facebook twitter rss

Mauro Canil e Maurizio Mosca,
un treno che passa una volta sola

SOMMA ALGEBRICA - La prospettiva di un asse Matelica-Maceratese, oltre a rivitalizzare il calcio provinciale, pacificherebbe la tifoseria e sarebbe affidata ad un imprenditore di successo e al popolarissimo "Momo": un binomio di garanzia d’investimenti sportivi di livello, di serietà ed esperienza
lunedì 4 giugno 2018 - Ore 19:40 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Enrico Maria Scattolini

 

di Enrico Maria Scattolini

LA CONCRETA, STIMOLANTE PROSPETTIVA DI UN ASSE MATELICA-MACERATESE è naturalmente monopolizzante dell’attenzione generale (+++).

SAREBBE LA REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO, da tempo ipotizzato (+), che miracolosamente rivitalizzerebbe il calcio indigeno, dai più ormai considerato tumulato.

AVREBBE ANCHE IL POTERE (+) di pacificare le varie anime della tifoseria biancorossa, alfine compattandole verso il comune obiettivo di un importante ritorno all’attività che conta.

Mauro Canil

DI ASSOLUTO RILIEVO LA GESTIONE IN CAPO AL BINOMIO: MAURO CANIL E MAURIZIO MOSCA. L’imprenditore veneto (+) insistentemente – ma inutilmente sino a …. ieri – corteggiato dai maceratesi dall’anno scorso, all’insorgere delle prime difficoltà poi drammaticamente patite dalla propria squadra; ed il popolare “Momo”, ritornato provvidenzialmente in scena come salvatore della patria calcistica.

GARANZIA (+) d’investimenti sportivi di livello, di serietà ed esperienza.

LA QUALE POTREBBE GENERARE QUEL ”PROGETTO”, scritto tutto a lettere maiuscole, verso cui Mosca ha da sempre orientato la propria attenzione per risolvere la crisi calcistica locale. Fino ad ora però orfana di oggettivi riscontri (-).

«CON MAURO CANIL (+) potrebbe essere la volta buona», mi ha confidato l’altra sera Momo. Con un’espressione di robusta speranza che gli ha consentito di aggiungere«….si potrebbe addirittura andare oltre la terza divisione».

POTENTE CARDIOTONICO per il mio vecchio cuore biancorosso (+), ed anche soddisfazione personale per non aver desistito dal battagliare per il ritorno, in qualche modo, della Benamata all’Helvia Recina/stadio.

Maurizio Mosca oggi pomeriggio prima dell’incontro con il sindaco Carancini

FIDUCIOSO NELLA RESILIENZA (+) di isolati eroi ancora in circolazione e nei fermenti d’interesse pazientemente, ma anche diligentemente, coltivati sotto traccia.

ESEMPIO LA “CORDATA BERRE’ ”(+), di cui Maurizio Mosca è appunto il leader.

PERO’ I PIEDI (STAVOLTA QUELLI DEI TIFOSI) DEBBONO ESSERE TENUTI BEN SALDI A TERRA, dopo tante amare disillusioni (-).

RIFLETTENDO NEL FRATTEMPO SULLA DOMANDA (+) se i tempi di esecuzione di questa operazione siano conciliabili con l’eventuale alternativa Helvia Recina/società.

SAREBBE FONDAMENTALE (+), come clausola di salvaguardia, nel caso in cui, per un motivo o l’altro, l’ipotesi Canil non dovesse realizzarsi.

ALTRIMENTI SI SPROFONDEREBBE in una devastante replica dell’anno sabbatico (—).

LA TEMPISTICA NON SEMBRA FAVOREVOLE (-). Se si confrontano gli steps per arrivare all’esito dell’istruttoria della domanda ripescaggio fra i professionisti, che il Matelica avrebbe intenzione di presentare agli organi federali, con quelli (scadenza 15/24 giugno) per la formalizzazione della possibile sinergia fra i biancorossi ed il club del presidente Crocioni.

Romano Carancini, sindaco di Macerata

A PARTE ROBUSTI CASH A VISTA ED IMPEGNI FIDEJUSSORI che dovrebbero complessivamente sfiorare i seicentomila euro, l’iter del Matelica verso i professionisti non si prospetta agile per la sua posizione nella graduatoria di merito, risultante dai play off del Campionato Nazionale Dilettanti.

LO VALUTAVO L’ALTRA SETTIMANA con l’avvocato Cofanelli, appena reduce da una colazione amichevole, in un ristorante cittadino, con Gravina, Presidente della Lega Pro. E quindi a conoscenza dei fatti.

MA IL CARISMATICO CANIL avrà certamente la forza di dar corpo alla sua istanza. Sino alla soddisfazione finale (+). Nel contempo però offrendo alla controparte maceratese appropriate garanzie anche nel caso di permanenza del Matelica in serie D.

MI AUGURO che trovi nel sindaco di Macerata un partner deciso (+), riguardo alla disponibilità degli impianti sportivi che la sua Amministrazione potrà mettere sul piatto della bilancia.

QUESTI TRENI passano una sola volta!

Mosca rilancia l’asse Macerata-Matelica: «Progetto Canil ambizioso, unire le forze per la Lega Pro»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X