Dal centro allo Sferisterio,
Confartigianato incontra i candidati

MACERATA 2020 - Tra i diversi temi affrontati con Roberto Cherubini (M5s), Sandro Parcaroli (centrodestra) e Narciso Ricotta (centrosinistra), ci sono anche il nuovo ospedale, la sicurezza di imprese e cittadini, la viabilità: «Abbiamo trovato grande disponibilità da parte di tutti»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Sandro-Parcaroli-23-luglio-2020-325x244

Sandro Parcaroli incontra Confartigianato Macerata

 

In vista delle prossime elezioni di Macerata, Confartigianato ha organizzato degli incontri richiesti da alcuni dei candidati sindaci della città, Roberto Cherubini (M5S), Sandro Parcaroli (centrodestra) e Narciso Ricotta (per il centrosinistra). Gli altri candidati sindaco sono Lauretta Gianfelici (Popolo della famiglia) e Alberto Cicarè (Strada Comune). «Riteniamo molto importante stabilire rapporti di collaborazione e sinergie proficue tra enti locali e associazioni di categoria che, come la nostra, rappresentano gran parte dell’economia locale del nostro territorio. Nel solo comune di Macerata rappresentiamo 900 imprese di cui 550 artigiane, 240 del settore commercio e servizi e 110 di altre attività, 840 pensionati associati Anap per un totale di 1.740 famiglie e circa 5mila i cittadini che frequentano abitualmente i nostri uffici, usufruendo dei nostri servizi. È per questo che abbiamo ritenuto importante organizzare questi incontri per condividere alcune nostre riflessioni, proposte e spunti per il miglioramento e lo sviluppo della città».

Narciso-Ricotta-20-luglio-2020-325x244

Roberto Cherubini

Molte le questioni sottoposte ai tre candidati, una su tutte la gestione del centro storico, forse una delle più spinose e complesse da affrontare che però, se considerata da un punto di vista strategico, può essere una solida base per il rilancio e lo sviluppo dell’intera città. Secondo Confartigianato «Un punto di partenza fondamentale è sicuramente quello di ripopolare e ritornare a vivere il centro, prevedendo un sistema di incentivi alla residenza ed uso degli spazi per fini commerciali e culturali, sfruttando anche gli immobili storici. In aggiunta si potrebbe proporre la locazione degli immobili di proprietà pubblica non locati o sottoutilizzati con la formula del comodato d’uso a tempo determinato. Le azioni da mettere in campo potrebbero essere molteplici: facilitazioni e servizi per i residenti, ristrutturazioni immobiliari dei privati, promuovendo l’utilizzo di strumenti di incentivazione fiscale e di ristrutturazione già esistenti, incentivi per gli insediamenti commerciali di attività come botteghe artigiane, attività culturali, attività eno-gastronomiche, mercati di qualità a cadenza fissa e negozi cosiddetti “leggeri” all’interno dei mercati comunali per la vendita di prodotti sfusi con prezzi competitivi e basso impatto ambientale».

Roberto-Cherubini-27-luglio-2020-325x244

Narciso Ricotta

Tra i diversi temi affrontati quello del nuovo ospedale, della sicurezza di imprese e cittadini, dello Sferisterio, principale volano turistico della città e quello della viabilità, una delle priorità in agenda per tutti i candidati. «È infatti imprescindibile potenziare e sfruttare al meglio il collegamento della superstrada Civitanova Marche-Foligno – scrive Confartigianato -, strategico per lo sviluppo dell’intero comparto turistico della costa. Parimenti fondamentale lavorare al prolungamento della cosiddetta “Mattei Pieve” per far sì che le due vallate non restino isolate. Due grandi opportunità dal punto di vista economico, sociale e culturale che devono essere colte per la crescita della nostra provincia. Infine la questione dei lavori pubblici, potenziali aiuti diretti per la ripartenza dell’economia locale duramente colpita negli ultimi anni. E’ necessario favorire le imprese locali, normalmente di piccole e medie dimensioni, attraverso la creazione di bandi di gara che prevedano principi di premialità in funzione dei luoghi. Suddividendo inoltre in lotti più piccoli la varie opere da realizzare, si potrebbe scongiurare il problema della partecipazione delle cosiddette “scatole vuote” ed infiltrazioni pericolose». L’associazione ha valutato positivamente la «grande apertura e disponibilità da parte di tutti i candidati che si sono dimostrati molto attenti e vicini alle tematiche discusse insieme alla dirigenza di Confartigianato e che soprattutto, si sono resi disponibili all’apertura di confronti e collaborazioni».

L’incontro è stato ricordato anche in una nota stampa diffusa dal candidato Ricotta, dove si legge che «nei giorni scorsi ha incontrato la Confartigianato di Macerata ed ha ribadito l’impegno a far sì che i consistenti investimenti previsti nel piano di opere pubbliche del comune, così come quelli per la ricostruzione post terremoto e quelli derivanti dal bonus fiscale 110% su riqualificazione sismica ed energetica, ricadano a favore degli artigiani del territorio. Già nei mesi scorsi Confartigianato aveva incontrato l’assessore Ricotta con il segretario comunale per verificare la possibilità di inserire nei bandi degli appalti del comune clausole premiali, che nel rispetto del codice degli appalti, favoriscano le imprese locali. L’impegno, insomma è quello di far sì che i nostri artigiani siano protagonisti».

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X