Caldarola, il sindaco bacchetta i cittadini
ma il suo vice continua a fare le corsette
e si prende una multa di 560 euro

DECRETO "IO RESTO A CASA" - Proprio mentre Giuseppetti inveiva contro chi non rispetta le restrizioni, Ciarlantini era impegnato a fare jogging, scordandosi però di disattivare la app che traccia i percorsi. Così i carabinieri lo hanno sanzionato. In serata sono arrivate le dimissioni
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

caldarola-sindaco-furioso

 

AGGIORNAMENTO DELLE 20,30 – Dopo la multa per la corsetta, questa sera Giovanni Ciarlantini ha rassegnato le dimissioni da assessore e vicesindaco. «Preso atto delle incresciosa situazione venutasi a creare per la quale rinnovo il dispiacere e le scuse a tutta la cittadinanza, con pieno senso di responsabilità rassegno le dimissioni dall’incarico di assessore e vicesindaco del comune Caldarola» ha comunicato al sindaco. Quest’ultimo ha indetto immediatamente una riunione di maggioranza e ha provveduto alla nomina della nuova Giunta nelle persone di Giorgio di Tomassi  (vice sindaco) e Teresa Minucci (assessore).

***

Il tempo per il sindaco di Caldarola Luca Giuseppetti di lanciarsi in diretta con uno show alla stregua di quelli che hanno reso famoso nel mondo il governatore della Campania De Luca (leggi l’articolo), ed ecco arrivare un autogol stratosferico firmato dal suo vicesindaco e allenatore di calcio Giovanni Ciarlantini multato di 560 euro per le corsette di quasi 30 chilometri “nelle vicinanze di casa”.

Giovanni-Ciarlantini-e1563969571814-650x549

Giovanni Ciarlantini

Mentre il sindaco di Caldarola urlava ai quattro venti la sua rabbia per il mancato rispetto del blocco («Alcuni cittadini sono ligi alle disposizioni e limitano le uscite. A loro va il mio grazie. Altri invece – tuonò il primo cittadino – non lo fanno, e io mi sono rotto le p… di ripetere sempre le stesse cose», il suo vicesindaco usciva per correre senza dimenticare di disattivare una di quelle app che registrano percorso e durata per poi pubblicarle involontariamente sulla sua pagina Facebook. Già i cittadini-vigilantes filmano se vai a buttare il sacchetto dell’umido, figurarsi se il vicesindaco si fa le mini-maratone in piena emergenza coronavirus. Così Ciarlantini si è trovato un bel verbale da parte dei carabinieri per l’uscita – per la verità, più di una – fatta senza essere spinto da motivi di necessità. Cinquecento e rotti euro di multa subito pagati peraltro. Al sindaco di Caldarola toccherà estendere la platea delle sue dirette con un collegamento ad hoc per la sua giunta comunale; non dovrebbe essere difficile, magari ci sarà un’applicazione facile da usare (e da vedere) come quella che registra percorsi e durata delle corse fuoriporta.

(L. Pat.)

ciarlantini-jogging-multa

La app che ha tracciato la corsetta di 26 km del vicesindaco

 

Il video di Giuseppetti che se la prende con i cittadini indisciplinati

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X