Coronavirus, altri 14 morti nelle Marche
Due decessi nel Maceratese

PANDEMIA - Nel bollettino del Gores anche l'80enne di Macerata. Tra le vittime, non conteggiate ancora nei dati regionali, c'è un'anziana di Pioraco. Il ricordo del sindaco
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Il post del sindaco

 

Sono 14 le persone morte oggi nelle Marche a causa del Coronavirus, a queste se ne aggiungono altre 8 che erano decedute nei giorni scorsi ma la diagnosi che avessero contratto l’infezione è arrivata solo in queste ore. A comunicarlo è il Gores. Nelle Marche la pandemia ha causato sinora 91 morti. Uno dei 14 di oggi è un 80enne di Macerata (leggi qui la sua vicenda), ricoverato all’ospedale di Macerata. Sempre nella provincia (ma al momento non rientra nei dati forniti dal Gores) oggi si è spenta anche una donna anziana che vive a Pioraco, ricoverata a Macerata. A renderlo noto il sindaco, Matteo Cicconi, che ha rivolto parole commosse alla famiglia della donna, Annamaria. La donna, scrive il primo cittadino, è stata «colpita da questo terribile virus». E fa un appello «a rimanere a casa e a seguire le indicazioni che ci vengono date».

Le altre 13 persone morte sono un 82enne di Ancona, un 77enne di Fano, 81enne di Vallefoglia, un 75enne e un 77enne di Pesaro, un 71enne di Falconara, un 63enne di Chiravalle, un 80enne di Mondolfo, una 92enne di Fano, un 78enne, un 82enne, un 86enne di Pesaro e un 84enne di Fano. A loro, morti nei giorni scorsi, si aggiungono una 79enne di Urbania, un 70enne di Porto Sant’Elpidio, un 89enne, una 88enne, un 67enne di Pesaro, un 80enne di Ancona, un 88enne di Ascoli, un 92enne di Pergola, e una 77enne di Cagliari che era ricoverata all’ospedale di Senigallia. Tutti, ad eccezione del 70enne di Porto Sant’Elpidio, avevano patologie pregresse.

Sono arrivati oggi nelle Marche 17 ventilatori e altrettanti sono attesi in serata. Ulteriori consegne sono previste per la giornata di domani. I dispositivi giunti a destinazione sono stati già distribuiti alle Aziende ospedaliere.

***

IL RICORDO DEL SINDACO DI PIORACO – «Pioraco perde una presenza importante per il paese, Anna Maria insieme a suo marito per tanti anni direttore della banda è stata una figura storica, a cui tutti noi eravamo legati da grande affetto. È stata strappata all’affetto dei familiari da questa terribile malattia, al grande dolore si aggiunge il rammarico di non poter celebrare la cerimonia funebre. Ci stringiamo commossi e porgiamo le nostre condoglianze ai figli Sergio, stimato direttore della banda cittadina e Stefano, speriamo che le condizioni del marito migliorino. Per volontà dei familiari lancio un monito a tutti a rispettare più possibile le regole, nessuno di noi è al riparo, dobbiamo restare a casa e seguire scrupolosamente tutte le indicazioni, per evitare di diffondere questo virus perché la situazione è drammatica e dobbiamo prenderne l’atto», spiega il sindaco di Pioraco Matteo Cicconi.

L’ultimo bacio, poi l’addio Il suo gesto d’amore ha commosso tutti «Non dimenticherò mai i suoi occhi»

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X