Battuta di Brignano su Pamela:
«Il buon senso è venuto meno,
speriamo ponga rimedio»

MACERATA - La famiglia della 18enne uccisa interviene sulla frase riferita alla ragazza pronunciata dal comico durante lo spettacolo allo Sferisterio
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
EnricoBrignano_Sferisterio_FF_13-650x433

Enrico Brignano

 

Una battuta riferita alla vicenda dell’uccisione della 18enne Pamela Mastropietro con cui il comico Enrico Brignano ha gelato lo Sferisterio. Una battuta di cui è venuta a conoscenza anche la famiglia della 18enne uccisa a Macerata lo scorso 30 gennaio. «Abbiamo appreso della orrenda battuta proferita dal comico Enrico Brignano durante il suo spettacolo svoltosi a Macerata (aveva fatto la battuta nella prima delle serate in cui si è esibito, lunedì, ndr) e riferentesi, inequivocabilmente, ai tragici fatti dello scorso 30 gennaio, riguardanti l’uccisione di Pamela Mastropietro e, soprattutto, il successivo depezzamento del suo corpo, infilato poi in due valigie – scrive la famiglia in una nota –.

pamela-mastropietro-evidenza

Pamela Mastropietro

E’ un attore che abbiamo sempre seguito con grande simpatia e questa sua inaspettata ed incomprensibile caduta di stile, onestamente, ci lascia molto esterrefatti. Confidiamo nel buon senso dell’artista, che questa volta è decisamente venuto meno, e speriamo che, alla prima occasione utile, ponga rimedio a quanto detto. Onestamente, su una vicenda così drammatica e tragica, sulla quale, peraltro, si sta cercando di far chiarezza con molta fatica, non vediamo come si possa fare ironia». Per l’uccisione di Pamela Mastropietro è indagato il nigeriano Innocent Oseghale, che deve rispondere anche di violenza sessuale, vilipendio e occultamento di cadavere.

Brignano show, ce n’è per tutti Sold out per il comico allo “Sfericoso”

Una ragnatela ferma lo show di Brignano

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X