BdM, gli azionisti:
“Ok per l’aumento di capitale,
ma vogliamo un rappresentante nel CdA”

Il presidente dell'associazione Bruno Stronati chiede un accordo firmato prima dell'adesione alla proposta. L'ingresso dei privati presuppone il rinnovo del Consiglio entro breve, molto prima della scadenza del mandato
- caricamento letture

bancamarche 9di Alessandra Pierini

Una settimana fa la Banca delle Marche ha approvato un bilancio che ha fatto registrare ben 518 milioni di perdita. Il presidente Lauro Costa, commentando il risultato innegabilmente negativo, aveva rassicurato i risparmiatori e affidato il futuro dell’istituto ai soci, in particolare ai 40.000 azionisti che in questi mesi hanno visto le loro azioni perdere di valore (ultimo prezzo 0.40 euro all’asta del 18 marzo). «I nostri 40 mila soci  – ha dichiarato Costa, a proposito della necessaria ricapitalizzazione (leggi l’articolo) – sono 40 mila clienti che in Banca delle Marche credono. La gente crede in banca Marche perchè sanno che non è nostra ma è loro, quindi saprà capire che il loro sforzo servirà a tutelare la banca».
Gli azionisti privati hanno colto al volo le parole del presidente e oggi hanno dato la loro disponibilità ad ”assecondare le richieste di aumento di capitale per 200-250 milioni annunciate dai vertici dell’istituto”. Ma come contropartita vogliono ottenere «una forte rappresentanza in seno al consiglio di amministrazione, con un accordo firmato prima dell’adesione alla proposta». Quanto annunciato dal presidente dell’Associazione Azionisti Privati Bruno Stronati presuppone quindi che il Consiglio di Amministrazione, qualora la proposta venisse accolta, non arriverà al termine del suo mandato, ma dovrà essere rinnovato molto prima e non è l’unica condizione dettata dagli azionisti.
«Se dovremo essere noi a mettere i soldi – sottolinea Stronati – chiediamo innanzitutto la massima trasparenza e di poter vigilare direttamente sull’uso che ne viene fatto. Chiederemo anche che i prestiti vengano erogati solo nel territorio, che vengano tutelati i dipendenti perchè sarebbe troppo semplice un bilancio positivo con il taglio del personale e la riduzione immediata dei costi di gestione. Il nostro non è un ricatto ma si tratta di legittime aspettative».
Gli azionisti rappresentano il 32,7 % dei soci e sono determinati ad avere in futuro un peso molto più rilevante rispetto a quello avuto finora e anche rispetto alle Fondazioni che sono attualmente arroccate all’interno del CdA con i loro numerosi rappresentanti. «Pur sparpagliati – aggiunge Stronati – ci stiamo unendo e stiamo coinvolgendo molti azionisti arrabbiati. Sono convinto che in breve riusciremo a trovare qualcuno di competente che saprà rappresentarci». Stronati racconta di aver trovato la massima disponibilità da parte del direttore generale Luciano Goffi il quale sarà invitato ad illustrare all’assemblea dei soci il nuovo Piano industriale che sarà determinante per ottenere il massimo consenso.
L’eventuale ingresso dei piccoli azionisti nel consiglio, comunque, non esclude le annunciate azioni di responsabilità: «Raccogliamo ogni giorno – prosegue Stronati – le testimonianze di azionisti arrabbiati e siamo determinati ad andare avanto anche se avremo uno o più rappresentanti nel CdA. Tra l’altro stiamo valutando la proposta dell’Unione Nazionale Consumatori che è interessata a contribuire per far valere le nostre ragioni».

Gli altri articoli

Al tramonto il modello dell’autonomia del credito di Banca Marche


verdenelli

Quel faticoso punto d’arrivo di banca regionale doveva però essere anche un punto di (ri)partenza

Banca Marche si affida agli avvocati di MPS Costa: “Ci metto la faccia”


guarda il video

Il presidente dell’istituto ha rotto il silenzio commentando in conferenza stampa la perdita in bilancio di 518 milioni di euro e annunciando il mandato allo studio Bonelli Erede Pappalardo che ha assistito la Monte dei Paschi. Sul passato ha commentato: “In caso di anomalie, le presenterò io alla Procura, qui è tutto alla luce del sole e le azioni di responsabilità sono solo sciocchezze”. Ai risparmiatori: “Non rischiano niente”. Agli azionisti: “Guardino ai mercati europei” (GUARDA IL VIDEO)

Banca Marche approva il bilancio La perdita è di 518 milioni di euro


Il presidio dei sindacati davanti alla Banca delle Marche

Dopo due rinvii, il Consiglio di Amministrazione ha oggi reso noti i risultati. Rettifiche di credito per oltre 811 milioni. Il direttore Goffi: “Patrimonio di vigilanza al di sopra dei limiti ma intendiamo conseguire margini di ulteriore sicurezza attraverso un serio Piano Industriale”

Banca Marche, 60 milioni di plafond per la sospensione mutui prima casa


bancamarche 9

In attesa dell’approvazione di bilancio, l’Istituto procede con lo stanziamento. La Fiba Cisl scrive ai consiglieri: “”Il sindacato e i dipendenti sono pronti, ma qualcuno ancora deve fare un passo indietro per il bene di tutti e del territorio”

Banca Marche in rosso per circa 500 milioni Goffi: “Faremo chiarezza sul passato”


bancamarche 000

Conferenza stampa fiume del direttore generale che, pur lanciando messaggi rassicuranti , ha più volte sottolineato la necessità di trasparenza e verità, ha presentato i punti salienti del nuovo Piano Industriale e illustrato le azioni da mettere in campo per superare la crisi. Nel mirino una decina di operazioni a rischio di cui otto nel settore immobiliare. “Abbiamo affidato ad uno studio legale l’incarico di analizzare le situazioni dubbie”

Banca Marche rinvia ancora l’approvazione del bilancio 2012


costa

L’istituto spiega l’ulteriore slittamento con la necessità di approfondire alcune posizioni di rischio.

BdM, Fondazione Carima valuta l’azione di responsabilità


Franco Gazzani

MACERATA – Si sono riuniti questo pomeriggio il CdA e l’organo di indirizzo i cui componenti hanno dibattuto a lungo sul percorso da compiere. Avviata anche la procedura per eleggere chi prenderà il posto di Roberto Massi

Banca Marche tra divergenze e contrasti Dircredito: “Basta errori nella scelta degli uomini”


banca_marche

In attesa del bilancio 2012, la segreteria del sindacato ha scritto al presidente Costa e al direttore Goffi per esprimere perplessità e chiedere cambiamenti

Banca Marche taglia i premi dei dipendenti I sindacati: “Accertare le responsabilità”


La sede centrale della Banca delle Marche a Macerata

Impiegati e quadri hanno rinunciato a una mensilità mentre il direttore Bianconi è stato liquidato con una cospicua buona uscita. Incontro dei sindacati e dei lavoratori con l’assessore regionale Marcolini e la candidata Irene Manzi (Pd)

BdM, slitta l’approvazione del bilancio


banca_marche

Lo spostamento è motivato dalla volontà di approvare le linee guida del nuovo piano industriale 2013-2015. Ufficializzato Andrea Carradori nuovo direttore Carilo

Banca Marche, trattative in corso Fratelli d’Italia: CdA sottomesso da Bianconi


L'onorevole Carlo Ciccioli (Pdl)

Un potenziale investitore avrebbe chiesto un analisi dei costi e previsto un esubero di 400 dipendenti. Ciccioli: “Occorre un tetto di credito per i grandi clienti e la liquidità per i piccoli”. Acquaroli: “Una proposta di legge per separare banche commerciali e di investimento”

La Cgil: “E’ necessario preservare l’autonomia di Banca Marche”


La sede centrale della Banca delle Marche a Macerata

Dopo il direttore generale Goffi, anche la Fisac ha scritto ai dipendenti assicurando la tutela degli attuali livelli occupazionali

Banca Marche, Goffi scrive ai dipendenti: “Il futuro del Gruppo non è in discussione”


L'ex d.g. Massimo Bianconi, il vice-presidente Michele Ambrosini, l'attuale d.g. Luciano Goffi e il presidente Lauro Costa

E’ attesa per i prossimi giorni la relazione di Bankitalia, mentre il bilancio sarà discusso il 25 febbraio. Poche le informazioni che trapelano verso l’esterno ma il direttore generale ha spiegato la situazione in una lunga lettera

Banca Marche, Rivoluzione Civile: “Perchè il sistema politico regionale tace?”


banca_marche

Il movimento attacca la maggioranza politica e denuncia il fallimento del Modello Marche

Moody’s alza il rating dei covered bond di Banca Marche


banca_marche

Le obbligazioni tornano ad essere pienamente finanziabili dalla Banca Centrale Europea

Banca Marche, cosa sta succedendo?


L'ex d.g. Massimo Bianconi, il vice-presidente Michele Ambrosini, l'attuale d.g. Luciano Goffi e il presidente Lauro Costa

LA RICOSTRUZIONE – Il buco di oltre 300 milioni preoccupa e troppi interrogativi restano senza risposte dopo il duro intervento di Bankitalia e il conseguente divorzio dal d.g. Bianconi e dai suoi vice Cavicchia, Giorgi e Vallesi

Banca Marche, prosegue il riassetto manageriale Ai saluti i vicedirettori Cavicchia e Giorgi


Stefano Vallesi

GIORNI CALDI PER L’ISTITUTO DI CREDITO – Con Goffi per ora resta solo Armando Palmieri. Cessazione del rapporto di lavoro con il maceratese Stefano Vallesi, direttore generale della controllata Carilo. Al suo posto Andrea Carradori

Banca Marche, Spacca: “La strada è in salita”


Il Governatore delle Marche, Gian Mari Spacca

Si è svolto questa mattina l’incontro tra il governatore delle Marche e i sindacati che hanno condiviso la preoccupazione per l’istituto

Banca Marche, Spacca: “Non possiamo permetterci un indebolimento”


Gian Mario Spacca con Romano Carancini durante un incontro a Macerata

Situazione complessa per l’istituto tra riassetto strutturale, declassamento di Moody’s e bilancio del 2012 in passivo. Domani l’incontro con i sindacati

Banca Marche risponde a Moody’s “Il declassamento non ci condiziona”


Luciano Goffi

L’istituto di credito annuncia il ritorno ad un risultato positivo già nel 2013: “Abbiamo gettato le basi per un naturale ricambio della squadra di direzione”

Nuovi declassamenti di Moody’s sulle performance di Banca Marche


banca_marche

L’agenzia di rating declassa il rating da Ba1 a B3, con outlook negativo. Tagliata la valutazione anche dei covered mortgage bonds da A3 a Ba2: “L’istituto ha una bassa capitalizzazione e una minore capacità di coprire le sofferenze bancarie”

Banca Marche, la Cisl chiede chiarezza


Marco Ferracuti (Cisl)

Il sindacato ribadisce l’importanza del sistema creditizio per superare la crisi

Giuliano Bianchi si dimette dal Cda di Banca Marche


Giuliano Bianchi

Il presidente Lauro Costa sta facendo il possibile per far cambiare idea al presidente della Camera di Commercio di Macerata

Bankitalia fa pressing su Banca Marche e chiede la sospensione di Tardioli


Federico Tardioli, vice presidente di Banca delle Marche

Il vice presidente è stato eletto lo scorso maggio. Nel mirino anche due consiglieri della cassa di Risparmio di Loreto

Banca Marche: è Luciano Goffi il nuovo direttore generale


goffi

L’annuncio del Presidente Lauro Costa oggi a Jesi

Luciano Goffi verso la direzione di Banca Marche


goffi

Dal 2002 guida la Banca Popolare di Ancona

Lauro Costa rompe il silenzio “Il divorzio da Bianconi è consensuale”


Laura Costa

Il presidente di Banca Marche ha escluso che quanto pubblicato dal Corriere della Sera possa aver determinato delle decisioni

Ufficializzato il divorzio tra Bianconi e Banca Marche


Massimo Bianconi venerdì scorso allo Sferisterio per la prima della Traviata degli Specchi

Il direttore generale lascerà dalla fine di settembre

Cambio al vertice di Banca Marche su pressione di Bankitalia


Massimo Bianconi

Si riunisce il Cda che dovrebbe portare al pensionamento del direttore generale Massimo Bianconi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X