Micozzi: “Magari avessimo potuto
candidare Pietro Marcolini
a sindaco di Macerata”

Il segretario del Pd maceratese è tra i tanti sostenitori dell'assessore al bilancio che ieri ha annunciato la sua scesa in campo per le regionali. La senatrice Camilla Fabbri disponibile solo se sul suo nome ci sarà una convergenza unitaria. Se invece si andrà alle primarie ''la candidatura più adeguata è quella di Luca Ceriscioli''
- caricamento letture
Paolo Micozzi, segretario del Pd di Macerata

Paolo Micozzi, segretario del Pd di Macerata

 

La notizia della candidatura a presidente della Regione di Pietro Marcolini (leggi l’articolo), assessore al Bilancio della Giunta uscente, è stata accolta positivamente da gran parte del centrosinistra maceratesie Tra questi c’è anche il segretario del Pd di Macerata Paolo Micozzi che interviene attraverso una nota stampa: “Ricordo che la scorsa estate dichiarai che in merito ad una del tutto ipotetica candidatura a sindaco di Macerata di Pietro Marcolini non ci sarebbe stato nulla da obiettare. Eravamo in tempi non sospetti e manifestai interesse per tale ipotesi anche se Pietro all’epoca era concentrato esclusivamente nel suo incarico di assessore regionale. Oggi a distanza di oltre cinque mesi non posso che esprimere soddisfazione per la disponibilità data per l’impegno regionale. Sia che si dovesse arrivare ad una candidatura unitaria sia che si dovesse scegliere il percorso delle primarie ritengo che la sua autorevolezza ed esperienza politica siano elementi essenziali per caratterizzare il profilo di un candidato governatore. Magari avessimo potuto candidarlo a sindaco di Macerata”, conclude Micozzi.

 

L'assessore regionale Pietro Marcolini

L’assessore regionale Pietro Marcolini

Intanto il Pd maceratese attende gli esiti regionali anche per stabilire la data delle primarie: se si terranno in Regione il giorno più probabile resta il 22 febbraio. Il segretario Micozzi ha convocato le forze politiche di maggioranza per una riunione che si terrà giovedì sera. A tal proposito interviene Sel Macerata: “Accogliamo positivamente l’apertura, avanzata da Paolo Micozzi, di un possibile percorso condiviso in vista delle prossime elezioni comunali.
È, ormai, giunta l’ora di confrontarsi sui contenuti, sulle idee e sulle proposte. Fuori dalle stanze dei partiti, non c’è molta gente interessata al futuro dei Carancini e dei Perfetti, dei Bianchini e delle Monteverde.
Diamo voce alle donne ed agli uomini della nostra città. Avanziamo le nostre proposte ed ascoltiamo le loro. Parliamo di Macerata. Parliamo della città che immaginiamo da qui a cinque, dieci anni. Il circolo di Macerata di Sinistra Ecologia Libertà sta lavorando in questa direzione. Nei prossimi giorni verrà lanciato un momento di confronto aperto e pubblico per parlare del nostro operato in questi anni e delle nostre proposte per il prossimo quinquennio”.

La sentarice Camilla Fabbri

La sentarice Camilla Fabbri

REGIONALI – Oggi la senatrice Camilla Fabbri ha confermato la sua disponibilità a candidarsi a governatore ”in un percorso che porti il Pd all’unità e alla responsabilità di una candidatura unitaria. Se invece si andrà alle primarie, il nome dell’ex sindaco di Pesaro Luca Ceriscioli è la figura più adatta e spendibile in questo nuovo percorso».
Pesanti critiche ad una parte della classe dirigente Dem per ”un percorso svilente agli occhi degli elettori”.
Immediata la risposta da parte del comitato per Pietro Marcolini presidente: «La notizia che il candidato alle primarie potrebbe non essere la senatrice Fabbri non cambia la nostra proposta di fare di  Marcolini il candidato di tutto il Partito Democratico. Noi restiamo perciò impegnati fino a giovedì in un confronto per giungere all’unica soluzione unitaria oggettivamente possibile, quella di Pietro Marcolini, figura autorevole e riconosciuta al di fuori delle contrapposizioni e delle polemiche interne. Il crescente consenso che sta riscuotendo la sua candidatura all’interno del Pd, fra tantissimi amministratori e fra i cittadini ci conforta sulla validità della proposta. Se questa soluzione non dovesse essere accolta siamo certi che le primarie saranno comunque svolte in un clima di confronto corretto su idee e progetti per le Marche del futuro. In quella fase continueremo a sostenere Pietro Marcolini perché, a prescindere dallo strumento con il quale sarà individuato il candidato, riteniamo che continuerà ad essere in ogni caso quello con maggiore affidabilità e capacità di governo e sul quale gli elettori del PD e non solo potranno ritrovarsi. Invitiamo perciò fin d’ora tutti coloro che vorranno sostenere la candidatura di Pietro Marcolini ad un incontro pubblico che si terrà sabato 24 gennaio alle ore 10 presso la Fiera della Pesca di Ancona».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X