Mentre fuori il clima era rovente, dentro l’udienza si è svolta invece in un clima sereno.

 

Oseghale_Processo_FF-21-650x434

La contestazione al sindaco Romano Carancini

 

processo-oseghale-4-650x488-1-325x244

L’avvocato Marco Valerio Verni, Alessandra Verni e Stefano Mastropietro, zio, madre e padre di Pamela

«Oseghale ha abbassato gli occhi incrociando il mio sguardo. Mi sono trattenuta dal dirgli qualcosa» ha detto Alessandra Verni, la mamma di Pamela Mastropietro. Nel corso dell’udienza Innocent Oseghale ha letto in inglese una dichiarazione di scuse «Mi scuso con la famiglia e con gli italiani. Non ho ucciso Pamela. Spero mi verrà data una seconda opportunità» le frasi del 29enne nigeriano. «Noi non accettiamo le scuse. È una presa in giro» ha detto la mamma di Pamela. Concetto ribadito dallo zio di Pamela: «E’ una presa in giro. Chiedere scusa dopo quello che le è stato fatto non lo accettiamo. Le rimandiamo al mittente le scuse. Siamo soddisfatti per l’udienza, Oseghale è stato rinviato a giudizio per tutte le accuse, anche la violenza sessuale» ha detto l’avvocato Marco Valerio Verni che assisterà la mamma di Pamela e il papà che si sono costituiti parte civile questa mattina. Parti civili anche il comune di Macerata (tutelato dall’avvocato Carlo Buongarzone) e il proprietario della casa dove viveva Oseghale e dove la ragazza è stata uccisa (è assistito dall’avvocato Andrea Marchiori). Una udienza durata diverse ore di fronte al Gup Claudio Bonifazi del tribunale di Macerata. Il giudice si è ritirato più volte per sciogliere le questioni che via via sono state sollevate nel corso dell’udienza.

 

oseghale-processo-1-1-650x455

Innocent Oseghale

 

Oseghale_Processo_FF-25-325x217

Marco Valerio Verni

Ammesse le tre parti civili, lo zio di Pamela ha presentato alcune perizie di parte. «Quella di Roberta Bruzzone, che sostiene che Pamela era in uno stato di minorata difesa già prima che assumesse droga. Uno stato che era visibile e che era legato sia alla patologia che alle medicine che prendeva» spiega Marco Valerio Verni. Altra perizia è quella del medico legale Luisa Reggimenti, che conferma che le ferite al fegato (ritenute causa della morte dall’accusa) sono state inferte quando la ragazza era viva. Altra perizia quella del tossicologo Carmelo Furnari che dice che la 18enne non ha avuto una overdose. «Inoltre dall’analisi del capello che già aveva fatto la procura, risulta che Pamela aveva assunto oppiacei nei due mesi precedenti la morte, quando già si trovava in comunità. Lascio a voi le conclusioni» ha detto lo zio. Quarta consulenza è quella di Marina Baldi «Dà un contributo alle indagini da fare, non è stato comparato un profilo genetico che era stato riscontrato su entrambi i trolley in cui era stato messo il corpo fatto a pezzi di Pamela» ha detto ancora l’avvocato Verni. C’è stata poi la richiesta di abbreviato della difesa, condizionato all’ascolto del proprio medico legale e tossicologo e di un detenuto che sostiene che il pentito che aveva detto che Oseghale gli confessò di aver ucciso Pamela, con il nigeriano non aveva mai parlato ma l’aveva soltanto incrociato in carcere. Non solo, secondo il detenuto l’uomo avrebbe anche sputato a Oseghale.

 

processo-oseghale-matraxia-gramenzi-1-650x488

Simone Matraxia e Umberto Gramenzi, avvocati di Innocent Oseghale

 

processo-oseghale-giorgio

Il procuratore Giovanni Giorgio

La procura, sentite le richieste della difesa, ha chiesto che, nel rito abbreviato venissero sentiti i propri consulenti (il medico legale Mariano Cingolani e il tossicologo Rino Froldi) e il pentito che accusa Oseghale. Il giudice Claudio Bonifazi ha respinto la richiesta di rito abbreviato ritenendola inammissibile e disposto il rinvio a giudizio per Oseghale. I tempi per la sentenza si allungheranno «in dibattimento dovranno essere sentiti almeno 50 testimoni – ha commentato il procuratore Giovanni Giorgio all’uscita dall’aula –. L’udienza si è svolta in un clima di serenità, tant’è che avevamo alla fine concordato anche una soluzione più veloce. Andremo a processo. Tenteremo il cosiddetto patteggiamento sulla prova con i difensori in modo da ridurre per quanto possibile il contraddittorio». Oseghale dovrà rispondere di omicidio volontario aggravato, violenza sessuale, vilipendio, occultamento e distruzione di cadavere. La difesa aveva anche sollevato una eccezione di nullità su accertamenti irripetibili svolti dal medico legale Mariano Cingolani e dal tossicologo Rino Froldi dopo l’autopsia. «Non era stato avvisato l’indagato in carcere. E’ una eccezione che riproporremo al processo ha detto l’avvocato Gramenzi. «Per noi i testimoni che avevamo chiesto di sentire sono essenziali per dimostrare quello che è accaduto. Vorrà dire che li sentiremo durante la Corte d’assise» ha detto l’avvocato Simone Matraxia. I consulenti che la difesa vuole sentite sono Paola Melai (tossicologo) e il medico legale Mauro Bacci. Per i legali di Oseghale la morte di Pamela sarebbe legata ad una overdose.

processo-innocent-osegale-tribunale-macerata-logo-5-650x433

processo-innocent-osegale-tribunale-macerata-logo-17-650x366

processo-innocent-osegale-tribunale-macerata-logo-11-650x366

processo-innocent-osegale-tribunale-macerata-logo-13-650x366

processo-innocent-osegale-tribunale-macerata-logo-10-650x366

Oseghale_Processo_FF-10-650x434

Oseghale_Processo_FF-6-650x434

Oseghale_Processo_FF-5-650x434

Oseghale_Processo_FF-1-650x434

Oseghale_Processo_FF-3-650x434

Oseghale_Processo_FF-4-650x434

Oseghale_Processo_FF-27-650x434

Oseghale_Processo_FF-26-650x434

 

 

Processo a Oseghale, Carancini insultato: «Non abbiamo bisogno di ultrà»(Video)

Omicidio Pamela, insulti all’arrivo di Oseghale: «Mostro, assassino» (FOTO/VIDEO)

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X