facebook twitter rss

Luciano Pantanetti dal Sasso d’Italia
lancia il suo “Yes we can”

PRIMARIE - Il recupero dell'area verde che molti maceratesi hanno a cuore è l'ultima di una serie di proposte «semplici e fattibili» lanciate dal candidato sindaco della civica "La città di tutti". La sua priorità? «Il potenziamento della macchina amministrativa per garantire servizi ai cittadini»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
116 Condivisioni

Luciano Pantanetti al Sasso d’Italia

 

di Federica Nardi

«Si può fare», è il mantra di Luciano Pantanetti, candidato alle primarie di centrosinistra del 16 febbraio con la civica “La città di tutti”. Il suo è un programma dove la parola più ricorrente è “buonsenso” così come “fattibilità”. «Un’operazione semplice, fattibile e che dobbiamo necessariamente fare», dice ad esempio sul recupero del Sasso d’Italia, area verde ai confini della città dopo viale Indipendenza. Pantanetti parla in un video pubblicato su Facebook, in piedi di fronte all’ex baretto da anni completamente all’abbandono. La sua campagna di ascolto all’insegna dello “Yes, we can” (“Se po fà” dalle nostre parti)  si è svolta principalmente nei locali/bar della città per tastare il polso dei diversi quartieri. Mercoledì l’appuntamento è al Caffettone alle 21 mentre la chiusura sarà venerdì all’Asilo Ricci. La chiave per Pantanetti è «un’amministrazione amica che faccia dell’ascolto la sua peculiarità». 

Qual è la ricetta per il Sasso d’Italia?

«Non è un’operazione così complicata o difficile – dice Pantanetti a CM -. Rendiamo questa città più a misura d’uomo, meno difficile da utilizzare. Ci vuole una frazione di secondo a farlo, c’è solo bisogno che qualcuno ci lavori. C’è da mettere a posto la struttura, si fa un bando e si affida la gestione. Sono quasi delle ovvietà. Questa amministrazione lascerà in eredità milioni di euro, vanno utilizzati. Come nel caso del Convitto o di palazzo Rossini».

Luciano Pantanetti, presidente del Consiglio comunale

Parliamo un po’ del suo programma…

«Chiariamo una cosa: il programma lo fanno le forze politiche, ci sono sensibilità differenti sull’approccio ma fare il programma adesso è come mettere il carro davanti ai buoi. Se io presento un programma e vinco le primarie e poi a un altro non piace o si cambia il programma o verrebbe a mancare la sintesi. Il programma spetta alla coalizione. In via generale possiamo però dire quello che pensiamo».

Anche perché di proposte lei ne sta facendo, quali sono quindi i punti chiave?

«La prima cosa da fare è potenziare la macchina amministrativa che non è in grado di dare delle risposte in termini accettabili per il ritmo della società. Fatto questo, intervenire sulla competenza specifica del Comune che sono i servizi. Il Comune dà una serie di servizi. Ho proposto alcune cose semplici: la gratuità del trasporto pubblico agli studenti. E stessa cosa per chi ha un reddito che non supera un certo livello. Dato che il costo è supportabilissimo per il Comune».

Come va questa fase di ascolto? Quali sono i temi che vi vengono portati più spesso dai cittadini?

«La questione centro storico è un tema a cui sono tutti sensibili. Per il centro storico, qualsiasi intervento al momento è un palliativo se non c’è un’idea di fondo che lo rivitalizzi. Per rivitalizzarlo bisogna portarci la residenzialità. Non è più un quartiere al momento. Bisogna farlo ridiventare un quartiere. Nel momento in cui c’è una domanda automaticamente puoi dare l’offerta: attività, negozi e quant’altro. Poi le persone hanno bisogno di avere da parte dell’amministrazione delle risposte. Non è possibile che devo aspettare mesi per avere un certificato di destinazione urbanistica. Le persone vogliono vivere in modo dignitoso e non pensare all’amministrazione come un problema. Macerata non vuole tanto altro rispetto a questo. Serve buonsenso».

Quali sensazioni ci sono in città? C’è interesse a questa fase politica da parte dei giovani?

«Le sensazioni sono buone, c’è voglia di condividere e di partecipare. L’ho toccato con mano. L’esito non lo so, ognuno di noi auspica il meglio. Il dato fondamentale che ci unisce è che abbiamo il dovere di portare a votare le persone. Oggi i maceratesi possono decidere chi deve guidare la coalizione di centrosinistra. Ho toccato tutte le parti sociali di questa città e dando la possibilità anche ai 16enni di partecipare, mi sono accorto che spesso fanno delle proposte e rispondono in modo così ovvio che non averci pensato prima fa quasi sorridere. Dobbiamo fare in modo che i nostri giovani restino a Macerata ed evitare anche la migrazione nel weekend».

(Qui sotto il video di Pantanetti al Sasso d’Italia)

Luciano Pantanetti per il recupero di spazi pubblici ed aree verdi

Quando una passeggiata al Sasso d'Italia si trasforma nell'occasione giusta per parlare di interventi immediatamente attuabili per il recupero di spazi pubblici ed aree verdi. Questa la proposta di Luciano Pantanetti:

Pubblicato da La città di tutti su Sabato 8 febbraio 2020

Una “Città di tutti” senza Carancini, Pantanetti presenta la sua candidatura: «Oggi siamo qualcosa di diverso»

Pantanetti: «Carancini ha lavorato molto Alle primarie non ci sarà solo il Pd Nuova sfida? Macerata vero capoluogo»

Primarie: sfida a colpi di fioretto Il centrosinistra brinda ai 4 moschettieri

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X