facebook twitter rss

Arrigoni riunisce la Lega:
rosa di candidati per le Regionali,
tavolo delle trattative a Macerata

POLITICA - Summit a porte chiuse alla Domus San Giuliano, un centinaio i partecipanti: tra loro anche il presidente di Confindustria Gianluca Pesarini. Il piano dettato dal supercommissario: una serie di nomi papabili per il ruolo di governatore, la nomina di un coordinatore per il capoluogo e l'incontro con le forze di centrodestra in vista delle comunali
giovedì 12 Settembre 2019 - Ore 16:25 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
538 Condivisioni

Assemblea della Lega, ospite il presidente di Confindustria Gianluca Pesarini

 

di Alessandra Pierini (foto Fabio Falcioni)

La Lega si è riunita a porte chiuse ieri sera alla Domus San Giuliano a Macerata. Poco più di un centinaio i presenti tra amministratori, iscritti e simpatizzanti. Ospite il presidente di Confindustria Gianluca Pesarini.

L’intervento di Paolo Arrigoni

Una rosa di potenziali candidati alla presidenza della Regione, la nomina di un coordinatore cittadino e l’incontro con le forze di opposizione a Macerata. Questo il piano dettato dal senatore Paolo Arrigoni, responsabile della Lega Marche e commissario del partito nel capoluogo. «E’ mia intenzione – ha spiegato Arrigoni, raggiunto dopo l’assemblea – individuare un coordinatore cittadino su Macerata e il coordinatore provinciale entro qualche settimana. Assegneremo anche altri ruoli tipo di organizzativo. A breve, brevissimo, incontrerò i rappresentanti di forze politiche e delle civiche di centro destra. Nel frattempo battiamo in lungo e largo la regione».
Sulla sua candidatura alle regionali, di cui si è parlato con insistenza non commenta: «Stiamo lavorando ad una rosa di candidati. Ci confronteremo e sceglieremo al nostro interno per poi proporre un nome. Nel frattempo stiamo costituendo dei gruppi di lavoro per i vari settori di competenza della Regione, infrastruttura, sanità, energia, caccia e pesca, economia, sviluppo aziende, e uno per la ricostruzione. Saranno aperte anche a non leghisti. In questo modo potremo cominciare a formulare delle proposte».  Sulla visita del presidente  Giuseppe Conte che domani sarà a Castelsantangelo, Arrigoni è critico: «Aveva promesso di recarsi spesso nelle zone terremotate già nel Conte 1, poi le visite si sono fatte sempre più rade. Il conte due bis si mette con il Pd, artefice della legge 189. E’ assurdo. Anche l’opposizione in materia di terremoto sarà al centro della nostra attenzione».

Giuliano Pazzaglini e Barbara Cacciolari

Prima dell’intervento “a porte chiuse”  di Paolo Arrigoni, si sono avvicendati sul palco i parlamentari  Giorgia Latini, Giuliano Pazzaglini e Tullio Patassini: «Conquisteremo tutti gli appuntamenti da qui al 2023» ha dichiarato.Poi il consigliere regionale Sandro Zaffiri che ha focalizzato l’attenzione sul Piano Sanitari Regionale: «Sarà approvato entro fine legislatura, i consiglieri voteranno il nulla perchè il piano demanda tutto alle determine della Giunta, tutto sarà in mano all’assessore alla Sanità Ceriscioli».

Centrodestra, una poltrona per tre: la Lega punta forte sulle Regionali La “carta nascosta” è il factotum Arrigoni

A destra l’ex sindaco di Montecassiano Mario Capparucci

La stretta di mano tra Pesarini e Arrigoni

In platea il consigliere di Macerata Andrea Marchiori

Il consigliere di Montecassiano Claudio Carbonari

L’assessore di Civitanova Giuseppe Cognigni

La deputata Giorgia Latini

L’intervento di Tullio Patassini

Giuliano Pazzaglini

Luca Paolini

Sandro Zaffiri

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X