La consultazione indica Francesco Comi
Ma lui rinuncia alla candidatura

ELEZIONI REGIONALI - Il segretario regionale del Pd ottiene le maggiori preferenze ma decide di restare alla guida del partito: "Ci sono ancora le condizioni per arrivare ad una scelta condivisa, in alternativa pronte le primarie". Subito dopo la senatrice pesarese Camilla Fabbri. Domani arriva il vice di Renzi Lorenzo Guerrini per la direzione
- caricamento letture
Direzione PD_10112014_Comi

Francesco Comi

di Gabriele Censi

Ore concitate all’interno del Partito Democratico per la scelta del candidato alla presidenza della Regione. Al termine della prima fase di consultazioni arriva il colpo di scena: il segretario Francesco Comi ottiene i maggiori consensi e decide di rinunciare alla candidatura. Lo comunica lo stesso Comi con una lettera aperta agli iscritti: “Ho preso atto dell’esito della consultazione. Pur esprimendo il ringraziamento e la riconoscenza per la fiducia ricevuta, ho tuttavia maturato la scelta di tener fede all’impegno preso in occasione del congresso Regionale che mi ha eletto segretario: di svolgere, cioè, tale incarico in via prioritaria e fino in fondo, tanto più in un momento politicamente così delicato come quello di una campagna elettorale. Ho informato i dirigenti del partito nazionale di preferire svolgere la funzione di segretario regionale a tempo pieno e, pertanto, di non essere disponibile alla candidatura a presidente della Regione Marche.

A favore della procedura seguita dal segretario si era schierato ieri il senatore Mario Morgoni con un appello all’unità inviato a Luca Ceriscioli (leggi l’articolo).  Le consultazioni avviate dal Partito Democratico hanno interessato la classe dirigente, in rappresentanza dell’intero partito regionale. In questi tre giorni sono stati ascoltati, nella sede di Ancona in piazza Stamira, alla presenza del segretario e di due membri della segreteria, i componenti della direzione, i segretari provinciali, i parlamentari, i consiglieri regionali, i presidenti delle Province, la rappresentanza dell’Anci e quella dei Giovani Democratici.

Camilla Fabbri

Camilla Fabbri

“Tre giorni densi di valutazioni politiche – si legge nella nota della segreteria – che hanno permesso a ciascuno di esprimere le proprie opinioni per delineare il profilo ideale di chi dovrà governare la Regione.Tutti hanno apprezzato lo strumento della consultazione e nessuno ha optato per il voto segreto. Sin dall’inizio delle consultazioni si è profilata una pressoché unanime condivisione del modello ticket presidente-vicepresidente per garantire unità, qualità, esperienza e cambiamento insieme. Quasi tutti hanno formulato una proposta di ticket presidente-vicepresidente, pochi il nome del solo presidente. Molti hanno formulato due proposte di ticket come entrambe valide (es. Fabbri-Comi e Comi-Ceriscioli). In tutte le proposte di ticket avanzate è comparso il nome del segretario Francesco Comi, che, come candidato presidente, ha avuto un gradimento leggermente superiore a quello della Senatrice Camilla Fabbri, che pure ha ottenuto un ampio consenso. marginali le altre proposte”.

Lorenzo Guerini

Lorenzo Guerini

“Se il percorso delle consultazione per la ricerca della candidatura unitaria – ha ribadito Comi – non sarà soddisfacente abbiamo pronta l’organizzazione delle primarie che sono ancora praticabili visto che le elezioni regionali si terranno a maggio. A mio giudizio però ci sono ancora le condizioni per arrivare ad una scelta condivisa, autorevole e innovativa”. Per domani pomeriggio è stata convocata la segreteria regionale con la partecipazione del vicesegretario nazionale Lorenzo Guerini, e in quella sede verranno ufficializzati i risultati della consultazione. 

 

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X