In provincia 43mila controlli,
il prefetto: «Attenti alle infiltrazioni»

CORONAVIRUS - Riunione in videocall in prefettura per fare il punto della situazione con Camera di commercio, Confindustria, associazioni di categoria e sindacati. Gruppo di lavoro per rendere più rapida l'analisi delle comunicazioni delle imprese che svolgono attività consentite dal decreto
- caricamento letture

controlli-carabinieri-coronavirus-civitanova-FDM-2-650x433

 

Sono 43mila i controlli effettuati in provincia per far rispettare il decreto “Io resto a casa”. Di questi 22.281 riguardano persone che sono state trovate in giro, e 19.688 attività economiche. Un dato emerso nel corso della videoconferenza che si è svolta questo pomeriggio in prefettura a cui hanno partecipato, il prefetto e rappresentanti di Camera di commercio Marche, associazioni di categoria e sindacati. Lo scopo era fare il punto sull’attuazione del decreto dello scorso 20 marzo. Nel corso della riunione si è parlato di imprese produttive e il prefetto ha anche chiarito che c’è massima attenzione nelle attività della ricostruzione sul rischio di infiltrazioni mafiose, criminalità che potrebbe tentare di approfittare dell’attuale situazione di emergenza.

Nel Maceratese sono oltre 24mila le aziende che, rientrando in una delle fattispecie previste, possono proseguire regolarmente la propria attività lavorativa. La prefettura di Macerata sulla questione ha già ricevuto poco più di 300 comunicazioni da parte di imprese che dichiarano di svolgere attività che sono previste dal decreto. Numerosissimi sono stati i quesiti concernenti l’esatta applicazione della nuova normativa. Con l’obiettivo di favorire una trattazione veloce delle domande, è stato istituto un gruppo di lavoro interno, che si avvale del più ampio bagaglio di competenze e informazioni possedute dalla Camera di Commercio e dell’attività di controllo svolta dalla Guardia di Finanza che è direttamente coinvolto nel puntuale esame delle comunicazioni. Nella maggior parte dei casi, le comunicazioni sono state ritenute documentate e motivate. Nei casi dubbi sono stati chiesti chiarimenti e integrazioni o disposti mirati controlli.

Legnini_Prefettura_FF-6-650x434

Il prefetto Iolanda Rolli

«Devo dare atto – ha sottolineato il prefetto – della grande serietà e del senso di responsabilità delle aziende della provincia che emergono dalle istruttorie finora svolte: nessuna richiesta è risultata essere in contrasto con le disposizioni governative. La maggioranza delle dichiarazioni è congrua con le attività ammissibili, svolte e soprattutto legate alle filiere dell’agroalimentare, del commercio e dei trasporti». La Prefettura sta producendo un grande sforzo per vagliare in tempi eccezionalmente compressi tutte le comunicazioni e per fornire rapidamente un riscontro. In ragione del significativo numero delle “comunicazioni” già pervenute, non poche delle quali inevitabilmente da integrare secondo le indicazioni contenute negli appositi moduli, si è ritenuto di fornire ulteriori chiarimenti predisponendo un vademecum utile alle imprese. Il gruppo di lavoro valuta con la massima attenzione le dichiarazioni, al fine di garantire l’imprescindibile esigenza di salvaguardia della salute pubblica e della continuità dei processi produttivi, ma anche della garanzia dei livelli occupazionali e delle condizioni di lavoro dei dipendenti. Nel corso della riunione il direttore di Confindustria ha assicurato l’impegno dell’associazione a supportare le aziende nell’attivazione degli ammortizzatori sociali messi in campo per affrontare l’emergenza sanitaria da Covid-19 chiedendo, poi, una corsia privilegiata per gli investimenti nell’area del cratere. Durante la videoconferenza il rappresentante della Coldiretti ha chiesto chiarimenti in merito all’attività di produzione, trasporto, commercializzazione e consegna di prodotti agricoli e alimentari. Le organizzazioni sindacali hanno ribadito la necessità di monitorare in modo stringente le attività nei settori essenziali, al fine di tutelare al massimo la salute dei lavoratori, e hanno garantito la disponibilità a collaborare indicando le situazioni di mancata applicazione del protocollo di salute e sicurezza sottoscritto lo scorso 14 marzo. «Un altro tema particolarmente importante, sul quale è già in atto, per le attività collegate alla ricostruzione, un confronto costante con le parti sociali e con gli Istituti di credito – ha aggiunto il prefetto – è quello delle possibili infiltrazioni. Nelle pieghe delle difficoltà economiche delle aziende del territorio, causate dalla situazione emergenziale per il contagio Covid-19 potrebbe tentare di infiltrarsi la criminalità organizzata di stampo mafioso per incrementare illegalmente i propri profitti. In questa direzione è stata già chiesta la massima attenzione ai vertici della Questura, del comando provinciale dei carabinieri e del comando provinciale della Guardia di finanza. Ma possono rivelarsi estremamente preziosi anche i contributi informativi delle associazioni delle categorie produttive e delle organizzazioni sindacali. Un contributo che può essere determinante al fine di intercettare precocemente le tendenze evolutive dei fenomeni criminali di tipo mafioso nella fase emergenziale e post-emergenziale, proprio in considerazione della capillarità e della capacità diffusiva che loro posseggono».

(redazione CM)

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X