Banca Marche, trattative in corso
Fratelli d’Italia: CdA sottomesso da Bianconi

Un potenziale investitore avrebbe chiesto un analisi dei costi e previsto un esubero di 400 dipendenti. Ciccioli: "Occorre un tetto di credito per i grandi clienti e la liquidità per i piccoli". Acquaroli: "Una proposta di legge per separare banche commerciali e di investimento"
- caricamento letture
L'onorevole Carlo Ciccioli (Pdl)

 Carlo Ciccioli  

 

di Alessandra Pierini

Da mesi si parla di un cavaliere bianco che dovrebbe entrare in Banca Marche per portare nuovi capitali, necessari a superare la difficile fase economica che la banca sta attraversando. La questione ha sempre tenuto vigile l’attenzione di molti che temono per l’autonomia della banca strettamente legata al territorio, non ultimi i sindacati (leggi l’articolo). Le trattative per l’ingresso di un altro istituto pronto ad investire in Banca delle Marche sarebbero già in corso e l’investitore, si fanno i nomi del Credit Agricole tramite la controllata Cariparma  e della Bnp Paribas attraverso Bnl, ha chiesto un’analisi dei costi prevedendo già un esubero di 400 dipendenti, il 15% della banca, che potrebbe essere colmato con il prepensionamento di alcuni e l’incentivazione di altri. C’è grande attesa per l’incontro, che si terrà giovedì: Bankitalia si confronterà con  i presidenti delle Fondazioni, momento che alcuni considerano di ordinaria amministrazione mentre altri danno a questo momento grandissima importanza per il futuro dell’istituto proprio in vista dell’ingresso di un nuovo partner.

Intanto il deputato uscente Carlo Ciccioli e il consigliere regionale Francesco Acquaroli del movimento “Fratelli d’Italia”  fanno presente la loro posizione sulla vicenda.
«La passata gestione – ha spiegato l’onorevole Ciccioli –  caratterizzata dal Direttore Generale Massimo Bianconi è stata quella di privilegiare alcuni grandi clienti, come si è visto assai rischiosi, ed essere distratti nei confronti del credito verso la piccola e media impresa marchigiana che invece, oltre a ripartire il rischio,  è artefice del benessere diffuso e del Pil marchigiano. Credo che sia necessaria una revisione dell’operato del vecchio direttore che aveva sottomesso un CdA a quanto pare troppo tollerante».
Ciccioli critica duramente la politica aziendale: «Occorre una vera e propria direttiva da parte delle Fondazioni e del CdA della Banca per mettere un tetto di credito ai grandi clienti e riservare liquidità disponibile ai piccoli e medi clienti e alle famiglie. La Banca è fortemente radicata sul territorio e l’istituto affidabile, ma vanno dismesse le cattive abitudini in cui la gestione è stata affidata ad un gruppo di amici piuttosto che a professionalità competenti. Invece di avere attenzione per le tante situazioni in cui un’iniezione di liquidità può essere volano a occupazione e buoni affari, l’eccesso di interesse verso settori immobilitari-speculativi ha danneggiato la Banca, insieme ad un atteggiamento di non giustificata presunzione e scarsa elasticità e sostegno nei confronti di troppi clienti. Quindi vicini a chi oggi spinge per il cambiamento e per ridare ossigeno all’economia marchigiana, senza paura di accordi patrimoniali e commerciali, – ha affermato Ciccioli – ma con l’impegno deciso a mantenere Banca Marche autonoma, indipendente e fortemente vincolata al territorio che ha determinato la ricchezza del patrimonio delle Fondazioni di Macerata, Jesi e Pesaro».

Il consigliere regionale Francesco Acquaroli

Francesco Acquaroli, candidato alla Camera di Fratelli d’Italia

Francesco Acquaroli fa leva su una proposta di legge che servirà proprio ad evitare in futuro problemi del genere: «Fratelli d’Italia sosterrà una proposta di legge che imponga la separazione tra banche commerciali e banche di investimento, affinché si restituiscano dei punti di riferimento all’economia reale del territorio e alle piccole e medie imprese. Lo slogan deve essere poco a molti e non molto a pochi. Anche noi vogliamo che Banca delle Marche resti autonoma ma non ci chiudiamo all’ingresso di nuovi capitali. BdM deve tornare ad essere punto di riferimento della nostra economia a sostegno del territorio».

 

 

 

Gli altri articoli

La Cgil: “E’ necessario preservare l’autonomia di Banca Marche”


La sede centrale della Banca delle Marche a Macerata

Dopo il direttore generale Goffi, anche la Fisac ha scritto ai dipendenti assicurando la tutela degli attuali livelli occupazionali

Banca Marche, Goffi scrive ai dipendenti: “Il futuro del Gruppo non è in discussione”


L'ex d.g. Massimo Bianconi, il vice-presidente Michele Ambrosini, l'attuale d.g. Luciano Goffi e il presidente Lauro Costa

E’ attesa per i prossimi giorni la relazione di Bankitalia, mentre il bilancio sarà discusso il 25 febbraio. Poche le informazioni che trapelano verso l’esterno ma il direttore generale ha spiegato la situazione in una lunga lettera

Banca Marche, Rivoluzione Civile: “Perchè il sistema politico regionale tace?”


banca_marche

Il movimento attacca la maggioranza politica e denuncia il fallimento del Modello Marche

Moody’s alza il rating dei covered bond di Banca Marche


banca_marche

Le obbligazioni tornano ad essere pienamente finanziabili dalla Banca Centrale Europea

Banca Marche, cosa sta succedendo?


L'ex d.g. Massimo Bianconi, il vice-presidente Michele Ambrosini, l'attuale d.g. Luciano Goffi e il presidente Lauro Costa

LA RICOSTRUZIONE – Il buco di oltre 300 milioni preoccupa e troppi interrogativi restano senza risposte dopo il duro intervento di Bankitalia e il conseguente divorzio dal d.g. Bianconi e dai suoi vice Cavicchia, Giorgi e Vallesi

Banca Marche, prosegue il riassetto manageriale Ai saluti i vicedirettori Cavicchia e Giorgi


Stefano Vallesi

GIORNI CALDI PER L’ISTITUTO DI CREDITO – Con Goffi per ora resta solo Armando Palmieri. Cessazione del rapporto di lavoro con il maceratese Stefano Vallesi, direttore generale della controllata Carilo. Al suo posto Andrea Carradori

Banca Marche, Spacca: “La strada è in salita”


Il Governatore delle Marche, Gian Mari Spacca

Si è svolto questa mattina l’incontro tra il governatore delle Marche e i sindacati che hanno condiviso la preoccupazione per l’istituto

Banca Marche, Spacca: “Non possiamo permetterci un indebolimento”


Gian Mario Spacca con Romano Carancini durante un incontro a Macerata

Situazione complessa per l’istituto tra riassetto strutturale, declassamento di Moody’s e bilancio del 2012 in passivo. Domani l’incontro con i sindacati

Banca Marche risponde a Moody’s “Il declassamento non ci condiziona”


Luciano Goffi

L’istituto di credito annuncia il ritorno ad un risultato positivo già nel 2013: “Abbiamo gettato le basi per un naturale ricambio della squadra di direzione”

Nuovi declassamenti di Moody’s sulle performance di Banca Marche


banca_marche

L’agenzia di rating declassa il rating da Ba1 a B3, con outlook negativo. Tagliata la valutazione anche dei covered mortgage bonds da A3 a Ba2: “L’istituto ha una bassa capitalizzazione e una minore capacità di coprire le sofferenze bancarie”

Banca Marche, la Cisl chiede chiarezza


Marco Ferracuti (Cisl)

Il sindacato ribadisce l’importanza del sistema creditizio per superare la crisi

Giuliano Bianchi si dimette dal Cda di Banca Marche


Giuliano Bianchi

Il presidente Lauro Costa sta facendo il possibile per far cambiare idea al presidente della Camera di Commercio di Macerata

Bankitalia fa pressing su Banca Marche e chiede la sospensione di Tardioli


Federico Tardioli, vice presidente di Banca delle Marche

Il vice presidente è stato eletto lo scorso maggio. Nel mirino anche due consiglieri della cassa di Risparmio di Loreto

Banca Marche: è Luciano Goffi il nuovo direttore generale


goffi

L’annuncio del Presidente Lauro Costa oggi a Jesi

Luciano Goffi verso la direzione di Banca Marche


goffi

Dal 2002 guida la Banca Popolare di Ancona



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X