Omicidio Alika, partita la Corte d’assise:
sentiti i primi tre testimoni
e visionato in aula il video del delitto

MACERATA - Aperto questa mattina il processo per il delitto avvenuto sul corso di Civitanova. Presenti in aula l'imputato, il 33enne Filippo Ferlazzo, e la moglie della vittima Charity. Esposto un cartello fuori dal tribunale. FOTO

- caricamento letture
Ferlazzo_prima_FF-1-650x433

Filippo Ferlazzo oggi al tribunale di Macerata

Al via oggi il processo in corte d’assise per il delitto di Alika Ogorchuwu, alla prima udienza sentiti tre testimoni, poliziotti che hanno svolto le indagini, e visionato il filmato in cui viene ripreso il momento dell’omicidio avvenuto in corso Umberto, in pieno centro di Civitanova, lo scorso 29 luglio. Il processo, in cui è imputato per omicidio volontario e rapina il 33enne Filippo Ferlazzo, salernitano, si è aperto con l’ok alla costituzione di cinque parti civili: moglie e figlio di Alika e quattro cognati, tutti assistiti dall’avvocato Francesco Mantella.

MoglieAlika_Ferlazzo_prima_FF-3-650x434

Charity Oriakhi

Non è stata invece accolta la costituzione di parte civile di una associazione di nigeriani, tutelata dall’avvocato Narciso Ricotta. Un’udienza subito operativa che non si è limitata all’apertura del processo e alle richieste di pm, difesa e parti civili ma è subito entrata nel vivo sia sentendo tre poliziotti che si sono occupati delle indagini (e in sostanza hanno confermato quanto scritto nei loro verbali), sia visionando il video in cui viene ripresa la morte di Alika. Un video integrale che mostra sia l’aggressione che i soccorsi da parte del personale sanitario.

Durante la proiezione la moglie del nigeriano ucciso, Charity Oriakhi, è stata accompagnata fuori dall’aula di udienza. Il processo è stato poi rinviato al 12 aprile per sentire la mamma dell’imputato e il datore di lavoro. Inoltre, su richiesta della difesa (Ferlazzo è assistito dall’avvocato Roberta Bizzarri) la prossima udienza verranno comparati i cellulari di Ferlazzo e di Alika. La difesa ritiene che non ci sia la rapina del cellulare che viene contestata a Ferlazzo ma che l’uomo si sia sbagliato a prendere il cellulare di Alika dopo l’omicidio, pensando fosse il suo. L’accusa al processo è sostenuta dal pm Claudio Rastrelli.

Ferlazzo_FF-4-325x217Prima del processo questa mattina si è riunita una piccola rappresentanza di nigeriani ed è stato esposto un cartello per chiedere giustizia per Alika, ucciso, secondo l’accusa, dopo aver chiesto l’elemosina a Ferlazzo e alla compagna (estranea alla vicenda). Proprio l’aver chiesto l’elemosina toccando un braccio della donna avrebbe scatenato la folle reazione del 33enne.

(Gian. Gin.)

(Foto di Fabio Falcioni)

MoglieAlika_Ferlazzo_prima_FF-4-650x434

MoglieAlika_Ferlazzo_FF-12-650x434

L’avvocato Francesco Mantella con Charity

 

Ricotta_Ferlazzo_FF-9-650x434

 

Ferlazzo_FF-3-650x433

Ferlazzo_FF-8-650x434

roberta-bizzarri-2-580x650

L’avvocato Roberta Bizzarri

Rastrelli_OmicidioCivitanova_FF-2-650x434

Il pm Claudio Rastrelli (secondo da sinistra) nel corso delle indagini

(Clicca qui sopra per ascoltare la notizia in podcast)

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X