Centrosinistra: primarie a febbraio
Gli sfidanti di Ricotta si “scaldano”
Italia Viva forma il gruppo consiliare

MACERATA/MARCHE 2020 - La maggioranza ha deciso sui tempi. I nomi in ballo: Stefania Monteverde, Luciano Pantanetti e gli altri del Pd (Di Pietro e Perticarari). In assise due renziani sicuri: ad Orazi si aggiunge Enrico Marcolini, il terzo potrebbe essere Rocchi. Si attendono la Leopolda, l'Umbria e le prospettive di Corradini in Regione. Intanto dal centrodestra annunciano un secondo sondaggio per Palazzo Raffaello
- caricamento letture

 

narciso-ricotta

Narciso Ricotta attende i suoi sfidanti

 

di Matteo Zallocco

Primarie a febbraio. In attesa dei nomi che sfideranno Narciso Ricotta è uscito il mese. Ieri sera durante la riunione di maggioranza del centrosinistra si è deciso quando fare le primarie in vista delle elezioni amministrative che con ogni probabilità si terranno ad aprile. La maggior parte della coalizione sembra propendere per il turno unico (senza ballottaggio) ma in merito restano delle divisioni. 

Ma chi sfiderà l’assessore ai lavori pubblici Narciso Ricotta, già pronto con tanto di book fotografico? Tra i nomi in ballo c’è quello della vice sindaca Stefania Monteverde che dopo essersi candidata alle Europee con il partito di Pizzarotti (Italia in Comune) potrebbe riproporsi con Sinistra per Macerata. C’è poi il presidente del Consiglio comunale Luciano Pantanetti che potrebbe formare un’altra civica oltre alla caranciniana Città di tutti. Si attende in particolare la candidatura di Pensare Macerata annunciata da Massimiliano Bianchini che cercherà di coinvolgere anche i renziani di Italia Viva e l’area del Pd che sta cercando un nome più in discontinuità con l’amministrazione uscente rispetto a Ricotta. In tale direzione erano stati proposti il segretario cittadino Stefano Di Pietro e il giovane Andrea Perticarari. Ma attenzione anche all’ex rettore Unicam Flavio Corradini nel caso in cui non dovesse andare in porto (a causa dell’accordo Pd-5 Stelle) il progetto delle primarie regionali di centrosinistra per le quali è stata lanciata una petizione con oltre mille firme.

Enrico-Marcolini_foto-Lb

Enrico Marcolini, consigliere comunale eletto con la civica Città di Tutti

Si attende la Leopolda del prossimo fine settimana per capire la strategia che vorrà attuare Renzi nei prossimi appuntamenti elettorali. In provincia un centinaio di persone hanno aderito ad Italia Viva e qualcuno – tra cui lo stesso Corradini – dovrebbe ufficializzare l’ingresso nel nuovo partito dopo la Leopolda. Intanto a Macerata verrà formato il gruppo consiliare “Psi – Italia Viva con Renzi” durante la prossima assise in programma lunedì 21 ottobre: oltre a Ulderico Orazi (proveniente dal Pd) ne farà parte anche Enrico Marcolini della civica La Città di tutti. E i consiglieri renziani potrebbero essere tre con Renato Rocchi (anche lui eletto con il Pd) che deve ancora ufficializzare la decisione.

L’altro appuntamento da attendere è quello delle elezioni in Umbria della settimana successiva. Lì si capirà la reale consistenza dell’alleanza Pd – 5 Stelle che in città al momento presenta ostilità da ambo le parti. Si parlerà anche di questo domani durante l’assemblea comunale dei dem.

Intanto dopo il sondaggio pubblicato ieri in vista delle regionali che con ogni probabilità è stato commissionato da esponenti di centrosinistra, oggi ne viene annunciato un altro dal centrodestra secondo cui l’alleanza tra Pd e 5 Stelle non basterebbe per vincere le Regionali. Tutto da prendere con le pinze, seppur ci siano diverse indicazioni interessanti. A partire dalla netta bocciatura al governatore Ceriscioli. 

grafico-sondaggio

L’attuale scenario politico nelle Marche secondo il sondaggio Sigma uscito ieri

 

evid-gradimento-1-650x341

Nella classifica di gradimento del sondaggio Sigma ai primi posti tutti esponenti del centrosinistra…

 

Marche 2020, chi come presidente? Valeria Mancinelli regina del sondaggio Secondo Corradini, bocciato Ceriscioli

 

Narciso Ricotta sbarca sui social, scatti in stile kennediano “Candidato modello” ma non giallorosso

Italia Viva: summit a Macerata C’è Corradini e spunta Betty Torresi, la moglie del sindaco Carancini

La Festa dell’Unità secondo Carancini: «A Macerata grande lavoro di squadra, credibilità conquistata con i fatti» (FOTO)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X