Elezioni comunali - risultati in tempo reale

Con i “Moderati per Ricotta” c’è la Nuova Dc
«Quelli che non se la sentono di andare
con una destra a trazione leghista»

MACERATA 2020 - Il candidato sindaco del centrosinistra ha presentato la nuova lista: tra i componenti gli imprenditori Maurizio Morresi e Giancarlo Cossiri, Livio Palumbo, Diana Pjetraj, Rita Perticarari e Uliano Salvatori che arriva dal centrodestra e attacca l'Udc: «Ha fatto il salto della quaglia, lo fa ogni cinque anni»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

“NUOVO ACQUISTO” – Narciso Ricotta accoglie Uliano Salvatori, arrivato dal centrodestra

 

di Luca Patrassi (foto Falcioni)

“Moderati per Ricotta sindaco”: questa mattina la presentazione dell’ottava lista che fa parte della coalizione a sostegno del candidato del centrosinistra. Presentazione nella cornice della sede elettorale di Narciso Ricotta in corso Cairoli, introduzione a cura dello stesso candidato sindaco e del segretario regionale della Nuova Dc Lidio Palumbo. A spiegare i motivi della loro presenza in lista c’erano tra gli altri gli imprenditori Maurizio Morresi e Giancarlo Cossiri, la commerciante Diana Pjetraj, Rita Perticarari e Uliano Salvatori.

Maurizio Morresi e Diana Pjetraj

Non si sono invece presentati, nell’occasione, due tra i promotori della lista, gli ex consiglieri comunali Guido Garufi e Luigi Carelli. Sintetico e pratico il dire dell’imprenditore Maurizio Morresi (segnò un’epoca il grattacielo dell’azienda di famiglia tra Sforzacosta e Pollenza), noto anche per i trascorsi da calciatore nella gloriosa società cittadina dell’Invicta: «Continuità nella discontinuità» ha sottolineato Morresi riferendosi a Ricotta che segna sì un momento di passaggio del testimone all’interno dell’amministrazione uscente ma garantendo la discontinuità necessaria «per porre rimedio ad alcuni errori fatti nel passato. Di Ricotta ho massima stima e, se sono qui oggi, è per il rapporto di fiducia che mi lega a lui».  Sulla stessa lunghezza d’onda anche Diana Pjetraj: «Non ho mai fatto politica, ma ho voluto essere presente: mi piace quello che finora Ricotta ha detto e fatto».

Giancarlo Cossiri

Altro imprenditore, di peso, sociale ed economico, Giancarlo Cossiri: «Ho fatto l’imprenditore per 40 anni, ho avuto cariche di rilievo in Confindustria, alla Fondazione Carima e all’Inail. Ho avuto molto, penso di dover dare alla città e voglio mettere a disposizione la mia esperienza. Ho scelto Ricotta perché apprezzo il suo programma». Una vita molto legata anche alla promozione dello sport quella di Rita Rerticarari, anima della Ginnastica Macerata: «Da 35 anni sono nell’ambiente sportivo, debbo dire che l’amministrazione Carancini, e Ricotta in particolare, è l’unica ad averci ascoltato. Per il resto non vedo tutta questa negatività nell’azione della giunta Carancini, anzi. Il centro non è stato lasciato solo, tante realtà sono cresciute».

Si entra nella politica spinta con l’intervento di Lidio Palumbo: «Il nostro è un partito che ha una vocazione cattolica e laica. Abbiamo ascoltato le voci in campo per le elezioni comunali a Macerata ed abbiamo deciso di dare il nostro sostegno a Ricotta: una persona vulcanica, difficile stargli dietro. Penso che Macerata non sia in una situazione disastrosa, vedo che c’è gente in giro, l’associazionismo è molto forte».

Rita Perticarari

Imprevedibile l’intervento di Uliano Salvatori, già consigliere comunale a Macerata con il centrodestra (e candidato nel 2015 a sostegno di Deborah Pantana), che parte da Comunione e Liberazione, dice che è una cosa distinta dalla politica, poi premette che il suo programma «è quello della dottrina sociale della Chiesa, il principio di sussidarietà. Sono stato consigliere comunale a Macerata, mi sono trasferito e tre anni fa mi sono candidato a Civitanova con Ciarapica. A Macerata la coalizione è di destra, il centro non c’è. L’Udc ha fatto il salto della quaglia, lo fa ogni cinque anni». La frase resta sospesa, non è chiaro se sia un attacco all’Udc che ogni cinque anni cambia bandiera o un rimarcare il fatto che lo fa “solo” ogni cinque anni e dovrebbe farlo più spesso. Salvatori regala un inedito: «Ho iniziato a far politica con la Dc, la mia prima tessera era a firma del segretario Angelo Sciapichetti». Come dire che, prima o poi ci si ritrova.

Narciso Ricotta

Conclusioni affidate a Narciso Ricotta: «Premesso che noi non attacchiamo nessuno (solo un paio di battutine all’indirizzo di Parcaroli, ndr), ma una cosa dobbiamo dirla: vinceremo noi. Giusto per evitare la confusione che fa Marchiori che firma le liste dell’avversario. Noi siamo il centrosinistra, la coalizione che vincerà. Noi siamo qui, aperti ai moderati che non se la sentono di andare con una destra a trazione leghista e il cui unico progetto chiaro è la conquista del potere fine a se stesso». Infine un annuncio: «Ho raccolto l’invito dei Moderati ad istituire l’assessorato alla famiglia perché nel nostro territorio è il nucleo che contiene tutto: dai bambini agli anziani, ai non autosufficienti, alla formazione dei giovani, al sostegno di chi non ha un lavoro».

 

Tra i candidati anche l’avvocato Lidio Palumbo, segretario regionale della Nuova Dc

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X