Cna Macerata alla Regione:
«Velocizzare i contributi alle imprese»

COVID-19 - Il direttore Luciano Ramadori commenta le misure adottate dal Governo e chiede più rapidità «per liquidare i bandi che prevedono finanziamenti già stanziati per le imprese»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Luciano-Ramadori-direttore-CNA-Macerata_Foto-LB-1-400x312

Luciano Ramadori

 

La Cna Macerata per voce del suo direttore Luciano Ramadori commenta le misure adottate dal Governo e lancia un appello alla Regione affinché siano velocizzate le liquidazioni dei contributi alle imprese nelle graduatorie già in essere. «La portata delle conseguenze economiche della diffusione del Coronavirus sta diventando enorme e difficilmente calcolabile. Certo è che per l’economia mondiale ci sarà un prima e un dopo Covid-19. Una nuova crisi globale, quindi, dopo quella iniziata nel 2008 e non ancora del tutto passata. Unico aspetto positivo che ci può in parte rassicurare è che una volta passata la crisi acuta, stavolta non avremo a che fare con un sistema finanziario marcio e tutto il sistema economico potrà ripartire immediatamente. Giudichiamo come congruo lo stanziamento previsto di 25 miliardi – sottolinea Ramadori -, ben vengano le ulteriori misure restrittive che speriamo possano dare risultati efficaci a breve; positivo il potenziamento degli strumenti come la cassa integrazione in deroga. Attendiamo quanto prima lo stop a rate mutui e prestiti, lo slittamento del pagamento di tutte le tasse, sostegni concreti per imprese in difficoltà e un piano urgente per ripartire immediatamente. La battaglia contro il Coronavirus si gioca sul tempo e anche per le imprese il tempo è un fattore vitale. Serve liquidità ora. Cna chiede quindi con estrema determinazione che la Regione Marche liquidi immediatamente i bandi che hanno già una graduatoria e che prevedono finanziamenti già stanziati per le imprese. Non vi è motivo di esitare ulteriormente. Pensiamo al bando regionale per risarcire il “danno indiretto dal sisma” che è in piedi dal 2018 e che ancora vede decine di aziende assegnatarie del contributo ancora non liquidate; pensiamo al bando sugli investimenti produttivi in area Cratere che ha già una graduatoria; ai fondi disponibili con la Legge regionale 27/09 destinati alle imprese commerciali. Lo stanziamento dei 25 miliardi può essere congruo, come detto, ma se i tempi con cui questi benefici arrivano alle imprese è così lungo, non solo perdono il loro effetto salvifico ma possono diventare anche un danno per la falsa aspettativa creata. Servirebbe un’inversione nel metodo di erogazione: prima si erogano gli aiuti poi si procede con rigorosi controlli e verifiche, non il contrario come avviene oggi».

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X