Canil: «Due società per portare avanti
il progetto di calcio provinciale»

L'ASSE - Torna a parlare l'imprenditore veneto: «La mia volontà e' di andare avanti con Mosca e mettere le basi per la prossima stagione. Il Matelica giocherà in serie D, puntare su settore giovanile e creare una nuova Maceratese»
- caricamento letture

 

Canil

Mauro Canil

 

Il presidente Mauro Canil conferma che lui, insieme a Maurizio Mosca, crede ancora nell’asse Macerata-Matelica. Che il progetto di rinascita e rilancio del calcio provinciale non può più passare per il sogno ripescaggio in Lega Pro ma che potrebbe vedere la luce «mantenendo la S.S. Matelica a Matelica e attraverso una Nuova Maceratese a Macerata, ripartendo da campionati regionali», un chiaro riferimento alla proposta concreta presentata da Maurizio Mosca ad Alberto Crocioni, numero uno dell’Helvia Recina, come anticipato ieri (leggi l’articolo). «Nè il settore giovanile nè la S.S.Matelica sono stati mai messe in discussione, anzi il progetto provinciale che ho condiviso con un importante imprenditore maceratese, Maurizio Mosca, era ed è basato proprio sul settore giovanile del nostro territorio – dice il patron biancorosso in una nota – . In pochissimo tempo sarebbe possibile riportare il calcio che conta nel nostro capoluogo e coltivare il sogno di calcio giovanile». Il presidente del Matelica sottolinea: «Abbiamo tentato la strada del ripescaggio in Lega Pro e per questo siamo stati a Roma, purtroppo nessuna deroga ci è stata concessa. Nella prossima stagione, quindi, il Matelica continuerà a giocare in serie D al comunale Giovanni Paolo II». Poi Canil precisa la sua posizione nei confronti del sindaco di Matelica, Alessandro Delpriori. «Ho chiuso definitivamente con la politica a dicembre 2017. Nessuna lettera è finora pervenuta a me personalmente nè tanto meno alla società S.S.Matelica. Se il sindaco vuole e vorrà parlare con me, io sono a disposizione, anzi, lo invito a visitare il centro sportivo in località Boschetto per vedere che tipo di attività svolgiamo ogni giorno e di quanti ragazzi ci occupiamo».

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X