Bdm, il Fatto attacca Bianconi
e la politica marchigiana

Le vicende della Banca tornano sulla stampa nazionale. Anche Milano Finanza e International Business Times dedicano ampio spazio all'istituto marchigiano
- caricamento letture
fatto

L’uscita di oggi del Fatto Quotidiano

di Marco Ricci

La vicenda Banca Marche, seppure con ritardo, arriva in modo forte su alcuni quotidiani nazionali. L’edizione di oggi del Fatto Quotidiana dedica all’istituto marchigiano addirittura il titolo di apertura e buona parte della seconda pagina. Ma di Bdm parlano anche Milano Finanza e l’edizione italiana del quotidiano di informazione economica International Business Times (leggi l’articolo). Sebbene tutti e tre i quotidiani riassumano sostanzialmente le vicende passate, il giornale diretto da Padellaro è molto duro non solo con l’ex-dg Bianconi ma anche con la politica locale. Dall’articolo a firma Giorgio Meletti traspare inoltre un colloquio intercorso con uno degli imprenditori che hanno partecipato giovedì scorso all’incontro con Spacca e Masera. Da quanto scritto la parola più utilizzata è stata quella di “disastro,” espressione che il Fatto attribuisce allo stesso Presidente Masera. Come detto gli attacchi maggiori vanno alla politica, definendo la vicenda Bdm come “l’ennesima storia di banche scassate e di politici locali che non vogliono perdere la testa.” Il Fatto riporta anche quanto abbiamo più volte riferito in merito al prestito obbligazionario subordinato upper-tier II, attualmente coperto per 20 milioni di euro e in scadenza il 31 luglio. Bdm viene inoltre accusata di aver “deliberatemente ignorato la crisi del mattone” del 2008, “quando gli altri istituti italiani chiudevano i rubinetti alle società immobiliari.”

L'ex-dg di Banca delle Marche, Massimo Bianconi.

L’ex-dg di Banca delle Marche, Massimo Bianconi.

Il Fatto Quotidiano è durissimo anche con l’ex-dg Massimo Bianconi. Rileggendo l’inchiesta del 2011 dell’Espresso in cui Banca delle Marche venne definita come “lo scrigno dei soldi facili della cricca, individuato dalle Procure di Perugia e Firenze. […] Balducci, Anemone e la loro corte di amici e soci godevano di percorsi facilitati per muovere denaro”, l’articolo del Fatto prosegue con il riportare uno stralcio della lettera di Banca d’Italia indirizzata al Consiglio di Amministrazione di Bdm in merito alla girandola di assegni per 160.000 euro versati sul conto di Bianconi. In tale informativa di Banca d’Italia che Cm ha pubblicato integralmente, l’istituto di via Koch asseriva che “tali operazioni evidenziano profili di opacità che non appaiono coerenti con la deontologia professionale che deve connotare l’alta dirigenza della banca.” Vengono poi riportate le vicendi di Massimo Bianconi riguardo al altre operazioni definite dal giornale “opache”, tra cui quelle con l’immobiliarista Vittorio Casale “abbondantemente finanziato” con cui poi entrò in relazione d’affari la moglie dello stesso Bianconi, Anna Rita Mattia.

Se quotidiano on-line International Business Times nella sua ricostruzione parla di “un nuovo caso Montepaschi” e di “un’opera di risanamento che appare immane e che potrebbe facilmente richiedere molti più soldi del previsto”, Milano Finanza sottolinea l’avvicinarsi della cordata Merloni e le recenti notizie sulle dismissioni degli asset che abbiamo pubblicato nei giorni scorsi. Niente di particolarmente nuove se non il duro attacco alla politica marchigiana da parte del Fatto Quotidiano e reazione del Consigliere Regionale Francesco Acquaroli (Fratelli d’Italia) che ha chiesto delucidazioni sulla delicata situazione finanziaria al Presidente della Giunta Regionale Spacca. In assenza del governatore la risposta è giunta da Vittoriano Sollazzi, Presidente dell’Assemblea, che avrebbe ricordato i recenti incontri con gli imprenditori per salvaguardare la marchigianità di Bdm. L’impressione che si ha, leggendo questi articoli, è che la situazione stia emergendo in tutta la sua gravità e che per le responsabilità passate – mai effettivamente considerate dalla politica e dal Cda della banca – possa a questo punto aprirsi una diga, in particolare per quanto riguarda l’ex-dg Massimo Bianconi.

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X