La ricetta di Sandro Parcaroli:
«Più Europa, meno burocrazia
e liquidità per le imprese»

L'INTERVISTA - L'imprenditore titolare di Med Store e vice presidente di Confindustria: «Per la Fase 2 c'è da capire quali misure adottare per evitare una ripresa dei contagi. Le imprese chiedono di riaprire ed è essenziale per evitare una crisi di proporzioni inimmaginabili»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Sandro-Parcaroli_Med-Store_Foto-LB-2-650x433

L’imprenditore Sandro Parcaroli, titolare di Med Store e vice presidente di Confindustria Macerata

 

di Luca Patrassi

Sandro Parcaroli, vicepresidente di Confindustria Macerata, titolare di Med Store, ti spiazza dal primo approccio. «Da imprenditore chiuso dentro le mura della mia casa quello che mi manca di più è poter abbracciare le persone che amo, ma non posso farlo per la mia sicurezza e la sicurezza degli altri. Ho tempo però di riflettere e ripenso a tutte quelle cose che fino a poco tempo facevo a cui non davo il giusto peso e alle cose inutili a cui davo magari importanza».

Abbracci in famiglia, poi la sicurezza sanitaria per la fase 2…

«La preoccupazione è tanta sia per l’aspetto sanitario che per quello economico/finanziario. Inoltre poi mi interrogo su cosa succederà quando inizierà la fase 2 e torneremo ad uscire. Bisogna oggi ragionare sulle strategie da prendere in primis per la sicurezza sanitaria per scongiurare una seconda ondata di contagi e di morti. Credo che sarebbe opportuno prendere esempio dalla Regione Veneto che effettuando test a tappeto ha ridotto e rallentato di i contagi. La regione Veneto, ha fatto 100.000 test su casi sintomatici e asintomatici. Tracciamento dei potenziali positivi e poi dei familiari in contatto. Queste persone si sono messe in auto-quarantena volontaria. Fare ricorso alla tecnologia e all’analisi dei dati ci darebbe la garanzia di riprendere le nostre attività in sicurezza».

MedStore_Inaugurazione_FF-32-650x434

La nuova sede di Med Store

Da imprenditore, però, c’è un altro aspetto che dovrà considerare…

«L’altro aspetto è quello economico-sociale. Le imprese chiedono di riaprire, è essenziale per scongiurare una crisi di proporzione inimmaginabili. Le imprese hanno già messo in atto misure che tutelano la sicurezza e la salute dei collaboratori, dei clienti e dei fornitori. Dotazione delle mascherine e guanti per tutti i dipendenti con pannelli parafiato in plexiglass per quelli che sono al pubblico, con l’uso di prodotti per la disinfettazione delle mani, con la disinfettazione periodica dei locali, con postazioni di lavoro negli uffici a distanza, c’è anche chi ipotizza di fare test sierologici per tutti i dipendenti. Di certo il sistema imprenditoriale e lavorativo subirà dei cambiamenti, non sappiamo come potrà essere il lavoro dopo il coronavirus, ma è molto probabile che sarà diverso, adesso lo smart working è fondamentale per evitare una ulteriore diffusione del contagio penso che sarà però la strada da percorrere sempre più nel futuro».

Se dovesse indicare in pochi punti le linee guida su cui fondare la ripresa?

«Riprendere al più presto l’attività produttiva e commerciale, più Europa, meno burocrazia e liquidità immediata alle imprese».

Le maggiori preoccupazioni?

«L’impatto economico del coronavirus sull’economia mondiale è devastante. Le nostre principali preoccupazioni sono il perdurare del fermo delle attività produttive e commerciali, la troppa burocrazia italiana, la tutela della salute e dei posti di lavoro, la mancanza di liquidità delle imprese. Su quest’ultimo aspetto apprezziamo le prime risorse messe a disposizione dell’intero comparto economico purtroppo non c’è né velocità nella fruizione delle risorse da parte delle imprese né semplificazione delle procedure».

Ipad agli ospedali marchigiani: la donazione di Med Store mette in contatto malati e famiglie

 

L’avvocato si riscopre chef: «La mia quarantena tra i fornelli» E Parcaroli “reinventa” Vere Italie

«Medstore vuole essere un faro Ecco il nostro quartier generale» In un anno assunti 30 dipendenti

Una promessa e un cavaliere Così nasce CircolaMente: «Per aiutare le persone sole e fragili»

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X