“Pubblicità ingannevole”, è polemica
Sacchi: «Di Pietro difensore di ufficio
Ricotta si confronti sui temi»

MACERATA - Continua il botta e risposta tra centrodestra e centrosinistra sui manifesti elettorali di Narciso Ricotta. Il coordinatore di Forza Italia attacca: «Dal Pd che occupa Comune e Regione da decenni ci si aspetterebbe risposte chiare su 20 anni di malgoverno»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
forza-italia-sacchi-civitanova-FDM-1-325x217

Riccardo Sacchi

di Luca Patrassi

La polemica sulla “pubblicità ingannevole” – così definita dal candidato sindaco del centrodestra Sandro Parcaroli – legata ai manifesti elettorali del candidato sindaco del centrosinistra Narciso Ricotta anima il confronto politico di questi giorni. Aveva acceso le polveri della polemica appunto il candidato sindaco del centrodestra Sandro Parcaroli, immediata la replica del segretario cittadino dei democratici Stefano Di Pietro. Oggi ad intervenire è il capogruppo comunale di Forza Italia Riccardo Sacchi. «Il segretario cittadino del Pd, Stefano Di Pietro, veste con generosità – osserva Sacchi – i panni del difensore d’ufficio del candidato sindaco Narciso Ricotta, ma si sottrae al confronto sulle questioni di merito sollevate dall’avversario Sandro Parcaroli che, con stucchevole e ingiustificata aria di sufficienza e superiorità, viene chiamato “signor Parcaroli”. Dal Pd che occupa Comune e Regione da decenni ci si aspetterebbe risposte chiare sulle responsabilità del passato e meno disinvoltura nel saltare da una ‘stagione’ amministrativa all’altra, dall’espansionismo edificatorio senza visione al culto del verde e dell’ecologismo, dall’abbandono di Valleverde al miraggio della città giardino. Nessuna risposta neppure sui ritardi legati al progetto per il recupero del Convitto, sulle piscine mancate e sul relativo spreco di pubblici denari, sul miraggio del palazzetto, sui ritardi della bretella ‘Mattei-la Pieve’, sulla percezione di insicurezza, e chi più ne ha più ne metta. Se Sandro Parcaroli nella sua campagna elettorale, compreso l’ambito della comunicazione, valorizza il lavoro di squadra, egli dimostra sin d’ora che non è e non sarà né un uomo solo al comando, né il rappresentante di un apparato. L’ironia è sempre la benvenuta, purché non sia il pretesto per sfuggire al confronto con la realtà delle cose, con la chiare responsabilità di 20 anni di malgoverno e, soprattutto, con le idee degli interlocutori».
Nel frattempo Forza Italia ha definito la lista per le elezioni regionali: oltre alle presenze del sindaco di Civitanova Fabrizio Ciarapica, dell’avvocato maceratese Raffaele Delle Fave e dell’ex sindaco di Camerino Gianluca Pasqui, ci sono la portopotentina Nicoletta Governatori, medico ospedaliero dell’Av3, la bancaria portorecanatese Sabrina Baiocco, moglie dell’ex senatore di Forza Italia Salvatore Piscitelli e la tolentinate Tamara Tordini, attiva nel settore farmaceutico.

Di Pietro sfida Parcaroli: «Ingannevole il suo comunicato E’ ora che accetti il confronto»

«Ricotta fa pubblicità ingannevole: “Zero consumo di suolo”? Ha approvato lottizzazioni e Piano casa»

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X