«A Villa Pini primi pazienti dimessi,
al via mappatura di ricoverati e operatori:
stiamo alzando il livello di protezione»

CORONAVIRUS - L’amministratore delegato di Kos Care (gruppo di cui fanno parte la clinica civitanovese e il Santo Stefano), Enrico Brizioli: «Da 16 giorni la struttura si occupa di Covid, abbiamo 70 posti letto. E' necessario controllare il personale sanitario per evitare che siano loro il prossimo veicolo di contagio»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

forze-dellordina-a-villa-pini-civitanova-FDM-3-650x434

Il saluto delle forze dell’ordine questa mattina al personale di Villa Pini

di Luca Patrassi 

Questa mattina a Villa Pini di Civitanova operatori sanitari e pazienti si sono affacciati dalle finestre per salutare i rappresentanti delle forze dell’ordine, dei vigili del fuoco, della polizia municipale e del Comune che si sono radunati sul piazzale, anche con i mezzi di servizio, per dare sostegno ai medici e al personale sanitario impegnati nell’emergenza coronavirus. Gesto di vicinanza molto gradito. A ringraziare, a nome dei pazienti e degli operatori di Villa Pini, c’era l’amministratore delegato di Kos Care Enrico Brizioli, gruppo che ha al suo interno – tra gli altri brand – il Santo Stefano, Villa Pini, Anni Azzurri. L’Ad del gruppo Kos ha analizzato la situazione legata all’emergenza, dalla disponibilità di disponibilità di posti letto data alla Regione per ospitare i pazienti Covid-19 alle decisioni prese nelle strutture sanitarie del gruppo.

enrico-brizioli

Enrico Brizioli

«Villa Pini – ha detto Brizioli – da 16 giorni opera come struttura Covid con settanta posti letto per acuti a pieno utilizzo, di cui dodici di semi-intensiva, con sei anestesisti in turno. Da ieri sono iniziate le prime dimissioni di pazienti post-critici verso la struttura di Campofilone, che impegnerà progressivamente fino a 100 posti letto. In questo modo viene assicurato il necessario turn-over per l’invio di nuovi pazienti da tutti gli ospedali marchigiani». Quanto ai riflessi interni, legati alla situazione nelle strutture del gruppo l’Ad di Kos Care ha rilevato: «Stiamo alzando il livello di protezione delle nostre strutture, anche alla luce della progressiva evoluzione delle linee guida e delle conoscenze su come mitigare l’epidemia. Abbiamo deciso di acquistare direttamente 15mila test anticorpali IgM/IgG che dalla prossima settimana utilizzeremo per mappare tutti i nostri pazienti e i nostri dipendenti. Bisogna infatti prendere atto del fatto che in un contesto in cui permane il lockdown con il distanziamento sociale, i luoghi dove il virus continua a girare sono quelli dove sono concentrate molte persone, di cui molte contagiate, che devono necessariamente lavorare a contatto: le strutture sanitarie.

forze-dellordine-a-villa-pini-civitanova-FDM-11-650x434

Personale sanitario di Villa Pini questa mattina durante il saluto delle forze dell’ordine

Per evitare che questi divengano i veri booster della continuazione dell’epidemia è necessario adottare misure sempre più forti di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, di igienizzazione e di controllo dei percorsi, di controllo delle dimissioni sul territorio solo a tampone negativo e di mappatura costante dei pazienti e degli operatori attraverso tamponi e test anticorpali».

Sul fronte della tempistica adottata per le varie iniziative l’Ad di Kos Care Enrico Brizioli dice: «sono state sempre applicate le procedure dell’Oms e dell’Istituto superiore di Sanità, che nel tempo sono evolute con criteri sempre più stringenti». I casi finora registrati al Santo Stefano sono fortunatamente pochissimi (fino a giovedì risultavano due), stante anche il particolare che la struttura è blindata da un mese, dalle prime avvisaglie del virus. Situazione ovviamente in evoluzione, a Santo Stefano come nel resto del mondo.

 

VILLA-PINI-Saluto-Forze-dellOrdine-1-e1586016713434-583x650

 

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X