facebook twitter rss

Primarie di centrodestra? «Perché no
Se non si dovesse trovare la sintesi…»

MACERATA 2020 - Riccardo Sacchi disegna il 'piano b' e assicura: «Il candidato sindaco non sarà imposto dall'alto, dovranno essere i 14 maceratesi seduti al tavolo a scegliere»
venerdì 8 Novembre 2019 - Ore 22:19 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
15 Condivisioni

Riccardo Sacchi

 

Candidato sindaco cercasi. Ma in che modo? Nel centrodestra c’è chi pensa anche al ‘piano b’: le primarie. A pensarlo è Riccardo Sacchi, capogruppo in Consiglio e coordinatore provinciale di Forza Italia. «Io credo che le forze politiche potranno trovare una sintesi – dice Sacchi –  ma se entro fine gennaio non dovessimo riuscirci, ritengo le primarie uno strumento valido anche per noi. Non sarebbe la prima volta per una coalizione di centrodestra, ci sono state per esempio a Foggia e Pescara».

La coalizione, a cinque mesi dalle elezioni, per la prima volta è unita e si riunisce ogni settimana. «Ci stiamo dividendo i punti programmatici, non si è mai parlato delle primarie e non abbiamo ancora affrontato il tema candidato sindaco». Ma chi lo sceglierà? La Lega di Arrigoni? «No il candidato non sarà imposto, dovrà uscire da questo tavolo, – risponde Riccardo Sacchi – Dalle 13-14 persone che vi sono sedute intorno, compresa la Lega (rappresentata dal consigliere Andrea Marchiori, ndr). Potrebbe essere uno dei ‘commensali’, se invece verrà proposto qualcuno da fuori dovrà essere un valore aggiunto per credibilità, preparazione e gradimento e dovrà essere digerito da tutti e gradito a tutti».

Il tavolo del centrodestra

Assieme a Maurizio Mosca nelle vesti di regista (leggi l’articolo), fanno parte del tavolo l’altro consiglierE di Città Viva Gabriele Mincio. Riccardo Sacchi e Gianluigi Bianchini (Forza Italia), Andrea Marchiori (Lega), Mattia Orioli (Cdu), Deborah Pantana (Idea Macerata), l’ex sindaco Anna Menghi, Francesca D’Alessandro e Simone Livi recentemente entrati in Fratelli d’Italia con il consigliere Paolo Renna e Fabio Pistarelli.

Di sicuro le primarie si faranno nel centrosinistra ed è stata già fissata la data: il 2 febbraio. Il Pd lunedì sera sottoporrà il regolamento alle altre forze politiche durante la riunione di maggioranza. Con l’assessore ai lavori pubblici Narciso Ricotta ormai lanciato, si attendono gli sfidanti: i nomi sono sempre quelli della vicesindaca Stefania Monteverde, del presidente del Consiglio comunale Luciano Pantanetti e di un eventuale secondo candidato nel Pd (il segretario cittadino Stefano Di Pietro o il giovane avvocato Andrea Perticarari). Si attende poi chi proporrà Massimiliano Bianchini che dialoga un po’ con tutti (compresa Italia Viva) e ha sondato diversi nomi nella società civile ma che alla fine potrebbe lanciare David Miliozzi, consigliere di Pensare Macerata. Ancora da capire cosa farà l’Udc.

(m .z.)

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X