Giorgia Meloni apre a Spacca:
“Dica però chi gli ha impedito
di fare ciò che voleva”

REGIONALI 2015 - La presidente nazionale di FdI-An a Civitanova chiama in adunata tutte le forze alternative al Pd: "Niente schemi precostituiti. Marche 2020 è una realtà alla quale guardiamo con interesse"
- caricamento letture
Giorgia Meloni fra Francesco Acquaroli sindaco di Potenza Picena e Carlo Ciccioli

Giorgia Meloni fra Francesco Acquaroli sindaco di Potenza Picena e Carlo Ciccioli

di Laura Boccanera

«Apertura verso tutti sulla base dei programmi – anche Spacca? – non escludo niente». Ampi orizzonti per Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia che batte tutti sui tempi della campagna elettorale e chiama in adunata tutte le forze alternative al Pd, centrodestra, ma anche civici e perchè no?, gli insoddisfatti dal centrosinistra. Anche Marche 2020 è la benvenuta visto che ciò che importa è il programma. Questo in sintesi l’intervento di Giorgia Meloni, oggi a Civitanova assieme ai vertici del partito e ai politici locali per incontrare imprenditori e mondo della marineria. E dal Cosmopolitan Carlo Ciccioli e l’ex Ministro della Gioventù lanciano un appello a riformulare la politica delle Marche, oltre gli steccati, sulla base di un programma di buon senso con al centro lavoro e sanità. Nella giornata civitanovese la Meloni ha incontrato anche imprenditori e mondo della marineria locale per concludere il tour con una cena con simpatizzanti e iscritti. Presenti al Cosmopolitan, tra gli altri, il portavoce provinciale di Macerata di FdI-An, Massimo Belvederesi, il portavoce regionale Carlo Ciccioli, il capogruppo e i consiglieri regionali Giulio Natali, Giovanni Zinni e Roberto Zaffini recentemente trasmigrato dalla Lega e il componente dell’esecutivo nazionale e sindaco di Potenza Picena, Francesco meloni civitanova  (2)Acquaroli. «Questa Regione deve essere l’avamposto in cui rovesciare equilibri politici consolidati,vorremmo fare delle Marche un laboratorio politico – ha esordito Carlo Ciccioli – da qui lanciamo un appello per un tavolo tecnico politico. Gran parte del centrosinistra sta uscendo dal Pd. La gente si aspettava un cambiamento che non c’è stato, da Grillo a Renzi, noi vorremmo dargli  voce. Per questo apriamo a tutti coloro con i quali abbiamo convergenze di programma, anche Marche 2020, so che è in corso la costruzione di due soggetti politici che non faranno più parte del Pd».
«Oggi lanciamo un appello a difesa dei cittadini marchigiani contro lo strapotere arrogante di certa sinistra – ha esordito la Meloni – un appello per tutti coloro che hanno a cuore la difesa del territorio senza schemi precostituiti. Il centrodestra come lo conoscevamo a livello nazionale è morto e non si può rieditare così com’è. Parliamo a quel centrodestra che vuole essere alternativo alla sinistra di Renzi». E sul Governatore delle Marche Gian Mario Spacca dice: «Abbiamo interesse per Marche 2020 non c’è preclusione, Spacca dovrebbe spiegare però chi gli ha impedito di fare ciò che voleva fare in questi anni. Oggi guardiamo alle persone di buon senso. Avremmo anche persone preparate per candidarsi con Fratelli d’Italia, ma non vogliamo progetti calati dall’alto, si deciderà sulla base di ciò che è meglio per il territorio e del candidato più convincente».

meloni civitanova  (4)

meloni civitanova  (3)

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X