Sacchi e Pistarelli: “Polidori si dimetta,
Deborah è la nostra candidata”

MACERATA VERSO LE ELEZIONI - Scontro in Forza Italia. Pantana: "Brutta figura del partito". Risposta del coordinamento cittadino e del gruppo consiliare alla segretaria provinciale: "Gravi le sue dichiarazioni senza averci mai consultati. Dovrebbe lasciare l'incarico per manifesta inadeguatezza".
- caricamento letture
Da sinistra Lorena Polidori, Riccardo Sacchi, Fabio Pistarelli, Deborah Pantana e Francesco Luciani

Da sinistra Lorena Polidori, Riccardo Sacchi, Fabio Pistarelli, Deborah Pantana e Francesco Luciani

Deborah Pantana e Riccardo Sacchi in Consiglio comunale

Deborah Pantana e Riccardo Sacchi in Consiglio comunale

 

Richiesta rispedita al mittente. Deborah Pantana va avanti con la sua candidatura a sindaco di Macerata, nonostante lo stop arrivato dalla coordinatrice  provinciale Lorena Polidori (leggi l’articolo) che le aveva chiesto di farsi da parte in nome dell’unità del centrodestra. “Forza Italia non ha fatto una bella figura – commenta lapidaria la Pantana – e la risposta a Lorena Polidori la lascio al coordinamento comunale. Sono la candidata di tutti e continuo il percorso avviato con la mia coalizione, domani presentiamo la componente cattolica dello schieramento”. E a seguire, arriva come da lei stessa annunciato, la nota di Forza Italia Macerata firmata da Riccardo Sacchi, coordinatore comunale, Fabio Pistarelli, capogruppo consiliare, Gianluigi Bianchini, vice coordinatore comunale e Francesco Luciani, vice capogruppo che formalizza lo scontro interno ormai palese e senza dichiarazioni di circostanza:

Fabio Pistarelli e Deborah Pantana

Fabio Pistarelli e Deborah Pantana

«Le dichiarazioni della signora Polidori apparse sulla stampa ci costringono a questa replica. Nessuna dichiarazione della Polidori apparsa sui giornali, tantomeno l’ultima, è mai stata confrontata con il partito. Da ben otto mesi non viene nemmeno convocato il coordinamento provinciale. Ci dissociamo, pertanto, da quanto da ella affermato ad esclusivo titolo personale, ribadendo il nostro consenso unitario nei confronti di Deborah Pantana e rammaricandoci del male che uscite pubbliche come quelle della Polidori arrecano al nostro partito. Un segretario che senza aver mai consultato il proprio partito rilascia dichiarazioni a titolo personale in contrasto con il partito medesimo, ed in un momento così delicato, deve trarne le conseguenze dimettendosi per manifesta inadeguatezza.

Quella di Deborah Pantana è una candidatura voluta da numerose liste civiche formatesi intorno alla sua persona, insieme ad associazioni cattoliche ed impegnate nel sociale, che le riconoscono le caratteristiche giuste per opporsi al centrosinistra che ha ridotto Macerata a una larva. Il nostro coordinamento cittadino ed il gruppo consiliare hanno accolto questa segnalazione forte proveniente dalla gente, su cui, lo ricordiamo, sono confluiti anche altri cartelli del centrodestra cittadino, che insieme a noi hanno portato avanti l’opposizione consiliare in questi anni. L’occasione è propizia per ribadire una volta di più la nostra totale apertura verso tutte le altre forze di opposizione ed alternative al centrosinistra che non hanno ancora sciolto le riserve, invitandole ancora ad un confronto sereno, aperto e senza preconcetti, convinti, sino all’ultimo giorno utile, dell’importanza di costruire un’opzione alternativa di rinascita alla nostra città.

Peraltro, la candidatura a sindaco di Deborah Pantana ha ricevuto anche l’approvazione dei nostri rappresentanti nazionali di partito che hanno elogiato la scelta.

Noi di Forza Italia siamo pertanto uniti e concordi nell’intenzione di impegnare il tempo che ci divide dalle elezioni sul nostro programma, da definire dettagliatamente insieme ai cittadini, agli alleati e alla candidata sindaco, nell’esclusivo interesse del bene comune».

Quella creatasi all’interno di Forza Italia sembra essere a questo punto una frattura difficile da risanare. La segretaria provinciale rimprovera alla Pantana di non essere riuscita a creare un’aggregazione tra le forze di centrodestra. In realtà non è stata mai gradita la fuga in avanti della Pantana che la scorsa estate si è candidata sindaco dicendo di avere con lei sei liste civiche. Forza Italia Macerata aveva dichiarato di volere le primarie, ma poco dopo i forzisti del capoluogo sono confluiti sulla Pantana. Non è stata poi gradita da alcuni esponenti del partito l’alleanza con Casa Pound, ritenuta da molti una mossa azzardata che avrebbe allontanato le forze moderate. Resta il fatto che il nucleo storico di Forza Italia (Sacchi, Pistarelli e Pantana) non ha nessuna intenzione di fare quel passo indietro richiesto ieri dalla Polidori  sulla candidatura a sindaco.

(m. z.)

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X