Riempiono le bombole di ossigeno
ma i recipienti scarseggiano
L’appello a cliniche e ospedali

SANITA' - L'azienda Sapio di Fermo ha un'altissima capacità produttiva ma ha assoluta necessità di contenitori per non fermare il lavoro
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
bombole_ossigeno_sapio-3-325x244

Alcuni lavoratori della Sapio

 

«Restituite le bombole vuote». E’ l’accorato appello della Sapio, azienda di gas del Fermano che si occupa di riempire di ossigeno le bombole medicali, in questo momento più che mai necessarie in ospedali e cliniche.
«Abbiamo a disposizione il prodotto – spiega Cristian Caputo responsabile operativo del sito a Fermo che serve la maggior parte della regione – ma scarseggiano i recipienti per consegnarlo. Per questo stiamo avvisando con tutti i mezzi di restituirli per farci continuare a lavorare». I lavoratori stanno facendo con lo staff di trasportatori turni massacranti proprio per consentire che la produttività sia massima.  «Abbiamo grande capacità produttiva – sottolinea Caputo – voglia, responsabilità e coscienza ma se non abbiamo i recipienti non possiamo proseguire nel nostro lavoro».

(a.p.)

bombole_ossigeno_sapio-2-650x488

bombole_ossigeno_sapio-1-366x650

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X