Il giallo infinito della pista da sci
La giunta smentisce se stessa
Federcaccia contro le ciclovie

MACERATA - L'esecutivo approva la cancellazione del tracciato, tensioni in maggioranza perchè in Consiglio era stata votata una linea opposta. Altra, tripla convocazione dell'assise a fine mese per discutere la solita sequenza di mozioni e di interrogazioni. Intanto i cacciatori si schierano contro le ciclovie. Fondi per lo sport, Sacchi soddisfatto

- caricamento letture
ConsiglioComunale_FF-6-325x217

I lavori in assise

 

di Luca Patrassi 

Due giunte alla settimana, due-tre sedute di Consiglio comunale al mese. Poi vai a vedere gli argomenti in discussione e ti ritrovi con una serie infinita di mozioni, interrogazioni e ordini del giorno, una o due delibere di giunta. Cerchi, e non trovi perchè ancora non c’è, all’albo pretorio la delibera di giunta di un paio di giorni fa per la oramai leggendaria vicenda della ex pista da sci e trovi una determina di validazione del progetto di realizzazione della “pista da sci alpino e snowboard” (così ancora si scrive nell’oggetto) che però non ha allegati. Cioè, apri il file, dentro ci sono i titoli (atto, firma, pubblicazione) ma non ci sono gli allegati e dunque non c’è modo di sapere di cosa si parla. In maggioranza la tensione è altissima: alcuni consiglieri fanno notare come, non più tardi di pochi giorni fa, sia stata respinta una mozione del consigliere Miliozzi tendente a cancellare la pista da sci per realizzare un tracciato di ski-roll. L’amministrazione comunale, per bocca dell’assessore Silvano Iommi, aveva espresso un parere contrario e la mozione era stata bocciata. L’altro giorno in giunta, assente Iommi, la delibera che boccia la pista da sci ed approva lo skiroll è stata invece approvata. Come dire che la giunta smentisce se stessa, forse in base ai turni di presenza nelle sedute. Non c’è Iommi? Passa Marchiori, per dire. Per ora. Intanto, per non farsi mancare nulla, arriva anche una nota dei cacciatori contro le piste ciclabili, i 40 chilometri lungo i fiumi: la Federcaccia protesta perchè così si danneggiano l’ambiente e la fauna selvatica.

Si parte dalla convocazione del Consiglio comunale che tornerà a riunirsi il 27, 28 e 29 giugno prossimi. I lavori prenderanno il via alle ore 15 di martedì 27 giugno con la discussione di cinque interrogazioni  relative alle finali giovanili di calcio (Maurizio Del Gobbo – Pd); alla manutenzione del campetto di calcio sito in viale Indipendenza (Alessandro Marcolini – Pd); sulla necessità di uno sportello bancomat nel quartiere di Santa Croce – Colleverde (Alessandro Marcolini e Ninfa Contigiani – Pd); al sottopassaggio del Convitto Nazionale (Stefania Monteverde – Macerata Bene Comune) e al progetto “Estate in quartiere 7×7” (Stefania Monteverde). A partire dalle 16:30, l’assise cittadina è chiamata a discutere le delibere iscritte all’ordine del giorno relative alla variazione Dup 2023/2025 e al Bilancio 2023/2025 con applicazione avanzo; alla ratifica dell’accordo di programma per l’attuazione dell’intervento di realizzazione di un nuovo ponte al km 0+300 della SP34 “Corridoniana”, alla nomina dei componenti individuati ai sensi dell’art. 5 del regolamento dei Consigli di Quartiere e al rinnovo della convenzione per lo svolgimento in forma associata del servizio di segreteria fra i comuni di Macerata e Corridonia.

Il Consiglio passerà poi alla discussione degli ordini del giorno relativi alla richiesta di finanziamenti per mediatori linguistici interculturali’, ai fini dell’apprendimento della lingua italiana nelle scuole (Sabrina De Padova – Sandro Parcaroli Sindaco); al progetto Dante Ferretti (Aldo Alessandrini di Lega Salvini); alla riqualificazione di viale Don Bosco e della corte dell’ex Gil (Aldo Alessandrini) e al progetto “Giornata delle Api” (Elisabetta Garbati – Macerata Rinnova). L’assise discuterà infine la mozione in merito all’Apm (Narciso Ricotta – Pd).

maltempo-pista-ciclabile3-325x244

Un terreno a Consalvi dove dovrebbe passare la ciclabile, danneggiato dal maltempo

Sulle piste ciclabili ecco il pensiero del presidente della Federcaccia Nazzareno Galassi: «La Federcaccia  esprime la propria contrarietà in quanto il territorio interessato è particolarmente ricco in termini di patrimonio naturalistico e rischia di essere compromesso dalla realizzazione di un’opera invasiva come una pista ciclabile vera e propria, in particolar modo per la fauna selvatica. Si ricorda che l’ articolo 4 della direttiva comunitaria 2009/14 (uccelli) e l’ allegato II della direttiva 92/43 (habitat), tutela specie che sono presenti su questo territorio, come l’ ortolano, lo smeriglio, il lodolaio, l’ averla piccola, oltre a specie più comuni come la poiana, il gheppio, il gufo comune, il picchio verde, il picchio rosso maggiore e numerosi passeriformi che risentirebbero per un flusso frequente e consistente di persone lungo la pista ciclabile. La frequentazione in periodi critici per la riproduzione, la migrazione e lo svernamento, rischiano di vanificare il connubio fra fruizione sostenibile e la tutela ecologica del territorio che deve essere lasciato il più possibile naturale, tenendo conto dell’ importanza di coniugare la protezione della natura con una convivenza sostenibile dell’ attività umana, naturalmente nelle forme meno impattanti. La pista ciclabile, come avviene in regioni come la Toscana e il Trentino, dovrebbe essere tracciata nel rispetto dell’ ambiente cercando di riutilizzare vecchi percorsi in disuso e strade interpoderali esistenti. Pertanto si chiede di rivedere il progetto a favore di una soluzione ecologicamente sostenibile e coerente con le caratteristiche ambientali e storiche del nostro territorio». Nulla è invece dato di sapere, per ora, sul fronte della seduta straordinaria di giunta convocata per oggi in Comune: anche in questo caso inestricabile il labirinto di presenze e di assenze, di collegamenti da remoto. 

***

Luchetti_Sacchi_CampoDellaVittoria_FF-10-325x217

L’assessore Riccardo Sacchi col dirigente Tristano Luchetti

Altro fronte, quello delle attività sportive nelle aree del sisma: in arrivo 7mila euro di finanziamento. Il Comune di Macerata è stato ammesso al finanziamento di 7mila euro relativo al bando “Sostegno per la ripresa dell’attività sportiva nelle aree colpite dal sisma” promosso dalla Regione Marche. Macerata ha partecipato al bando in collaborazione con il Comune di Corridonia proponendo il progetto “Macerata e Corridonia Insieme 2023” che prevede la promozione di diverse tipologie di attività: corso base di nordic walking; camminate serali nel periodo estivo per contrastare la sedentarietà e promuovere il benessere; camminate sportive nel centro storico di Macerata e Corridonia per attraversare un percorso urbano volto a valorizzare le ricchezze artistiche, architettoniche, storiche e culturali delle due città; camminate ecologiche per sensibilizzare la cittadinanza; partite e lezioni di scacchi e dama e lezioni pomeridiane di aikido. Crediamo molto nella promozione dell’attività sportiva e fisico-motoria come valore aggregativo, sociale, educativo, formativo e di benessere rivolto a tutte le fasce di età – ha commentato l’assessore allo Sport Riccardo Sacchi -. Un finanziamento che abbiamo ottenuto grazie anche al grande lavoro di squadra tra Comuni, Uffici comunali e associazioni sportive del territorio a testimonianza del fermento e della vivacità delle associazioni sportive maceratesi». In collaborazione con i due comuni, hanno partecipato alla presentazione del bando, le associazioni: Asd Nordic Walking Green, Asd Acli Macerata, U.S. Acli – Comitato Regionale Marche.

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X