L’altro Pd ha tre nomi per le primarie:
Perticarari junior, Perfetti e Di Pietro
Uno di loro può sfidare Ricotta

MACERATA 2020 - Pronta la rosa da presentare agli alleati e da confrontare con le candidature che saranno proposte da Massimiliano Bianchini. E qualcuno spera di coinvolgere Romano Mari, presidente dell'ordine dei medici
- caricamento letture
dipietro_perticarari_perfetti_wp_2-650x433

Da sinistra: Stefano Di Pietro, Andrea Perticarari e Nicola Perfetti

 

di Matteo Zallocco

Da domani il Pd maceratese celebra la Festa dell’unità ma in vista delle elezioni qualcuno all’interno del partito chiede la discontinuità dall’amministrazione Carancini. E così è pronta una rosa di tre nomi da presentare agli alleati in contrapposizione alla candidatura dell’assessore Narciso Ricotta che comunque sembra godere dell’appoggio della maggioranza del Pd, a partire dall’area Sciapichetti. La rosa è composta da un volto quasi nuovo (Nicola Perfetti, avvocato, che era già dato in pole alle primarie del 2015 prima della candidatura di Mandrelli), da una novità assoluta (Andrea Perticarari, avvocato appena 33enne e membro del direttivo, figlio dello storico esponente del Pri cittadino Renato Perticarari, anche lui da tempo nel Pd) e da un profilo istituzionale (il segretario cittadino Stefano Di Pietro, già assessore delle Giunte Meschini e in guerra aperta col sindaco Carancini). Nomi che saranno proposti all’Udc e alle civiche, in particolare Pensare Macerata, e che saranno poi confrontati con l’asso nelle manica annunciato da Massimiliano Bianchini, l’esponente della maggioranza che fino ad oggi ha manifestato la più forte volontà di discontinuità rispetto all’amministrazione uscente e ha criticato “il buonismo imperante nel Pd” (leggi l’intervista). Mentre la civica Città di Tutti, vicina a Carancini, sembrerebbe orientata in maggioranza ad appoggiare Ricotta.

mari-bianchini-ricotta

FOTO D’EPOCA – Massimiliano Bianchini (al centro) nel 2010 con l’allora presidente del Consiglio comunale Romano Mari e Narciso Ricotta, all’epoca capogruppo del Pd

Nei dem – almeno pubblicamente – sono più cauti ma sotto sotto c’è chi sta lavorando per voltare definitivamente pagina da Carancini. Ecco dunque la rosa dei tre nomi dell’altro Pd (che tanto altro non è vista la presenza del segretario cittadino) a cui se ne potrebbe aggiungere in un secondo momento un quarto, quello dell’ex presidente del Consiglio comunale Romano Mari, presidente dell’ordine provinciale dei medici, che però al momento non avrebbe dato la disponibilità. Nomi che saranno poi confrontati con quelli che metterà sul tavolo Bianchini che ha parlato in particolare di donne attive nel mondo dell’associazionismo. Gira da tempo la voce su Rosaria Del Balzo Ruiti, presidente della Croce Rossa e della Fondazione Carima, il cui nome però viene più indirizzato sulle possibili candidature per il Consiglio regionale. Nel Pd post Renzi le correnti continuano ad essere tante: a livello nazionale, regionale e anche cittadino. Da domani prove di unità con la festa: alle 21 all’hotel Claudiani i segretari Stefano Di Pietro del circolo di Macerata e Francesco Vitali del Pd provinciale introdurranno il “Confronto sulla politica regionale e su quella nazionale”: al tavolo Irene Manzi con il presidente della Regione Luca Ceriscioli, il segretario regionale Giovanni Gostoli e l’onorevole Mario Morgoni. Sabato alle 17,30 l’appuntamento è in piazza Battisti per “Uno sguardo sull’amministrazione comunale”: si confronteranno gli assessori Narciso Ricotta, Alferio Canesin e Paola Casoni, il capogruppo Maurizio Del Gobbo, le presidenti di Commissione Alessia Scoccianti e Paola Ottaviani, la presidente del Consiglio delle donne Ninfa Contigiani. Concluderà i lavori Romano Carancini, alla sua ultima Festa dell’Unità da sindaco. Questa, al momento, è l’unica certezza.

 

Il Pd sposa la causa ambientale: Festa dell’Unità green a Macerata

Macerata 2020, Perticarari: «Un solo candidato del Pd dopo aver fatto mea culpa»

Carancini e Di Pietro separati in casa «Il sindaco è un corpo estraneo al Pd, c’è dialogo solo grazie agli assessori»

Bianchini, Ri-Pensare Macerata: «No al buonismo imperante del Pd Ho l’identikit del candidato anti-Ricotta»

Asfaltatore? No, conciliatore Narciso Ricotta studia da sindaco: «Non prenderemo lezioni da Lecco»

Pantanetti: «Carancini ha lavorato molto Alle primarie non ci sarà solo il Pd Nuova sfida? Macerata vero capoluogo»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X