Comitato “Pro ospedali pubblici”,
Ciarapica incontra il presidente Ruggeri

SUMMIT a palazzo Sforza, il sindaco: «Gli impegni presi dal presidente Ceriscioli e dal Pd rimangono disattesi, mi preoccupa che la realizzazione del nosocomio unico possa drenare risorse economiche depotenziando quello di Civitanova»
- caricamento letture

 

Ciarapica-Ruggeri-e-Beatrice-Marinelli

Fabrizio Ciarapica, Carlo Ruggeri e Beatrice Marinelli

 

In mattinata il sindaco di Civitanova, Fabrizio Ciarapica, ha incontrato a Palazzo Sforza il presidente del comitato regionale “Pro ospedali pubblici”, Carlo Ruggeri. L’incontro che ha avuto un tratto informale ha la finalità di approfondire le posizioni del Comitato rispetto al Piano Socio Sanitario Regionale delle Marche, di cui si parla ormai dal 2014, e che con una serie di ‘stop and go’ verrà presentato lunedì 28 gennaio. «Del resto gli argomenti ‘salute’ e ‘salvaguardia dei diritti dei cittadini’ sono temi di primaria importanza – ha affermato il sindaco Ciarapica – e a questo punto non più derogabili, almeno non per la nostra area. Come sindaco della città più popolosa della Provincia di Macerata e soprattutto della riviera, è mia intenzione – ha continuato il sindaco – ascoltare tutte le opinioni per arrivare ad una sintesi che sia condivisa da tutti gli attori interessati unicamente per il rispetto e per la tutela della salute dei cittadini. Mi sono impegnato con il presidente Ruggeri di riascoltare su questo argomento anche altri colleghi della Provincia. Non faccio mistero – conclude Ciarapica – del fatto che gli impegni presi dal presidente Ceriscioli e dal Pd rimangono disattesi, e mi preoccupa che la realizzazione dell’Ospedale Unico provinciale possa drenare risorse economiche depotenziando, giorno dopo giorno, l’Ospedale Civile di Civitanova». Carlo Ruggeri, ha giudicato positivo l’incontro odierno ribadendo che «in base a notizie esternate dallo stesso presidente della Regione e dalla stampa, si sta delineando nettamente un quadro molto preoccupante della sanità prossima futura nelle Marche, basato su un Unico Ospedale per provincia, sulla chiusura degli ospedali attuali e sulla conferma della chiusura già avvenuta dei 13 ospedali della Regione. Le due parti si sono trovate d’accordo, oltre alla netta contrarietà sull’unico ospedale in provincia, sul fatto che non possa essere questa la sanità per le popolazioni marchigiane e quindi, non baricentrismo ma policentrismo ospedaliero, dove il fulcro con ramificazioni ‘filtro’ per acuti, siano solo gli ospedali attualmente esistenti».

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =