Banca Marche in rosso
per circa 500 milioni
Goffi: “Faremo chiarezza sul passato”

Conferenza stampa fiume del direttore generale che, pur lanciando messaggi rassicuranti , ha più volte sottolineato la necessità di trasparenza e verità, ha presentato i punti salienti del nuovo Piano Industriale e illustrato le azioni da mettere in campo per superare la crisi. Nel mirino una decina di operazioni a rischio di cui otto nel settore immobiliare. "Abbiamo affidato ad uno studio legale l'incarico di analizzare le situazioni dubbie"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
bancamarche 000

L’intervista al d.g. Goffi che risponde anche alle domande poste negli articoli di Cronache Maceratesi

Alessandra_pierinidi Alessandra Pierini

Non si può dire che il direttore generale Luciano Goffi non ci metta la faccia per Banca delle Marche. Questa mattina ha affrontato da solo, fatta eccezione per il portavoce Pietro Balducci al suo fianco, una conferenza stampa fiume in cui al grido di “verità e trasparenza” ha spiegato cosa sta accadendo nell’istituto da mesi sotto l’attenta ispezione di Bankitalia e prossimo ad approvare, dopo due rinvii, un bilancio pesantemente in deficit.

bancamarche 6

Luciano Goffi durante la conferenza stampa di questa mattina nella sede centrale di Jesi

PERCHE’ UN BUCO MILIONARIO? «Sappiamo già che la perdita  – ha sottolineato Goffi – sarà di 450 o 500 milioni di euro, ma abbiamo deciso di rinviare di una settimana per recepire tutte le indicazioni di Bankitalia, già da questo bilancio, e  per correggere alcuni numeri che comunque non cambieranno molto la situazione».

bancamarche 3Perchè un deficit tanto significativo quando nel mese di agosto si registrava nella semestrale un attivo di 40 milioni? «Sono due i motivi di fondo. Il primo è che negli ultimi anni la banca ha assistito in maniera importante il settore immobiliare, in modo diffuso, ma in particolare affiancando alcuni imprenditori. Se l’edilizia non si fosse bloccata non ci sarebbero stati problemi. Bisognava prendere atto della crisi immobiliare ma la banca non l’ha fatto contando anche sul fatto che i crediti sono per lo più ipotecari, quindi c’erano delle garanzie ma è vero che con il blocco del mercato, gli immobili non si vendono. Il secondo motivo è stato il ritardo da parte del management nel riconoscere la situazione. Di conseguenza nel 2012 si è dovuto colmare un gap negli accantonamenti necessari  e il credito deteriorato è passato dai 2,8 miliardi del 2011 ai 4,7 miliardi nel 2012. Di questi 6,8 milioni  riguardano Carilo e 140 milioni Medioleasing che opera prevalentemente con contratti di tipo immobiliare».

bancamarche 5Proprio sofferenze, incagli e crediti deteriorati caratterizzeranno il bilancio: «Sarà una fotografia trasparente della situazione, può piacere o meno. Tenendo conto del mercato, abbiamo inserito gli accantonamenti necessari, coprendo il 28% dei crediti deteriorati, con 10 punti in più rispetto al passato. E’ chiaro che la copertura rischi poteva essere diluita nel tempo ma ormai bisogna guardare avanti. Restano comunque le garanzie ipotecarie che serviranno se il mercato ripartirà. Deve essere chiaro che nessuno vuole nascondere nulla».

bancamarche 4CHIAREZZA SUL PASSATO  – La trasparenza dovrà riguardare anche il passato. «Errori ci sono stati – ha sottolineato Goffi – da dieci giorni abbiamo affidato ad un importante studio legale l’incarico di valutare cosa è successo realmente perchè gli errori sono umani ma bisogna capire se c’è stato qualcos’altro. E’ doveroso approfondire. Intanto è in corso anche un’indagine di tipo fiscale sul gruppo Lanari. Per il resto sono dieci le operazioni importanti  dubbie di cui otto nell’ambito immobiliare e due in altri settori».

bancamarche 9E a proposito di passato perchè il direttore Luciano Goffi, da poco in Banca Marche,  è stato lasciato da solo a spiegare la situazione? «Il presidente Lauro Costa ha delegato me per questo incontro di tipo tecnico ma sarà presente dopo l’approvazione del bilancio. Posso dire che Lauro Costa, Michele Ambrosini e Giuliano Bianchi (che aveva dato le sue dimissioni mai formalizzate ndr) pur essendo componenti della vecchia amministrazione, mi hanno dato il massimo supporto e appoggio e non hanno fatto alcuna resistenza. Posso testimoniare l’onestà intellettuale per cui si sono resi conto che la banca avrebbe dovuto essere più prudente, ma forse dovevano essere aiutati in passato a capire. Nel nuovo percorso avviato, si vedrà comunque quale sarà la governance. Intanto abbiamo portato avanti un percorso di rinnovamento della direzione generale, difficile ma necessario. Ho già un vice direttore ma me ne servirà un altro che sceglierò esternamente, perchè dovrà essere qualcuno già pronto a portare avanti un piano industriale come questo».

bancamarche 2QUALE FUTURO DOPO L’APPROVAZIONE DEL BILANCIO? «La Banca delle Marche è una delle poche autonome, è presente in tutta la regione, è vicina alle piccole e medie imprese e alle famiglie e vuole difendere questo ruolo a tutti i costi. L’autonomia in particolare sarà difesa con due operazioni. La prima è volta a valutare se il patrimonio è sufficiente o meno. La vigilanza chiede l’8% di patrimonio sul totale attivo ponderato per il rischio, in caso di crisi la percentuale sale all’8,33%». Quindi è molto probabile che dovremo rinforzarlo sia con l’attività gestionale, sia con obbligazioni sul mercato sia con un aumento di capitale di 200 – 250 milioni di euro. In particolare per l’aumento di capitale prevediamo un prestito convertibile in azioni. Ci stiamo ragionando con Mediobanca, advisor della Banca Popolare di Bari, con la quale stiamo valutando un’operazione simile a quella fatta da quell’istituto». A distanza di poco più di un anno dall’aumento di capitale, si dovranno chiedere quindi nuovamente fondi. A chi? «Chiederemo al territorio. Se ci segue e mantiene la fiducia, mi posso impegnare perchè la banca resti del territorio. A darci il patrimonio sarà la nostra gente e in piccola parte le Fondazioni, già molto esposte». Secondo i bene informati, Goffi si rivolgerà in particolare ad una serie di imprenditori che potrebbero acquisire  la maggioranza  del  pacchetto  azionario.

bancamarche 8

Pietro Balducci, responsabile comunicazione di Banca Marche, con il direttore generale Goffi

UN “ARCOBALENO” PER USCIRE DALLA CRISISi chiama progetto Rainbow il piano industriale 2013-2016 messo a punto con la collaborazione di Bain & co che il direttore Goffi definisce come strumento per uscire dalla crisi: «Se lavoreremo con l’umiltà necessaria, senza ambizioni, alla fine del piano daremo soddisfazioni. Dopo un anno o due di cinghia stretta per gli azionisti ci saranno buoni risultati. Certo, ci vuole anche la mano del Padreterno, se il mondo va a rotoli saranno inutili tutti gli arcobaleni».
Il Piano Industriale, in particolare, opererà su diversi fronti. «Lavoreremo sull’aumento dei ricavi con modelli di servizio dedicati soprattutto a piccole imprese e famiglie, potenzieremo la raccolta on line che ha già registrato 800 milioni nell’ultimo anno e c’è da coltivare anche il terreno della banca assicurazione. Per quanto riguarda il rischio, se saremo bravi a recuperare potremo avere vantaggi anche con le imprese edili, magari avvalendoci anche di fondi immobiliari e di strumenti esterni. Sono poi necessari interventi sul fronte della riduzione dei costi. Si può rivedere la contrattualistica dei fornitori e la produttività delle risorse umane che vanno distribuite meglio, in parte recuperate portando in sede centrale del lavoro del quale possono essere sgravate le filiali». In particolare il direttore ha escluso esuberi di personale, parlando invece di ricambio generazionale da attuare con part time e prepensionamenti. «Il contratto nazionale prevede un Fondo di Solidarietà che permette di anticipare la pensione di 5 anni. Potrebbero aderire 300 persone ma è un’azione su base volontaria, non faremo azioni violente sul personale. Proporrò ai sindacati anche una flessibilità di orario che ci consenta di aprire qualche filiale il sabato mattina o dopo le 17».

goffiL’OTTIMISMO DEL DIRETTORE –  Nonostante la difficilissima situazione, Luciano Goffi guarda con ottimismo al futuro e lancia, come aveva fatto già in passato, messaggi rassicuranti: «L’impegno che ci prendiamo è non far mancare il credito alle famiglie e alle imprese. Ogni anno la banca sarà in grado di offrire nuovo credito per 700  800 milioni per rilanciare l’economia regionale». Goffi si rivolge anche alle aziende: «le nostre aziende hanno i numeri per risollevare la testa, ora manca un po’ di coraggio e, non nascondiamoci, anche il credito. sarebbe bello che le grandi aziende internazionalizzate creassero una filiera locale mantenendo il lavoro sul territorio».

 

Gli altri articoli

Banca Marche rinvia ancora l’approvazione del bilancio 2012


costa

L’istituto spiega l’ulteriore slittamento con la necessità di approfondire alcune posizioni di rischio.

BdM, Fondazione Carima valuta l’azione di responsabilità


Franco Gazzani

MACERATA – Si sono riuniti questo pomeriggio il CdA e l’organo di indirizzo i cui componenti hanno dibattuto a lungo sul percorso da compiere. Avviata anche la procedura per eleggere chi prenderà il posto di Roberto Massi

Banca Marche tra divergenze e contrasti Dircredito: “Basta errori nella scelta degli uomini”


banca_marche

In attesa del bilancio 2012, la segreteria del sindacato ha scritto al presidente Costa e al direttore Goffi per esprimere perplessità e chiedere cambiamenti

Banca Marche taglia i premi dei dipendenti I sindacati: “Accertare le responsabilità”


La sede centrale della Banca delle Marche a Macerata

Impiegati e quadri hanno rinunciato a una mensilità mentre il direttore Bianconi è stato liquidato con una cospicua buona uscita. Incontro dei sindacati e dei lavoratori con l’assessore regionale Marcolini e la candidata Irene Manzi (Pd)

BdM, slitta l’approvazione del bilancio


banca_marche

Lo spostamento è motivato dalla volontà di approvare le linee guida del nuovo piano industriale 2013-2015. Ufficializzato Andrea Carradori nuovo direttore Carilo

Banca Marche, trattative in corso Fratelli d’Italia: CdA sottomesso da Bianconi


L'onorevole Carlo Ciccioli (Pdl)

Un potenziale investitore avrebbe chiesto un analisi dei costi e previsto un esubero di 400 dipendenti. Ciccioli: “Occorre un tetto di credito per i grandi clienti e la liquidità per i piccoli”. Acquaroli: “Una proposta di legge per separare banche commerciali e di investimento”

La Cgil: “E’ necessario preservare l’autonomia di Banca Marche”


La sede centrale della Banca delle Marche a Macerata

Dopo il direttore generale Goffi, anche la Fisac ha scritto ai dipendenti assicurando la tutela degli attuali livelli occupazionali

Banca Marche, Goffi scrive ai dipendenti: “Il futuro del Gruppo non è in discussione”


L'ex d.g. Massimo Bianconi, il vice-presidente Michele Ambrosini, l'attuale d.g. Luciano Goffi e il presidente Lauro Costa

E’ attesa per i prossimi giorni la relazione di Bankitalia, mentre il bilancio sarà discusso il 25 febbraio. Poche le informazioni che trapelano verso l’esterno ma il direttore generale ha spiegato la situazione in una lunga lettera

Banca Marche, Rivoluzione Civile: “Perchè il sistema politico regionale tace?”


banca_marche

Il movimento attacca la maggioranza politica e denuncia il fallimento del Modello Marche

Moody’s alza il rating dei covered bond di Banca Marche


banca_marche

Le obbligazioni tornano ad essere pienamente finanziabili dalla Banca Centrale Europea

Banca Marche, cosa sta succedendo?


L'ex d.g. Massimo Bianconi, il vice-presidente Michele Ambrosini, l'attuale d.g. Luciano Goffi e il presidente Lauro Costa

LA RICOSTRUZIONE – Il buco di oltre 300 milioni preoccupa e troppi interrogativi restano senza risposte dopo il duro intervento di Bankitalia e il conseguente divorzio dal d.g. Bianconi e dai suoi vice Cavicchia, Giorgi e Vallesi

Banca Marche, prosegue il riassetto manageriale Ai saluti i vicedirettori Cavicchia e Giorgi


Stefano Vallesi

GIORNI CALDI PER L’ISTITUTO DI CREDITO – Con Goffi per ora resta solo Armando Palmieri. Cessazione del rapporto di lavoro con il maceratese Stefano Vallesi, direttore generale della controllata Carilo. Al suo posto Andrea Carradori

Banca Marche, Spacca: “La strada è in salita”


Il Governatore delle Marche, Gian Mari Spacca

Si è svolto questa mattina l’incontro tra il governatore delle Marche e i sindacati che hanno condiviso la preoccupazione per l’istituto

Banca Marche, Spacca: “Non possiamo permetterci un indebolimento”


Gian Mario Spacca con Romano Carancini durante un incontro a Macerata

Situazione complessa per l’istituto tra riassetto strutturale, declassamento di Moody’s e bilancio del 2012 in passivo. Domani l’incontro con i sindacati

Banca Marche risponde a Moody’s “Il declassamento non ci condiziona”


Luciano Goffi

L’istituto di credito annuncia il ritorno ad un risultato positivo già nel 2013: “Abbiamo gettato le basi per un naturale ricambio della squadra di direzione”

Nuovi declassamenti di Moody’s sulle performance di Banca Marche


banca_marche

L’agenzia di rating declassa il rating da Ba1 a B3, con outlook negativo. Tagliata la valutazione anche dei covered mortgage bonds da A3 a Ba2: “L’istituto ha una bassa capitalizzazione e una minore capacità di coprire le sofferenze bancarie”

Banca Marche, la Cisl chiede chiarezza


Marco Ferracuti (Cisl)

Il sindacato ribadisce l’importanza del sistema creditizio per superare la crisi

Giuliano Bianchi si dimette dal Cda di Banca Marche


Giuliano Bianchi

Il presidente Lauro Costa sta facendo il possibile per far cambiare idea al presidente della Camera di Commercio di Macerata

Bankitalia fa pressing su Banca Marche e chiede la sospensione di Tardioli


Federico Tardioli, vice presidente di Banca delle Marche

Il vice presidente è stato eletto lo scorso maggio. Nel mirino anche due consiglieri della cassa di Risparmio di Loreto

Banca Marche: è Luciano Goffi il nuovo direttore generale


goffi

L’annuncio del Presidente Lauro Costa oggi a Jesi

Luciano Goffi verso la direzione di Banca Marche


goffi

Dal 2002 guida la Banca Popolare di Ancona

Lauro Costa rompe il silenzio “Il divorzio da Bianconi è consensuale”


Laura Costa

Il presidente di Banca Marche ha escluso che quanto pubblicato dal Corriere della Sera possa aver determinato delle decisioni

Ufficializzato il divorzio tra Bianconi e Banca Marche


Massimo Bianconi venerdì scorso allo Sferisterio per la prima della Traviata degli Specchi

Il direttore generale lascerà dalla fine di settembre

Cambio al vertice di Banca Marche su pressione di Bankitalia


Massimo Bianconi

Si riunisce il Cda che dovrebbe portare al pensionamento del direttore generale Massimo Bianconi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X