Tamara Moroni

Tamara Moroni


Utente dal
4/3/2010


Totale commenti
500

  • I cinque candidati sindaco
    giovedì a confronto su CM

    1 - Set 9, 2020 - 3:53 Vai al commento »
    Mi spiace dirlo, ma ha ragione chi muove critiche a Parcaroli per le sue assenze pubbliche del tutto ingiustifìcate quale candidato a Sindaco di un Capoluogo di Provincia. Ma che glielo ha ordinato il medico di candidarsi a Sindaco di Macerata, viene da chiedersi?
  • I “moderati” per Parcaroli:
    Pantana e Popolo della Famiglia
    «Obiettivo vincere al primo turno»

    2 - Ago 30, 2020 - 12:05 Vai al commento »
    T'ho messo un mi piace, Deborah, ma non si vive alla giornata se hai un obiettivo comune e concreto di sconfiggere l'avversario. Messa così , la vittoria per Parcaroli sembra già scontata. E forse lo è, o lo sarà. Parcaroli, centrodestra, potrebbe vincere facile sull'amministrazione uscente per loro demerito, più che altro. Ma vorrei umilmente ricordare, che la strada elettorale è stata per tutti del cds spianata fin dal 2010, quando Fabio Pistarelli perse per soli 126 voti su Carancini. Ora,io non vorrei mai, che per l'incapacità strategico-comunicativa mostrata finora dal centrodestra che si sente già la vittoria in pugno, vada a finire esattamente come quella fatidica volta in cui Pistarelli, allora proveniente Consigliere da una legislatura in Regione, nella sua campagna elettorale si mostrava sui giornali come in visita da turista per caso a Macerata, fino a che tutti lo ricordiamo solo per le famose tapparelle da rifare del palazzo della Prefettura in Piazza della Libertà (che stanno ancora come stavano fin dai primi '900, ma senza più alcuna manutenzione da anni e anni). Doppia parentesi. ((Pare tocchi alla provincia provvedere: ma quale provincia, con quali poteri e quali soldi, dopo la psedudoriforma Renzi? )) Allora, vorrei far presente al Signor Parcaroli,che non ho il piacere di conoscere personalmente, perchè anche lui usa come tutti il prefisso RI- come rivitalizzare, riportare, rivivere , rigenerare etc. etc.- in ogni suo proposito d'azione di governo cittadino, se non ho mai letto neanche da lui un'analisi neanche spicciola del perché Macerata abbia perso negli anni il suo potere attrattivo di capoluogo di provincia? ma davvero, pensa che la destinazione dell'ex Upim sia quella di darvi luogo a botteghe di mestieri? Resto sbigottita! ma Signore mio! ne parlavamo già nel 2010 su questo stesso giornale col compianto Gian Mauro Maulo, lui da ex sindaco,riguardo una loro sede ben più opportuna dell'Ex Upim e che pure con tutti i problemi di parcheggio, allora, ci vedeva d'accordo a farli lì. Ma va da sé, che quelle botteghe, per chi conosce un pò la storia di Macerata, andrebbero messe al piano terra dello Sferisterio come collocazione ! Altre migliori idee e originali sul da fare per il centro storico e per Macerata , no, Parcaroli?
  • Renziani, socialisti e Demos:
    «Con Narciso esperienza e serietà,
    un sindaco non s’improvvisa»

    3 - Ago 27, 2020 - 17:22 Vai al commento »
    Filippo Davoli.Puoi non essere d'accordo, e pazienza, ma hai capito benissimo quello che ho detto e sintetizzo : non è necessaria una lunga stagionatura nel sistema politico per poter fare il sindaco. E aggiungo adesso, che non è necessaria neanche a garanzia per farlo bene. Questo in generale, sempre. E comunque a priori nessuno può sapere se un candidato si rivelerà o meno un sindaco capace. Ognuno prima punta sul suo cavallo, certo, poi chi lo può sapere? Che Narciso Ricotta faccia leva su quello che lui pensa sia un suo punto di forza,come una sorta di priorità acquisita sul campo, per sbaragliare la concorrenza meno o per niente esperta di politica, fa benissimo dal canto suo. Ma siccome ogni medaglia ha il suo rovescio, per opposti motivi, i suoi avversari puntano tutto sul loro handicap di gioco per sconfiggere quel certo nepotismo che affligge il sistema politico quando da lungo tempo non c'è un ricambio al potere.E in questo, involontariamente, il candidato di centrosinistra dà loro un assist non da poco quando insiste sui fatti, perché parlare di fatti evoca anche il non fatto, il fatto poco, il fatto male, etc.e dà così modo agli avversari di presentargli il conto. La partita aperta è tutta qui: tra chi può vantare di aver fatto, e perciò solo ricevere il premio, e chi alla sua prima prova, di saper fare per vincere il premio. Non c'è altro per me, a parte lo schieramento politico che divide i vari competitor; cioè, almeno per me, Filippo, non è assolutamente in discussione la caratura di nessuno dei singoli candidati. Il finale però, certo non sarà lo stesso se a vincere sarà l'uno o l'altro. Da una parte si prospetta una continuità col passato di cui Ricotta ne è il volto, dall'altra una soluzione di continuità che porterebbe facce nuove e un'aria nuova. Naturalmente, con tutte le incognite di chi lascia la via vecchia per la nuova. Un caro saluto.
    4 - Ago 26, 2020 - 20:20 Vai al commento »
    Non me ne voglia Ricotta né nessuno dei tanti suoi sostenitori , ma basta con questo refrain che il solo candidato di sinistra abbia tutte le carte in regola per fare il prossimo sindaco in dispregio a tutti gli altri!Anche perché, tutto è, tranne espressione di democratici voler tenere il monopolio e non lasciare ad altri l'alternanza amministrativa. Aperta parentesi. Mi sono letta sul sito del Comune di Macerata la storia di tutti i suoi sindaci dall'Unità d'Italia in poi, ed ho visto che sono stati pochi, pochissimi, tutti quelli che hanno finito il loro mandato.Alcuni addirittura hanno governato aluni mesi solo. Tanto che, Macerata conta dal 1861 in poi, ben 18 commissari prefettizi, contro 4 o 8 di altre importanti città italiane del centro Italia. E quindi ho potuto vedere anche, che Giorgio Meschini e Romano Carancini, sono stati i due sindaci di più lunga durata.Il che vuol dire, che uno nato a Macerata nel 2000 ed oggi ha 20 anni, non conosce altro che questa Macerata. Così anche quelli che hanno 25 e 30 anni. Chiusa parentesi. Questo ritornello di Ricotta ormai somiglia troppo a quello di Bennato...è una ditta specializzata, fai un contratto e vedrai che non ti pentirai. Dacci tutta la tua fiducia e noi faremo di te un divo da hit parade! Ma da quando serve una specializzazione pluriannuale per candidarsi a sindaco di un Comune? Che il Comune è forse una ditta privata o pubblica dove serve esperienza e presentare il curriculum vitae per aspirare a rivestire la poltrona di primo cittadino ?
  • L’Arco della ricostruzione
    Il trionfo dell’ipocrisia

    5 - Ago 25, 2020 - 0:05 Vai al commento »
    MMMàh!quello, più che un monumento alla ricostruzione sembra un requiem aetarnam alla ricostruzione -come dire " mettiamoci una pietra sopra", anche due o tre- così per metà un pò Stonehenge, come fosse il resto archeologico di un arco primitivo sospeso tra passato e futuro, un pò rinascimentale per la forma e i colori dei materiali tipici dell'architettura toscana del periodo, quindi più evoluta. Ma magari è proprio questo che l'artista voleva significare col suo simbolismo...boh! ormai tutti sono artisti concettuali. E tutti incompresi.
  • «Cannabis terapeutica introvabile,
    vivo nel terrore di tornare a soffrire»

    6 - Ago 24, 2020 - 16:15 Vai al commento »
    Scusate tutti se ci torno sopra, ma vorrei essere più chiara, e nel mio piccolo, per la mia esperienza di vita e di conoscenza con chi soffre di malattie invalidanti come quella di cui è afflitta la signora, un tantino più concreta. Non si può sentire,infatti, che una persona dica di essere terrorizzata all'idea di tornare a grandi sofferenze dopo un periodo di sollievo e di ripresa della propria qualità di vita, perché un dato rimedio farmaceutico non è più disponibile. E tutto perché, da come si evince dall'articolo e dalla parata di scudi di farmacisti e dell'associazione interessata, sembrerebbe, che per la paziente in questione l'unica terapia utile sia la cannabis. Ma nessuno dei tanti che l'hanno in cura, ha mai detto alla signora che per quanto riguarda la sua patologia, in un percorso di medicina integrata nella terapia del dolore, un aiuto efficace, risultante da casistica, sta nell'agopuntura, per esempio, di cui si avvalgono molte strutture pubbliche ospedaliere? E probabilmente anche in altri validi aiuti provenienti dalla medicina naturale non convenzionale, che oltre ai sintomi, si occupa anche degli aspetti psicologici che interessano la particolare patologia di cui non sono ancora comprese bene le cause organiche,e da altre pratiche mediche come fisioterapia e pranoterapi. Certo, se la signora le abbia provate tutte o in parte in passato senza risultato, questo non lo posso sapere; qui di certo c'è solo che, per la fibromialgia, a livello regionale c'è chi spinge verso l'uso esclusivo della cannabis a scopo terapeutico, e non come in altre regioni italiane come l'Emilia Romagna che da tempo ormai prevede l'agopuntura come valido sostegno nella terapia del dolore. Quindi io direi, consiglierei, alla redattrice dell'articolo di fornirci, oltre il caso specifico, anche un quadro complessivo di come il nostro sistema sanitario delle Marche affronti questo tipo di percorso clinico.Anche perché, tutti i disturbi invalidanti cui fa cenno la signora per la sua patologia, riguardano- come ho fatto riferimento- tanti pazienti oncologi come effetti collaterali delle cure antitumorali, in primis la chemio, poi la radio, e infine quelle ormonali, procurando gli stessi dolori a livello muscolo-scheletrico e la stessa c.d. " fatigue" nello specifico. Allora sarebbe interessante, penso, sapere come per tutti questi pazienti nelle Marche vengano gestiti questi effetti a livello farmacologico o di cure complementari. O c'è solo la cannabis (indisponibile) come unica cura per tutti?
    7 - Ago 23, 2020 - 18:27 Vai al commento »
    Ma che razza di problemi oh, legati alla terapia del dolore.Ma lasciate perdere, fatevene una ragione, rassegnatevi, quando c'è chi ogni santo giorno ,nello stesso ospedale, affronta cure ben più invasive , necessariamente tali, contro il cancro. Ma lasciate perdere , và.Fatevi un giro in reparto oncologia, poi mi direte quanta importanza ha la cannabis!ma magari risolvesse! .
  • Farabollini: «Strategia dell’abbandono
    e assenze imperdonabili?
    Irrispettoso per l’impegno del Governo»

    8 - Giu 20, 2019 - 1:35 Vai al commento »
    Bravissimo, Commissario Farabollini, nella replica a chi rispetto a lei non ha un incarico così importante ma vive di sole parole, di suggestioni, di fanatismo partitico e/o religioso ,di semplici opinioni espresse sui giornali, e che pure si sente giudice e giudicante . Con lo sblocca cantieri dell'altro ieri ,in Gazzetta Ufficiale n. 140 del 17 giugno 2019, finalmente avrà gli strumenti legislativi adatti per poter dare il via alla ricostruzione, perché finora è valso il detto " chi mal fa mal pensa", e da qui ogni zeppa, ogni intralcio burocratico, firmato Partito Democratico e suoi precedenti commissari nullafacenti, che conoscendo bene tutti il sistema degli appalti, vedi Coop , vedi ultimi scandali Consip, hanno pensato bene di paralizzare tutto a prova di ladro. Da qui il fermo ricostruttivo, costato milioni di euro solo per la messa in sicurezza degli edifici tra strutture in legno e acciao, quando se si procedeva direttamente alla demolizione e ricostruzione si sarebbe speso quantomeno la metà e le persone tutte sarebbero già tornate nelle loro case. Per non parlare delle "alte scelte" in ragione turistica nelle zone terremotate coi fondi degli sms solidali del Presidente di Regione Marche, Ceriscioli, con le piste ciclabili, per fortuna ritirate dallo stesso. Le auguro buon lavoro Commissario, ché ne ha!
  • L’imperdonabile assenza di Farabollini

    9 - Giu 19, 2019 - 17:31 Vai al commento »
    Non è assolutamente vero come scrivi , Cambriani, che questo governo "ha abbandonato una volta per tutte l'emergenza terremoto, dopo averla cavalcata per ragioni elettorali" poiché è recentissimo il decreto sbloccantieri di questo governo. QUESTO, governo, che libera di lacci e lacciuoli burocratici i precedenti decreti del PD coi suoi commissari in materia. Diamo tempo al tempo a partire da qui: appaltiecontratti.it/2019/06/17/sblocca-cantieri-in-g-u-il-testo-della-legge-di-conversione/
    10 - Giu 19, 2019 - 3:17 Vai al commento »
    Un encomio , perciò, al Commissario Farabollini da parte mia, per non essersi presentato domenica scorsa a quella diretta, e così non rivelatosi il solito baciapile del Clero. Duro certo è il suo compito, ma vivvaddio, scevro da ogni dipendenza da chiunque altri fuori dallo Stato italiano cui tocca la ricostruzione, di cui prima si auspica quella civile ed abitativa perché ci sono persone in carne ed ossa da rimandare nelle loro case, poi delle chiese, POI e solo poi!! e son vuole aspettare la Chiesa, se le ricostruisca da sola coi propri capitali laddove in ogni Comune marchigiano, umbro o laziale, ce ne sono 10 per ogni abitante: fatti suoi! Solo fatti suoi!
    11 - Giu 19, 2019 - 2:38 Vai al commento »
    Meglio Farabollini che si è sottratto a questa buffonata molto sotto al pari a quella che avrebbero fatto volentieri al suo posto i tuoi amici De Micheli ed Errani, che prima di lui non hanno fatto proprio un bel nulla per più di due anni, ma che quando c'è da spaparazzarsi col dire parole vuote sono sempre in prima linea, loro, piddini!
  • Il Papa “terremotato”
    fa il giro del mondo,
    messa con 1,5 milioni di spettatori in tv

    12 - Giu 19, 2019 - 2:13 Vai al commento »
    Papa terremotato un cavolo! Solo per aver indossato cosa, un caschetto largo in visita a due chiese inagibili in zona rossa con la macchina papale? ?Beeeella come immagine, ma resta il fatto che nessuno di questi giornalisti sappia rispondere alla mia domanda su QUANTO, quanto, ci è costata la visita del Papa in mondovisione che nulla crea e nulla cambia ai terremotati!C'è chi dice 300.000 euro. Sarà sì, sarà no, in epoca internet tutto può essere, ma un quantum, voi giornalisti che scrivete, giustappunto sui giornali quotidiani, ma sapete dirci quanto ci è costato al netto dell'elicottero privato della Santa Sede? Ma che è come il terzo mistero di Fatima saperlo? Ma daje che lo sapete, solo che non volete dirlo!Ma quanto,quanto, quantooooo è costato a noi? E per cosa poi? Per due parole di speranza?
  • La lunga attesa per il Papa
    volontari al lavoro dalle 2,30
    Maxi servizio d’ordine

    13 - Giu 17, 2019 - 4:39 Vai al commento »
    Mentre insidacabile nel cuore e nello spirito di ognuno resta l'emozione e finanche l'euforia per la visita del Pontefice per gli abitanti di Camerino e tutti i fedeli giunti da ogni parte per l'occasione ( dove però occorre dire anche, che si sono viste poche Sae e tutte abitate da anziani ultraottantenni a fronte di una zona rossa disabitata ricca di palazzi che invece farebbero pensare tra fiocchi rosa e fiocchi blu ancora sulle porte da quel 2016, a chissà quale spopolamento di un Comune dove l'anagrafe è mista fra giovani, meno giovani e anziani, decisamente sproporzionato tutto perciò ad una diretta in mondovisione, come se l'emergenza terremoto fosse tutta lì a livello abitativo, in quei pochi nuclei familiari visitati dal Papa, uno per uno max 10, forse la metà ) chiedo ai due giornalisti estensori di questo articolo, Maurizio Verdenelli e Monia Orazi: poiché da giornalisti siete sempre inclini a fornire ogni dato di cronaca , si può sapere quanto è costata questa visita del Papa a noi Stato Italiano nello spiegamento di forze che avete citato? Sapete darne una quantificazione? 400 uomini, di domenica,a servizio in moto, a cavallo, con ogni mezzo... più personale sanitario e mezzi di soccorso. QUANTO IN TUTTO per un evviva il Papa?
  • Marcorè lancia il terzo RisorgiMarche:
    «C’è ancora bisogno di dare una mano»

    14 - Giu 9, 2019 - 1:02 Vai al commento »
    @Paolo Meschini. Siccome, mi pare di capire, lei sia un altissimo intellettuale sdegnoso di commenti semplici come il mio, nel quale mi limitavo a dire che Marcoré, con la sua mano santa , lascia poi tutto come trova finiti i concerti estivi, Le dedico un testo consono alla sua spiccata altezza: Le nuvole di Fabrizio De André.Spero apprezzi l'alta citazione, seppure inferiore e più modesta , certo, alla sua di Giovanni Falcone( che qui, fra l'altro, non c'entrava una beata cippa!)Saluti cari! Vanno vengono ogni tanto si fermano e quando si fermano sono nere come il corvo sembra che ti guardano con malocchio Certe volte sono bianche e corrono e prendono la forma dell'airone o della pecora o di qualche altra bestia ma questo lo vedono meglio i bambini che giocano a corrergli dietro per tanti metri Certe volte ti avvisano con rumore prima di arrivare e la terra si trema e gli animali si stanno zitti certe volte ti avvisano con rumore Vanno vengono ritornano e magari si fermano tanti giorni che non vedi più il sole e le stelle e ti sembra di non conoscere più il posto dove stai Vanno vengono per una vera mille sono finte e si mettono li tra noi e il cielo per lasciarci soltanto una voglia di pioggia.
    15 - Giu 8, 2019 - 18:53 Vai al commento »
    Marcorè, di grazia! e in che che sono consistite ,invece, in sostanza, sostanza in money, le tue precedenti manifestazioni per quelle località? No, facci capire, perché qui sennò sembriamo tutti un branco di scemi che non apprezzano lo sforzo artistico di chi come te.
  • Papa day, conto alla rovescia:
    Camerino sarà blindata
    Le clarisse attendono Francesco

    16 - Giu 8, 2019 - 16:20 Vai al commento »
    Camerino è blindata da 3 anni per la zona rossa, anche senza l'arrivo del Papa per la gioia, anche, delle 7 /8 o quante sorelle rinchiuse in monastero, che della vita fuori sanno quanto? Camerino, come tutti i nostri centri terremotati, altro che vita da clarisse da 3 anni!Con la differenza, che i loro cittadini non hanno fatto voto di clausura. Spero, che almeno il Pontefice si porti dietro il suo elemosiniere elettricista che qui serve davvero, e più che legalmente.
    17 - Giu 8, 2019 - 14:17 Vai al commento »
    La visita del Papa a Camerino come il vecchio spot di Luisa: "arriva presto, va via presto, e non pulisce il water": lo profuma solo! https://www.youtube.com/watch?v=i6wfsR2X9cI
  • La Cassazione ha deciso:
    «Illegale la cannabis light»

    18 - Mag 31, 2019 - 2:12 Vai al commento »
    Massimiliano Macellari, la legge n.242 che ne consentiva il commercio è del 2016. Domanda: chi c'era al Governo nel 2016? Il PD. Ma adesso, a parte il cambio di Governo, la Corte di Cassazione a sezioni unite, si è espressa contro la sua vendita. Questa è la legalità, oggi, piaccia o non piaccia, mentre il Questore Pignataro, con la massima tempestività, non fa altro e sempre che far rispettare leggi e sentenze.
  • E’ morto Giancarlo Berdini:
    esponente attivo di sinistra e Pd

    19 - Mag 4, 2019 - 23:41 Vai al commento »
    Mi dispiace veramente tanto. Non lo conoscevo di persona, ma eravamo in contatto fb nonostante le nostre divergenze in tema politico-partitico, dove però ci siamo trovati in comune col no alle trivelle del referendum Renzi. Che dire? oggi a te domani a me. Ciao Giancarlo!
  • «Il Chimismi di Tulli
    vittima dell’inconsapevolezza»

    20 - Mag 2, 2019 - 22:59 Vai al commento »
    Tanto la professoressa con lo stipendio assicurato che scrive facili articoli sul giornale locale, non risponderà alla mia umile richiesta di spiegazione sulla "grand'opera" andata persa, per colpa , anche, di semplici lavoratori, muratori, operai. A me, insisto me pare una ca..ta quell'opera muraria che è caduta giù oltretutto dal soffitto come uno sputo. Una decorazione su soffitto senza particolare pregio artistico, riproducibile da un chiunque allievo talentuoso dell'Accademia di Belle Arti e non, e il cui significato e bellezza continua a sfuggirmi.
    21 - Mag 2, 2019 - 18:55 Vai al commento »
    Gent.ma professoressa Milena Mengoni, può cortesemente illustrarmi il valore e il significato dell'opera perduta "Chimismi" in ogni particolare, dettaglio e contesto dell'arte contemporanea? p.s. che esagerazione confrontarla all'incendio de Notre Dame de Paris!p.p.s. lei se la prende coi muratori? i muratori non sono tenuti a studiare storia dell'Arte, sennò facevano gli insegnanti come lei, o no?
  • Pasticcio Tulli, Marchiori interroga:
    «Danno incalcolabile, quali direttive
    sono state date all’impresa?»

    22 - Mag 5, 2019 - 0:00 Vai al commento »
    Scusate tutti, da Davoli e opposizione in poi: ma se nessuno conosceva quest'opera e il suo " inestimabile" valore,ma di chi è la colpa?Voi opposizione, vi svegliate cone sempre quando le vacche sono scappate dalle stalle? nnamo su! ce fate o ce marciate? non ve posso sentì lamentarvi, come se non fosse vostro diritto-dovere intervenire laddove l'amministrazione langue.
    23 - Mag 3, 2019 - 13:35 Vai al commento »
    E niente. Macerata de li vrugnulò, che cò un ossu de vrugna ce fece un armadiu, un comò, e cò quello che je vvanzò, 4 sedie e un tavulì! Basta non toccà Macerata, mai, che gli strali...ahahahahah
    24 - Mag 3, 2019 - 2:00 Vai al commento »
    Nessun problema , Filippo Davoli, da parte mia: ogni tuo parere in campo artistico, per me è legge, tanta è la mia stima nei tuoi contronti. Ciò detto. Quante opere di Peschi siano in mano a Pasolini non lo so, lo scopro ora da te, ma so esattamente dove stanno a Macerata e dintorni le sue opere presso abitazioni private. Sottolineo abitazioni in quanto non si tratta di opere museali, di sculture da tavolo, ma di vere e proprie sculture-pareti, facenti parte dell'arredo, della divisione spaziale.Per quanto riguarda Tulli e l'affresco andato perso, Filippo, sarò ignorante, ma non mi sento di aver perso niente di che! Tutto dipende dall'Amministrazione comunale ora. Vuole ripristinare l'affresco dichiarandolo un rifacimento? va bene! non vuole rifarlo perché andato distrutto? va bene uguale! Ma chi, sinceramente CHI, sente questa mancanza?
    25 - Mag 2, 2019 - 16:30 Vai al commento »
    Sì certo, Marchiori,ogni opera d'arte è unica, ( e irripetibile, tranne citare W. Benjamin "L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica", ma non è questo il caso trattandosi di opera muraria) però parlare di danno incalcolabile mi sembra eccessivo. Non è venuto giù il soffitto della Sala dell'Eneide a Palazzo Buonaccorsi.Dispiace certamente questa perdita nel contesto di tutto il patrimonio artistico del capoluogo, ma ogni opera d'arte ha un suo particolare pregio e di conseguenza una sua stima, che dipende da vari fattori tra cui,l'epoca, la fama dell'artista, la tecnica pittorica o scultorea. E a proposito, adesso evado e vado oltre il precipuo fatto di cronaca per farle una domanda. Umberto Peschi, ad esempio, scultore maceratese. Oltre ad essere presente nei musei-Collezione del '900 Italiano a Palazzo Ricci, Macerata; Pinacoteca Comunale di Macerata; Pinacoteca di Arte Contemporanea di Smerillo; Galleria Regionale di Arte Moderna e Contemporanea di Sassoferrato- alcune delle sue opere, vuoi fatte per amicizia vuoi su commissione, sono tutt'ora in abitazioni private come elemento funzionale e d'arredo dislocate tra Macerata città e Corridonia. Per quanto io sappia. Poi, può anche essere che ce ne siano altre nelle vicinanze o altrove. Naturalmente i proprietari di tali case e appartamenti sono bene a conoscenza dell'opera e del valore del Peschi che hanno in casa. Ma poniamo per pura astrazione che questi appartamenti o case venissero venduti o abbattuti per vari motivi; poniamo arrivasse un compratore X che non apprezzi l'arte, che di quella imponente quanto bella scultura posta lì come divisorio cucina o zona notte e giorno non sa che farsene e voglia rinnovare in tutto spazi e arredo: quelle opere di Peschi, avvocato Marchiori, andrebbero inesorabilmente perse perchè di proprietà privata? A me sembra un assurdo per assurdo, se anche per abbattere una quercia bisogna chiedere permesso al Comune. A lei la risposta.
    26 - Mag 2, 2019 - 2:27 Vai al commento »
    A parte il fatto che è di un artista locale e merita ogni rispoetto, a me questa sembra un'enorme ca..ta, non riportata in nessun manuale di Storia dell'Arte e mai considerata da alcun critico come opera d'eccellenza. Sembra più un copiaticcio tra un tardo Matisse, un Klee o Mirò, ma in peggio, senza alcun senso e messaggio artistico oltre il decorativo, il tratto e la cromia. Comunque, se così fosse stato procurato un incalcolabile danno a parer vostro, fate bene a chiederne ragione. Chi meglio degli illustri avvocati d'opposizione ne sanno?loro, che mangiano pane e arte a colazione pranzo e cena !?
  • Distrutta l’opera di Wladimiro Tulli
    Pasticcio nel cantiere al Lauro Rossi

    27 - Mag 3, 2019 - 15:42 Vai al commento »
    Marina Santucci. Ho capito male io, o questo era un affresco, un'opera muraria, e non un quadro trasportabile? Ma se è caduto giù come uno sputo dal soffitto, chi aveva interesse a trafugarlo? Le cose succedono durante i lavori: datevi pace per una decorazione dai più ignorata! Non è caduta la Cappella Sistina!
  • Quella volta che don Enea
    fece entrare un cane in chiesa

    28 - Mag 3, 2019 - 0:17 Vai al commento »
    Come sempre, brava e puntuale , per me, la mia mai indimenticata professoressa Donatella Donati.
  • «Per mio marito il cane era un figlio,
    l’ho portato alla messa in ricordo
    e il frate mi ha ripresa di fronte a tutti»

    29 - Apr 27, 2019 - 18:45 Vai al commento »
    Vergognati frate! Tu, e tutti quelli come te che qui hanno commentato contro la presenza dell'amico, familiare e fedelissimo cane in Chiesa. Tutta la mia solidarietà, Signora Eugenia. Condoglianze. Se lo ha detto un Santo come Giovanni Paolo II, chi è sto fraticello per fare tante storie nella chiesa di San Francesco a Macerata? Chi è agli occhi di Dio? https://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1990/01/11/giovanni-paolo-ii-anche-le-bestie-hanno.html
  • Forza Italia alza la testa,
    Sacchi proclamato coordinatore:
    «Non accettiamo lezioni dalla Lega»

    30 - Apr 14, 2019 - 2:25 Vai al commento »
    Penosi tutti. Pirandello: Sei personaggi in cerca d'autore. Piglierete 'na cracca...e vi starà bene, uomini e donne mobili.Non sapete neanche voi chi siete e che volete. Basti dire che siete tutti avvocati o ricchi e straricchi. Ma chi vi segue?Chi vi dovrebbe votare? chi vi si ca..?il popolo? ahahahahah! Ma pensate alle famiglie vostre, ai vostri uffici,affari e altarini, ché è meglio!se Macerata spera in questo centro destra- con Tacconi che va de qua e de là, un Mosca che sovvenziona lo Sferisterio però...coi suoi attacchi e distinguo all'amministrazione in quanto in affari costituzioniali e la Menghi che si risveglia e attacca solo adesso sulle piscine...- ma votate a questo punto Narciso Ricotta, che è una garanzia di continuità e amen!
  • Spaccio, condanne quasi dimezzate:
    Awelima e Desmond restano in carcere

    31 - Apr 9, 2019 - 13:23 Vai al commento »
    4 anni e 6 mesi da scontare nelle carceri nigeriane. Non mi risulta siano profughi, e anche qualora lo fossero, soggiornano qui immeritatamente vista la loro attività illecita, perciò via da qui e al più presto!
  • Sciapichetti: «Romano fermati,
    evitiamo strade senza ritorno»

    32 - Apr 9, 2019 - 0:45 Vai al commento »
    Io non lo so, non so più , quello che è diventata Macerata. So, che se fosse vissuta ancora mamma mia, nonna mia, native di Ficana, avrebbero detto illo tempore" Patre, figliu, e spiritu santu!" Ma come si fa , come si può giungere a una tale resa di conti dopo tot anni che governa un sindaco con tanto di stesso emblema di partito che lo critica, e a cui ha aderito la maggioranza tutta in amministrazione finora , a cui e di cui però solo oggi si comincia a fare le pulci in tasca! MA DOVE STAVATE INTANATI FINORA, SCIAPICHETTI & COMPANY? Hé ? DOVE?
  • Congresso delle famiglie a Verona,
    50 docenti Unimc si schierano contro:
    «Preoccupanti le idee diffuse»

    33 - Apr 1, 2019 - 19:41 Vai al commento »
    Per prima cosa vorrei chiedere all'elenco dei signori docenti: da quando, credenze, valori, idee e convincementi personali, fino ai gusti e le opinioni personali, la Fede, vengono determinati con metodo scientifico? Come si procede? col microscopio o col telescopio? E come vengono poi infusi nelle menti e nelle coscienze individuali? Che io sappia, a Macerata le varie facoltà sono tutte umanistiche e interdisciplinari, quindi io penso che piuttosto "imporre" la propria supremazia intellettuale alla platea di lettori , sarebbe più appropriato aprire le porte dell'università per un dibattito pubblico sui temi toccati A partire dalla prestigiosa Facoltà di Filosofia , dove l'apertura di pensiero, la dialettica e ogni forma di ragionamento regnano da sempre sovrani, anche quando la discplina di studio è Filosofia della Scienza, Filosofia Morale, Etica. L'altra cosa che vorrei sapere da loro, è se questo metodo scientifico di stampo umanistico abbia gettato alle ortiche millenni di cultura, da Socrate " So di non sapere" ad Aristotele. Quando leggo, infatti, perentoriamente che è sbagliato "equiparare l'interruzione volontaria di gravidanza all'omicidio" mi chiedo se abbia ancora validità il pensiero aristotelico "dell'essere in potenza e l'essere in atto"; il divenire. Il seme- diceva il filosofo- è un essere in potenza, la pianta che diverrà quello in atto. Così come un bambino non è ancora un uomo ma è quello che in potenza diverrà. E allora la domanda che porrei è questa: chi, e a quale stadio di vita umana, decide che una volta generato quell’essere in potenza nel grembo materno ( e in atto, secondo il divenire del suo sviluppo dal primo minuto, minuto dopo minuto, giorno dopo giorno fino alla nascita ) non sia un delitto dell’uomo che sarebbe diventato senza la volontaria interruzione di gravidanza? E perché allora, paradossalmente e diversamente, ai laboratori dove si pratica la procreazione assistita avvalendosi di embrioni congelati ne è impedita la distruzione se non utilizzati? L’embrione non è uno stadio di vita inferiore ad un feto? Gli embrioni non si possono distruggere un feto sì, non è omicidio: quale riposta dà in merito il vostro metodo scientifico sul grado di rispetto della vita umana tutta? E in ultimo. Non sarebbe ancora il caso su un tema così delicato, anziché asserire, ritornare a quei concetti tanto chiari per i greci che avevano due termini per indicare il concetto di vita, bìos e zoé, o fare ricorso a quelli di “ nuda vita” e Homo sacer” riattualizzando così anche il pensiero di quel grande docente di Estetica che per anni ha insegnato a Macerata , G.Agamben?
  • Gentiloni, seconda uscita
    da presidente Pd
    «Viva Macerata, non è il Bronx»

    34 - Mar 23, 2019 - 21:31 Vai al commento »
    Iacobini. Ah bhè, se la frase intera era questa...cambia tutto. E io, che pensavo fosse merito tutto del nuovo questore Pignataro...
    35 - Mar 23, 2019 - 18:34 Vai al commento »
    Vorrei inoltre far presente al Presidente Gentiloni, che il paragone col Bronx è stantio ; del tutto fuori contesto. Del famigerato Bronx, oggi resta solo lo stereotipo, mentre a Macerata è ancora presente e viva la delinquenza in strada,di notte e di giorno, insieme ad ogni altro recente ricordo di cronaca , che le belle chiacchiere non hanno potere di cancellare con un colpo di spugna. https://www.ilpost.it/2013/06/05/bronx/
    36 - Mar 23, 2019 - 17:56 Vai al commento »
    L’aquilone, Giovanni Pascoli. C'è qualcosa di nuovo oggi nel sole,anzi d'antico: io vivo altrove, e sento che sono intorno nate le viole. Son nate nella selva del convento dei cappuccini, tra le morte foglie che al ceppo delle quercie agita il vento. Si respira una dolce aria che scioglie le dure zolle, e visita le chiese di campagna, ch'erbose hanno le soglie: un'aria d'altro luogo e d'altro mese e d'altra vita: un'aria celestina che regga molte bianche ali sospese... sì, gli aquiloni! etc.etc.
  • La vita di Pamela alla Pars:
    «Difficoltà a rapportarsi con la realtà,
    ci fu un episodio di autolesionismo»

    37 - Mar 13, 2019 - 22:39 Vai al commento »
    nonché rispondere la Pars del perché è scappata, perché è stata fatta allontanare da maggiorenne, senza documenti, senza cellulare, senza soldi: tutte cose che avrebbero potuto cambiare la sua sorte. Che si voglia denigrare in tribunale la giovane vittima ai fini di dimostrare minore colpevolezza del principale indagato mi mette solo i brividi!
    38 - Mar 13, 2019 - 22:16 Vai al commento »
    Questa testimonianza no, proprio non si può leggere. Pamela, appena diciottenne, con tutte le turbe e i disagi di una ragazza con tutti i suoi problemi e disagi , proprio per cui stava in una comunità, non può , non dev'essere infangata oltre quanto già subito. Qualunque cosa abbia fatto lei in comunità non interessa più ora. A noi tutti interessa come è stata trattata, curata, assistita clinicamente fino all'ultimo dalla PARS di Corridonia.
  • Migranti nel bus per Barcellona,
    incubo per due autisti della Crognaletti:
    la gendarmerie li chiude in cella per ore

    39 - Mar 12, 2019 - 16:46 Vai al commento »
    Domanda: ci sarà qualche autorità in Francia che denuncerà per sequestro di persona un suo Ministro per due lavoratori italiani arrivati regolarmente su gomma e non gommoni nei loro confini? No! perchè solo il PD, la sinistra, le toghe rosse, i buonisti del kaiser, gli imbecilli e antipatrioti tutti, ci hanno reso grandissimi zimbelli agli occhi d'Europa e del mondo.
  • Frasi choc, l’Asur sospende Troiani:
    15 giorni senza lavoro

    40 - Feb 15, 2019 - 18:54 Vai al commento »
    Ma certo...ma che ce ne frega se è un bravo medico o no? Importante è essere antifascisti e tenere un profilo pubblico da politicamente corretto, no? Puritti nù.
  • Micam, il bilancio degli imprenditori:
    «Ripartiamo dalla Shoes Valley»

    41 - Feb 14, 2019 - 18:30 Vai al commento »
    Pardon: non un milione, ma 1 miliardo di allora, per un'impresa con 3 dipendenti in tutto e che perlopiù faceva export.
    42 - Feb 14, 2019 - 18:24 Vai al commento »
    E no, sennò! hai voglia tu... a mettere pollici versi: mi fate un baffo! finché non si è entrati nel mercato globale, nell'euro e l'Europa, la nostra regione Marche era a capo della manifattura calzaturiera insieme alla Lombardia al Micam. Ne so qualcosa personalmente io, che nel 1982, da dipendente di un'industria locale calzaturiera, portammo a casa ben circa 1 milione di commesse in 3 giorni. 1 milione di allora: capito?
    43 - Feb 14, 2019 - 17:45 Vai al commento »
    "Shoes valley"...ma parla come magni! La zona delle scarpe, questo era e questo è.
  • Insulta i caduti della Grande guerra
    Gli eredi invitano la 22enne multata:
    «Nessun rancore, venga alla nostra festa»

    44 - Feb 15, 2019 - 21:12 Vai al commento »
    Oggi, capirai,senza più leva obbligatoria, siamo tutti , e di più, antimilitaristi. Alla Franco Pavoni davanti una tastiera. Ma che credete, che quei giovani di leva 1917/1918, fra cui mio nonno Romeo, siano andati al fronte a cuor leggero e per fare una passeggiata? Ma vergognatevi anche voi che li insultate per il non rispetto della loro memoria, insieme alla signorina abitante in via 226° Reggimento!
    45 - Feb 15, 2019 - 18:17 Vai al commento »
    Franco Pavoni: ma ancora insisti? hai fatto il soldato in trincea , tu, o anche solo il militare di leva senza essere riformato? Perché a questo punto dubito...
  • Muffa nelle sae, Terre in Moto:
    «Situazione grottesca e avvilente»

    46 - Nov 30, 2018 - 16:43 Vai al commento »
    E né nei Tg nazionali, né nei tanti talk show, se ne parla; troppo impegnati da ormai 5 mesi i giornalisti della stampa nazionale a denigrare il governo qualsiasi cosa faccia - e ora poi, figuriamoci, se trovano il tempo "col clamoroso scandalo" papà di Maio, per occuparsene come meriterebbe con una bella inchiesta. Il marcio c'è e si vede tutto. Ma non è certo quello che mostrano le pavimentazioni realizzate con materiale fra i più scadenti, che neanche nelle cucce dei cani avrebbe dovuto essere utilizzato. Specialmente a suon di migliaia di euro a metro quadro.
  • Avvocatessa fa il saluto romano,
    caso al Consiglio di disciplina
    «Non ho commesso illeciti»

    47 - Nov 30, 2018 - 20:02 Vai al commento »
    Sembra chiaro che oramai, in mancanza d'altro argomento da parte della sinistra, sia iniziata una vera, propria, e subdola caccia alle streghe col rinvenire foto e diffondere a mezzo stampa post o commenti scritti su fb per poter bollare chiunque abbia idea diversa come fascista. Se questa è la loro idea di democrazia, a me fa veramente paura! O loro al governo, o l'Italia precipita nel fascismo.Come se, solo essi fossero depositari di tutto: del pensiero politico, economico, di giustizia. No...non ci siamo proprio, signori miei! La vostra, è dittatura di pensiero. Pensiero unico. Che vorreste imporre con ogni mezzo che sa solo di retorica stantia, di partigianeria senza più partigiani veri; solo tesserati di partito. Però, alla stessa stregua di richiamo ai principi dettati dalla professione verso questa avvocatessa che sa ben difendersi dalle accuse giunte , per giunta, in anonimato , non mi risulta lo stesso eccesso "di legittima difesa" da parte della corporazione avvocatizia tutta , per quelle parole pronunciate dall'avvocato Borgani a difesa di uno dei due Awelima, in quei giorni terribili del ritrovamento del corpo fatto a pezzi di Pamela mentre entrato nell'appartemento di Via Spalato dove si era consumata una vera macelleria umana, disse " Nella casa c'erano anche impronte di Matteo Salvini e di Giorgia Meloni". Ma certo! subito capito e scusato dall'Ordine, dopo aver precisato - senza suscitare il minimo humor nel pubblico dei lettori- "Era solo una battuta." Battuta di pessimo gusto nella migliore delle ipotesi e sicuramente fuori luogo in quel lugubre contesto. Per lui, però, nonostante abbia offeso del tutto a sproposito , intenzionalmente o no, due rappresentanti di forze politiche democratiche, non è stata avviata nessuna azione disciplinare: perché? Ma cosa è più realmente minatorio per le nostre basi democratiche? Un saluto fascista di un avvocato in una cerchia circostritta di nostalgici riuniti a Predappio, oppure chi dall'interno del nostro sistema giudiziario e nell'esercizio della professione manifesta apertamente e impunemente le sue idee politiche di segno diverso ? https://www.cronachemaceratesi.it/2018/02/07/nella-casa-impronte-di-salvini-e-meloni-il-legale-solo-una-battuta-non-volevo-offendere-nessuno/1063985/
  • Il procuratore generale Sottani:
    «Inaccettabili le offese
    ai legali di Oseghale»

    48 - Nov 28, 2018 - 11:34 Vai al commento »
    Letti diversi commenti tutti improntati al "politically correct" sotto gli articoli inerenti al processo di cui unico imputato il nigeriano Oseghale ,e che hanno riscosso un discreto- per quanto relativo- 5/10 voti su migliaia di letture- successo in termini di pollici verdi, mi discosto dal loro essere pecora benpensante, accomodante, e provinciale. Il guaio è, che noi italiani siamo tutti Cesare Beccaria, finché non veniamo colpiti da vicino negli affetti più cari. Mentre in Francia, a Parigi, capitale della Rivoluzione da cui due secoli fa è nata la democrazia occidentale, manifestanti costituiti da operai, pensionati, impiegati, tutti agguerriti contro il caro carburanti frutto delle politiche del Primo Ministro francese scaricano quintali di letame davanti casa sua, Macron così replica: auspico il "dialogo" per placare le tensioni nel Paese a seguito delle proteste dei gilet gialli. Macron ha altresì riconosciuto che è "normale" che la gente esprima frustrazione". Ecco la lezione di democrazia che viene da oltralpe. Invece qui che accade? che la casta giuridica, sprezzante nei confronti del sentimento popolare che manifesta davanti un tribunale dopo 10 mesi da un orribile fatto di cronaca, fa quadrato attorno gli avvocati di difesa, come se così si potesse imbrigliare la rabbia dei parenti, degli amici, dei conoscenti della vittima, della società civile tutta. Qui signori, benpensanti tutti, non si tratta di mettere in discussione il sacrosanto principio del diritto alla difesa e il giusto processo, ma di rendersi conto che la difesa di Oseghale affidata non ad uno ma ben due avvocati contro uno solo della vittima, che per circostanza fortuita è anche lo zio di Pamela, costituisce un fatto di per sé amorale che non può essere in alcun modo difeso da alcuno in quanto Oseghale di certo non fruisce del gratuito patrocinio che per le nostre leggi non può essergli concesso per almeno tre requisiti : è un pregiudicato per reati di spaccio; al momento dei fatti contestati non era in possesso di regolare permesso di soggiorno; il suo reddito frutto di traffici illeciti è superiore agli 11.493,82 euro, visti gli ammontari da lui spediti alla famiglia in Nigeria che abbiamo appreso a mezzo stampa. Pertanto, buon senso richiederebbe astenersi dallo schierarsi verso chi non ha certo bisogno di essere difeso in qualità di avvocato, piuttosto mostrarsi tolleranti contro un vivo e sano sentimento di rabbia anche se espresso sopra le righe come avvenuto due giorni fa davanti al tribunale di Macerata. Senza contare, che Oseghale non avrebbe dovuto neanche trovarsi più qui a Macerata o in altre parti d'Italia, già precedentemente al delitto di Pamela, per cui lo Stato ,con tutti i suoi derivati, è il primo dei colpevoli che dovrebbe sedere sul banco degli imputati per lo strazio inflitto alla famiglia Mastropietro.
  • Droga, dai casi di Pamela e Desirèe
    al cattivo esempio di Rocco Schiavone:
    tra disinteresse e contrasto di facciata

    49 - Nov 1, 2018 - 15:23 Vai al commento »
    Gianfranco Cerasi.Capisco la logica sottostante al tuo ragionamento, della serie " se non riesco a combattere il mio nemico me lo faccio amico, lo anniento in questo modo." Ma se la droga venisse legalizzata, prodotta e venduta a prezzo politico dallo Stato in regime di monopolio, non credi che il mercato parallelo continuerebbe ad esistere e prosperare seppur non agendo più in tal caso nell' illegalità per quanto concerne la vendita del prodotto droga, ma in quanto concorrente nei confronti dello Stato monopolista ? un pò come succede per le sigarette di contrabbando. E allora: che risparmio di energie si avrebbe sulle forze dell'ordine e la GdF? che si risolverebbe contro la malavita, contro lo spaccio illecito, se non un diverso trattamento penale per i trasgressori che sottraggono utili allo Stato? Io non lo so come la pensi un tossicodipendente , ma credo,che tra il procurarsi la dose presso una farmacia dove verrebbe identificato, tra le due opzioni, Stato-privato, opterebbe comunque per la seconda se gli è data possibilità.
    50 - Ott 31, 2018 - 18:35 Vai al commento »
    Tutte giuste e condivisibili le obiezioni sollevate dall'avv.Bommarito nella sua fotografia del reale, a partire dalla necessità di più informazione attraverso gli incontri coi giovani nelle scuole fino ad una diversa normativa penale per gli spacciatori insieme ad un maggiore inasprimento delle condanne anche quelle preventive. Ciò detto, però, ahimé, al di là di ogni volontà ed impegno sociale, temo, convinta, che anche con tutte queste forze spiegate in campo, nulla verrebbe risolutivamente risolto in tema droga, tanto quanto hanno effetto le scritte sui pacchetti di sigarette per i fumatori come “ smetti di fumare, vivi per i tuoi cari” e similpeggio; e non verrebbe risolto, perché il tutto viene affrontato in campo preventivo e legislativo senza l'affondo dovuto sulle cause della piaga sociale che si sta allargando a macchia d'olio, la quale ha origine da tre motivazioni sostanzialmente di cui una, la perdita di valori e orientamento , due, il consumismo sfrenato di cui fa parte la mercificazione degli esseri umani,e tre, il valore ormai nullo della parola libertà, per cui, dove c'è merce c'è mercato. E che mercato affaristico con la droga! Senza pari. Bommarito, nel suo articolo, fa esplicito richiamo all’assenza di genitori e personale docente all’incontro pubblico con Don Merola, ma le famiglie, la scuola, chiediamoci seriamente : quanto possono incidere in questa lotta impari con chi della droga fa business? Prendiamo per primo le famiglie, che certo hanno la loro bella responsabilità nel merito , ma io smonto subito il loro carico verso i figli che scelgono strade diverse da quelle impartite. Porto, infatti, il facile esempio della famiglia Cucchi, che tutti conosciamo per il tragico fatto di cronaca. Dei tanti loro figli conosciamo i due fratelli, Stefano ed Ilaria, di cui uno , il primo, s’è perso completamente nel mondo della droga, l’altra , invece, ben sana e piantata a terra per come abbiamo potuto conoscerla nelle sue battaglie per la morte ingiusta del fratello Stefano, eppure, entrambi cresciuti ed educati dagli stessi genitori. Passiamo ora alle scuole. Se una colpa hanno le scuole, non è certo perché latitanti sul tema droga: nossignore! La scuola è cambiata da fine anni ’60, fino a che si è arrivati al non rispetto alcuno dell’autorità docente col dare del tu e le pacche sulle spalle ai loro insegnanti da parte degli alunni. Ultimissimo caso di cronaca, non a caso, vede in un liceo del nord Italia tirare una sedia dalla classe ad un’insegnante di storia con prognosi di 5 giorni. Ora: vogliamo restare coi piedi per terra o no ? Ma che vi credete, anche, che gli insegnanti non abbiano anche loro gli stessi problemi coi loro figli che lasciano a casa , a giocare a pallone per strada, mentre vanno alle riunioni di consiglio e che mentre si assentano i loro figli magari frequentano compagnie sbagliate? Ne conosco io di casi del genere. Di insegnanti e genitori irreprensibili che si sono ritrovati con figli drogati senza neanche capirne il perché e il per come. E veniamo in ultimo alle compagnie sbagliate. Certo è, che non si possono rinchiudere in casa i nostri figli nonostante i pericoli che corrono quotidianamente . E a questo fine mi viene in soccorso la favola di Pinocchio, che nonostante tutte le raccomandazioni di babbo Geppetto, del grillo parlante e della fatina, trasgredisce ai consigli di tutti coloro che vogliono solo il suo bene per seguire Lucignolo fin nel paese dei balocchi , con le conseguenze che conosciamo : si trasformano tutti in somari. Ultimissima riflessione fuori tema sui nostri giovani: quelli che abbiamo allevato noi . Leggo le cronache ogni giorno, e quando purtroppo capita che un giovane muoia per una malattia o un incidente stradale, rabbrividisco al fatto che partecipino in massa alla morte, al lutto, con una tale rassegnazione che si esaurisce tutta con un lancio di palloncini bianchi o azzurri o rosa e con frasi del tipo “ Ora il cielo ha un angelo in più”. Ma per favore! gli angeli! ma chi vi ha inculcato che esistono gli angeli? i preti pedofili che incontrate a catechismo? E andiamo su! la chiesa sta facendo schifo per mille motivi, quindi cari ragazzi: pensate alle vostre vite finché ci siete, e vivetevela tutta la vostra vita nel pieno dei vostri anni , senza farvi del male mai!
  • Terremoto, Morgoni boccia il Governo:
    «Nel decreto Genova il nulla»

    51 - Ott 23, 2018 - 0:33 Vai al commento »
    Morgoni, a prova di bomba, IL NULLA CHE ADDEBITA A CHI DEVE ANCORA COMINCIARE VA TUTTO TUTTO, PROPRIO TUTTO, AL SUO PARTITO DI GOVERNO , IL PD, i suoi commissari, la regione o le regioni, e la De Micheli compresa, in carica fino a qualche giorno fa in pieni poteri entro i 40 giorni previsti tra una nomina e l'altra. Quindi, la sua è da considerarsi una piena autocritica per quanto fatto fin qui da voi, dal suo governo? ?Sembra tanto di sì. Tanto per cominciare, infatti, intanto il nuovo Governo ha 5 mesi di vita e non 8 come da lei detto, considerato che il Presidente del Consiglio Conte ha fatto il suo giuramento il 1° giugno ed ha ricevuto la fiducia del Parlamento il 6 giugno 2018. Cominciamo col dire la verità tutta, intanto. Per quanto riguarda i terremotati poi, per decenza, lei come PD, dovrebbe restare zitto ,muto, per secoli nei secoli, e per i ritardi nelle consegne delle casette,delle stalle, e per i materiali usati degni-ma che dico degni, di meno- delle cucce per cani pagati l'ira di Dio in compenso e che chiedono vendetta e verifica- Ma un pò di vergogna no: Morgoni? Ma chi le da tanto fiato per discorrere invano? per chi, o per quale sua incoscienza?
  • Natale sui pattini in piazza della Libertà

    52 - Ott 12, 2018 - 0:41 Vai al commento »
    Mahhhh, no, dài! ma veramente? che bbotta de vita e che novità a Magerada! ve sete sprimuti tutti! se vede:) lo ha fatto persino pure anni indietro il vicino comune di Montecassiano nella sue piazze e piazzette ...complimenti vivissimi per l'originale iniziativa...ahahahahahah
  • Massimo D’Alema a Macerata:
    «Per Traini una pena esemplare»

    53 - Ott 12, 2018 - 0:16 Vai al commento »
    Mi limito ad una semplice osservazione estetica: ma che gran belle facce ritratte in prima fila da intellettualsensibilcomunistidiritornoassuefatti tutti! me cojoni...!
  • «A Civitanova le mongolfiere non volano»

    54 - Ott 10, 2018 - 3:32 Vai al commento »
    Che pena mi fai GV.proprio una grandissima pena.
    55 - Ott 9, 2018 - 12:31 Vai al commento »
    Signor Giuseppe vallesi, mi scuso con tutti se le rispondo sotto articolo a caso da quello appropriato al suo intervento in cui mi chiama in causa con un' ironia del tutto fuori luogo per il solo fatto che ho usato termini riferiti ne " Il Popolo di Traini", ma non mi va di di andare in moderazione lì sotto ed aspettare i tempi lunghi e a discrezione della redazione essendo io commentatore certificato con tanto di carta d'identità. Ma signor Vallesi Giuseppe, le chiedo: ma cosa ha capito di quanto ho riportato con tanto di virgolettato , non essendo miei i concetti e gli esempi alla base della sociologia del pensiero di Durkheim, e scritto giusto per elevare un pò il tono dell'articolo e dei commenti sottostanti? si lasci dire che ha travisato tutt. Rilegga bene e mi chieda scusa anche : io non ho dato del razzista a nessuno: tutt'altro! con ciò, cordiali saluti a lei G.V. e con buona pace dell'italiano e di chi non lo capisce.
  • Piero Farabollini
    commissario alla ricostruzione
    L’annuncio ufficiale arriva da Di Maio

    56 - Ott 5, 2018 - 1:27 Vai al commento »
    Bene così. Finito, finalmente , il cicaleccio e il balbettio di commissari incapaci, incompetenti, politicamente servi di partito come nominati dai precedenti governi del PD. Buon proficuo lavoro, professore!
  • Il popolo di Traini

    57 - Ott 8, 2018 - 14:16 Vai al commento »
    I cretini a me sembrano quelli che non riescono a sviluppare neanche due righe di commento su un argomento tanto complesso, da semplificare tutto in " popolo di Traini=popolo di cretini".
    58 - Ott 7, 2018 - 17:48 Vai al commento »
    Vorrei ora invece dare una mia risposta squisitamente in chiave sociologica alle domande fatte da Bommarito nel suo primo commento, queste:” E comunque, vorrei chiedere agli esaltatori di Traini come conciliano queste loro celebrazioni con il pentimento dello stesso Traini e le sue scuse presentate alle vittime effettive e a quelle potenziali del suo raid. E come conciliano queste loro celebrazioni con la totale e netta presa di distanza da Traini di tutti i familiari di Pamela Mastropietro.” Nelle domande che poni, parli di pentimento, scuse, presa di distanza, ma sai bene, Giuseppe, che, come anche il perdono, sono termini che rientrano tutti in una sfera d’ azione individuale e quindi ricadono esclusivamente nei soggetti che li compiono, e dunque, non utili a comprendere la dimensione del fenomeno esteso all’esterno dello stesso Luca Traini, come se questo ormai si fosse sganciato da lui, dal suo gesto, ma vivesse di vita propria; cosa che, senza se, è esattamente quanto è stato . Per questo, serve rivolgersi ad una lettura in chiave sociale partendo dai fondamentali della sociologia , da Durkheim e “Il fatto sociale” e dell’agire sociale che riassumo qua e là per punti nodali: “Fatto sociale :“Modo di agire, di pensare, di sentire esterno all’individuo, appartenente alla comunità, che costituisce comunque un punto di riferimento ineludibile per l’individuo, che su di esso modella la propria identità.” “Il punto di partenza del discorso sociologico di Durkheim è quello secondo cui i fatti sociali sono indipendenti dagli uomini. Come se la società non fosse un complesso di relazioni conflittuali in cui i continui adattamenti reciproci alle continue sollecitazioni reciproche non generano azioni quali strategie umane in cui veicolare i propri bisogni e i propri desideri. Possiamo tralasciare la credenza aprioristica che costruisce l'illusione degli individui secondo cui quelle azioni, in cui vengono veicolati i propri desideri e la propria libido, siano in grado di raggiungere gli obbiettivi immaginati, ma non possiamo dimenticare che qualunque azione fa l'uomo, qualsiasi sentimento esprima, qualsiasi emozione provi, si tratta di risposte alle sollecitazioni della società in cui vive. Una società che mette in atto azioni nei suoi confronti e a quelle azioni l'individuo risponde. Solo che, quando parliamo di società che agisce nei confronti del singolo individuo, non parliamo della società come astrazione, ma parliamo di individui che agiscono attraverso ruoli sociali e che, in quei ruoli, investono le loro strategie d'esistenza, le loro emozioni e le loro azioni. “ “Il fatto sociale non è portatore del solo fatto in sé stesso. Non è un oggetto in sé con una propria capacità di inferire nelle decisioni delle persone, ma è portatore di tutti i fatti che hanno costruito le condizioni affinché quel fatto si esprimesse.” “Gli uomini sono legati da relazioni emotive. L'uno è legato all'altro mediante la struttura emotiva che si esprime attraverso la percezione empatica. Affinché si verifichi che la relazione empatica trasmetta il messaggio ad altre strutture emotive di altri uomini, è necessario che concorrano elementi capaci di legare le rispettive strutture emozionali con degli interessi, intenti, bisogni, progetti e scopi in modo da far sorgere, nelle persone, la tensione che "è possibile rimuovere un ostacolo per la propria vita". In sostanza, non riesci ad incitare al linciaggio del "nero" se le altre persone non percepiscono quella presenza come minacciosa, immaginano un ostacolo per la propria vita e pensano che l'azione collettiva, alimentata da rabbia, li nasconda, individualmente, abbastanza da assicurare loro una certa impunità." E così concludo questa breve carrellata di concetti appartenenti alla disciplina sociale qui richiamata e che spero sia servita più ad illuminare la portata sociale dell’azione messa in atto da Traini che del suo gesto e poi del pentimento individuale rispetto alle tue domande, trovando io in questi strumenti di analisi tutte quelle spiegazioni di quanto da lui compiuto e che, voglio ricordare, c'erano tutte sullo sfondo al momento del fatto quali condizioni preesistenti del suo agire sociale: droga, comunità di recupero, disagio giovanile, immigrazione irregolare con permesso di soggiorno scaduto per Oseghale, reato diffuso di spaccio , stupro, e infine delitto con ritrovamento di cadavere fatto a pezzi. E voglio anche aggiungere a margine ,che proprio alla luce di questa lettura, pur non essendo io un avvocato, se però fossi stato il suo avvocato di difesa non avrei puntato sulla perizia psicologica a dimostrazione che è lui il malato,il deviato, quando è l'intera società in cui viviamo tutti che è malata ed ammala i singoli individui che ne fanno parte fino al punto che alcuni mettono in pratica atti inconsulti. Dietro il gesto di Luca Traini c'è un' enorme responsabilità sociale di cui in sede di processo andava tenuto in conto. Altro che sentenza equilibrata!
    59 - Ott 6, 2018 - 14:44 Vai al commento »
    Condivido in maniera totale, parola per parola, l’intervento della signora Angelelli, cui segue questa mia riflessione sul concetto chiave da lei espresso che non può essere negato, e che se negato in nome del “ politicamente corretto” ,rischia di diventare una potente miscela esplosiva in ogni singola coscienza e specialmente in quella collettiva, quindi: massima attenzione anche da parte degli organi di stampa a quello che si chiama “principio di realtà”. La prendo alla larga per arrivare al punto. In ogni sceneggiatura filmica che si rispetti, ci sono sempre due figure contrapposte in cui il pubblico immedesimarsi per poi alla fine parteggiare per contrasto a tanto male e cattiveria umana con quella del buono: una è , difatti, quella dell’eroe positivo, l’altra quello negativo. Se i noti e c.d. fatti di Macerata fossero la trama di uno sceneggiato (magari, lo fossero stati) ebbene , a fronte dell’eroe negativo, Luca Traini, che nel soggetto potremmo chiamare “il vendicatore, il giustiziere solitario”, non ci sarebbe dall’altra parte l’eroe positivo con cui schierarsi come spettatore. E’ un dato di fatto, se per contro all’elemento scatenante della follia omicida nata nella mente di Traini, troviamo un vero assassino , o quantomeno in attesa di giudizio, una persona brutale , spregiudicata, vigliacca, disumana, capace di tutto fino a fare a pezzi il cadavere di una diciottenne in casa sua per liberarsene dopo avere avuto con lei rapporti sessuali, e da spacciatore abituale, fornitale anche una dose di droga. A meno che nel seguito della narrazione, per alcuni ma non per tutti, questa figura positiva venga vista come incarnata da una serie di manifestazioni e cortei di chiaro stampo politico di parte contro Traini perciò che per essi rappresenta, ossia il fascista, il razzista che spara e ferisce dei neri in quanto neri, e non perché Oseghale il suo antagonista sia di pelle nera, no, da cui l’aggravante di odio razziale in sede processuale, anche se, prova contraria non c’è, che comunque Traini avrebbe sparato nel mucchio di qualsiasi altra etnia se a commettere l’abominio sul corpo di Pamela fosse stato uno o più che non abbia avuto la pella nera, ma anche bianca o gialla o. E, a meno che ancora, il riscatto per il pubblico spettatore non giunga attraverso la corte di giustizia con una sentenza avvertita unanimemente come una giusta condanna nei confronti del personaggio negativo di questa trama, ahimé reale. Il film non è ancora finito, ma dalle testimonianze riportate nei commenti in articolo, per ora lascia insoddisfatti una metà e oltre degli spettatori. E questo è un altro fatto . Passo ora all’altro piano, quello che si scontra col principio di realtà messo in luce dalla signora Angelelli e purtroppo sottovalutato da chi oggi di sinistra: il sentimento popolare. Ma mi sono già dilungata abbastanza quindi vado di corsa su quest’aspetto fondamentale, per cui sarebbe necessario a tutti noi un ripasso di Storia nel ricordare che, mentre ci formavamo sui nostri libri di Storia, abbiamo dovuto scorrere pagine su pagine, capitoli su capitoli, prima di riuscire a maturare un concetto di Popolo non più come massa indistinta, “ il popolino che ragiona di sola pancia” ,fino ad arrivare finalmente nel secolo scorso al Popolo come unità capace di esprimersi e di rispetto nel suo sentire ,senza schernimento, senza reprimende da qualsiasi alto, senza etichetta di sorta, fino ad oggi , tornati alla deriva per cui chi è del popolo e per il popolo , paradossalmente pensato da parte della sinistra, viene degradato a semplice populista; termine bruttissimo e indegno da addebitare in una democrazia di popolo sovrano quale la nostra sancita nella Carta costituzionale . No signori occultisti: nascondere la polvere sotto il tappeto con la negazione della realtà a sé stessi e agli altri, serve solo ad incrementare la sporcizia e fomentare la cenere ardente sotto il fuoco che sembra spento con pericolosi processi di massa nella storia che, come risaputo, ha i suoi corsi e ricorsi.
  • Missione zona 30:
    esperimento riuscito

    60 - Set 24, 2018 - 18:00 Vai al commento »
    Marina. E' sì la solita storia quando si vuole piegare la realtà alle proprie vedute senza tener conto delle contingenze; e qui alcune variabili , alcune, sono : strade vecchie , strette, in salita, usurate, coperte da vegetazione e in alcuni casi con un manto d'asfalto che ai lati misura 10/15 cm per i continui rifacimenti sopra su sopra, e con - vedi Strada Regina, vedi quella che porta a Potenza Picena, e lungo tutta la vallata del Potenza- ai bordi della sede stradale che risulta più elevata dei campi sottostanti , dei fossati, delle scarpate non so di preciso come si chiamano, alte più di 1 metro , che ogni volta che incontro uno o più anche ciclisti in fila indiana lungo quelle strade, tremo al pensiero di sorpassarli alla giusta diistanza sicurezza quasi pari a quella di un veicolo per la sede stretta, e al pensiero che basta uno spostamento d'aria di un mezzo pesante dall'altra direzione che sopraggiunge per buttarli di sotto e farsi male tutti, e più di tutti, il c.d mezzo più debole. Spostano le macchine i tir lungo la Regina,figuriamoci una due ruote. Ecco, lì ad esempio: come ci sono divieti sotto certe cilindrate per i ciclomotori in autostrada, andrebbe fatto lo stesso divieto ai ciclisti lungo certe strade come la Regina in quanto rappresentano un reale pericolo per sé stessi e per gli altri. In città come Macerata vedano loro se il caso. La pelle è la loro . Cicaré si lusinga dichiarando che non ha ricevuto alcuna lamentela perché forse i tempi ora sono maturi. Peccato solo, Cicaré, che l'esperimento è avvenuto di domenica quando la gente non lavora e può andare a 30 all'ora, non è stressata per affari suoi, non è distratta dai suoi pensieri, non deve portare i figli a scuola, non deve andare alle poste, in banca, a fare la fila, e oltretutto, in una bella e soleggiata domenica di settembre che ha visto fare il pieno sulle nostre spiagge, e, senza ancora, che in città ci fossero altri eventi e appuntamenti. Le vogliamo mettere in conto allora tutte queste variabili o no? Ah. Sulla piccola rotatoria di Villa Potenza. Mi è stato fatto rilevare che da quando c'è sono diminuti gli incidenti in quel punto. Ma non sarà invece merito del fatto che quasi più nessuno -a meno che non sia diretto dentro Villa Potenza- ci passa più preferendo , da e per Macerata, fare la strada nuova che costeggia il nuovo campo sportivo ? Pensate anche a questo.
    61 - Set 24, 2018 - 0:21 Vai al commento »
    Va vè che li maceratesi se lamenta de tutto ma pò gnotte tutto, ma metti che uno X capiti Macerata- notoriamente città " di pianura "- e si trovi ad andare a 30 all'ora per fà spazio a li ciclisti, mai sai li gorbi che ve manna a tutti quanti voi e li vostri esperimenti? Le strade, le carreggiate, sò fatte giuste giuste per le macchine e non per i ciclisti: lo volete capì? Per chi va in macchina e azzarda un sorpasso ad un ciclista rischia più di un sorpasso ad un veicolo: rischia l'automobilista che invade l'altra corsia e rischia -il ciclista. Guarda caso quest'articolo propaganda Cicaré-Comune di Macerata- Ciclostile ( gli stessi che hanno realizzato qualche anno fa altri esperimenti a 30 all'ora scritti addirittura su asfalto, lasciandoci poi in eredità quella meraviglia di minuscola rotatoria a Villa Potenza nelle vicinanze della Farmacia Costantani , che non si sa a che serve lì) compare in home l' articolo di un ciclista investito ed in gravi condizioni. L'acqua per in su non ce và oh! Inutile!
  • “Cambiare” significa due cose:
    migliorare ma anche peggiorare

    62 - Set 24, 2018 - 1:20 Vai al commento »
    Comunque, Liuti, più la leggo e più mi convinco che la sua vuol essere una sorta di mission, di funzione che si è dato, per cui ogni volta coi suoi interventi tenta di ammantare di un rosa cipria la realtà della città di Macerata. Ma, ahilei, non funziona.Non funziona. Può constatarlo bene dai commenti alla sua rubrica: tutti contrari. Perché non prova per una sola volta a dire espressamente, senza veli di sorta, quello che prova davvero? Diversamente, se sta tanto bene in questa Macerata, allora vuol dire che è talmente privilegiato che le sue opinioni sono del tutto estranee a quelle del comune sentire. Ci rifletta.
    63 - Set 24, 2018 - 0:56 Vai al commento »
    Dipende. Lo vada a dire alla famiglia Mastropietro, e si faccia dire, se Macerata non è un inferno per loro.
  • Reagisce al controllo
    e aggredisce gli agenti: 23enne nei guai

    64 - Set 22, 2018 - 17:59 Vai al commento »
    Il giovane un...? me devo mette l'occhiali. M'è parso de legge "ghanese senza document", ma me sarò sbagliata senz'altro: non pò esse...non pò esse!
  • Macerata 2020, messaggio di Patassini:
    «Chi è stato messo alla porta
    non rientrerà dalle finestre»

    65 - Set 22, 2018 - 17:05 Vai al commento »
    Poloni, non dirlo a me, che c'ho lu torcivudellu dopo che t'ho messo per la prima volta un bel pollice verde! Per la grandine non ti preoccupare che comunque verrà, se vuole, a prescindere da noi e la nostra intesa sul tema.Ti riconosco pure di averla vista lunga: guarda un pò a che siamo arrivati! Ma per fortuna tempo ce n'é da qui al 2020 per sentire come i candidati a sindaco intendano affrontare i problemi e le lacune in cui versa Macerata. Certo è che a qualcuno non basterà più neanche i tanti soldi spesi per i poster col proprio cane appesi in città a darsi ragione di una buona ammnistrazione, così come è stato alle ultime elezioni e benché sconfitto. Ci vuole un piano industriale per Macerata! capito o no? Industriale, che non vuol dire cementificare- per questo hanno già dato, grazie, basta e avanza da prima Meschini e in poi- quanto a dare occupazione, tono alle attività produttive che non siano quelle degli uffici, quindi evitare di conseguenza i luoghi morti tanto costati e che costano ancora oggi in termini di servizio pubblico, come ad esempio Valleverde. Sindaco Carancini: e rispondi finché sei in tempo! Che vuoi farne ad esempio di Valleverde tu o i tuoi diretti seguaci? ma davvero pensate che Macerata si risolva tutta nella chiusura del centro storico alle auto per cui vi siete battuti ed esposti fino a comprare con soldi pubblici il fallimentato Park Sì ? E su dài, non ci posso credere che siete così immunodeficienti.
    66 - Set 22, 2018 - 13:59 Vai al commento »
    Avevo quasi una sorta di timore a rileggere i miei post pubblicati ieri pensando a posteriori di avere esagerato nei toni e nei modi. E invece no, confermo tutto alla luce del sole. Via tutti, della vecchia classe anagrafica e politica da Macerata a cui tengo tanto e fortemente! Rinnovamento vero serve a una bella città pulita dentro come Macerata e ultimamente messa a dura prova. Se mi mettete in lista sempre gli stessi, da Monteverde a Ricotta a Mosca ad Anna Menghi , dico solo i primi che mi vengono in mente...in che cosa si spera? Personaggi che,nel bene e nel male, direttamente o indirettamente come maggioranza o come opposizione, sono sulla scena politica da più di 20 , 30, 40 anni, e che hanno determinato la Macerata che é diventata, e che tra loro ancora, come i famosi ladri di Pesaro, di giorno litigano mentre di notte vanno a rubare assieme. E' un detto, non c'entra nulla il rubare, ma un modo di dire per dire che alla fine, prima scagnarano in Consiglio , si ammazzano come porci fino a tarda notte , poi vanno a farsi l'aperitivo insieme nel bar sotto, e sottobraccio, senza nulla aver mai concluso niente di buono e positivo per Macerata. Dove sta la bretella Mattei-La Pieve? Dove sta, quella di Villa Potenza per cui chi viene dalla vallata del Potenza deve fare tutt'oggi la circumnavigazione di Macerata per raggiungere Sforzacosta? dove sta la faraonica piscina comunale di Fontescodella ? Dove sta il polisportivo , " La cittadella dello sport"in collaborazione tra Comune ed Università? E potrei continuare ad infinutum. Ah...e se qualcuno , poco poco pensi, che lo dica "Pro Cicero domo mea" si sbaglia alla grande. Non ho interessi nella questione e neanche voglio averne per tanti miei motivi, a parte quello di esprimere la mia opinione come chiunque qui dopo aver letto l'articolo pubblicato, a mio avviso,con largo, troppo largo anticipo sui tempi elettorali. Di una sola cosa sono certa e sicura: Carancini non ha fatto niente, e dico NIENTE, in 10 anni, oltre a ripristinare l'orologio farlocco sulla torre civica, qualche spettacolo di piazza, (di cui haimé complice inizialmente al suo mandato) e il rilancio dello Sferisterio, che anche qui, per carità mia , o mi vien voglia di suicidarmi per il favore fattogli- sta agli atti, sta nelle Cronache Maceratesi il mio contributo a tal fine-
    67 - Set 22, 2018 - 2:18 Vai al commento »
    Macerata ha bisogno d'altro. Ha bsogno di nuove idee, di vigore, altro che di vecchie nostalgie , tanto a destra che al centro che a sinistra coi papabili che già cominciate a dirci, CM! Macerata 2020, dev'essere tutta un'altra cosa dai soliti che siedono in Consiglio Comunale, tanto a destra che a sinistra, se vuole riscattarsi. VIA TUTTI! Dalle teste grigie come Tacconi fino all'ultimo dei servi inutili degli assessori di Carancini.
    68 - Set 22, 2018 - 1:38 Vai al commento »
    E mettilo alla porta allora , Patassini, un Maurizio Mosca! Dev'essere il primo da voi messo alla porta! Ma chi è Maurizio Mosca a parte la sua vecchia appartenenza alla Maceratese che ha abbandonato? Nessuno proprio, se non un ricco, vecchio e patetico cittadino maceratese. Che stesse coi suoi cani e i suoi nipoti nel tempo libero, così come ama dipingersi nel suo profilo fb.
    69 - Set 22, 2018 - 0:43 Vai al commento »
    Patassini...non devo essere io a dirtelo, ma questi che avanzi, dài su ,ti facevo più scaltro, sono tutti bruciati, qualcuno per vecchiaia sopraggiunta per no dire altro che sono lì a fare gli affari loro, loro propri, privati, dai tempi di Tambroni, Forlani ... su dài, guardati intorno, dài, che trovi di meglio!
  • Nuovo decreto emergenza:
    priorità ai comuni più danneggiati,
    proroga per la figura del commissario

    70 - Set 23, 2018 - 0:27 Vai al commento »
    Concedetemi il rimanente inespresso del mio commento, che non so perché è stato tagliato.Faccio fatica anch'io a risalire a quello che volevo dire ,ma ci provo. Per lo Zingarelli, volevo solo dire che chi parla ancora e tutt'ora di emergenza , ha lasciato a casa il vocabolario di Italiano. Il resto è comprensibile, non vado oltre al già detto.
    71 - Set 23, 2018 - 0:18 Vai al commento »
    Non sono d'accordo!reto a casa lo Zingarelli; secondo, perchè lo chiamate ancora " decreto emergenza " dopo ben due anni dai danni del sisma? Quanto dura per voi politici, di prima e di adesso " L'emergenza" ? Giusto per sapere, rispondete, visto che leggete e vi fa comodo il nostro parere di signor nessuno per i vostri sondaggi.
  • Pamela, il testimone che accusa Oseghale
    ha riferito dettagli molto precisi

    72 - Set 22, 2018 - 0:20 Vai al commento »
    Mia carissima Roberta Angelelli, inutile sperare nella giustizia italiana se, guarda quella foto che da mesi viene messa in prima pagina.Noti qualcosa di strano in quella foto in cui Innocent Oseghale è tra i due poliziotti mentre lo arrestano? Le sue manette sono pixelate, e il tutto perché negli anni novanta , quando a venire arrestati erano i politici a seguito di Mani Pulite, gli stessi si fecero " una leggina ad hoc" per cui chiunque venisse arrestato , per privacy, non doveva essere mostrato nei giornali con le manette ai polsi. Ora. Oseghale, il mostro africano nigeriano col cervello pari a meno di un criceto e che per sua stessa confessione ha spezzettato il corpo di Pamela Mastropietro dopo averne abusato sessualmente ed uccisa, perché l'ha uccisa data l'autopsia e anche le testimonianze, punto,dato il nostro super civismo giuridico e i nostri tanti avvocati penali che per guadagnarsi la pagnotta e stare sui titoli di giornali sperando in una pubblicità loro favorevole didendono chiunque( che pena per loro, poròmini) che condanna spetterà mai ad un pezzo di mmm...come quello arrestato e in fotografia sopra ? Io non ho molte speranza nella giustizia. Te lo dico. Ciao
  • Il 27enne ferito da Traini:
    «Non sono uno spacciatore,
    dormo ai Giardini e chiedo l’elemosina»

    73 - Set 19, 2018 - 14:37 Vai al commento »
    Cavalieri, questi sono i cascami- a livello industriale - della fabbrica dell'accoglienza e integrazione, che una volta finito il suo ciclo produttivo e messo a bilancio dare/avere per ogni testa, se ne lava le mani e li getta per strada. Ormai alla luce dei fatti e dei risultati locali e nazionali, ci si chiede se questo sia un programma di accoglienza o di protezione dei peggiori delinquenti e criminali che sbarcano qui in Italia da clandestini.
    74 - Set 18, 2018 - 22:54 Vai al commento »
    purca che nervoso ragazzi! ma come il giudice lo lascia a piede libero con obbligo di firma: uno spacciatore? Ma dove vive 'sto giudice, non ha figli, non ha nipoti? Certo, povero, è da commiserare da parte del giudice se aveva alcuni ovuli di droga dichiarati per consumo personale...Oh povero, certo, chi non lo capisce, uno sottratto alla guerra, alla fame , alla carestia, alla violenza,che viene a rifugiarsi in Italia e che per superare tutto il disagio interiore si consente una dose di droga...ma certo, e come no, non ti capiamo fratello? Il primo a capirti è Papa Francesco, poi quei 4 gatti rimasti della sinistra e del PD , poi i giudici di sinistra, poi basta.
    75 - Set 18, 2018 - 21:50 Vai al commento »
    Ma che se lo pijasse a casa sua in custodia senza far del male più a nessuno il tipo qui arrestato per spaccio, il barbuto e ben fornito di ogni bene capitale e al sicuro di conto corrente bancario milionario il signor Bernabucci, se non altro per riconoscenza di quanto finora ci ha lucrato sopra con essi immigrati clandestini attraverso la sua " onlus". Basta che vi levate e ci levate da...che siamo tutti felici e contenti, dopo aver pagato tutti hé, s'intende, a vario titolo, sulle spalle nostre, per i vostri i criminali da voi ben protetti anche a suon di avvocati: che schifo fate, voi onlus, coop, PD e sinistra tutta! BASTAAAAA!
  • Omicidio Pamela, la rivelazione:
    «Oseghale mi ha detto che l’ha accoltellata»

    76 - Set 18, 2018 - 18:39 Vai al commento »
    Bravo Cicioni: condivido! ma quale è morta Pamela di overdose- che fra l'altro , comunque, gli hanno procurato gli schifosi nigeriani in questione-se le tante autopsie sul suo corpo fatto a pezzi, mostrano ferite di coltello al fegato mentre era ancora viva! Ma basta con queste buffonate riferite sui giornali da questo essere immondo quale Oseghale! Hai ragione in tutto, Cicioni.Ciao.
  • Minniti alla Festa dell’Unità:
    «Il Pd deve riconquistare il popolo,
    bravo Carancini nei fatti di Macerata»

    77 - Set 17, 2018 - 18:40 Vai al commento »
    p.s. se c'è una cosa che fa schifo sopra ogni cosa in politica, è l'autocelebrazione e specialmente senza meriti.
    78 - Set 17, 2018 - 18:30 Vai al commento »
    Piena condivisione all'intervento di Piergiovanni Castellucci, Paolucci, Cavalieri, Iacobini...tutti! Nulla da replicare compreso quello di Deborah Pantana. Minniti...ahahahah,come dire, l'ultimo ritrovamento archeologico del PD che ora, ai minimi storici dopo il fallimento Renzi-Gentiloni, tòh, tu guarda come ridotti numericamente adesso in una piazzetta come quella di Cesare Battisti a Macerata,ripongono nostalgiche speranze in un vecchio militante del PCI - poi riciclato nei DS e poi ancora nel Pd, quale Minniti che, mi ricorda tanto ogni volta parli in TV e autoasserisce, quei cagnolini in pezza che si tenevano dietro i vetri delle automobili negli anni '60/'70, il cui capo ciondolava a dire sì ad ogni scossa di strada. Minniti...ma fatti il tuo esame di coscienza quale Ministro del Interni negli accordi con la Libia e i lager che lì hai voluto e creato e di cui Salvini vuole fare piazza pulita ripristinando la giusta umanità e legalità! Ma vvvà, và... Minniti, tu e chi ancora ti segue!
  • Processo a Traini, Picozzi in aula:
    «Gesto organizzato
    Era capace di intendere»

    79 - Set 13, 2018 - 2:35 Vai al commento »
    Per me, a 'sto punto, andrebbe fatta - anche- una bbella perizia psichiatrica, e al perito in causa, e agli avvocati di Oseghale. Senza nulla a pretendere.
  • Ladri al sexy shop: rubati i vibratori

    80 - Set 5, 2018 - 18:38 Vai al commento »
    Quindi più che ladri LADRE?
  • Peppina ritorna a Fiastra:
    domani rientra nella casetta

    81 - Set 4, 2018 - 19:54 Vai al commento »
    Imbecilli, autentici e certificati,quanti non hanno capito il dramma vissuto da questa persona e dai suoi familiari. Forza Peppina!nessuno ormai ti toglierà più questa bella e sicura casetta in legno. Auguri e baci!
  • Congresso Pd, ancora “sangue e arena”

    82 - Set 4, 2018 - 20:10 Vai al commento »
    TEMO, Brambatti? Ma è 'na forturna, se il PD com'era si schianta contro se stesso!
  • Dov’è finita oggigiorno
    l’allegria delle canzoni?

    83 - Set 4, 2018 - 15:40 Vai al commento »
    Boh! Non ho proprio capito che ci vuol comunicare ,o dettare, come il buonumore " in un mondo che, prigioniero è" come cantava la buonanima di Lucio Battisti: ma dove vive , in quale realtà vive, Giancarlo Liuti? solo in quella delle sue pagine qui nel week end?
  • Prima chiesa riaperta dopo il sisma:
    «Risorse nostre, non potevamo aspettare»

    84 - Set 4, 2018 - 13:28 Vai al commento »
    Iacobini, ti do atto che "non potevi capirci nulla" come hai scritto. Ma non c'è niente di che da capire, e tanto più da scomodare Pascal! era una mia elucubrazione ad alta voce, in questo senso: il mio Sindaco , durante un convivio in agosto cui ero presente , aveva annunciato il suo prossimo matrimonio che verrà celebrato in questo mese, ed allora, sia a me che altre persone mie amiche nonché sue concittadine , avrebbe fatto piacere partecipare al rito e alla sua uscita dalla chiesa ( già che nell'articolo per l'appunto si parlava di chiese del nostro comune ) ma tuttora non sappiamo ancora in quale delle tante chiese del nostro paese verrà svolto. Pertanto, ho detto, sarebbe paradossale che il Sindaco andasse a sposarsi in altro paese e in altra parrocchia. Tutto qua; ferma restando, s'intende, la sua /la loro libertà, di andare a sposarsi dove meglio vogliono. Saluti
    85 - Set 4, 2018 - 1:04 Vai al commento »
    Ciò detto, in massima autonomia di pensiero, auguro al mio Sindaco, Leonardo Catena, e signorina sua sposa, auguri vivissimi quale coppia prossimamente unita in matrimonio. Sarà,però, mi chiedo, ci si chiede, la chiesa Collegiata di Montecassiano di cui è Sindaco Leonardo Catena e di cui la sua prossima moglie ricade nella di cui Parrocchia, oppure altra chiesa e parrocchia ? Roba da matti davvero, dovesse essere diversa:fuori Comune dello stesso Sindaco!
    86 - Set 3, 2018 - 3:18 Vai al commento »
    Con un bel però- ritengo- si può non concordare ma seriamente obiettare alla scelta fatta dall'Amministrazione comunale di Montecassiano a prescindere dal bene di culto in questione che è di sua proprietà , in base al contenuto stesso dell' ordinanza sopra citata- e tanto più perché fatto con fondi pubblici sottratti perciò ad altri scopi immediati ma di maggior interesse economico esociale- nel passo in cui il testo recita :"Dato atto che, sulla base delle considerazioni suesposte, il gruppo di lavoro istituito ai sensi dall'art. 3 del richiamato Protocollo di intesa ha definito i seguenti requisiti per la predisposizione di un elenco di interventi urgenti e prioritari, ai fini del relativo inserimento in un apposito programma di interventi immediati: assenza di altri luoghi di culto nell'ambito territoriale di riferimento delle comunita'" Orbene. E' un dato oggettivo, che nelle estreme vicinanze della chiesa di Sant'Egidio , a due soli chilometri , nel centro di Sambucheto sussiste la Parrocchia Santa Teresa Del Bambin Gesù che rappresenta il vero centro di aggregazione comunitario-religiosa della più vasta frazione Sambucheto di Montecassiano rispetto a quella di Sant'Egidio, con quasi il doppio di residenti. Inoltre, Sant'Egidio dista circa 2,5 chilometri dal centro di Montecassiano dove la Collegiata è agibile. Interrogarsi del fatto se questi interventi alla chiesa di Sant'Egidio erano poi così immediati ed urgenti , credo sia stato più che legittimo da parte delle opposizioni.
    87 - Set 3, 2018 - 2:17 Vai al commento »
    Iacobini, ha ragione Valenti: non c'entra nulla il Concordato. Ciò corrisponde invece a precisa scelta del precedente governo. Ecco il Titolo dell'ordinanza datata 21 giugno 2017. PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - IL COMMISSARIO DEL GOVERNO PER LA RICOSTRUZIONE NEI TERRITORI INTERESSATI DAL SISMA DEL 24 AGOSTO 2016 ORDINANZA 21 giugno 2017 Messa in sicurezza delle chiese danneggiate dagli eventi sismici iniziati il 24 agosto 2016 con interventi finalizzati a garantire la continuita' dell'esercizio del culto. Approvazione criteri e secondo programma interventi immediati. (Ordinanza n. 32). (17A04591) (GU Serie Generale n.154 del 04-07-2017) http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/07/04/17A04591/sg Ovviamente , con riferimento all'articolo,esclusa la chiesa di Sant'Egidio insieme a quella di Salimbeni, perchè come anche specificato nell'articolo, di proprietà del comune di Montecassiano. In questo specifico caso sì, un contribuente potrebbe contestuarne la priorità rispetto ad oltre opere di pubblica utilità sociale,ma questa è stata la volontà dell'attuale Amministrazione verso la cui decisione si può o non può concordare.
  • Lavoro nero allo chalet, i titolari:
    «Sempre assunto regolarmente,
    problema legato a improvviso forfait»

    88 - Ago 30, 2018 - 18:07 Vai al commento »
    Marco Ranieri, mi viene spontaneo risponderti che per trovare le soluzioni avremmo "anche" i nostri rappresentanti e organismi per farlo, ma su tuo gentile invito provo a dirne un paio. Con un'avvertenza: correttivi a questo pur utile strumento non sono di facile soluzione , ché oltretutto a sua volta è investito di problemi più complessi del mercato del lavoro, e in più, non è che ci abbia pensato tanto sopra, per cui potrebbe essere benissimo una min.chiata quella che sto per dire. Allora. La prima , e come prima cosa, sottrarre le imprese dall’acquisto preventivo dei voucher nelle forme che finora si sono avute, sostituito da una semplice comunicazione con posta certificata agli Uffici INPS ,o del lavoro, nel momento stesso in cui intendono servirsi di personale temporaneo per un tempo X, anche fatto all’ultimo minuto e per una sola serata per stare sul pezzo in articolo, corredata di ogni dato d’ identità e codice fiscale del lavoratore occasionale. Dopodiché, fatta la regolare dichiarazione registrata dagli uffici, il datore di lavoro provvederà entro un tempo stabilito all’acquisto diretto del voucher da consegnare al lavoratore interessato e a lui intestato, e con idonea ricevuta da conservare per eventuali controlli della finanza tale da dimostrare in qualsiasi momento l’avvenuta denuncia di regolare assunzione e poi di pagamento. Passo alla seconda proposta, che ritengo meno risolutiva. Per eliminare la speculazione da parte del committente data dal divario tra il valore nominale del buono lavoro , poniamo quello minimo di 10 euro, e il suo valore netto a favore del lavoratore pari al compenso di 7,50 euro per ogni ora lavorativa , basterebbe che, valore nominale e valore netto del voucher divenga lo stesso. E mi spiego. Ogni voucher riportava oltre al valore netto anche i dati relativi a quelli fiscali sia del committente che del lavoratore col proprio cod.fiscale, quindi è nominativo, e pertanto solo il lavoratore può presentarsi al cambio del buono lavoro. Ora, se invece - io penso- nel voucher venisse scritto il valore nominale insieme a quello netto, è nel momento in cui viene presentato per la riscossione presso gli uffici e servizi preposti che al lavoratore verrebbe trattenuta la differenza per assistenza e contributi a suo favore, per cui , lui lavoratore andrà a percepire sempre il valore netto ,ma con la differenza che in questo modo la trattenuta c'è stata e alla fonte, cioè pagata dal datore di lavoro. A quel punto, si dovrebbe spezzare quel meccanismo di reciproca convenienza tra committente e prestatore d'opera, in quanto questo andrà a prendere comunque la stessa paga oraria sia che gli venga data in nero- contro il suo interesse- sia che la riceva in modo regolare; mentre al datore di lavoro per fare nero non conviene offrirgli più di quanto gli spetta l'ora in modo regolare. A meno che, per 50 centesimi di paga in più all’ora , che diventa 8 euro l'ora, o 9 euro , ma così il risparmio per l'impresa si assottiglierebbe al limite proprio, non ci siano lo stesso lavoratori disposti a rinunciare ai propri diritti. Oppure anche, non funzionerebbe come non hanno funzionato prima, per chi disposto a lavorare in nero a meno di 7,50 euro , fino a 3/4/5 euro l’ora. Ma qui si apre un'altra storia …e qui chiudo.
    89 - Ago 30, 2018 - 14:08 Vai al commento »
    Fontana: eccone una! I voucher , così come venivano utilizzati, non servivano ad eliminare il nero ma all'opposto erano la copertura perfetta , a prova di controllo, per il lavoro nero!!! Naturalmente , non tutti i datori di lavoro ne approfittavano, non bisogna mai generalizzare, ma nella maggior parte dei casi sì perchè il sistema introdotto conveniva; per chi non sapesse come funzionava ve lo spiego in due parole. Al lavoratore assunto in modo occasionale gli veniva detto " ti pagherò coi voucher", quindi il titolare d'impresa si recava ad acquistare per ogni assunto un tot di voucher per ognuno spendendo anche poco per ciascuno, 50 /100 euro di voucher, tanto per stare al riparo di legge , poi però e al dunque , questi restavano in tasca al datore di lavoro per essere prontamente esibiti qualora fosse avvenuto un controllo; se un controllo non veniva mai ricevuto tanto meglio e tanto più restavano in sicurezza nelle loro tasche. Ma come è potuto succedere quest'uso distorto di uno strumento che nelle intenzioni del legislatore serviva proprio a proteggere il lavoratore e a ridurre il lavoro in nero? Avveniva così. Al lavoratore una volta assunto, gli veniva poi detto a quattr'occhi e nell'orecchio " i voucher li ho presi per te, ma sai come funzionano no, se ti pago coi voucher tu vieni a prendere meno per le trattenute ,mentre se ti pago in nero di volta in volta prendi di più a parità di ore lavorative. Quindi se ci stai, basta che nel caso di un controllo tu dichiari che oggi è il primo giorno che lavori qui". Ovviamente, con la scarsità di lavoro che c'è ,trovatone uno qualsiasi, chi, non accettava l'uovo oggi per la gallina domani? E così che hanno (mal)funzionato i voucher. Quindi ,per tanti e tanti lavoratori , con o senza voucher, non è cambiato nulla.
  • Sbarcano i migranti dalla Diciotti:
    Bernabucci riprende a mangiare

    90 - Ago 27, 2018 - 16:07 Vai al commento »
    Concordo con Alfonso Valori: grazie infinite, Franco Pavoni, per questo rinfrescamento di memoria a breve termine. Sarebbe però opportuno, ritengo, anche trascrivere le parole dette da Renzi in quel video, che non tutti hanno la voglia di aprire, affinché restino meglio impresse negli attuali detrattori delle politiche del Ministro Salvini, ossia di quegli stessi seguaci del PD oggi tanto contro di lui accaniti per quelle stesse politiche perseguite dal segretario PD e leader di governo Matteo Renzi. Nero su bianco, e non sbagli mai; Verba volant, scripta manent , o più rozzamente, "Carta canta villan dorme". E che se lo leggano e rileggano, i piddini, fino ad impararlo a memoria, per poi mettersi in un angolo e tacere per puro pudore.
  • Anche nel caso della nave “Diciotti”
    c’è qualcosa che riguarda Macerata

    91 - Ago 27, 2018 - 15:41 Vai al commento »
    CDD, come dovevasi dimostrare, notizia di oggi Adnkronos, fra gli sbarcati della Diciotti, 4 fermati dalla polizia come presunti scafisti, 3 uomini di origine egiziana e un uomo del Bangladesh fermati per vari reati gravi, di cui stupro ai danni delle donne a bordo della Diciotti- che ricordo, noi italiani abbiamo portato in salvo tutti , bene e male , a bordo della nostra nave fin nei nostri confini- le quali scese dalla nave di salvataggio hanno subito denunciato i loro carnefici per aver subito, prima della partenza dalla Libia- ovvero nei campi lager istituiti con tanto di medaglia appostasi al petto dal precedente Ministro dell'Interno Minniti- quegli "uomini" che le hanno violentate e con cui si son viste costrette anche a fare il viaggio accanto fino al porto di Catania. Riepilogando: il Ministro Salvini è il cattivo , che pur avendo fatto il suo dovere di salvare vite umane e nell'esercizio di potere del proprio compito istituzionale riguardo la pubblica sicurezza, viene indagato per sequestro di persona, compresi tutti i delinquenti a bordo. E' PARADOSSALE quel che stiamo assistendo quanto un sillogismo logico del tipo : le acciughe salate fanno bere, ma bere e ribere fa passare la sete, quindi le acciughe salate fanno passare la sete. Meditiamo gente...meditiamo. Anziché essere grati all'attuale Ministro dell'Interno per averci protetto dal far sbarcare da noi , 4 + 3 , 7 delinquenti in più fra conclamati e potenziali, per averci risparmiato qualche altro violentatore delle nostre donne, qualche altro spacciatore in più, c'è persino chi va a metterlo in stato d'accusa! @ CM, perché non riaprite quella bella rubrica "Cronache Marziane", ché di contenuti ispirati alla realtà non mancherebbero certo.
    92 - Ago 26, 2018 - 23:56 Vai al commento »
    Perché, Liuti, mi scusi, lei invece al posto del Ministro dell'Interno ,è assolutamente in grado di provare che si tratti di migranti -quali migranti, poi,- se economici quindi senza diritto quali clandestini o rifugiati politici, da vedere in seguito se ne hanno il diritto- e non di briganti? Lei , proprio lei,lei, si sente di metterci la sua firma come nel suo articolo scritto beatamente al computer dalla sua abitazione? No, mi dica, mi risponda, senza tergiversare come è solito fare. Guardi che, non sono affatto stupida sa, e inoltre mi ricordo bene del suo articolo in risposta al mio commento, che prima aveva un certo scritto e tenore, poi cambiato nel giro di un'ora o due, fino ad aggredirmi col suo solito modo di fare sifulino; basta cercare su Google e si ha la prova di quanto dico. In ogni caso, ho archiviato. Carissimi saluti, Liuti.
  • Migranti bloccati sulla Diciotti,
    sciopero della fame di Bernabucci:
    «Smetterò se rispettati diritti umani»

    93 - Ago 26, 2018 - 17:23 Vai al commento »
    Claudio Ortenzi, bah diciamo che , più o meno tutti, abbiamo semplicemente mostrato più interesse ai suoi bilanci che alla sua bilancia.
    94 - Ago 25, 2018 - 22:55 Vai al commento »
    BRRRAVA Anna Maria Simonelli! BRAVA!!!
    95 - Ago 25, 2018 - 19:00 Vai al commento »
    D'accordo su tutta la linea, Giuliano Meschini; permettimi solo una piccola aggiunta alla penultima riga dove dici" solo i falsi, gli ipocriti o gli ignoranti possono continuare a sostenere una politica buonista, etc . Vorrei aggiungere " e tutti i diretti interessati".
    96 - Ago 25, 2018 - 16:40 Vai al commento »
    Dico l'ultima poi basta; scusate , però l'articolo si presta troppo. Hé, benedetti e sempre da ricordare certi saggi popolari!: " Chi non mangia ha già mangiato"
    97 - Ago 25, 2018 - 16:26 Vai al commento »
    Mi verrebbe proprio da dire " Salga a bordo, ca@@o!" La sua nave sta affondando con tutti i viveri! dove per viveri intendo materiale umano da grande fabbrica delle occasioni, tipo merce da stock e fallimenti, pagata niente ma che ripiazzata rende mooolto ma mooolto bene e a zero tassazione.
    98 - Ago 25, 2018 - 15:52 Vai al commento »
    Morale: senza immigrati irregolari, Bernabucci non mangia.
  • La battaglia di Irene e Sara:
    «Abbiamo avuto una bambina
    ma non ci riconoscono come genitori»

    99 - Ago 29, 2018 - 1:37 Vai al commento »
    Poloni, il mondo è cattivo sempre, e con tutti: nessuno escluso.Come al solito contesto le sue idee, e magari se ne farà un vanto, ma non sono d'accordo lostesso ,né con la sua posizione né con l' analoga di Rossi. Intanto, un qualsiasi cittadino rispettoso delle leggi del proprio paese le segue senza frapporsi con l'ingaggiare una battaglia privata sui giornali di diritti che più che diritti sembrano pretese,delle emerite forzature per ottenere ciò che , come nel presente caso, vorrebbe ottenuto in base ad una situazione di fatto compiuta in altro paese X dove valgono leggi diverse per quanto riguarda il concepimento assistito in una coppia same-sex. E qui torno brevemente al suo vecchio intervento in cui ha paragonato questo caso a quello di Peppina. Vede Poloni, credo che lei possa essere d'accordo con me almeno su questo: i danni da sisma sono, ahimé, del tutto naturali, imprevedibili, e perciò richiedono leggi speciali, provvedimenti d'urgenza, fra cui il primo dei quali dovrebbe essere da parte degli organi statali quello di superare gli ostacoli della burocrazia , come quello di valutazione paesaggistica in una situazione di devastazione totale compresa quella paesaggistica che è fatta sì di paesaggio naturale ma anche antropico, quindi di costruzioni,di intervento umano nel paesaggio. Cosa, per cui Peppina non ha certo commesso alcunché contra legem, ma di cui risulta solo vittima della distruzione della sua casa.Motivo per cui, dal momento che le sue figlie si sono adoperate a proprie spese a costruire per lei una casetta in legno esteticamente più gradevole certamente di quella lesionata poco più distante da cui pendono ancora le persiane alle finestre, e più sicura e confortevole di un vecchio container lì ancora presente dal terremoto del '97 dove la Procura l'ha mandata a vivere per qualche mese in attesa di ricorso,e su terreno di proprietà edificabile , il suo sequestro, almeno ai miei occhi, appare un ingiusto accanimento dello Stato con le sue regole cieche ed ottuse ( tant'è che poi è stata dissequestrata ) , e senza neanche considerare l'età di Giuseppa Fattori, un essere debole e indifeso rispetto all'apparato statale- burocratico. Cosa c'è,per converso, di naturale nella coppia in articolo? NIENTE. Da qui , mi trasferisco in risposta a Michele Rossi per dirgli: a) il fatto che l'inseminazione assistita l'abbiano fatta in Spagna, paese europeo, non significa affatto , sic et simpliciter, che il nascituro potrà godere poi degli stessi diritti civili nel paese di residenza della coppia che ha scelto tale strada per divenire genitore. Ogni paese anche europeo in talune materie ha il proprio diritto a legiferare diversamente . Se mi porta questo argomento come risolutivo del conflitto in questione, allora le devo rispondere con tutt'altro esempio rispetto ad una nascita, che negli Usa cioè, che pure sono una sola Nazione composta da più Stati, in alcuni di essi vige la pena di morte e in altri no. Neanche là vengono estese le leggi vigenti da uno Stato all'altro. Tanto meno perciò qui in Europa che si regge su altri accordi. b) A Rossi,sempre, contesto anche la sua osservazione riguardo l'imponente ricerca del Prof.Regnerus in termini di ampiezza di campione statistico per stratificazione sociale ed età anagrafica,perché certi risultati di ricerca possono ottenersi soltanto sul lungo periodo. La sua ricerca scientifics pubblicata solo nel 2012, cioè soltanto 6 anni fa, non può essere definita non attendibile perchè a suo avviso il contesto sociale è cambiato: cambiato? in soli 6 anni? Vada a leggersi piuttosto una recente intervista del sociologo in questione e di come la sua vita personale e professionale sia stata cambiata per l'aggressione e la persecuzione dovuta ai suoi risultati da parte di coppie ed associazione gay. Vada a leggere, vada!
    100 - Ago 28, 2018 - 15:37 Vai al commento »
    A Michele Rossi (commento n.37)che mi chiede " E comunque Le chiedo, visto che appare così certa di ciò che dice, di illuminarci sulle problematiche dello sviluppo di un bambino posto a vivere in tali condizioni, magari potremmo cambiare idea e aprire gli occhi su queste forme di “deviazione morale” che tanto la spaventano." fornisco la seguente risposta: Uno studio sui figli dei gay mette in crisi l’America dell’indifferenza sessuale. giugno 28, 2012 Benedetta Frigerio L’Università di Austin ha pubblicato lo studio più completo mai realizzato sui bambini cresciuti dagli omosessuali: «Hanno molte più difficoltà degli altri». Sono più incerti, più instabili, di salute mentale e fisica più cagionevole, e guadagnano meno. Questo è quello che sostiene una ricerca texana (How different are the adult children of parents who have same-sex relationships? Findings from the New Family Structures Study) che sta facendo discutere tutta l’America, il paese dove si sta verificando un’accelerazione legislativa verso la legalizzazione del matrimonio omosessuale e delle adozioni concesse alle coppie gay. La ricerca è stata condotta da Mark Regnerus, professore di sociologia presso l’Università di Austin. E ha due caratteristiche nuove: è la prima condotta su un campione molto numeroso e, in secondo luogo, è stato redatto da un istituto laico e da un professore che non avrebbe mai pensato di arrivare a tali conclusioni. Anzi. Regnerus si era sempre espresso a favore dei «gay e delle lesbiche che non penso assolutamente siano cattivi genitori». I ricercatori, analizzando 15 mila casi e intervistando 3 mila persone, tutti compresi tra i 18 e i 39 anni, hanno messo in crisi il consenso scientifico precedente, basato su dati assai più carenti. Dal nuovo studio risulta che quanti sono cresciuti in famiglie omosessuali sono dalle 25 alle 40 volte più svantaggiati dei loro coetanei cresciuti in famiglie normali. I primi, infatti, sono risultati tre volte più soggetti alla disoccupazione (solo il 26 per cento dei ragazzi cresciuti all’interno delle coppie omosessuali ha un lavoro fisso contro il 60 per cento della media); quattro volte più soggetti a ricevere assistenza pubblica (il 69 per cento dei ragazzi cresciuti da genitori omosessuali sono stati supportati dai servizi sociali, mentre i loro coetanei sono supportati nel 17 per cento dei casi); e sono molto più inclini ad essere arrestati, a dichiararsi colpevoli di atti criminali, a drogarsi, a pensare al suicidio. La cosiddetta teoria della “non differenza”, che va per la maggiore negli Stati Uniti, si basa invece su una mancanza di dati. Pur in mancanza di studi approfonditi, tuttavia nel 2005 l’Associazione degli psicologi e psichiatri americana si era espressa con una formula volutamente ambigua («Non esiste un singolo studio che dimostri che i figli dei gay e delle lesbiche siano più svantaggiati di quelli degli eterosessuali») e tale proposizione era diventata la “base scientifica” su cui appoggiare le leggi più aperte in materia. Con un paradosso: mentre le ricerche che segnalavano le storture di un’educazione che elimina la differenza sessuale erano tacciate di inattendibilità a causa dell’esiguità del campione, quelle favorevoli, a parità di campione, divenivano in breve le basi su cui legiferare. Per fare un esempio: i legislatori dell’Iowa utilizzarono uno studio che comprendeva solo cinque casi. La ricerca texana, quindi, a causa dei suoi numeri importanti, mina tali certezze. Non solo: è da considerasi scientificamente valida perché condotta solo su persone ormai “indipendenti”, che cioè non vivono più nelle case di chi li ha cresciuti. Il professore Regnerus ha dovuto subire le critiche di molti esponenti del mondo omosessuale. Il ricercatore ha così risposto: «Molti di loro sono così perché, cresciuti in famiglie omosessuali, hanno sperimentato abbandoni, divisioni, ed è impossibile dire se la causa delle differenze sia l’omosessualità o solo l’instabilità dei legami. Quel che è certo, infatti, è solo che i bambini sono molto più inclini a crescere bene quando vivono con i loro genitori naturali. Il matrimonio tra loro fornisce un legame biologico che dà una grande influenza benefica ai bambini». Regnerus si è detto convinto che «i nuclei familiari biologici e stabili, anche se considerati erroneamente come una specie in via di estinzione, rimangono gli ambienti più sicuri per la buona crescita dei figli». Perciò se «mi fosse richiesto di pensare a un modello ideale dovrei per forza avvicinarmi a quello di una famiglia tradizionale». Sebbene Regnerus abbia specificato di «non voler assolutamente dare colpe agli omosessuali» né di voler «dire che il problema stia nel loro comportamento sessuale», il suo studio ha generato un uragano. I blogger e le associazioni Gay l’hanno accusato di essere “bigotto” e “retrogrado”. La sua ricerca, costata più di 800 mila dollari e pubblicata su una rivista scientifica rinomata (Social science research), è stata definita “spazzatura”. Il professore ha sottolineato che il suo approccio «è quello di qualunque scienziato professionista: qualunque statistico ed elaboratore di dati li assemblerebbe così, arrivando alle stesse mie conclusioni». Infine, Regnerus è arrivato a scusarsi di aver solo voluto «colmare un vuoto scientifico per un approccio più serio». Spiace, ha dichiarato, perché «non avevamo davvero nessun obiettivo precostituito».
    101 - Ago 28, 2018 - 1:28 Vai al commento »
    Inoltre, signora Tesei, signor Rossi, per poter sostenere determinate tesi contrarie ad ogni natura con l'avanzare esempi di coppie sterili o che non sono in grado di far crescere ed educare i propri figli naturali , occorerrebbe in primis rivoluzionare il vocabolario della lingua italiana per quel che deriva dal latino, da cui " pater" e paternità, che spetta all'uomo e non alla mater, alla maternità, figurarsi poi di due donne. Capisco pure che il vostro grado di ampiezza mentale possa anche andare oltre questo limite naturale e linguistico " nel nome dell'amore", ma sfido ognuno di voi ad avere un figlio in una coppia uomo-uomo, donna-donna e dimostrare anche che un bambino nato da una coppia non etero possa sviluppare in maniera del tutto normale. Sì, voglio usare questo termine: NOR-MA-LE, in cui c'è tutto, il bene e il male, come da sempre in ogni famiglia naturale nella crescita deifigli, in cui però, due e solo due sono le figure genitoriali, padre e madre, uno di sesso maschile l'altra femminile. Se poi devo proprio dare l'affondo a ciò che involontariamente mi produce vedere due dello stesso sesso baciarsi mi viene in mente solo " repellenza". Ma grazie al cielo che sono una persona normale, che desidera il sesso opposto e che ha avuto la sua maternità regolare. O dovrei forse sentirmio io anormale ed invidiare chi segue un percorso sentimentale e distorto per sentirmi pienamente realizzata come femmina e come donna? No, perché alla fine a sentire voi due, sembrerebbe che la devianza sessuale rappresenti un gran fattore positivo e per chi lo vive e per i figli nati a prestito o a pagamento.
    102 - Ago 28, 2018 - 0:25 Vai al commento »
    Rossana Tesei: chi mi dà tanta sicurezza? Il mio freno etico.Quello che tanti non hanno più per mancanze diverse che non sto qui ad elencare; quello che , non è soggetto né ai tempi né alle mode né alle opinioni, e che evita degenerazioni nel nome di un progressismo figlio del '68 e di un grave lassismo educativo e morale, tanto delle famiglie che della scuola pubblica. Morale. Questa parola ormai desueta , che però è stata fondamento del vivere civico nel rispetto delle norme sia culturali che naturali fino a qualche decennio fa. Per cui signora ,lei la pensi come vuole, ma se permette continuerò ad esprimere con forza , no con arroganza ma con forza, quanto e come voglio ciò che penso e che la ringrazio mi dà altresì occasione ribadire. Le due sposine sono dovute andare in Spagna per poter avere una procreazione assistita VIETATA QUI IN ITALIA: tutto il resto perciò sulla pretesa paternità tra due donne è solo il seguito di una illegalità in cui non vogliono riconoscersi. Se alcuni comuni lo fanno, guarda caso quali, in un vuoto normativo rispetto al riconoscimento di un figlio nato all'estero da una coppia che di suo non può mettere al mondo figli se non a pagamento o con utero in affitto, - cosa disumana accettata però da tutti quelli pietosi verso le donne, i femminicidi, gli immigrati, con quale coscienza non lo so- la responsabilità-e forse anche la validità- ricade su quei sindaci , ma che la coppia in questione possa vantare dei diritti qui riconosciuti, no, non si può proprio affermare.
    103 - Ago 26, 2018 - 23:24 Vai al commento »
    NO, Poloni. Sono due mondi diversi,imparagonabili. Lo so che ti fa comodo mettere tutto all'ammasso per confondere altri con la confusione che hai in testa tu. Cerca però,se puoi, di fare una differenziata nel tuo cervello ed esprimerti in modo centellinato, poiché i casi che tu accomuni hanno regole e regolamentazioni che nulla hanno a che vedere l'una con l'altra ma che devono , necessariamente, essere distinte e separate. Solo la sinistra di cui sei degno rappresentante si è inventata , è stata capace, di sostenere e difendere " la paternità" di una donna, che per definizione spetta al "pater" . E chi sarebbe qui il padre naturale? neanche loro lo sanno. Per cui non si capisce perché siano andate ad autodenunciarsi per aver dichiarato il falso. Falso? Ma più vero di così si muore! i loro figli sono figli di N.N. Quindi non ti arrogare alcun diritto di paragonare la sventura di nonna Peppina causata da un terremoto devastante fino a dentro l'anima, con quella di una coppia cui abbiamo capito tutti piace esibirsi sui giornali per qualsiasi cosa la riguardi, ma che per i più riguarda solo loro.
    104 - Ago 25, 2018 - 1:22 Vai al commento »
    Rossana Tesei: ma cosa dice? sa quel che dice? lei parla come se, in una coppia extranorma tutto possa andare sempre bene rispetto al bene dei figli : ma chi, chi le dà questa sicurezza, chi, scusi tanto hé!E poi, ma non arrampichiamoci sugli specchi: un conto è una coppia uomo-donna che non può aver figli, altro conto una coppia che di suo, perché dello stesso sesso, non può aver figli.
    105 - Ago 25, 2018 - 0:04 Vai al commento »
    Come non poteva mancare neanche il tuo commento, nonno Ferramondo. Nonno, di chi neanche tu sai sia il padre biologico di tua nipote, datosi che, per natura, due donne non possono mettere al mondo un figlio. Diverso è un figlio avuto in una coppia maschio-maschio, o uomo-uomo, come preferite, poiché pur sovvertendo le leggi naturali di procreazione, un uomo può sempre metterci il suo seme seppur nell'utero di una donna che si presti a portare avanti una gravidanza conto terzi, di cui la paternità è sempre certa: ma di che stiamo parlando poi? Possono sì amarsi tutti, per me, ma nel proprio letto e senza null'altro a pretendere , come avrebbe detto Peppino De Filippi nella famosa lettera scritta con Totò. E bada bene, Ferramondo, non sono affatto una perbenista del ca. come mi hai chiamato tu, niente in contrario fin lì, finché cioè chiunque siano si amino, ma rivendicare " una paternità" fra due donne che hanno avuto un figlio (figlia) in altro Paese dall'Italia e illegalmente per noi in quanto qui non è permesso , fa molto , ma molto pena sentire ogni scusa possibile rispetto al fatto che si ritrovino qui ora ad essere, giustamente, ovvero secondo diritto, delle fuorilegge.
    106 - Ago 24, 2018 - 18:11 Vai al commento »
    La fecondazione assistita in una coppia lesbo quale è questa, che ha fatto tutto in Spagna contrariamente alle nostre leggi nazionali, , non esiste che debbano rivendicare alcunché diritto qui, in Italia.C'ha da fare solo chi dà loro enfasi e spazio sui giornali.
    107 - Ago 24, 2018 - 17:54 Vai al commento »
    Ma che volete, di che vi lamentate e contro chi? e' giusto così. Vostra figlia è nata in Spagna, a pagamento sanitario, in quanto qui in Italia le nostre leggi non prevedono che una coppia gay possa avere un figlio.PUNTO: andatevene all'estero se volete i diritti che rivendicate...oh bella questa, che per una coppia, due , tre, o cinquanta e più, si sovverta l'intero sistema su cui regge la famiglia naturale.
  • A due anni dal sisma, Ceriscioli:
    «Zona franca almeno fino al 2033»

    108 - Ago 24, 2018 - 12:17 Vai al commento »
    Sì sì, ahahah, ha ragione Pallotto! Stamattina il governatore delle Marche era presente in collegamento a Coffee Break su La 7, dove praticamente non ha detto un tubo di consistente ( come al solito) tranne far capire a chiare lettere a tutt'Italia, che il vecchio governo, per cui tra l'altro sta lì nelle sue fila , è stato un disastro su tutti i fronti riguardo gli interventi al terremoto che ci ha colpiti.Ma la migliore perla di risposta che ha dato alla giornalista che gli chiede quale migliore impiego degli introiti derivanti dagli sms solidali - che rammento pari a 33 milioni di euro versati dagli italiani - lui governatore farebbe oggi, è stata " il soccorso sanitario in piazzole per chi avesse necessità di cure mediche immediate ed urgenti". Peccato solo, lo dica uno che vorrebbe accentrare tutto il sistema sanitario nell'alto anconetano-pesarese e che non abbia tuttora capito il dramma che sta dietro alle persone che hanno perso tutto due anni fa, tutto compreso: casa, lavoro, relazioni sociali, e per ultimo ma non ultimo, la salute anche.
  • «Stop alle vaccinazioni?
    Meglio un mondo senza epidemie»

    109 - Ago 29, 2018 - 3:10 Vai al commento »
    Permette però , dott. Perri, due semplici domande da una ignorante quale me nella sua materia? Risulta comunemente, che fino al decreto Lorenzin , le vaccinazioni in Italia si suddividevano in obbligatorie e raccomandate. Questo l'elenco, che trascrivo: " Obbligatori e raccomandati. I primi, gratuiti, sono la vaccinazione antidifterica, antipoliomielitica, antitetanica, antiepatite virale B. Nel secondo gruppo rientrano invece tutti gli altri: pertosse, morbillo, parotite, rosolia, varicella, infezioni da Haemophilus Influenza b (Hib), meningococco C, pneumococco, influenza e papillomavirus. Va detto però che i vaccini non obbligatori, ad eccezione dei nuovi (quelli contro la meningite da meningococco), rientrano nei Lea (i livelli essenziali di assistenza)" . Va anche aggiunto , che non tutte le Regioni li offrivano gratuitamente perché ogni Regione può adottare una politica diversa con un effetto a macchia di leopardo. Ciò premesso , gentilmente le chiedo: -la minore copertura vaccinale a quelli non obbligatori ma solo raccomandati e della cui recrudescenza lei ci informa, in che misura è dovuta alla mancata gratuità sanitaria? - quali altri possibili cause altrimenti possono aver riportato la lista dei vaccini alla totale obbligatorietà comprese quelle malattie infettive come il morbillo qui da noi debellato da qualche decennio ?
  • Peppina e terremoto, l’ira di Morgoni:
    «Salvini? Prende meriti che non ha
    Il governo non sta facendo nulla»

    110 - Ago 27, 2018 - 2:20 Vai al commento »
    Morgoni... un sussulto di dignità propria, personale, la prego. La smetta nella sua ossessione di pubblicare e commentare qui!nLe ricordo inoltre, che viene come sindaco di un piccolo comune come Potenza Picena, e pure da ripescato quale parlamentare , per cui s,u per favore,si consideri già un miracolato elettorale e si dia un contegno,una giusta misura, senza strafare,, senza voler apparire un gasato, un inebriato di prosecco e champagne a toute l'heure!Su, per favore, non fosse altro che per etica, sempre che uno ce l'abbia di suo, ovviamente, ma soprattutto ed anche per rispetto di chi la sovvenziona mensilmente nonostante al governo ora ci siano altri: quelli scelti cioè dagli italiani a maggioranza e non certo da lei o il suo partito sconfitto: il PD
    111 - Ago 24, 2018 - 17:32 Vai al commento »
    E cioè, Morgoni, a parer tuo, che problemi dimostrerei? No, parla chiaro con me: quali problemi avrei ,io, nella tua poca mente? Ma chi sei Morgoni per chi non ti ha votato quale me? Ma taci e incassa lo stipendio da ripescato che sei o ti sei scordato , che fai più bella figura piuttosto che dire…ho ricevuto 9000 letture! e sti ca.zzi! sai quante ne ho ricevute io di letture in diverse occasioni, e senza essere minimamente pagata come te…ANZI, mettendoci dei miei per Macerata! Ma taci, va, Morgoni , va a Loreto a piedi ,da miracolato che sei stato e lascia perdere qui con noi dove trovi pane per i tuoi denti. Thumb up 0 Thumb down 0
    112 - Ago 24, 2018 - 17:28 Vai al commento »
    E cioè, Morgoni, a parer tuo, che problemi dimostrerei? No, parla chiara con me: quali problemi avrei nella tua poca mente? Ma chi sei Morgoni per chi non ti ha votato quale me? Ma taci e incassa lo stipendio da ripescato che sei o ti sei scordato , che fai più bella figura piuttosto che dire...ho ricevuto 9000 letture! e sti cazzi! sai quante ne ho ricevute io in diverse occasioni, e senza essere minimamente pagata come te...ANZI, mettendoci dei miei per Macerata! Ma taci, va, Morgoni , va a Loreto a piedi ,da miracolato che sei stato e lascia perdere qui con noi che trovi pane per i tuoi denti.
    113 - Ago 24, 2018 - 16:10 Vai al commento »
    Soldi pubblici sprecati a mantenere certi stipendi parlamentari.
    114 - Ago 24, 2018 - 16:00 Vai al commento »
    Ma chi, chi, la segue Morgoni? Ma se neanche riesce a capire e concepire la critica rivoltagli !Ma si curi presso un buon analista e si senta piuttosto onorato per altro motivo, ossia, percepire malgrado nostro, un lauto stipendio da parlamentare non all'altezza di capacità intellettive e morali.
    115 - Ago 24, 2018 - 9:33 Vai al commento »
    Al senatore della Repubblica, Mario Morgoni. Dopo aver letto tutte le sue risposte sotto il suo stesso articolo pubblicato a mezzo stampa, l'i-esimo a sua firma inoltrato a questo giornale con le i-esime repliche da parte sua sotto , nonché in particolare quella rivolta alla sottoscritta, ho da dirle 3 cosette, 3 di numero, ma apra bene le orecchie una volta per tutte,perché finché si sta al gioco delle parti, noi di semplici commentatori e lei in quello di ruolo, pertanto più privilegiato rispetto a tutti noi che non possiamo altro che esprimere la nostra opinione , sta bene; ma poi quando si oltrepassa il limite e si scade nell'insulto gratuito alla persona come è solito fare verso chiunque contrario alla sua idea, no, non mi sta più bene. Quindi: 1) Proprio lei, che dall'alto della sua carica interviene qui spesso con nota stampa sui più svariati temi d'attualità politica, ora viene a parlarci di " teatro propagandistico" rivolto ai suoi concorrenti politici mentre noi lettori e commentatori, scambiati da lei per dei beoti , dovremmo non farle notare che il suo atteggiamento è lo stesso, identico, di chi è venuto qui a criticare? 2) Le faccio altresì notare, che il suo essere democratico è tale che si guarda bene di inserirsi fra i commentatori e commentatrici sotto ogni altro articolo che non sia il suo. 3) Lei, dato proprio il ruolo che riveste, non si può permettere, NON SI DEVE permettere di apporre etichette di somaro, di non autonomamente pensante,a chiunque la pensi contrariamente a lei e il Partito che rappresenta.
    116 - Ago 23, 2018 - 2:08 Vai al commento »
    Morgoni. Una volta, fino a qualche decennio fa, nei trasporti locali delle autolinee private, c'erano i cosiddetti strapuntini. Ecco: veda allora di collocarsi lì, trovarsi una sistemazione pur scomoda, da ultimo salito, con buona pace fino alla prossima fermata del 2023 senza troppo agitarsi, ché ad una certa età non fa per niente bene alla salute. Con rispetto, sempre, alla sua persona e alla sua salubrità fisico/mentale, e con tanti ossequi, sempre, Onorevole del PD perdente.
  • Ferragosto arriva in ritardo,
    Civitanova fa il pienone (FOTO)

    117 - Ago 19, 2018 - 1:22 Vai al commento »
    Castellucci: che le devo dire? Mi fa piacere che a lei come ad altri invece piaccia- almeno a giudicare dai " voti contrari" da me ricevuti. Va bene! io ho detto la mia, e confermo: la trovo proprio brutta, ma brutta tanto quella sospensione nel nulla sottostante. E che tristezza poi, che desolazione, vedere quelle coppie che ci ballano sotto come fosse un luogo coperto, ma che luogo non è, e neanche coperto. Lo trovo di un nulla assoluto. Un non senso.Sì sì, lo so lo so, che architettonicamente ha il suo pregio, e che se non erro, venne progettata dall'architetto Marone Marcelletti. E le dirò di più anche, che quello che penso lo dico a malincuore e con tutto l'affetto possibile per il fatto che ho lavorato qualche anno proprio dentro l'ente fiera di cui conservo bellissimi ricordi.Ma proprio per il motivo che lei stesso dice, se la struttura era ormai inadeguata da anni, e lo so bene perché lo era già nei primi anni novanta quando ho iniziato a lavorarci e niente era a norma, a partire dall'impianto elettrico, se però era pregevole dal punto di vista costruttivo, perché anziché demolirla non ristrutturarla integralmente per metterla a norma e renderla più funzionale? Architettonicamente è forse migliore quella ex novo e decentralizzata? E torno quindi a dire che è proprio questo il punto critico! che si è andati a demolire una struttura centralissima ed esteticamente ben inserita nel contesto urbano, non convinti di fare la cosa giusta, e lo dimostra proprio quella copertura lasciata così campata in aria, tale da diventare un segno, un simbolo di qualcosa che non esiste più nella sua funzione e nella sua interezza.
    118 - Ago 18, 2018 - 19:39 Vai al commento »
    Non mi inoltro e non mi addentro nelle pieghe dei festeggiamenti ferragostani civitanovesi, in quanto tutta la mia attenzione va come ogni volta che l'ho davanti agli occhi a quell'arco-varco sul mare che solo menti distorte e contorte potevano concepire come "un monumentale" da monumento, latino monumentum, ossia a ricordo. Ma a ricordo di che? dell'Ente Fiera? del suo progettista? E chi mai lo saprà tra i posteri fra 2000 anni che sta lì a rappresentare? Del Colosseo lo sappiamo, così dell'arco di Tito, di ponte Milvio ...ma questo arco che mi sta a rappresentare, ora e allora ? Un cippo funerario all'Ente Fiera di Civitanova che non si ha avuto il coraggio di demolire in toto, una stele alla modernità architettonica degli anni '50...che cosa?
  • «Traini capace di intendere e volere?
    Me lo aspettavo per come ha agito
    No alle vendette private»

    119 - Ago 18, 2018 - 0:17 Vai al commento »
    Giuseppe Vallesi, hai dato un'interpretazione autentica al mio pensiero. E' proprio così come hai detto: mentre non riesco affatto ad immedesimarmi con l'Oseghale e i due Lucky, mi riesce perfettamente invece capire cosa sia scattato quella mattina nella testa di Luca Traini, che però, di fatto, non ha ammazzato nè spezzettato nessuno al contrario di... voglio proprio vedere chi tra tutti sconterà la pena maggiore: scommettiamo che, grazie alla nostra giustizia, fra tutti l'unico sarà Luca Traini che si è consegnato spontanemente alle forze dell'ordine e che non ha mai fornito versioni diverse o ritrattato le sue motivazioni?
    120 - Ago 17, 2018 - 17:38 Vai al commento »
    Bah...sarà l'età, ma mi piace sempre meno discorrere specie con i " sòtuttoio" come te, Iacobini. Tra Traini, che si è giocato la libertà per vendicare Pamela,e non per altro, con l'aggravante di razzismo...lasciamo perdere sul punto, come se fosse colpa sua che ad ammazzare o solo spezzettare e occultare il corpo di Pamela siano stati degli africani anziché altra etnia...oh bella! e se invece fossero stati dei bianchi o dei gialli, non avrebbe fatto lo stesso,Traini, secondo te? Si...ci scommetto, io che ho la presunzione di capire più di te: avrebbe fatto lo stesso. La costituzione? La logica? ma di che parli, Iacobini? ma qui c'è una mamma che non ha più neanche gli occhi per piangere e dall'altra parte degli avvocati di immigrati che invece sollazzano a difendere con risarcimenti milionari gente che non ha un minimo reddito per cui come valutare il risarcimento? 800.000 euro richiesti da una delle ferite da Traini,ma manco fosse un manager che guadagni 10000 euro al giorno...che poi : è regolare o no? lo sai tu?
    121 - Ago 17, 2018 - 16:27 Vai al commento »
    Rispondo per primo al Signor Giuseppe Vallesi. Sono d'accordo con lei, che in uno Stato di diritto, quello alla difesa sia sacrosanto al fine di un giusto processo, ma ciò non toglie che l'avvocato, al pari del medico, possa opporre una propria obiezione di coscienza- come nel caso loro per l'aborto- nel difendere certi criminali con la rinuncia alla difesa. Qui , invece, si assiste a tutt'altro patrocinio: quello della maggiore visibilità per la difesa di 3 criminali incalliti e conclamati prima ancora di quanto possano aver concorso nell'assassinio di una ragazza di appena 18 anni e che , gli stessi avvocati tramite le confessioni discordanti degli indagati, vogliono far apparire non come la vittima ma una drogata che se l'è cercata , quando Pamela ha avuto la sola sfortuna di essere arrivata a Macerata ed avere incontrato in pochi chilometri e in sole 48 ore la peggiore feccia dell'umanità della Macerata che accoglie su tutti. Perciò, oltre al pelo sullo stomaco che ci vuole in certi casi, cercare anche di farsi pubblicità pro domo sua sui giornali lo trovo del tutto scorretto einopportuno , stante la finalità retorica per cui, pare, sia intervenuto: ossia che la giustizia vada esercitata esclusivamente nei tribunali e non tramite altre vie . Ecco, appunto, avvocato: evitiamo le scorciatoie di scrivere articoli sui giornali per influenzare l'opinione pubblica. Tutt'ora, infatti, non capisco il senso dell'intervento su questo giornale e in questi termini dell'avvocato Borgani , che non assiste Luca Traini, ma due delle parti offese nella sparatoria ( oltre Lucky Desmond? Non lo so, non ci sto capendo più niente chi difende chi, e soprattutto pagati da chi, essendo tutti i loro clienti immigrati e anche irregolari, se è vero come è vero che uno o due dei feriti siano scappati dal letto d'ospedale per timore di essere scoperti) ; ma se non l'ha fatto l'avvocato Giulianelli , che avrebbe avuto più titolo in quanto difensore di Luca Traini, ad esprimere pubblicamente le sue esternazioni sulla perizia psichiatrica , non capisco proprio cosa c'entri qui l'avvocato della/e controparte/i. A Iacobini e Signora Tesei, replico invece così: non mettetemi in bocca ciò che non ho detto e neanche penso. Ciò che ho voluto dire, per chi non l'avesse capito, è per prima cosa che fra quanto commesso, sbagliatamente,e lo sottolineo, da Luca Traini e i 3 nigeriani coinvolti chi per spaccio, chi per vilipendio di cadavere, chi per altro ancora compresa immigrazione irregolare al momento del fatto in mancanza di permesso di soggiorno scaduto-e per cui cade per le nostre leggi anche il diritto alla difesa d'ufficio...- non ho dubbi che, UMANAMENTE, sono dalla parte di Luca Traini, in quanto m'identifico come tanti maceratesi e tanti italiani, in ciò che può essere scattato nella sua mente da fargli perdere il controllo e la ragione a seguito di un fatto di cronaca come quello che mai scorderemo nella memoria collettiva, tale da scuoterlo al punto di trovare nella vendetta personale l'arma immediata di giustizia per Pamela, a cui alla fine della sua sparatoria tra Macerata e dintorni è andato sul luogo di ritrovamento dei suoi poveri resti suddivisi in due valige a renderle conto. Ma una cosa su tutto è certa. Che fino alla sera prima, Luca Traini, con la sua personalità e le sue idee politiche che tanto peseranno sul suo gesto che gli costerà la vita intera fra anni di galera e danni da risarcire , era un cittadino italiano , mite e incensurato, con le sue idee e suoi valori, trstimoniati da chi lo conosce bene: sempre dalla parte dei più deboli e delle donne; tanto che dal carcere il suoi unico pentimento è stato quello di aver colpito una donna nella sua sparatoria. Tutti gli altri indagati, invece, difesi dai nostri avvocati maceratesi, senza ombra di dubbio sono dei delinquenti abituali dediti allo spaccio di droga, e clandestini senza diritto di asilo. Per cui dovrei vergognarmi di stare dalla parte di Traini, anche se mai per mia natura passerei all'azione? Oddio, magari non si può mai dire. Spero di no. Ma " a rdà de matto" anche se non si è matto, a volte è questione di un attimo.
    122 - Ago 17, 2018 - 0:17 Vai al commento »
    E cmq, per quanto mi riguarda, sappi caro avvocato Borgani che hai la faccia impunita di scrivere sui giornali, che vali meno, ma molto molto meno di Luca Traini, che rispetto a te non ha fatto altro di quel che ha fatto per un suo codice d'onore in difesa, da italiano, maschio, ed umano, verso Pamela Mastropietro , che tu e tutto il tuo ordine di giudici e avvocati neanche vi sognate! Lieta e per niente stupita perciò della perizia psichiatrica su Luca Traini capace d'intendere e volere, anche se mi dispiace che ciò gli costerà una condanna in termini di anni. Mi dispiace proprio per lui, fottendomi altamente dei suoi contrari: degli antifà, degli Anpi, e di te, avvocato Borgani.Con sincerità, ari saluti, Tamara Moroni.
    123 - Ago 16, 2018 - 23:50 Vai al commento »
    Chiedo venia...ma ormai con tutti questi avvocati maceratesi pronti nel loro proliferare con lauta parcella tra chi difende Oseghale e chi i due Lucky, i due spacciatori nigeriani, cioè, di cui i traduttori hanno avuto il vomito solo a tradurli a riguardo la fine che secondo loro avrebbe dovuto fare il corpo di Pamela per farlo sparire tramite intercettazioni ambientali in carcere fra i due delinquenti abituali che l'avvocato Borgani difende , difficile fare distinzione fra tutti questi delinquenti e chi difende chi dei 3 indagati.
    124 - Ago 16, 2018 - 23:09 Vai al commento »
    Avv. Gianfranco Borgani, coraggio rispondi a questa semplice domanda anziché attaccarti come una cozza allo scoglio della perizia di Picozzi su Luca Traini: quanto, e soprattutto da chi, sei pagato per la duplice difesa di Oseghale?
  • Morgoni alla Lega: «Esibizione carnevalesca,
    pensino a restituire i 49 milioni di euro»

    125 - Ago 17, 2018 - 23:45 Vai al commento »
    Morgoni: oh che bello essere dati per incapaci di intendere e di volere! è come tornare bambini: si può può dire e fare tutto ciò che si vuole senza limiti e senza rimproveri "dagli adulti".
    126 - Ago 17, 2018 - 18:47 Vai al commento »
    Per me, Morgoni, è un sadomaso per farsi massacrare qui ogni volta con argomenti altamente risibili rispetto ai tanti danni fatti in 5 anni e tante sottrazionidi denaro pubblico ad opera del suo Partito- vedi MPS salvato, vedi sms pro terremotati mai arrivati , vedi favoritismi agli imprenditori più disparati, compresi i Benetton; Morgoni come la Polidori, su fronte da lei e da tempo opposto ma contiguo al PD, che ora però iniziano a manifestare tutti i sintomi del loro legame e vero amore di fondo, della serie: Dio li fa poi li accoppia.
  • Peppina, Ferragosto un anno dopo:
    «Oggi è una persona spenta
    La casetta? Serviva prima»

    127 - Ago 18, 2018 - 18:50 Vai al commento »
    Poloni, mi tocca smentirla su tutta la linea. A livello più terra terra facendole presente che, più la maglia della rete è stretta più ci restano impigliati i pesci piccoli.E questo, è quanto avvenuto esattamente con le norme strette attraverso cui il governo in carica nel 2016/17, ha affrontato l'emergenza sisma col risultato che , onde voler evitare casi di corruzione e malaffare intorno alla ricostruzione, stante le notizie che giungono a distanza di due anni sull'esito degli appalti e il costo stesso delle casette destinate ai terremotati, hanno finito per favorire il fenomeno che in teoria avrebbero voluto preventivamente contrastare: trattasi di incapacità politica oppure di precisa volontà politica? Su un piano più alto, invece, devo ricorrere ad un pensiero non mio ma che ha la sua storiografia filosofica e giuridica con G. Agamben e Carl Schmitt. Lei , Poloni, ha usato la parola giusta " eccezione" e nel contesto giusto ma pensandola in modo sbagliato. Noi tutti, senza rendercene minimamente conto, viviamo oggi in uno stato di eccezione, di sospensione delle regole di diritto e costituzionali, pur non essendo né in guerra, né in regime dittatoriale, né di rivoluzione popolare. E allora le chiedo: perché mai , secondo lei, non si sarebbero dovuto fare vere eccezioni alle regole in una situazione eccezionale e grave quale quella post-terremoto che ha distrutto tutto di materiale e di morale nella vita di tante e tante persone di ogni età e ceto sociale?
    128 - Ago 18, 2018 - 0:03 Vai al commento »
    Poloni: quanti anni ha lei? Ma di quale pazienza parla, se Peppina ha oltre 90 anni ed è sempre vissuta a Fiastra, dove vorrebbe continuare a vivere, e poi come tutti i mortali, finire i suoi giorni in pace nella sua casa, costruita insieme al marito e dove ha il suo gatto, il suo orto, il suo orizzonte, i suoi ricordi: ma lei che razza di persona è, se non capisce il minimo sindacale a livello umano? ma che lei, davvero davvero, vorrebbe rappresentare la sinistra? ma che Dio ce ne scampi e liberi tutti! NO GRAZIE, Poloni, della sua sinistra, quella dei tagliateste di popolo, no grazie , davvero no, ne facciamo tutti e volentieri a meno dei suoi diktat marxiani, marxisti...boh.... come si dice non lo so e non lo voglio neanche sapere !Ma per carità di Dio...mai più in mano l'umanità come nelle sue e di Marx!
  • Le polemiche su RisorgiMarche?
    Un’occasione persa per tacere

    129 - Ago 14, 2018 - 1:11 Vai al commento »
    Sig. Giuseppe Vallesi, dia retta a me: si procuri un bel cappello di paglia a falde larghe e faccia a cappellate coi passeri ché è meglio che dialogare con taluni soggetti. Per quanto mi riguarda, condivido al 100% i suoi commenti in genere, e in specie qui, sotto questo articolo-celebrazione senza santo, per cui mi sento di fare in società anche con tutti i pollici rossi da lei ricevuti e che , dopotutto, non è che un onore per un' intelligenza media , e per cui le sono anche grata. Ma per tornare a bomba. Quando un Neri Marcorè o chi per lui, saprà organizzare a sue spese e a suo rischio, un concerto in mezzo alle montagne da raggiungere a piedi pagando fior di euro per il biglietto , e anche quando raggiungesse la metà della metà della metà della metà delle presenze registrate al concerto di Jovanotti, sarò la prima a dirgli chapeau! Ma fin qui,ad un organizzatore di chiara fama e simpatizzante a sinistra, non lo dimentichiamo, che ha realizzato tutto con le spalle coperte dalla Regione Marche, e col contributo di volontari ben pagati...ma vattenne và! Così , siamo capaci tutti a fare " il discorso della montagna". Signor Vallesi....lasci che ci diano di ogni epiteto populista, ignorantista (?) da parte loro: tutto e solo onore diversificarsi da loro sinistri. La saluto con questo mio slogan coniato al momento" A chi giova tutto se non a Jovanotti"?
    130 - Ago 13, 2018 - 18:42 Vai al commento »
    Signora Paciaroni, senza nulla togliere al suo entusiasmo e la sua voglia di salubre divertimento ,perché mi convinca che Risorgimarche sia un'operazione incisiva , cioè di lunga durata sul piano economico per quei territori, mi dovrebbe spiegare come lei avrebbe contribuito, FATTUALMENTE, senza versare un euro da spettatrice, alla rinascita di uno dei tanti luoghi delle Marche colpiti dal sisma: come? comprando una bibita o due ed uno o due panini e via? Comunque sia. Ma lasciate che ognuno possa esprimere dissenso secondo le proprie facoltà mentali senza dover essere tacciati da disfattisti, quando oggettivamente ...di fatti , fatti veri, oltre le due ore di spettacolo, non se ne sono visti a due anni dal terremoto. Non si può ormai più legittimare ogni iniziativa come si trattasse ancora di emergenza post-sisma eventi pagati con denaro pubblico. Cari saluti a lei e tutti.
    131 - Ago 13, 2018 - 16:25 Vai al commento »
    Non è polemica, caro Fabrizio, ma diritto di critica, e in quanto, anch'io non mi taccio. Anzi, lietissima di perdere l'occasione di tacere per non rendere un favore a chi dall'alto del suo potere locale e mediatico, impacchetta tutto come Christo e la Land Art in termini di gran successo: ma a quale fine se non effimero tanto quanto i tempi di uno spettacolo e appunto, di una Land Art? Magari scafarsi un pò dal proprio provincialismo aiuterebbe a capire ogni operazione artistica per collocarla dove merita: entro una precisa strategia. Definirei perciò, praticamente, come " il nulla abbondante" in termini di reale ricostruzione dei territori, delle abitazioni, di tutte le attività economiche prima presenti e vegete, nonché ultimo ma non ultimo ,delle popolazioni , le comunità umane, straziate dal sisma e costrette ad abbandonare i propri luoghi di origine e le proprie case, chissà per quanto ancora. In definitiva chiamiamola per nome questa operazione di imbellattamento: marketing. Puro e semplice marketing cui ha aderito in massa un pubblico non pagante. Avrei proprio voluto vedere, se solo si fosse un "biglietto d'ingresso" di 10 euro, se gli stessi partecipanti in massa sarebbero stati disposti a pagare per poi farsi chilometri a piedi in montagna sotto il solleone senza scontento...e andiamo! ma basta con questa facile propaganda tipica dei regimi populisti da vecchio soviet dove a partecipare , guarda caso, sono tutti artisti predicatori dal palco della sinistra. Sinistra...oddio, è una parola grossa. Diciamo semplicemente PD
  • Nuova villa sotto lo Sferisterio
    «Per l’antica fonte “Pozzo del mercato”
    storia di una distruzione annunciata»

    132 - Ago 19, 2018 - 3:31 Vai al commento »
    Sai quando uno è nottambulo come me, quando ti giri e rigiri nel letto e pensi , pensi, pensi alle cose più disparate che di giorno assorbi come una spugna senza rendertene conto e di notte poi ti si fnnoa sfacciatamente davanti agli occhi? ecco che era quel qualcosa che mi tormentava in tutta questa cronaca! il seguente commento da fb di Daniela Cantelmi, il 2018-08-12 alle 09:14:18 e che riporto tel quel: "E che dire di un proprietario del terreno sotto le mura di tramontana che ha recintato la sua casa inglobando una FONTANA sicuramente non di sua proprieta!!!! sono anni che ha costruito una casa non ancora terminata ma la Fontana ADESSO si trova all'interno del recinto come mai??????...." Ebbene , signora o signorina, ora che ha detto il peccato ci dica anche il peccatore altrimenti a che serve denunciare eventuali illegalità? e ancora: a che serve il suo commento a corredo dell'articolo se il presunto colpevole resta nell'anonimato? e poi ancora: che voleva dire con la sua denuncia? che tutti possono fare quel che gli pare e che quindi ogni illegalità permessa o concessa per una chiusura d'occhi del proprio Comune, ciò autorizza altri , chiunquw altri, lo stesso a trasgredire alle norme vigwnti in materia di edilizia rispetto ai beni culturali? No, scusi, ma è stata lei a scrivere il suo post, e ora ci spieghi a chi si riferiva. A chi?
  • «Dietro la Orim non si respira,
    un odore acre si alza col vento»

    133 - Lug 15, 2018 - 0:00 Vai al commento »
    Quanto sopra, dettato dall'art.41 della Costituzione.Costituzione che , quelli del PD, tirano in ballo solo e solo quando gli fa comodo.Per i migranti, sostanzialmente. Per i migranti clandestini, in ispecie, che pagano cifre notevoli agli scafisti, delinquenti, per divenire preda delle varie onlus ed ong che ci si ingrassano lautamente pur parvendo dei miseri benefattori dell'umanità agli occhi dei perbenisti e del Papa gesuita compreso, che Dio abbia pietà di lui. Ma Tornando a Carancini. Nel 2009 riuscì a distinguersi dai suoi rivali di partito per aver negato l'insediamento di una fabbrica di materie plastiche a Valleverde, e che fu allora il motivo principale per cui un insignificante elemento di partito come lui venne appoggiato dal popolo e alla fine eletto. Ma da allora, quanto è cambiato il sindaco Carancini sempre più omologato ai voleri di chi tiene i cordoni della borsa e dei suoi interessi di partito, e quanto NON è cambiata ,invece,la situazione a Piediripa! Ma tutto qui viene da lontano, se si pensa che decenni fa, c'era un tizio maceratese, onorevole democristiano che...Oh signore, non voleva insediamenti operai in zona perchè questi avrebbero votato PCI a scapito della sua DC. La sua e di quelli come Carancini che sempre democristiani restano, nonostante le mute.
    134 - Lug 14, 2018 - 23:20 Vai al commento »
    L'iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali.
    135 - Lug 14, 2018 - 16:24 Vai al commento »
    Ci sono segnali allarmanti come questo,dietro questo rogo, checchè si voglia minimizzare da parte dei responsab li tutti. Dalla politica comunale ai privati in combutta ai danni dei cittadini, ed ora dimostratemi il contrario ! quali proivvedimenti, quali regole, avete dettato voi, amministrazione comunale, perchè la Orim potesse restare ed esercitare lì la sua attività di smaltimento rifiuti speciali???
  • Orim, Asur su analisi aria:
    «Dati non destano preoccupazioni
    per la salute dei cittadini»

    136 - Lug 14, 2018 - 15:54 Vai al commento »
    Jacobini, scusa, ma sei un poromo senza wikipedia.
    137 - Lug 14, 2018 - 15:37 Vai al commento »
    Ma l'importante è, per i seguaci, scemi e più scemi, salvare sempre le chiappe al sindaco, che sa, lo sa, ma fa finta di non sapere, che un'azienda di smaltimento di rifiuti speciali non può, non può stare, coesistere, accanto ad un centro commerciale, nè ai silos di cereali, e ad un ingrosso come l'Oro della terra: Carancini...fatti una domanda e datti unarisposta ,una sola ed umile risposta a tuo agire da sindaco di Macerata, di cui, tutta chiacchiera e distintivo, preciso al tuo partito:il PD.
    138 - Lug 14, 2018 - 15:16 Vai al commento »
    Praticamente, se i dati risultanti dai campioni prelevati dagli enti preposti sono nella norma, le cose son due: o, il livello d'inquinamento ambientale in quell'area è stabilmente rilevante, oppure, le analisi non sono state effettuate con la dovuta perizia, altrimenti non si spiega come, un'azienda che tratta rifiuti speciali, non abbia prodotto coi suoi fumi diossina cancerogena.
  • «Cari Antifa, chiedete scusa»
    Condanna bipartisan da tutto il Consiglio

    139 - Mag 24, 2018 - 4:55 Vai al commento »
    Ma comunque, qualora sembrassi per qualcuno un'esagitata, una catastrofista, leggete pure qui: Barbara Balzarani, una stragista rossa, condannata all'ergastolo, e mai pentita, nel giorno , non a caso scelto dell'uscita del suo libro su Aldo Moro di cui ricorreva il 40esimo anniversario, così' scrive " che palle il quarantenale http://www.firenzetoday.it/cronaca/brigate-rosse-moro-libro-balzerani-cpa.html
    140 - Mag 24, 2018 - 1:07 Vai al commento »
    Premesso che questo è il mio ultimo post su CM per motivi miei e che non sto qui a dire, ci ho ripensato sul fatto di esprimere qui il mio pensiero piuttosto che altrove, più precisamente sotto il comunicato degli Antifa,per cui dico ai Signori Consiglieri tutti: ma siete davvero consapevoli di quanto avete letto e capito di quanto hanno scritto nel messaggio alla stampa gli Antifa ? Ma possibile che solo io, mentre voi tanti coi capelli bianchi come me, non abbiate compreso la portata più vasta del loro messaggio?guardate tutti: non sottovalutate, non relegate ad una ragazzata l'episodio della pignatta antifascista del 25 Aprile in Piazza Battisti, perché la Storia è maestra ed insegna.Qui mi pare che a sentire le due parti in Consiglio , che parlano solo di fascismo e antifascismo, saltino però a pié pari per le masse quel capitolo buio degli anni '70 con lo stragismo rosso, dei brigatisti rossi, delle Brigate Rosse, a cui quel comunicato degli Anitifa , in certo modo si rifà nei modi e nei toni intimidatori cui è rivolto.
    141 - Mag 23, 2018 - 9:00 Vai al commento »
    Oh, io avrei voluto votare gli ultimi vostri interventi, ma pare che non sia possibile in quanto mi si dice " Impossibile inviare il voto": sarà per colpa mia oppure del service? Non lo so. Comunque sia, per me, Pavoni, Ceresani, Santucci, avete un pollicino verde in più da parte mia.
    142 - Mag 23, 2018 - 8:02 Vai al commento »
    Oddio, chiedo scusa al Consigliere da me citato, che non è Emiliozzi come ho scritto, ma Miliozzi. Approfitto di questa mia dovuta correzione per chiedere se la Signora Gabriella Ciarlantini, di cui vedo una foto in primo piano e che siede in assise comunale da tempo immmemore, ma che al di fuori del megafono del centro sociale cui appartiene, non sembra risulti dotata di voce propria in Consiglio comunale. No , perché io, pur seguendo costantemente i Consigli comunali di Macerata, non ho mai avuto il piacere di sentire un suo intervento in aula.Ma chi la vota la Ciarlantini, e perché? fatemi capire! Qual è la sua utilità in Consiglio comunale visto che non parla mai, non fa alcun intervento, nessuna mozione mai? Ma chi rappresenta, vorrei capire, la Ciarlantini a Macerata?
    143 - Mag 23, 2018 - 1:04 Vai al commento »
    La povertà, ahimé, non è solo quella economica leggendo il resoconto del Consiglio comunale. Liquidare così in Consiglio , bipartisan, con la richiesta di semplici scuse di CHI, fino a ieri, non ha mostrato il benché minimo ripensamento su quanto commesso il 25 Aprile- e con probabili gravi infrazioni al regolamento comunale per la concessione di suolo pubblico come è stato messo in evidenza dal Consigliere Cherubini- tanto e perfino da vantarsene postumamente su tutti i giornali, mi sembra un segnale fra i più pericolosi sotto ogni punto di vista: politico ed amministrativo.Ho seguito quasi tutto il Consiglio comunale via web, perciò so quel che dico e come sempre dico quel che penso , quindi debbo dire che, tra salamelecchi a destra e sinistra, fra attestati di bene e di stima - univocamente da destra verso sinistra- come un " ti voglio bene" rivolto a Tacconi, o di stima - come premessa- verso Del Gobbo, Emiliozzi, Valentini, nonché di apprezzamento da alcuni della minoranza al primo intervento del Sindaco che ,infervorato, a prescindere difende alla fine pur sempre il suo comparto politico e i suoi di Giunta, in primis la Vice Sindaco, tanto da assomigliare nell'eco che giunge dalle sue parole un so che di simile a quanto scritto dagli Antifa a riguardo " la strumentalizzazione" dell'opposizione sul fatto del 25 Aprile, mentre il vero tema, quello più preoccupante, non è stato minimamente sfiorato da nessuno dei tanti! Ma questo mio pensiero lo voglio esprimere sotto altro articolo. Qui mi limito a dire che, sotto questo aspetto, del farsi la guerra in pura apparenza, maggioranza e opposizione, non hanno il minimo torto gli Antifa. Possiamo tranquillamente ormai paragonare il gioco delle parti politiche a quello degli scacchi, tra difesa e avanzamento per non essere sconfitti ma avanzare sempre, finchè il gioco non finisce con lo scacco al Re.
  • Ripensare il centro storico,
    ecco il concorso di idee:
    per la più bella 10mila euro

    144 - Mag 23, 2018 - 23:51 Vai al commento »
    Marco Bernabei: non lo dica a me che ho già dato abbondantemente in tanto e a mie sole spese, anche riguardo i giardinetti di Ficana, sissignore, qualcuno si ricorderà dalle pagine di questo stesso giornale cosa andai a fare, ma di cui, nessuno mai dell'allora e ancora attuale amministrazione mi abbia mai minimamente ringraziato. Ma non è questo che mi interessava e che oggi m'interessa ancor meno. Capirai , poi, se lo potevano fare, autonimisti in panciolle della più pigra e aristocratica sinistra nonché sprezzanti avversari del popolino quali sono quei 3 0 4 che comandano con appendici di maggioranza al seguito, e che per loro sbavano voti. Macerata è morta oh! come ve lo si deve dire? E' tutta qui , con un Sindaco a capo di quei 3 o 4 scelti da lui e che fa comandare in Giunta! ma è una farsa , è tutta una finta, il loro governo.Pinocchio al loro confronto era un dilettante.
    145 - Mag 23, 2018 - 23:26 Vai al commento »
    "Cari, sono compiaciuto di aver sollevato un dibattito." ma sentite la falsità di uno , tale Alessandro Perri,che tira il sasso e poi nasconde la mano quando lo si invita a mantenere la sua promessa, che evidentemente, essendo basta sul nulla, non può mantenere , anche se , eppure si mette pure a fare da maestrino a me, e tutti quanti noi! che schifo il blog dove ognuno può orinare e defecare a suo piacimento.
    146 - Mag 21, 2018 - 12:06 Vai al commento »
    E TRE. Signor Alessandro Perri, lei rivolgendosi a me ha scritto: "La mia soluzione, comunque, l’avevo tratta, guardando alcune foto di quando le persiane c’erano (eccome se c’erano). Le lascio il link per vedere coi suoi occhi. Con tali foto si aggiusta subito il colpo d’occhio." STO ANCORA ASPETTANDO IL SUO LINK PER VEDERE QUELLE FOTO, INSIEME A TUTTI I LETTORI INTERESSATI. Grazie.
    147 - Mag 20, 2018 - 22:41 Vai al commento »
    Perri, di nuovo scusi, ma ha dimenticato di inserire il link.
    148 - Mag 20, 2018 - 17:45 Vai al commento »
    Perri, scusi, ma ha dimenticato di inserire il link!
    149 - Mag 20, 2018 - 14:22 Vai al commento »
    Signor Perri, dal suo invito finale a togliere le tapparelle dal palazzo della Prefettura ,deduco - mi dica lei se sbaglio- ritenga di epoca recente il loro inserimento sulla facciata. Se è così come penso, le devo far presente che le vituperate tapparelle, anche oggetto di passate campagne elettorali comunali, erano già presenti fin dagli inizi del '900. Foto storiche della piazza centrale ne attestano la presenza già dal 1907, non anche escluso potrebbero risalire a qualche anno ancora prima. Probabilmente - ma questa è una mia pura supposizione pronta ad essere smentita da chiunque professionista del ramo- nel corso secolare delle trasformazioni apportate all'originario palazzo, l'inserimento delle tapparelle costituirono un'ulteriore modernizzazione utile attraverso quella che rappresentava una vera innovazione frutto di un' invenzione tutta italiana avvenuta a fine '800 a Torino. Di conseguenza , io credo che il suo invito a ritrovare le vecchie persiane ( SE MAI CI SONO STATE! e questo potrebbero dircelo solo i conoscitori della storia locale) sia del tutto bizzarro per almeno due motivi: uno, perchè- sempre ammesso ci siano state prima di mettere le tapparelle- dopo oltre 100 anni sarà impossibile recuperarle da qualche parte, due, perchè bisognerebbe chiedersi se sia un'operazione corretta rispetto alla cronologia dei tempi segnata sulla facciata dello stesso palazzo. Ripristinare , cioè, quale "originario" del palazzo ? Piuttosto che pormi questo falso problema estetico tra tapparelle e persiane, personalmente ritengo che la bruttezza attuale sia piuttosto da imputare ad una pluridecennale trascuratezza della loro manutenzione.
  • Politica culturale, i 5 stelle:
    «Ogni minimo evento
    dipinto come il successo del secolo»

    150 - Mag 17, 2018 - 15:22 Vai al commento »
    E già che ci sono , in sintonia con l'argomento avviato dai 5 Stelle sul modo di fare cultura- meglio dire imporre cultura con l'esclusione attenta e mirata di molte risorse ed energie locali non a loro allineate, come ben detto per voce di Cherubini - dell'attuale Amministrazione di Macerata, proseguo nella mia critica - no polemica, ma critica argomentata- aggiungo questo sempre relativamente al tunnel. Sono costretta a chiamarlo genericamente tunnel, dato che non ha un suo nome. Eppure, e qui mi riallaccio alle parole pronunciate dal Sindaco nel giorno della sua inaugurazione, quando disse di aver voluto trasformare " un non luogo in un luogo". Ma se così è,se così fosse, dovrebbe avere anche un nome adesso questo "nuovo luogo" dato che ogni luogo che si rispetti ha un nome proprio. Fatto è, però, che l'operazione di voler fare un luogo di un non luogo per sua definizione, essendo un punto di transizione, di passaggio, di stacco, è minata in partenza. Ma chi glielo spiega a Carancini e tutti i suoi cervelloni intorno, che esistono anche i non luoghi e che non necessariamente devono trasformarsi in luoghi? Ci provo io facendo ricorso alla grammatica, italiana, nella la sua capacità di mettere ordine nei pensieri attraverso le regole del parlato e dello scritto. Il termine luogo, in sé, significa tutto e niente. Sono semmai i complementi di luogo che danno un senso ad ogni luogo. E qual è allora quello più appropriato al tunnel in questione? Lo stato in luogo, il moto da luogo, il moto a luogo, o il moto per luogo? Ad ognuno la risposta. E invece sapete qual è , per me, un non luogo proprio lì vicino ma che non vedono gli amministratori? La terrazza dei popoli: quello sì è un non luogo!
    151 - Mag 17, 2018 - 2:19 Vai al commento »
    Sogno o son desta? Ma veramente avete detto " a loro", papale papale, tutto quello che ho letto? Oh! era ora, finalmente, che qualcuno- e non un qualcuno qualunque ma un rappresentante in Consiglio- glielo dicesse! Bravi, bravi, e ancora bravi! avete toccato uno dei nervi più scoperti di questa Amministrazione che tanto si vanta di fare questo, quello, quell'altro e quell'altro ancora di culturale, e di raccogliere anche grandi risultati -tutti da provare come giustamente per confronto ad altre città è stato messo in luce- mentre non fanno che girare su sé stessi con le loro idee circolarmente chiuse in un tardo e ormai sepolto suprematismo sovietico, al fine di favorire e finanziare solo i similia - vedi Gore- . Anamorfismo...se ci passi una volta e via, potrebbe anche interessare,ma una volta visto il quadretto , quale altra attrattiva ha il " déjà vu" per il pedone che quotidianamente o meno, deve farsi a piedi tutto quel lungo tunnel dipinto a colori pastello come certe corsie e reparti d'ospedale per renderle più piacevoli? Altro che suprematismo, i parallelepipedi, il bianco e nero, i planet! peggio! un sostituto d'immagine imposto alla fantasia, ai propri pensieri, con una certa dose di violenza propagandistica sinistra con quei volti e quelle scritte minacciose sul passato e sul futuro, e per di più scritte in inglese...a Macerata!! Ma l'hanno mai vista, questi- mi domando- la metropolitana di Napoli , Toledo, stazione 1, che fra l'altro collega due fra i quartieri più storici, popolari e degradati della città, ma che è in cima alla lista mondiale delle più belle opere di riqualificazione urbana ? Lì si è usato il mosaico, una delle tecniche più antiche nella storia dell'Arte. Qui a Macerata, per pochi metri di collegamento,e a piedi, sono stati spesi 8.000 euro per due tratti di penna che lasceranno il tempo che trovano. Ma manco nella storia delle cattedrali gotiche, con le loro immagini statuarie mostruose rivolte agli analfabeti per minacciarli dell'inferno cui andare incontro nella vita eterna, s'era mai vista una cosa simile come questa del tunnel che collega i Giardini Diaz al centro.
  • Processo a Traini, il sindaco:
    «La città sta vivendo un incubo» (Video)

    152 - Mag 9, 2018 - 21:50 Vai al commento »
    Iacobini, dici: "nei piccoli Comuni come in un condominio"? perchè: sei convinto che Macerata è granne con 43.000 abitanti? se solo il Lido di Ostia, frazione di Roma Capitale, ne conta più del suo doppio! per non menzionare la più localissima Civitanova Marche che l'ha sorpassata come abitanti. E comunque; Montecassiano tanto piccolo non è sai. Le attività commerciali e produttive che ci sono qui,la Valleverde a Piediripa, per dirne una...se le scorda! ma se qui vengono persino da Macerata a far spese nei centri commerciali e in ogni più piccolo negozio che sia un laboratorio artigianale di tipo alimentare o altro ? Macerata te caccia via solo coi parcheggi , coi prezzi , senza parità di offerta. Segno che la politica ha la sua incidenza nel saper fare ed attrarre i consumatori, non solo quelli di merci, naturalmente, ma anche di consumi culturali. Una lode particolare va ad esempio al mio Comune, per la piccola ma bellissima e preziosissima biblioteca sorta da poco in centro.
    153 - Mag 9, 2018 - 20:33 Vai al commento »
    Romagnoli:a parte la jella a cui non credo, ma questo senz'altro! sono la prima a fargliene colpa al Pd nazionale. Però... ci sono sindaci e sindaci, persone e persone, che pur appartenendo allo stesso partito, e non faccio distinzioni, si dimostrano " diversamente abili" nel loro ruolo. Faccio l'esempio del Sindaco del mio piccolo Comune che è Montecassiano,e che è del PD, verso cui nulla da dire: bravissimo. Fa le cose che deve fare e più di quanto può fare.
    154 - Mag 9, 2018 - 16:03 Vai al commento »
    Caro Sindaco, dopo tanto, per la prima volta sento parole vive da parte tua, ma le parole non bastano :ora devi mettercela tutta in un profondo restyling d'immagine della città, ma proprio oltre ogni immaginazione, per riportarla - non dico all'età dell'innocenza ,ché quella ormai è perduta- ma al primitivo stato di quiete e di recupero di quel fascino che sa esprimere quando viene valorizzata per quel che è e sa dare, e che , maceratesi e non, hanno sempre dimostrato saper apprezzare. Dopo tanta brutalità e bruttezza, solo la sua bellezza esplicitata in ogni forma è l'antidoto ai mali di cui ha sofferto. E per far questo, per estrarla tutta e al meglio,non ci vogliono artifici, ma Arte, Arte, Arte, tanta buona Arte. Buon lavoro.
  • Processo a Luca Traini,
    i feriti: «Vogliamo giustizia» (Video)

    155 - Mag 10, 2018 - 2:35 Vai al commento »
    Giustizia...vogliono qui, da noi, giustizia! sapeste quanto la vogliamo noi per noi! Ma perchè non siete rimasti a conquistarvela nel vostro Paese? Oh! con tutto rispetto: guardate, che i nostri padri e i nostri nonni, alla vostra età erano al fronte per guadagnarsela la giustizia, insieme alla libertà- a noi nessuno ci ha regalato niente, e altro che ferite da arma da fuoco riportavano quando tornavano!Come minimo la tubercolosi da cui non si guariva . Troppo comodo. No mi dispiace. Non siete uomini degni della vostra Nazione; e infatti siete dei fuggitivi che avete lasciato, per paura o per altro, le vostre donne, le vostre famiglie laggiù nelle tribù, per venire qui a fare la bella vita a spese nostre, - bella, bella vita, non dite no: una vita che vi sognavate: tutto spesato , cellulare comopreso- e ora ...siete qui a dire di avere paura di noi italiani " per un matto che commanna una mattina ? E poi, vorrei anche capire bene qual è la ferita da arma da fuoco inflittagli da Traini che Muhammad Toure esibisce. Sono quelle due sul petto che s'intravedono appena , oppure quel vasto sbrego cicatrizzato sull'addome? no, perchè, se uno mostra certe sue immagini a mezzo stampa, vogliamo, abbiamo diritto, a sapere tutti qual è stato il danno effettivo.
  • Traini: «Non rinnego niente»
    Tribunale blindato per il processo

    156 - Mag 9, 2018 - 2:51 Vai al commento »
    Veramente -ma questa è una mia opinione e come tale del tutto soggettiva ( o come dicono i benpensanti di sinistra " una percezione" )- le cronache, sia a livello locale che nazionale, e haimé internazionale, da quel 31 gennaio, ossia dal ritrovamento dei resti di Pamela in due trolley a Casette Verdini, non hanno fatto altro che parlare in male di Macerata dedicando a lei ,ed i suoi potenziali assassini nigeriani , con dettagli più che raccapriccianti ,ogni spazio ed approfondimento; mentre, di quanto compiuto da Luca Traini , avranno parlato sì e no 6 ore in tutto, compreso delle vittime del folle gesto di Traini che gli reclamano risarcimenti milionari per essere rimasti feriti , traumatizzati, scioccati , ma che per contro però- fra cui c'era anche qualcuno clandestino che se n'è scappato dall'ospedale, ricordiamocene- rispetto alla diciottenne romana abusata poi massacrata, da viva e da morta, dai loro connazionali africani , e al pari innocente quanto loro perchè trovatisi per caso nella traiettoria di Traini , la sua salma , presente " fisicamente" ma ancor più simbolicamente presso 'obitorio di Macerata per 3 mesi, e fino anche ai suoi funerali lo scorso 5 maggio, , non è stata degnata di una visita dai rappresentanti di governo, mentre ciò è accaduto, e prontamente, ai feriti da Traini presso l’ospedale di Macerata, che hanno finanche ricevuto la visita istituzionale del Ministro Martina, nonché segretario reggente del Partito Democratico. E che per niente mai , le cronache tutte, hanno fatto alcun cenno di sdegno , con nessun titolo di giornale o solo trafiletto, per il vetro bucato da uno dei proiettili di Traini alla sede del PD maceratese. Qualcosa vorrà dire questo o no, per l’opinione pubblica generale? Chi, perciò, ha arrecato il vero danno d'immagine per Macerata? E infine. Se la sfortunata ragazza africana rimasta accidentalmente ferita ad una spalla nello sfogo vendicativo di Traini per il barbaro omicidio di Pamela, arriva a chiedere fino a 750.000 euro di danni, sempre ringraziando il cielo ancora viva e quale ospite in Italia da due mesi all’epoca del fatto : ma quanto dovrebbe chiedere, allora, di risarcimento la famiglia Mastropietro ? Quanto può valere la vita persa della loro ancor più giovane figlia rispetto a Jennifer Otiotio, rispetto a lei, letteralmente massacrata per mano intenzionale di suoi- della Otiotio- connazionali delinquenti, che qui in Italia e a Macerata, non avrebbero dovuto stare? Ma soprattutto a chi, la famiglia Mastropietro potrà chiedere il giusto risarcimento? Traini , fatto il suo folle gesto s’è consegnato alla giustizia, tanto che domani verrà processato e senza da parte sua ritrattare: ma gli altri? quegli assassini di Pamela che per i RIS sono loro i colpevoli con tanto di prove scientifiche: ma chi paga per lo strazio di Pamela inflitto sul suo corpo, alla sua famiglia, sulla nostra intera società che ancora prova orrore e paura? Loro? Oseghale, Lucky 1 e Lucky 2? O Il Comune di Macerata ,che ancora si defila dalle sue responsabilità nel merito? Oppure lo Stato italiano? Oppure ancora quello nigeriano, trattandosi di clandestini con permesso di soggiorno scaduto e noti alla questura locale e al tribunale per spaccio di droga, con tanto di sentenza passata in giudicato; oppure infine, chi li ha accolti qui con progetto di accoglienza- lautamente corrisposti per tale servizio- e poi finito quello, lasciati a vivere di malaffare in città senza più curarsene ? Se c’è veramente giustizia per le vittime, ma quelle sottoterra, quelle piante da genitori, familiari, amici, no quelle che la raccontano ancora con tutta la paura e tutto quanto pure hanno patito, ma che tuttavia sono ancora vive, il Comune di Macerata dovrebbe finire in bancarotta per quanto pagare in processo per l’orribile fine di Pamela ,a soli 18 anni, che sventurata si è trovata a Macerata per poter tornare in treno a Roma, la sua città, fosse solo per la superficialità, l’essere di parte, l’arroganza, la mistificazione politica buttata su fascismo e antifascismo, con cui hanno trattato nel peggior modo il peggior fatto di cronaca nera che sia mai successo a Macerata.
  • Condanniamo il neofascismo
    ma lasciamo stare i bambini

    157 - Mag 6, 2018 - 19:41 Vai al commento »
    Ah meno male voi, Ceresani, Pavoni, stavo per credere di essere l'unica di aver letto, ingannata dal titolo, e violentandomi fino alla fine nel cerchiobottismo tipico di Liuti, fino a che non ho sgarrato gli occhi, indignata, quando il principe del giornalismo maceratese scrive: ...la cosa era divertente e in linea col clima anche scherzoso e ovviamente antifascista di quel giorno, e fino a che ho letto con gli occhi sgarratissimi, che sì certo, sarà stata per lui una storiella spassosa se non fosse che ci fossero andati di mezzo dei bambini. Come se noi adulti, invece , fossimo noi per lui come il pupazzo appeso, che accettano di tutto purché provenga dalla loro parte politica. E qui mi riservo di fare il mio pippone postumo, avvertendo già tutti quanti che non sarà né breve né indolore. Ma una domanda diretta e precisa vorrei prima fare a Liuti: ma perchè si sforza di scrivere quello che non pensa? Guardi che lo si capisce bene che vuole tenere il piede in tre staffe.
  • Pusher preso al parco

    158 - Mag 5, 2018 - 19:49 Vai al commento »
    Non c'entra niente con l'articolo quanto sto per dire, ma solo con un commento: quello di Mattia Pacetti. Preciso, altrimenti arriva qualcuno che mi rimprovera di non essere pertinente o poco lucida. Lasciamo perdere. Quando uno non dice le cose che qualcun altro vorrebbe sentirsi dire, è sempre per quel qualcuno una stecca nel coro. Ma andiamo al dunque. Non sono un'esperta di stupefacenti,ma per quanto ne sappia la cannabis appartiene alla categoria.Ebbene, giorni fa, dentro un bar ho trovato sul banco bene esposte delle lattine color verdino " energetiche" con su scritto cannabis. Alla mia domanda alla barista se avessi letto bene, la risposta è stata che praticamente è una bevanda simile alla Red Bull. Non sapendo niente di tanto, chiedo: ma è normale tutto questo consumo di sostanze eccitanti?
  • Il sindaco Carancini a Roma:
    «Macerata non dimenticherà Pamela»

    159 - Mag 6, 2018 - 16:41 Vai al commento »
    Oh! adesso che,finora, uno dei soliti noti sinistri ha espresso il suo voto di antipatia alla mia persona, stiamo tutti meglio e più sereni, Sindaco di Macerata compreso, che così si sentirà più rassicurato del fatto che c'è ancora qualcuno che lo difende. Perché è così. Se a certa jiente, ogghi, je lei il dislike nei blog, sono perduti; non gli resta che scrivere altrimenti , ancora a 60 anni, coi capelli bianchi e problemi alla prostata, poche righe tipo volantino anni '70, di quelli scritti dalla FGCI con la macchina da scrivere e fotocopiati che giravano nelle assemblee studentesche. Nel loro vocabolario attuale, dai commenti che da loro leggo, e che è sempre lo stesso, noto però manchi come ingrediente principale solo il termine "proletariato" ormai desueto, con buona pace di Karl Marx. E non dovrebbe però mancare, fatevelo dire, anche se si è spostato un pò più in là il paletto , dato che gli italiani non figliano più , ops, scusate, è poco fine detto così, mi correggo " non fanno più figli", ma che in compenso li fanno, eccome e quanti, i vostri protetti extracomunitari.Per cui avanti tutta! la vostra battaglia non avrà mai fine per scorta di povera materia umana.
    160 - Mag 6, 2018 - 15:18 Vai al commento »
    Dice il Sindaco : " Sono qui oggi perchè credo che la città lo volesse". Tutto qui, il coinvolgimento personale? Ha avuto 3 mesi di tempo per trovare le parole più adatte a riscattare la città sulla pubblica scena dall'onta subita per mano di personaggi lugubri, foschi, miserabili, abissali per bruttura d'animo, difficilmente inquadrabili in un volto umano,nonché delinquenti abituali, lasciati stare e fare. Ma non è riuscito a trovarle neanche in quest'ultima occasione, le parole giuste. Crede, Carancini. Cioè pensa, che la città lo volesse? E crede bene, direi, se gli è stato detto in tutte le salse, che la sua città avrebbe desiderato da subito meno cortei antifascisti-antirazzisti, e più una sincera partecipazione emotiva per la fine atroce di quella ragazza che ha avuto la sventura di venirsi a trovare a Macerata, dove in sole 48 ore di permanenza, ad eccezione del tassista sudamericano, in un solo km di strada ha incontrato la feccia più feccia dell'umanità! E' verissimo, che la droga E' - no sia , é proprio- un problema di tutte le città, ma come Sindaco di una città di 43.000 abitanti dal carattere pacioso, inoffensivo, ( che si ricordi, fino a quel 30 gennaio di quest'anno, due soli tragici fatti di cronaca sono avvenuti a Macerata: uno, nei lontani anni '50 o '60 per delitto passionale, il secondo, sempre a sfondo familiare, da parte del Carletti, e questi sì purtroppo sono fatti che possono succedere imprevedibilmente in ogni città, in ogni paese del mondo) una qualche domanda in più quale Sindaco, ponitila, se il tasso di concentrazione di tanta criminalità è così elevato tanto che , in un giorno qualunque, dalla Stazione ai Giardini fino a Via Spalato, Pamela ha incontrato solo gentaccia da far paura. Questa non è la Macerata che conosco, che conoscevo, meglio. E che non si riconosce.
  • «Ciao Pamela», abbracci e dolore
    alla partenza del feretro (Video)

    161 - Mag 4, 2018 - 17:19 Vai al commento »
    "Piccola folla" 100 presenti in una giornata lavorativa, e a 3 mesi e più dal delitto, quando si sa che il tempo smorza ogni rabbiore, non dovevate scriverlo CM.
  • Pamela, il vescovo benedirà il feretro
    I famigliari incontrano il procuratore:
    «Fate piena luce sulla vicenda»

    162 - Mag 4, 2018 - 2:03 Vai al commento »
    Se questo è il desiderio ultimo della mamma di Pamela, che chi vuole, di Macerata o non Macerata, della sua provincia o altre province delle Marche, chiunque, ha detto, possa andare a rendere l'estremo saluto a sua figlia - ormai nel dolore e la ferita aperta come fosse nostra figlia- ci sarò anch'io, perchè questa bruttissima storia ha lasciato il segno in tutti noi che fino a quel 31 gennaio, mai, immaginavamo potessimo diventare scenario di un così orribile delitto. Le dobbiamo questa vicinanza. Glielo dobbiamo. Come maceratesi, come marchigiani. E mi scuso con la mamma, la sua famiglia, i suoi amici e amiche, se leggono, per questo mio accostamento che di favola non ha assolutamente niente, ma anzi, tutti i tratti della peggiore e cruda realtà. Ma quando penso a Pamela, a quella giovane vita finita per sempre, violata da viva e vilipesa da morta, e la immagino smarrita appena scappata dalla comunità, mi torna alla mente la favola di Pinocchio che, disattendendo- non dico disobbediendo, perché si sa che i giovani amino disobbedire per poter fare le loro esperienze- le raccomandazioni di babbo Geppetto, i buoni consigli del Grillo parlante e della Fata turchina , i quali, tutti quanti ,lo avevano avvertito che chi non va a scuola, non studia, non fa il suo dovere, prima o poi finisce in prigione o all'ospedale. E questa è la morale della favola di Collodi. Che però, perchè si avveri , abbisogna che Pinocchio , ingenuo e avventuroso nel suo giovane , spavaldo e curioso spirito, si imbattesse nei più delinquenti possibili come Il Gatto e la Volpe, Mangiafuoco ( che pure , burattinaio senza pietà per alcuno, commosso dalla storia di Pinocchio, gli lesina qualche bottone in argento della sua giubba), l'Oste del Gambero Rosso, e infine Lucignolo, la cattiva compagnia che lo porterà nell'illusorio paese dei balocchi, da dove tornerà ciuchino. Ecco. Sullo stesso piano, Pamela, lo stesso giovane e sprovveduta, ingenua e avventurosa come il protagonista della favola di Collodi, appena uscita dal guscio della comunità di recupero, chi ti incontra in una piccola città di appena 43.000 anime come Macerata, che appena appena è un terzo di un quartiere di una qualsiasi città metropolitana? Solo ladri, approfittatori, stupratori, spacciatori e assassini della peggiore specie, da cui purtroppo, a differenza di Pinocchio, però non tornerà più indietro, fra noi.
  • Forza Nuova a Macerata, il centro sociale:
    «Gli antifascisti difenderanno la città»

    163 - Mag 5, 2018 - 0:51 Vai al commento »
    Iacobini, non mi piaci,e sai perché? perchè la butti sempre a margine e mai ti esprimi chiaramente nel tuo pensiero: il tuo. Ti avvali di ogni strumento mediatico, di ogni risorsa Internet nelle tue argomentazioni, ma lasciati dire " troppo facile, amico mio", barcamenarsi così nel mare in tempesta . E' tempo, anche passato,strapassato, di prendersi ognuno le sue posizioni certe, di cui la tua, mi spiace, ma non ho ancora capito di preciso qual è. Sempre che ci sia un preciso, di cui dubito. Per me, sei uno dei tanti elettori 5 Stelle, ed ecco perciò spiegata la tua ambiguità. Tutto e niente come loro, pura fuffa, politicamente parlando.
    164 - Mag 4, 2018 - 18:11 Vai al commento »
    Come riescono quelli di sinistra , con le loro ormai proverbiali pesantezze retoriche sull'antifascismo che fanno ormai parte della storia di 80 anni fa,e con le loro azioni sfasciste di vetrine, di messa a fuoco e ferro di città blindate quando scendono in piazza armati di bastoni e bombette fumogene da delinquentelli mascherati da black box, a farti venire una simpatia pur controvoglia per la destra ,anche quella più estrimista...NESSUNO COME LORO! Alla faccia della libertà di parola ed espressione, che sembra solo a loro appannaggio ( violento: verbale e fattuale ) ! Ma la Costituzione, oh, che vieta l'apologia fascista, come ci ha ben insegnato Matteo Renzi con l'abolizione dell'art. 18 ed altro diritto costituzionale, si può anche cambiare anche in questo hè, se i tempi lo richiedono. E a me sembra che questi tempi lo richiedano proprio dal liberarsi dei veterocomunisti,dai cattocomunisti,dai centri sociali da loro mantenuti e alimentati, in quanto tutti , tutti quanti, parassiti sociali.
  • Funerale di Pamela,
    Traini manda un mazzo di fiori

    165 - Mag 5, 2018 - 17:02 Vai al commento »
    La natura non m'ha fatto niente. Anzi. Ma come disse Sartre " L'inferno sono gli altri". La parola, per niente fine, rivolta a Poloni era in diretto richiamo ad altro suo recente commento - io leggo tutti e tutto -dove a proposito di Liberazione, di fascisti e antifascisti, ha scritto " non confondiamo la m...con la cioccolata", in quanto ritengo che entrambi gli elementi siano tanto degli uni che degli altri quanto all'uso della forza, della prepotenza, della violenza ,sia verbale che fisica che politica che antipolitica; perciò, finesse pour la finesse...voilà! non volevo essergli da meno.
    166 - Mag 4, 2018 - 21:17 Vai al commento »
    Poloni...prima di parlare e giuidicare, passaci tu, ad essere genitore di Pamela. Fa il grande piacere: chiudi quella tua fogna di bocca sinistra e comunista, che ci avete rotto ...alquanto.
    167 - Mag 4, 2018 - 19:50 Vai al commento »
    Embé. se anche fosse, Iacobini, anche se non ci credo minimamente con una giustizia delle toghe rosse, non se lo meriterebbe solo per averlo pensato e fatto? Embé? E allora, perchè non glielo hanno mandato Oseghale, Lucky 1 e Lucky 2 , il mazzo di fiori?
    168 - Mag 4, 2018 - 18:54 Vai al commento »
    Ammò, tu sta a vedé, che i sinistrati gli faranno anche un processo a Traini, perché ha mandato nel giorno del suo funerale un bouquet di fiori a Pamela, la ragazza per cui una mattina si è giocato per vendetta la sua vita; mentre gli assassini, quelli che l'hanno drogata, stuprata, accoltellata, lavata, disseziata, ridotta a pezzi, a forza di negare e non parlare, e assistiti da ben due avvocati ognuno, si prenderanno un terzo della pena per reati minori rispetto a quanto sconterà Luca Traini. Basti guardare il garantismo della legge italiana per sentirci al sicuro della legalità, che fa mettere pixel sulle manette nelle foto di arresto divulgate a mezzo stampa per rispetto della privacy! Vedi foto arresto di Oseghale. Bravi, bene, continuiamo così a proteggere i delinquenti, quelli veri, incalliti, irrecuperabili, che non si redimeranno mai perchè non hanno quella parte importante per farlo: il cuore. L'anima. Che invece Luca Traini ha dimostrato avere anche se ha sbagliato tutto.
  • Sindaco eletto alla Camera,
    Pd e M5s: «E’ incompatibile,
    convochiamo il Consiglio»

    169 - Mag 3, 2018 - 16:42 Vai al commento »
    Infatti, infatti, Vesprini. Grazie del tempismo e la puntualità con cui è intervenuto. Stavo giusto per correggermi e dal correggere la mia ignoranza, dopo aver letto da questo sito che pare ben aggiornato sul tema. Potenza Picena, in effetti, sfora coi suoi oltre 803 abitanti in più, il limite fissato dei 15.000. Sindaci a parte, però, resta per me difficile capire nonostante i termini di legge secondo cui un membro di una Giunta o di Consiglio non possano rivestire doppio incarico, come mai invece nell 'elenco dei compatibili figurino fra i tanti più noti di ogni Partito, questi: Piero Fassino,PD, Consigliere a Torino, Stefano Fassina , LEU, Consigliere a Roma, Roberto Giachetti, PD, Consigliere a Roma, Giorgia Meloni , FDI , Consigliere a Roma, Mara Carfagna , FI, Consigliere a Napoli, Maria Stella Gelmini, FI, Consigliere a Milano, Lucia Borgonzoni, Lega, Consigliere a Bologna, Vittorio Sgarbi, FI, assessore ad Urbino,e pure due dei 5 Stelle, Briziarelli Luca, Passignano sul Trasimeno, Consigliere e Pirro Elisa, Orbassano, Consigliere. Mi illumini, Vesprini! Cos'è che non capisco? https://www.msn.com/it-it/news/other/chi-sono-i-parlamentari-italiani-con-doppi-incarichi-e-incompatibilit-c3-a0/ar-AAwu88p
    170 - Mag 3, 2018 - 15:24 Vai al commento »
    Ma se il deputato Cesare Marini, approdato nel PD dai Socialisti Italiani, poi aderente all'Ulivo, e poi e poi, finché viene eletto nelle sue liste alla Camera in Calabria nel 2008 e successivamente eletto sindaco del comune cosentino di San Demetrio Corone (CS) nel 2011 a capo di una lista civica denominata "Verso il futuro" perchè ,Francesco Acquaroli no? https://it.wikipedia.org/wiki/Cesare_Marini E potrei continuare con una lunga lista di parlamentari-sindaci, di ogni colore politico, eccetto naturalmente i 5 Stelle, che hanno fatto la loro comparsa sulla scena politica romana solo di recente, negli ultimi 5 anni di legislatura. 5: come i 5 Stelle. Ma mi pare comunque di capire che la questione sia di pura lana caprina, in quanto basti per la legge rinunciare all'indennità di sindaco per stare in regola col doppio mandato. Mi pare hè, di capire!
    171 - Mag 3, 2018 - 15:06 Vai al commento »
    Ma se l'avvocato Simonetta Rubinato, PD,prima eletta Senatrice nel 2006, poi rieletta deputata alla Camera nel 2008, poi ancora riconfermata alla Camera nel 2013, è stata contemporaneamente sindaca di Roncade ( provincia di Treviso) dal suo primo mandato del 2004 fino alla sua riconferma nel 2009 ( scaduto nel 2014) , perchè Francesco Acquaroli no? http://www.deputatipd.it/deputati/rubinato-simonetta
    172 - Mag 3, 2018 - 14:35 Vai al commento »
    Ma se il Senatore Remigio Ceroni di FI, è stato contemporaneamnte parlamentare e sindaco di Rapagnano ( da 27 anni sindaco ) , perchè Francesco Acquaroli no? http://www.laprovinciadifermo.com/index.php/tech/valtenna-val-d-ete/1757-l-intervista-remigio-ceroni-il-sindaco-senatore-pronto-al-sesto-mandato-rapagnano-comune-piu-efficiente-d-italia http://www.comuni-italiani.it/109/035/amm.html
  • Macerata celebra la vittoria di Garibaldi,
    «la statua tornerà al centro della piazza»

    173 - Mag 2, 2018 - 1:59 Vai al commento »
    Grazie, Verdenelli, del suo ulteriore contributo alla discussione. Inutile dire, che concordo appieno con Emanuele Tacconi. Allo studioso garibaldino Pistelli, vorrei invece far notare come sia improponibile oggi riposizionare la statua dove fu concepita inizialmente , quando basta guardare quella foto d'epoca sopra pubblicata- dove oltre a vedersi che in fondo a Via Cavour non c'era ancora lo spazio aperto sul Monumento ai Caduti che abbraccia nel suo piccolo come il colonnato di San Pietro l'ingresso e la fine di Via Cavour ,ma " un muro", che impattava la visuale e chiudeva l'intera via che si slargava a formare una piazza solo in prossimità dei Cancelli- si vedono solo persone a piedi, carretti e cavalli per cui, effettivamente, quella piazza con al centro il Monumento a Garibaldi aveva il suo senso, perchè di quella piazza gli allora maceratesi potevano fruire senza venire travolti dalle auto e respirare smog. Domanda, quindi: l'eventuale spostamento della statua porrebbe la necessità anche di un nuovo piano di viabilità, e quale sarebbe si sa o si va col metodo Stanislavskij? Ciò fermo restando, come anche detto da Gianni Menghi, che ricollocare quella mole di statua al vecchio posto offuscherebbe in prospettiva I Cancelli da una parte, il Monumento ai Caduti dall'altra, senza riceverne alcun beneficio oltreché estetico, pratico . E fermo restando anche, quanto detto da Giuliano Meschini, che quoto in tutto, ed aggiungo, che sarebbe meglio per Carancini ,e per tutti, entro fine mandato pensare a risolvere altrove la viabilità; mi riferisco al passaggio a livello ad inizio di Via Roma, zona prossima , fra l'altro , come suggerita dal Comune dove far sorgere nientemeno che l'ospedale unico! ...ve le immaginate le ambulanze con le urgenze ferme 5 minuti - se va bene- al vicino passaggio a livello? Chiudo qui, altrimenti degenero come mio solito.
    174 - Mag 1, 2018 - 0:18 Vai al commento »
    Detto più in parole povere, Carancini vorrebbe fare un'accozzaglia di elementi storici, architettonici, di rimescolamento senza alcun risvolto d'interesse attuale ( ma perchè, piuttosto, anzichè sprecare il tuo tempo con Garibaldi, non pensi a fare le piscine, strapagate dai tuoi concittadini che sono rimasti con un palmo di naso?) che spero , vivamente, secondo quanto riportato da Verdenelli come suo proposito, sloggi prima di fine mandato.
    175 - Apr 30, 2018 - 23:27 Vai al commento »
    Non so veramente da che parte incominciare a demolire quest'ennesimo " delitto passionale" che il Carancini s'è messo ormai in testa di fare. Qualcuno dirà pure" ma chi sei tu per criticare questa scelta ?" nessuno" ,rispondo, ma vado avanti col mio discorso, molto chiaro e semplice, frutto solo della mia più umile mente. Primo. Non è da parte degli storici, né di studiosi , né di appassionati di Garibaldi in genere, che si possa spostare una statua di quella portata per rimetterla dov'era prima che venisse abbattuto Porton Pio e venisse poi realizzato il Monumento ai Caduti dal Bazzani alla fine- o al principio, dipende dalla prospettiva- di Corso Cavour , perchè prima di allora, la statua lì al centro della piazzetta aveva un senso, dopo non più, tanto che oggi non farebbe che intralciare il traffico in quell'area già poco snello di suo, e togliere quell'ariosità che solo un grande architetto, all'epoca, ha saputo dare. Secondo. Che dicono i geologi? E' opportuno in quell'area sottovuotata da grotte e cavità naturali ,nonché ulteriormente alleggerita dai sottopassaggi postumi di Via Cavour , porre una statua di tale gravità? Terzo. C'è un qualche architetto, urbanista, che si senta di sottoscrivere tale scempio visivo in quel preciso punto?
  • Body painting in centro storico:
    modelle posano in topless (Foto)

    176 - Apr 29, 2018 - 1:10 Vai al commento »
    Mammetta mia, che penuria di idee in mano ai sinistri! che pena per Macerata, che pena! Ma quante altre belle cose potrebbero farsi nel nome della vera bellezza, della condivisione estetica: quante? eppure no, perchè comandano loro, la Monteverde, i sinistri, e niente altro è possibile fare, a Macerata.
  • Un gallo ha molti poteri
    ben più di un umile pollo

    177 - Apr 30, 2018 - 10:54 Vai al commento »
    Ma non creda Liuti, sa, anche le galline a fine giornata si sentono stressate per tanto attivismo sessuale del gallo, al punto che qualcuna ha trovato la sua strategia per evitare le continue molestie del maschio del pollaio. Guardi un pò qui...una si finge addirittura morta pur di evitare il convegno carnale! https://www.facebook.com/100008780164290/videos /1793753550927300/UzpfSTEwMDAxMTk0MTA4Mzg5NzozNTUwMjk5NDQ5MDUwMzk/ dal Gruppo Valle Brembana di tutto di più https://www.facebook.com/groups/871947706199062/permalink/1747643565296134/
  • Insulta Macerata su bacheca del sindaco,
    lui risponde: «Ma chi te ce vole»

    178 - Mag 2, 2018 - 16:35 Vai al commento »
    "Ma chi ve ce vòle?" : "Ma chi ve ce vène!"
    179 - Apr 30, 2018 - 16:20 Vai al commento »
    Poloni, l'hai detto " per me può rimanere dov'è, non me ne può fregare di meno": appunto, per te , uno dei tanti mila maceratesi, ma non può rispondere così il Sindaco di un capoluogo di provincia: " ma chi te ce vole"? se, come dovrebbe essere, Sindaco di tutti e non cacciar via nessuno solo perchè si picca del fatto che qualcuno gli ha scritto che , secondo lui, Macerata è brutta e insicura, gestita da ...etc. etc. Il fatto è, che è troppo elettoralmente dipendente da tutti i gruppi di sinistra anche i più estremisti e quindi non ha comportamenti e reazioni consone al suo rango istituzionale, che richiederebbe più equilibrio, più equidistanza, a partire dalla posizione assurda, tignosa, assunta nel delitto della povera Pamela, purtroppo per lei secondo gli standard del PD , vittima non di un femminicidio , ma di spacciatori , barbari assassini, cannibali e clandestini extracomunitari che la sua città ha accolto prima come ospiti, poi lasciato fare come delinquenti abituali senza neanche avere le carte in regola. Basti peraltro guardare il palinsesto del 25 Aprile con gli eventi programmati dal Comune di Macerata: pranzo coi migranti, musiche e danze africane tutto il giorno,e infine, per condire il tutto all'insegna del politically correct di sinistra, la famosa pignatta antifascista ben stampata nel programma del 25 Aprile alle ore 16. Ma Carancini, di tutto questo non sapeva niente: vero? Poi si lamenta, si risente anche, ed alza pure la voce ? Chiedere scusa mai , hè? Ma quale maceratese, chi della provincia di Macerata, e quale italiano, può dirsi così rappresentato nel giorno della Liberazione da venire a festeggiarla a Macerata fra tutte danze tribali? Se questo è il senso acquisito,dato dal Comune di Macerata alla festa della Liberazione, si potrà anche dissentire: o no?
    180 - Apr 29, 2018 - 12:47 Vai al commento »
    Iacobini, qui tutti diciamo la nostra, estemporanea , grazie a CM. In ogni caso, e a scanso di equivoci, voglio precisare che non sono mai stata fascista né mai lo sarò, perchè detesto ogni imposizione e violazione della libertà di pensiero e personale, perciò, ho altrettanto in odio la sinistra non dissimile dai fascisti nelle sue manifestazioni , con l'aggravante , però, quest'ultima, di ricoprirsi di una spessa coltre di ipocrisia e di violenza nascosta che basta niente a farla emergere. Vedi Macerata.
    181 - Apr 29, 2018 - 11:43 Vai al commento »
    Gabriele Spitoni, chiedano scusa anche i partigiani, allora, che a guerra finita, hanno innescato una guerra civile e fatto le loro vendette personali, PERSONALI. I conti con la storia non portano pari in tal senso, anche se vi credete tutte anime belle. Il sindaco Carancini ha condannato...DOPO? Ma è il Sindaco,sa quanto succede in città, sa cosa decide la sua giunta, oppure è l'ultimo arrivato come l'amen? E in ogni caso, ricordiamoci tutti come definì Carancini l'opposizione in Consiglio qualche anno fa" topi di fogna", solo perchè essa osò sindacare sul suo doppio operato come amministratore e come avvocato di parte nella municipalizzata APM , una sua espressione, " topi di fogna" ,che non è certo da meno dei vermi portati dalla Mussolini.
    182 - Apr 29, 2018 - 1:54 Vai al commento »
    Aldo Iacobini: ma che cà...stai a dì? ma ti rendi conto o no ,che stai commentando? Citi insieme Marshall McLuan con Jimmy Fontana! Oh purittu nù...Su che teste fare affidamento a MaGerata!
    183 - Apr 28, 2018 - 19:49 Vai al commento »
    ...Ma chi te ce vòle più a te, Carancini e signora, che vi spartite le cause da coniugi avvocati supremi della corte maceratese! Ma chi? Giusto quelli come voi, che ne traggono beneficio come voi dall'essere ad oggi " I supremi comandanti in pectore" voi, contadini d'estrazione , oltretutto. Contadini arrivati, certo :ma che comunque me fai un baffo, a me, tu Carancini, che pure ti ho difeso nonostante tutto il tuo danno personale a me arrecato. Ma ora basta non meriti altro: VAI A CASA E ZITTO: ignobile, prepotente, oscuro personaggio di sinsitra che altro non sei!
  • Un 25 aprile da horror

    184 - Apr 28, 2018 - 18:39 Vai al commento »
    Hè...altro mondo, altro pianeta, altra personalità, altro tutto, quello della Professoressa Donatella Donati, che misura le parole e sta ai fatti, che sa quel che dice anche per quanto da lei vissuto in prima persona. Che imparino da lei tutti, soprattutto i tanti democratici d'oggi di sinistra ,che non hanno la più pallida idea di quanto rivendichino in tema di antifascismo, ma in compenso sempre più pronti a svendersi sui temi sociali e di welfare, pur di accaparrarsi una qualunque posizione di potere , anche a costo dell'art.18, purché sia di potere alla sinistra piuttosto da sottrarlo alla destra in cambio dei voti dei c.d.moderati. Vedi politiche di Matteo Renzi, come dei suoi precedenti e successori, tutti piddini.
  • Mussolini a Macerata, l’Anpi:
    «Ringrazi i partigiani
    se ha diritto di parola»

    185 - Apr 28, 2018 - 15:54 Vai al commento »
    Iacobini: " elementare Watson". Perchè ,secondo te no, invece non avrebbe potuto parlare nel regime del nonno che portava il suo nome? Che ho detto di tanto così incomprensibile e strano? Mi pare talmente un'ovvietà... Stiamo sul punto. Marconi non si è rivolto con quelle parole ad un pinco pallino chiunque, come me , come te, come tutto il resto degli italiani, ma alla diretta nipote del Duce, la quale certamente avrebbe goduto ugualmente del diritto di parola, ripeto, solo per esserne la nipote.
    186 - Apr 28, 2018 - 13:58 Vai al commento »
    Fa molto piacere sentire che anche l'ANPI si sia dissociata dall'orripilante iniziativa allestita il 25 Aprile in Piazza Cesare Battisti. Ma mi si lasci notare la stridenza concettuale nelle espressioni utilizzate da Lorenzo Marconi verso la Mussolini, secondo cui, se anche la nipote del Duce oggi ha diritto di parola , è per merito dei partigiani. Scusa Marconi, ma questo è un vero controsenso. Parole giuste e sacrosante le tue, ma se rivolte a chiunque altro italiano eccetto ,proprio, alla nipote di Mussolini, che in quanto tale e per il nome che porta, se anche non ci fosse stata la Resistenza e la lotta partigiana, lei,infatti, di sicuro , avrebbe comunque potuto parlare.
  • «Il 25 aprile in mano a estremisti»,
    la “Pignatta antifascista”
    finisce in Consiglio

    187 - Apr 28, 2018 - 18:05 Vai al commento »
    Avvocati, Iacobini? Avvocati, per una questione di pura e semplice amministrazione burocratica ? Oh! ma chi amministra a Macerata? Chi fa il buono o cattivo tempo? CHI? Ma ci mancherebbe altro che questi signori tutti, possano fare quel che vogliano , fra l'altro per un'esigua maggioranza, che se si fosse solo un moto di sdegno da parte loro, il Sindaco già sarebbe stato dimesso fin dai fatti neri del 30 gennaio, di cui è partecipe, checché se ne possa sentire in disparte quanto voglia: ma stiamo scherzando, oppure? Ma chi ha creato, voluto, tutto questo, a Macerata, alla faccia della città bigotta e sorniona quale appare. Altro che...è coi voti dei cattolici che Carancini è andato su. Coi voti dei cattolici, delle parrocchie e parocchiette, e dei gruppi estremisti di sinistra. Provami il contrario. Ciao.
    188 - Apr 28, 2018 - 17:16 Vai al commento »
    Ineccepibile, punto su punto, la reazione della minoranza consiliare. Non è possibile, che l'Amministrazione si scarichi sempre di ogni sua responsabilità, sempre e comunque! E così per il Sindaco Carancini, che sembra sempre essere l'ultimo caduto dal pero. Bravi così,voi firmatari, perché è giusto andare fino in fondo, fino a capire , o scoprire, chi ha permesso tutto questo allestimento con tanto di forca alta qualche metro- che ci saranno volute ore di lavoro per impiantarla proprio lì in pieno centro storico a due passi dal Comune e dalla Questura di Macerata- quando, se poco poco un qualsiasi altro tizio che non sia dei gruppi e associazioni di estrema sinistra faccia richiesta di occupazione di suolo pubblico alla stessa Amministrazione, gli vengono preventivamente e successivamente contati persino i peli ...avete capito, e ostacolati in tutti i modi e maniere, o come quando anche un qualsiasi gestore di un bar in centro, se poco poco sfora anche solo di 1 cm. con un tavolinetto esterno l'occupazione di suolo pubblico, subito arrivano i vigili a contestare con una multa. Si faccia veramente chiarezza in questa brutta vicenda, che dà ulteriori segnali di una Macerata sempre più in mano a vere orde barbariche.
  • “Antifa” rievoca piazzale Loreto,
    fa giocare i bambini alla pignatta
    con il fantoccio del duce

    189 - Apr 26, 2018 - 22:47 Vai al commento »
    "Antifa", abbreviazione che sta per antifascismo- se solo idealmente contrapposta ad " Antico" ,che starebbe per anticomunismo, anche solo linguisticamente ne detterebbe l'attuale loro identità storica, ossia IL NULLA ASSOLUTO, dato l' esiguo numero di rappresentanti in Parlamento, e solo attraverso il LEU che è arrivato alle ultime elezioni appena sopra la soglia di sopravvivenza partitica coi suoi 18 parlamentari in tutto fra deputati e senatori. Ma di chi stiamo parlando oggi? di chi? CHI, vorrebbe continuare a dettar legge fra questi zero assoluto, signorotti alto borghesi, notabili, figli di papà, professionisti, privilegiati in genere delle politiche del PD , soprattutto renziane?
    190 - Apr 26, 2018 - 11:25 Vai al commento »
    Più che una scelta provocatoria , DEMENZIALE, diseducativa; un brutto spettacolo solo a vedersi , e non solo agli occhi dei bambini. Manco nei peggiori passati regimi dell'est sovietico si userà più rievocare così la caduta dei loro dittatori comunisti. C'ha da fare chi li ha autorizzati. Macerata, in pieno declino intellettuale, etico, estetico , dà sempre più il peggio del peggio di sé.
  • Oiza apre i 728 anni di Unimc:
    «Io, studentessa d’origine nigeriana
    orgogliosa della reazione dopo Traini»

    191 - Apr 20, 2018 - 18:49 Vai al commento »
    Aldo: No! non lo penso.Ce l'ho messa tutta per essere super partes, ma tu mi sgami e ...devo esser sincera: no! Ne approfitto per dire alla studentessa nigeriana di seconda generazione, che respingo fortemente ,e inoppugnatamente anche , ogni sua accusa di ignoranza e razzismo quale cittadina italiana e maceratese, perchè fino a prova contraria, nessuno prima del delitto di Pamela li ha minimamente disturbati per il colore della loro pelle, anzi, tutti ben accolti e meglio di chiunque altri a Macerata e dintorni, finché i suoi connazionali hanno fatto quel che hanno fatto di Pamela , da viva e da morta, e questo per me traccia il confine tra il prima e il dopo, se permette la signorina. Non ce la faccio proprio a digerirlo. Mi scuserete se non sono così multirazziale.Sarò provincialotta, sarò retrogada, ma sto bene così, nei sani principi del rispetto della sacra vita di ognuno che viene prima di ogni altra cosa o cosetta culturale,accademica...e di tutte le litanie del caso recitate per difendere l'indifendibile.I connazionali della signorina universitaria sono animali feroci, spaventosi, e niente mi distoglie dal pensarlo.
    192 - Apr 20, 2018 - 17:30 Vai al commento »
    Ora che mi sono adeguatamente freddata, forse, dico forse, sempre nei miei militi e possibilità intellettive e conoscitive, naturalmente, tenterò di rimarcare la dissonanza ,per non dire stonatura come una stecca nel coro, degli alti scienziati sopra che fanno appello insensato all'Umanesimo. Primo: come nasce e perchè l'Umanesimo? nasce nel XV secolo come movimento culturale contro i passati secoli bui del Medioevo, col preciso intento di recuperare, RE-CU-PE-RA-RE le radici europee della nostra cultura occidentale, O-CCI-DEN-TA-LE: dai classici greci a quelli latini,di cui Seneca e Cicerone. E già questo basterebbe per inficiare tutto l'impianto discorsivo degli accademici che ne hanno fatto ricorso avvalendosi così, schizzofrenicamente, del villaggio globale, del multietnicismo, nonché , per spazzare via quei fronzoli, quegli orpelli mielosi della studentessa nigeriana, che per carità- sia pure orgogliosa delle sue radici africane, come noi per le nostre, con la differenza che è lei a star qui in Italia, quindi un perché c'è se è qui e non nel suo Paese di origine a dare sfoggio della sua ricchezza di patria natale - ma che nulla c'entrano nel tema col richiamo al nostro Umanesimo. IL NOSTRO. Secondo. Al Manfredi, in qualità di presidente della conferenza dei rettori italiani, dico che, se l'Università di Macerata anziché investire nel mattone avesse investito nei docenti, nei migliori docenti, se non si fosse lasciata sfuggire per esempio un Giorgio Agamben con la sua cattedra di Estetica alla Facoltà di Filosofia, sottrattogli in quegli stessi anni dall'Università di Venezia, questo Ateneo oggi avrebbe goduto senz'altro di più credibilità, all'infuori delle chiacchiere, dei bei motti latini , oltre come detto della tarlata stola di ermellino, di cui sa solo formalmente rivestirsi per protersi propagare nei secoli a venire " sanza infamia e sanza lodo".
    193 - Apr 19, 2018 - 14:25 Vai al commento »
    Si dice che la notte porti consiglio, ma per me ancora oggi, alle due e passa di giorno , più leggo l'articolo più m'infervoro. Sarà perchè sono una passionale col sangue che comincia a scorrermi fortemente nelle vene quando sento tante ca..ate tutte insieme; sarà perchè i nostri figli- i nostri, degli italiani come me di generazioni senza più voce in capitolo perchè quella degli stranieri, chiunque siano, purché siano, sembra essere sempre più altisonante- benché laureati nell'università maceratese o altra università italiana, per poter trovare un lavoro decente e ben pagato all'altezza del 110 e lode, e con tanto di bacio accademico, devono poi però migrare all'estero per potersi affermare in ogni campo; sarà perchè ricordo bene il " rettore costruttore" di qualche anno fa che si è comprato mezza Macerata coi soldi pubblici senza una finalità davvero logistica, dato che le facoltà più umanistiche , giustappunto sull'Umanesimo tanto propagandato, sono finite dove? In zona Vergini, periferica e scollegata; sarà perché l'ex Upim per me non doveva essere destinato all'Università ma alla sua naturale vocazione di 3 piani stabili per attirare il commercio in centro; sarà anche perchè intorno al giro universitario ci mangiano in nero e in troppi in centro storico con gli appartamenti affittati agli universitari, dove vivono ammucchiati come nelle stalle per risparmiare su vitto e alloggio; sarà per via anche delle piscine e del polisportivo Fontescodella mai realizzato fra Comune e Università maceratese che ancora se la contendono, che ritengo questo spettacolo, con aggiunta di sbandieratori- alé! evvai col folklore, con la sagra della polenta e del ciauscolo- davvero indecente e non certo seducente per il clima sociale e culturale che stiamo vivendo, in cui, l'unica e sola forma di riscatto avrebbe dovuto essere la Cultura, quella con la C maiuscola. Non certo questa.
    194 - Apr 19, 2018 - 0:26 Vai al commento »
    Una carnevalata in maschera fuori tempo, visto il c.m. Aprile, non meritevole di titoli di cronaca. Macerata sempre più in basso, perchè anche qui la Città non sa toccare il vero, il reale. Come la sua Amministrazione in combutta , che vive di fantasie esattamente come l'Ateneo maceratese. Che peccato per l'Università e la sua antica storia.Ma se devo dire la mia, per me,tutti da mandar via, fuori fuori, come tutti indegni della sua secolare tradizione! Prestati e basta alla più bassa leva dell'attualismo.
    195 - Apr 19, 2018 - 0:02 Vai al commento »
    Che squallore. L'UMANESIMO...sarebbe per voi questo , il Nuovo Umanesimo? per quanto mi riguarda, ho letto solo banalità su banalità: sia dai docenti che dalla nigeriana che si sente italiana, ma che come è statto detto sopra, non una parola ha speso contro i suoi connazionali barbari e assassini che neanche le bestie. Ma che dico bestie? non esiste proprie fra le bestie, che se uccidono,quando uccidono lo fanno solo per sfamarsi. Ci sarebbe bisogno degli stessi Cervelli di allora, di quel meraviglioso tempo e splendore, perché si possa parlare in gran pieno di Umanesimo. Ma vergognatevi solo a nominarlo, l'Umanesimo! Dove sono ora questi Cervelli a Macerata o in altrove Università italiana: DOVE? CHI? Fate nomi e cognomi!O sareste Voi tutti, dell'Università italiana, con indosso le toghe di ermellino tarlate a rappresentarlo? Ma fatemi ridere...và!! và...
  • Omicidio di Pamela,
    c’è il nullaosta alla sepoltura

    196 - Apr 20, 2018 - 2:04 Vai al commento »
    Ora, io sarò una sentimentale,una retrò, una passionale,tutto quello che vi pare, ma che comunque me la sconto e me la pago per cavoli miei sempre contro tutti,amministrazioni, istituzioni...ma che mi frega? Niente! vogliamo però almeno adesso ringraziare pubblicamente tutti quanti la ditta di pompe funebri " Centro funerario di Macerata" che si occuperà gratuitamente del trasporto funebre della salma di Pamela? Non mi sembra un gesto da poco. Chapeau da parte mia a loro, e che la piccola possa d'ora in poi riposare in pace.
  • Pamela, bufera sulla Contigiani
    «Si dimetta dal Consiglio delle donne»

    197 - Apr 17, 2018 - 13:41 Vai al commento »
    Certo che è veramente strana e contorta la maggioranza che, gira che ti rigira, è la stessa mente unica che siede ininterrottamente in Consiglio da 20 anni e nel cui periodo è compreso il 2006, anno in cui Bruno Carletti tentò l'assassinio -uso un termine neutro non essendo all'epoca ancora stato coniato per legge quello di femminicidio- della moglie Francesca Baleani. Tutti però ricordiamo fra le polemiche, che a tre giorni dal fatto l'allora sindaco Giorgio Meschini si recò in carcere a Camerino a far visita al Carletti. Anche alla luce dei fatti di oggi, femminicidio o non femminicidio,parrebbe pertanto che gli amministratori maceratesi non abbiano abbastanza tatto da sapersi distinguere per stare sempre e comunque dalla parte delle vittime.
  • Pianesi al matrimonio macrobiotico,
    invitati bloccano giornalista Rai
    Intervengono i carabinieri

    198 - Apr 15, 2018 - 14:58 Vai al commento »
    Iacobini, scusa: ma che vuol dire che la faccenda sia avanti per anni indisturbatamente "forse perché accanto a tanto male c'era anche tanto bene e i due lati del manicheismo si equilibravano?" Oh bella questa! Cioè, secondo te, ci sarebbe una sorta di camera di compensazione per cui se uno chiunque con una mano da e con l'altra prende - si prende la libertà, la dignità delle persone a lui sottoposte per fascinazione in cambio di una promessa di salute, di lunga vita - e che ricambia sul piano di ore lavorative nella sua industria con un piatto di minestra - non certo dignitoso per nessuno questo misero scambio- sarebbe del tutto legittimo? per me, anche il vincitore X di un premio Nobel e meritatissimo , qualora per qualsiasi motivo un giorno sgarrasse ne andrebbe accertato il comportamento sul piano legale fuori da ogni sua portata di scienza. Non esiste per nessun imprenditore l'extra legem in termini di giusta paga e versamento di contributi per i suoi lavoratori, e tantomeno poter esercitare una professione abusiva per nessun professionista in alcun settore senza incorrere in serie sanzioni. Non vedo perché Pianesi dovrebbe avere un diverso trattamento. Che poi dagli esiti giudiziari ne esca nel migliore dei modi è altro conto, e in tal caso ne saremo tutti felici e contenti. Ma intanto mi pare più che giusto che la legge, uguale per tutti, faccia il suo corso. Ciò detto, voglio precisare che il mio non è affatto un attacco personale a Mario Pianesi che ho avuto modo di conoscere tanti anni fa e che non mi ha fatto niente di male, anzi, ne riconosco e apprezzo l' operato per quanto concerne ogni singolo aspetto positivo sul piano dell'igiene alimentare e ambientale , ma al sistema da lui messo in piedi con tanta liceità che ad ogni altro non è concessa. E, ultima cosa, che non c'entra nulla nel contesto per cui si parla di Pianesi e con lui degli altri indagati, ho chiesto qui per la seconda volta dopo che sono venuta a conoscenza dall'articolo della prof. Donati della scomparsa di Gabriella, la prima moglie di Mario Pianesi - leggevo sì di questa sua attuale moglie, ma pensavo ad una separazione, non sapevo della sua morte che ho appreso con grande dispiacere perché l'ho conosciuta ed era una persona squisitissima, delicata, riservata, altruista, sempre defilata, sempre un passo indietro alla figura del marito - uno, perchè sono rimasta sconcertata della sua fine prematura, due, perchè mi piacerebbe sapere anche dove riposa per poterle portare un fiore.
    199 - Apr 15, 2018 - 4:15 Vai al commento »
    Piuttosto: chiedersi come è morta, di che è morta, l'ancor giovane prima moglie di Mario Pianesi, Gabriella. Una donna ridotta ancora in vita a scheletro umano e senza denti già a 30 anni perché le cure dentistiche per Mario Pianesi sono nocive. Di cosa è morta sua moglie : si sa ? chi lo sa?
    200 - Apr 15, 2018 - 3:04 Vai al commento »
    Ferroni: Pianesi, ha dato migliaia di posti di lavoro??? Lavoro da schiavi, vuoi dire, nelle cucine e in sala in cambio di un piatto di riso in bianco e lenticchie rosse a giovani e persone di ogni età in difficoltà psicologica o fisica, e che per giunta dove gli stessi hanno anche dovuto pagare la sua associazione quando "in vacanza" in Trentino o a Vulcano non per godere di un periodo di riposo ma per lavorare ore e ore in cucina o in sala? Ma stiamo scherzando, oppure? In questo senso ci sono testimonianze inossidabili ad ogni più cieco fanatismo verso il guru. E certo, che così sono buoni tutti a creare posti di lavoro con lo sfruttamento ed arricchircisi anche alle spalle loro come carta canta sui redditi della sua associazione " benefica", a furor di milioni di euro nel suo giro tra associazione no profit e ristoranti. E no, non tiene affatto che abbia fatto cose buone , tra cui l'etichetta pianesiana e quant'altro di magnifico, il signor Pianesi, quando ci sono risvolti del tutto negativi in ciò che ha fatto soprattutto sulla salute e il plagio negativo sulle persone cadute nella sua rete di pseudomedico, o meglio dire, guaritore, che non si sbaglia di sicuro a definirlo così, uno con la terza media che dicesi curatore di ogni male attraverso il cibo, l'alimentazione. Ma come si fa a fidarsi di uno così, che imposta tutto tra Yin e Yang...boh! ? Non è giustificazione questa in nessun caso. Papa o non papa, Castro o non Castro, pure suppellettili, puro argomentario dietro alla sua setta macrobiotica , perchè setta è, di setta trattasi, quando c'è del malaffare dietro che che sarà la magistratura a stabilire per certo. Mi stupisco solo di una cosa e cioè, di come mai questo suo sistema sia potuto andare avanti e anche crescendo per oltre 40 anni sotto gli occhi di tutti, sprovveduti e non sprovveduti.
  • Pensili caduti, Sciapichetti:
    «Chiesta relazione tecnica
    per individuare responsabilità»

    201 - Apr 12, 2018 - 18:16 Vai al commento »
    ...ma se non sapete manco mette du' tappi a muru, du' fischer su una guida , chè lo so fa anche io, e infatti me lo faccio da sola quando serve, basta un trapano e reggono di sicuro...su muro,però, no su cartongesso o pareti di paglia come nelle vostre casette. Ma 'ndò annate, dò volete andà co' sse teste e la manovalanza da quarto mondo che avete reclutato a pochi euro all'ora? ma robba da matti... Ha dell'incredibile persino parlarci sopra per così poco: per due fischer su strutture provvisorie milionarie quali le Sae del governo Renzi a spese dello Stato! Figuriamoci aprirci un'inchiesta come fa l'assessore Sciapichetti per stabilirne " le responsabilità" che fanno sempre capo a loro, cioè di chi amministra il tutto, ovvero la Regione. Io a lui, glieli farei mettere i tappi, e in diretta streaming , prima di aprir bocca, solo per vedere quanto ci capisce.
  • Convegno sulla droga
    diventa un attacco a Carancini:
    «Non ho colpe su Pamela»

    202 - Apr 12, 2018 - 15:31 Vai al commento »
    Non ero presente, ma mi fido ciecamente del report fatto da Bommarito e Marina Santucci nei loro commenti.Certo, che Carancini, lui in persona, non abbia alcuna colpa diretta sull'omicidio efferato di Pamela Mastropietro, ma santo cielo, un mea culpa come primo cittadino, anche solo per parvenza, anche solo per buona creanza verso l'opinione pubblica locale ,e non solo, scossa come non mai per un piccolo centro di provincia,nonché per rispetto ai genitori e parenti tutti doloranti della povera vittima, gli costava tanto assumersi la sua parte di colpa come amministratore mancante per tutto ciò che riguarda almeno gli aspetti normativi sull'immigrazione e sullo spaccio aperto di droga sotto gli occhi di tutti , suoi compresi per sua stessa ammissione ? Mah...secondo me, il vostro sindaco è in pieno delirio di onnipotenza. Non sa più riconoscere ,e da tempo ormai, i limiti tra, potere ,prepotere, strapotere. Lui ,insieme ai suoi più fedeli sodali che benché in ogni sede snobbati quando non fischiati appena fanno comparsa pubblica, insistono nel difendere le loro fasulle ideologie su tutto tutto, proprio tutto, del loro operato fallimentare: dai fatti di cronaca nera fino alla ZTL che ha penalizzato e recato non pochi danni al commercio in centro storico.
  • «Pamela uccisa dalle coltellate
    E Oseghale non era da solo
    Ai Giardini per prendere il pullman»

    203 - Apr 6, 2018 - 2:15 Vai al commento »
    Sono molto in accordo con Giorgio Rapanelli- non potrei non esserlo, dato che ho avanzato qui e da tempo l'ipotesi che per gli assassini non doveva esserci stato il ritrovamento delle due valige il giorno dopo, ma che se questo è avvenuto, è perchè qualcosa è andato storto fra gli autori del delitto e il complice/i da ricercarsi lungo l'asse stradale che porta da Macerata a Tolentino , località verso cui Oseghale inizialmente era diretto secondo la testimonianza del tassista camerunense da lui chiamato per potersi sbarazzare del cadavere di Pamela- sul fatto che Oseghale, quale autore certo del fatto di aver lasciato lui i due trolley in quel posto lungo la strada e dunque visibili a tutti, dovrebbe spiegare in primo luogo perché li avrebbe lasciati lì: per farli ritrovare dalle forze dell'ordine( cui non credo affatto, tutt'altro, mi pare assai più probabile che tanto disturbo di sezionare la vittima per introdurla in due valige sarebbe servito al suo occultamento, altro che ritrovamento) - o perché qualcun altro/i come stabilito fra complici ,nottetempo avrebbe/ro dovuto poi prelevarli per farli definitivamente sparire insieme ai poveri resti di Pamela, una ragazza "fantasma" una volta scappata dalla comunità ospite, e che in quei due giorni ha girovagato per Macerata senza documenti, senza cellulare, senza soldi, senza niente di niente di tracciabile della sua identità, come ben gli assassini sapevano ? Su questo cosa risponde Oseghale a distanza di oltre due mesi dall'orribile delitto? I suoi avvocati ci facciano sapere dai giornali anche di questo nodo cruciale per le indagini, nonché per poter anche noi comprendere le dimensioni di allargamento di questa rete criminale che soggiorna nella nostra zona.
  • Pozzo dell’orrore,
    trovato un altro femore
    L’imam: «Preghiamo per la verità»

    204 - Apr 4, 2018 - 2:20 Vai al commento »
    Allora. Mi dico , mi ripeto, e mi consiglio sempre, ogni volta, di contare fino a 10 , sempre, prima di inviare un qualsiasi commento.E stavolta, giuro, ho contato fino a 20, dopodiché, scrivo. Mio caro Imam, Alam Robiu, tu sai dal tuo altro pulpito qual è infine la questione se questa e non altra , e cioè che tu, Imam, col tuo popolo islamico al seguito , non siete che ospiti nel nostro accogliente Paese, per cui dovreste anche ringraziare il nostro Padreterno ,che voi pur non riconoscete, benevolo e accoglievole verso tutti, tutti, voi mussulmani per bene, per male, e terroristi compresi, anche quando noi vi stiamo sui c.....i, e voi state sui nostri c.....i per questioni di credo. In più a questo, ci si mette anche il nostro Papa, che pur di difendere chiunque altra religione terrena è pur disposto a rinnegare Gesù Cristo. Ora, non sta a me e alle leggi del mio altro Dio dal vostro giudicare voi, ma...un esame di coscienza, voi, prima di dire, basterebbero più controlli delle forze di polizia nel nostro Paese che vi ospita, che vi accoglie senza controlli, che vi sostiene,che vi assiste nella sanità se state male o alle vostre donne partorienti come conigli...no HE'?? mai Hè? Allora: Imam: ma fattelo un esame di coscienza prima di parlare e intervenire suklla nostra pubblica stampa!
  • La festività della Pasqua
    c’invita a pensare il cielo

    205 - Apr 1, 2018 - 16:20 Vai al commento »
    Sì, è curioso. Come curioso è il fatto che, ad appena 12 anni, fra i primi suoi versi compose una poesia dedicata alla minestra che detestava, ma che gli toccava mangiare ogni santo giorno. A MORTE LE MINESTRA Metti, o canora musa, in moto l'Elicona e la tua cetra cinga d'alloro una corona. Non già d'Eroi tu devi, o degli Dei cantare ma solo la Minestra d'ingiurie caricare. Ora tu sei, Minestra, dei versi miei l'oggetto, e dirti abominevole mi porta gran diletto. O cibo, invan gradito dal gener nostro umano! Cibo negletto e vile, degno d'umil villano! Si dice, che resusciti, quando sei buona, i morti; ma il diletto è degno d'uomini invero poco accorti! Or dunque esser bisogna morti per goder poi di questi benefici, che sol si dicon tuoi? Non v'è niente pei vivi? Si! Mi risponde ognuno; or via su me lo mostri, se puote qualcheduno; ma zitti! Che incomincia furioso un tale a dire; ma presto restiamo attenti, e cheti per sentire: "Chi potrà dire vile un cibo delicato, che spesso è il sol ristoro di un povero malato?" È ver, ma chi desideri, grazie al cielo, esser sano deve lasciar tal cibo a un povero malsano! Piccola seccatura vi sembra ogni mattina dover trangugiare la "cara minestrina"?
  • Corteo antirazzista a Bologna:
    «Mai più Firenze e Macerata»

    206 - Mar 26, 2018 - 21:50 Vai al commento »
    Iacobini, avrai ragione anche tu, ma in questo particolare momento sociale , ho assai poca voglia di rifarmi alla letteratura: scuserai.
    207 - Mar 26, 2018 - 18:31 Vai al commento »
    Iacobini: tutto è relativo? Per me no. Ci sono principi invalicabili, come ad esempio quello che dei giovanotti sani e robusti come nigeriani e pakistani, vengano qui a frotte accolti con tanto di protocollo di accoglienza , e poi una volta finito i progetto GUS, siano qui a commetere dei crimini, mentre il loro dovere di uomini sarebbe quello di combattere per la libertà nel loro proprio Stato, per il loro popolo, così come i nostri nonni e padri hanno combattuto per noi, per la nostra libertà dai tiranni. Non c'è niente mai di gratutito nella conquista della propria libertà! Mi dispiace e molto per il senagalese vittima di omicidio per mano di un italiano, ma se le leggi sull' immigrazione fossero giuste ed eque, non sarebbe stato qui a fare l'ambulante di strada così suscitando la rabbia di uno di noi per chissà quali suoi motivi. Magari si sentiva vittima a sua volta di questo maledetto Stato che tutela più gli immigrati che gli italiani? Non lo so.
    208 - Mar 26, 2018 - 16:40 Vai al commento »
    Avete, sinceramente, e letteralmente, rotto i cabbasisi. Non avevo mai visto prima nei miei 50 anni e oltre, un rovesciamento di valori simili per cui l'immigrato clandestino rappresenti un valore, una risorsa. E infatti, i più di essi, sono nel nostro Stato per delinquere, o nella migliore delle ipotesi, per essere sfruttati dal caporalato e da imprenditori senza scrupoli, per quindi ottenere come risultato l' abbassare la paga giornaliera della manovalanza straniera ed italiana al seguito. Vorrei capire cosa, COSA, stanno rivendicando questi? Quali diritti da clandestini o rifugiati vanno rivendicando costoro con striscioni? Ma fatevela a casa vostra la rivoluzione, dove c'è bisogno! Noi, qui in Italia, ben una guerra mondiale ed un'altra civile, abbiamo dovuto sostenere per LA LIBERTA', la nostra, quella che voi neanche sapete conquistarvi sotto i vostri dittatori corrotti africani , perchè ve ne scappate per venire qui a fare la vita facile con traffici illeciti: dai marchi contraffatti di borse vendute sulle spiagge e nei mercatini, fino alla droga venduta sin alle porte delle nostre scuole elementari. Il tutto, con la complicità della più becera politica di sinistra.
  • «Per Pamela e tutte le donne»,
    Macerata unita ai Giardini Diaz (Foto/Video)

    209 - Mar 25, 2018 - 1:23 Vai al commento »
    Sarà per colpa dei miei abbastanza anni,ma leggere quegli striscioni che parlano per chi ormai non c'è più , per voce di una appena maggiorenne così ammazzata e martoriata, che vedere destra e sinistra assieme uniti nella perdita di una giovane appena affacciatasi alla vita, mi escono le lacrime agli occhi che non riesco a leggere oltre. Per quanto mi riguarda, apprezzo la presenza di Stefania Monteverde , Ninfa Contigiani e Di Pietro.
  • Sparo di Traini contro sede Pd:
    il vetro infranto dal proiettile
    sarà monumento contro il razzismo

    210 - Mar 23, 2018 - 14:22 Vai al commento »
    Faccio un appello: C'è qualche altro artista che vorrebbe fare un' altra installazione -sempre proveniente da Macerata e sempre con vetro rotto ,ma a sassate, quello alla sede del Gus- da intitolare " Monumento ai disoccupati italiani"?
  • In gita scolastica con Pianesi:
    «Voleva parlare all’Oms
    Vietai spiegasse le sue teorie ai ragazzi»

    211 - Mar 25, 2018 - 23:04 Vai al commento »
    Voglio tornare all'articolo della Professoressa Donati, che per grazia di Dio ho avuto peraltro come insegnante di Lettere e Storia alle superiori, per chiedere questo: non sapevo della morte della prima moglie di Mario Pianesi, Gabriella, che ho avuto modo di conoscere bene una trentina d'anni fa, così come la coppia e i loro due figli ancora piccoli, ma adesso che ne sono venuta a conoscenza, potrei sapere di COSA E' MORTA Gabriella? Fatti i miei conti, è morta piuttosto giovane , sui 55 anni ad occhio e croce,troppo pochi per una stretta seguace della " lunga vita" quale era come moglie di Mario Pianesi. Dunque di che è morta? Chi lo sa lo dica. Grazie.
    212 - Mar 21, 2018 - 15:39 Vai al commento »
    Iacobini, c'entra, e fai bene a puntualizzare. Ma il reato di plagio in questo specifico caso non è che uno dei vari capi d'accusa, anche se in gran parte tutto sembra essere collegato e girare attorno a quello. Compreso l'impero economico maturato di cui solo come Onlus pari a 1.000.000 di euro a bilancio annuale , più il patrimonio immobiliare pari ad altro mezzo milione di euro, oltre ai proventi annuali dell'associazione dai circa 100 UPM fra ristoranti e punti vendita. Ma ripeto, soltanto attraverso il dibattimento in Aula si potrà stabilire se in questa anomala gestione di tipo aziendale sia o meno sussistita una qualche condotta illegale da parte degli indagati. Ti allego in proposito questo brevissimo video con una dichiarazione alla stampa da parte della Questura di Ancona. E sotto ancora, il link con dati e cifre cui ho fatto riferimento. https://www.ilrestodelcarlino.it/ancona/cronaca/video/psico-setta-1.3786594 http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2018/03/15/ACw5Qg6B-ristoranti_milionario_convegni.shtml PASSO E CHIUDO.
    213 - Mar 21, 2018 - 14:31 Vai al commento »
    Ha ragione Micucci. Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire. Ma io ci sento ancora bene. Prima Franco poi Iacobini. A Franco rispondo per punti. 1) Che l'alimentazione sia in cima alle statistiche di malattie croniche o mortali , ormai lo sappiamo tutti; ne siamo tutti informati, grazie anche alla libera informazione in rete , quando non si incappa anche qui in informazioni di tipo vero/falso perché finalizzate alla vendita di prodotti o servizi di cui le pagine che navighiamo sono piene di pop-up come " 4 cibi da evitare perchè pericolosi " ( salvo poi ognuno dica il suo, chi le banane, chi le patate, chi lo yogurt e via all'infinito) oppure " i medici ne sono spaventati" e giù ad offrirti la cura miracolosa per questo o per quello. Ti sfugge però nell'addebito che dai alle industrie alimentari, che da qualche decennio in qua, anche i più grandi marchi alimentari e non solo, penso al settore casa, accanto al prodotto di filiera offrono ai consumatori anche quello bio; dalla pasta secca o fresca, al pane, al latte, al caffè, all'orzo, al tonno, alle verdure, alla frutta, ai legumi in scatola, ai dadi, al parmigiano, agli yogurt, al the, alle mozzarelle, allo stracchino o suo sostituto chiccobio di riso, ai biscotti, alle merendine, ai fiocchi di cereali,alle farine, alle carni, agli insaccati, alla birra, al vino ,ai gelati e surgelati , agli hamburger di seitan o vegetali, al tofu, fino ai detersivi ecobio. Ne ho detti alcuni alla rinfusa. Lo stesso vale per le catene dei supermercati. Oggi, che sia una coop o altra sigla , tutti, dico tutti, nei loro scaffali affiancano al prodotto industriale , l'analogo bio. SOLO COSTA UN PO' DI PIU'. Fino al 30% /40% in più, quando non il doppio. E siccome non tutte le tasche delle famiglie italiane, come tu sai bene quanto me, non possono permettersi di spendere neanche 1 centesimo in più per questioni puramente economiche e non di altro genere " Vorrei ma non posso", continuano ad acquistare il petto di pollo allevato in batteria e quanti più prodotti siano al prezzo più basso. 2) Ora non venirmi a disquisire sul fatto che anche se bio, sono sempre prodotti su scala industriale,perché ti rispondo che i macrobiotici in compenso a tanto purismo alimentare, fumano come turchi. Il fumo, non meno dannoso, non gli è vietato. E perché? perchè, dicono, se mangi bene, il fumo non fa male o meno male. Terzo punto. Se a ridurre a 35 kg con una cura inadatta un paziente fosse stato un medico di quelli in camice bianco che professionalmente operano " Seondo scienza e coscienza", non sarebbero serviti altri 7 casi: ne bastava uno solo per rovinarsi la carriera ed essere prima sospeso,poi processato, e se condannato espulso dall'Ordine con divieto di esercizio della sua professione. 4) Non trovo a differenza tua, alcun nesso giustificativo ,fra chi si fa maestro di una sana alimentazione al fine di prevenire alcune gravi patologie e poi non mostra un'etica a 360° rivolta in primo luogo alle persone che lo seguono ciecamente in questo percorso. Meglio un albero piantato in meno all'anno, ma più umanità. Il rispetto per l'ambiente non vale niente se prima non ti curi del benessere fisico e psichico di ogni persona. 5) Non mi piacciono le persone che abusano del loro potere, quale che sia, in qualsiasi campo.
    214 - Mar 21, 2018 - 0:23 Vai al commento »
    Franco: ma che dici? Che c'entra l'anoressia? in nessuno dei casi si tratta di anoressia. L'anoressia è tutta un'altra cosa.Non stiamo a dire cosa, sarebbe lunga. Qui il calo di peso era dovuto al tipo di dieta MA.PI che seguivano fino a scendere sottopeso ai limiti della sopravvivenza. E comunque -tu chiedi- come si fa a stabilire che siano stati ridotti in quelle condizioni estreme? Si fa. Anzi, si farà, in sede processuale dove a parlare saranno le cartelle cliniche dei ricoverati. Si vedrà con quale esito. Si vedrà. Al momento, questo è quanto veniamo a sapere dai giornali. Ma voglio anche porti altri gravi casi in cui colpiti per cause diverse sono dei bambini, due dei quali figli di una coppia marchigiana. http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2018/03/15/ACLRQb7B-denunciato_famiglia_ammalarsi.shtml Riporto qui soltanto l'ultima delle risposte date dai genitori nell' intervista: D: Che cosa vi ha spinto a sporgere denuncia? «Quando la nostra terza figlia è stata male – spiega il marito – hanno telefonato dall’associazione, non per chiedere notizie sulla salute della bambina, ma per raccomandarsi che non dicessimo nulla della dieta macrobiotica di mia moglie. Ho visto anche altri bambini ammalarsi: mi ha preso il rimorso per essermi fatto abbindolare e ora speriamo che altre persone escano allo scoperto. Non vogliamo che altri ripetano il nostro errore».
    215 - Mar 20, 2018 - 16:18 Vai al commento »
    @Piergiovanni Castellucci Non far caso a Franco Pavoni nella sua strenua difesa della dottrina macrobiotica dove sembra fare a gara con sé stesso a chi la spara più grossa. O forse, sono cose che noi " babbani" non riusciamo a capire. O forse ancora, è sotto effetto macrobiotico. Probabile. Perché tutto gli si può dire, tranne che zuppa e piatto misto non agiscano benissimo direttamente a livello cerebrale da riuscire ad influire sui processi mentali. @Franco. Non è la terza media il suo limite, anzi ammirevole quanto a questo; se è da imputargli qualcosa dal punto di vista scientifico è proprio la mancanza di scientificità nei suoi studi, e al contrario, è l'avere superato il limite di studioso convinto delle sue teorie al punto da condurre la sua sperimentazione su delle -passatemi il termine -cavie umane,senza una dovuta preparazione dal punto di vista medico-clinico. E',soprattutto, il non essersi fermato per non smentire le sue convinzioni neanche di fronte l'evidenza di un corpo ridotto a pelle e ossa, come da immagini che ci sono state mostrate. Mi dirai ora, suppongo, che anche i medici sbagliano. Certo, anche il medico più competente può sbagliare una diagnosi, certo, ma uno dei primi insegnamenti della medicina è " Primum non nocere" PER PRIMA COSA NON NUOCERE", e prima di poter esercitare la loro professione, medici e odontoiatri prestano il Giuramento di Ippocrate, che ti farebbe bene leggere per riscontro all'operato da guaritore rivestito da Pianesi nei confronti dei suoi " pazienti". Inoltre, un medico se vede che una cura non è efficace cambia la cura, o se incerto su una diagnosi può fare un consulto. Così un paziente, può rivolgersi a più medici per la sua diagnosi. Ma qui: con chi altri può consultarsi Pianesi se è lui solo a prestare la sua opera dall'alto del suo vertice ? Idem i suoi pazienti: a chi altri possono rivolgersi se non lui? Prima cosa non nuocere. Anni fa, fino ad una trentina d'anni fa, so per assodato che , come per sé stesso, vietava altresì ai seguaci più stretti persino le cure dentistiche, non so se erano consentite le estrazioni, ma otturazioni e altro no. Ora non so se sia più così visti nel frattempo i progressi in campo odontoiatrico. Credo di ricordare, infatti, le otturazioni non consentite per via del piombo e altre sostanze impiegate nella cura della carie. Ah che salute! ah che bellezza!
  • Psico-setta, centralini bollenti:
    decine di nuove segnalazioni
    da ogni parte d’Italia

    216 - Mar 17, 2018 - 12:04 Vai al commento »
    @Franco, però, non mischierei il sacro col profano. @Grazie Claudio e dirò di più. La pericolosità di cadere nel loro irretimento non è tanto finché ci stai dentro, ma quando per un qualche motivo nell'adepto inizia un risveglio di coscienza e quindi ne vuole uscire; dopo essere stato oggetto di un processo di spersonalizzazione ognuno perde la propria identità ma in compenso non ne ha una nuova tutta da ricostruire, per cui una volta usciti si va facilmente incontro ad un disturbo psichico che si chiama " derealizzazzione", ossia non hai più rapporti con te stesso perchè non sai più chi sei e né con realtà esterna rispetto a quella cui sei appartenuto. Da lì in poi, tutto da lavorarci con l'aiuto di uno psicoterapeuta.
    217 - Mar 17, 2018 - 9:44 Vai al commento »
    Vissani. Lei parla di libertà nel seguire le sue diete da parte di persone la cui volontà è gia compromessa quando si accostano alla macrobiotica per problemi legati alla salute fisica , alla tossicodipenza, o psicologici??? Mi pare allora che lei non abbia centrato l'essenza da cui l'appellativo da parte degli inquirenti di " psico-setta". Non mi riferisco ora ai macrobiotici, che è tutto ancora da stabilire se lo siano o no, ma è così che agiscono le sette . Una volta dentro il cerchio, attraverso il rigido rispetto delle regole interne e del carisma esercitato in loro dal capo dell'organizzazione, è lì che inizia un graduale processo di privazione della volontà personale - ripeto, già labile in ingresso per i soggetti che vi si avvicinano - fino a condurli al completo asservimento. Ed uscirne a quel punto è difficile quando non ragioni più con la tua mente ma con quella del pensiero unico.
  • Lo strano caso di Mario Pianesi:
    da dottor Jekill a Mr. Hyde

    218 - Mar 19, 2018 - 16:40 Vai al commento »
    Ah ma allora siete duri a capire hè, quel che riguarda le denunce! Un conto è la clientela che si siede al tavolo del ristorante macrobiotico una volta sola o per decenni, consuma il suo piatto misto, paga e va via, altro conto è chi è parte integrante (e integralista) dell'associazione, ossia gli arruolati, gli indottrinati, quelli che per appartenere alla cerchia devono seguire in tutto e per tutto il modello di vita imposto dalla macrobiotica pianesiana fino ad esserne assorbito totalmente, ossia lo staff intero : da chi gestisce i vari UPM sparsi in Italia, al personale che porta a tavola, a chi lavora nelle cucine. Non si continui a confondere le due facce della medaglia quando si legge di " costrizione" nelle testimonianze di chi ha esposto denuncia.
  • Inchiesta sulla psico-setta,
    il cugino di Pianesi non ci sta:
    «E’ un vero francescano»

    219 - Mar 17, 2018 - 1:17 Vai al commento »
    Caro Giorgio, fatti dire che stai facendo un gran minestrone di argomenti che nulla c'entrano, nulla, coi fatti contestati. Le procure non stanno valutando la qualità o la bontà dei prodotti dal seme alla tavola, che vengono serviti, venduti e cucinati nei tanti UPM.Non sono i NAS ad indagare. Nessuno mette in discussione niente di tutto questo; quanto asserisci serve solo a confondere le acque da quelli che sono i tanti capi d'imputazione -che attenzione- non provengono dai clienti che frequentano i Punti Macrobiotici, ma da quanti a vario titolo si sono spinti oltre fino ad abbracciare l'intera dottrina con le sue regole alimentari, un diverso stile di vita,prestare il proprio lavoro all'interno dell'associazione, fino a servirsene in tutto a scopo curativo .E' questo il punto. Un conto è un cibo benefico, salutare, naturale, altro conto dire curativo; i primi servono a mantenere un benessere fisico, tenere sotto controllo il proprio stato di salute ( e quello dell'ambiente) evitando cibi dannosi e con veleni; col secondo invece s'intende proprio cura di tipo medico. E questo è l'altro punto: non risulta che Mario Pianesi sia un medico, un dietologo, o altro specialista. Anche qui, nessuno nega che tante persone ne abbiano trovato lo stesso giovamento , come però - al momento- nessuno può negare l'evidenza delle testimonianze e delle documentazioni prodotte dai denunciatari, che altre invece abbiano subito gravi danni alla salute, e al portafoglio. Ultima cosa, che dovrebbe servire a smontare quella che sa di balla colossale secondo cui tutto quanto sta venendo fuori, è perché Pianesi darebbe fastidio alle multinazionali? Giorgio, ti reputo troppo intelligente per sostenerla. Ma ammettiamo per pura ipotesi fosse come pensi anche tu: ma davvero, Pianesi, avrebbe la potenza economica di competere con tutti i produttori di grano italiano, dell'olio, della farina e su su, a produrre su scala industriale fino a sostituire coi suoi prodotti tutti gli altri industriali presenti sugli scaffali di tutti i supermercati italiani ed esteri? E una miseria!!!
  • «Mia madre schiava del macrobiotico
    Le avevano fatto credere
    che poteva guarire dal diabete»

    220 - Mar 17, 2018 - 2:36 Vai al commento »
    Il Link all'articolo coi commenti che ho citato sopra è il seguente: https://www.cronachemaceratesi.it/2012/10/26/medaglia-di-napolitano-per-mario-pianesi/250551/
    221 - Mar 17, 2018 - 2:35 Vai al commento »
    Carissimo Giorgio, se può servirti a smantellare la tua idea dell'architettura complottistica delle multinazionali alimentari e farmaceutiche, ti rinvio alla lettura di questa isolata testimonianza di una mamma proprio qui su CM. Era il 2012, quando fece i suoi 3 ( in raltà 4, il primo dei quali è un duplicato) interventi alla fine della lunga processione , 401 commenti in totale - tanto che sembrava esserci dietro una regia per la tipologia di contenuto comune a tutti quelli che avevano fatto il loro incontro con la Macrobiotica e Pianesi- pieni di lodi sperticate, testimonianze solo positive e di ringraziamento. Poi arrivò lei ( e prima di lei, a dire il vero un altro commentatore piuttosto critico verso il sistema a cui aveva appartenuto e lo stesso ti segnalo, n. 331 e seguenti - fino a leggere la risposta che gli arriva da qualcuno di UPM -commento n.375- in cui gli fa alcune accuse pesanti). I commenti riguardanti la Signora sono il n.352 -369, in cui racconta l'esperienza avuta da suo figlio. In tutto identica a quelle tante che leggiamo oggi emergono dalle indagini. Poi però, dopo un mesetto, tornò per scrivere il commento n.399, questo : " Mi riferisco ai messaggi nr.351 e 352 del 04 Dicembre 2012 e ulteriore messaggio 369 del 07 Dicembre 2012: Sono a scusarmi per quanto scritto con l’uso delle espressioni e di conseguenza la loro diffusione.Non era mia intenzione ledere e diffamare l’Associazione UPM." Rimasi sbalordita. Allora la contattai tramite fb e le chiesi come mai si fosse pentita di aver raccontato tanti fatti della sua famiglia per poi arrivare alle pubbliche scuse. Mi rispose e capii. Ma trattandosi di risposta data in privato tale resta.
  • Psico-setta, il legale:
    «Un’accusa inverosimile»

    222 - Mar 15, 2018 - 1:37 Vai al commento »
    Ascoltato l'ultimo aggiornamento Tg, in cui una ragazza è finita in terapia intensiva per sottopeso, 35 kg, dopo essersi affidata a Pianesi, ma che cà...dici Iacobini: successo in campo alimentare? Altro che alimentazione! La ragazza era sottonutrita e per un problema reumatoide.
    223 - Mar 14, 2018 - 23:14 Vai al commento »
    Fra gli altri casi citati , oltre quello anche della bambina diventata sorda per un'otite malcurata, ricordo a mia stessa memoria che a Vulcano, dove i macrobiotici organizzano, o organizzavano, le loro vacanze estive, più di venticinque anni fa morì un bambino per una meningite. Era figlio di uno dei cuochi di UPM: Umberto. Il caso finì lo stesso, se non ricordo male, in tribunale. Sarà un caso, una coincidenza, il fato, però andare a fondo di questa storia in una società che dicesi civile, non guasta certo. Stabilito poi, sempre nelle aule di tribunale, che Pianesi e gli altri con lui indagati non abbiano responsabilità di alcun genere rispetto i capi di accusa, meglio per tutti quanti volessero seguitare ad affidarsi alle sue competenze in campo nutrizionale.
    224 - Mar 14, 2018 - 22:31 Vai al commento »
    Un attimo, Iacobini: frena gli entusiami, non sapendo come stanno realmente i fatti. Aspettiamo gli sviluppi, no? Alla teoria del complotto non credo affatto, io. Ma figuriamoci se i colossi industriali o i ristoratori locali tremino per le diete MA.PI.! Il fatto vero, è che le indagini sono partite in base a delle denunce di chi si è sottoposto alle sue " cure" ,e quant'altro sottoposto. Quindi cautela. Con la salute non si scherza e non si deve approfittare mai di persone fragili.
  • Smantellata “psico setta” macrobiotica:
    prometteva miracoli per curare malattie

    225 - Mar 14, 2018 - 17:31 Vai al commento »
    Giorgio Rapanelli, un solo appunto sugli elenchi massonici. Sì è vero che sono depositati in Prefettura, ma vai a guardare i nomi dei tanti presi dalle lapidi. Lo so perchè lo so e basta. Per il resto non mi pronuncio né pro nè contro, in quanto se i fatti contestati corrispondessero al vero, sarebbero gravissimi.Qui, l'ultima cosa in termini di valutazione del buon operato è l'alimentazione, che per quanto gradevole e salutare potrà essere, non può arrivare ad essere motivo di sciacallaggio fino alle accuse rivolte agli indagati: ma scherziamo? In ogni caso, penso io, che quando chiunque ritenuto un benefattore si arricchisca con le sue attività benefiche, la cosa puzza.
  • Pamela, svolti nuovi esami
    sulle ferite e i tagli

    226 - Mar 14, 2018 - 9:32 Vai al commento »
    Ma qui tutto è surreale, Franco. Basti il solo fatto, che da due mesi quel povero corpo così già martoriato stia ancora sotto esame, perchè nessuno sa costringerli a parlare i quanti sono malviventi. E' rabbrividente.
  • Ospedale unico,
    «Macerata stia tranquilla»

    227 - Mar 14, 2018 - 8:10 Vai al commento »
    Avete presente quella filastrocca che si recita ai bambini tenuti sulle ginocchia, fino ad aprirle e dar loro la sensazione di cadere e per cui si divertono tanto? " Cerescià: me dài 'na cerescia? NO, Non te la do! e perché? perché no! Guarda, che se non me la dai te sego la pianta!e segala..." Ecco , uguale. Ceriscioli me dai l' ospedale? : NO. E io te sego la pianta. Che sarebbe in senso traslato la Regione. La prendo alla larga. Di tutto s'è parlato nella recente campagna elettorale, del più e del meno, nel vero senso letterale " meno tasse, più sicurezza, più pensioni, più reddito, meno Europa, più Europa" tranne, che del ruolo delle province rimaste lì dopo la mezza riforma Renzi, che non si sa se siano più costituzionali o anticostituzionali, se ci siano più o non esistano più, e se sì come, con quali provviste, con quali strumenti, quali organi. Dico quindi, sarà colpa dei miei anni per cui parlo più per esperienza che per concetto, che le cose andavano molto meglio prima dell'avvento delle regioni, quando cioè la sanità era in mano alle province, ai direttori sanitari. Ma, ci dissero allora, che costava troppo. Alla faccia del bicarbonato di sodio! Se solo si eliminassero 21 parlamenti regionali, tra stipendi, emolumenti, vitalizi, rimborsi, rinnovi ogni 5 anni, vedi che sanità pubblica che viene fuori! E in ultimo, ma un ultimo. Ma quale ospedale unico! Di ospedali ne servono tanti , con una popolazione che oltrettutto invecchia e non si rinnova! Tanti, come era prima: in ogni paese. Ma rimettete le cose a posto, al loro posto! Certo, per le cure e le malattie più gravi serve un centro specializzato e tecnologicamente avanzato, ma per partorire non serve andare tanto lontano da casa, nè per altri piccoli interventi anche di pronto soccorso.
  • Bar King di nuovo chiuso,
    Unimc progetta il rilancio

    228 - Mar 14, 2018 - 10:16 Vai al commento »
    Ah Dio Dio, più leggo i commenti e più rido, stamattina! sicché, per rilanciare un bar, per UNIMC, si dovrebbe spostare qualche tonnellata di statua e per metterla dove poi? Non ce se crede! Ma oltretutto, io mi chiedo, se questi sanno, conoscono la storia , le fondamenta basilari della città di Macerata, del perché e per come quella statua stia lì e perché lì!
    229 - Mar 14, 2018 - 7:34 Vai al commento »
    Mi alzo svogliata, apro su Cm, leggo l'articolo e il commento di Franco Marini, che te lo devo dì: mi fatto murì! rido a crepapelle! Quale migliore risposta agli scienziati di UNIMC, de " ma non cete propio un cà...da pensà"! Troppo, troppo forte! Non se capisce infatti che impiccio jé da, e fin dove se vòle llargà. Scusate il dialetto, ma quanno ce vòle ce vòle, parlà come mamma t'ha fatto. Certo, se quelli di UNIMC mettessero assieme tutte le loro teste contro la mia sola non ci sarebbe competizione alcuna, ma la mia da sola riesce comunque a produrre questo: anziché spostà la statua de Garibaldi, non fate prima e meglio a cambiare nome al bar, che so, chiamarlo Bar dei Mille, tanto per mettere in comunicazione il bar con la vicina statua all'eroe dei due mondi e salvare così Garibaldi e tutti i garibaldini? Che poi, bar King, stimo a Macerata, mica a Piazza di Spagna, King, che te sta a significà? Re de che? Manco ci fosse lì davanti la statua di uno dei sette re di Roma, un Romolo Augusto per dirne uno.
  • Accoglienza, soldi al Gus
    «Il sindaco faccia chiarezza
    su quanto versato dal Comune»

    230 - Mar 13, 2018 - 3:54 Vai al commento »
    Fosse per me, tu guarda un pò,GdF, andrei a vedere anche quanti soldi ha nel proprio conto corrente il Signor Bernabucci quale frutto della sua unica ventennale attività di umana solidarietà senza fini di lucro! Perchè non dichiara lui stesso quanto ha accumulato nel suo CC grazie alla sua attività benefica? Che problema c'è? Semmai fosse in rosso, qui tutti pronti ad aiutarlo se sprovvisto di fondi personali , come lui ha aiutato e aiuta l'umanità intera. Ci mancherebbe altro lasciarlo solo nel momento del bisogno, proprio lui, che tanto si prodiga e prodigato per tutti i bisognosi del mondo.
  • Come difendersi dalle avversità?
    Una mano può darcela l’umorismo

    231 - Mar 11, 2018 - 18:31 Vai al commento »
    “Né i conservatori né gli umoristi credono che l'uomo sia buono. Ma quelli di sinistra sì.” Patrick Jake O'Rourke. Scrittore, giornalista, statunitense.
  • Appello di Cittadini in cammino:
    «No alleanza Pd-Movimento 5 stelle»

    232 - Mar 11, 2018 - 23:29 Vai al commento »
    A parte il gran fatto che VOI, nel 2013 avevate la sola maggioranza alla Camera, e che se non fosse stato per l'allora Presidente della Repubblica Napolitano a nominare Letta, e dopo ancora grazie al Patto del Nazzareno fra Renzi e Berlusconi, VE NE SARESTE STATI COMUNQUE FUORI SENZA I NUMERI PER GOVERNARE, ed è realtà questa, non fantasticheria mia, quindi oggi: che ancora volete? Cosa, dopo il voto del 4 marzo? pazzi chi vi chiederebbe alleanza, in così numero minoritario uscito dalle urne. Ma statevene zitti e a parte per i prossimi anni. Grazie!
  • Pamela, interrogato il quarto indagato
    Nuovi accertamenti sul corpo
    Individuate 2 tracce di dna

    233 - Mar 11, 2018 - 3:20 Vai al commento »
    E mi torna in mente Cesare Pavese, col suo Male di vivere, tutt'altro che ben accolto dalla comunità cristiana con lui suicida, ma che disse in quel suo scritto una cosa importante e vera: ogni volta che si bestemmi è come infliggere nuovamente dei colpi di chiodi alle mani e ai piedi di Gesù Crocefisso. Quindi basta. Veramente basta. Seppelliamo Pamela , e basta con ogni prova scientifica. Quel che è fatto è fatto, doveva ormai essere tutto fatto.
    234 - Mar 10, 2018 - 23:54 Vai al commento »
    Non ho neanche letto l'articolo, solo titolo e sottotitolo, ma scrivo: quando finirà questo strazio sul corpo di Pamela? Quando, quando, la famiglia potrà finalmente darne sepoltura? Non se ne può più di leggere . Sbrigatevi! Basta, basta, basta...
  • Pamela, chiesta la scarcerazione
    per Lucky e Awelima
    Attesa decisione del Gip

    235 - Mar 10, 2018 - 16:25 Vai al commento »
    Ma infatti, Aldo, a questi due casi mi riferivo. Anche il giudice valuta caso per caso. Non si tratta di garantismo, visti anche i tantissimi errori giudiziari che avvengono nei nostri tribunali, per cui la prudenza non è mai troppa. Ma qui c'è ben poco da garantire sui due Lucky, nessuno ci metterebbe la mano sul fuoco che non scappino una volta tornati in libertà, vista anche l'attuale condizione giuridica dei due clandestini, che in quanto tali sono come dei fantasmi nel nostro Paese: arrivano e ripartono a piacere loro. Preferisco , da cittadino, fare affidamento nelle misure cautelari in casi come questi. Penso , spero, che il reale pericolo di fuga , o come aggiungi tu, di reiterazione del reato, o anche solo dei reati legati allo spaccio, che era l'attività dei due, faccia rigettare al giudice la richiesta di scarcerazione.
    236 - Mar 10, 2018 - 15:05 Vai al commento »
    Iacobini, no alla scarcerazione, perchè magari in attesa di processo potrebbe esserci pericolo di fuga? Già uno dei due è stato acciuffato a pochi giorni dal delitto mentre stava per prendere un treno per la Svizzera.
  • Immigrati, accoglienza fuori controllo:
    fissato il Consiglio comunale aperto
    «Macerata è un città distrutta»

    237 - Mar 10, 2018 - 2:00 Vai al commento »
    Comunque sì, il termine esatto ora per Macerata è " una città distrutta", che a sua memoria, l'ultima grande distruzione la subì a partire dal quel 3 aprile 1944 sotto i bombardamenti che fecero 110 morti e 200 feriti fra i civili. Due diverse tipologie distruttive, certo, la prima dovuta alla guerra, la seconda ad un altro genere di guerra moderna , tutta legata alla malvivenza e allo spaccio che non miete giornalmente meno vittime specie fra i più giovani. E con essi, intere famiglie e un'intera società distrutte.
    238 - Mar 10, 2018 - 0:29 Vai al commento »
    Ma Carancini continua a nascondere la testa sotto terra. A Quarto Grado, stasera, Nuzzi ha riferito che il sindaco di Macerata ,con riferimento alla scorsa puntata dove i suoi giornalisti hanno denunciato in quale entità e con quale facilità avvenga lo spaccio in città, ha detto testuali parole " Un'indagine vergognosa". Nuzzi si è detto non disposto ad arrabbiarsi,anche se il caso, ma ad invitare Carancini in trasmissione.
  • Pedonalizzazione del centro,
    «Un disastro per il commercio»

    239 - Mar 9, 2018 - 15:59 Vai al commento »
    Ma so , che al contrario, il Park Sì che doveva essere di servizio al centro storico ,è sempre pieno. Qualcosa non ha funzionato. E non poteva no funzionare, con una tariffa giornaliera così bassa che incentiva il parcheggio di lunga sosta per chi a Macerata viene per lavorare , a discapito del ricambio necessario dei posti auto funzionale al centro. Il poco nuoce quanto il troppo. Da rivedere le politiche di prezzo del Park sì diventato Park No al centro?
  • Seicento cessioni di eroina,
    in manette tre pusher
    Anche sesso per pagare la droga

    240 - Mar 8, 2018 - 13:09 Vai al commento »
    Mai, Castellucci, lo capiranno. Fidati. Sono ancora scioccata da un linciaggio su fb per avere scritto l'altro ieri che la Lega è stata l'unica ad eleggere un senatore di colore ,da cui mi sono sentita dare della terrona , una con scarsa intelligenza e altre cose indicibili. Sono troppo supponenti per arrivare ad una giusta lettura della realtà. Vivono nel mondo di Candido, senza essere per niente candidi visto il malaffare cui contribuiscono con le loro politiche d'accoglienza verso tutti, indiscriminatamente. Gli unici aventi diritto come rifugiati sono i siriani, ma ne avete visto forse uno, uno solo, a Macerata e dintorni?
  • Eroina nella casa del delitto,
    interrogatorio per Oseghale e Awelima
    Venerdì le udienze al Riesame

    241 - Mar 8, 2018 - 17:07 Vai al commento »
    Hé? Non ti capisco! Massimo della Pena sarà dal PM ,sarà dall'accusa , nel caso : o no? Massimo Della Pena richiesta dal difensore...non s'è mai sentito finora.
    242 - Mar 8, 2018 - 16:36 Vai al commento »
    Questo è quanto prescritto per legge, non lo dice Tamara Moroni, ma la legge italiana. Basta solo questa mancanza di requisito ,oltre gli altri mancanti, per escludere che Oseghale possa godere del patrocinio gratuito. Levatevelo pure dalla testa! Qualcuno paga per lui le spese legali. Chi, non lo so. "Possono richiedere l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato: i cittadini italiani gli stranieri, regolarmente soggiornanti sul territorio nazionale al momento del sorgere del rapporto o del fatto oggetto del processo da instaurare gli apolidi https://www.giustizia.it/giustizia/it/mg_3_7_2.wp
    243 - Mar 8, 2018 - 16:11 Vai al commento »
    Iacobini. Non sarò un'aquila, ma penso bene che nessun avvocato alla difesa " lavori" per far prendere 20 anni di galera al proprio assistito ma piuttosto far sì che abbiano una pena inferiore, fino al punto della richiesta di scarcerazione come leggiamo sopra. Per cui no, non li assisterei mai, no.
    244 - Mar 8, 2018 - 15:40 Vai al commento »
    Claudio Fabbrizio, sentiamoci volentieri in privato, ma NON E' VERO che può trattarsi di patrocinio gratuito, per almeno Oseghale, con ben 2 avvocati in difesa ora , cosa non prevista per legge averne due per chi avesse finanche i requisiti del patrocinio gratuito per reddito , cosa che lontanamente peraltro avrebbe diritto Oseghale,non essendo né cittadino italiano nè con regolare permesso di soggiorno, e nè tantomeno come condannato con sentenza definitiva per spaccio di stupefacenti. Per il patrocinio gratuito non ha uno che uno dei requisiti di legge. Punto. Quindi qualcuno paga per lui le spese legali . Forse la moglie? la famiglia della moglie? Buon per lui.
    245 - Mar 8, 2018 - 3:11 Vai al commento »
    Bàh che robba! non so se sono peggio gli assassini o gli avvocati che li difendono. Io manco morta di fame e di stenti ,se fossi un avvocato, un tutore della legge per mestiere, assisterei certi individui come i 3 spacciatori ed assassini in causa con prove così schiaccianti. Questione di stile e di etica professionale che i due avvocati alla loro difesa, evidentemente non hanno.
  • Macerata, accoglienza fuori controllo:
    gli errori della politica, le ombre sulle ong

    246 - Mar 8, 2018 - 16:59 Vai al commento »
    E bravi, Bommarito e Marina Santucci insieme. Siete come una speranza d'acqua nel deserto.
  • Morgoni, contro-monito al vescovo:
    «Nella Lega simpatizzanti di Traini,
    la Chiesa dovrebbe preoccuparsi»

    247 - Mar 7, 2018 - 20:52 Vai al commento »
    Dino Passeri: Ah ecco...non lo sapevo. Inutile quindi. Ho capito. Che ne so, visto come tanti appena scrivono hanno un successo di voti, pochi, pochissimi, a dire il vero rispetto al numero di letture, al punto che a volte mi chiedo se sono stati letti vista la tempistica, o se si va a simpatia e basta, sulla fiducia, mentre altri ricevono un crollo verticale di non mi piace, e perciò ritenevo giusto e coerente che fossero leggibili i nomi in calce a chi mette mi piace/ non mi piace nella massima trasparenza che i social richiedono. Prendo atto. Grazie.
    248 - Mar 7, 2018 - 19:30 Vai al commento »
    Io, dicevo, mentre mi è partito inavvertitamente l'invio, provo un'urticaria dappertutto, quando sento certi politici che favoriscono la delinquenza, lo spaccio, la malvivenza col loro lasciafare, col loro pressappochismo e menefreghismo, e che ingrassano le onlus,che onlus non sono ma tutt'altro. Ma la cosa che più mi è fastidiosa in assoluto è quando ti dicono, costoro imbecilli, ché altro non sono ed è dimostrato dalla bocciatura degli italiani, "voto di pancia". Ma la pancia sarà la tua Morgoni, sarà dei vostri, che vi siete pasciuti e ingrassati tutti in questi 5 anni di malgoverno della tua sinistra! e ammò...e daje! ma mica mica hè, perdaero, siamo tutti scemi come pensate tu e Renzi!
    249 - Mar 7, 2018 - 19:16 Vai al commento »
    io
    250 - Mar 7, 2018 - 18:35 Vai al commento »
    @ Cronache Maceratesi. Non sembra anche a voi giusto e coerente al formato social , che i mi piace/non mi piace, messi anche qui, portino nome e cognome degli utenti registrati, così, tanto per uscire dalla vigliaccheria di un pollicino rosso messo lì in anonimato da qualcuno per pura antipatia o dispetto? Pensateci. Sarebbe un gran bel passo avanti nello spazio da voi dedicato ai commenti per uscire dall'anonimato finanche " nel voto" ai commenti tramite pollice su o verso.
    251 - Mar 7, 2018 - 18:20 Vai al commento »
    Arriecolo qua, più forte e pimpante che mai, appena rieletto, a dire cose fuori orbita, del tutto estranianti dalla realtà locale maceratese , di cui rappresentante, e dal sentimento popolare, e nonostante la batosta presa dal suo Partito! Ma perdonate. Morgoni, e' stato rieletto Senatore del piddì, o eletto Vescovo di Macerata, lui, per attaccare così il Vescovo?
  • La Lega: «Conquistata Macerata,
    i cittadini sono stanchi
    di questa falsa accoglienza»

    252 - Mar 7, 2018 - 16:47 Vai al commento »
    Bravo Iacobini! ma poi chi ci guadagna in termini di money e di voti con questi poveri disgraziati che rischiano la vita sui barconi per arrivare fin qui in cerca dell'Eldorado, e in gran parte vittime di quanti senza scrupoli gli estorcono un prezzo salato per affrontare nella precarietà di un gommone l'attraversata del Mediterraneo, e che una volta qui, accolti con tutti gli onori ma finchè dura il programma di accoglienza, divengono poi una sorta di indifferenziata lasciata per strada ad arrangiarsi per vivere in ogni modo anche illecito sotto gli occhi di tutti, amministrazione comunale compresa?
    253 - Mar 6, 2018 - 23:07 Vai al commento »
    Non mi è piaciuta affatto la vostra risposta, CM, per il semplice fatto che voi fate giornalismo e quindi non dovete commentare come di parte o controparte. Avete i vostri opinionisti per questo, cui date i loro spazi. Sembrate qui come risentiti in prima persona alle parole dell'avvocato Migliorelli: e questo che giornalismo è? alla Repubblica? Sta di fatto, che l'unico senatore eletto di colore, un nigeriano, tale Tony Iwobi , responsabile della Lega per l'immigrazione, è nelle sua fila alla faccia dei tabù e dei pregiudizi verso Salvini che voi di CM alimentate per primi.
  • «Votate Pd, siamo i più credibili»
    L’sms multiplo di Carancini
    prima della disfatta

    254 - Mar 5, 2018 - 21:54 Vai al commento »
    a me non è arrivato nonostante il contatto fb: se sarà fattu rusciu ? speriamo.
  • Pd, una sconfitta epocale:
    Comi ne tragga le conseguenze

    255 - Mar 6, 2018 - 17:21 Vai al commento »
    E un'altra piccola precisazione , Fabrizio, su quanto scrivi, mentre per il resto mi trovi come sempre d'accordo nelle tue analisi. Il Movimento 5 Stelle non ha raccolto stavolta il vuoto dei partiti tradizionali ( quali più poi tradizionali? ) ma il malcontento dei partiti di sinistra, del PD in primis, perché diversamente non avrebbe avuto tanti consensi dall'elettorato di destra che ha le idee rispetto a loro molto più chiare e decise sui temi di politica economica, pensioni, sicurezza, euro, Europa, e che avevano a disposizione una bella terna di partiti da cui scegliere, meno Forza Italia ormai decotta come il suo Presidente. Idee, che loro 5 Stelle cambiano come si cambiano i calzini, ondivaghi come sono su tutto e il contrario di tutto, al fine di intercettare il voto degli scontenti come da mission. Non facciamone degli eroi, ma consideriamoli per quel che sono: dei mezzi scomodi da dover salire per traghettarci in un Parlamento diverso, che però aihmé, è già inficiato dall'estrazione politica dei 5 Stelle, perlopiù di sinistra, per cui al variare degli addendi la somma non cambia. Ci ritroveremo grazie a loro, una maggioranza PD + 5 Stelle, alla faccia dei 2 milioni e più di voti che ha preso la coalizione di centrodestra rispetto a loro che vantano essere il primo partito.
    256 - Mar 6, 2018 - 16:11 Vai al commento »
    A proposito di Remigio Ceroni. Per quel che so e seguito delle vincende interne e fraticide forziste che vanno avanti da anni contro Ceroni in nome di un rinnovamento dirigenziale, senza però produrre " i nuovi che avanzano" altro che il nulla assoluto visto il risultato nelle Marche, che s'interroghino chi, in questa fase delicata e incerta per Forza Italia già ai minimi storici prima di queste elezioni, se invece la presenza del veterano e fedele senatore Ceroni verso Silvio Berlusconi, avrebbe rappresentato una continuità e quindi dato una maggiore tenuta al Partito rispetto al flop registrato.Ed eventualmente, a risposta data, dimettersi tutti i dirigenti di Partito, dal primo all'ultimo. Fra l'altro, Fabrizio Cambriani, tu sai chi ha preso poi il posto di Ceroni ? O sono andati forse come pecore senza pastore ad elezioni senza un coordinatore regionale?
  • Elezioni, flop del Pd:
    Manzi, niente bis in Parlamento
    Comi, addio sogni di gloria?

    257 - Mar 5, 2018 - 21:39 Vai al commento »
    Signore Iddio esisti! ...anche con la Manzi, che guarda dritto e aperto al futuro con un vitalizio rubato agli italiani per quanto nulla è, nulla è stata, nulla ha fatto, come assessorA al comune di MaceratA e come parlamentare maceratese. Comunque buona vita alla Manzi e 100 , 1000 di questi giorni. Non voglio male a nessuno, ma se ve state fuori, se ve levate da i ...meglio è per tutti.
  • Giuliano Pazzaglini,
    senatore del terremoto

    258 - Mar 5, 2018 - 22:29 Vai al commento »
    Complimenti ed auguri, Giuliano Pazzaglini, brava persona e bravo sindaco. Te li ho mandati anche di persona tramite zia Pina e con tutto il mio cuore, sia perchè abbiamo giocato insieme da piccoli, anche se tu non ti ricorderai di me, sia perchè conosco la tua sana e bella famiglia con dei valori veri, da veri montagnoli avvezzi alla natura dura e avversa, e sia perchè, modestamente, ho contribuito ieri votando Lega Nord con Salvini premier. E io mica me vergogno sa, a dire per chi ho votato?! ma anzi con orgoglio lo dico se tu , sindaco di Visso fra i comuni più terremotati delle Marche , sei stato eletto ! Vai vai! Fai fai! Hai libero mandato per me cittadino marchigiano ed italiano! CittadinO, ! che non coniugo al femminile come quelle stupide femministe alla Boldrini.
  • Elezioni: istruzioni per il voto,
    c’è il tagliando antifrode
    (Video)

    259 - Mar 3, 2018 - 12:20 Vai al commento »
    C'è forse da stupirsi per questo tagliando antifrode, se la stessa nostra Repubblica si fonda sul broglio del referendum tra monarchia e repubblica del 1946 ?
  • Macerata, si torna a scuola:
    domani riprendono le lezioni

    260 - Mar 1, 2018 - 22:49 Vai al commento »
    Gli dispiace... e certo no? detto da lui sindaco, come se la vita fosse un lecca lecca.
  • Civitanova, domani si torna in classe

    261 - Mar 1, 2018 - 17:30 Vai al commento »
    Testimone, Maddalena Botticelli: l'ho visto e letto anch'io ,a seguito del tuo commento ," con uno spalaneve" , e che adesso è sparito.
  • Pamela, niente overdose
    Primi responsi dal tossicologo

    262 - Mar 3, 2018 - 11:04 Vai al commento »
    Aldo, come ci siamo andati a infilare in questo discorso? Liquido l'argomento serio con una battuta. Birbo Pascal. Ma va a sapere dove sarà ora col suo credo di pura convenienza in base ad un calcolo probabilistico. Se c'è un aldilà, chi lo sa, chi ce lo dice, prima di verificare di persona, il più tardi possibile , se ha vinto o no la sua scommessa e soprattutto, se sì, gli saranno state aperte ugualmente le porte del paradiso? Il dubbio rimane.
    263 - Mar 2, 2018 - 22:34 Vai al commento »
    Iacobini, è sempre un piacere scambiare opinioni fra te e me che siamo due muli quanto a tignosità nelle proprie vedute. In risposta al tuo ultimo commento, in realtà quella che tu chiami la mia ultima frase non è mia-magari!- è il Primo dei Comandamenti per un cristiano. Senza deroghe. E perciò replico a quanto affermi, "non è necessario per chi crede", che per il cristiano non è una necessità ma una doverosità, mentre ti do atto che non è sufficiente per chi non crede. Ma apposta si chiama Fede, che o ce l'hai o non ce l'hai. Ed è inutile quindi cercare nella prova logica l'esistenza di Dio, per i credenti. Non a caso ho fatto ricorso a Gorgia, noto come finissimo maestro di retorica , al quale , chi altro filosofo non ricordo in un loro dialogo, gli chiese : dimostrami l'esistenza di Dio" e Gorgia per tutta risposta : dimostrami tu, che Dio non esiste".
    264 - Mar 1, 2018 - 22:29 Vai al commento »
    IO? Iacobini ? da me pretendi la dimostrazione dell'esistenza di Dio? da me? Ma neanche il filosofo Gorgia, volendo rimettere le lancette indietro alla filosofia antica , sarebbe stato capace di dimostrare la sua esistenza! Io credo e basta, come tutti i credenti. Ossequio la mia religione e rispetto quanto detta il Primo dei Comandamenti: Io sono il Signore Dio tuo; non avrai altro Dio fuori di me.
    265 - Mar 1, 2018 - 17:14 Vai al commento »
    Non credo, si riuscirà più a trovare la pace nella città di Maria finché questa ragazza, questa giovane vita spezzata- in tutti i sensi- non trovi giustizia, non si trovino i colpevoli. Pamela merita vendetta al cospetto di Dio. Al nostro unico Dio: quello cristiano. Spero, ma spero proprio tanto, si risalga al più presto ai nomi dei suoi assassini e macellai. Cercate ,inquirenti, in ogni video registrazione possibile. Sono, è vero degli efferati criminali, ma con un quoziente intellettivo sotto la media. Né più né meno come i nostri Riina, come loro criminali senza scrupoli ma decerebrati. Sempre più mi convinco, che i due trolley con dentro Pamela lasciati lì a bordo strada quella sera a Casette Verdini di Pollenza, non sono state lasciate lì da Oseghale perché venissero ritrovate l'indomani dalle forze dell'ordine, ma che qualcun altro con lui d'accordo quella stessa sera, sarebbe passato poi per ricaricarle e farle sparire. Sembra chiaro, infatti, che si tratti di qualcuno come lui senza auto e/o senza patente, tanto da dover Oseghale rivolgersi ad un tassista per arrivare fin là. E viceversa per il complice , o sarebbe andato lui stesso col suo mezzo senza testimoni scomodi a ritirare le due valigie con dentro Pamela in Via Spalato 124. In fondo, erano solo due valigie che uscivano da una casa: a chi avrebbero dato nell'occhio alle 22 di sera in una città universitaria e come tale aperta anche agli stranieri? Qualcosa poi però dev'essere andato storto dopo il deposito lungo quella strada per il complice o complici , e solo Oseghale c'è rimasto incastrato; il quale però, non fa nomi.
  • Camerino torna a scuola con il gelo,
    gli studenti a Pettinari:
    «Garantisca sicurezza e riscaldamento»

    266 - Feb 28, 2018 - 1:41 Vai al commento »
    Vo, cocchi miei, non potete ricordare per la giovane età,e beati voi, per cui non ve ne faccio certo una colpa, semmai la indirizzo ai vostri insegnanti che non vi hanno trasmesso la storia anche la più recente, in quanto la Provincia, con la P maiuscola, è stato l'unico Ente dall'Unità d'Italia in poi , che ha compiuto il suo dovere finché non sono sopraggiunte le REGIONI negli anni '70. Una cagata pazzesca, credete, da Corazzata Potëmkin. Fino a che hanno funzionato le province finanziate dallo Stato come Ente di territorio per le sue competenze, tutto funzionava benissimo. Sanità, scuole e strade. Funzionavano nel merito le strade, la cui competenza era allora affidata alle Case cantoniere, ai cantonieri che vi abitavano, ognuno responsabile per un tratto stradale di 4-5 chilometri, e nella cui casa tenevano ogni sorta di mezzo soccorso anche neve. Di ordinaria e straordinaria ammninstrazione. ma poi, si disse, che costavano troppo, e allora, si è giunti fino ad adesso, che non solo costano enormente di più i costi della regione e dello Stato,ma che nemmeno i servizi essenziali questi assicurano in cambio di tasse e sovrattasse! Quindi lasciate perdere a fare i novincelli...che chi la storia diversa la sa, chi l'ha vissuta come me, ve la sa anche ben raccontare.
    267 - Feb 28, 2018 - 1:18 Vai al commento »
    Ma ragazzi...che spero non siate ancora in età di voto,lo spero per me, lo spero tanto! Ma che vi può garantire un presidente di provincia virtuale, solo sulla carta, dopo la riforma Renzi bocciata da referendum sulle province? Ma abbiate cervello, figli, cocchi de mamma mia ! La provincia, oggi, è come un nobile decaduto cui rimane il titolo ma senza alcun potere né avere ( da parte dello Stato) per le sue competenze.
  • Emergenza bianca,
    niente scuola in molti comuni

    268 - Feb 28, 2018 - 2:10 Vai al commento »
    Questa cosa è assolutamente ridicola! Ci sono stati peggiori inverni e tutti ne siamo rimasti indenni, anche quando andavamo a scuola, io a 700 mt. per fare le Medie,dovendo alzarmi alle 6 di mattina dopo aver dormito in una casa ghiacciaia a parte il letto riscaldato da prete e monaca, e senza che sia stato ancora inventato il goretex , il piumino, e le scarpe termiche; ma ci andavamo lo stesso, con metri di neve sulle strade a fare da muro al passaggio dei pulmini o delle corriere pubbliche, e con delle " cappottelle" di lana fuori , i più fortunati, e fredda fodera ghiaccia dentro, e con in più un passamontagna senza differenza fra maschi e femmine ad indossarlo. Eh! signorini miei! bella la vita hé? senza servizio militare, senza patire il freddo nell'esercizio del proprio dovere di studente come l'andare a scuola? E per fortuna, che nei vostri programmi preferiti, c'è chi vi dice " Non mollare mai" e gli credete pure per accaparrarvi un posto nel mondo dei vostri bei sogni personali . Ma se avete già dimostrato col vostro egoismo di aver perso questa e più occasioni per essere forti e resistenti alla vita, la vita vita, la vita vera, quella sociale, quella di tutti e non di uno, ognuno,vi prego riavvolgete il nastro. Date retta e cominciate a ragionare sul serio, su basi solide, per voi stessi e le generazioni future che spettano a voi e solo a voi. Non più a noi.
  • Battaglia per i migranti a Corneto,
    l’Acsim non ci sta:
    «Difendiamo la nostra moralità»

    269 - Feb 28, 2018 - 18:34 Vai al commento »
    Ma guarda Iacobini, io altro non so a riguardo se non , che se un sindaco è del Pd, nulla dice contro ma tutto giustifica,mentre sindaci di diverso segno politico si oppongono , almeno per quel che possono , anche a sole parole. Poi, ognuno ha il Sindaco che si merita. Chiaro.
    270 - Feb 28, 2018 - 17:56 Vai al commento »
    Brava Brava e ancora Brava, Roberta Angelelli! Ma per rispondere alla sua ultima domanda: dove sono le istituzioni locali, come regolate la distribuzione di " accolti" nel territorio", la risposta è piuttosto scontata visto anche l'ultimo Consiglio Comunale: stanno dalla loro parte politica, e del resto non gliene frega, né di Macerata, né di quanti e chi entrino, con tutta la maggioranza lì compatta e compattata a coltivare il proprio orticello elettorale misto a ideologico, non curandosi affatto dei bisogni della cittadinanza che non sa più come far capire loro che la misura è colma e stracolma. Il Sindaco, ormai divorziato da Macerata, ha perso una grandissima occasione. L'ultima. Quella di poter avere l'orgoglio e l'onore , anche in circostanze terribili come quelle dell'ultimo mese, di rappresentare una città che mostra il suo volto autentico , intriso di valori veri e non di moda, che vengono dalla sua storia , dalla sua gente pacifica che ,tutto ha nel sangue tranne il seme dell'odio, dell'intolleranza, e che invece, grazie a lui e loro, magistralmente sono persino riusciti a tirar fuori con la loro insistenza a voler stare ad ogni costo dalla parte minoritaria di una città che per il Primo Cittadino dovrebbe venire prima di ogni altro chiunque sia. Anziché interpretare il sentimento onesto della sua città di fronte all'orrore vissuto col delitto e quant'altro poi d'infierimento su Pamela, Carancini ha scelto, preferito, dare la sua rappresentazione, quella del suo partito, e con lui, tutta la maggioranza al seguito. Eppure, ci sono stati precedenti in cui, fra cui hanno partecipato alcuni di quelli che ancora siedono in Consiglio Comunale, qualche anno fa hanno mandato a casa un sindaco, Anna Menghi: e per cosa poi a confronto?
  • Attacco alla sede del Gus:
    vetrina presa a mattonate

    271 - Mar 1, 2018 - 14:29 Vai al commento »
    Qual è ,Ferramondo, nella tua " etica personale" il limite, il vostro limite, di te e quelli come te antifascisti, fra la cieca violenza che proviene dal vostro colore politico e quella subita da tutti gli altri di colore diverso dal tuo, dal vostro? perchè qui e fin qui, a me pare, che siete voi i violenti e solo voi i fascisti in ogni manifestazione pubblica, fra centri sociali e dementi vari che nelle piazze inneggiano all'antifascismo. Voi e sempre voi, che impedite che altri si esprimano liberamente in virtù dell'art. 21 della Costituzione, di cui indegnamente vi sentite unici eredi. Nonché aggiungo, razzisti al contrario verso gli italiani tutti.
    272 - Mar 1, 2018 - 14:04 Vai al commento »
    Ferramondo Gabriele, con la tua bella anima: condanni anche questo gesto? SI/ NO. Ieri sera a Livorno un militante di Casa Pound che era in Piazza Garibaldi per riattaccare un manifesto elettorale del Partito, è stato aggredito nella sua auto e con accanto la compagna incinta, da 4 ( vigliacchi ndr)incappucciati che lo hanno malmenato al viso tanto da portarlo al pronto soccorso in codice rosso per le lesioni riportate, e col rischio di perdere la vista ad un occhio? E di quella esaltata, fanatica, antifascista ,di una insegnante che grida ai poliziotti " dovete morire" ? che ci dici? dicci.
    273 - Feb 28, 2018 - 3:58 Vai al commento »
    E', da come evidente, un vetro antisfondamento, per cui niente da temere per chi fosse stato all'interno. Piuttosto: come mai non sono stati prontamenti rincorsi, presi ed identificati gli autori del gesto avvenuto in pieno giorno?
  • Fileni a fianco delle eccellenze:
    consegnate 29 borse di studio

    274 - Feb 28, 2018 - 9:48 Vai al commento »
    La Fileni, che alleva e ammazza polli da batteria tenuti in gabbia e infarciti di antibiotici , che poi ingeriscono con le loro carni i consumatori...io no, perchè non li magno, mi tengo fuori, e perfino premiati con tutti gli onori! Ma jetevela a pijà...và!
  • In auto con una katana,
    20enne nei guai
    Nuovi blitz contro lo spaccio

    275 - Feb 24, 2018 - 18:29 Vai al commento »
    Liana, mi ricordo benissimo di te e tuo marito. Era l'8 dicembre 2010. Avallo in pieno il tuo commento, ma questo invece è quanto succede qui in Italia. Per gli stranieri che delinquono, difesa a spese dello Stato, poi processo, condanna, sconto di pena e carcere , tutto a spese nostre. Per le loro vittime e le famiglie delle vittime come questa - ti invito a leggere, ma ti avverto, ci si fa ancora più il sangue amaro - lo Stato si dilegua. Un caro saluto! https://voxnews.info/2018/02/19/ragazzo-romano-ucciso-da-migrante-di-santegidio-la-famiglia-si-indebita-per-pagare-legali/
  • Mozione di censura,
    la maggioranza “salva” Carancini:
    «Un attacco ignobile»

    276 - Feb 24, 2018 - 3:11 Vai al commento »
    Proprio non ci stai Carancini, ma da un bel pezzo ormai; ti sarai montato la testa come un ducetto de noandri accumulando potere e ca.zzate su potere e ca.zzate, e proprio non ci siete nessuno dei tanti, o meglio : ci fate. Dire Che Traini è stato catturato, quando lo abbiamo visto benissimo tutti in fotografia, lì da solo al Monumento dei Caduti, senza alcun poliziotto intorno, praticamente consegnatosi dopo che ha scorrazzato in macchina a sparare in lungo e in largo per non so quanto e per tutta Macerata, è una falsità che non regge di fronte all'opinione pubblica. Inviterei in particolare tutti, politici, opinionisti, giornali e giornalisti , a non insistere ancora nel parlare di raid razzista, come fatto per primo dal Sindaco di Macerata parlandone come di un " atto nazifascista" poiché potreste far torto alla verità del fatto. Non conosco personalmente Luca Traini, ma da testimonianze credibili di chi lo conosce bene sì, ha fatto il folle in quell'ora, nessuno nega, ha la testa rasata, una svastica tatuata in fronte e tutto un corollario di libri e ammennicoli in casa che attestano bene quale sia la sua idea politica- d'accordissimo- ma è un ragazzo che dicono detesti profondamente ogni forma di violenza sulle donne, e quindi, a modo suo, certamente sbagliato e da condannare, ha voluto farsi paladino dell'atroce morte di Pamela, come dire: "gli è andato il sangue alla testa". " Non ci ha visto più". Razzismo e raid razzista sono cose ben diverse, cari scienziati di parte,: è fare uso di violenza e discriminazione verso persone di colore, ma senza esserci un motivo scatenante come in questo preciso caso. Il fatto che potesse essere stato un nigeriano a commettere il delitto, e che si sia quindi armato e partito per vendicarsi contro tutti quelli di colore incontrati per strada, è prova sufficiente, è prova di intelligenza, secondo voi , per affermare che si sia veramente trattato di ODIO RAZZIALE, o piuttosto di un atto vendicativo fine a sé stesso , in cui per fatale incidenza Oseghale è persona di colore? E infatti, dopo avere sparato anche ad una donna lì tra la folla, ha solo chiesto di lei dal carcere, per sapere come stava, dispiaciuto di averla colpita. La mia, Dio m'è testimone, non è una difesa a Traini che ha messo a repentaglio la vita di 6 innocenti e scosso un'intera città, ma un compulsivo conato di vomito nel leggere quanto dicono quegli ipocriti del PD e la maggioranza tutta in Comune di Macerata che, sfacciatamente, ancora nega ogni verità e rinnega ogni propria responsabilità fino al degenerare degli ultimi accadimenti facendosi scudo tra loro.
  • “Macerata Accoglie”,
    «progetto per 110 persone»
    Oltre 12 milioni di euro in 5 anni

    277 - Feb 23, 2018 - 17:03 Vai al commento »
    Obbella questa! che per una candidata alle politiche , una, la Pantana, per par condicio, non si possa seguire tramite radio o tv, il Consiglio comunale! ma par condicio de che? a noi interessa sentire il consiglio comunale di una città capoluogo e al centro di tanto interesse per i temi che vengono oggi discussi. Ma che razza di leggi abbiamo?
  • Caso Pamela, accoglienza e degrado:
    chieste dimissioni del sindaco
    Nel mirino anche il prefetto

    278 - Feb 23, 2018 - 2:24 Vai al commento »
    Non ci posso pensare che le parole pronunciate in assise, nel comune di Macerata, al centro dell'occhio del ciclone nazionale e internazionale, da quella Ninfa lì, possano fare il giro del mondo ! e cioè secondo lei, Pamela sarebbe stata vittima della droga e non di quei bastardi che l'hanno uccisa? Ma io mi dissocio da questi da marchigiana: niente proprio a che spartire con essi! che poi sia stata femmina o maschio, ma che differenza fa ? Solo nelle loro menti bacate, la può fare.
    279 - Feb 23, 2018 - 2:13 Vai al commento »
    Femminicidio? ma non facciamo ridere i polli con le vostre invenzioni ! ma che si distingue in questo un delitto di una ragazza appena diciottenne così brutalmentee massacrata? Ma si vergogni la Ninfa Contigiani e chi ce l'ha messa lì! Solo un attimo per pensare ai quei poveri genitori che ancora debbono seppellire la loro figlia, mutilata, violata...ma rivergognati Ninfa Contigiani! Apprezzamento invece per Maurizio Mosca, le cui parole giungono vere e sincere. Come sempre da parte sua.
  • Omicidio di Pamela, Borgani:
    «Convinto ci sia qualcun altro»
    Per Oseghale stop ai contatti con la figlia

    280 - Feb 23, 2018 - 14:57 Vai al commento »
    Infatti, come dice anche l'avvocato Borgani,non ha senso aver abbandonato le valigie in strada dopo averla ridotta in quelle condizioni. A meno che, stia proprio lì il senso. E' stato casuale il loro abbandono in quel punto a Casette Verdini? O quello potrebbe essere un segnale importante ? che dice il tassista camerunense in proposito? se ben ricordo, quando venne chiamato da Oseghale, era per accompagnarlo con i due trolley fino a Tolentino, poi non si è capito perché, lo ha fatto fermare prima. E perchè, però, da Macerata voler arrivare fino a Tolentino, e perché proprio Tolentino, quando per disfarsene gli sarebbe bastato lasciarle in un qualsiasi posto in città senza dover prendere un tassì, col rischio di essere subito scoperto e denunciato dall'autista? come effettivamente pare sia stato. Azzardo un'ipotesi. Non sarà, che lo scopo di quella mossa per lui sbagliata, e apparentemente da stupidi per chi trasporta un cadavere in due valigie e che non vorrebbe certo venire scoperto, sia stata dettata dal voler " riconsegnare" il corpo di Pamela a qualcuno che sta entro quel tratto di strada fino a Tolentino ?? Allora sì, avrebbe avuto un senso, prendersi per lui il disturbo di chiamare un taxi e rischiare. Per me c'è un legame e per niente casuale nel ritrovamento da quelle parti.
  • Droga, a lezione da Ngong:
    «Adesso prudenza a spacciare,
    poi tutto tornerà come prima»

    281 - Feb 23, 2018 - 18:31 Vai al commento »
    Bommarito, d'accordo su tutta la linea e sempre al fianco nella lotta alle dipendenze. Mi vorrei soffermare però sulla tua ultima riga " lo spaccio è un'attività che rende bene e comporta pochissimi rischi", perchè è davvero inquietante, oltretutto, per stare ai fatti , venire a sapere dai giornali che Oseghale, magari non assassino, si capirà in seguito, ma certo non Innocent nella brutta faccenda del delitto di Pamela, possa permettersi , lui straniero, senza lavoro, spacciatore, che non doveva più trovarsi qui, una difesa non più con uno, bensì da oggi ben DUE avvocati, in un processo penale che, normalmente, manda per aria anche una famiglia mediamente benestante per quanto costa. Perchè, se prima era certo , ora è sicuro che non può godere del gratuito patrocinio anche se non fosse stato abbiente in quanto 1) per i non cittadini italiani, occorre essere con regolare permesso di soggiorno al momento del fatto oggetto d'indagine 2) perchè non può essere ammesso al patrocinio a spese dello Stato nei giudizi penali chi è indagato, imputato o condannato per reati connessi al traffico di tabacchi e agli stupefacenti , e 3) non ne può fruire chi è difeso da più di un avvocato. Ora che dire più? Non so chi paghi la sua difesa;saprà lui e i suoi avvocati, se lui coi suoi soldi sporchi o chi per lui. Ma la si vive davvero come un'ingiustizia nell'ingiustizia di fronte a quanti di noi qui nati e cresciuti arrancano , s'indebitano e vengono perseguiti fino al sequestro dei beni dai loro avvocati, anche solo per potersi difendere nei tribunali per una causa civile.
  • Macerata-Italia, Gentiloni:
    «Il Pd prenda in mano
    la bandiera della sicurezza»

    282 - Feb 22, 2018 - 0:19 Vai al commento »
    Il PD prenda in mano...non voglio essere sconcia, ma ce cala...ce cala... ce cala a puntino!
  • «Traini pentito? Non dice di esserlo»
    Lettere da Sacramento e dalla Francia

    283 - Feb 23, 2018 - 15:24 Vai al commento »
    Cos'è la legge del contrappasso, grazie, lo sapevo. Mi stupisci sempre più, Aldo Iacobini, tu che sei sempre tanto garantista, ma di sentire la risposta di Traini che ho sollevato...no hè, non ti sfiora nemmeno! certo, che non si fa la storia coi se e coi ma, MA, Traini non è la storia, è una persona sotto processo : vogliamo sentire dal diretto interessato cosa pensava in quel momento, cosa l'ha spinto a quel gesto folle e disperato ? E se, non fosse stata per lui una questione razziale, per cui pende su di lui l'accusa di strage con l'aggravante di odio razziale, ma di messa in atto di una vendetta verso Pamela , maturata in lui , nella sua mente, senza però considerare il colore della pelle dell'unico indagato nigeriano negli stessi giorni? Io non lo so! Infatti, chiedo. Con ciò non giustifico Traini, e sia chiaro. Non vi attaccate.
    284 - Feb 23, 2018 - 0:30 Vai al commento »
    Sono io a non capire te, Iacobini, che scrivi: "il tri-colorato , strano come è, avrebbe sparato a qualche maschio per la legge dantiana del contrappasso" : ma che minchia vuol dire? Minchia si può dire, è stata sdoganata dal commissario Montalbano, Luca Zingaretti, fratello di Nicola Zingaretti , di sinistra ,e quindi , quando è anche di sola parentela con la sinistra, tutto si può dire. Scusa se ti dico anche questo, ma mi sembri più disturbato dello stesso Luca Traini nello scrivere certe cose! E poi ,non serve scomodare Benedetto Croce. Ho solo, semplicemente , e indirettamente, chiesto a Luca Traini se avesse fatto lo stesso qualora ad uccidere e fare a pezzi Pamela fosse stato un bianco, un giallo, un turchino, con diversa modalità di ritorsione, ovviamente, non essendo parimenti distinguibili tra la folla, i bianchi dai bianchi, piuttosto che dai gialli, dai neri, dai turchini. Domanda più che legittima, penso, per capire ciò che l'ha mosso; se cioè, per odio razziale, come è stato propagandato e strumentalizzato sin dal primo istante dal popolo di sinistra, e non solo, o per suo senso di vendetta verso Pamela, a prescindere dal colore della pelle del suo uccisore e massacratore , che al momento in cui Traini ha agito, era uno solo l'indagato: Oseghale. Ci vuole tanto a capire il perchè della mia domanda ? Non credo. Mi sembra, anzi, piuttosto ovvia, scontata, banale, da fare e da farsi.
    285 - Feb 22, 2018 - 1:10 Vai al commento »
    Io avrei una domanda che mi gira in testa dal quel giorno, da quel 3 febbraio, e vorrei porla per interposta persona , tramite il suo legale, a Luca Traini. Se per ipotesi, anziché essere stato un nigeriano, uno di colore, quale possibile omicida di Pamela e tutto il resto, quale unico indagato al momento dei fatti per Traini, fosse invece stato un bianco, un italiano, un europeo, un nordamericano o australiano: avrebbe fatto lo stesso che ha fatto , seppur con modalità diversa, non essendo lo stesso facilmente distinguibile individuare tra la folla persone di uguale colore? E se sì, altrimenti come?
  • Pamela, i nodi del giallo

    286 - Feb 21, 2018 - 11:49 Vai al commento »
    Iacobini, penso ti sia perso qualche passaggio. La coltellata alla testa e le due al fegato, che pare siano queste ultime causa della sua morte. E in ogni caso, se fosse morta diversamente, perché accoltellarla anche ? dicci tu.
    287 - Feb 21, 2018 - 3:32 Vai al commento »
    Mah! a me sembra piuttosto palese che si abbia a che fare con degli stupidi, abili con le mani per loro cultura africana , nigeriana, tra coltello e mannaia, ma deficìenti e criminali totali quanto al resto, o non avrebbe portato Oseghale fuori da casa sua le due valigie con dentro Pamela fino a Casette Verdini con l'aiuto di un autista, testimone scomode il giorno dopo, e che se non fossero stati così stupidi,si sarebbero sbarazzati dei due trolley, dopo tanta fatica a ridurre a pezzi Pamela , nel porla accanto ad un cassonetto, una vicina discarica o altro luogo poco frequentato a Macerata alle 10 di sera, Tanto, voglio dire, dopo quello che le hanno fatto...scempio più scempio meno...e invece no, perchè sono dei delinquenti , dei criminali qualunque, e stupidi al massimo grado. Questo è quanto da me detto e scritto già 20 giorni fa, e confermo : tanto criminali quanto stupidi. Abbiamo a che fare con delle bestie senza ragione.
    288 - Feb 21, 2018 - 1:52 Vai al commento »
    Morta per overdose sembra proprio di no, visto il suo orrore per le siringhe. Ma poi cosa cambia? Lì è morta e lì è stata fatta spezzatino, in quel terrazzo...non farmici pensare, và!
    289 - Feb 21, 2018 - 1:31 Vai al commento »
    Caro dott.Giorgio, per me, il massimo rispetto da parte di tutti, lo merita innanzitutto Pamela Mastropietro insieme ai suoi poveri genitori, e basta. Poi, vengono tutti gli avvocati penalisti al seguito, così belli, comodi e caldi nell'esercizio della loro professione che nessuno scalfirà mai: ma chi li tocca e toccherà mai? Ciò detto, sempre che Lei permetta.
    290 - Feb 21, 2018 - 0:53 Vai al commento »
    Ma fateli parlare con ogni mezzo i 3 o 4 indagati! Mica è stato commesso a casa mia il delitto di Pamela,ma al n.124 di via Spalato dove è stata vista entrare e non più uscire se non da due trolley per mezzo di un tassista chiamato e che ha accompagnato Oseghale fino al luogo del deposito e ritrovamento, e con tanto di foto stradali che lo ritraggono in auto! ma che stiamo giocando oh?
    291 - Feb 21, 2018 - 0:45 Vai al commento »
    Iacobini: tu c'eri, per poter affermare con certezza quanto accaduto lì in Via Spalato 124 nella casa di Oseghale? Ma statte zitto và! per pudore, e anche per favore.
  • Carancini, faccia a faccia con la città
    Tra insulti social e minacce alla famiglia
    «Mi merito tutto questo?»

    292 - Feb 21, 2018 - 21:09 Vai al commento »
    A tutti gli altri sopra un mi piace dovuto; ma ad Alfredo Luzi, una sincera e forte stretta di mano per la risposta precisa e sintetica!
  • Forza Nuova: scontri in piazza,
    sei mesi per Ottaviani

    293 - Feb 21, 2018 - 4:38 Vai al commento »
    6 mesi per Ottaviani, per aver partecipato ad una manifestazione non autorizzata dalla prefettura di Macerata rispetto a quella del giorno dopo antifasciscista -antirazzista invece autorizzata dai soliti magnauffa de sti cacchi ,però , vuoi mettere, sempre , autorizzata? Chi figli e chi figliastri! Ora voglio proprio vedere quanto danno invece in mesi a quegli aggressori spietati del poliziotto rimasto isolato a Piacenza da parte dei centri social . Voglio proprio vedere,voglio.
  • Il Garante dei diritti alla Pars:
    «Situazione critica per i minori stranieri»

    294 - Feb 20, 2018 - 17:27 Vai al commento »
    Per me, il dato più sbalorditivo, è che di fronte un fenomeno sociale di sempre maggiori dimensioni come quello delle dipendenze , ogni forma di recupero venga ancora lasciato in mano alle ONLUS, enti di carattere privato, che a fronte del proprio grande impegno socio assistenziale si sostentano in un sistema autarchico , fra offerte all'uscita dalla chiesa la domenica, la vendita di manufatti e prodotti della terra che gli stessi ragazzi ospiti producono: ma lo Stato dov'è più? Fa il Ponzio Pilato mandando i suoi vigilanti in delle strutture lasciate al governo di sé stesse , dalle quali non può pretendere niente più di quanto riescano a fare in proprio, coi propri mezzi. Per quanto riguarda invece il discorso minori che hanno commesso reato, questo è quanto offre oggi lo Stato, che fino al 1988 li inseriva sotto sua tutela nei riformatori fino ai 21 anni, e poi, affidati a una colonia agricola o una casa di lavoro. Ma tutti i minorenni con età inferiore ai 18 anni erano punibili per legge, per almeno un anno, e se delinquente abituale fino a tre anni. Ma poi, si sa, siamo diventati tutti più " aperti, progressisti, evoluti". In due sole parole: tutti lassisti.
  • “Macerata è libera” ma i clandestini
    «diventano schiavi della criminalità»

    295 - Feb 19, 2018 - 14:39 Vai al commento »
    No nottambuli, pardon: SONNAMBULI; coloro cioè che, ad occhi aperti nel sonno, parlano, emettono suoni incomprensibili e agiscono anche, ma senza alcuna consapevolezza.
    296 - Feb 19, 2018 - 14:21 Vai al commento »
    Filippo. Numeroso non si potrebbe comunque dire in ogni caso, anche fossero stati effettivamente 800 i presenti, fra cui sindaci del territorio, gli iscritti al Partito del Sindaco, Onorevoli parlamentari e Consiglieri regionali piddini, e poi sigle , associazioni, onlus, già partecipanti alla precedente manifestazione di una settimana prima , ben più consistente per la provenienza da tutta Italia dei centri sociali, quando, Macerata conta all'incirca 42.000 abitanti. Che sono rimasti a casa. Un nulla residenziale, praticamente, che abbia partecipato al suo corteo . Il Sindaco è solo e isolato da Macerata. Ma non se n'è ancora accorto. Non svegliatelo, come si fa coi nottambuli, che potrebbe essergli fatale un risveglio improvviso .
  • Pamela, la Camera penale:
    «Irrinunciabile il diritto di difesa,
    inaccettabili attacchi al legale di Oseghale»

    297 - Feb 19, 2018 - 19:06 Vai al commento »
    Non condivido affatto, non sono d’accordo per niente. E siccome sono una temeraria perché forte e convinta della sua idea, non si fa intimorire dal fila per 3 col resto di 2. Che ognuno poi la pensi come vuole. Chi, per difendere la propria professione, la propria casta e privilegio, chi secondo la propria sensibilità ,chi per proprio esercizio di potere o prepotere nei confronti del pensiero di milioni di cittadini , al punto da leggere fra le righe in fondo, minaccia di querela nell’intervento dell’avvocata qui sopra che non ammette critica – ma se Lei , permetta, avvocata, è , e giustamente ( ovvero secondo diritto) tanto sicura del suo ruolo, perché prendersela tanto a livello personale? perché fare Lei la vittima , quando la vittima è una e una sola : Pamela Mastropietro? Ma faccia orecchie da mercante, no? che va a dare ascolto alle voci di popolo, forte della sua posizione giuridica? Ma mi faccia il piacere! - e che, se procedesse, la suddetta avvocata , dovrà finire per querelare tutt’ Italia viste le reazioni degli italiani al delitto di Pamela nei confronti dei suoi assassini, o anche verso il gesto di Traini, al pari contrario ad ogni principio di giustizia fuori dalle aule dei tribunali, alla cui sparatoria da interviste televisive fatte agli italiani da Nord a Sud, alcuni hanno persino risposto “ se non hai la mira, ma vai a giocare a pallone! – da “Non è l’Arena” di domenica scorsa- ma a me ,quella in articolo sembra più un’ autodifensiva di categoria , peraltro e per inciso ben al riparo nel nostro Ordinamento fra Ordine degli avvocati e quant’altro ,da tutte le chiacchiere che si possono fare nei bar, per strada, fino alle piazze virtuali, e perciò un tantino ridondante e in contrasto con una più pertinente lettura sociologica del fenomeno da non sottovalutare- che non hai mai portato bene nella Storia-poiché nessuno toglie ma vi riconosce il ruolo della vostra professione - e censoria, nel voler inutilmente imbavagliare i sentimenti di rabbia, orrore, paura, impotenza, che governano i nostri cuori mentre i resti ricomposti come un mosaico di Pamela sono ancora oggetto di indagine su dei freddi tavoli settori da Macerata a Roma ,e nel mentre escono ogni giorno sui giornali elementi sempre più raccapriccianti; ultima, la possibile violenza sessuale di gruppo prima della sua uccisione e successivo spezzettamento. Faccio fatica anche a scriverlo. Una reguardizione, che giunge inopportuna dalla Camera Penale alla corrente opinione pubblica italiana tutta , e perché ? perché, essa esprime su facebook e nei social la sua profonda indignazione per quanto successo a Pamela , e perché ,osa criticare chi riesce tuttavia ad assumere la difesa di criminali di nessun profilo umano . E tutto ancora, perché ciò accade negli unici luoghi di sfogo pubblici di contro i cortei negli ultimi 15 giorni organizzati, non per Pamela, ma contro il fascismo e il razzismo che hanno dominato la piazza quella vera, reale, e per ben due volte , il 10 febbraio e ancora ieri a Macerata, città protagonista in Via Spalato 124 di tanto scempio sul corpo di una giovane che potrebbe essere stata bene nostra figlia . nipote, concittadina, ma di cui all’unica fiaccolata in città in sua memoria a pochi giorni di distanza dalla sua mattanza, lo stesso Primo Cittadino non ha partecipato. Ma meno male esistono i social dove sfogare i propri istinti di rabbia per “ l’uomo qualunque” ,senza per ciò questo assurgere a tribunale di popolo e senza passare ai fatti nel farsi giustizia da sè, come risulta essere stato solo uno che in solitudine e senza proclami nei social, ha fatto quel che ha fatto : Luca Traini. Ma meno male, dovreste pensare, esiste questa valvola di sfogo dei social dove dire è dire, che è ben diverso dal fare . Ma lasciate dire no? Che andate raccogliendo: le chiacchiere ? Tutti, in particolare momenti debbono “ abbozzare”. Specialmente chi, a nulla toglie la pubblica opinione e alla propria professione e al corso della giustizia. Certamente, che abbiamo in tanti pensato quanto coraggio ci vuole a difendere un criminale come i protagonisti del delitto di Pamela, come anche pensato, quanto coraggio serve da parte dell’anatomopatologo che ha dovuto ricomporne finanche i pezzi per l’ispezione cadaverica al fine di cercare in quei poveri resti la verità della sua orribile fine. Ma qualcuno in entrambi i casi dovrà pur farlo ,ci si risponde, seppur con diversa ammirazione. E un’ultima cosa, la più essenziale: perché, però, nessuno di chi preposto nel rispetto della legge italiana ha provveduto ad espellere prontamente Innocent Seghale una volta scaduto il suo permesso di soggiorno, assumendosene la responsabilità per la mancata immediata espulsione? Inutile ripetere anche ed ancora, che se non fosse stato qui dove non avrebbe dovuto più trovarsi, quanto è successo non sarebbe accaduto. E inutile altrettanto, chiedere a voi avvocati ,che vi preoccupate più della vostra figura professionale e della vostra persona che delle nostre legittime domande , fra cui perché, Oseghale possa avvalersi sì o no del gratuito patrocinio essendo un pregiudicato , un condannato per traffico di stupefacenti e senza regolare permesso di soggiorno ( altro che persona più debole e indifesa ! Indifesa era Pamela e solo Pamela! ) e quindi rispondere: CHI? CHI vi paga? CHI? Senza contare inoltre, che non si ritiene giusto che un extracomunitario senza permesso di soggiorno dovrà essere qui processato e se condannato intasare i nostri tribunali e carceri già abbondantemente pieni e piene , dove scontare svariati anni a spese nostre e non nelle patrie galere a spese del suo Paese d’origine, dove avrebbe dovuto essere stato. E infine, perché sarebbe davvero ulteriormente vomitevole per la pubblica opinione, come un ennesimo fendente sul corpo di Pamela da parte nostra, della nostra società civile fondata sul diritto che rifiuta ogni forma di illegalità e connivenza con essa, questo sì, inaccettabile, venire a sapere che in mancanza di requisiti di patrocinio gratuito, sostenesse egli stesso, Oseghale, senza lavoro ma ben noto spacciatore, col proprio denaro frutto di proventi illeciti e ai danni dei nostri figli appena adolescenti, che andrebbero nelle tasche della difesa. Riterrei a quel punto, più che dignitoso, morale, legale, rifiutarne per chiunque avvocato la difesa.
    298 - Feb 18, 2018 - 16:44 Vai al commento »
    Marina, non si discute infatti il diritto alla difesa ma in questo caso il soggetto in questione non sembra avere due dei requisiti richiesti ( permesso di soggiorno scaduto e condanna per spaccio ) per avere il gratuito patrocinio. Non sono un avvocato ma questo leggo: Possono richiedere l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato: i cittadini italiani; gli stranieri e gli apolidi residenti nello Stato; Esclusione dal patrocinio in ambito penale Il patrocinio a spese dello Stato è escluso: per i condannati con sentenza definitiva per i reati di associazione mafiosa, e connessi al traffico di tabacchi e agli stupefacenti (modifiche apportate dalla legge 24 luglio 2008, n. 125). SE questo è quanto previsto da legge , la sua difesa non è a spese dello Stato ma , non essendo abbiente, sostenuta da chi non so .Nessuno lo dice. Si parla solo di nomine. Chi è che nomina non si sa. Credo, che in un caso entrato nella cronaca nazionale, sarebbe giusto informare gli italiani anche sotto questo aspetto.
    299 - Feb 18, 2018 - 2:39 Vai al commento »
    Sono le 2.31, poi vado a letto a riposare con la coscienza tranquilla sicuramente rispetto a quanti di voi sgomitate nei tribunali fra avvocati, tecnici del diritto, garanti della Costituzione- con tanto di virgolette - intenti ad assicurare innanzitutto il vostro patrocinio legale, a spese di chi, è ancora dato sapere , e se per noi italiani fosse anche giusto assicurarle a degli spacciatori noti alla giustizia, nocnhé a dei potenziali mostri da quanto emerge dalle indagini in corso. Perchè è sicuramente fra questi che è, che sono, i colpevoli dell'omicidio di Pamela e del suo vilipendio, cui non si riesce nemmeno a pensare in forma umana. Che voi siate del parere che sia " inaccettabile" che molta parte degli italiani siano contro la vostra difesa di Oseghale e quant'altri incriminati nell'omicidio e vilipendio di cadavare di Pamela, ce ne può fregar di meno. Sinceramente. ERA, una volta, "Dei delitti e delle pene" di Cesare Beccaria, della pena certa , severa, esemplare, ma oggi che tutto tutto, anche il sistema giudiziario fa a cqua, quando non è all'acqua di rose, che volete fare a noi se non è per voi " accettabile"? le purghe casa per casa? persona per persona? Dovete accettare per forza , una volta tanto, il nostro giudizio verso voi che giudicate.
    300 - Feb 18, 2018 - 0:26 Vai al commento »
    Giusto, Anna Menghi: a dir poco imbarazzante, del tutto riprovevole, fuori luogo ad ogni etica professionale da parte di un appartenente al foro.
    301 - Feb 18, 2018 - 0:10 Vai al commento »
    Questo garantismo cui non attribuisco aggettivi onde non peggiorare la mia situazione pensante in materia di giustizia italiana, secolare nei suoi processi e nel garantismo a pendolo e ad orologeria, m'indigna assai e assai quanto, al solo pensiero che, mentre Oseghale e gli altri indagati al pari di lui, abbiano una difesa pagata da Pantalò, uno dei tanti nostri concittadini vittima di rapina nell'esercizio del suo legittimo commercio, un tabaccaio, una volta sparato per legittima difesa di fronte ai propri ladri, abbia dovuto spendere di tasca sua per difendersi in tribunale contro l'accusa di eccesso di legittima difesa, e con con ciò spendendo tutti i suoi averi, fino a 40.000 euro per potersi vedere finalmente assolto, per poi chiudere la sua attività per sempre perché rimasto senza soldi: VERGOGNA!
    302 - Feb 17, 2018 - 23:37 Vai al commento »
    Tutto il bla bla giuridico e garantistico che vi pare, quando vi pare, MA, ancora oggi vorrei sapere CHI ha nominato l'avvocato difensore di Oseghale e degli altri 3 o 4 indagati nell'omicidio di Pamela, e CHI ne ha poi anche rinominato un altro avvocato alla difesa di Innocent Oseghale, che a quanto pare , come unico affittuario dello stabile e dalle ultime indagini dei Ris, di Innocent sembra avere ben poco, mentre di Segha senza h, quanto a coltelli e mannaia, invece sembra avere molto a che fare direttamente o indirettamente, CHI? d'ufficio , o da parte di qualche Ong locale ? QUESTO SI PUO' SAPERE O NO IN NOME COLLETTIVO? Ma chi paga questi signori avvocati tanto garantisti? I clienti stessi o chi per essi?
  • Civitanova marcia per la pace
    Il vescovo: «Chi emigra
    non va in vacanza» (foto)

    303 - Feb 20, 2018 - 23:54 Vai al commento »
    Iacobini: ma siamo in uno Stato laico , si/ no, o in uno Stato tipicamente mussulmano dove i precetti religiosi sono anche fondamenta delle leggi statali? Porgi l'altra guancia? Ma qui, a forza di porgere l'altra guancia, abbiamo la faccia piena di schiaffi! Il Papa e la Chiesa predichino quanto vogliano accoglienza, ma prima di tutto a casa loro,in Vaticano, e nelle loro sedi parrocchiali. E bbasta no?
    304 - Feb 20, 2018 - 18:28 Vai al commento »
    Di certo è ,che non vanno in vacanza nello Stato Vaticano, il cui articolo 12 della vigente "Legge sulla cittadinanza, la residenza e l'accesso" recita : se non si è autorizzati, se non si ha un permesso rilasciato dal Governatorato, non si può rimanere nel territorio vaticano. E quindi espulsi fuori dalle mura vaticane, senza più l'uso della forza pubblica, come invece era prima del 2011 della riforma Ratzinger. E bravo Monsignor Pennacchio : Quello che è tuo è tuo quello che non è mio è tuo . Non fa una grinza.
  • Stazione: prostitute minorenni,
    il passaggio di Pamela e gli spari di Traini
    Tutto ripreso dall’occhio elettronico

    305 - Feb 18, 2018 - 0:46 Vai al commento »
    Le videocamere, signori cari, non servono a reprimere i reati ma semmai a riprenderli quando ormai è troppo tardi ad intervenire. Magari servono a ricostruire, ma non ad evitare qualsiasi delitto anche il più efferato;come non avete mai fatto niente per evitare nessun atto malavitoso a Macerata, dai Giardini Diaz alla stazione. Per favore, non ciurlate nel manico dietro scuse risibili. Non è proprio il caso.
  • Pamela, la casa dell’orrore
    è stata set di un film giallo

    306 - Feb 17, 2018 - 22:57 Vai al commento »
    Non che c'entri niente di niente la sceneggiatura e il set del film datato 2008 , ma almeno per diritto d'informazione, lo si vuol dire che regista e produttore dello stesso sia il medesimo proprietario dell'appartamento in Via Spalato 124, Massimo Potenza, o Max P., come si presume facilmente sia lo stesso dal confronto dell'articolo allora pubblicato da Cm e qui ricordato ,https://www.cronachemaceratesi.it/2018/02/05/casa-dellorrore-in-via-spalato-il-proprietario-sono-sotto-choc/1063478/, con le iniziali di questa intervista da poco da lui rilasciata a questo giornale. https://www.cronachemaceratesi.it/2018/02/05/casa-dellorrore-in-via-spalato-il-proprietario-sono-sotto-choc/1063478/? Non capisco perchè tanta reticenza nel dire che il regista del film indipendente in questione sia lo stesso proprietario dell'appartamento oggi scena di un vero efferato crimine. Scusate, ma proprio non lo capisco!
  • I 5Stelle: «Una marcia ipocrita»

    307 - Feb 17, 2018 - 17:58 Vai al commento »
    Ma soprattutto perché quella di domani, se il Sindaco voleva veramente sganciarsi da tutti e tutti, doveva essere domani fra il Sindaco di Macerata e la sua cittadinanza: da una parte lui rappresentante di tutta Macerata, dall'altra i maceratesi tutti, di ogni ordine , grado e credo politico, sia a per l'orribile delitto di Pamela consumato in Via Spalato, sia contro la violenza operata da Luca Traini. Così, invece, domani, con quelle stesse sigle firmatarie a sfilare assieme a lui in corteo, le stesse che hanno già sfilato, eccetto il suo Partito, il PD, per le vie di Macerata sabato scorso, che senso ha? che prova muscolare vuole dare ?
  • Giorgia Meloni su banche e immigrazione:
    «Giustizia per i risparmiatori,
    sgomberare l’Hotel House»

    308 - Feb 17, 2018 - 17:02 Vai al commento »
    " L'Hotel House per noi va sgomberato", è un puro spot elettorale se si resta alla superficie del problema fonte di tanto degrado generato in anni e anni con la complicità di tutti i proprietari degli appartamenti e delle istituzioni in primis, fino a farlo diventare un vero ghetto, un luogo di segregazione con la sua popolazione residente pari a 2000 abitanti, più di quanti ne conti oggi un comune come Pioraco, Sant'Angelo in Pontano, Penna San Giovanni, solo per elencarne alcuni del nostro territorio, e contante ben 40 nazionalità diverse. Ma la vera storia delle origini dell' Hotel House è altra. All'epoca, fine anni '60, il suo intento costruttivo in tutta la sua architettura volumetrica sovradimensionata rispetto ai normali condomìni , era in realtà ispirata a quella "della comune" , o più elegantemente " Hunité d'Habitation", meglio anche conosciuta come "città verticale" , nonchè nota ancora oggi nei manuali come esempio architettonico di " Cité radieuse" , città raggiante, per la sua esposizone al sole sia ad ovest che ad est per tutto il giorno, e la cui firma progettista , nientemeno, porta il nome di Le Corbusier, poi diffusasi oltreché in Francia in altri paesi europei dove però, a differenza nostra, ancora funzionano grazie all' ottima salute gestionale. Mantengono queste strutture , e anzi amplificato, infatti, tutti i servizi comuni previsti all'interno del condominio come :negozi, scuola, piscina , ambulatorio medico, biblioteca , reading, teatro, cinema,orto condiviso, corsi di pittura, yoga, inglese, fino ad ospitare all'ultimo piano un museo d'arte contemporanea aperto ogni giorno. Ed era così un tempo anche l'Hotel House. Qualcuno qui ancora ricorda ad esempio il trenino che lo collegava alla vicina spiaggia portorecanatese. Da lustro a degrado massimo , sono passati tabti anni dalla sua costruzione, ma solo oggi ce se ne accorge che tanto è cambiato nei costumi degli italiani una volta persa la sua attrattività per chi dei maceratesi , tutti intesi provincia compresa, ci aveva investito in quegli anni lontani, quando era in forza il turismo locale per le famiglie dove andare a passare le vacanze estive piuttosto che preferire quello esotico, oppure come semplice investimento d'affitto estivo, di fatto col fare i furbi ai danni degli inquilini e a proprio danno , non curandosi delle persone a cui affittano e della proprietà comune, del decoro dell'edificio che possiedono, fino essi stessi proprietari a diminuirne il valore immobiliare, anziché come in altri simili stabili presenti in altri paesi, Francia , Germania, dove al contrario hanno acquisito valore fino a raggiungere il costo minimo di 4000 euro al metro quadrato! Qui da noi invece lo si vuole abbattere o sgomberare, senza neanche dire una parola dove poter andare a mettere 2000 persone perlopiù straniere, ma soprattutto fatte di delinquenti, spacciatori, contraffattori, nei dintorni di Porto Recanati . C'è qulcosa davvero di distorto nella mente di noi italiani.
  • Hotel House, nel ghetto verticale
    «I proprietari speculano sui migranti»

    309 - Feb 16, 2018 - 17:02 Vai al commento »
    Ho visto l'intero servizio, quindi posso rispondervi. Nel suo contratto di affitto Cotronè richiede specificatamente una somma mensile per l'affitto, ( mi pare sui 350 euro) + altri 120 euro di spese condominiali. Pertanto l'inquilino versa a lui ogni mese il totale delle spese d'affitto + condominio, che però lui non ha versato e non versa al condominio.
  • “Una manifestazione per ripartire”,
    Carancini indossa i panni del partigiano:
    «Macerata è libera»

    310 - Feb 15, 2018 - 18:51 Vai al commento »
    Ma certo che sì, Rapanelli! Fu costruito nel 1933 su progetto dell'architetto Cesare Bazzani e dedicato ai caduti di tutte le guerre. Bisogna avvertirli, manco loro lo sanno! anche perché, se lo avessero saputo, oltretutto, c'era da temere anche che già sarebbe stato abbattuto come per ogni traccia , di cui qualcuno in foto sopra ,poco più in là di Carancini, ha voluto e ottenuto per cancellare ogni traccia di storia: vedi le scritte dell'era fascista nella sala consiliare di Montecassiano. Che bravi...complimenti per la loro grande ricchezza storico-culturale. Ma ancor più grave, che non lo sappia il sindaco, al punto da volersene riappropriare, e qui ci scappa veramente una risata; Sindaco di Macerata ,che qui dimostra inoltre nella sua veste , non essere di tutti ma di quanti e di quante sigle di parte e partiti politici sottoscrivono la sua manifestazione che si possono leggere sotto l'articolo! Tanto valeva, allora, che fosse sceso in piazza sabato scorso. Uno sconclusionamento totale e allucinante.
    311 - Feb 15, 2018 - 17:26 Vai al commento »
    Il sindaco di Macerata, che vuol fare domenica prossima un percorso cittadino lungo i 12 articoli costituzionali: una via crucis, praticamente. Solo, non si capisce bene quanto addebiti a sè in tutto questo le sue responsabilità negli ultimi suoi otto anni di amministrazione, e soprattutto CHI ,di preciso, va al Calvario, secondo lui.
    312 - Feb 15, 2018 - 16:27 Vai al commento »
    In breve, e in una sola parola sottratta al tuo ciarlare, egregio Sindaco : Macerata SARA'libera solo quando si sarà liberata di te e di voi. Sei indifendibile, e lo dimostri con le tue dichiarazioni che leggo sopra, nonostante il richiamo all'amore per la città che in tanti abbiamo e per cui varrebbe la pena ora stringersi attorno a te come emblema di una comunità, ma sei perverso, per cui, date retta maceratesi tutti: dissertate la sua manifestazione strumentale solo a lui e i suoi adepti favoreggianti la sua mala amministrazione. Carancini ha perso l'ennesima occasione per starsene zitto e muto dalla sua parte politica, come lui lontana anni luce dal sentimento attuale dei cittadini che lui amministra da anni e anni. 8, per l'esattezza.
    313 - Feb 15, 2018 - 14:54 Vai al commento »
    Ma sei sicuro, proprio sicuro, che il Monumento ai caduti l'abbia infangato Luca Traini? ma guarda solo quanto è sporco nella sua scalinata, il che, inequivocabilmente indica, che ve ne strafregate del suo simbolo, salvo quando vi fa comodo.
  • Oseghale cambia difensore

    314 - Feb 15, 2018 - 4:32 Vai al commento »
    Chi t'ha rinominato ora, , avvocato, co lu pilu su lu stomacu pè difenne unu cuscì: nominato d'ufficio o da chi altri ? non è un dettaglio : vorremmo sapere tutti noi italiani chi ppaga le nostre spese legali per conto di un clandestino criminale senza reddito e già conosciuto alla giustizia per spaccio.
  • Lasciate in pace Macerata
    Pantanetti: «La città non è più la stessa,
    ne usciremo solo uniti»

    315 - Feb 14, 2018 - 10:35 Vai al commento »
    Di Pietro...Di Pietro, segretario del Pd cittadino ... aspetta un attimo! non vorrei fosse lo stesso di quel ricco benestante commerciante in centro storico, inaccostabile nella sua mercanzia d'abbigliamento per le tasche dei comuni cittadini! E' lui lo stesso? Datemi conferma per grazia.
    316 - Feb 13, 2018 - 23:49 Vai al commento »
    Presidente Pantanetti, al di là che io sia di idee politiche opposte alla sua, non mi sognerei mai di non sottoscrivere il suo appello ai maceratesi all'unità, perchè è importante,essenziale,vitale, futuribile, in questo tremendo momento ,stringersi su tutti per la Macerata che ci è a cuore tutti affinché Macerata non sia così ribattezzata " LACERATA".
  • Omicidio Pamela,
    indagini su un quarto uomo

    317 - Feb 13, 2018 - 16:10 Vai al commento »
    Ogni giorno ne fermano un altro e poi un altro. Cresce il lavoro per i nostri avvocati. A proposito. Trattandosi di difensori di richiedenti asilo, vengono nominati d'ufficio, dal cliente, o chi per esso ?
  • Caro corteo, perché non manifestare
    anche contro droga, schiavismo e illegalità?

    318 - Feb 15, 2018 - 14:09 Vai al commento »
    @ A Pacetti e i vari Pacetti. " comprendere" il gesto di Luca Traini non vuol dire, come indica lo scarno automatismo che governa le vostre menti, sostenerlo. Significa invece guardarsi meglio intorno, in quest' Italia, dentro gli italiani e fin dentro sé stessi, rispetto a quanto facciate voi con tanta superficialità e che in una frazione di secondo, appiccicate l'etichetta di razzista e fascista a chiunque profondamente indignato e colpito al cuore per la straziante morte di Pamela, OSI approfondire le motivazioni di ordine psicologico che hanno spinto Traini a quel gesto, che va ricercato solo e soltanto nella SUA testa e in QUEL momento, come la si cerca per chiunque perda la ragione e commetta a caldo una vendetta , nel suo caso verso delle persone del tutto estranee al fatto, e perciò, ancora di più, il suo è stato il gesto di un folle da valutare nel contesto in cui è stato consumato, nonché in quello della sua personalità e vissuto. A caldo ho detto, non a freddo, come invece richiede l'esecuzione di una ragazza prima presa a coltellate, poi, finemente lavata con candeggina, dissanguata, sezionata, e quindi infilata in due valigie da riconsegnare ai genitori e alla nostra società che resta sgomenta, stordita, da tanta barbarie. Male per male, ecco perchè di Traini si riesce, tuttavia, e con l'elaborazione necessaria volta a capire determinati comportamenti umani, a catalogare ciò che ha fatto nel reparto follia, mentre per quanto compiuto dai 3/ 4 ,o quanti non so, nigeriani, non c'è assolutamente niente di umano da poter capire.
    319 - Feb 15, 2018 - 3:39 Vai al commento »
    Pacetti, ma da dove esci tu, e chi sei, per dire a me che discrimino? Vuoi che ti porti testimoni che mi adopero per aiutare chiunque ? L'ultima un'albanese residente qui in zona, per cui ho fatto un appello sui social raccogliendo per lei quel che serviva a lei e il suo nascituro, e poi, anche dato un aiuto di tasca mia. Ma va va...andatevene!
    320 - Feb 14, 2018 - 23:38 Vai al commento »
    Hè??? che dici Iacobini ? di che parli? Non ti seguo! farai mica parte di quegli assassini senza cuore? no, mi auguro di no!
    321 - Feb 14, 2018 - 18:02 Vai al commento »
    E fa come più ti pare, Iacobini! Ma io ascolto le reazioni degli italiani tutti; non faccio come gli struzzi! questo pensano , questo dicono , questo riferiscono ai microfoni dopo i fatti di LACERATA.
    322 - Feb 14, 2018 - 12:39 Vai al commento »
    Lei ,invece, Pacetti, mi capita a fagioulo proprio sulle...scatole, giusto per non essere censurata nel commento, e con tanti saluti a lei e tutti come lei.
    323 - Feb 14, 2018 - 12:18 Vai al commento »
    Bravissimo Ceresani! comunque si voglia leggere la manifestazione di sabato scorso, bene che vada sarà circa la media, tra i venti e dieci mila , forse meno, che hanno manifestato a Macerata , soli e nostalgici, come un 'eco rievocato che viene dal passato, a dare il voto alla sinistra alle prossime elezioni del 4 marzo, Liberi e Uguali compresi ( liberi da chi, uguali a chi, non si capisce) in tutt'Italia come rappresentanti della sinistra: ma che vuoi che sia, chi rappresentino costoro derelitti? Ma ci rendiamo conto dei numeri o no? C' è mezza Italia, per non dire tre quarti d'Italia, che sta dalla parte di Luca Traini, almeno a sentire la solidarietà espressa a lui dal suo legale, mentre certo è che NESSUNO ,NESSUN ITALIANO, stia dalla parte dei 3 cannibali, criminali incalliti dei nigeriani coinvolti nell' efferato omicidio di Pamela. NE-SSU-NO! Questo è un fatto certo. Basta ascoltarli gli italiani per sentire cosa pensino in questo momento.
    324 - Feb 14, 2018 - 0:22 Vai al commento »
    rettifico causa messaggio inviato da tastiera di cellulare SENZA OCCHIALI DA VICINO: incombenza e delinquere.
    325 - Feb 14, 2018 - 0:15 Vai al commento »
    Azz.. che sottile differenza, Iacobini! e che vuoi da me? te la prendi con me? perchè, qualcuno forse vieta ad ognuno, di passare il proprio tempo libero come uno vuole? Ci sono biblioteche pubbliche per tutti dove istruirsi e c' è tanto altro, natura compresa qui da noi, dove passare il tempo a ispirarsi, osservare la natura lontano da ogni inconbenza quotidiana...ma se a a qualcuno non gli basta e preferisce delinquire nononostante la manna dal cielo...e oh! sarano affari lo...anzi, purtroppo ancora nostri :(
    326 - Feb 13, 2018 - 23:10 Vai al commento »
    Mio caro Iacobini, so che non è buona educazione rispondere ad una domanda con un'altra domanda ,ma è inevitabile che gliela ponga: perché, " a lei puzzerebbe" , avere tutto pagato giornaliero per vivere ( tanto quanto si sogna un operaio, un impiegato comune, un'insegnante statale con anni di servizio, un pensionato) ed avere perciò tutto il tempo libero per fare tutto ciò che a lei piace?
    327 - Feb 13, 2018 - 19:01 Vai al commento »
    Eccellente, Marco Ribechi. Mi unisco al coro degli intervenuti. Soprattutto per aver saputo dare la giusta dimensione che va data alla parola razzismo, il cui abuso strumentale, attenzione, produce effetti collaterali tali da rendere veramente razzista anche chi non lo è, non lo è mai stato. Gli italiani non sono razzisti e va detto con forza- non mi risulta che le cronache siano piene ogni giorno di atti di violenza singola o di gruppo a danno degli immigrati di colore. Mi risulta piuttosto il contrario, in un crescendo di criminalità da parte di alcune etnie africane, nigeriani in primo luogo, che va dallo spaccio, al furto, allo sfruttamento della prostituzione.Gli italiani non sono razzisti ma " stufantisti" , m'invento questa parola, ossia stufi di sentirsi insicuri in casa e per strada, di vedere chi urina sui muri delle loro case o nei giardini da persone incivili, trovarseli a bighellonare ad ogni angolo di strada, a spacciare davanti alle scuole; vedendo ancora, chi spaccia in aperto pubblico sottraendo intere aree di quartiere alla comunità, e vedersi sempre sorpassati nell'assegnazione degli alloggi popolari fino ad essere continuamente importunati ogni qualvolta si va al supermercato- tutti noi coi soldi contati e sempre in cerca di offerte per risparmiare anche 30 centesimi per arrivare a fine mese- da dei giovanotti in buona forma fisica e ben vestiti, che in entrata o in uscita ti chiedono un euro , al punto che ogni volta ti vien voglia di rispondergli: Fratello, ti faccio una proposta. Facciamo a cambio? Ci stai? Io ora prendo il tuo posto e tu il mio: ecco la lista della spesa, vai. Entri, paghi , esci, mi dai per coscienza quello che hai risparmiato col fare la spesa, io ti do le chiavi della macchina, ti carichi la spesa, ed ecco anche le chiavi di casa mia. E ricordati di fare subito benzina ché segna rosso, e domattina pagare l'assicurazione che scade, e già che ci sei anche il bollo scaduto, ma sai, scadeva contemporaneamente il bollo auto alla bolletta elettrica col canone RAI e quindi, sai, dovendo scegliere fra farmi staccare la corrente e il bollo...Ah! e ci sarebbe anche da pagare il riscaldamento! Se accetti, ti saluto e mi avvio al vicino albergo a 4 stelle dove sei ospite, salgo in camera tua, mangio e dormo a spese dello Stato italiano, ascolto musica, guardo un pò di televisione compresi i canali Rai ,gratis, mi collego ad internet, faccio qualche telefonata al cellulare ad amici e parenti con credito sufficiente e rinnovato; se mi ammalassi avrei tutto spesato, se delinquessi sarei anche legalmente assistita, e avrei in aggiunta lezioni di italiano, il cui ripasso fa sempre bene. Che farai tu da domani finita quel pò di spesa è affare tuo; io so che da adesso mangerò e avrò un letto e tanti bei comfort a spese del MIO STATO, senza più pensieri.
  • Delitto di Pamela, tra le 12 e le 19
    si è consumato l’orrore
    Il taxista tornò per aprire i trolley

    328 - Feb 12, 2018 - 2:59 Vai al commento »
    Cartellino rosso per la sottoscritta: ho scritto efficenza senza i.
    329 - Feb 12, 2018 - 2:21 Vai al commento »
    Condivido appieno i due interventi sopra, augurandomi che " Macerata" dopo essere stata al centro di tanta cronaca nera su tutti i media, venga infine ricordata anche come esempio di competenza,efficenza, celerità, con cui in soli 15 giorni gli inquirenti hanno chiuso questo orribile delitto individuando i colpevoli, al contrario di tanti altri casi nazionali irrisolti in cui ancora devono essere trovati a distanza di oltre 20 anni. Penso alla povera giovane Serena Mollicone, al giallo di via Poma a Roma , vittima Simonetta Cesaroni, e altri casi travagliati e a lungo discussi per anni dentro aule di tribunale come quello di Meredith Kercher, l'omicidio di Perugia, o quello di Chiara Poggi, delitto di Garlasco, e altri altri ancora. Unica nota di conforto, se può confortare di fronte a tanta sconvolgente ferocia inflitta su Pamela, il buon lavoro svolto nelle indagini.Un'ultima sola considerazione vorrei fare. Queste bestie umane, parlo dei 3 nigeriani che hanno ucciso e straziato Pamela,solo le mani hanno ben saputo usare ma senza un briciolo di testa, altrimenti non si sarebbero liberati di lei dentro due trolley lasciati per strada a qualche chilometro di distanza, che ha richesto l'intervento di un tassista, una terza persona estranea che, giustamente, ha denunciato il fatto e fatto il noime di Oseghale.. Tanto tempo, tanto accanimento, tanta perizia, i 3 mostri tutti insieme, per non lasciare traccia del loro abominio, e poi, uno di loro lascia la firma del delitto facendosi accompagnare per depositare in strada i miseri resti della loro vittima. Meno male. La loro stupidità criminale li ha consegnati dritti alla giustizia che ,spero ora non abbia alcuna pietà di loro condannandoli a vita. Fine pena mai. Possibilmente scontata là, da dove sono venuti.
  • Carancini: «Clima da ultras,
    Macerata mai stata così»

    330 - Feb 12, 2018 - 0:37 Vai al commento »
    E adesso invece dico la mia sotto l'articolo. Bene ha fatto il Sindaco nell'interesse generale di Macerata , nonchè il suo, per sua tutela personale, poichè è su di lui sindaco che ricade sempre ogni responsabilità di ordine pubblico , a non volere ieri , come l'altro ieri, la piazza, con la differenza che, quella di ieri era autorizzata, quella dell'altro ieri no, per cui inevitabili gli scontri per strada, che hanno ancora fatto rimbalzare il giorno dopo Macerata nei primi titoli dei telegiornali nazionali. Per qualsiasi motivo Carancini l'abbia fatto, spinto dalla sua corrente di Partito, per questioni elettorali o altro, ne ha tenuto la linea, e per questo non lo si può certo politicamente condannare. Io neanche 5 minuti avrei voluto essere al suo posto negli ultimi 15 giorni, con una Macerata al centro dell'occhio del ciclone nazionale e internazionale in un precipitato di due tremendi fatti di cronaca sproporzionati alla sua capacità di accettare e comprendere. Facile , per tutti quanti, più comodamente seduti altrove dal primo posto di cittadino, puntargli contro quando la faccenda è grossa e più grossa per una cittadina come Macerata , dimenticandosi che sulle sue sole spalle ricade tutto. Non è questo il momento di processarlo ma di sostenerlo in nome di una città intera che lui rappresenta. Nel bene e nel male.
    331 - Feb 11, 2018 - 23:54 Vai al commento »
    Stefano Valenti: hai 1 minuto di tempo per rispondere alla domanda diretta che ti ho rivolto stamattina, o preferisci restare nel tuo piccolo mondo antico continuando a proferirti a questa platea coi tuoi discorsi politicamente autistici? non ti piace il confronto, per cui ti sottrai, intervento dopo tuo intervento; questo lo abbiamo capito tutti qui.
  • L’Acsim denuncia:
    «Nei giorni scorsi
    atti vandalici nella nostra sede»

    332 - Feb 12, 2018 - 2:44 Vai al commento »
    Prego, Massimiliano! Ma infatti, proprio perchè non dimentico che ti sei dimesso tempo fa da assessore provinciale, come però d'altronde sappiamo anche che vivevi col fare il politico da tanto nei vari ruoli, ero semplicemente curiosa di sapere come uno, che rimasto senza incarichi politici, tirasse avanti anche lui come tutti. Non ho ben capito che fai, ma solo, che ora ti guadagni diversamente da vivere. Tanto basta come risposta.Grazie. Ciao!
    333 - Feb 11, 2018 - 17:51 Vai al commento »
    Ma Massimiliano Bianchini, per esempio, qui con gerbera in mano di un bel rosa primavera : che lavoro fa adesso, di che vive? sempre se pò sapé hè!
  • Pamela, «caso chiuso»:
    altri due in carcere

    334 - Feb 10, 2018 - 18:18 Vai al commento »
    Ahhhh...qui, l'unica nota di respiro in tutta questa orribile vicenda, tanto più per una piccola città di provincia quale Macerata, è che siamo certi di poterci affidare ai nostri capaci professionisti in materia medico-legale, i quali in collaborazione col Procuratore locale , risolveranno al più presto il caso oggetto di tanta sofferenza per tutti noi, ma soprattutto per quei poveri genitori della ragazza brutalmente uccisa, bestialmente vilipesa, e non ancora seppellita.
  • Manifestazione antifascista,
    ecco come cambia la viabilità

    335 - Feb 10, 2018 - 17:21 Vai al commento »
    Siamo su Scherzi a parte? Chi dei due, ha partecipato alla fiaccolata per Pamela? O forse, senza forse, è più importante per essi un foro di proiettile inflitto nella loro sede di partito che un corpo ucciso e poi martoriato da chi a Macerata stava a delinquere per spaccio di droga, già condannato e con permesso scaduto, in una città amministrata dal PARTITO DEMOCRATOCO che essi rappresentano entrambi? Ascoltate la mamma di Pamela, e vedrete che vi passerà la voglia di fare i bellimbusti dei dem.
  • Corteo antifascista, centro blindato:
    pedonalizzazione forzata fuori le mura

    336 - Feb 10, 2018 - 11:35 Vai al commento »
    Signora Torquati, premesso che condivido la sua opinione nel merito delle manifestazioni, manifestazioni sì, manifestazioni no, a seconda, che indignano per la parzialità di coloro che amministrano, governano, comandano, ma tant'è, la nostra è la terra dei cachi, e non vorrei fare ora, di prima mattina, declinazioni sugli atti liberatori intestinali conseguenti a chi ingoii a lungo, cachi su cachi. Intervengo soltanto per mettere dei puntini sulle i della sua esternazione finale. Guardi, a me risulta finora, che cultura e cervello non sono di parte politica. Tanto è vero che, mentre nel tanto vitupirato ventennio, al Ministero della Pubblica Istruzione c'era il filosofo e pedagogista Giovanni Gentile, autore della riforma scolastica che porta il suo nome, ma di cui scommetto pochi ne conoscono bene il pensiero nonché suo contropensiero sul fascismo- tanto che non aderì alle leggi razziali del 1938- per l'oscurantismo dato dai libri di scuola di matrice post partigiana per la cui mano venne ucciso e rivendicato dai partigiani comunisti del GAP , oggi, abbiamo la Fedeli, ministro dell'Istruzione SENZA ISTRUZIONE, però, femminista, vecchia militante del PCI fino a tutte le sue ultime trasformazioni da Occhetto in poi, e fino a diventare il PCI una pappetta d'ospedale, praticamente. E insomma...a che vale , a chi serve, a chi si è utili, nel riempirsi la bocca di cultura senza avere una vera conoscenza di tutti i fatti storici senza pregiudizi o bende sugli occhi?
  • Folle raid razzista, il Pd:
    «Traini un vigliacco fascista
    Ci costituiremo parte civile»

    337 - Feb 10, 2018 - 14:25 Vai al commento »
    Mai provato, mai visto, mai fatto neanche uno spinello in vita mia, non so neanche com'è fatto. Firmato: la principessa sul pisello. Eppoi non appartengo e non frequento la tua città. Tièh!
    338 - Feb 10, 2018 - 14:04 Vai al commento »
    ahahahahahahah a, certi post di commentatori alterati probabilmente da sostanze stupefacenti...a dir poco, stupefacenti...ahahahah!
  • Giuliano Amato a Macerata:
    «Quanto accaduto a Milano è più grave,
    nessuno ha detto di cacciare via i tranvieri»

    339 - Feb 10, 2018 - 3:21 Vai al commento »
    Stefano Valenti, io non sono in grado di risoondere alle tue esigenze di cura ed igiene mentale. Rivolgiti dunque ad un bravo specialista ,che credi, ne hai bisogno, se non sai neanche più leggere ed interpretare un testo con libero arbitrio.
    340 - Feb 10, 2018 - 2:09 Vai al commento »
    Ah no? Ah no? Non è quello che ha detto? Complimenti, per la tua intelligenza! Me cojoni oh, che mostro di intelligenza sei!
    341 - Feb 9, 2018 - 23:48 Vai al commento »
    AMATO, IL PIU' ODIATO DAGLI ITALIANI. E ANCORA PARLA?
    342 - Feb 9, 2018 - 23:44 Vai al commento »
    Letizia Tacconi: è la tua ragione in sonno. Con ciò che dici, dimostri essere una bizzocca di finta e becera sinistra come quella attuale e di d'Amato, il ricco professore ministro socialista che rubò di notte nei conti correnti degli italiani negli anni '80. Ce ne ricordiamo tutti. Puàh! A me le parole di D'Amato fanno puro ribrezzo, e me ne vergogno da italiana di appartenere alla sua brutta specie e a quelli come te CHE LO DIFENDONO PURE IN QUESTA CIRCOSTANZA IN CUI NON SI PUO', NON SI DEVE MORALMENTE DIFENDERE GLI ASSASSII A SECONDA DELLA LORO NAZIONALITA' O MESTIERE....MA VERAMENTE ESISTE GENTE SQUALLIDA A TAL PUNTO?
  • Corteo, reazioni indignate dopo il coro
    “Ma che belle son le foibe da Trieste in giù”

    343 - Feb 11, 2018 - 16:42 Vai al commento »
    Silenzio assenso. Tranne dietro l'anonimato della loro tastiera, com'è evidente... E comunque, io non demorderò dal porvi le due sopra domande ogni qualvolta sarete qui a commentare, e ciò, in nome dell'appoggio immorale che date con le vostre scellerate politiche immigratorie , agli affarismi, ai grossi, affarismi delle ong E CHI LE PRESIEDE, tutto frutto della vostra ideologia comunista E antistorica , che provoca ogni giorno vittime e disagi sociali a noi italiani per mano di una massa persone di colore che vengono qui mantenute a spese di tutti noi nei migliori hotel, e poi finito il ciclo del Gus, usciti più ignoranti di prima per la nostra lingua e per niente integrati , finiscono tutti in strada a svernare col delinquere , a spargere più droga fra i nostri ragazzi per fare loro la bella vita con 4 cellulari a testa. Ma sappiate, che anche una non risposta E' una risposta che in tanti e in tanti leggono, facendosi poi una la precisa idea di VOI , NOME E COGNOME, BURATTINI DELLA SINISTRA E DEL VOSTRO MISERO CERVELLO CHE, AHIME', ANCORA PER POCO CI GOVERNA.
    344 - Feb 11, 2018 - 15:33 Vai al commento »
    hé hé hé...più facile mettere un non mi piace e dissociarsi, quando non conviene, dalle proprie idee che rispondere con un semplice sì o no. Vero Valenti, Ferramondo, Poloni? se non siete dei vigliacchi, rispondete, no? o siete momentaneamante sconnessi? Non c'è fretta comunque nelle risposte. So aspettare.
    345 - Feb 11, 2018 - 14:40 Vai al commento »
    @Stefano Valenti. Tu , per esempio, che ieri eri fra i manifestanti, e ti dichiari un antiviolento, un anti ogni fascismo: ti dissoci da quanto ho elencato sopra? Sì/No.
    346 - Feb 11, 2018 - 14:12 Vai al commento »
    Dopo aver letto qui in questi ultimi giorni i commenti contro ogni violenza e fascismo da parte dei soliti noti predicatori di sinistra, mi aspetto, ora, la loro esplicita e pubblica dissociazione : a) dal coro nel corteo di ieri che inneggia al massacro delle foibe; ieri, giorno del ricordo in memoria delle 20.000 vittime italiane , nostri fratelli costretti all'esodo alla fine della seconda guerra, colpevoli per il dittatore comunista Tito, di essere italiani e non comunisti, e perciò chiusi nei lager, poi torturati, infine legati l'un l'altro con un fil di ferro ai margini delle cavità carsiche, e uccisi a fuoco. Ma solo i primi 3 o 4, così da trascinarsi tutti gli altri dietro, ancora vivi, e per giorni ancora vivi fra i morti in quel baratro dove erano stati gettati, finché anche loro sarebbero morti. I primi cronologicamente ad essere epurati in quel massacro storico: carabinieri, giovani, di leva, poliziotti, guardia di finanza. b) da quegli appartenenti ai centri sociali che, sempre ieri, a Vicenza nel corso di una manifestazione antagonista di sinistra, con una furia animale hanno picchiato a sangue un poliziotto fino a rompergli una spalla.
  • Cori, canti e striscioni:
    le immagini dai Giardini Diaz
    (foto-video)

    347 - Feb 10, 2018 - 16:17 Vai al commento »
    Io da giorni e notti ho nella mente solo il cadavere fatto a spezzatino di Pamela ad opera di un vostro protetto , privilegiato, impunito, che ha potuto perciò, fare quel che ha fatto, ed ho anche sempre quella povera madre negli occhi, che con quel velo nero sembra Maria sotto la croce. E questo lo si deve solo a voi che sfilate lì senza alcuna coscienza né vergogna per le vostre irresponsabilità politiche, mediatiche, e d'altro. Siete peggio, anche se ben nutriti dallo Stato, del tribale che ha fatto scempio del corpo di Pamela. No... non avete più senso e diritto di cittadinanza nessuno di voi che state comparsando ai Giardini di Macerata, e di cui nessuno dei tanti , delle belle anime di sinistra che tanto piacciono al diavolo, non si è presentato alla fiaccolata per Pamela...sciò sciò! fortuna che sarà la storia fra un pò a spazzarvi via tutti.
    348 - Feb 10, 2018 - 15:18 Vai al commento »
    Alla Kyenge, per esempio, un italiano qui nato, cresciuto, "studiato" e sviluppato, che ora fosse lì presente al raduno marxista- borghesista e antirazzista ai Giardini Diaz, che dovrebbe intonare in sua onorevole presenza date anche le sue lontane radici e al contempo non offenderla, per carità sia mai, : Faccetta nera o Bella ciao? Dubbio amletico...
  • Manifestazione antifascista,
    arrivati Sofri, Staino e Kyenge:
    «Tutti devono essere liberi di camminare» (Video)

    349 - Feb 10, 2018 - 14:44 Vai al commento »
    Sèèèè, mia cara Francesca : ma che vuoi mandare a monte tutto il progetto, un'intera città , la giunta , i consiglieri di maggioranza del PD e chi ci inciucia dall'opposizone, pur facendosi scoprire facilmente con le votazioni, ed il bilancio comunale Gus compreso? ma tu sogni ad occhi aperti, sogni!
  • Gino Strada e Sabina Guzzanti:
    «Manifestiamo a Macerata»
    Il corteo farà il giro delle mura

    350 - Feb 10, 2018 - 13:29 Vai al commento »
    Stefano Valenti, dove hai letto, dove ti informi tu, per dire che il tranviere di Milano "ha fatto la stessa cosa" del nigeriano, o più nigeriani da come sta emergendo, sul corpo di Pamela fino a ridurlo in polpette dentro due valigie? ma non ti schifi da solo e solo a pensare che abbia potuto fare un uomo, anche se di colore per le tue aperte vedute? In che senso" la stessa cosa" per te? Comincio veramente a preoccuparmi per il tuo stato di salute mentale se continui così. Il tranviere è un infame, un criminale , un verme, un delinquente e merita quanto merita di anni di galera, possibilmente l'ergastolo, ma...non ti aggrappare agli specchi , eh no mio caro! il tranviere ha tentato di occultare il cadavere dandogli fuoco come tanti assassini per potersi discolpare e salvare; ma nel delitto e la spartizione del povero corpo di pamela c'è di più di un singolo atto da assassino, di un porco cinquantenne ed isolato. C'è la mafia , ci sono i traffici di droga dietro Oseghale, oh, la mafia !!! Come ca....fai ancora a difenderlo, difenderli?
    351 - Feb 10, 2018 - 12:30 Vai al commento »
    Blà blà blà blà blà...che gran blà blà blà di sinistri che oggi converranno in tanti a Macerata a far più casino di quanto già ne ha avuto suo malgrado, nonché di quanti la città di Macerata ne possa contenere ed arginare con le sue sole forze logistiche e di polizia. Ma "bbaciamo le mmani a vossignoria" , sempre, a Sabina Guzzanti in primis, di cui mi sfugge però lo spessore artistico: perchè, chi è, che fa, che sa fare, oltre ad avere il suo minuscolo successo sulle reti rai comuniste come lei per le imitazioni ,piuttosto di antiquariato storico da teche Rai, come quelle di Alighiero Noschese con travestimenti superati oggi da tanti molto più bravi imitatori più bravi, belli e famosi di lei senza bisogno di cere e parrucche, come le sue su Berlusconi e Dalema? ma già, ma certo, ma certo, si sa, , sono loro e solo loro i detentori di democrazia in italia, agevolati amcora oggi a Macerata da permessi di manifestazione ad altri vietati! e che sia ... sia pure, facciano pure, sfascino pure. Fino al 4 marzo, se Dio ci assiste. p.s. Ma Vauro non viene?
  • Vigili in posa con Salvini,
    scoppia il caso a Civitanova
    Il Pd attacca: «Vergogna»

    352 - Feb 10, 2018 - 15:48 Vai al commento »
    Fabbrizio e tutti come Fabbrizio. Ma lasciateli parlare , sparlare , dire, fare, baciare, lettera e testamento, tanto, oramai, hanno i giorni contati: - 22 al regime dem.
  • Vietate tutte le manifestazioni,
    la Prefettura accoglie
    invito del sindaco

    353 - Feb 9, 2018 - 4:07 Vai al commento »
    "Chi ha più giudizio lo adopri" , ora più che mai. Qui, a me pare che tutte le parti politiche siano in cerca di scontri e provocazioni, che dài e dài, le troveranno. Fermatevi tutti , proprio tutti, secondo l'ordinanza del Sindaco, in questa situazione di febbre ancora alta in città.
  • Fiaccolata per Pamela, la mamma:
    «Era una morte che si poteva evitare»
    (Foto-Video)

    354 - Feb 6, 2018 - 22:27 Vai al commento »
    Sono dalla parte di questa mamma e basta. Di altre chiacchiere e chiacchiericci di ogni stampo politico postumo alla sua terribile morte e post mortem, me ne sbatto altamente: Giustizia!
  • Forza Nuova in piazza?
    Centri sociali chiedono l’annullamento
    Sabato arriva l’Italia antifascista

    355 - Feb 6, 2018 - 13:38 Vai al commento »
    Calmi e calmini, voi dei centri sociali, che della violenza anche in questa città di Macerata ne avete fatto bandiera senza alcuna giustificazone sulla carta costituzionale nei confronti di Partiti e leader di partito perfettamente ascrivibili ad un regime democratico. Il diritto a manifestare pacificamente è di tutti e non solo il vostro, che peraltro si è dimostrato sempre violento come da archivi di cronaca locale e non solo. Chiunque in Italia è libero di manifestazioni autorizzate in piazza. E questa è la democrazia. Ma lasciate che ognuno esprimi la sua idea attraverso manifestazioni benché diverse dalla vostra idea politica. Date finalmente segni di maturità politico-ideologica.Oppure, non fate che dimostrare il vostro diversamente fascismo, con la vostra censura e repressione per chi la pensa diversamente da voi ma che nessun tribunale odierno ha mai giudicato come contrario all'espressione deomocratica. E su, non fatevi anche voi giustizieri in funzione di UNA VOSTRA IDEA POLIICA nel riempirvi la bocca di una democrazia di cui siamo tutti eredi, ma di cui solo voi, arbitrariamente,in un' Italia composita vi sentiti in pectore.
  • Follia razzista a Macerata,
    la condanna dell’Ue:
    «Attacco ai nostri valori fondamentali»

    356 - Feb 6, 2018 - 14:50 Vai al commento »
    Buttare via la chiave anche per Innocent Oseghale ,caro nostro amico commentatore nonché ATTIVO ATTIVISTA COMUNISTA RETROGRADISTA ,Signor LEI dei miei ,con rima al suo cognome, Sig. ALBERTO PAOLONI? Se sì, tutto il mio appoggio, purché una volta condannato in Italia, iNNOCENT, sconti la sua pena nel suo Paese E a propre spese.
    357 - Feb 6, 2018 - 12:15 Vai al commento »
    Ben detto, Paolucci. E vado molto più oltre senza peli sulla lingua di fronte a tutti gli incantatori di serpenti. Le parole pronunciate dal Capo dello Stato sono allo stesso tempo in tema e fuori tema. Fuori tema, appellarsi al senso comunitario riferendosi ad italiani ed extracomunitari , che per definizione sono fuori della comunità europea , ovvero anche fuori dai nostri costumi, la nostra lingua, la nostra cultura, le nostre origini, la nostra storia, la nostra religione, finché almeno non si arrivi ad un reale processo di integrazione che ,laddove sia possibile, richiede tempi lunghi , identificazioni certe di chi arriva qui in Italia, e con a monte soprattutto una legalità , un tetto, un lavoro, una giustizia sociale, giusti salari, giuste pensioni, nei confronti di tutti: italiani ed extracomunitari. Cosa, che la sinistra nei suoi 5 anni di governo non ha saputo garantire agli italiani più aventi diritto per nascita su questo suolo ,di pari passo alle sue forsennate politiche immigratorie, e perciò, la prima responsabile di aver fatto salire la temperatura con l'insistenza a voler sottovalutare i segnali annunciati di scontri sociali fra poveri e ancor più poveri. E perfettamente in tema, invece, perchè quel senso comunitario evocato da Mattarela, Macerata lo ha avuto , dimostrato, anche se in modo sbagliato attraverso un suo conterraneo che si arma di pistola per VENDICARE l'orribile fine di una nostra concittadina italiana che si trovava qui in città per i motivi che sappiamo, per mano di un macellaio extracomunitario della Nigeria, spacciatore, pregiudicato, con permesso di soggiorno scaduto, e continua una buona quota di comunità maceratese a dimostrare con messaggi di solidarietà a Luca Traini, come più volte ripetuto dal suo legale, Giancarlo Giulianelli. Un senso comunitario , però, che non corrisponde a quello disegnato dalle alte sfere, da Bruxelles al Colle, da Palazzo Chigi a Madama. Io una domanda vorrei fare a tutti loro benpensanti di sinistra: se per pura ipotesi, lo stesso fatto di sangue di una crudeltà indicibile sul corpo di Pamela , fosse accaduto in Nigeria o altro paese africano su una loro diciottenne ad opera di un europeo, americano o di altra nazionalità, un bianco insomma, e qualcuno del luogo avesse fatto altrettanto del gesto di Traini, si sarebbe potuto parlare di follia razzista, di strage nazi-fascista oppure di pura e semplice vendetta?
  • Follia razzista a Macerata,
    interviene anche Erdogan:
    «Un attacco terroristico»

    358 - Feb 4, 2018 - 23:25 Vai al commento »
    Erdogan, che si occupa e preoccupa di un pòro Cristo italiano , solo e disperato, cui gli pija un raptus una mattina e comincia a sparare a persone di colore per ciò che aveva soltanto lui nella sua testa: pòzzo ride forte, ma forte tanto ???MA PERCHE' NON SVENTATE ATTENTATI SERI, INTERNAZIONALI, INVECE?
  • Il dolore della madre di Traini:
    «Voglio guardarlo negli occhi
    E’ stato sempre un bravissimo figlio»

    359 - Feb 9, 2018 - 3:46 Vai al commento »
    Stefano Valenti, credevo di essere stata chiara nei vari post qui sopra , ma evidentemente no. Riepilogo. Da quanto ci risulta dalla cronaca , fino a che Luca Traini non ha sbroccato sabato scorso A SEGUITO di quell'orribile fine fatta da Pamela,che lo ha caricato al punto di armarsi, dopo che il fatto gli si è ingigantito in modo abnorme nella sua mente - quindi c'è un nesso causa-effetto che ha molto più a che fare col giustizialismo che col razzismo, secondo me , e che naturalmente non lo giustifica in alcun modo - non aveva mai commesso alcun reato, così abbiamo letto da più parti per voce di quanti lo conoscono, e cioè che è sempre stato un bravo ragazzo, un bravo figlio, un bravo nipote. Cosa, che non può certo dirsi del nigeriano , pregiudicato, spacciatore, malavitoso e senza diritto di soggiornare in Italia col permesso scaduto. Allora: se Ferramondo vuole rispetto per i diversi, per i neri, per i suoi figli, e sua figlia altettanto insegna a suo nipote il rispetto verso tutti, che anche lui porti rispetto ai figli di tutti senza farsi maestro e dare lezioni di vita a una madre, una nonna, che staranno soffrendo le pene che si possono immaginare. E comunque, ribadisco, non ho finora ancora letto una parola di condanna qui da parte sua e di chi gli si approssima nella sua fede politica, anche quanto a dare giudizi e lezioni democratiche e morali a chi non la pensi come loro, sull'aberrazione compiuta a Macerata sul corpo di una ragazzina appena sbocciata. Tutto questo mi fa pensare che non è vero quanto afferma, ma che sia fortemente sbilanciato su altre categorie umane piuttosto che tutte come afferma. E allora ancora, mi chiami in causa, ti rispondo perciò che quello che sta bene a te può non piacere a me, come certo esibizionismo sui media di coppie gay o come comprarsi i figli andando all'estero perchè qui vietato. Sono piani diversi di discorso, certo, grazie tante, non equiparabili fra loro sotto questo articoli, ma sempre che rientrano in una stessa ottica di pensiero che poi applichiamo su fronti di vedute diverse, in questo caso di due brutte pagine di cronaca. Stop, se vuoi capire stavolta , bene, sennò metti un pollice rosso e ciao.
    360 - Feb 7, 2018 - 14:14 Vai al commento »
    Concepito da chi: da due donne, due mamme? ma per favore! mi dispiace veramente essere scesa nel personale, ma in sintesi volevo dire "non giudicare se non vuoi essere giudicato" . Lascia stare il dolore dei genitori, dei parenti di Traini, che non giustifico affatto, ma posso comprendere il suo folle gesto, a differenza di quanto compiuto dal nigeriano per niente innocente ed estraneo ai fatti, nel mentre da te e da altri come te che commentano sotto a te, di diversa cultura dalla mia, grazie al cielo, non ho sentito proferire alcuna accusa. Mai da voi , finché si è trattato di violenza nei confronti degli italiani. E c'è n'è stata anche a Macerata. Vedi controllore preso a morsi da una nigeriana senza biglietto e che ha perso un dito nel fare il suo lavoro . Questo sì, è avere le menti aperte! Complimenti.
    361 - Feb 7, 2018 - 0:44 Vai al commento »
    La mente chiusa io...ok, ho la mente chiusa e vivaddio. FELICITAZIONI per il nato da chissachì e per il futuro della coppia. No...a me non piacciono certi assemblement, ma contento tu...che d'altra parte che potevi fare se non contentarti ? Lo capisco.
    362 - Feb 6, 2018 - 22:16 Vai al commento »
    Gabriele Ferramondo: perché, per te padre, tua figlia lesbica, il cui reportage di matrimonio è stato qui riportatol non è una pur una brava figlia per te anche se a ,me per esempio ,dà fastidio vedere due donne che si baciano, si sposano ed hanno un figlio da laboratorio come ha avuto tu figlia, eppure sopporto. E tu perchè invece non capisci , non accetti che i genitori, i nonni, i parenti di questo ragazzo, dicano che è sempre stato un bravo ragazzo?
  • Con la brutale uccisione di Pamela
    è giunto da noi il peggio del mondo

    363 - Feb 6, 2018 - 15:29 Vai al commento »
    Ma grazie 'dde che? Ivano Tacconi? Sei in politica e in Consiglio comunale da non so più quanti anni...e se qui a comlimentarti per un artico giornastico ...da quale parte? Ma a chi siamo in mano locale, mi domando io: ai giornalisti, o alla politica degli eletti a rappresentare e fare i favori del POPOLO come te e in cui sperano, Ivano Tacconi, che hai ricevuto i tuoi voti?
  • Martina alla sede Pd colpita da Traini:
    «Risposte a odio, violenza e razzismo»
    Trovato bossolo in via Spalato

    364 - Feb 4, 2018 - 23:42 Vai al commento »
    Grazie Sign. Paolucci. La ringrazio proprio.
    365 - Feb 4, 2018 - 18:01 Vai al commento »
    Hè sì, ha ben ragione Monachesi qui sopra: Macerata è, ed è stata, ben oltre tollerante, ma non ammette certi esuberi, certi scempi, certa delinquenza, tutta quanta compresa. E' nel suo DNA di cittadini onesti e lavoratori. Che salvaguardi tutto questo patrimonio cittadino chi può. E' questa la vera risorsa: i maceratesi veri! Evviva loro !
  • Follia razzista, il Gus:
    «I ragazzi hanno paura,
    due di loro sono nostri ospiti»

    366 - Feb 4, 2018 - 22:24 Vai al commento »
    Dovrei fare come Provolino " boccaccia mia statte zitta", ma non ci riesco in questo particolare momento a non rispondere se non così al signor Bernabucci: Scusi, I VOSTRI , i vostri, ragazzi hanno paura? Ma saranno I NOSTRI ragazzi e ragazze, e non solo loro, ad avere paura quotidiana dopo i fatti di Via Spalato! Quando poi si lamenta delle cose ingiuste in questo Paese...eeeeee, sapesse quante, non immagina neanche quante! Sfonda un portone aperto!
  • Invece di buttare, recuperare:
    inaugurato il Centro del riuso

    367 - Ott 24, 2017 - 9:37 Vai al commento »
    Bravo il mio Sindaco! Sta facendo molto e bene per Montecassiano in opere di pubblica utilità, a partire dalla nuovissima scuola in tempi rapidi fino alle tante iniziative culturali. E ora il centro del riuso. Struttura, che nonostante la Direttiva Quadro europea 2008/98/CE ne abbia imposto la realizzazione attraverso le Regioni, pochi comuni possono ancora vantarsene. Ciò detto, mi permetto di sollevare alcune criticità che potrebbero derivare ai danni di tutti i cittadini dei comuni interessati per come impostata la modalità di deposito e prelievo. Mi spiego. Da quanto capito, tutti, illimitatamente, possono portare e prelevare i beni oggetto di riuso, ma mentre chi conferisce lo fa gratuitamente chi preleva deve pagare un prezzo compreso tra 1 e 5 euro a seconda dell'oggetto. E già questo non sembra giusto nei confronti di chi deposita se, contemporaneamente, fosse interessato a portarsi via qualcos'altro di suo interesse per cui deve pagare, anche se poco. Non sarebbe ,allora, meglio in questo caso la formula del puro scambio o del versamento per la sola differenza fra il valore dell'oggetto portato e quello prelevato ? Ma soprattutto, questo sistema potrebbe risultare a danno di tutti i privati cittadini, e più di ogni altro fra quelli appartenenti alle fasce disagiate che dovrebbero invece essere le più agevolate, finendo col favorire chi fa commercio dell'usato che poi a sua volta rivende gli stessi a prezzi maggiorati ? Se la mia può sembrare una questione di lana caprina vi assicuro non lo è, come ad esempio per una carrozzina, un passeggino , un tavolino, che per alcune famiglie rappresentano beni di prima necessità e che se gratis o a pochi euro sarebbero per loro un vero e proprio aiuto economico. Allora: in quest'altro caso, non sarebbe più opportuno un regolamento che limiti il prelievo indiscriminato?
  • L’Ave Maria e Giordano Bruno,
    simboli di una città divisa,
    l’eterno dualismo domina la piazza

    368 - Ott 20, 2017 - 14:47 Vai al commento »
    "Macerata ha sofferto gli orrori del secondo conflitto mondiale soprattutto quando i pesanti bombardamenti Anglo-Americani del 3 aprile 1944, scagliati nel popoloso quartiere delle “casette”, nei pressi dello Sferisterio, avevano ucciso 129 inermi cittadini per lo più donne e bambini ed un gran numero di feriti e mutilati. Era poi seguito l’esodo della popolazione “sfollata” nelle campagne e nei paesi limitrofi. Terminata la guerra era molto forte il desiderio di ricominciare . La religiosità del popolo maceratese e l’intraprendenza del Clero, in buona parte giovane e motivato, andavano premiati anche per l’aiuto che la Chiesa aveva profuso nei confronti di coloro che stavano soffrendo. Nell’autunno del 1946 ha avuto luogo a Macerata, in tutte le Parrocchie urbane ed extraurbane la “Peregrinatio Mariae” della veneratissima Immagine della Madonna della Misericordia. Nell’ambito nazionale fu , la prima esperienza del genere in Italia destinata a rimanere a lungo nei cuori di coloro che l’hanno vissuta. La venerata Immagine, simbolo della devozione mariana della Città di Macerata, ha sostato una settimana intera nelle seguenti Parrocchie : Sacro Cuore, Madonna del Monte, Villa Potenza, Santa Croce, Sforzacosta, Santa Maria delle Vergini, Santo Stefano ai Cappuccini vecchi, San Michele Arcangelo (le Fosse), Immacolata, Collegiata di San Giovanni. Nelle processioni fra una parrocchia e l’altra sono state fatte delle soste in altre contrade, in istituti di cura e in cappellanie rurali. Lo “schema” della sosta nelle singole parrocchie prevedeva: l’accoglienza e l’intronizzazione della Sacra Immagine nell’Altare maggiore, la Missione, le conferenze serali per gli uomini ed i giovani, le singole giornate dedicate alle spose e alle madri, le Confessioni, la Comunione Generale, la Solenne celebrazione della Messa in canto, spesso con assistenza Pontificale, la processione finale, l’omelia, per lo più del Vescovo e la Benedizione Eucaristica solenne. La costante devozione dei maceratesi alla Madonna, chiamata dal 1447 Madonna della Misericordia, ebbe il culmine il 16 novembre 1956 quando la Città fu solennemente proclamata “Civitas Mariae” e fu, tra il tripudio della popolazione, ricollocata, il 28 luglio 1958, la riproduzione della sacra Effige della Madonna della Misericordia, un artistico mosaico della cosiddetta “Scuola del Mosaico della Città del Vaticano”, nell’elegante facciata del Municipio."
    369 - Ott 20, 2017 - 14:45 Vai al commento »
    Non viene però detto nell'articolo, del perchè la sacra immagine di Maria troneggi sulla facciata del Municipio di Macerata. Ora siete tutti bravi e spiritosi al riparo dalle bombe e la miseria, quella vera, ma a chi ha vissuto la guerra a Macerata e la ricorda, non potete che fare gran pena. A mò di promemoria dal sito http://www.missaleromanum.it/Documenti/Documenti01.pdf, e aggiungo da parte mia, con tutto l'orgoglio possibile in quanto nipote di uno dei quei sacerdoti , Don Armando Vitali,parroco delle Fosse, che tanto si sono spesi per aiutare la popolazione maceratese in quel periodo così difficile. Ora potete continuare ad irridere quanto vi pare la religiosità di chi ce l'ha. Segue trascrizione.
    370 - Ott 19, 2017 - 18:47 Vai al commento »
    POLONI: non è vero, non è vero, non è vero, quanto affermi con la tua solita supponenza secondo vangelo di Marx, ma al contrario! NESSUNO,ma nessuno proprio di quanti indichi vorrebbe che nessun uomo, donna, bambino, gestante, affoghi in mare: tutt'altro! Vorremmo noi invece politiche non buoniste ma umane, in cui un Paese può accogliere tanti e non più, affinché dare lavoro dignitoso come merita ogni essere umano , che accolgano senza dover essere sfruttati come manodopera, e allo stesso tempo abbassare anche quella dei nostri concittadini non meno costretti al lavoro che perciò devono adeguarsi ai sottocosti del lavoro. Fatti un bell'esame di coscienza và...prima di sputare sentenze contro tutti dal tuo alto....alto quanto poi? che lavoro fai tu?
  • I lieti calici della Traviata per Renzi
    (Video) “Per andare avanti,
    abbiamo bisogno anche di Leopardi”

    371 - Ott 18, 2017 - 20:56 Vai al commento »
    ma soprattutto...è Giacomo Leopardi , che non ha bisogno di te! ahahahahah!
    372 - Ott 18, 2017 - 20:47 Vai al commento »
    Infinitamente: basta Renzi! hai già fin anche troppo bastato al governo con le tue supercazzule. Ma lascia perdere qui da noi, nelle Marche, tu ,lo gnomo, e tutti quanti intorno a te! Giacomo Leopardi, che se potesse ancora parlare, vi annienterebbe vivi in un secondo, con una sola frase, a tutti quanti voi parassiti!
  • Ave Maria a lezione, il vescovo:
    “Grazie a chi ha protestato,
    ci ha ricordato la forza della preghiera”

    373 - Ott 21, 2017 - 12:46 Vai al commento »
    Dalle Beatitudini. "Beati voi quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e v'insulteranno e respingeranno il vostro nome come scellerato, a causa del Figlio dell'uomo. Rallegratevi in quel giorno ed esultate, perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nei cieli." (Luca 6,20-23)
    374 - Ott 19, 2017 - 1:00 Vai al commento »
    Mah, Gianfranco! Ognuno la sua opinione. Per il resto che ti devo dire se non, con risposta fatta, che coi se e coi ma non si fa la storia.
    375 - Ott 18, 2017 - 19:41 Vai al commento »
    O facilmente reperibili: e bravo Giorgi... Quanto vorrei vederti di fronte una seria interrogazione su Hume, senza PC davanti. Non sai quanto!
    376 - Ott 18, 2017 - 22:04 Vai al commento »
    Uhu Uhu ...Armando Bruno: che ridere! bravo a dirlo, ma poi se hai un problema di salute, tu o i tuoi cari: dimmi tu a chi, chi, ti raccomandi se non a Dio e alla Madonna? Forse a Budda o Maometto? e daje su, non facimo ride col volè esse emancipati pure essendo nati e cresciuti...a Magerada granne e dintorni!
    377 - Ott 18, 2017 - 18:15 Vai al commento »
    Marina Santucci: che goduria! sei come un leone, che benchè sazio, ancora capace di mangiarsene dieci di quelli che citi, ché prima o poi, dai e dai, anche questi si intorcineranno nel loro raziocinio-agnostico-pseudointellettualmodernistico , da vecchia retroguardia. Ci vuole tanto fegato per andare contro l'opinione corrente, di massa, ma tanto tanto, soprattutto verso coloro che si sentono depositari di verità assolute ma senza fondamenta alcuna , senza niente di niente, col vuoto assoluto sotto i piedi e nella testa anche se infarcita di citazioni reperibilmente facili senza alcun sforzo ,così,alla bisogna, su qualsiasi motore di ricerca. Di me alcuni dicono che sono insopportabile perchè dico sempre senza veli quello che penso e ho nel cuore ( forse avrò la sindrome di Tourette, bòh, chisseneimporta! se anche fossi di questo ammalata, ringrazio Dio per questo, che è sempre meglio essere parte del gregge). Lo dico con autoironia, naturalmente, conoscendomi bene. Perciò, Marina, grazie a te di esistere in quanto mia interprete e di tanti tanti altri. Ciao!
    378 - Ott 18, 2017 - 12:50 Vai al commento »
    @Stefano Fontana, Francesca De Conno. Premessa. Come si evince da tanti commenti, anche voi con la vostra testimonianza di insegnanti, vedo non avete compreso l'aspetto principale per cui la docente si è vista travolta. Mi permetto di rammentarvi. Venerdì 13 ottobre in occasione del centenario dell’ultima apparizione della Beata Vergine a Fatima era stata lanciata a livello internazionale, sull'esempio dei polacchi, un’iniziativa di preghiera per le ore 17.30; c'è chi dice “contro la violenza nel mondo e gli integralismi”, c'è chi sostiene in onore del Cuore Immacolato di Maria e contro la disintegrazione dell’Europa cattolica a fronte della scristianizzazione e dell’invasione migratoria. Ecco allora che la docente, trovandosi a quell'ora precisa lì in aula e non altrove, ha fatto quello che si sentiva di fare ed ha invitato gli studenti presenti a farlo, se volevano. Ed è stato questo suo gesto spontaneo, non privo di un certo coraggio, la forza dirompente per cui la preghiera recitata entro quelle mura e in sé " insignificante" è uscita dall'aula ed ha provocato le più diverse reazioni negative fino all'irritazione e lo sdegno. E ciò , secondo me, il gesto simbolo della docente in quanto cristiana e cattolica ,alle parole di Gesù "non veni pacem mittere, sed gladium (non sono venuto a portare la pace, ma la spada). E soltanto per questo suo piccolo ma fortissimo gesto di testimonianza cristiana la docente per me va ammirata, diversamente dalle vostre testimonianze di insegnanti, credenti o non credenti non interessa, che da come riferite del vostro personale metodo d' insegnamento vi siete tenuti nel limbo del politicamente corretto col lasciare alunni in età di obbligo scolastico a sé stessi, come cavalli senza briglia. Ed è proprio qui che risiede il bubbone appena scoppiato nell'ateneo maceratese, ed era ora, perché da troppo , troppo tempo, tutti Ponzio Pilato nelle scuole con nessuno che si assuma il ruolo educativo oltre la materia d'insegnamento. Quando sappiamo bene tutti, essendo stati tutti immaturi e inesperti da giovani, che prima da bambini e poi da ragazzi, tutti, hanno bisogno di una guida forte, autorevole, e di valori autentici, che non dico siano solo quelli cristiani, no, purchè veri e resistenti alle intemperie della vita che verrà. Tant'è vero,che mentre nelle scuole ancora si cincischia nel vago del laicismo distante dal suo vero significato per come interpretato da diventare relativismo culturale fino a far perdere la nostra identità per assumerne altre a noi estranee, , e del libertarismo in genere, stiamo assistendo ad un crescendo di giovani italiani che si convertono all'I.slam e persino all'I.sis ( col punto per evitare la moderazione) perchè capace di trasmettere forti punti di riferimento a differenza dei nostri modelli religiosi e civili. C'è da riflettere tutti e non poco come genitori e come insegnanti.
    379 - Ott 18, 2017 - 0:46 Vai al commento »
    Andrea Ferroni: c'entra, perchè come tu giustamente dici, trattasi di " un grave malcostume". Cosa per me ben più grave e peggiore, perchè ne va della formazione rispetto ad una preghiera recitata in aula che, se bene non fa, male nemmeno.
    380 - Ott 17, 2017 - 23:13 Vai al commento »
    E va bene, Cerasi , Ferroni, & C., sordi come siete a quanto vi si dice rispetto anche al Papa che va con tutti gli onori dei rettori in visita nelle università pubbliche e senza in quel caso violazione alcuna della laicità dello Stato e degli orari di lezione, allora entriamo nel sodo di un'ora di lezione universitaria all'UNIMC quando la frequentavo io, anche se sono certa nulla è cambiato lì, né in altre università sparse in Italia dove accade ancora lo stesso nel più assoluto silenzio da parte degli studenti e all'insaputa dei magnifici rettori. Ebbene, nessuna denuncia allora, ma più di una volta un vecchio professore, non dico di quale materia, pronunciò le seguenti parole a lezione " le donne che portano la minigonna eccitano, poi non si lamentino di uno stupro". E mentre lo diceva, io stessa portavo un tailleur sopra al ginocchio. Rimasi allibita, sconcertata per la sede e per bocca di chi venivano pronunciate simili parole. Un altro, invece, sbavava letteralmente per le più belle studentesse che frequentavano la sua materia e perciò le invitava nel suo ufficio con la scusa di tesi e tesine , poi a seconda del risultato, non sulla materia, elargiva loro pieni voti agli esami. MA OH!" ma davvero in questo contesto che tutti noi conosciamo per averlo frequentato, un'Ave Maria è così tanto deplorevole? Ma andiamo su ,ipocriti, che conoscete bene tale realtà! prime fra tutte le studentesse che si presentano petto in fuori e tutte scosciate agli esami per ottenere un bel 28/30 sul libretto. Ma anche per meno, mooooolto molto meno per non aver mai aperto libro! EEEE... quante ne ho viste e sentite in quelle "aule laiche" ...altro che un'Ave Maria!
    381 - Ott 17, 2017 - 19:56 Vai al commento »
    Min...però! i più atei, miscredenti, che all'opportuna citano brani del Vangelo...non ce n'è uguali! Vero Don Cerasi? ahahahah
    382 - Ott 17, 2017 - 18:44 Vai al commento »
    Carissimo Vescovo Marconi, chiedendoLe scusa se non è questo il modo in cui chiamarLa formalmente, ma con ciò ha ricordato a tutti quanti, che uno dei nostri primi precetti da cristiani è LA PROFESSIONE DI FEDE, che non certo può arrestarsi fuori le mura di una Istituzione pubblica, fosse anche l'Università, e anche a rischio di novella persecuzione cristiana come furono i primi martiri della Fede. E con ciò anche ribadendo su quanto Papa Ratzinger ci aveva messo in guardia sul RELATIVISMO.
  • Ave Maria a lezione (video-interviste)
    gli studenti bocciano la prof:
    “Siamo un’università laica”

    383 - Ott 18, 2017 - 0:31 Vai al commento »
    Ma come siete cresciuti? chi vi ha cresciuti? da dove venite? Io ad esempio non sono per nulla affatto traumatizzata , anzi, anche se fin dalle elementari prima di iniziare le ore scolastiche mi sono fatta il segno della Croce e recitato l'Ave Maria, e fino anche alle superiori , s'è per questo, durante l'ora di francese, tanto che ricordo ancora bene in lingua " Au nom du Père, du Fils et du Saint Esprit. Ainsi soit- il" .Allora? che male vi abbiamo fatto se non del bene mantenendovi a volte sopra le nostre stesse forze di nonni pensionati o di genitori senza futuro lavorativo perché licenziati , perché troppo anziani o ancora troppo giovani per l'età prevista dalla Fornero? E poi, voi sareste quelli battezzati, comunicati, cresimati , a suon di bomboniere e pranzi fastosi delle famiglie italiane, che ora vi sentite figli dell'Europa di origine cristiana-cattolica dove dovrete andare per forza di cose a lavorare una volta usciti dalle università italiane che ha preso il posto della vostra famiglia? Ma pori cocchi miei, de mamma,che con la paghetta in mano da spendere fra ricariche di cellulare, scarpe e vestiti alla moda, serate universitarie, come si evince dalla copertina della stessa Officina Universitaria denunciataria dell'Ave Maria incriminata" Non un sorso indietro per la festa della matricola al Caffè Venanazetti": MA SI PUò SAPERE QUALI VERI VALORI AVETE, A PARTE QUELLI DI CUI SIETE STATI INDOTTRINATI A SCUOLA E PROSEGUITO POI FINO ALL'UNIVERSITA' E DEL VALORE ALCOOLICO ? Ma se qualcuno, i vostri genitori o nonni, per caso vi togliessero i viveri per tutto questo che vi tiene in vita come studenti, riflettete bene: la pensereste ugualmente? Mmmmm! la pancia fa rumore quando si ha fame e indica ben diversamente dal lassismo civile e politico di cui siete completamente impregnati.
  • La prof inciampa sull’Ave Maria,
    bufera sulla preghiera in aula
    Il rettore: “Chiedo scusa”

    384 - Ott 17, 2017 - 15:43 Vai al commento »
    Premesso che, nessuna offesa agli islamici avrebbe potuto un'Ave Maria in quanto anch'essi , con le dovute differenze di credo , contemplano la figura ( non il culto dell'immagine come vietato dall'Islam ) della Vergine Maria e Madre nel Corano, Fatima - località del Portogallo, di cui il 13 ottobre scorso ricorreva il centenario dell'apparizione della Madonna, da cui il nome di Fatima- è di origine araba e molto in uso nel mondo islamico come nome femminile, deriva dal verbo fatam , svezzare, e sta per "colei che svezza i bambini", in onore a Fatima una delle figlie di Maometto; "secondo la leggenda, la piccola cittadina del Portogallo deve il suo nome ad una principessa Moresca di nome Fatimah convertitasi al cristianesimo durante la Reconquista "
    385 - Ott 17, 2017 - 13:36 Vai al commento »
    17 febbraio 2017. Papa Francesco visita l' Università Roma Tre, la terza università pubblica romana dopo La Sapienza e Tor Vergata. L'attuale Papa, accolto da un bagno di folla, affronta fra gli argomenti del suo incontro con gli studenti presso l' Ateno statale, quello dell'immigrazione " Tutti i paesi devono accogliere gli immigrati, le migrazioni non sono un pericolo, sono una sfida per crescere", e del ruolo dell'Università “L’università è l’universo. Il posto dove si può dialogare, dove c’è posto per tutti. Deve avere questo lavoro artigianale del dialogo. Dove c’è discussione, dialogo e confronto, c’è università”. Gli studenti hanno applaudito. Ricordo altresì, che nel 2003 Papa Wojtyla fece visita all'Università La Sapienza, mentre nella stessa università, Papa Benedetto XVI nel 2008 rinunciò alla sua visita a seguito della protesta di 61 docenti contro il rettore, in difesa, appunto, della laicità della scienza e della cultura e nel rispetto dell' Ateneo statale aperto a docenti e studenti di ogni credo e di ogni ideologia. Quanti pesi e quante misure, a seconda dei temi caldi sui diritti dell'uomo trattati dalla Chiesa. Nel 2008, Papa Ratzinger condannava fermamente eutanasia e aborto. Noto perciò alquanta ipocrisia fra i sostenitori della laicità dello Stato appartenenti al "popolo di sinistra" compresi quegli studenti di Officina Universitaria che hanno gridato allo scandalo e ora qui della laicità fanno baluardo per l'università pubblica, quando a giorni pari, sono i primi a valersi delle ingerenze della massima autorità religiosa cattolica , il Papa, dei vari appelli dei vescovi e fino all'ultima predica di un prete di campagna, nel caso le politiche della Chiesa siano conformi al proprio credo e a quelle del governo del nostro Stato.
  • Hanno lasciato il commissario De Micheli
    con il cerino in mano e in piena emergenza

    386 - Ott 13, 2017 - 0:45 Vai al commento »
    Marina Santucci, mi hai tolto, come tante altre volte qui, le parole di bocca, fermo restando che anche per me, Ugo Bellesi, ci ha reso una chiara quanto drammatica fotografia della situazione attuale, e ahimé futura, per almeno i prossimi 20 o 30 anni.
  • Ius Soli, sciopero della fame
    anche per il senatore Mario Morgoni

    387 - Ott 11, 2017 - 21:25 Vai al commento »
    A Morgoni! alla romana. Per cosa ti spendi, tu??? vuoi che te lo dica con Rino Gaetano? "Ti sei fatto il palazzo sul Jumbo noi invece corriamo sempre appresso all'ambo ambo terno tombola e cinquina se vinco mi danno un litro di benzina Spendi spandi spandi spendi effendi spendi spandi spandi spendi effendi...ah ah!"
    388 - Ott 11, 2017 - 19:33 Vai al commento »
    Deficienti. Incredibilmente deficienti, senza misura alcuna del proprio spessore personale, delle proprie capacità politiche, nonchè un minimo minimo coscienti di essere al servizio di TUTTI gli italiani per cui percepicono lauti stipendi. Decifienti totali, che non sanno, né quando parlare né quando star zitti.
    389 - Ott 11, 2017 - 19:20 Vai al commento »
    Battaglia di civiltà? ma per quanto mi riguarda, potete pure murì de fame per la vostra battaglia! ma mmagari!
  • Sciapichetti per lo Ius Soli:
    via allo sciopero della fame

    390 - Ott 11, 2017 - 10:34 Vai al commento »
    Più coerentemente al tema, il nostro Sciapichetti, Delrio e staffettisti tutti , avrebbero dovuto fare il ramaḍān. Voglio digiunare anch'io oggi , e anche domani e dopodomani e dopodopodomani, quale preghiera di Grazia che ci liberi dal PD e da questa giunta regionale.
  • Peppina sfrattata dalla casetta:
    “Il silenzio di Mattarella fa male”
    (video di Sgarbi)

    391 - Ott 10, 2017 - 1:53 Vai al commento »
    @ Riccardo Vecchi Gliela faccio io ancora più semplice così magari capisce, perchè moltissimi di noi siano tanto indignati e dalla parte di Peppina e dei suoi familiari: perchè non crediamo ad una parola sull'uguaglianza della legge in Italia. Le faccio avanti questo tutt'altro genere di caso, che sarà uno su un milione di casi in tutto il Paese. Poi, mi dica lei dov'è la giustizia, tra la tanta solerzia nello sfratto a Peppina e quella invece che non arriva mai. Siamo a Crema. L'articolo di cronaca è del 2014, dove si parla di affitti non pagati dagli inquilini delle case comunali, in tutto 333 alloggi, di cui i morosi erano 116 fra italiani e stranieri. Non riporto tutto l'articolo, che linko, ma solo le 3 righe finali: "le procedure di sfratto richiedono parecchio tempo, fermo restando che dopo i 65 anni un inquilino non è più sfrattabile per legge»." Quindi non è del tutto vero, o sempre vero, come lei afferma con decisione, che l'età della persona da sfrattare non conti. Ma fin qui. Ora però leggiamo il seguito del dato aggiornato al 2017, quest'anno, col successivo link. Ebbene che si dice in quest'altro articolo sempre su Crema? " Case comunali, morosi in aumento". Tirando allora le somme, ciò significa che, se un inquilino delle case popolari di un qualunque comune o città italiana non paga l'affitto, tutti soldi che vanno ai comuni, non viene sfrattato neanche per il limite di età previsto per legge, 65 anni, perchè mai con tanta celerità si va a sfrattare un'anziana donna con 30 anni di più sulle spalle dalla sua casetta - N.B. in legno, relizzata in fretta per la piena emergenza terremoto prima che tornasse l'inverno per una novantacinquenne, senza aspettare i permessi che arrivano più a lungo delle stagioni! - che non gliel'ha costruita il comune o lo Stato ( come avrebbe peraltro dovuto già essere ad un anno dal sisma così come promesso a tutti dall'ex Presidente Renzi " le casette in legno tra primavera- estate 2016 " come per le Collezioni Milano Moda )ma da sola, o meglio dai suoi figli per farla vivere dignitosamente come ha sempre vissuto, in quanto è lì che Peppina è irremovibile nel voler restare? Secondo me, Peppina, con tutti i diritti e le ragioni; senza provvedimenti ottusi che tengano, che non hanno tenuto in conto " le variabili", ossia la devastazione provocata dal terremoto tanto nelle cose che nelle persone, e tanto più se anziane, che non sono, non possono, essere certo da meno di un parco dei Sibillini e di una violazione edilizia su proprietà edificabile. http://www.crema.laprovinciacr.it/news/crema/103921/Case-comunali--uno-straniero-su.html http://www.laprovinciacr.it/news/crema/155308/case-comunali-morosi-in-aumento.html
  • Peppina, lo sfogo dal container:
    “Con me sono stati cattivi
    ma pregherò anche per loro”

    392 - Ott 10, 2017 - 22:23 Vai al commento »
    Oh là là Maria Verdecchia & simili legalitari a 360 ° nei commenti sui giornali! perchè: lei e gli altri come lei, state sempre dentro le regole, sempre ? Giusto per sapere hè! Libera di rispondere.
    393 - Ott 10, 2017 - 15:07 Vai al commento »
    Sì, vabbé,ciao ciao: ma sai quanto me ne sbatto io del tuo non mi piace a fronte delle mie argomentazioni che leggono tutti ? e a me leggono, lo so,lo so, sta tranquillo. Io faccio opinione rispetto a te, che sei il NIENTE ASSOLUTO, da trinariciuto anonimo chiunque tu sia.
    394 - Ott 10, 2017 - 14:40 Vai al commento »
    Ora mi perdonerà la Signora Giuseppa e con lei le figlie.Ma voglio fare un passo avanti, spero il più avanti . Qualora , infatti, il più tardi possibile, Peppina dovesse lasciare per più che ragioni naturali la sua San Martino di Fiastra, NON AVREBBE NEANCHE UNA DEGNA SEPOLTURA NEL CIMITERO LOCALE CHE E' INAGIBILE! NEANCHE LIì TROVARE IL SUO RIPOSO! e questo è un altro fatto, al punto che ancora ad oggi, una delle due sue figlie si è autodenunciata di trasgredire la zona rossa per portare due fiori sulla tomba di suo padre essendo ancora a rischio crollo il cimitero! Ma più di così, come può essere tollerante un cittadino che fino a ieri ha pagato l'IMU , la Tarsi sulla casa di proprietà etc. , che poi crollata col terremoto, ora le si fa anche la guerra per una casetta in legno ? come? ma più di così soverchiati dallo Stato nei propri diritti individuali costituzionali - alla salute, alla dignità, al decoro- come si può essere? La bellezza, signori tutti ,legalisti e comunisti compreso Presidente della Repubblica e Papa, i buonisti della domenica solo verso gli immigrati, i clandestini ed i tanto aitanti giovanotti profughi che scappano dalla guerra senza neanche una ferita di guerra, ma belli giovani e sani a differenza dei nostri italiani ex combattenti e reduci segnati a vita da ferite di guerra, che però vengono qui mantenuti a vita dallo Stato a 40 euro al giorno in strutture private o pubbliche. Non è nel paesaggio dei Sibillini, la bellezza: fidatevi. E' nel volto, nella calma, nella dignità, nella saggezza, nei panni , nella determinatezza assolutamente giusta per natura della Signora Peppina di voler restare lì dove ha a lungo vissuto, in quei luoghi ben aspri d'inverno, per tutta una vita. Ciò detto , sono ovviamente con Sgarbi fino all'ultima parolaccia. E se potessi anche di più.
  • Ultimo giorno di Peppina nella casetta
    Festa per l’anniversario di matrimonio,
    poi la notizia che deve andarsene

    395 - Ott 8, 2017 - 13:17 Vai al commento »
    Grazie Sauro Micucci. Adesso mi resta però da capire perché un vecchio container è ancora lì dal 1997 , e che certamente più bello a vedersi della nuova casetta di legno non sarà , quello invece non ha mai dato alcun fastidio " al paesaggio" .
    396 - Ott 7, 2017 - 23:12 Vai al commento »
    aspetta un attimo! Ora che abbiamo letto e anche detto di tutto e di più sul caso della Signora Giuseppa , non vorrei veramente mischiare " la carne co' lo cece, ché non ce dice" ma, vorrei capire bene: in questo ricorrente container del '97 di cui tanto parlano protagonisti e giornalisti, ma benedetti tutti: ma volete farci capire almeno dopo miliardi di righe di scrittura su Peppina se questa donna abitava ancora lì nel container dal terremoto del '97, oppure fino ad ottobre scorso lei stava nella sua casa di sempre, quella gialla in muratura, e verso cui è affezionata? Oh, sarò io ritardata, ma scusate tutti, io mica l'ho ancora capito dopo articoli su articoli, dove abitava prima del 2016 la signora Peppina!
  • Sanità, il senatore Morgoni:
    “Serve un’unica cabina di regia
    Su ospedale unico si parla del nulla”

    397 - Ott 7, 2017 - 20:37 Vai al commento »
    "Non si parla dei veri problemi della sanità in provincia" dice Morgoni, dove il "si" , se la grammatica italiana non è nel frattempo cambiata anch'essa da che l'ho studiata io, la particella si = pronome impersonale. Lei , perchè, chi rappresenta invece, Senatore Morgoni, da eletto ( nominato cioè, pardon, e pure ripescato, par pardon) in questa provincia ? Non è più del PD che governa l'Italia e anche la nostra Regione Marche? ché non si parla con loro in Regione ? Di che va piangendo , di che, di chi? non capisco! ma se tocca a noi, mettese veramente a piagne per mille motivi...ma a piagne forte tanto eppò, mentre lei , a fine legislatura , che vòle piagne più ormai per noi quando va per beccarsi pure il vitalizio? lasci lasci sta, non si preoccupi più di niente , e stia stia pure sereno.
  • Sfratto di Peppina, ricorso rigettato

    398 - Ott 7, 2017 - 17:11 Vai al commento »
    Se non fosse, che in prima pagina di questo stesso giornale, grazie all'articolo sulla visita della commissaria straordinaria De Micheli fatta ieri da queste parti - compresi i tutti quanti intorno a lei- possiamo vedere TUTTI le condizioni in cui ancora riversa una città universitaria come Camerino - di cui , una per tutti quella macchina, inguardabile dopo un anno, completamente distrutta ma ancora assurdamente parcheggiata nello stesso posto lungo la via e con le pietre sopra - il tenore della sentenza dei giudici sarebbe pure condivisibile in ragione della nostra cultura giuridica che viene da lontano; penso, per esempio, a Cesare Beccaria. Ma non ci distraiamo, non confondiamo. Espressioni quindi come " principio di uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge", " autorizzazione paesaggistica" - mentre invece le macerie ancora per strada in tutti i paesi del cratere, quelle sì che fanno un bel panorama da vedere, sempre che non ti ci inciampi prima- e infine la più ...la più...mi viene la parola, ma preferisco non scriverla, del " parcheggio pubblico" per una casetta privata di 70 metri quadrati. Allora, a questo punto, cominciate a far chiudere tutte le attività commerciali dei centri storici che non abbiano parcheggio pubblico e così finite perbene il lavoro cominciato sull" eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge". Però , detta la mia, fate un pò tutti come vi pare. Io ho deciso. Parto per il Burkina Faso, anche col gommone in un viaggio al contrario, che sono quasi certa troverò maggiore civiltà di questa.
  • Viaggio tra le macerie di Caldarola
    De Micheli rassicura la comunità: “Ricostruzione, i soldi arriveranno”

    399 - Ott 7, 2017 - 19:18 Vai al commento »
    Matteucci, era quella: Parole parole . Ma per noi de Macerata e/o del maceratese, per l'occasione, meglio ancora sarebbe cambiarla in " discore, discore discore" . Co' 'na erre sola.
  • De Micheli in zona rossa:
    “Acceleriamo, la ricostruzione è di tutti
    Resti fuori da campagna elettorale”

    400 - Ott 7, 2017 - 12:52 Vai al commento »
    Perdonate come ulteriore commento l'autocitazione col mio " Ultra Candido", che ci sta tutto tutto in questo mondo di Candidi che si aggirano col caschetto, a volte perfino sorridenti tra le macerie del terremoto come stessero nel migliore dei mondi possibili , dopo che hanno così lasciato da un anno in qua. https://www.youtube.com/watch?v=H5A3H0vIfr0
    401 - Ott 7, 2017 - 2:33 Vai al commento »
    Ma perchè: di quell'auto che si vede ancora in strada nelle foto di OGGI, lì spappolata sotto le macerie di un anno fa, ne vogliamo parlare? Acceleriamo la ricostruzione? ma che accelleri, se ancora dovete cominciare??? Ma roba da non credere. In ogni caso, nelle parole parole parole della De Micheli, è ben insito un pesante macigno di mea culpa fin qui del Governo, o come dire, di forte ripensamento sulle modalità fin qui adottate. Acclarato. Altrimenti non avrebbe detto le cose che ha detto.
    402 - Ott 6, 2017 - 23:42 Vai al commento »
    Quella della commissaria, di dire "tenere fuori dalla campagna elettorale la ricostruzione" merita tutto il refrain di Mina e Alberto Lupo...Parole parole parole, parole, soltanto parole, parole tra noi( PD).
  • Tolentino ricorda Ermanno Pupo

    403 - Ott 7, 2017 - 0:06 Vai al commento »
    Mi associo, Giorgio Rapanelli. Ermanno Pupo, si è sempre dimostrato un nobiluomo in ogni occasione e in ognuno dei tanti ruoli che ha rivestito, anche di grande responsabilità economica, civile, sociale. Da rimpiangere veramente, come tutti gli uomini di vecchio stampo, che come lui avevano delle larghe vedute e che si sono sempre adoperati al meglio per questa, invece, zozza società dei magnaccioni.
  • Pd al congresso, giù la maschera:
    bulimia di potere dei soliti noti
    e l’unità resta un miraggio

    404 - Ott 5, 2017 - 21:27 Vai al commento »
    Ferma restando la mia opinione verso te, Cambriani, che reputo persona massimamamente intelligente e seria, chiedo: dov'è qui la notizia? A me pare, che da che sia nato il Partito Democratico, esso si sia da subito dimostrato un coacervo , un'accozzaglia di multidee fra loro inconciliabili, vuoi da un lato per la presenza massiccia di cattolici - leggi pure vecchi democristiani-vuoi, dall'altro, per i militanti aderenti all' ex Partito Comunista, poi ex DS, poi ancora ex degli ex degli ex di sinistra. Quindi? che ti aspettavi adesso, per esempio tu, Cambriani?
  • Casette abusive, la procura indaga
    Non solo il caso di Peppina

    405 - Ott 5, 2017 - 11:46 Vai al commento »
    Perfettamente d'accordo, Sauro Micucci. E a proposito. Non volevo dare certo dei deficienti a nessuno di voi se non benevolmente, dal momento che mi sono data il titolo da sola e di conseguenza vi ho coinvolti.Però certo: uno si interroga sui numeri. @ Massimo Giorgi Eeeee ...sai quante volte anch'io me lo sono messa da sola uno verde?
    406 - Ott 5, 2017 - 0:58 Vai al commento »
    Sentirsi un emerito e conclamato deficiente per commentare , ancora, su Cronache Maceratesi, sinceramente, non è da me, non è per la mia, scusate l'immodestia, carica intelligente, confrontarsi con altrettanti deficienti come me che lo fanno ancora, per uno o due pollici verdi o rossi. E si badi bene : uno o due , massimo tre, su migliaia di letture come in questo caso: ben 1902 ad adesso! Qualcosa non torna...Ma per quanto riguarda il procuratore Giorgio, oh cosa non farebbe, pur di stare da papavero sulle prime pagine. Ho detto tutto. Ciao.
  • Sfratto di Peppina,
    i magistrati bacchettano Salvini:
    “Parole violente e pericolose”

    407 - Ott 4, 2017 - 1:11 Vai al commento »
    Dai dai, conta su...ah bèh, sì bèh.... - Ho visto un re. - Sa l'ha vist cus'e`? - Ha visto un re! - Ah, bèh, si` bèh! - Un re che piangeva seduto sulla sella piangeva tante lacrime, ma tante che bagnava anche il cavallo! - Povero re! - E povero anche il cavallo! - Ah bèh, si` bèh. - è l'imperatore che gli ha portato via un bel castello... - Ohi che baloss! - ...di trentadue che lui ne ha. - Povero re! - E povero anche il cavallo! - Ah bèh, sì bèh! Ho visto un re. Enzo Jannacci.
  • Processo del muretto, 800 euro di multa
    all’ex consigliere Luigi Carelli
    Assolto per il vincolo paesaggistico

    408 - Ott 4, 2017 - 15:07 Vai al commento »
    Tutto 'sto casino per 800 euro di multa comminata dai giudici? la morale qual è? basta pagare il soldo allo Stato. Piuttosto, e invece, bella ,bellissima, paesaggistacamente parlando, l'Oasi supermarket lì vicina autorizzata da Giunta e Consiglio comunale di Macerata! ahahahah!
  • Casette, il costo medio
    è di 1.753 euro al metro quadro
    Finora consegnato il 9%

    409 - Ott 4, 2017 - 1:29 Vai al commento »
    Caro esimio Dario Barone " e molti": saprebbe elencare le singoli voci ed i relativi costi delle opere di urbanizzazione in questione? no, sa perchè? esistono per questo delle precise tabelle. Vorrei prima sentire le sue, da scienziato del settore, prima di pubblicare le mie argomentate da eminenti studi, ma solo e sempre da umile cittadina. Al di là di questa sua risposta, semmai verrà, antepongo in ogni caso: ma c'ha ragione Pamela Basilici! E alla grande, c'ha ragione! A questi costi, si sarebbe potuto già benissimo ricostruire le proprie case in muratura distrutte un anno fa. Punto.
  • Casette, corsa contro il freddo

    410 - Ott 3, 2017 - 10:58 Vai al commento »
    Ma è legno legno quello ...o truciolato???
  • Peppina è tornata a Fiastra

    411 - Ott 1, 2017 - 17:57 Vai al commento »
    Solo chi non c'è passato non può capire che significhi per una persona anziana strapparla via dalle radici conficcate nella sua terra, dalle sue abitudini, dai piccoli gesti quotidiani, che la tengono in vita. Esattamente come un vecchio albero che trapiantato da un'altra parte non attecchisce , e lentamente muore. Ne ho avuto esperienza diretta con mia madre quando aveva , all'epoca, ben 20 anni meno di quanti ne ha Peppina. Perciò mi appiccio nella questione da venirmi il prurito dappertutto a sentire tanto appello alla legalità quando si tratta di situazioni particolari , e vitali. In breve. Mamma, già vedova, doveva lasciare la sua casa dove era in affitto da oltre 20 anni perché il proprietario aveva deciso di venderla, e con essa lasciare anche il posto dove aveva vissuto per 50 anni per venire a stare con me a parecchi chilometri di distanza, dato che soldi per comprarla non ce n'erano, e data l'anzianità ,affrontare un trasloco per prenderne un'altra in affitto quando da un anno all'altro poteva avere bisogno di assistenza mentre io, figlia unica, ero lontana da lei, ho ritenuto meglio venisse a stare da subito con me così da non avere lei più pensieri di niente. Ma alla mia proposta lei si oppose e non ci fu verso di muoverla da lì. Decisi allora di mettere tutto nelle mani di un avvocato essendoci dei requisiti di legge per non mandarla via-aveva più di 65 anni, abitava in una zona depressa- e così feci, almeno per guadagnare tempo prima della drastica uscita dalla sua casa. E lei da quel momento si tranquillizzò pensandosi al sicuro nell'interessamento da parte di un legale. La faccenda andò avanti pochi mesi con continue chiamate da parte dell'avvocato a me, che chiedeva con insistenza quando mamma avrebbe riconsegnato le chiavi dell'abitazione. La cosa mi puzzava. Al punto che una volta gli risposi: ma scusi avvocato, lei da che parte sta? Non l'ho messa forse per risolvere o quantomeno allontanare lo spettro di dover lasciare quella casa? Poi, siccome il diavolo fa le pentole ma i coperchi no, venni a scoprire che in cambio della riconsegna anticipata della casa , lo spettabile avvocato, si era accordato col proprietario per ottenere lui, tutti per lui, 5000 euro iniziali, poi scesi a 4 e infine a 3 , perchè non riusciva a mandarla via causa fiducia di mamma verso costui avvocato, e per la tenacia mia. Insomma: si era venduto la causa. Venuta a sapere questo, ho risolto a modo mio, nel migliore dei modi , lasciando a bocca asciutta il furbo avvocato, che Dio l'abbia in Gloria. Ma a quel punto mamma doveva lasciare casa, m'inventai una scusa senza mai farle sapere niente di quanto aveva combinato il suo avvocato. Da quel momento è venuta a stare con me, e da quel momento stesso, da persona autonoma e in discreto stato di salute, ha iniziato a morire un pò alla volta, giorno dopo giorno, non rassegnata al fatto di dover lasciare quella casa, fino a deperire, prima mentalmente con dissociazioni a cui non voglio neanche ripensare per un attimo, poi fisicamente, in un crescendo di entrambe fino a portarla a sopravvivere per soli 3 anni da allora.
  • Peppina se ne va in lacrime,
    “sono una persona onesta”
    La figlia: “oggi muore lo Stato”

    412 - Set 30, 2017 - 14:44 Vai al commento »
    Vaffanculo, Alberto Poloni, te e tutti quelli comme te. Firmato me, Tamara Moroni, ossia, nessuno.
    413 - Set 30, 2017 - 14:32 Vai al commento »
    Bravi! Mi piace: Sauro Micucci, Andrea Pasquaré, Franco Pavoni, e tanti tanti altri dalla parte di Peppina via facebook.
  • E’ in carcere per droga
    ma diventa consigliere comunale

    414 - Ott 3, 2017 - 3:37 Vai al commento »
    Dio mio, che confusione fanno i giornali! oltre questo articolo, leggevo oggi su un quotidiano locale, a distanza ormai di un mese dalla carcerazione di Andrea Reccia , quale indagato con forti indizi di reato. Per cui mi chiedo: ma se è solo indagato, perché è in carcere? e se invece è stato preso in flagranza di reato, perché dopo il fermo e l'interrogatorio di garanzia non ha ancora ricevuto una condanna in primo grado?- A me non risulta ancora ci sia stato ( sempre dai giornali). E poi, cosa c'entra la legge Severino in questo caso , dal momento che tale legge stabilisce quali tipi di reato e cioè "la sospensione dall’incarico di un amministratore pubblico, su richiesta del prefetto e del ministero dell’interno, per un periodo di almeno diciotto mesi per i condannati, anche solo in primo grado, per reati come corruzione, concussione, abuso d’ufficio, peculato. Un cittadino che abbia subìto una condanna di questo tipo può però candidarsi a una carica pubblica ed essere eletto, ma poi eventualmente decadere."; e cosa c'entra ancora poi il prefetto, se su ricorso, la Corte di Cassazione ha stabilito a suo tempo che , anche in detti casi, sull'ineggibilità dei politici condannati spetta comunque al giudice ordinario ?
    415 - Set 30, 2017 - 15:06 Vai al commento »
    Caro, carissimo, Alberto Poloni della mia cippa: ma dove sta scritto, come tu sostieni da vetero ed inveterato appartentene ad una sinistra che non c'è più e da un pezzo , semmai te ne fossi accorto mai, " in flagranza di reato? Ma chi cà vi credete di essere, di apparire tanto SUPERIORI ED ONESTI ALLA VISTA DI OGNI ITALIANO, quando, siete voi della sinistra, ora classe dirigente e governante, a fare il buono e cattivo tempo, anche se da abusivi in ogni termine di Legge elettorale ? MA TACI, PER FAVORE, impara a tacere, PER TUA STESSA PIETA'.
    416 - Set 30, 2017 - 14:05 Vai al commento »
    Messa così, la cosa fa alquanto schifo, e quanto. Ma siccome della Severino, e la sua legge, abbiamo ben presente a partire dalla stessa allora Ministro di Grazia e Giustizia che agevolò da allora Ministro dei suoi diretti conoscenti, tanto da perderci il posto da Ministra, e siccome , in Italia, fino al 3° grado di giudizio, pare, non si riesca a trovare ragione e verità, prima di sputare sentenze contro chiunque, il popolo sovrano tutto, dovrebbe attendere. Dovrebbe. Compresi tutti i castigamatti, che se vai poi a ben guardare le loro storie personali, sono tutti dei frustrati, dei falliti, sul piano familiare-filiale-sentimentale.
  • Stop allo sfratto di Peppina, la figlia:
    “Ma senza comunicazioni ufficiali
    la portiamo via”

    417 - Set 29, 2017 - 23:36 Vai al commento »
    Per me, bravi così, sia Peppina che voi figli: siete gente tosta. Ma tanto tosta. Da veri montanari avete dato ben filo da torcere a questi " rispettabili" tutti della legge ,nonché costretto le menti di tanti politici e onorevoli - con la p ed o minuscole - a contorcersi ancora e sempre inutilmente, con la vostra Resistenza - con la R grande - a dei provvedimenti assolutamente ingiusti, disumani, amorali. Incredibili , per la situazione in cui vi siete trovati e che sappiamo tutti. Il mio augurio, comunque andrà, è di lunga vita e tanta tanta serenità a Peppina e voi tutti.
  • “Sono medico”, la Mussolini viola i sigilli
    La famiglia di Peppina:
    “Per favore, non strumentalizzateci”

    418 - Set 28, 2017 - 17:11 Vai al commento »
    Boh, non so proprio se l'escamotage della Mussolini sia la strada giusta da percorrere ed in gran fretta. Casualmente però parlavo con un tecnico poco fa, il quale sosteneva che per rimediare al vincolo paesaggistico, basterebbe fare un cappotto esterno alla casetta in legno. Ma anche qui, non ne capisco niente, quindi, riferisco e basta. Ad ogni modo, pare, che la legislazione in merito sia questa e che non sia del tutto inaggirabile. Ma ripeto: pare. http://www.cosedicasa.com/il-vincolo-paesaggistico-che-cosa-dice-la-legge-31819/
  • Quattro disegni di legge per Peppina,
    Ricciatti: “Pd bocciò emendamento
    su casette private”

    419 - Set 28, 2017 - 17:02 Vai al commento »
    ...Ma quanto sono d'accordo con te, Gianni Menghi, e il mio ultimo commento sotto uno degli ultimi articoli in merito di CM, non fa che attestarlo.
  • Caso Peppina, c’è anche il ddl a firma dem:
    “Studiato per non essere condono illimitato”

    420 - Set 28, 2017 - 10:52 Vai al commento »
    Eccola qua, precisa, la prova provata dell'inutilità e inettitudine dei nostri parlamentari, da cui emerge ,inesorabilmente, che l'unico vincolo insanabile risiede nel loro contenuto cranico. Riepiloghiamo. Siamo ad un anno dal sisma, nominati due commissari straordinari, e i numeri aggiornati all'11 settembre c.m. sullo stato dei lavori non mentono quanto a sprechi e ritardo su tutto. In questo già drammatico quadro, assistiamo adesso ad un ulteriore ritardo nella corsa contro il tempo - non sanno se riescono a calendarizzare in tempo le due proposte di legge, sic! -per fermare a colpi di ddl l'imminente sfratto di Peppina, per loro sfortuna assurto a caso nazionale. Embé, certo, perchè , poveretto, chi governa, il PD,di cui qui risplende di luce propria l'Onorevole Carrescia, seguito solertemente dal nostro rappresentante in Senato, Morgoni ; attuale governo del PD, che ha nominato per l'emergenza sisma un commissario straordinario- che non a caso si chiama straordinario proprio perchè deve affrontare situazioni straordinarie- non ha avuto tempo prima, in 365 giorni, ad emettere con immediatezza , dato il carattere di urgenza, un provvedimento straordinario per ovviare a vincoli di legge ordinaria e lentezze burocratiche varie, affinché non si arrivasse oggi a una sanatoria per uno dei mila casi verificatisi a seguito dell'emergenza terremoto. Non è che ci volesse un genio matematico per arrivare a prevedere che, se tu Stato vai lento, non fai il tuo dovere o lo fai male, la gente rimasta senza casa ha bisogno di una casa, della sua casa, e quindi chi può se la fa come può e dove può senza aspettare oltre, e anche senza rispettare i lacci assurdi della legge come quello paesaggistico per una casetta in legno d'emergenza in zona montana ... manco fosse stato un resort di 1000 mq! Ma tanto per capire in che razza di Paese stiamo e come le leggi, i vincoli, valgano a seconda, leggetevi questa: http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/09/05/terremoto-niente-aiuti-per-casa-di-cavezzo-demolita-senza-motivo/341547/
  • Sfrattiamo la burocrazia,
    sabato tutti a gridare “Io sono Peppina”

    421 - Set 30, 2017 - 0:07 Vai al commento »
    Carissimo Franco Pavoni, oltre che condividere appieno la tua analisi, ti ringrazio per l'input. Cerchiamo , infatti, per quanto ci è possibile, volare più in alto. Le tue considerazioni mi hanno fatto tornare alla mente vecchi scritti di Giorgio Agamben , quali " Homo Sacer" e " Lo stato di eccezione", ma soprattutto una sua piuttosto recente intervista rilasciata ad Atene alla vigilia delle elezioni europee 2014, della quale , essendo molto molto lunga e sostanziosa, riporto solo questo suo concetto sulla politica attuale e sulle leggi in generale: " Sulla scia del migliore insegnamento foucaultiano, più che un gesto di liberazione, noi dobbiamo costruire una pratica della libertà, non un altro esistenzialismo ma un’etica del sé non ridotta a individualità. Che politica? è, peraltro, una domanda non posta in una dimensione statale. Il problema non è quello di liberare l’individuo dallo Stato – direbbe Foucault – ma di liberare noi stessi da esso e dalla sua proprietà individualizzante."
    422 - Set 29, 2017 - 23:53 Vai al commento »
    Prendo atto, che Gianpaolo Sbarbati , direttamente interpellato, oltre a fare qui l'avvocato d'ufficio di Sciapichetti , e fare il solito moralista di sinistra, non ha alcuna soluzione in merito oltre le prediche sul sistema, benché sia anche lui un tecnico nell'edilizia. Che uomini tristezza!
    423 - Set 28, 2017 - 23:57 Vai al commento »
    @ Gianpaolo Sbarbati A seguito del tuo intervento n. 6 importato da fb, cioè questo " Tra tanti interventi di dotte persone, ce ne fosse uno che sia in grado di suggerire una soluzione che non sia quella di eludere la legge", poiché mi risulta essere tu un architetto, potresti , di grazia, darci tu qui la brillante soluzione al caso, o c'è da pagare una parcella ?
    424 - Set 28, 2017 - 1:09 Vai al commento »
    si tratti - scusate, mi è partito anzitempo il commento- di furbizia da parte di nessuno. Non è questo il caso. Vanno distinte situazioni da situazioni, speculazioni edilizie, abusivismo in genere, da STATO DI NECESSITA'. E lo dimostra il fatto che,in questo preciso caso, per quella casetta in legno regalata dai figli a Peppina, lo Stato non ha scucito un euro e neanche lo scucirà in seguito, dato che ci hanno pensato di tasca loro i figli; e per di più ,con anche il rischio sopra, adesso, che possano perdere anche tutta l' intera cubatura della vecchia casa in muratura danneggiata ,quella cioè accanto e perfettamente in regola , con relativo sussidio dello Stato per la sua ricostruzione. C'è solo un problema in tutto questo nostro discorrere. Che Peppina ha 95 anni. E Dio non voglia mai, dopo essere sopravvissuta a due guerre mondiali, a tanti sacrifici come tutte le nostre nonne e mamme, a tante fatiche, e finanche all'ultimo terremoto, debba lasciare la sua Fiastra insieme a questo mondo per crepacuore. Nel qual caso, ce l'avranno sulla coscienza, se ce l'hanno, tutti quelli che, senza distinguo, le stanno dando la caccia in nome di una legge che tutela più il paesaggio delle PERSONE senza considerare lo stato di emergenza da oltre un anno con alle spalle uno Stato inefficiente e con l'inverno di nuovo alle porte. Non vi resta che abbassare la testa, fare faccia "roscia" dinanzi a Peppina, e vergognarvi, tutti quanti voi per come trasparite aridi da certi commenti- compresi quelli di giornalisti che rispondono ai lettori nei giornali locali, che a leggerli, mi fanno persino più pena con le loro assurde posizioni farisaiche, che Peppina sfrattata- come se parlaste tutti di una delinquente abituale. Ma vergognatevi! se conoscete vergogna.
    425 - Set 28, 2017 - 0:22 Vai al commento »
    @ Stefano Valenti Apprezzo sempre i tuoi interventi, intelligenti, anche quando le nostre posizioni sono antitetiche. Ma stavolta no, perché non credo si tratt
  • Ex Upim, sindaco e rettore
    fianco a fianco:
    presto un incontro tra i tecnici

    426 - Set 26, 2017 - 23:45 Vai al commento »
    Ma daje n'pò...essù! ma veramente, c'è chi crede che l'Ateneo possa colmare quel vuoto commerciale in centro lasciato dall'ex Upim ? Ma do stà il commercio in centro? ma dove? E se anche ci fosse, come compete con i vari centri commerciali periferici? Ma su, ma daje, ma stimo veramente a scherzà?
    427 - Set 26, 2017 - 21:25 Vai al commento »
    Secondo me, ma posso sbagliarmi alla grande, ai maceratesi, di avere l'Università nei locali dell'ex Upim...gliene pò fregà de meno, quando mancano tanti di quei servizi per la popolazione in centro, che ci sarebbe da fare un sorteggio per quale meglio per loro residenti.
  • Segreteria Pd,
    Messi candidato dei renziani

    428 - Set 26, 2017 - 21:17 Vai al commento »
    Bah...Quale Bommarito , politicamente espostosi qui , contrastare ? Quello ex di sinistra, appartenente al vecchio PCI, o quello poi passato all'estrema destra con l' MSI, oppure, quello più evanescente oggi, in subdolo accordo col Pd renziano " della prima ora" , coi vari Morgoni , Lambertucci & Company? Bravo chi lo capisce. Anche se non necessario per nessuno, sapere come la pensi politicamente, Bommarito, s'intende.
    429 - Set 26, 2017 - 17:12 Vai al commento »
    "Mi piacerebbe che da questa componente renziana del PD che sta cercando di dire cose nuove rispetto all’appiattimento degli ultimi due anni ..." "Un partito che è in cammino e punta al rinnovamento vero, e non di facciata..." MA CHI CI CREDE, BOMMARITO? : TU?
  • Peppina, 6 giorni allo sfratto
    La Regione: “Dateci retta”
    La famiglia: “Nessuna soluzione”

    430 - Set 25, 2017 - 17:38 Vai al commento »
    Bàh...leggendo, ancora, delle tristi vicende di Peppina e con esse anche insieme ormai agli sgoccioli di cronaca della macchina inferocita della legge contro essa- ahahahahah, permettetemi in questo una grassa grassa risata in proposito, quando, per i centri commerciali che spuntano come funghi in ogni dove, basta un ok di una qualsiasi Giunta Comunale perché sorgano senza alcun rispetto di legge paesaggistica- traggo soltanto che, la maggior parte dei commenti della gente comune come me, si schiera contro questa abominevole classe dirigente , ottusa, incapace,inconcludente, asfittica, deludente, burocrate, insensibile...e chi più ne ha più ne metta. Ma siccome ,e al contempo, la stessa classe dirigente PD si loda e si sbroda di essere a favore dell'accoglienza verso tutti per la causa umana, vorrei solo ricordare loro che c'è un principio umano al di sopra di ogni legge del loro cà, sempre con dovuto rispetto, e cioè lo stato di bisogno, PRIMA VERSO OGNI ITALIANO! Pertanto insisto a tal fine, visto che i dem tanto si rifanno a Papa Francesco e gli insegnamenti della Chiesa Cattolica - solo e quando, ovviamente, torna più a loro utile in termini d'immagine e di voto- il seguente passo evangelico ben esplicito, sperando sempre che, questi lorsignori del politicamente corretto, nonchè del nulla assoluto allo stesso tempo, comprendano finalmente le differenze fra, stato di bisogno e pura contravvenzione alle leggi in stato di calamità naturale, come nel caso di Peppina: "Avvenne che, in giorno di sabato, Gesù passava per i campi di grano, e i discepoli, camminando, cominciarono a strappare le spighe. I farisei gli dissero: “Vedi, perché essi fanno di sabato quel che non è permesso?”. Ma egli rispose loro: “Non avete mai letto che cosa fece Davide quando si trovò nel bisogno ed ebbe fame, lui e i suoi compagni? Come entrò nella casa di Dio, sotto il sommo sacerdote Abiatar, e mangiò i pani dell’offerta, che soltanto ai sacerdoti è lecito mangiare, e ne diede anche ai suoi compagni?”. E diceva loro: “Il sabato è stato fatto per l’uomo e non l’uomo per il sabato! Perciò il Figlio dell’uomo è signore anche del sabato”. VANGELO (Mc 2,23-28 )
    431 - Set 25, 2017 - 2:03 Vai al commento »
    Je suis Peppina.
  • C’è legalità o illegalità
    nella vicenda Peppina?

    432 - Set 24, 2017 - 20:39 Vai al commento »
    Forse, per districare le proprie budella nella semplicissima storia di un'anziana donna senza casa da oltre un anno, a cui lo Stato non ha ancora minimamente provveduto a dare fondi per sistemare la propria abitazione danneggiata dal sisma, ora che i figli gliene hanno regalata una, proprio lì accanto a quella vecchia danneggiata e che non offende certo la vista e il paesaggio, seppur all'interno di un Parco protetto ( protetto, poi, da chi? da quegli stessi uomini, donne, famiglie, che lo hanno abitato e ci hanno costruito legalmente anni addietro, e dove lì hanno vissuto con rispetto per la natura, da cui hanno preso e hanno dato con le loro fatiche quotidiane, fino a che il terremoto non ha buttato giù le loro case? - e che, in quanto in legno, come tutti gli alberi attorno, la domanda da porre quale titolo, non sarebbe stata meglio : C'è moralità o immoralità nella vicenda Peppina? La legge, e la sua applicazione, senza moralità, cioè senza saper distinguere , caso per caso, contingenza per contingenza- di cui qui, leggi, EMERGENZA- ciò che è bene e ciò che è male PER GLI UOMINI, no per i parchi naturali e i paesaggi, è più dannosa e nociva per quelle persone che vengono a trovarsi in determinate situazioni di disgrazia non certo per loro volontà , del rispetto delle stesse leggi , che sono pur sempre fatte da uomini. E che uomini...se pensiamo che è il nostro Parlamento che legifera, con ben oltre 75.000 leggi dall'Unità d'Italia ad oggi, , contro la Gran Bretagna (3000 leggi), la Germania (5500 leggi) e la Francia (7000 leggi). In proposito, già qualche secolo fa,Re Agesilao II, che fu re di Sparta dal 400 circa al 360 a.C. ebbe a dire " Dove troverai le leggi più numerose, lì troverai anche le più grandi ingiustizie." E il ,ci è chiarissimo. Più sono le leggi, più nelle loro maglie restano imbrigliati i moscerini piuttosto che i mosconi.
  • Sfratto di Peppina,
    la figlia scrive a Papa Francesco:
    “Illumini i cuori di chi deve decidere”

    433 - Set 24, 2017 - 22:11 Vai al commento »
    «Il sabato è stato fatto per l’uomo, non l’uomo per il sabato». Dal Vangelo di Marco (2,27). Da cui, il detto: le leggi sono fatte per gli uomini, e non gli uomini per le leggi. E dato che, allora, la Signora Gabriella , con amore filiale, è arrivata a rivolgersi fino al Santo Padre per perorare la causa della sua anziana madre, nella mia pur minuscola conoscenza dei Vangeli, credo, sia questo il passo evangelico più appropriato alla situazione. Che spero, illumini le menti, ed i cuori, anche i più ottusi nell' osservanza pedissequa alle leggi per le leggi, anche quando, cioé , queste vanno platealmente contro le persone, la loro dignità di esseri umani, e contro ogni morale. Disse Gesù , infatti, «Uomo, se tu sai quello che fai sei beato; ma se non lo sai, sei maledetto e trasgressore della Legge». Che con parafrasi, a proposito della libertà di riposo nel sabato, di contro alle posizioni rigoriste imputate ai farisei , starebbe a dire : l’osservanza di un precetto (ad es. il precetto del riposo sabbatico) non è da sola sufficiente per garantirne la corretta esecuzione; occorre che il fedele abbia sempre una piena coscienza del significato degli atti che sta compiendo. Da questo punto di vista, persino la trasgressione di un precetto, qualora ispirata e determinata dal senso profondo di quel precetto, potrebbe risultare come un atto di maggiore fedeltà rispetto a una sua esecuzione pura e semplice.
  • Casette, macerie e sfollati:
    i numeri di un’emergenza infinita

    434 - Set 26, 2017 - 13:40 Vai al commento »
    Dati aggiornati all'11 settembre, che letti, per quanto noiosi possano essere numeri e percentuali, è proprio il caso di dire che, il post-terremoto è il nostro 11 settembre " fine pena mai" . Il dato che più salta all'occhio per primo è quello dei sopralluoghi ANCORA da effettuare, in quanto insufficiente il numero dei tecnici addetti. E assumeteli, no? Sennò che emergenza è? Sennò, a che sono serviti i primi interventi economici del governo e della Ue, compresi i tanti milioni arrivati con gli sms solidali? PRIORITA', Signori, priorità: sapete che significa " priorità" ? penso di no. Altrimenti, anziché buttare via fiumi di denaro per le SAE e la sistemazione in albergo degli sfollati, avrebbero accelerato le pratiche dei sopralluoghi. Come secondo dato, le tonnellate di macerie ANCORA da smaltire, che ahimé, non si possono nascondere come la polvere sotto il tappeto, anche se ai nostri signori che governano piacerebbe tanto tanto. Ci provano solo a parole a nasconderle. Ma basta andare in uno qualsiasi dei tanti paesi colpiti dal sisma in cui le piazze sono state sì liberate, e dove però se ti addentri in qualche vicolo laterale, rischi ANCORA di inciampare sulle pietre cadute un anno fa. E terzo dato, le casette in legno, manifestamente inferiori quelle consegnate rispetto al fabbisogno; in compenso , però, costose come un attico a Montecarlo. A tal proposito, siccome ho il vizio di informarmi, vorrei tanto sapere come si giustifica tale ritardo se per contratto il CNS di Bologna iscritto alla Legacoop, che ha vinto l'appalto nazionale in questione, qualora non fosse stato in grado di far fronte a tutte le richieste necessarie, avrebbe dovuto far subentrare nella produzione la seconda e terza ditta che con esso ha partecipato alla gara PREVENTIVA ( iniziata il 9 aprile del 2014 , conclusasi il 5 agosto 2015, ANCORA in era Salvatore Buzzi facente allora parte del Consiglio di sorveglianza del Consorzio in qualità di associato alle Coop con la sua 29 Giugno - come a dire " mettere il gatto a guardia delle salsicce" ) indetta da Consip? Io non ci vedo chiaro per niente, e soprattutto non capisco perchè: 1) Non si sia rifatta una nuova gara d'appalto dopo che già a dicembre 2014 il CNS finisce coinvolto nell'inchiesta mafia capitale insieme a Salvatore Buzzi. 2) NESSUNO PAGHI UNA PENALE PER TALI RITARDI. Però un pò ho capito, poco: è più facile far rispettare " La legge" con l' andare in quel di Fiastra a stanare Peppina in una casetta in legno di autonoma sistemazione.
  • Sfratto della 95enne, il procuratore:
    “Prima di tutto la tutela delle persone”

    435 - Set 19, 2017 - 0:37 Vai al commento »
    La tutela delle persone...ahahahahah come se, in Italia, ahahahah, le leggi...ahahahah, servissero a difendere i più deboli! Dedicata a Giorgio. perhttps://www.bing.com/videos/search?q=i+papaveri+sono+alti+alti&view=detail&mid=920D81E43BDDF2D48B4C920D81E43BDDF2D48B4C&FORM=VIRE
  • Chi salverà Peppina dalla burocrazia?

    436 - Set 19, 2017 - 12:52 Vai al commento »
    Quante inutili chiacchiere da parte delle Istituzioni, dei politici, dei Pm, nel mentre non si guarda la trave, ovvero: ma quanto CI costa ogni prefabbricato in legno realizzato dalla Protezione Civile? ben 55mila euro per 40 mq. ( fonte, Il Corriere) e " in tempo di morìa delle vacche, come voi ben sapete" )ma su questo nessuno indaga, quando, alle stesse condizioni di vivibilità e sicurezza, possono benissimo costare 10 volte meno, come scommetto, sia venuta a costare la casa per Peppina, che così, " ictu oculi", non mi pare tanto realizzata male da non essere antisismica,anche solo per definizione, perché in legno su basamento in cemento Senza contare che , per il ritardo nella consegna come prevista da contratto con Consip, non risulta che qualcuno abbia pagato una penalità! Ah...ma siamo in Italia, quindi andiamo a prendercela facilmente con chi , per sopperire alle lentezze e agli sperperi dello Stato, decide di farsela da sé, a sue spese, pur andando contro la burocrazia che prevede talvolta tempi più lunghi della stessa vita delle persone in carne ed ossa. C'è qualcosa che non va. C'è una disfunzione da parte di questo Stato, e in questo stato di cose , perchè da sempre, in tempo di guerra, le leggi sono sospese, in quanto deve prevalere l'emergenza nell'interesse di ogni persona e della sua salute, che non è soltanto l'integrità fisica di cui tanto si preoccupano qui i magistrati, ma psichica, e soprattutto prevalere il buon senso . E se questa non è una guerra, ad un anno dal sisma, con le casette costosissime e centellinate a sorteggio, ( più, quanto ci costa l'autonoma sistemazione e l'albergo per mesi e mesi lungo la costa) e con il generale inverno ancora alle porte...ditemi voi , scienziati della legge , delle carte bollate e della politica, cos'è altrimenti! prima di perseguitare una 95enne, se proprio volete esercitare la vostra legge, prima guardate almeno se la casa è a norma, e poi, eventualmente.
  • Lo sfratto di Peppina,
    15 giorni per continuare a sperare

    437 - Set 19, 2017 - 1:17 Vai al commento »
    Caro Sauro, qui è tutto uno schifo. Io , a questo punto, so soltanto che, " La Coop NON sei tu" e pertanto, " tu", la casetta in legno, anche in massima emergenza , a tue spese e su tua proprietà, " Tu" non te la fai" perchè sennò a che serve l'appalto dato alle Coop dell'Emilia? Guarda, Sauro, lasciamo perdere che è meglio, o mi prendo che denuncia dai papaveri alti alti alti, mentre io sono piccolina.
    438 - Set 18, 2017 - 19:40 Vai al commento »
    Hai voglia tu, i bempensanti, regolaristici, e giuristi del mio cavolo , a mettere il loro bel pollicino rosso al mio commento, senza che si abbia avuta, prima , alcuna risposta alla mia domanda: e cioè: ma quanto ci viene a costare una casetta in legno tanto sospirata dai terremotati in un anno, se "devoluta "dallo Stato e a sorteggio! ...ahahaah ma jetevene, và, a quel paese, come se, lo Stato, cioè noi tutti con le nostre tasche defraudte dal governo in corso, potessero farle persino meglio ed in economia ! E su, e daje! ma specchiattevi ogni tanto,! avete superato il ridicolo del ridicolo, nel mentre un'anziana donna, insieme ai suoi figli, altro non desidera che continuare a vivere nel suo posto; MA VERGOGNATEVI DI OSSEQUIARE CERTE LEGGI INGIUSTE, MIEI CARI TUTTI, COMPRESI I PM di questo cavolo di Paese, CHE VOGLIONO ASSURGERE MOMLO SPESSO A PROTAGONISTI DEL NULLA, OSSIA SENZA ALCUNA BASE DI CONSENSO POPOLARE MA SOLO PARLAMENTARE, LEGISLATIVO, ...IL CHE VUOL DIRE...DEL NULLA PIU' NULLA ASSOLUTO. Ma contenti voi...beati voi che vi credete ....
    439 - Set 18, 2017 - 2:06 Vai al commento »
    Sarebbe interessante, in questa vicenda , poter sapere anche quanto sia venuta a costare al mq. ai privati la casetta in legno in questione: più o meno, cioè, di quanto costa a noi Stato un singolo modulo abitativo provvisorio? "Il prezzo al metro quadro per i moduli abitativi provvisori che la Protezione civile sborserà è di 1.075 euro (contratto Consip del 25 maggio 2016 per “fornitura, trasporto, montaggio di Sae - soluzioni abitative in emergenza”). Il costo supera il valore di tutti i tipi di edifici nuovi e in muratura nella provincia di Rieti e nella zona di Amatrice prima del terremoto: 990 euro al metro quadrato un appartamento, 840 una casa di edilizia economica, 1.000 una villa. Quotazioni immobiliari che nei paesi subito al di fuori dell’area del disastro scendono a 790 euro al metro quadro per un appartamento, 740 per una casa economica, 840 per una villa in ottime condizioni (dati Agenzia del territorio). lo Stato può pagare una casa di legno provvisoria in proporzione il 28 per cento in più di una villa di lusso? Stando così le cifre, è difficile ricavare benefici dalla gara d’appalto organizzata attraverso Consip, la centrale acquisti del ministero dell’Economia. Il valore della fornitura stabilito da Consip per la prenotazione preventiva di diciottomila “soluzioni abitative in emergenza” è infatti di un miliardo e 188 milioni di euro: i contratti, firmati il 25 maggio di quest’anno e suddivisi in tre lotti, sono stati vinti da aziende legate alla Lega Coop, riunite intorno al “Consorzio nazionale servizi” di Bologna, lo stesso attraverso cui l’imprenditore romano arrestato, Salvatore Buzzi, si era garantito alcuni appalti di “mafia Capitale”." http://espresso.repubblica.it/attualita/2016/10/03/news/amatrice-la-ricostruzione-sulla-via-dello-spreco-1.284789
  • Sisma, la 94enne sfrattata a sorpresa:
    “Ci trattano come delinquenti”

    440 - Set 17, 2017 - 17:27 Vai al commento »
    Si sono sì sbrigati, certo, a commettere un tale abuso ai danni di un'anziana e rispettabile signora novantaquattrenne, cittadina italiana, che voleva soltanto, e non di più , poter morire dove è vissuta, a Fiastra, e non in un albergo a poche stelle sulla costa adriatica come desiderato da questo sciamannato governo dei miei stivali, perché loro burocrati, che lo hanno permesso, e soltanto loro, agli occhi nostri, hanno commesso ,loro, un abuso, e non certo chi, in emergenza, e che emergenza, ha deciso di fabbricare su sua proprietà e a sue spese, un prefabbricato in legno ( quando , le poche casette del governo dei miei stivali vanno a sorteggio, nel mentre di aborti cementizi in giro e ben più devastanti vengono perfettamente autorizzati dai Comuni- che ce magnano con gli oneri- per inciso), in quanto, hanno ben capito , sempre loro, che se l'avessero fatto lunedì prossimo come stabilito, si sarebbero trovati davanti un muro di cittadini indignati che lo avrebbero ostacolato. Non vado oltre sennò comincio a dire parolacce.
  • Pd verso il congresso,
    Morgoni sbatte i pugni:
    “No a candidature imposte”

    441 - Set 17, 2017 - 2:50 Vai al commento »
    Ma di chi, e a chi, sta parlando, Morgoni? Irene...Angelo... e cioè, chi? a tutti i nominati come lui? ahahahahah: ma che è una barzelletta? Piuttosto. Siccome sono alquanto pignola, sono andata a verificare se la mia memoria non mi inganni sul percorso elettorale del Sen. Morgoni, e dunque, siccome no, appunto, ripropongo a tutti i lettori di Cronache il suo personale iter elettorale a partire dalle parole di un dem quale Giulio Silenzi nei suoi confronti, ma così, tanto per ricordare come non serve essere anti PD come me per contrastare certi personaggi autoimpostisi, in quanto, sanno benissimo scavarsi la fossa da soli e fra di loro. Per nostra fortuna! https://www.cronachemaceratesi.it/2014/02/20/silenzi-morgoni-senatore-per-cavillo-e-battaglia-nel-pd/433079/
    442 - Set 16, 2017 - 15:39 Vai al commento »
    Fra cui la Sua, di candidatura, Morgoni, quale mestierante in politica : o no? O si riconosce in un alto livello politico? Speriamo no, se è vero come ci è arrivato: cioè, per il rotto della cuffia, da un ripescaggio, almeno da quanto mi risulti agli atti di cronaca dell' ultime elezioni. Ma se è in diritto e potere di farlo....oh! ci mancherebbe! smentisca pure la mia disinfornazione, hè?
  • Macerata, il futuro dell’ex Upim:
    viva il commercio o viva la cultura?

    443 - Set 12, 2017 - 21:31 Vai al commento »
    Meschini, non me ne voglia, ma gli unici contenitori vuoti...lei immagina quali siano io pensi: ai vostri crani, per la precisione. Piuttosto che l'ennesima " pecionata" politico-culturale, visto che l'Università locale è del tutto assente, tranne per il capodanno cinese, meglio 3 piani a commerciale dell' ex Upim, come una volta era, che un'altra qualsiasi pecionata culturale dell' attuale amministrazione. Con ossequio.
    444 - Set 11, 2017 - 20:48 Vai al commento »
    E concludo il mio pensiero a riguardo. " Qualcuno" disse, sbagliatamente, qualche anno fa, che con la cultura non si mangia; ma ora mi pare sia ben arrivato il momento di correggere la sua veduta in " con la sola cultura non si mangia" ( specificatamente a Macerata, una piccola provincia in un contesto nazionale e culturale molto più ampio e ricco della presente cittadina marchigiana), checché i nativi vi siano innamorati e pertanto ciechi di fronte le sue effettive potenzialità di città culturale. Macerata, oltre all' antica Università, è comunque storicamente fatta da un popolo di contadini venuti dalle vicine campagne e che, attraverso i suoi borghi più popolosi e popolari, è cresciuta assieme alle sue più antiche tradizioni che, piaccia o no, sono il vero volto della città e dei veri maceratesi " di una volta" , e che aihmé, e ancora, il volto dei politici e della politica di oggi non rispecchiano più, senza peraltro saper rispecchiare altri che sé stessi in tutte le loro azioni.
    445 - Set 11, 2017 - 19:00 Vai al commento »
    Detto quanto sopra: viva il commercio o viva la cultura, posti da Liuti? Bàh...se per cultura s'intende il posticcio improvvisato e impasticciato delle ultime amministrazioni, tanto nell'orologio di Piazza che allo Sferisterio, allora, forse meglio il commercio. Anzi meglio, decisamente, perché per anni e anni ,almeno, ha fatto da traino alla piccola città di Macerata da tutto l'entroterra quale punto di riferimento, nel mentre " la cultura" che questa amministrazione e le immediate precedenti lasciano, sono nettamente inferiori a quella ereditata dal passato, checché si voglia dire ed eccepire, e in tutti i campi. Sempre a mio avviso, s'intende.
    446 - Set 11, 2017 - 17:42 Vai al commento »
    Pur, e come sempre , non avendo capito io lo spirito d'intervento nella questione , della pur autorevole opinione del dott. Liuti, mi sento di dire che , intanto, l'unico mago della situazione è il Signor Sindaco, con forte e inossidabile maggioranza in Consiglio, in quanto è lui che tiene le redini dell'attuale amministrazione assieme alla Giunta, i suoi assessori, delle scelte che fa. Pertanto: ma quale referendum? Se dipendesse da questo strumento popolare ogni mirabile scelta politica del Comune...hèèèè, non si finirebbe più di comandare al suo posto! E invece, Lui, il Primo cittadino ci sta per questo, nel mentre tutti i cittadini sono gli ultimi a decidere e i primi a subire ogni sua decisione , sia si tratti dell' ex Upim che della squadra cittadina, mortificata da interessi diversi che mi paiono contradditori rispetto alle glorie sul campo della " vecchia " Maceratese. Così a me sembra, hé!
  • Terremoto, il governo ufficializza:
    Paola De Micheli nuovo commissario
    “Ricostruzione fuori dalle elezioni”

    447 - Set 9, 2017 - 12:49 Vai al commento »
    Confermo quanto detto. Con questa nomina di " seconda scelta" , è proprio e tristemente il caso di dire : Sulla ricostruzione, mettiamoci una bella pietra sopra. Tanto, una più una meno...
  • Un’esperta di volley
    per la partita della ricostruzione:
    Paola De Micheli nuovo commissario

    448 - Set 7, 2017 - 1:32 Vai al commento »
    Ma come chi questa?: " Pèrchèè"!Come non l'avete mai sentita nel talk show, onnipresente fino ad un annetto fa circa, nei canali filogovernativi come " La 7" . Dico solo una cosa: è finita davvero, ora, per i nostri poveri terremotati. Amen.
  • La Teuco è in vendita,
    l’appello a politici e imprenditori:
    “Ci sono 160 lavoratori da salvare”

    449 - Set 5, 2017 - 10:56 Vai al commento »
    Voglio adesso spiegarmi meglio. La Teuco, che faceva capo a Guzzini, gruppo ancora ben in piedi in altri settori, non è che una delle tante realtà industriali in crisi delle Marche, quindi non vedo perché ad essa tante attenzioni, mentre altre imprese locali non godono, non hanno goduto , delle stesse. Forse, e ad esempio, la storica fornace Morresi, a Vallecascia, non tanto distante dalla Teuco, è figlia di un Dio minore, dato che ha chiuso lasciando a spasso numerosi operai con relative famiglie a carico e senza tanto clamore di cronaca e sindacati al seguito ? perchè , ora, questo loro appello ai politici: vogliono aiuti di Stato ? Non si può. Non si danno neanche ad aziende a marchio nazionale che svolgono servizio pubblico, figuriamoci per le loro vasche idromassaggio con marchio , a suo tempo e loro vantaggio, ceduto dalla Guzzini ,2015 , ad un'azienda tedesca: la Certina Holding, per l'appunto.
    450 - Set 4, 2017 - 23:16 Vai al commento »
    Molto spiacente ma , siccome non siete fornitori di servizi essenziali, se non siete in grado di restare sul vostro mercato, saranno affari dell'azienda Teuco, cioè vostra. Gli operai, quindi gli ultimi in ordine secondo logiche aziendali, troveranno, troveranno, e anche meglio di un vostro primo manager fallimentare. Cavoli vostri, per il resto, signori Teuco, che d'altra parte, quando gli affari vi andavano bene e vi arricchivate, mica siete venutiqui a piangere miseria per i vostri operai, o sbaglio?
  • Prevenzione antisismica:
    “alle case il tagliando come per l’auto”

    451 - Set 4, 2017 - 18:37 Vai al commento »
    La proposta mi sembra giusta e sacrosanta riguardo i possibili rischi da sisma, specie in zona sismica, ma: firma lei per tutti , ingegnere, in banca, per ottenere i contanti necessari da un istituto di credito a chi abbia una casa non perfettamente a norma e che magari fa l'operaio o il dipendente privato con contratto a termine, oppure l'abbia ereditata come una croce sulle spalle in questo momento , e per cui dovrà spendere anche quello che non ha?
  • Gianluca Vacchi, sold out al Mia
    (FOTO)

    452 - Set 5, 2017 - 18:39 Vai al commento »
    So adesso, dell'esistenza di tale Gianluca Vacchi. Che ignorante!In pratica, da quanto ho capito, sarebbe diventato famoso per l'abbondanza, e la circostanza, di foto da lui pubblicate sui social. E ch'ha ragione Brignano, allora: " Io c'ero perché forografavo!" https://www.youtube.com/watch?v=_3rkr4a3LFg
  • Jogging senza veli,
    i nudisti difendono il 23enne:
    “Nessun atto indecente”

    453 - Set 6, 2017 - 0:11 Vai al commento »
    p.s. almeno almeno, poi, Fidenzio Laghi, avesse fatto una citazione colta rispetto al cinema, piuttosto che parlare di recenti farfalline in bella vista alla mostra del cinema di Venezia, attraverso la meglio filmografia che ha fatto storia, quella degli anni '50, coi grandi attori come De Sica, Peppino De Filippo, dove non mancano spunti ed episodi in cui la strenua difesa del nudo, passa attraverso le aule dei tribunali , ma in quanto difesa della bellezza femminnile , come, per certi versi, ne " Il processo di Frine" - la maggiorata fisica- o " Vacanze ad Ischia. Quello sì, era garbo, anche parlando di temi scottanti e controcorrente, all'epoca .
    454 - Set 5, 2017 - 23:46 Vai al commento »
    Marini, Bassarelli: abbiamo sprecato anche troppo fiato verso il signor Fidenzio. Ma certamente, come avete rilevato, si è contraddetto nei due interventi, e per forza! prima cita le sentenze di pretori, poi di Sgarbi, come se lui , critico d'arte, fosse " La legge" . Il tutto, perchè il signore in questione, all'oscuro del fatto che, non essendo noi nel Commonwealth ,esse sentenze non fanno giurisprudenza, anche qualora qualche giudice la pensi diversamente ed applichi il suo pensiero caso per caso, poiché la legge italiana è una e una sola, e vieta , ancora, gli atti osceni in luogo pubblico. E siccome quindi, pubblica è la via dove il gambiano correva come mamma l'ha fatto, bene ha fatto chi l'ha denunciato.
    455 - Set 4, 2017 - 14:39 Vai al commento »
    @ Romolo, s'è questo il tuo miglior argomento, chè siccome si nasce nudi , è anche naturalissimo poi restare nudi quale che sia la latitudine geografica, anche se non tutti abitiamo l'Amazzonia, tieni anche presente, allora, che anche il cervello , nel caso nostro umano, è da neonato alla nascita, quindi appena appena sviluppato, e dunque che vogliamo fare, restare così sottosviluppati cerebralmente e nudi per tutta la vita, o progredire, innalzarci dalla specie animale, cui pur apparteniamo , con le dovute differenze in quanto esseri dotati di anima, spirito, civiltà a lungo conquistata, per divenire esseri sociali e rispettosi di una morale che serve ,eccome serve, per convivere mettendo a bada l'istinto animale che vive nelle foreste? E basta su, a una certa età, certe idee vanno abbandonate, riviste e corrette alla luce dell'esperienza e degli anni sulle proprie spalle, o sanno di puro infantilismo e non certo di " alto idealismo "
    456 - Set 3, 2017 - 16:34 Vai al commento »
    Eccolo qua, presente: è arrivato, puntualissimo come sempre, chi prende la difesa anche dell'indifendibile; seppure qui, viene da parte di un esponente " di categoria". Perchè, certo, è normalissimo " infatti" correre nudi per le strade italiane senza oltraggiare il pubblico pudore ( di chi ce l'ha, chiaramente), salvo, che ciò accade nella stessa nazione in cui, non troppo tempo fa, in occasione dell'incontro istituzionale tra Matteo Renzi e il presidente dell'Iran Rouhani in Campidoglio, alcune statue di nudo dei musei Capitolini sono state coperte con dei pannelli bianchi su tutti i lati, in segno di rispetto alla sensibilità e alla cultura iraniane. Perchè certo, certo, la nostra invece la si può sempre calpestare. Come è successo a me la sera di San Giuliano mentre stavo seduta al chiuso delle vetrate di un bar a vedere i fuochi , quando non riuscendo più a sentire neanche i botti , tanto era il chiasso del canto di Bella ciao su musica a tutto volume da cellulare emanato da 5 ragazzi stranieri ,di diversa nazionalità, e seduti al tavolo vicino, che mi è toccato chiedere di fare silenzio per non rovinare l'atmosfera di quei 20 minuti di spettacolo pirotecnico. Per tutta risposta, da uno di loro ho ricevuto " che ca...mi frega a me del bum bum bum! meglio sentire Bella ciao" , ed hanno ricominciato imperterriti a cantare più forte di prima. Ho dovuto alzarmi io e andar via da lì per poter gustarmi i fuochi in santa pace. Si vede, che è giusto così per tanti italiani che approvano tutto, se dalla Libertà sancita nella Carta del '48, siamo arrivati al libertarismo dei giorni nostri. Specialmente tollerati e compresi, tali atti libertari, se non commessi da italiani , perlopiù ,a nostro danno culturale.
  • Ricostruire a 360 gradi:
    nasce San Ginesio Hub

    457 - Set 2, 2017 - 16:47 Vai al commento »
    Ch'adé? de che parla? che vurdì st'articolo sul giornale? Quale ginesina di nascita- così riporta la mia carta d'identità- presso l'ormai bello ed estinto ,da anni ed anni, Ospedale Civico locale- sono riuscita a leggere soltanto le prime 5 righe della nota stampa e non oltre, per rifiuto personale, in quanto, due scritte in italiano corrente e comprensibile, tre in inglese; la qual cosa mi puzza di fumogeno, come sempre accade quando una cosa la puoi benissimo pensare ed esprimere nel nostro ricco vocabolario italiano, e invece no, al posto suo si ricorre al british, che fa più chic senz'altro, ma purtroppo, anche, sempre privo di progetto e sostanza come si evince dal presente comunicato per un piccolo Comune dell'entroterra marchigiano quale San Ginesio , dove HUB sta per " Human Urman Build ", e che tradotto, letteralmente, sta a significare: non faremo una cippa di cavolo per rimettere in piedi la San Ginesio che era da milleni a questa parte prima del grave sisma di un anno fa. Lasciamo perdere, poi, il chiamare "sanginesini" gli abitanti di San Ginesio, che appare proprio una forzatura agli occhi di chi inventa neologismi non avendo , evidentemente, altri pensieri vitali, per cui si dedica, in quel di San Ginesio , a proporre termini senza alcun fondamento storico-linguistico, verso gli abitanti di San Ginesio col ribattezzarli all'impronta " sanginesini", nel mentre è attestato, perchè così sempre stato, in virtù di lingua madre e materna tramandata fino a noi, tutti, si sono chiamati "ginesini". Punto e basta, cari moderni piddiisti della mia cippa, che se pensate di ricostruire San Ginesio così, fra l'english e le ribattezzazioni da voi inventate al momento , avete già fatto un grosso buco nell'acqua, fatevelo dire. Se però così lo capirete meglio , col mio inglese sgrammaticato , vi scrivo : "We are not enghlish never, but medieovalia's ginesini for ever " : te capìì? chi deve capì, chi muove i fili oggi senza avere le giuste coordinate per farlo, sono certa, avrà capì, anche se rosica e rimugina sul suo vero ruolo politico. E adesso, con permesso, fatemi fare una bella risata per loro tutti...ahahahahah!
  • Leggi ad portafoglium
    per i democrat di Pesaro

    458 - Set 3, 2017 - 12:41 Vai al commento »
    Bravo , Fabrizio, come sempre sei , nel mettere a nudo il vero volto dei nostri politici che, siano "di qua o di là" non risparmi mai. Per quanto attiene espressamente al PD, esso partito, è ormai da officiare col De Profundis mediante rito laico preso a prestito da quello previsto dalla Chiesa cattolica della Messa senza popolo, visto che, anche le ultime feste dell'unità, come a Modena, dove il Ministro Poletti in qualità di ospite, ha fatto una specie di assolo dal palco, o come a Cesena, dove la storica festa dell'unità nel cuore della Romagna più rossa, è stata annullata per mancanza di cuochi volontari.
  • Matteo Renzi domenica nelle Marche

    459 - Ago 30, 2017 - 0:34 Vai al commento »
    ...Vi ricordate Luciano Rossi e " AMMAZZATE OH" ? Basta accordarla al maschile , che pare fatta apposta. Senti un po' bella mia proprio te che cercavo stasera. dimme un po' volemo contà tutte le volte che t'ho lasciato io poi 'na sera te sei alzata hai detto basta e te ne se' annata, sei stata brava, ammazzate oh! non te smove 'na cannonata, hai detto basta e te ne sei annata, ammazzate oh! t'e' bastata 'na mezza giornata pe scordarte de sto grande amore ammazzate oh! le promesse e tutti quei baci dati a mille sotto ai portoni ammazzate oh! t'e' bastata 'na mezza giornata, hai detto basta e te ne sei annata, sei stata brava.. e cosi' dopo un po' che sto qui a cercar de capi' pare bene che e' finita t'e' bastata 'na serata, sei stata brava ammazzate oh! non te smove'na cannonata, hai detto basta e te ne sei annata ammazzate oh! t'e' bastata'na mezza giornata pe scordarte de sto grande amore ammazzate oh! le promesse e tutti quei baci dati a mille sotto ai portoni ammazzate oh! pare bene che e' finita t'e' bastata 'na serata la la....... la la.............
  • Silenzi: “Troppi soldi per Vita Vita,
    tanto fritto e nessun progetto culturale”

    460 - Ago 30, 2017 - 1:12 Vai al commento »
    Bene la sua critica, anche se fuori stagione, fuori tempo massimo, ma tanto siamo in democrazia tecnologica, per cui possono esprimersi tutti tutti, proprio tutti, lei e me compreso, dunque ,Silenzi, la invito a far seguito al suo intervento , e ci parli, ci erudisca, sulla cultura ROM con cui , invece, avreta - e già , è femminile, avreta - molto avuto da insegnare di culturale nella vostra amministrazione ai civitanovesi tutti. "Senza nulla a pretendere, salutandovi indistintamente".
  • Laghi di Pilato, i geologi confermano:
    “Chirocefalo in salvo
    ma serve pianificazione”

    461 - Ago 28, 2017 - 17:30 Vai al commento »
    FFFffff! finalmente tiro un sospiro di sollievo: il chirocefalo è salvo! Vorrei fare lo stesso per gli abitanti di Amatrice, Norcia, Arquata del Tronto, Muccia, Visso, Ussita, San Ginesio, Caldarola, San Severino, Sant'Angelo in Pontano, Tolentino, Gualdo, Penna San Giovanni...ma non è ancora tempo, mi sa. Aspettiamo ancora un pò. Hanno detto per fine anno, " hanno detto".
  • L’Italia cammina lentamente
    perché la fretta è rischiosa

    462 - Ago 28, 2017 - 1:21 Vai al commento »
    Boh! sarò io de coccio, ma non ho capito la morale dell'articolo: ma cche vvordì? alla Enrico Montesano.
  • E’ già tempo del post Errani,
    dalla finestra della ricostruzione
    si riaffaccia Giulio Silenzi

    463 - Ago 20, 2017 - 3:25 Vai al commento »
    Ma fuori dalle balle mai, questi trombati dal popolo? e insistono, oh , nel riciclaggio! non hanno ancora capito ...capiranno. Assistente a Ceriscioli, poi, fa ridere un bel pò! Come in quell'aneddoto ,tutto locale, in cui un operaio interpellato dal capo cantiere risponde alla domanda: " che stai facendo? " - sto a jutà a Catena " e Catena che sta a fà? " - Niente.
  • Miss Cinema Marche,
    Civitanova incorona Ilenia Bravetti (FOTO)

    464 - Ago 13, 2017 - 15:51 Vai al commento »
    Pòsto che non ho alcuna passione per questo genere di spettacolo, ma che nondimeno ne riconosco il valore nella sua lunga storia , se dal concorso sono uscite fior fior di attrici italiane dal dopoguerra in poi, è comunque l'occasione per dire che la bellezza, unitamente alla giovane età, non riveste alcun merito personale se non supportata da un qualche talento che la bellezza stessa, di cui tutti non dispongono per natura, funge da sempre come veicolo per farsi spazio nel vasto mondo dell'arte, della pubblicità, del cinema, della televisione. Ed anche, aggiungo, alla capacità di conservarla con uno stile di vita corretto, che non è propriamente da tutti i giovani d'oggi, come di ieri; vedi vecchio film da cineforum “Gioventù bruciata”, ora più di allora, fra alcool e droghe varie che sciupano giovani vite oltre a tutta la bellezza che si può avere. Forza perciò, bellissime ragazze, che potreste essere mie figlie, fatevi strada, che so siete molto caparbie e sicuramente più intelligenti di chi vi giudica oche senza conoscervi- e che spesso criticano perché in virtù di altissime posizioni raggiunte per nomina di attuale legge elettorale e non certo per particolari meriti personali - solo perchè sfilate in bikini con un numero addosso di fronte a un pubblico e una giuria , quando, quelli che vi criticano , neanche a questo si sono sottoposti, né seminudi né vestiti: per loro, cervello sviluppato o meno, è bastato essere inseriti dal partito fra i primi della lista per dire la loro ca.zzata, sempre e comunque, in ogni occasione.
  • Petizione per boicottare Miss Italia,
    due parlamentari tra i firmatari
    Ciarapica: “Anche la bellezza è cultura”

    465 - Ago 12, 2017 - 15:37 Vai al commento »
    Le donne non hanno bisogno di passerelle-dice la Manzi- .Quella Irene Manzi, cioè, che interventi sostanziosi alla Camera in 5 anni pari a zero, ma che in compenso di sfilate ne fa, eh, , dalle nostre parti, sempre con borsetta a manico in mano, e che , soprattutto, da assessorA alla cultura al Comune di Macerata, non scordiamoci mai il grande evento culturale da lei voluto, quel 4 settembre 2011, data storica e memorabile più dello sbarco in Normandia, fece sì che si organizzò il Primo Raduno Nazionale di carri funebri. Era, infatti, quella, una soleggiata domenica dei primi di settembre, quando in città arrivò in mesto corteo una ancor più mesta quantità di carri funebri provenienti da ogni parte fino a stazionare una giornata intera in Piazza della Libertà a far bella mostra di sé per la gioia di grandi e piccini. Carri funebri con tanto di tutto, hè, oh, e alcuni anche con cassa da morto, senza morto, meno male. Perciò vorrei dire che, saremo noi non in grado di capire l'alta cultura della Manzi e chi come lei veicola più alto spessore culturale, , visto che ,come me, nessun altri ha capito quella manifestazione, tanto che fu insieme, il primo, e l'ultimo raduno . Ma sarà quindi una questione culturale, fra Miss Italia e la sfilata di carri funebri per Macerata ( che c'è ancora chi a distanza di 6 anni sta ancora attaccato ai propri genitali maschili e le femmine a un ferro qualunque, solo nel vederli passare, chiedendosi anche chi all'oscuro della manifestazione con le mani nei capelli " Madre mia che sarà successo de cuscì grosso? Ce sarà stata na strage!" oppure di Estetica, di buon gusto , di feeling con la propria città ? https://www.cronachemaceratesi.it/2011/09/04/raduno-dei-carri-funebri-a-macerata-un-vero-mortorio/98132/
  • Castelsantangelo, i cittadini ai politici:
    “Noi qui non vi vogliamo”

    466 - Ago 11, 2017 - 16:15 Vai al commento »
    Se non ricordo male, è proprio all'ingresso di quel cimitero di Castelsantangelo, anch'esso devastato dalla furia del sisma che ha travolto vivi e morti, sta ( o stava) scritto " FUMMO QUEL CHE SIETE, SARETE QUEL CHE SIAMO". Ecco, credo che questo monito ora possa altrettanto valere per gli abitanti di Castelsantangelo se indirizzato a questa classe politica inetta, come morta, tanto inesistente nel gestire il dramma che si è consumato fra le nostre montagne quanto verbosa di fatti, a parole, che tanto non costano niente, e che ha finito così per distruggere interamente quello che ha risparmiato il terremoto in termini di vite e di una piccola comunità , per il resto sempre silenziosa, che null'altro chiede oggi al suo Stato a distanza di un anno che restare lì, ognuno al proprio posto di sempre, dove ognuno è nato, cresciuto o ritornato, con l'avere a disposizione il minimo indispensabile, ovvero casette e servizi per tutti, tutti, senza affido alla fortuna tramite sorteggio, in attesa di una ricostruzione in vera pietra, che chissà quando sarà. Ma finora, in cambio di giuste pretese, praticamente tutti i comuni più colpiti del cratere hanno ricevuto solo parole parole parole...per cui, bravissimi ed esemplari, voi castelsantangiolesi - se così vi chiamate- nella vostra presa di posizione! Tenete duro e teneteli a dovuta distanza, come loro hanno allontanato il problema col mandarvi tutti lungo gli alberghi della costa, che andava anche bene per l'emergenza, fino a qualche mesa fa, però!
  • Silenzi: “Emergenza droga,
    ma a Civitanova
    si parla solo di bancarelle”

    467 - Ago 12, 2017 - 17:02 Vai al commento »
    Silenzi caro - si fa per dire, e solo in termini economici per quanto costate all'intera comunità voi politici tutti e a cui appartieni anche tu, da anni e anni ,come sindaco, vice sindaco, presidente di provincia e bla bla bla, ho contato fino a 20 prima di commentare: credi. Però, l'impunitaggine con cui ti presenti in questa nota stampa, non può passare inosseravata, perchè tu sai bene, benissimo, che fino a 3 mesi fa GOVERNAVI in tutto e per tutto Civitanova Marche, da 5 anni , per cui, SILENZIO , Silenzi, fatti vergogna nell'attribuire responsablità dei vostri scempi ad altri che ancora non hanno colpe pari alla tua, alla vostra. TACET! come nel film di Sordi " Vacanze Intelligenti", sempre che tu sia abbastanza onesto da farti un bell'esame di coscienza. E infine, per quanto riguarda le bancarelle. Magari, non pensi, che un principio di autorità, di legalità, nel nostro Paese, possa iniziare proprio da qui, prima di affrontare tempi più grossi come la droga di cui, immondamente qui parli?
  • Rata, Maurizio Mosca:
    “Massima disponibilità a Ruggeri
    Non mi interessa l’Eccellenza”

    468 - Ago 5, 2017 - 11:56 Vai al commento »
    Ecco che vuol dire avere le idee chiare, conciliare ragione e sentimento, e di conseguenza parlar chiaro e sapere anche quanto volere e poter dare in vista di determinati obiettivi e non altri. Maurizio Mosca , anche se non so chi te lo fa fare, a parte la tua viscerale passione per la Rata e per tutta la città di Macerata, a questo punto che dire? solo se ci metti tu le mani si verrà a capo di qualcosa di buono in questa telenovela " Infinity" , che a leggerla, francamente, un pò ti rincuora perchè uno in fondo pensa fra sè e sè : ma tu guarda, pensavo di essere tanto sfigato in un Paese ancora più sfigato, eppure c'è chi sta messo molto peggio per ragioni calcistiche. Accontentiamoci un pò...
  • Inchiesta sisma: la cena di Ceriscioli
    con gli imprenditori edili
    nelle intercettazioni del gip de L’Aquila

    469 - Lug 28, 2017 - 1:02 Vai al commento »
    Signor Bufalini, non ricordo il fatto cui fa riferimento, però la ringrazio per avermi dato spunto a questa riflessione più generale .Le organizzazioni che lei cita nel merito, tutte quante in collaborazione , insieme ad altre politiche extraparlamentari di tipo eversivo, ed altre altre ancora appartenenti alle più alte sfere dei palazzi, negli anni dello stragismo, anni '70 - primi '80 , avevano quale obiettivo LA DESTABILIZZAZIONE DELLO STATO finalizzata al sovvertimento della Repubblica, della democrazia, delle sue istituzioni, i suoi vertici e le sue regole; stragi, che fecero centinaia e centinaia di vittime civili, compresi magistrati e giornalisti in prima linea. Oggi, al contrario, quando tutte quante queste entrano in ballo nelle cronache giudiziarie per la loro infiltrazione in ogni ambito di potere statale, è perché sono lì a svolgere una funzione STABILIZZATRICE dei Governi ad ogni livello di organismo statale fino a quello sovranazionale, europeo, ed internazionale, finalizzata alla mera gestione del potere politico-economico, senza più nemmeno, cioè, quello straccio di ideali politici perseguiti nel modo più sbagliato negli anni di piombo. Sottoboschi e superpoteri che ,ora come allora, hanno però in comune una cosa: entrambi creano vittime innocenti o prosperano a vario titolo su di esse; e le accrescono anche, possibilmente, per sfamare sempre più la loro sete di potere e denaro in barba alle masse, all'etica, allo Stato, alla democrazia, alle regole e bla bla bla. La differenza sostanziale , insomma, è nel tipo di pesca e di esca. A strascico o ad amo. E nel colore. Vittime di sangue oppure morti bianche.
  • Ottocento anni di Quadrilatero:
    storia di un viaggio attraverso i secoli

    470 - Ago 1, 2017 - 14:17 Vai al commento »
    Tutti i miei complimenti a Marco Ribechi per questo bellissimo articolo che,oltre ad informare storicamente, serve a comprendere che non c'è modernità che non tragga origini dal passato. E che passato, è passato, per l'antica via Lauretana! A tal fine, vorrei soltanto ampliare per chi fosse stato invogliato da questa lettura, con quella del libro " L'Osteria del Marangoni" di Gabor Bonifazi, la cui copertina reca due fojette, il recipiente voluto da papa Sisto V per avere l'esatta misura del vino, quando ancora gli osti riempivano un pò come volevano gli appositi contenitori; volume, che raccoglie una serie di nuovi contributi redatti dall'architetto e giornalista maceratese con l'intento di rispolverare dall'oblio luoghi, personaggi ed aneddoti di quella cultura popolare che altrimenti rischierebbe di andare perduta. Un libro, quello dello scomparso e rimpianto arch. Gabor Bonifazi, che raccoglie anche un prezioso compendio di tutti i locali storici della provincia di Macerata, oltre a riportare la legge regionale Marche numero 5 del 2011 sulla valorizzazione di questi luoghi. E infine - perdonate la nota personale- libro, che ho avuto l'onore di presentare su richiesta dell'autore, e al cui proposito dissi dell'importanza rivestita nella naturale, quindi necessaria, frequenza dei punti di ristoro ogni tot. km per i cavalli, e di conseguenza come luoghi fortuiti di incontro per "stranieri" di ogni regione; soste, che vidi, e immagino ancora, come una sorta di ricca punteggiatura sul nostro territorio. Il mio invito generale adesso è quello di tornare a a prenderne esempio per quanto possibile nei nostri comuni devastati dal terremoto. Risorgimarche ...passa anche di qui, a mio modestissimo avviso. Senza dimenticare allo scopo le vecchie case cantoniere di proprietà della provincia che possono ben tornare utili allo scopo. Cosa che, stante le strutture storiche esistenti, secondo me, vale ben più, costa meno e rende di più, di una ciclabile mare-monti come prospettata da Ceriscioli e Feliciotti.
  • Odissea per una antitetanica

    471 - Lug 23, 2017 - 0:42 Vai al commento »
    Letto l'articolo, suggerirei a Ceriscioli, Presidente della Regione Marche nonché assessore alla sanità, di farsi, lui che può ed ha sicuramente precedenza in corsia senza fare fila, una bella copertura antitetanica con vaccino che dura 10 anni, che non si sa mai qualcuno che non ha niente da perdere e che gli si sono nel frattempo fracassati quelli a contatto degli slip, dovesse inforcare lui e tutti quanti come lui a Palazzo Raffaello. E non per incidente come per la povera signora in questione. Ma perchè le malefatte si pagano, tutti quanti, prima o poi. E me lo auguro anche possa succedere. Ma basta! che altro ancora devono farci, devono toglierci, per aspettarsi sulla loro pelle una nostra sentita quanto legittima reazione? e che mi denuncino pure per istigazione alla violenza, che li controdenuncio per ritardato o mancato soccorso da come si evince chiaramente dall'articolo, quando, come tutti sappiamo, l'antitetanica va fatta entro le 24 ore. Fosse poi la prima volta che accade nei nostri ospedali... Triste a chi tocca.
  • Applausi per la principessa di ghiaccio
    ma Turandot perde la strada d’Oriente
    (recensione e commenti del pubblico)

    472 - Lug 23, 2017 - 12:04 Vai al commento »
    Non ho visto l'Opera, non posso esprimere un mio personale giudizio. Ma dai commenti sopra, dalla recensione, dalle foto, mi pare ci troviamo dinanzi il solito problema, ovvero: questi registi, chiamiamoli moderni, messi di fronte ad un'opera d'arte in sè compiuta e firmata da grandi Maestri,hanno o no la consapevolezza della loro misura in proporzione quando si cimentano in interpretazioni del tutto soggettive rispetto quell'Opera che ha avuto il suo preciso travaglio artistico prima di venire in luce? La questione "chiave interpretativa" in cui tutto è lecito fare fino a manipolare, sembrerebbe del tutto scontata considerato che, dall'Espressionismo in poi, non è più l'oggetto artistico - un quadro piuttosto che una poesia , un libro o un libretto d'opera- il fulcro dell'arte, ma il soggetto, "l'artista" che si occupa di fare arte, al punto che , doverosamente, ci si chiede se la rappresentazione che ne fa sia più una sua messa in scena di quanto dovrebbe essere una messa in scena. Ecco il punto. Chi, ditemi chi, al di fuori della messa in scena di un'opera lirica, potrebbe altrettanto permettersi di , non so, spostare le virgole all'Infinito di Leopardi o aggiustare a piacimento i chiaroscuri di Caravaggio? Secondo me, deve ancora nascere quel temerario. E allora perchè nella lirica tutto è concesso e approvato dalle masse ? Perchè, a mio avviso, domina l'ignoranza in materia, e perchè i nostri sensi , oggi, cercano più che la verità, la suggestione. E veniamo quindi a Turandot. Quanti sanno, ad esempio, che quest'Opera rimase incompiuta per la morte di Giacomo Puccini e che, da prendere ad esempio di massima riflessione, la sua prima rappresentazione fu alla Scala nel 1926 sotto la direzione di Arturo Toscanini, non so se mi spiego, Arturo Toscanini, il quale arrestò la rappresentazione a metà del terzo atto, due battute dopo il verso «Dormi, oblia, Liù, poesia!» alla morte di Liù, dopo l'ultima pagina completata dall'autore, rivolgendosi al pubblico con queste parole: «Qui termina la rappresentazione perché a questo punto il Maestro è morto.» Le sere seguenti, l'opera fu messa in scena con il finale rivisto di Alfano, ma fu diretta da Ettore Panizza. Arturo Toscanini non diresse mai più l'opera. Ecco quanto. Questo è rispetto per un'Opera d'Arte - in sè perfetta e dunque non perfettibile in alcun modo e da nessun altri- e per il suo creatore . Dobbiamo semplicemente tornare ad essere seri. Tutto qua. O gli applausi , le lodi, degli intervistati al dopo Opera, sono inutili e vuoti come chi li esprime.
  • Sferisterio, un direttore musical-artistico
    da cercare in giro per il mondo

    473 - Lug 23, 2017 - 14:02 Vai al commento »
    Voglio proprio vedere chi, chi, accetterà di ricoprire il posto lasciato da Micheli dopo il suo populismo più becero e sfrenato in fatto lirico. Professionisti di grosso calibro no, non possono accettare una simile eredità.Leggendo i commenti sopra mi sia permesso, se non altro per riconoscenza al mio personale contributo, che è agli atti, e prima ancora della venuta del Messia, Micheli, di dire che è stato tutto una grande flop sotto la sua guida artistica, anche se i bilanci e il sindaco sorridono. Anche, perchè infatti, non è così, col contare le presenze, che si misura la qualità artistica di un teatro degno di fama come lo Sferisterio.
  • Profughi, l’accoglienza vale oro:
    bilancio da 20 milioni per il Gus
    “Ma i cittadini sono all’oscuro”

    474 - Lug 22, 2017 - 12:27 Vai al commento »
    Sarebbe meglio tacere in casi come questo. Meglio non commentare. Devo però chiedere ed esigere risposta pubblica dal barbuto presidente dell'Ente benefattore in questione a questa più che legittima domanda: quante tasse paga il GUS su un giro di 20 milioni di euro? A quanto ammonta il contributo fiscale del GUS per lo sfruttamento alla povertà dei disgraziati che arrivano in Italia e degli italiani più poveri ancora di quanti arrivano, costretti loro malgrado per vie traverse a finanziare questo immenso giro di denaro che gestite? No, perchè, visto che c'è differenza in Italia fra azienda ed azienda per l'Agenzia delle Entrate, quelle a regime che ti contano pure i peli in quel posto ed altre che i libri contabili, le tasse, i contributi, lo stare sul mercato, sono un optional, e dove c'è differenza fra povertà e povertà, quella nostrana e quella estera, vorrei soltanto sapere quanto paga di tasse il GUS per il suo fatturato milionario che manco Diego Della Valle. Il tutto, mentre i nostri vecchi sono assistiti a pagamento da badanti straniere che non vedono l'ora che i loro assistiti crepino, ché tanto di lavoro come quello ne trovano quanto ne vogliono, le nostre coppie, italiane intendo, preferiscono la convivenza al matrimonio in assenza di una stabilità economica e un'entrata sicura a fine mese e i figli non li fanno più perchè costa troppo crescerli dal nido in poi, i nostri disabili, le persone più fragili, quelle cioè colpite da una qualsiasi malattia o malasorte, sono in stato di abbandono da parte di uno Stato che non fa il suo dovere COSTITUZIONALE nei riguardi dei suoi cittadini tanto da costringerli a fare un nodo scorsoio ed appendersi a qualche ramo robusto, o nel migliore dei casi la questua nei social, oppure la raccolta fondi fatta di centesimi nei barattoli di vetro sopra i banconi dei bar, con aggiunta di umiliazione da parte loro oltre alla propria croce da portare , tutto, ancora , in attuale assenza di uno Stato ( democristiano come mai si è visto dal '48 in poi) che in compenso si lava la coscienza col privilegiare la povertà d'importazione a quella interna, tutta nostra. MA CHE RABBIA!!
  • Sms solidali, che figuraccia!

    475 - Lug 18, 2017 - 10:37 Vai al commento »
    A quanti ancora confidano nel termine democrazia, l'invito a leggere Carlo Galli, " Democrazia senza popolo" , Feltrinelli. Per il resto dei commenti basta un " mi piace" , mentre a Fabrizio Cambriani, indiscutibilmente persona con patrimonio d'ideali di sinistra, l'ennesimo encomio per il " J'accuse" nonostante la sua appartenenza politica; cosa non comune fra i sinistri , sopra tutti i piddini e renziani gasati con elio liquido ( per capirci: quello che manda in aria le mongolfiere; che se lo inspiri e poi parli fa cambiare il timbro della voce da assumere un suono simile a quello di Paperino) come il loro capopartito.
  • Ciclabile con i soldi degli sms solidali,
    reazioni a catena
    e interrogazione in Parlamento

    476 - Lug 13, 2017 - 11:50 Vai al commento »
    Premesso che , data l'attuale situazione, l'idea della pista ciclabile mare-monti è come La corazzata Potemkin per il rag. Fantocci- manco Fantozzi, Fantocci- e che una simile trovata possa venire in mente soltanto a chi vive nell'iperuranio - caro Presidente Ceriscioli e carissimi sindaci tutti della vallata del Fiastra e della Comunità Montana,se proprio volete essere utili ai vostri territori e alla nostra gente, perchè non sostenete allora quel progetto presentato da anni e da più parti ,ma sempre ignorato , per dare vita a quello che sì, a buon titolo, può dirsi volano di sviluppo e turismo e che consiste nel ripristino ideale dell'antica Via Lauretana, ovvero del percorso fatto a piedi dai pellegrini da Roma a Loreto e che nei secoli indietro univa il Lazio alle Marche passando per l'Umbria, e vedeva quindi interessati tutti quei comuni della vallata del Fiastra nonché gran parte di quelli terremotati? Naturalmente , oggi, da percorrere e visitare come luoghi d'arte e di storia non più da pellegrini a piedi o solo a piedi, ma con mezzi privati o pubblici.Importante resta il fatto che lungo l'antico percorso si sosterebbe nelle strutture ricettive esistenti dei comuni interessati; cosa a cui un tempo erano dediti gli ospedali dei pellegrini, i conventi, gli istituti religiosi. E hai detto niente! praticamente , nelle Marche, verrebbero coinvolti tanti fra i comuni più colpiti del cratere, mentre gli altri fuori itinerario potrebbero essere benissimo inclusi in un tour turistico più ampio. Questa è Provvidenza ed affonda nelle nostre radici storiche. Non cogliere questa opportunità unica nel post sisma è delittuoso quanto voler spendere il denaro degli sms solidali per realizzare la ciclovia in questione dall'indotto limitato agli appassionati della bici, e basta. Per di più, da quanto qui risulta, senza presentazione di un preciso piano di ritorno economico a fronte di un investimento milionario. Per chi non conoscesse: "Una descrizione del percorso e delle soste osservate dai pellegrini, si desume dalla letteratura itineraria. Guglielmo Molo, ad esempio, nel suo Viaggio spirituale per visitare la Santissima Casa di Loreto et i Santi Corpi de i gloriosi Apostoli Pietro e Paolo, pubblicato a Pavia nel 1613 così enumerava, in ordine di percorrenza inverso, i tratti intermedi e le tappe itinerarie del pellegrinaggio: «[...] da Loreto a Recanati, da Recanati a Macerata, da Macerata a Tolentino, da Tolentino a Valcimarra, da Valcimarra alla Polverina, dalla Polverina alla Muccia, dalla Muccia a Seravalle, da Seravalle a Verchiano, da Verchiano a Camara, da Camara al Passo, dal Passo a Spoleto, da Spoleto a Val Stretura, da Val Stretura a Terni, da Terni a Narni, da Narni a Otricoli, da Otricoli al Tevere et qui si imbarca per spazio di un miglio fino a Borghetto; da Borghetto a Civita Castellana, da Civita Castellana a Rignano, da Rignano a Castel Novo, da Castel Novo a Prima Porta, da Prima Porta a Roma»
  • Riapre l’area ex fiera:
    serie di eventi

    477 - Apr 8, 2017 - 1:20 Vai al commento »
    e daje CM, e su, e daje, e pubblica tutti i commenti degli utenti registrati come richiesto con tanto di documento personale, o sei ridicola. Il tuo commento è in attesa di moderazione, cari miei...ma non esiste! ma andate , letteralmente a ...capito dove, sì? Ciao cocchi.
    478 - Apr 8, 2017 - 1:00 Vai al commento »
    Orco mondo, sarò io dura di testa, ma vorrei tanto qualcuno mi spiegasse il senso, il perché, il significato, di aver salvato l'arco, e solo l'arco! Ma porco mondo porco: quell'all'arco, che ci sta a fare , a rappresentare che? ma per quale motivo al mondo, idioti, l'arco si è salvato e tutto il resto no? ma veramente, da menti mentecatte, per cui finiamola qui.
    479 - Apr 7, 2017 - 22:03 Vai al commento »
    E che sia, Signor Melappioni! ma ben venga un concorso di idee, però , rispetto a lei, toglierei di certo, il "di sicuro" che le giovani menti avrebbero idee migliori...no, no, noo, è proprio fuori strada: ma lei ha mai visto e sentito quanto sono ignoranti in senso pieno i nostri giovani? Ma lo sa o no? ma che concepirebbero di tanto altamente estetico? ma se non sanno neanche cos'è, l'estetica, come dubito lo sappia anche lei dai suoi magri interventi. Cordiali saluti.
    480 - Apr 7, 2017 - 16:17 Vai al commento »
    Sauro...bellissima risposta! da par tuo. Vedo che segui e sei attento...;) @ Melappioni. Si chiama Skyline, ma è pur sempre una questione di gusto. Di buono, cattivo, o assenza di gusto. Per non dire di cultura urbanistica. Non sarebbe stato meglio, dargli un senso proprio con una nuova realizzazione in vetro e ferro o vetro e acciao, una struttura leggera, trasparente, così da lasciare la stessa visuale ma al contempo ricreare uno spazio utile, comunicativo, istruttivo? Perchè no, allora, e ad esempio, un orto o giardino botanico a fare da trait d'union fra il centro cittadino e il litorale, una vera attrazione naturale da visitare e attraversare fino al mare ? " Un Palmengarten" de noantri. http://www.nuok.it/francfurt/palmengarten-safari-nella-giungla-a-francoforte/ Ah certo, certo, così si è fatto prima e ci si è tolto il pensiero. A distruggere si fa presto, ma le idee...quelle, o ce l'hai o non ce l'hai, come il coraggio di Don Abbondio, che se non ce l'hai non te lo puoi dare. Evvai così adesso, con massima enfasi, tutti invitati dal Comune a ciondolare sotto l'arco, a far niente, fra truccabimbi e pseudo-forme socializzanti, sotto un arco, che con tutto rispetto, non è quello di trionfo. Insomma: sotto sotto, è stato realizzato un altro centro commerciale, senza neanche centro. L'ennesimo " non luogo" creato dalle solite menti della politica nostrana e in pieno centro cittadino, un'altra bella occasione di rinascita perduta, mentre la Fiera, ormai andata, la sua funzione economico-sociale l'aveva e l'ha svolta per 60 anni. Chiuso il discorso, che non me ne pò fregà de meno ,a me, de quello che fanno a Citanò, come pure a Magerada. Si fa per parlare.
    481 - Apr 7, 2017 - 2:30 Vai al commento »
    Micucci, Sauro, mi dici tu che senso ha quest'arco con vista mare? Come se lo maro non se vedesse da ogni parte te giri, a Citanò. C'era proprio tutto 'sto bisogno o si poteva trovare una nuova funzionalità alla vecchia struttura , che arco a parte, aveva un suo perchè posta lì dov'era? Ah! Un'altra cosa a chi sa rispondere. E perchè, l'asilo lì vicino, costruito nei primi anni '90, e che da praticamente subito è stato dichiarato inagibile perchè pieno di muffe che risalivano dalle colonne, dalle pareti, da dare serie allergie ai bambini, quello, che fine ha fatto? E' ancora là? Così, per pura curiosità e confronto tra strutture e strutture, tra quelle dichiarate vetuste e quelle nuove di zecca.
    482 - Apr 7, 2017 - 1:22 Vai al commento »
    Mah...c'è chi si vanta per aver mantenuto l'arco a mò di monumento ,a chi, a che, non si sa, ma resto dell'avviso che è stato un pò come nel gettare via delle vecchie scarpe con la suola sfondata che non valeva la pena riparare, ci si sia tenuti per ricordo la tomaia. Ciò detto e fuor di ogni polemica dato il clima elettorale a Civitanova. So bene chi è stato il progettista negli anni '50 della vecchia fiera, e aggiungo anche, che lì ho lavorato ed ho anche tanti bei ricordi legati all'Ente Fiera. Però, tenere l'arco e sfasciare tutto il resto, per me, è stato da insipienti ,e tanto. Un vero peccato. C'era molto, ma molto più , da battagliare per mantenere l'intera struttura,per poi certo rinnovarla, darle altre funzioni, farci qualche altra cosa, forse, oppure no...ma abbatterla come fosse un moderno capannone industriale prefabbricato?? Non ci sono parole per tanta ignoranza di rito politico.
    483 - Apr 7, 2017 - 0:38 Vai al commento »
    Boh! Non si comprende un granché il senso di quest'arco rimasto lì senza altra struttura intorno. Come se, solo l'arco facente parte organica dell'insieme funzionale, fosse la parte preziosa e tutto il resto, che c'era, senza valore . Toccherà mettiate un cartello per spiegarne la presenza ai posteri.
  • Il ministro Martina a Macerata:
    “Renzi unica alternativa
    alla deriva populista”

    484 - Apr 6, 2017 - 13:39 Vai al commento »
    Non ho presente adesso se , tra i tanti partiti, sia stato costituito il PPI, Partito Populista Italiano, se sì, pronta a votarlo come unica risposta seria a questi personaggetti che , o hanno dimenticato le loro origini e provenienza ideale , o usano il termine populista in senso dispregiativo senza saperne bene la portata storica, di sinistra, e non di destra. Dal vocabolario Treccani: populismo s. m. [dall’ingl. populism (der. di populist: v. populista), per traduz. del russo narodničestvo]. – 1. Movimento culturale e politico sviluppatosi in Russia tra l’ultimo quarto del sec. 19° e gli inizî del sec. 20°; si proponeva di raggiungere, attraverso l’attività di propaganda e proselitismo svolta dagli intellettuali presso il popolo e con una diretta azione rivoluzionaria (culminata nel 1881 con l’uccisione dello zar Alessandro II), un miglioramento delle condizioni di vita delle classi diseredate, spec. dei contadini e dei servi della gleba, e la realizzazione di una specie di socialismo rurale basato sulla comunità rurale russa, in antitesi alla società industriale occidentale. 2. Per estens., atteggiamento ideologico che, sulla base di principî e programmi genericamente ispirati al socialismo, esalta in modo demagogico e velleitario il popolo come depositario di valori totalmente positivi. Con sign. più recente, e con riferimento al mondo latino-americano, in partic. all’Argentina del tempo di J. D. Perón (v. peronismo), forma di prassi politica, tipica di paesi in via di rapido sviluppo dall’economia agricola a quella industriale, caratterizzata da un rapporto diretto tra un capo carismatico e le masse popolari, con il consenso dei ceti borghesi e capitalistici che possono così più agevolmente controllare e far progredire i processi di industrializzazione. p.s. quanto al capo carismatico in fatto di populismo, chi, più del loro Matteo Renzi?
  • Sparo mortale, il carabiniere:
    “Il collega mi ha strattonato
    ed è partito il colpo”

    485 - Apr 5, 2017 - 22:46 Vai al commento »
    Ma di che ti devi giustificare, appuntato? CON TE COMUNQUE, eri a servizio, svolgevi il tuo lavoro, e mettevi anche a rischio la tua vita per tutti noi. Per tutti noi, contro chiunque delinquente. Ma 'na paralisi secca, a chi ti accusa di eccesso di legittima difesa! e facciamoce andà 'sti capisciotti che ti accusano a difendecce al posto tuo , poi vediamo, in quegli istanti, come si comportano quando la loro vita è in pericolo!...ahahahah me pare de vedello come se la danno a gambe, procuratori, avvocati, giudici, magistrati! Ma va là, hai fatto il tuo lavoro, dormi sereno e che ti lascino in pace i tribunali di questa misera italietta.
  • ‘Dovete andare via per far posto ai turisti’:
    tensione e rabbia tra i terremotati
    (VIDEO)

    486 - Apr 4, 2017 - 22:12 Vai al commento »
    Va bene che gli albergatori fanno gli albergatori e che, normalmente, vivano di turismo stagionale ma, finora, nel PERIODO MORTO del turismo balneare, vi ha fatto comodo o no albergare i terremotati del nostro/vostro entroterra a spese dello Stato, cioè di tutti? : si o no? E allora: VERGOGNATEVI ANCHE VOI INSIEME A QUESTO MALCONCIO GOVERNO DELLE TANTE CHIACCHIERE E DEI POCHI FATTI NEL TRATTARE COSI' DELLE PERSONE! VER-GO-GNA-TE-VI! Di più! E se vi va male la prossima stagione dopo che, d'inverno,grazie ai terremotati vi siete fatti i @azzi vostri , vi auguro di vero cuore non riusciate ad affrontare la stagione ,e possibilmente, a fallire.
  • Richiedenti asilo: progetto prorogato,
    68mila euro mensili al Gus

    487 - Apr 4, 2017 - 23:31 Vai al commento »
    e figurati se no, son voti al PD : hè! ma come recitava la vecchia pubblicità del Carosello alla China Martini..."dura minga, dura no" per cui, fatevela durare finchè la dura!
  • Fantauzzi e Macaluso: “Gettiamo la spugna
    per clima intimidatorio e ambiente ostile
    Sognavamo un nuovo Leicester a Macerata”

    488 - Mar 30, 2017 - 23:03 Vai al commento »
    Non ci capisco niente di sport e di calcio, ma leggendo leggendo le cronache sportive mi viene proprio da dire...ma che razza di mondo è quello del calcio? Ma quanti soldi ci girano e quali affari intorno? Solo questo.
  • Tommaso, l’ultimo dei romantici
    e l’attimo fuggente a Macerata

    489 - Mar 30, 2017 - 17:54 Vai al commento »
    Caro Tommaso, auguro vivamente a lei, soprattutto, si faccia viva: non sa che si perde in un ragazzo come te.
  • La “perla” di Piazza Battisti
    non bisogna lasciarla morire

    490 - Mar 27, 2017 - 15:47 Vai al commento »
    Iacobini, provo a chiarirmi meglio, ma andiamo per ordine. Premesso che non so a chi appartenga l'immobile cinquecentesco in questione, se pubblico o privato, penso però che per il solo fatto che abbia più di 600 anni sia comunque compreso fra i beni culturali e che dunque sia soggetto ai vincoli di legge in materia, così come recita l’articolo 20 del Codice dei beni culturali.“I beni culturali non possono essere distrutti, danneggiati o adibiti ad usi non compatibili con il loro carattere storico o artistico oppure tali da recare pregiudizio alla loro conservazione” , e l'articolo 30, “lo Stato, le regioni e gli altri enti pubblici territoriali nonché ogni altro ente ed istituto pubblico hanno l’obbligo di garantire la sicurezza e la conservazione dei beni culturali di loro appartenenza”. Ma non sono gli unici. Anche i privati proprietari, possessori o detentori di beni culturali, sono tenuti a garantire la conservazione del bene. Nel caso in cui il privato volesse avviare un intervento conservativo di sua iniziativa deve rivolgersi al soprintendente che valuterà se l’intervento è ammissibile o meno. Se la legge prevede per quell’intervento agevolazioni tributarie o concessioni informerà il privato. Il Ministero può anche imporre gli interventi necessari per assicurarne la conservazione. In questo caso funziona così: il soprintendente redige una relazione tecnica in cui dichiara la necessità degli interventi, la relazione viene inviata ai proprietari che hanno 30 giorni di tempo per presentare delle osservazioni. Il soprintendente dà un termine al proprietario per la presentazione del progetto e segna una data di inizio dei lavori. Ma cosa succede nel caso in cui il possessore del bene si rifiuti di fare gli interventi conservativi? Si procede con l’esecuzione diretta degli interventi e, in caso di particolare urgenza, il soprintendente può adottare immediatamente le misure conservative necessarie. Ciò detto, ecco perchè ho esordito dicendo che non comprendo il senso dell'appello rivolto da Liuti alla politica e al Sindaco, il quale ha l'obbligo di intervenire a seguito del parere espresso dai tecnici per la messa in sicurezza e la sua conservazione . Fin qui ci siamo? Se però sbaglio nel dire che quello sia un bene culturale da trattare come tale, mi corregga. Poi sono andata anche oltre, soffermandomi al periodo finale dell'articolo " Ma cerchiamo di non alzare le mani in segno di resa senza aver prima tentato di usare le armi della ragione e del fattivo confronto fra la “politica” (la buona politica, quella del bene comune) e l’apparente, cioè non vera, intoccabilità della “tecnica” , e questo perchè in primo luogo sembra superfluo un tale appello se l'immobile è un bene culturale e che quindi al di là del parere tecnico lo stabile non corre alcun rischio di scomparire per essere rimpiazzato da una più moderna palazzina come azzardato da Romano Compagnucci , e poi ancora per concentrarmi sulla differenza di concetto fra " Bene comune e " Senso comune". Ma questo è un altro discorso e merita un diverso sviluppo .Semmai ci tornerò sopra, se vuole.
    491 - Mar 26, 2017 - 14:24 Vai al commento »
    Scusate se insisto nel divagare dall'interesse principale che preme difendere ( la casa di Matteo Ricci comprese le botteghe sotto), ma senza voler dare lezioni a nessuno, che non basta una vita intera prenderne in qualche modo da tutti, ci provo: visto mai che anche il raglio dell'asino arrivi in cielo? Cosè, oggi, qual è l'attualità di questo tanto sbandierato e in bocca a tutti - da sinistra al Movimento 5 Stelle a destra- " bene comune" ? ha ancora senso parlare in termini di bene comune, o questo vecchio concetto di ambito filosofico-religioso come concepito da Tommaso d'Aquino nella Summa Theologiae scritta tra il 1265 e il 1274,è stato abbondantemente superato a partire dal secolo scorso con la nascita delle Scienze Umane e in particolare della Sociologia? Io penso di sì, perchè da Durkheim a Weber è stato introdotto un concetto più moderno : quello dell'agire sociale, della condivisione di senso nei fatti sociali. E allora, perchè parlare ancora di " beni " come se i valori fossero oggetti materiali e che in quanto tali possono anche non essere avvertiti da tutti come preziosi , ma piuttosto concentrarsi su tutto ciò che ha " un senso comune" , come l'acqua, per esempio, "bene comune" per eccellenza nel linguaggio politico (e anche referandario). L'acqua, come l'aria, l'ambiente, il patrimonio artistico,architettonico, storico, sono beni comuni, oppure hanno un senso comune che ne comprende il necessario rispetto perchè di ognuno e di tutti?
    492 - Mar 26, 2017 - 1:14 Vai al commento »
    Pur non capendo, come sempre da parte mia, il senso generale dell'articolo e qui , specialmente, dell'ultimo periodo " Ma cerchiamo di non alzare la mani in segno di resa senza aver prima tentato di usare le armi della ragione e del fattivo confronto fra la “politica” (la buona politica, quella del bene comune) e l’apparente, cioè non vera, intoccabilità della “tecnica” - ma questo sarà certo un mio limite, che non so proprio come si possa stare con un piede di là e uno di qua della riva , ovvero, come si possa dubitare dei tecnici che parrebbe qui vogliano far torto a qualcuno nel dichiarare pericoloso lo stabile in questione...mah...boh, chissà per quale oscuro motivo non tecnico, ma sottinteso, politico - sposo la causa di Liuti in difesa della casa natìa di Padre Matteo Ricci, non foss'altro perchè quella è una, la sua sola casa natale, a differenza , che so, delle tante locande sparse in tutt'italia e di cui sono piene le fosse tra storia e mito, dove si leggono targhe in cui " Qui soggiornò Giuseppe Garibaldi" . Però, mi perdoni dott. Liuti: ma ancora con questo " bene comune" ? ma è stantio, un mero luogo comune superato! Ma iniziamo a parlare piuttosto di " SENSO COMUNE", così imparando la lezione del pastore sardo Gaetano Piras come narrata la sua storia nel film del 1993 di Roberto Locci " Una casa sotto il cielo" dove alla fine della storia, il pastore Piras , con la massima semplicità afferma un principio che dovrebbe essere per tutti noi vangelo: "Tutti abbiamo la stessa casa sotto il cielo. Questa terra la sento mia, ma allo stesso tempo anche degli altri. Tutti ,ci sediamo allo stesso masso quando ci passiamo vicini. Tutti , andiamo alla stessa sorgente quando abbiamo sete. Tutti, d’estate, ci ripariamo all’ombra della stessa quercia. Insomma: abbiamo un senso comune delle cose. "
  • Costretto a cambiare casa
    perché vivere in corso della Repubblica
    è diventato un inferno

    493 - Mar 24, 2017 - 11:33 Vai al commento »
    Veramente ,sì, Franco, così dovrebbe essere, ma non è da prendersela con i giovani a cui - beati loro- " sollazzo e riso della novella età dolce famiglia" e gli studenti, che se gli metti in mano il giocattolo, di notte accendi i neon e trasformi tutto in un grande luna park, nel Paese della cuccagna e dei balocchi, chiaro, senza troppo generalizzare, che trasformi tutti in ciuchini, tanta è la tentazione da distogliere da altre attività meno dannose per sé e chiassose per gli altri. Ed è questo per me il punto della questione messo in luce dalla presente lettera di un residente in centro : non c'è niente di etico ma molto di etilico da parte dell'amministrazione aver acconsentito, senza alcuno sforzo, lo sviluppo di attività economiche a senso unico alla portata di ogni anche più giovane tasca e che ruotano pressoché tutte attorno ai piaceri della vita da renderla H24 movida a tutto campo, senza da parte sua opporre minime politiche di contrasto a un fenomeno che non era difficile prevedere avrebbe cannibalizzato ogni altra attività produttiva in centro storico. Tolte, infatti, le due/tre librerie che girano intorno all'università e al clima culturale che caratterizza le città universitarie, quale altra offerta irrinunciabile c'è in pieno centro per chi abbia una fascia d'età superiore , una diversa qualità e capacità di acquisto, quando anche nei più piccoli centri dei dintorni trovi di tutto e di più sotto casa? Era, una volta, il Centro di Macerata. Era, una volta, il Corso di Macerata. E non è che se Cambi cambi casa, o cambia, vista la "costrizione" a scappare dal centro, si risolva il problema.
    494 - Mar 24, 2017 - 3:29 Vai al commento »
    Da che tempo e tempo, gli universitari nel centro storico di Macerata ci son sempre stati, ma da quanto denuncia Carlo Cambi quanto sta accadendo ora, no, non si era mai verificato. Pertanto, tutto ciò è segno di un degrado più ampio e che va oltre il normale divertimento, oltre ogni eccesso e sollazzo che da sempre accompagnano la vita universitaria serale-notturna lontano dalla propria famiglia. E questo fatto dovrebbe far riflettere tutti quanti, in primis l'Amministrazione che del centro storico ha fatto il suo teatrino di rappresentazione con attività di rilancio e incentivo di un solo tipo- come ebbi a dire già qualche anno fa- esclusivamente godereccio, magnereccio, bevereccio. Ed ecco i risultati a breve distanza, appunto: eccoli. Ma se lo dici in anticipo, con la dovuta lucidità di analisi previsionale, sei l'anticristo, il solito contestatore polemico a cui non va mai bene niente...però, ecco qua stanata la volpe, carissimi amministratori, i soli, adesso ,cui spetta porre rimedio alla situazione da voi " inconsapevolmente" creata. Perchè ha più che mai ragione , Cambi,quando sostiene che non avete il senso delle priorità nel far vivere-rivivere un centro storico. PRIMA la residenzialità, col suo commercio e servizi, E in ultimo gli svaghi. L'esatto contrario cioè, di quanto avete fatto finora.
  • Brunetta nei luoghi del sisma:
    “Serve assicurazione
    obbligatoria sulla casa”

    495 - Mar 18, 2017 - 18:16 Vai al commento »
    Costantino Rita, vedremo se pagherà o meno ,quanto e quando. Fatto sta che le cose si sono svolte così, a dimostrazione che non è vero come alcuni hanno affermato con la dovuta insolenza di chi non sa, che ci sono compagnie assicurative che assicurano i disastri naturali. Il perchè della proposta di Brunetta l'ha ben spiegata il sindaco di Cingoli Saltamartini nel suo commento in calce, dove personalmente rilevo come importante il fatto che il rimborso delle assicurazioni fa sì che gli enti locali possano in questo modo sganciarsi dal patto di stabilità e il governo nazionale dai propri conti pubblici rispetto i parametri richiesti dalla UE. Ma c'è da lavorarci, sia chiaro, perchè possa venire ad esistenza una forma assicurativa tale da soddisfare tutte le tasche e tutti gli obiettivi. Ritengo in ogni caso che, poichè già siamo costretti a pagare la tassa allo Stato del canone RAI nella bolletta elettrica, pena distacco e sanzioni varie comprese quelle penali, se proprio devo avere un ennesimo prelievo forzoso da parte dello Stato, preferirei che questo fosse destinato ad un eventuale copertura asicurativa in caso di disastro.
    496 - Mar 18, 2017 - 11:14 Vai al commento »
    Piermattei, intanto contesto " l'avete" come se c'entrassi anch'io , per il costo dell'assicurazione pagata annualmente dal Comune di Ascoli è nei link che ho inserito nel post sopra, e in ultimo , per quanto riguarda il fatto che il sindaco di Ascoli abbia utilizzato soldi dei contribuenti per assicurare scuole, monumenti o quant'altro bene pubblico, devo farle la domanda: perchè, se invece non li avesse assicurati coi soldi dei contribuenti , da quali tasche, con quali soldi altrimenti si ricostruisce? Lei conosce un altro sistema?
    497 - Mar 18, 2017 - 10:52 Vai al commento »
    Signor Rita, preferisce quest'altro link? http://www.huffingtonpost.it/guido-castelli/ascoli-piceno-terremoto-_b_12116552.html o quest'altro http://www.intermediachannel.it/castelli-sindaco-di-ascoli-mi-sono-assicurato-contro-il-terremoto-avremo-5-milioni/ o ne scelga lei uno fra i tanti e recenti da cui non si legge smentita , come lei afferma, che il sindaco di Ascoli , Castelli, non abbia assicurato gli immobili di proprietà comunale nel 2009 dopo il sisma dell'Aquila, ma al contrario, si legge che grazie alla polizza assicurativa fatta allora, il Comune potrà riscuotere dai 5 agli 8 milioni di euro. E quello che ha fatto Castelli, è il senso esatto di quanto detto ieri da Brunetta : " come in tutti i paesi avanzati c'è bisogno di un'assicurazione obbligatoria per la casa in Italia. Un'assicurazione che metta insieme i soggetti privati, i governi locali e il governo nazionale" . Ma a parte Castelli e la sua assicurazione sul patrimonio pubblico. Dopo il primo terremoto di agosto 2016 vi posso garantire che l'assicurazione ,di cui non faccio nome, ha assicurato per danni da terremoto persone che conosco di questa zona, e che in seguito alla scossa di ottobre l'ingegnere dell'assicurazione è andato a verificare i danni subiti. Il seguito non so dirvelo ancora. E comunque-ripeto- da quanto riferito nell'articolo e nei termini in cui parla, Brunetta propone, si augura, che possa esservi ( anche in futuro) questa forma di assicurazione obbligatoria che coinvolga tutti i soggetti da lui citati. Pertanto, credo lei abbia tratto conclusioni sbagliate nel dire che l'ex Ministro non era aggiornato sulla questione. Saluti
    498 - Mar 18, 2017 - 1:13 Vai al commento »
    Cosa vuol dire avere un metro e mezzo di statura, ve lo rivelan gli occhi e le battute della gente, o la curiosità di una ragazza irriverente che si avvicina solo per un suo dubbio impertinente: vuole scoprir se è vero quanto si dice intorno ai nani, che siano i più forniti della virtù meno apparente, fra tutte le virtù la più indecente. Passano gli anni, i mesi, e se li conti anche i minuti, è triste trovarsi adulti senza essere cresciuti; la maldicenza insiste, batte la lingua sul tamburo fino a dire che un nano è una carogna di sicuro perché ha il cuore toppo, troppo vicino al buco del culo. Fu nelle notti insonni vegliate al lume del rancore che preparai gli esami. diventai procuratore per imboccar la strada che dalle panche d'una cattedrale porta alla sacrestia quindi alla cattedra d'un tribunale, giudice finalmente, arbitro in terra del bene e del male. E allora la mia statura non dispensò più buonumore a chi alla sbarra in piedi mi diceva Vostro Onore, e di affidarli al boia fu un piacere del tutto mio, prima di genuflettermi nell'ora dell'addio non conoscendo affatto la statura di Dio. Dwdicato tutto a Voi, A VOI, di " sinistra" che tanto amate Dé André....ahahahah RIDICOLI ASSAI , perché a TARGHE ALTERNE, tanto nei commenti idioti come quello di Piermattei, tanto nelle votazioni dei vostri "più nobili" alla Camera per salvare l'insalvabile Ministro Lotti!
    499 - Mar 18, 2017 - 0:38 Vai al commento »
    @ SIGNOR Roberto Piermattei e simili ignoranti da facebook, ovvero anche , signori anonimi. Ma perchè, prima di fiatare, non v'informate meglio quando avete come tutti quanti i motori di ricerca a disposizione ??? Forse perchè appartenete a quell'elettorato ipocrita di sinistra o altro opposto al Partito di Brunetta, che vi sentite in diritto di concedervi insulti gratuiti , secondo voi giusti e perdonati in quanto , per carità...non razzisti, voi, ma ricchi, abbondanti di stupidi pregiudizi verso un uomo basso di statura, tanto da permettervi appunto di sfotterlo a volontà? ma quanto fate pena a una mente anche mediocre come la mia? TANTO. Ma veniamo al merito. Che aprite bocca e date fiate, ecco l'esempio, senza oltre approfondire sulle assicurazioni casa terremoto. CERCATEVELE! Credo solo , a questo puntio, che le assicurazioni non riusciranno mai ad assicurare una sola cosa: dal rischio ignoranza e pregiudizio congenito, ma per il resto, tra eventi possibili e probabili, tutto quanto c'è nel mezzo, sì! E che vi basti questo come esempio: ignoranti al cubo! http://www.meteoweb.eu/2016/09/terremoto-il-comune-di-ascoli-e-assicurato-dal-2009-tutti-i-danni-li-paghera-lassicurazione/748931/
  • Sparo mortale, Morgoni:
    “E’ stata una tragedia,
    ma siamo col carabiniere”

    500 - Mar 17, 2017 - 1:04 Vai al commento »
    @ Aldo Iacobini. Scusa il ritardo della risposta, ma senza una vera tastiera ero persa e a scrivere da cellulare si vedono i risultati... provo, ora, a riscrivere in italiano ortodosso. Ma certo che qualsiasi reazione di chiunque con qualsiasi intenzione si introduca in casa d'altri non è lecita: e infatti l'ho virgolettato. Mancherebbe solo questa! Dicevo soltanto, che la sproporzione tra offesa e legittima difesa sussiste a priori - prima ancora dell'intervento di una procura, di un giudice etc. - per il fatto che, mentre il ladro, il malfattore in genere, nell'esercizio del suo mestiere è pronto a tutto - spesso e volentieri senza aver anche nulla da perdere- e considerato che anche il rischio è nel suo mestiere, o forse meglio dire, è il suo mestiere, le forze dell'ordine, cioè di pubblica sicurezza, invece, quelle , le sole, che dovrebbero avere tutti i mezzi - compresi quelli legali/giuridici- disponibili per fermarli, vengono impediti da questa norma ingiusta per loro e per noi cittadini tutti, in quanto , in pratica, per non venire prima inquisiti e poi processati postumamente nella ricostruzione delle circostanze di come si è colpito , carabinieri e polizia dovrebbero cadere morti a terra senza colpo ferire verso chi delinque per divenire eroi del nostro quotidiano, mentre i malfattori per qualsiasi loro reazione a caldo, bene o male la scampano , o prima o dopo il fatto, con la diminuizione di pena, se non con la scarcerazione. E' cronaca di tutti i giorni in tutt'Italia, che chi si difende come può, difende come può la propria vita, la propria famiglia, la propria casa, le proprie cose, va dritto in tribunale, e chi offende, se non viene fermato in qualche modo, se ne va libero e tranquillo a commettere nuovi reati . Ma è concepibile questo o va corretto il principio ? Allora: vogliamo far sì di lasciar perdere tutti( politici in primo piano compreso il Senatore Morgoni che qui interviene) con le chiacchiere di convenienza partitico-elettorali, e introdurre il concetto che ,non è tanto la difesa ad essere sempre legittima quanto " l'offesa ad essere sempre illegittima" senza grado, senza proporzioni, e di conseguenza mettere in mano alle nostre forze di sicurezza la possibilità effettiva, reale, immanente, di potersi difendere e poterci proteggere? Personalmente non sono a favore del possesso di armi in casa, ma di dare il 100% alle forze dell'ordine le capacità di cui sulla carta dovrebbero avere, sì! Il solo pensiero di averle accanto e poter anche usarle maldestramente in preda al panico non mi farebbe dormire sonni più tranquilli, fermo restando che un problema sicurezza c'è ed è crescente, sia in casa che per strada.
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy