«Violentò due bimbe»
Chiesto il processo per un 69enne

TRIBUNALE - Secondo l'accusa avrebbe costretto le due bimbe a subire atti sessuali anche quando avevano meno di dieci anni. Fissata l'udienza dal gup per l'8 luglio
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Awelima_Desmond_Processo_FF-1-650x434

Il tribunale di Macerata

 

Accusato di aver violentato due bambine, 69enne rischia il processo. Il sostituto procuratore Stefania Ciccioli ha chiesto infatti il rinvio a giudizio per un maceratese, che l’8 luglio dovrà comparire davanti al giudice per l’udienza preliminare Domenico Potetti. Il 69enne è difeso dagli avvocati Olindo Dionisi e Fabrizio Giustozzi.

aless-marcolini-2

L’avvocato Alessandro Marcolini

Secondo l’accusa, l’uomo avrebbe più volte violentato una della due bambine dal 2007 al 2016, sin da quando aveva 5/6 anni, approfittando del fatto che fosse un amico di famiglia e il compagno della zia della bimba. Proprio per il fatto che i genitori si fidavano di lui e spesso gli lasciavano la piccola, il 69enne, secondo l’accusa, l’avrebbe costretta a subire più volte atti sessuali, tentando perfino almeno in un’occasione una penetrazione completa. La bimba è difesa dall’avvocato Simona Nasso. Anche l’altra bimba, di un anno più piccola della prima e difesa dall’avvocato Alessandro Marcolini, sarebbe costretta a subire atti sessuali da quello che nel frattempo era diventato pure per lei un zio acquisito. E come nel primo caso, anche in questo l’uomo avrebbe abusato della piccola quando aveva meno di dieci anni. Ora sarà il gup a decidere se l’uomo dovrà essere o meno rinviato a giudizio.

(redazione CM)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X