Comunali: Marchiori sempre più solo
Il centrodestra è fermo a febbraio

MACERATA 2020 - Il candidato della Lega non ha fatto un solo passo in avanti nel tentativo di allargare il consenso e il suo sponsor principale (il senatore Paolo Arrigoni) è stato sostituito alla guida del partito nelle Marche. Continuano a circolare le altre ipotesi (da Sacchi a Delle Fave). C’è anche chi ha fatto il nome del presidente della Provincia Antonio Pettinari. E qualcuno sogna Sandro Parcaroli. Ma la partita è legata a quella per le regionali con Salvini e Meloni ai ferri corti
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
ConsiglioComunale_180219_FF-15-325x216

Andrea Marchiori, consigliere comunale e candidato sindaco della Lega

 

di Luca Patrassi

Finito il lockdown, il tavolo del centrodestra potrebbe tornare ad essere frequentato da quanti si occupano di formare una coalizione per le elezioni comunali a Macerata. Eravamo rimasti al pre Covid e ad una riunione nella sede della Lega in cui era stata annunciata, dall’allora commissario regionale Paolo Arrigoni, la candidatura a sindaco dell’avvocato Andrea Marchiori. Da allora buio totale, la Lega ha cambiato commissario: secondo alcuni Arrigoni potrebbe essere caduto vittima sì del “fuoco amico” (Pazzaglini, Paolini e Latini tra gli altri) ma soprattutto della presa di posizione contraria all’astronave Covid di Bertolaso a Civitanova.

sacchi-menghi

Riccardo Sacchi e Anna Menghi

Incassato il pass dalla Lega, Marchiori non ha però fatto un solo passo in avanti nel tentativo di allargare il consenso sulla sua candidatura con le elezioni – per sua fortuna – slittate da maggio a settembre. Peraltro aveva avuto dalla sua il fatto che l’imprenditore Sandro Parcaroli, inizialmente indicato da molti partiti ed anche all’interno della Lega come il candidato ideale, avesse fatto un passo indietro a sostegno di Marchiori per orientarsi verso le regionali. Era il tempo del pre Covid, ora la situazione potrebbe essere cambiata. In ogni caso verso Marchiori non si è mosso nessuno nel centrodestra e nemmeno Marchiori si è mosso verso il centrodestra, nel tentativo di aggregare altre forze oltre alla sua Lega. Forza Italia spera in un vantaggio dalla sponda regionale (candidato di Fdi, della Lega o di tutti e due se separati) che possa beneficiare il suo coordinatore provinciale Riccardo Sacchi. Sacchi spera, l’ex sindaco Anna Menghi, da venti anni capace di dar vita a un movimento civico di varia consistenza, pure ha le sue carte da giocare. Poi ci sono vari esponenti di Fratelli d’Italia e i centristi che forse si schierano di qua, o forse andranno di là in base alle candidature. C’è anche chi ha fatto il nome del presidente della Provincia Antonio Pettinari come candidato sindaco del centrodestra. Pettinari di solito decide il giorno prima della scadenza, stavolta è possibile che attenda l’inviato in tribunale per vedere chi c’è nelle liste e decidere di andare dalla parte opposta per evitare cordate non gradite. Lo stesso Sandro Parcaroli, patron di Medstore, continua a essere corteggiato. Ultimo, ma non ultimo si parla infine ancora di Raffaele Delle Fave: l’avvocato ed ex assessore ai lavori pubblici dell’era Meschini, ora in quota civica, è ancora in ballo come candidato sindaco.

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X