Sigona: «Sto meglio, non ho più febbre
Malattia da non sottovalutare
Restare a casa è necessario»

MACERATA - Il dermatologo che ha contratto il Covid-19: «Tantissimi messaggi di vicinanza. Inizia la seconda settimana di isolamento. Mia figlia e mia moglie non hanno sintomi, viviamo separati»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
MacerataRinnova_FF-2-650x433

Marco Sigona

 

di Gianluca Ginella

«Sta andando bene, la sintomatologia si è attenuata, non ho febbre da quattro giorni. Ora inizia la seconda settimana di isolamento. E’ una malattia che non va sottovalutata, una patologia importante, e il fatto che se ne guarisca non deve far abbassare la guardia verso questa malattia che è drammatica soprattutto per le persone anziane». Il dermatologo Marco Sigona è stato uno dei primi ad essere contagiato dal Coronavirus in provincia. Il reparto dove lavora è rimasto chiuso fino a ieri, in via precauzionale.

Il medico, molto conosciuto a Macerata e in provincia, aveva scritto una lettera la scorsa settimana per raccontare la sua situazione e con molto coraggio aveva deciso di rivelare di aver contratto il Covid-19. Tantissimi sono stati i messaggi che gli sono arrivati: «Ho ricevuto dimostrazioni d’affetto arrivati da dovunque. Da chi mi ha scritto anche solo un messaggio su Whatsapp per dirmi che mi sta pensando, ad amici che mi chiamano tutti i giorni ed è una cosa che mi fa tanto piacere». Come previsto chi è contagiato deve rimanere in isolamento per 14 giorni, «che di solito è il tempo che è necessario per arrivare alla guarigione. Nei primi giorni prendevo Tachipirina, ora sto prendendo un antibiotico per copertura polmonare. Sono quattro giorni che non ho più febbre né affanno a respirare». In questi giorni il medico vive «una duplice situazione: da un lato quella di malato, dall’altro di chi sente continuamente parlare di questa malattia e capisci che ci sono persone che stanno molto peggio. In casa con la mia famiglia siamo divisi. Mia moglie e mia figlia, che stanno bene e non hanno sintomi, che stanno in mansarda e io che sto al piano sotto». Anche se il medico ora sta meglio sottolinea che «il fatto che sia una malattia da cui si guarisce non deve fare abbassare la guardia, la situazione non deve essere sottovalutata. Restare a casa è sicuramente necessario per evitare il contagio».

 

Lettera del dermatologo Sigona: «Sono positivo al Coronavirus, non dobbiamo avere paura»

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X