L’Assemblea legislativa vicina
ai precari di Banca Marche
Filiali e sofferenze nel mirino dei sindacati

Una mozione invita i commissari ad attivare un tavolo e impegna la Giunta regionale alle "azioni necessarie". Dircredito, Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil e Uilca Uil si mobilitano contro «il nuovo modus operandi» dell'azienda
- caricamento letture

PRECARI BANCAMARCHE 00La Regione vicina al problema dei precari di Banca Marche. I 180 giovani con contratto a termine, che avevamo chiesto un incontro ai capigruppo in Regione (leggi l’articolo), oggi sono stati ricevuti  prima che il Consiglio approvasse all’unanimità una mozione che intenderebbe farsi carico del loro problema.  Nel corso dell’incontro con la delegazione il presidente Solazzi ha sottolineato che “i giovani precari  sono un patrimonio   per il territorio che non deve andare disperso”.  Va dato atto che questi in poco tempo sono riusciti a coinvolgere nella loro battaglia non solo i sindacati, le Fondazioni azioniste e il presidente della camera Laura Boldrini, ma adesso anche l’assemblea regionale esercitando cosi in qualche modo una pressione positiva nei confronti dei commissari e di Bankitalia.  Un commissariamento che potrebbe  anche portare ad un ringiovanimento e una ripartenza per l’attivita dell’istituto di credito.  Ci sarà ora da valutare se al di là  delle intenzioni la Regione vorrà porre in atto gli  strumenti,    sgravi fiscali, incentivi e revisione dell’apprendistato in grado di agevolare effettivamente la loro permanenza all’interno del gruppo. Il testo  della mozione approvata oggi all’unanimità  invita l’istituto di credito marchigiano ad “attivare un tavolo di confronto con le rappresentanze sindacali, la Regione e i Comitato giovani precari al fine di concordare un percorso graduale di stabilizzazione dei circa 180 giovani lavoratori precari”. Il documento di indirizzo impegna inoltre “la Giunta regionale a mettere in atto qualunque azione necessaria e opportuna nel sostenere la realizzazione del suddetto percorso”.

SINDACATI, CHIAREZZA SU FILIALI E SOFFERENZE – Dopo l’interruzione delle trattative sindacali sulla ristrutturazione della direzione generale di Banca Marche, le organizzazioni sindacali aziendali di Dircredito, Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil e Uilca Uil si mobilitano contro «il nuovo modus operandi» dell’azienda nelle trattative sindacali ed esprimono timori sulla ristrutturazione della rete commerciale annunciata dai commissari straordinari. In un documento unitario diffuso oggi, i sindacati avvertono che «si è aperto un problema di corrette relazioni sindacali» e contestano il «metodo che già nella precedente trattativa sul fondo di solidarietà era stato evidenziato come approssimativo e frettoloso»; «affrettata e disorganica» appare dunque la ristrutturazione della direzione generale, nel nome di una «semplificazione» che «contraddice gli obiettivi dichiarati», a cominciare dalla «soppressione della figura dei coordinatori» che avrebbe «gettato le diverse funzioni nel caos». Le organizzazioni sindacali chiedono chiarezza sulla ristrutturazione delle filiali («Si stanno già decidendo quali filiali chiudere? E quali accorpare?») mentre «l’organico viene continuamente ridotto e non si intravede nessuno degli annunciati benefici della sburocratizzazione delle filiali». Infine denunciano che nell’area recupero crediti sulle posizioni a sofferenza «sembrerebbe essere stata prevista la cessione di migliaia di posizioni e l’esternalizzazione di altre migliaia. Ciò determinerebbe minore occupazione, minor capacità di recupero del credito e minori riprese di valore». In conclusione, «il sindacato è perfettamente consapevole della reale situazione aziendale ed è altrettanto cosciente che i lavoratori non ne sono responsabili ma vittime. Riteniamo intollerabili atti unilaterali. Su questi argomenti ci confronteremo con i lavoratori in assemblea».

(Ultimo aggiornamento ore 19,45)

GUARDA IL VIDEO

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X