La Festa dell’Unità secondo Carancini:
«A Macerata grande lavoro di squadra,
credibilità conquistata con i fatti» (FOTO)

RADUNO PD - Il sindaco in piazza Battisti ha illustrato quanto fatto dall'Amministrazione. «Alle Casermette scuole entro l'anno e impegno piscine prima della fine del mandato». Con lui l'aspirante successore Narciso Ricotta
- caricamento letture
Festa_PD_FF-24-325x217

Romano Carancini

 

di Gabriele Censi (foto di Fabio Falcioni)

Il Pd di Macerata discute della sua città alla seconda giornata della festa dell’Unità, oggi pomeriggio in una piazza Battisti abbastanza piena di militanti, amministratori e cittadini (età media all’occhio abbastanza alta) con i protagonisti nella Giunta e nel Consiglio comunale del partito egemone fino ad oggi. Non manca l’omaggio, con un minuto di silenzio, a Piero Cesanelli, la notizia della scomparsa del patron di Musicultura arriva proprio mentre nel pomeriggio si avvia il dibattito guidato da Narciso Ricotta ed è il sindaco Romano Carancini a dare l’annuncio pubblico del lutto.

Festa_PD_FF-21-325x217

Narciso Ricotta

Ricotta, candidato sindaco in pectore, schiera tra i primi oratori le giovani donne del partito (Alessia Scoccianti, Paola Ottaviani e Ninfa Contigiani) che, con  il capogruppo Maurizio Del Gobbo espongono il lavoro del Consiglio e delle Commissioni. I venti di convergenza che provengono da Roma con la formazione del Governo giallorosso non cambiano i toni nei confronti del M5s, e Narciso l’asfaltatore, come di nuovo si è autodefinito con orgoglio l’assessore ai lavori pubblici, elogia la piazza vera contro quella virtuale di Rousseau: «Vi proponiamo dal vivo il rendiconto di dieci anni di amministrazione».

Festa_PD_FF-20-325x217Il proposito è ambizioso per due ore di convegno pubblico ma i democrat ci provano toccando tutti i temi. La parità di genere nella compagine consiliare (sei a sei) viene rivendicata con orgoglio da Del Gobbo che rimpiange Bruno Mandrelli: «Le sue dimissioni sono state una perdita importante per la sua esperienza e la sua cultura, in Consiglio ci siamo sempre confrontati senza essere supini alla Giunta, le perplessità su alcuni temi come ex ParkSi e Ztl sono state superate». 

Festa_PD_FF-12-325x217

Alessia Scoccianti

Alessia Scoccianti parla di Cultura: «In commissione le opposizioni non sono state molto interessate al tema» e intanto arriva un “pizzino” a Ricotta inviato dalla seconda fila occupata da Renato Pasqualetti che poi si dedica alle scatole delle borracce green da distribuire e passa nelle retrovie. Per la consigliera Paola Ottaviani  il vanto è il consumo “zero” del suolo  che poi diventa in corso di intervento “poco consumo” di suolo, quasi 40mila metri quadri restituiti ad area agricola e 49 mila metri cubi di volumi cancellati sono alcuni dei numeri enunciati dall’assessore Paola Casoni. Pochi accenni anche da Alferio Canesin su sport e protezione civile per lasciare maggiore spazio al protagonista Narciso Ricotta che si alza in piedi e lancia le slide con le foto della città color catrame: «I lavori di manutenzione non sono iniziati in questi mesi – dice l’aspirante sindaco – ma li facciamo dall’inizio dell’amministrazione, 30 km di strade e 50 di marciapiedi, 8 milioni investiti».

Festa_PD_FF-23-325x217

Alferio Canesin, Romano Carancini e Narciso Ricotta

La conclusione è per Romano Carancini che come sua indole non resta in quinta e ruba la scena a Ricotta partendo da un dato per smentire la nomea di “uomo solo al comando” e ingombro per il futuro: «In cinque anni abbiano fatto 62 riunioni di maggioranza, un grande lavoro di squadra e una credibilità conquistata con i fatti. Abbiamo una visione che non finisce qui». Poi inizia l’elenco delle opere e dei successi che somiglia al famoso opuscolo di rendiconto in preparazione commissionato per 40 mila euro di spesa tra gli strali delle opposizioni.

Festa_PD_FF-3-325x217Per la maggioranza extra Pd è presente il decano del Consiglio Ivano Tacconi che fa da controcanto sottovoce: «Questo ordine del giorno lo abbiamo presentato noi, i Salesiani è una mia proposta, pure l’ospedale». Ma nonostante lo sguardo a destra dell’Udc a livello più alto lui assicura di voler continuare con loro: «Stiamo discutendo, ma mi aspettavo un ringraziamento» dice a tu per tu. A proposito di ospedale Angelo Sciapichetti, anche lui tra le prime file bacchetta chi lo chiama “unico”. «E’ ospedale provinciale perché gli altri restano, seppur ridimensionati».

Carancini va avanti: ambiente, mobilità, sicurezza, Sferisterio, sport, rigenerazione, cultura, giovani («Sono loro l’università non il sindaco e il rettore»). Mentre le casse cominciano a gracchiare in preparazione del successivo concerto dei Route 77 (con Vando Scheggia e Pierfrancesco Castiglioni tra i protagonisti), Carancini  conclude con due annunci e una ammissione di colpa: «Sulle piscine abbiamo fallito ma entro l’anno avremo il campus scolastico delle Casermette e lì il nuovo impianto natatorio, l’impegno per le nuove piscine è entro la fine dell’amministrazione, siamo ambiziosi anche con il rischio di fallire». 

Festa_PD_FF-15-650x434

Il segretario cittadino Stefano Di Pietro e Sonia De Gaetano

Festa_PD_FF-9-650x434

L’intervento del capogruppo Maurizio Del Gobbo

 

Festa_PD_DiPietro_FF-17-650x434

Stefano Di Pietro con Paolo Manzi e Irene Manzi

Festa_PD_FF-14-650x434

L’intervento di Ninfa Contigiani

Festa_PD_FF-18-650x434

L’assessore Paola Casoni

 

Festa_PD_FF-11-650x434

Alessia Scoccianti e Paola Ottaviani

Festa_PD_FF-7-650x434

Tra il pubblico anche Adriano Ciaffi

 

Festa_PD_FF-19-650x434

 

Festa dell’Unità, Ceriscioli a Macerata Sboccia l’amore per i Cinque Stelle: «Umbria test per la solidità dell’alleanza»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X