Sul tavolo del centrodestra
il candidato è (quasi) servito
«Decideremo entro venerdì»

MACERATA 2020 - Baci, abbracci e ottimismo oggi pomeriggio in assise tra i consiglieri comunali. Qualcuno sostiene di aver individuato un "Maradona" al quale la Lega non potrà dire di no
- caricamento letture

davoli-candidato-centrodestra

centrodestra-candidato-davoli

Nella vignetta di Filippo Davoli il tavolo di centrodestra cerca il candidato ma appare una “Ricotta”

 

di Federica Nardi

Ci sono un entusiasmo e un’elettricità palpabili oggi  pomeriggio nelle file del centrodestra maceratese. L’opposto dell’umore nero della scorsa settimana, dopo che la Lega aveva disertato il tavolo “unitario” accusando gli alleati delle troppe uscite a mezzo stampa, facendo saltare le trattative per il candidato (leggi l’articolo). Il buon umore in assise questo pomeriggio, tra abbracci, sorrisi a 32 denti e messaggi concitati su “importanti novità”, è l’indice che qualcosa si è mosso e che il candidato questa volta è dietro l’angolo.

sacchi-marchiori-renna

Riccardo Sacchi (FI), Andrea Marchiori (Lega) e Paolo Renna (FdI)

Il centrodestra avrebbe individuato il suo “Maradona” (come dice qualcuno di loro) per giocare una partita che vedrà come avversario principale Narciso Ricotta, incoronato ieri dalle primarie come candidato sindaco del centrosinistra e avvantaggiato da una campagna elettorale iniziata da un anno e ora lanciatissimo (leggi l’articolo). In realtà era il centrodestra ad essere partito in vantaggio annunciando un’unità di intenti che non si vedeva praticata da anni e facendosi forza di un sentimento di cambiamento di rotta che aveva animato ampie fette di popolazione. Ma sono riusciti ad andare in salita anche in questi mesi dove, teoricamente, era tutto in discesa. Sul nome che oggi crea così tanto entusiasmo a qualcuno della coalizione, le bocche sono però cucite. La Lega infatti, essendo la forza politica trainante dell’alleanza, dovrà dare il suo placet e non si riunirà prima di domani sera. Ma gli alleati assicurano che si riuscirà a trovare una quadra entro giovedì, al massimo venerdì.

renna-luciani

L’abbraccio tra Paolo Renna (FdI) e Francesco Luciani (Lega)

Il punto inoltre è che il candidato del Carroccio nel frattempo non è cambiato. È sempre Andrea Marchiori, consigliere comunale che da settimane attende pazientemente l’esito delle trattative dei vertici nazionali di Lega e Fratelli d’Italia, che facendo i conti con le regionali influenzano nella sfera del centrodestra anche la “casellina” da assegnare a Macerata. Marchiori non ha trovato però un consenso unanime sul tavolo e tutto fa pensare che il nuovo nome, chiunque sia, si prefigura come una proposta troppo interessante da scartare, anche per la Lega.

sacchi-renna

Riccardo Sacchi e Paolo Renna

Nel frattempo mette sicuramente già d’accordo almeno due delle forze in gioco: Forza Italia e Fratelli d’Italia. Ma l’obiettivo è unire tutti – questa volta veramente – per cui si tratta di una proposta difficile da rifiutare e che riguarda qualcuno che non siede al tavolo delle trattative (e magari nemmeno residente a Macerata). Il rischio è che un mancato accordo riaccenda le divisioni interne che già più volte in queste settimane hanno messo a rischio la tenuta della coalizione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X