facebook twitter rss

Banca Marche, Rivoluzione Civile:
“Perchè il sistema politico regionale tace?”

Il movimento attacca la maggioranza politica e denuncia il fallimento del Modello Marche
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
523 Condivisioni

Banca delle Marche sta attraversando una fase di trasformazione. Sono molti gli interrogativi che sorgono in merito alla situazione della banca (leggi l’articolo) che dovranno essere chiariti dai vertici. Intanto è attesa per il 25 febbraio prossimo l’approvazione della bozza del bilancio consuntivo 2012 di Banca Marche. L’esercizio finanziario, il primo in rosso nella storia dell’istituto di credito marchigiano, sarà discusso in consiglio di amministrazione nella seduta di lunedì 25, per essere poi presentato tra marzo e aprile all’assemblea dei soci. E’ quanto si apprende da fonti finanziarie, secondo le quali a stretto giro di posta sarà anche approvata la bozza di bilancio consolidato del gruppo bancario, che comprende oltre a Banca Marche anche la Cassa di Risparmio di Loreto spa, la Focus Gestioni Sgr Spa e Medioleasing spa.
Tra fine marzo e inizio aprile saranno pronti il nuovo piano industriale 2013-2015 dell’istituto, messo a punto con la consulenza della società Bain & Co., e il nuovo piano finanziario per il rilancio, quest’ultimo elaborato in collaborazione con Mediobanca. Nel cronoprogramma delle prossime settimane è attesa inoltre la nomina di un vicedirettore unico che affiancherà il Dg Luciano Goffi nel difficile compito di risistemate i conti della banca.

Dal comitato Rivoluzione Civile di Tolentino riceviamo:

«Da tempo l’istituto Banca Marche è in evidente difficoltà. La nostra preoccupazione è che da questa vicenda possa emergere una cattiva amministrazione e una gestione sbagliata degli affari della comunità che potrebbe avere gravi conseguenze con particolare riguardo ai 3.000 dipendenti dell’istituto, ai risparmiatori e a tutti quei cittadini e imprese che in questi mesi si sono visti negare fiducia e credito. Come forza politica difendiamo il diritto di chiederne conto e di vedere accertate le eventuali responsabilità. Già a settembre, la Banca d’Italia ha inflitto una multa di 208 mila euro ai membri del consiglio di amministrazione, del collegio sindacale e al direttore generale per “carenze nell’organizzazione e nei controlli interni”. Rivoluzione Civile, che ha già dedicato iniziative sul tema, si impegnerà a fornire all’opinione pubblica elementi di conoscenza, perché quello che sorprende, e crea più imbarazzo, è il silenzio del sistema politico regionale dal Pd al Pdl. Stiamo assistendo alla crisi del principale istituto bancario della regione, uno dei nostri principali motori di sviluppo, che per questo merita una seria analisi e assunzione di responsabilità. Quali soluzioni intendono proporre i partiti di maggioranza che, attraverso l’amministrazione degli enti locali e la gestione delle fondazioni che controllano Banca Marche, hanno dato prova di connivente disattenzione sulla governance dell’istituto? È questo il famoso “Modello Marche” che si vuole imporre in tutta la penisola? Le Marche vivono una profonda crisi che investe tutti i settori produttivi con numerose aziende fallite o che rischiano di fallire a causa della stretta creditizia. C’è da chiedersi come mai la politica marchigiana e le istituzioni locali, a partire dalla Regione Marche, siano così indifferenti».

Gli altri articoli

Moody’s alza il rating dei covered bond di Banca Marche


banca_marche

Le obbligazioni tornano ad essere pienamente finanziabili dalla Banca Centrale Europea

Banca Marche, cosa sta succedendo?


L'ex d.g. Massimo Bianconi, il vice-presidente Michele Ambrosini, l'attuale d.g. Luciano Goffi e il presidente Lauro Costa

LA RICOSTRUZIONE – Il buco di oltre 300 milioni preoccupa e troppi interrogativi restano senza risposte dopo il duro intervento di Bankitalia e il conseguente divorzio dal d.g. Bianconi e dai suoi vice Cavicchia, Giorgi e Vallesi

Banca Marche, prosegue il riassetto manageriale Ai saluti i vicedirettori Cavicchia e Giorgi


Stefano Vallesi

GIORNI CALDI PER L’ISTITUTO DI CREDITO – Con Goffi per ora resta solo Armando Palmieri. Cessazione del rapporto di lavoro con il maceratese Stefano Vallesi, direttore generale della controllata Carilo. Al suo posto Andrea Carradori

Banca Marche, Spacca: “La strada è in salita”


Il Governatore delle Marche, Gian Mari Spacca

Si è svolto questa mattina l’incontro tra il governatore delle Marche e i sindacati che hanno condiviso la preoccupazione per l’istituto

Banca Marche, Spacca: “Non possiamo permetterci un indebolimento”


Gian Mario Spacca con Romano Carancini durante un incontro a Macerata

Situazione complessa per l’istituto tra riassetto strutturale, declassamento di Moody’s e bilancio del 2012 in passivo. Domani l’incontro con i sindacati

Banca Marche risponde a Moody’s “Il declassamento non ci condiziona”


Luciano Goffi

L’istituto di credito annuncia il ritorno ad un risultato positivo già nel 2013: “Abbiamo gettato le basi per un naturale ricambio della squadra di direzione”

Nuovi declassamenti di Moody’s sulle performance di Banca Marche


banca_marche

L’agenzia di rating declassa il rating da Ba1 a B3, con outlook negativo. Tagliata la valutazione anche dei covered mortgage bonds da A3 a Ba2: “L’istituto ha una bassa capitalizzazione e una minore capacità di coprire le sofferenze bancarie”

Banca Marche, la Cisl chiede chiarezza


Marco Ferracuti (Cisl)

Il sindacato ribadisce l’importanza del sistema creditizio per superare la crisi

Giuliano Bianchi si dimette dal Cda di Banca Marche


Giuliano Bianchi

Il presidente Lauro Costa sta facendo il possibile per far cambiare idea al presidente della Camera di Commercio di Macerata

Bankitalia fa pressing su Banca Marche e chiede la sospensione di Tardioli


Federico Tardioli, vice presidente di Banca delle Marche

Il vice presidente è stato eletto lo scorso maggio. Nel mirino anche due consiglieri della cassa di Risparmio di Loreto

Banca Marche: è Luciano Goffi il nuovo direttore generale


goffi

L’annuncio del Presidente Lauro Costa oggi a Jesi

Luciano Goffi verso la direzione di Banca Marche


goffi

Dal 2002 guida la Banca Popolare di Ancona

Lauro Costa rompe il silenzio “Il divorzio da Bianconi è consensuale”


Laura Costa

Il presidente di Banca Marche ha escluso che quanto pubblicato dal Corriere della Sera possa aver determinato delle decisioni

Ufficializzato il divorzio tra Bianconi e Banca Marche


Massimo Bianconi venerdì scorso allo Sferisterio per la prima della Traviata degli Specchi

Il direttore generale lascerà dalla fine di settembre

Cambio al vertice di Banca Marche su pressione di Bankitalia


Massimo Bianconi

Si riunisce il Cda che dovrebbe portare al pensionamento del direttore generale Massimo Bianconi

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X