La città di tutti attacca:
«Centrodestra, Parcaroli calato dall’alto
e ancora nessun programma concreto»

MACERATA 2020 - Il coordinatore della civica che sostiene il candidato Narciso Ricotta si appella ai cittadini: «Il centrosinistra arriva alle elezioni dopo un percorso partecipato grazie alle primarie e con delle proposte realizzabili. Guardiamole queste differenze e la scelta in cabina elettorale sarà semplice»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
NarcisoRicotta_SedeElettorale_FF-14-325x217

Francesco Baldantoni, coordinatore de La città di tutti, davanti la sede elettorale di Narciso Ricotta

 

«È un appello al senso civico quello che mi sento di fare oggi, a neanche due mesi dal voto per il rinnovo dell’amministrazione e del consiglio comunale, perché è fondamentale l’impegno di tutti i cittadini, perché Macerata è di tutti i maceratesi e tutti dovremmo in qualche modo contribuire al bene della nostra bella città. Lasciamo da parte i classici luoghi comuni e confrontiamoci sui contenuti proposti, non dimenticando che il diritto al voto è un bene preziosissimo, troppo spesso svilito o non considerato». Sono le parole di Francesco Baldantoni, segretario di “La città di tutti”, la civica che appoggia il candidato sindaco di centrosinistra Narciso Ricotta e che aveva partecipato alle primarie candidando l’attuale presidente del Consiglio comunale Luciano Pantanetti. «A proposito di beni preziosi – continua Baldantoni – non va sottovalutato il percorso fatto dalla coalizione di centrosinistra che appoggia il candidato sindaco Narciso Ricotta; quest’ultimo è stato infatti scelto attraverso le primarie, a mio avviso il più democratico degli strumenti per eleggere il candidato di coalizione. Su questo aspetto sono orgoglioso del percorso fatto e rivendico l’unicità di questo momento di democrazia partecipativa: la coalizione di centrosinistra è stata la sola a lasciare che i cittadini esprimessero la loro preferenza. Nel centrodestra, al contrario, è stata una telefonata arrivata dall’alto a rottamare il precedente nome pronto a guidare la coalizione e ad imporre, no, a designare l’attuale candidato sindaco leghista, ovviamente senza fornire nessuna spiegazione ai cittadini. E, ancora ovviamente, senza intraprendere nessun percorso di confronto sul programma di coalizione e sulle proposte per la città. D’altronde nella stessa coalizione c’è anche chi dichiara di avere come unico obiettivo non quello di mettersi a disposizione della comunità, ma quello di prendere un solo voto in più rispetto all’attuale sindaco. Mi sembra che la cosa ben descriva la caratura morale e il personalismo con cui si approccia la politica». Ed è proprio il fatto che il centrodestra ancora non abbia presentato un programma concreto, il tasto su cui batte Baldantoni.  «Ecco, sottolineiamole queste differenze – continua infatti il segretario de “La città di tutti” – Guardiamo ai programmi, che in alcuni casi ancora mancano; guardiamo alla strada intrapresa dalla coalizione di centrosinistra per arrivare alle elezioni amministrative 2020 con delle proposte concrete e realizzabili. Guardiamo quindi al coinvolgimento dei cittadini nelle scelte, prima fra tutte proprio quella del candidato sindaco. E guardiamo al confronto interno alla coalizione stessa, che ha portato all’unità intorno a temi fondamentali per la crescita della città. Guardiamo anche alle molte liste civiche, come la nostra, che supportano la candidatura di Narciso Ricotta e riconosciamo anche l’impegno di cittadini pronti a misurarsi con la loro prima esperienza politica. E, fatti i dovuti distinguo, portiamoli con noi nella cabina elettorale. La scelta apparirà incredibilmente semplice».

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X