Tamponi anche agli asintomatici
In arrivo 38 ventilatori
Villa Pini apre ai positivi

CORONAVIRUS - Il governatore Ceriscioli ha annunciato che si allargano i controlli. Intanto crescono i posti letto, 188 in totale nella sanità privata, per ospitare i contagiati che si trovano nella fase post critica: tra le strutture anche quella di Civitanova. In arrivo i macchinari per terapia intensiva
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

ceriscioli-2-650x433

Luca Ceriscioli, governatore delle Marche e assessore alla Sanità

 

Coronavirus: posti letto dalla sanità privata per pazienti positivi. La giunta regionale riunita questa mattina a Palazzo Raffaello ha ratificato una integrazione dell’accordo con l’Associazione italiana ospedalità privata (Aiop) e con l’Associazione religiosa istituti sociosanitari (Aris), che mette a disposizione 188 posti per i pazienti Covid-19 positivi nelle fasi post critiche stabilizzate. Le strutture interessate sono Villa dei Pini di Civitanova, Anni Azzurri di Campofilone e Santo Stefano di Villa Fastiggi di Pesaro. Intanto sono in arrivo 38 ventilatori per le Marche messi a disposizione dalla Protezione civile. Serviranno per fronteggiare l’emergenza sanitaria soprattutto sul versante delle terapie intensive.

Villa-dei-Pini

Villa dei Pini

«Dovrebbero arrivare oggi –  ha annunciato il presidente Luca Ceriscioli stamattina intervenendo ai microfoni di Radio 24 – Importantissimi per aumentare il numero dei posti letto di terapia intensiva che si attesta al momento a 110 dedicati a Covid 19». L’impegno della Regione in queste ore è quello di recuperare altri posti letto: col nuovo piano sanitario e la conversione di alcuni presidi (nella nostra provincia Camerino e Civitanova) a Covid Hospital sono già stati aggiunti altri 20 posti di terapia intensiva solo per Covid-19. «Se è in difficoltà la Lombardia figuriamoci le altre Regioni», ha aggiunto Ceriscioli pronto a recepire, come sta avvenendo anche in Veneto, l’indicazione di estendere i tamponi anche a coloro che sono asintomatici. Suggerimento arrivato anche dall’Organizzazione mondiale della Sanità. Una condizione utile anche ai fini dell’analisi epidemiologica. «In quella parte della Regione dove i numeri legati a Covid 19 sono ancora molto bassi, questa strategia ha maggiori possibilità di successo» ha rimarcato ancora il presidente Ceriscioli ricordando che pure nelle Marche il dato emergente riguarda proprio gli asintomatici.

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X