Delitto di Pietro Sarchiè, depositata
relazione sulle parti di furgone trovate

IL GIALLO DI VALLE DEI GRILLI - Restano invece da completare le analisi sui telefoni e slittano i tempi per gli accertamenti sul dna
- caricamento letture
Il procuratore Giovanni Giorgio

Il procuratore Giovanni Giorgio

Delitto di Pietro Sarchiè, depositata la relazione sui pezzi di furgone che sono stati recuperati in vari punti e nelle disponibilità di alcuni degli indagati. Intanto slittano i tempi per gli accertamenti per gli esami del dna che inizieranno a metà ottobre.

Sono una delle chiavi dell’inchiesta Sarchiè le parti di furgone ritrovate in varie luoghi, e nel deposito di uno degli indagati, Santo Seminara (favoreggiamento e distruzione di cadavere le contestazioni), e a casa dei coniugi Domenico Torrisi e Maria Anzaldi (favoreggiamento). Al momento nulla trapela sul fatto se le parti di furgone siano o meno del furgone con cui Sarchiè vendeva il pesce. Ancora da completare le analisi su tecniche sui telefoni, la procura di Macerata è in attesa che la Vodafone fornisca i dati e che verranno depositati quanto prima in seguito al sollecito degli investigatori. Slittano invece i tempi per le attività del perito sulle analisi del dna sui reperti sin qui sequestrati, che inizieranno a metà mese. Intanto domenica a San Benedetto si terranno i funerali del commerciante ucciso. Sarchiè era scomparso lo scorso 18 giugno e venne ritrovato senza vita, sepolto in località Valle dei grilli a San Severino dai suoi assassini. Per il delitto di Sarchiè sono indagati, per omicidio, Giuseppe e Salvatore Farina.

(Gian. Gin.)

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X